L’oceano Pacifico orientale inizia a raffreddarsi, iniziando una fredda fase ENSO! Aumenterà la stagione degli uragani e influenzerà l’inverno 2020/2021

Di Andrej Flis | Meteo globale | 10 maggio 2020

Il sistema meteorologico globale è costantemente in movimento. Cerca sempre di raggiungere un equilibrio globale, o equilibrio, che non potrà mai raggiungere. Uno di questi tentativi di equilibrio globale sta iniziando ad apparire nell’Oceano Pacifico tropicale orientale (ENSO), dove sta iniziando a comparire una tendenza al raffreddamento della superficie dell’oceano. Indica un cambio di regime nei prossimi mesi, poiché è probabile che un evento La Nina si svolgerà entro l’autunno 2020.

Abbiamo già pubblicato un’analisi globale degli oceani e un impatto sugli articoli circa un mese fa, delineando le 3 importanti aree oceaniche da tenere d’occhio. Un’area era la regione ENSO (El Niño Southern Oscillation) nell’Oceano Pacifico tropicale. Questa è probabilmente la zona oceanica più famosa al mondo, per quanto riguarda gli impatti meteorologici globali. Le fasi ENSO sono note per avere un impatto importante sul clima e sul clima quasi in tutto il mondo. L’immagine seguente mostra l’area dell’Oceano Pacifico, dove si trovano le regioni ENSO. Ci sono un totale di 4 regioni ENSO. La principale, che consideriamo per determinare/calcolare le fasi, è la regione ENSO 3.4, che copre sia la regione 3 che la 4, da cui il nome “ENSO 3.4”.

Che cos’è “ENSO”?

ENSO è l’abbreviazione di “El Niño Southern Oscillation”. Esistono molti modi per descriverlo, ma la versione migliore è probabilmente dalla pagina sul clima di NOAA:

“El Niño e La Niña sono le fasi calde e fredde di un modello climatico ricorrente attraverso il Pacifico tropicale – l’oscillazione meridionale di El Niño, o“ ENSO ”in breve.

Il modello può spostarsi avanti e indietro in modo irregolare ogni 2-7 anni e ogni fase provoca interruzioni prevedibili di temperatura, precipitazioni e venti.
Questi cambiamenti interrompono i movimenti d’aria su larga scala nei tropici, innescando una cascata di effetti collaterali globali.”

Per semplificare di nuovo, questa è una regione dell’oceano nel Pacifico tropicale, che alterna le fasi calde e fredde. Gli alisei tropicali (i venti orientali prevalenti che circondano la Terra vicino all’equatore) di solito iniziano o fermano una certa fase. Dipende dalla complessa interazione del sistema oceano-atmosfera.
Ogni fase ENSO ha un’influenza diversa sul clima tropicale e sulla circolazione e ha un impatto diverso sul tempo in tutto il mondo. Una fase specifica (caldo/freddo) si sviluppa di solito verso la fine dell’estate e l’autunno e può durare fino alla prossima estate, o anche fino a due anni! La fase ENSO calda si chiama El Nino e la fase fredda si chiama La Nina. La fase ENSO è determinata dalle anomalie di temperatura nella regione ENSO 3.4 nel Pacifico tropicale.

Di seguito abbiamo un esempio di ogni evento, la fase calda di El Nino nel 2015 e la fase fredda di La Nina nel 2011. La grafica mostra anomalie della temperatura della superficie del mare. Possiamo vedere acque più calde/fredde nel Pacifico tropicale nelle regioni ENSO. La soglia per ogni fase è di diversi mesi di un’anomalia sostenuta di almeno 0,5°C in positivo per El Nino o in negativo per La Nina, mediata nella regione ENSO 3.4.

Questa serie temporale dell’IRI mostra la storia dell’ENSO, con tutte le fasi positive e negative, che durano da pochi mesi a 2 anni (super eventi). Negli ultimi due anni, siamo stati i primi in una fase debole di El Nino, con gli ultimi mesi più simili a una fase neutrale calda.

Condizioni ENSO attuali e ultime previsioni:

L’ultima analisi rivela un’anomalia negativa che si sta sviluppando nelle regioni centrali ENSO. La seconda immagine mostra le acque più fredde nelle regioni ENSO, viste come una striscia di colori più luminosi, che si dirige verso ovest dal Sud America attraverso il Pacifico equatoriale. Da un lato, puoi vedere il caldo torrente del Golfo lungo la costa orientale del Nord America, che va dai Caraibi al Nord Atlantico.

Le serie temporali di analisi mostrano che la regione ENSO 3.4 (da cui calcoliamo le fasi), è stata principalmente nella fase neutrale-calda nelle ultime settimane, ma ora ha iniziato a raffreddarsi. Questa è un’indicazione precoce che il regime ai tropici sta per cambiare presto, poiché la fase ENSO di solito inizia quando ci avviciniamo all’estate.

Abbiamo anche prodotto un’analisi delle temperature del sottosuolo nelle regioni ENSO, osservando l’attività a poche centinaia di metri sotto la superficie. Abbiamo un confronto tra anomalie di aprile e previsioni per metà maggio. Ad aprile, possiamo vedere che le acque più calde erano ancora presenti vicino alla superficie nelle parti orientali. Ma un mese dopo, verso la metà di maggio, quelle acque più calde sono quasi scomparse e le acque più fredde e profonde stanno salendo verso la superficie. Questo è un forte indicatore che c’è molta più fredda della normale acqua sotto la superficie, pronta a salire e iniziare pienamente un evento La Nina.

Le previsioni attualmente tendono verso una fase negativa (a La Nina) mentre andiamo in estate e in autunno. La prima immagine sotto mostra la previsione del modello NASA GEOS-5 sull’anomalia della temperatura nella regione ENSO 3.4. Possiamo vedere che entro la fine dell’estate è già sotto -0,5°C, che è la soglia per La Nina se sostenuta. Raggiunge -1°C entro la fine dell’anno, il che renderebbe questo un evento moderato a La Nina.
La seconda immagine proviene dal sistema multimodello NMME, che mostra le previsioni di anomalia della temperatura della superficie del mare per la fine del 2020 (ottobre-novembre-dicembre), rivelando un evento ENSO (La Nina) completamente sviluppato.

Impatto globale La Nina:

Ogni fase ENSO ha un impatto diverso sui modelli meteorologici globali e sul posizionamento del flusso del getto. Le immagini sottostanti di NOAA descrivono perfettamente la principale differenza di posizione del flusso del getto in ogni fase e i principali impatti durante l’inverno e l’estate. Naturalmente, le fasi ENSO hanno implicazioni globali oltre a quelle mostrate nella grafica.

Una fase negativa, La Nina, è di solito associata a una maggiore attività degli uragani nell’Atlantico, aumentando il rischio di sbarchi e danni attraverso le numerose isole delle regioni tropicali e anche per le coste degli Stati Uniti. Un evento a La Nina ha un impatto specifico sui modelli di pressione e sulla circolazione tropicale, fornendo condizioni favorevoli ai sistemi tropicali per accendersi mentre si muovono attraverso l’Atlantico tropicale.
Il primo grafico in basso mostra l’andamento della temperatura della superficie del mare tropicale durante gli anni degli uragani ad alta potenza. Possiamo vedere che mostra temperature negative nella regione ENSO, indicando a La Nina, come la fase ENSO più favorevole. Mostra anche temperature più calde nell’Atlantico tropicale e nel Golfo del Messico. Il secondo grafico è la previsione multi-modello, che mostra esattamente la stessa immagine per la stagione degli uragani 2020. Se questa previsione dovesse materializzarsi, susciterebbe reali preoccupazioni per la stagione degli uragani, poiché potrebbe essere di nuovo più forte.

Il problema con La Nina è che fornisce condizioni favorevoli per la stagione degli uragani nell’Atlantico, riducendo il taglio del vento, permettendo alle tempeste tropicali di organizzarsi e fornendo acque più calde per abbastanza carburante. Questa è una combinazione pericolosa. Queste condizioni non sono causate direttamente dalle temperature ENSO più fredde, ma a causa dello stato di circolazione globale che ha contribuito a sviluppare una La Nina in primo luogo. Quindi possiamo anche considerare i cicli ENSO come un “indicatore” per lo stato della circolazione tropicale (e quindi globale).

Poiché un evento La Nina di solito può durare nel prossimo anno, ha anche un impatto importante sul clima invernale. Di seguito un’immagine che mostra l’andamento della pressione media durante gli inverni de La Nina da deboli a moderati. La firma classica di La Nina è il forte sistema ad alta pressione nel Nord Pacifico. Possiamo anche vedere una maggiore pressione sulle regioni polari. Ciò è effettivamente favorevole per le condizioni invernali, poiché significa una pressione più bassa alle medie latitudini e il trasporto di aria fredda in Europa, come si vede nella seconda immagine, che mostra anomalie della temperatura. Possiamo anche vedere l’aria più fredda dell’Alaska, del Canada occidentale e degli Stati Uniti settentrionali. Ma dobbiamo aggiungere che durante l’inverno c’è molto di più sul lavoro oltre alla fase ENSO. Abbiamo la circolazione meteorologica generale e la dinamica stratosferica del Vortice polare (che è stato molto forte quest’anno), eventi stratosferici di riscaldamento, ecc … La fase ENSO è una parte importante dell’intero quadro, come dimostrato ancora una volta, ma attenzione è consigliato con previsioni, in quanto il tempo è un sistema molto delicato e complesso, a seconda di molti fattori diversi.

Vi terremo aggiornati sull’ulteriore sviluppo di questa imminente fase ENSO fredda e sulla risposta meteorologica globale, quindi rimanete sintonizzati per ulteriori aggiornamenti.

Fonte: severe-weather

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: