I nuovi signori del carbonio circolare: ArcelorMittal, finanziamento completo dell’UE del progetto Steelanol


18 maggio 2020 | Jim Lane

A Bruxelles, la Banca europea per gli investimenti, con il sostegno della Commissione europea, ha concesso un prestito di 75 milioni di EUR (quasi $ 82 milioni di USD) ad ArcelorMittal per Steelanol, l’impianto di dimostrazione su scala industriale da 165 milioni di EUR ($ 180 milioni di USD) basato su Il processo di LanzaTech, che cattura i gas di scarico dall’altoforno e li converte biologicamente in etanolo da carbonio riciclato.

Resta da chiedersi se Taranto beneficerà di qualcosa in termini di soldi o di tecnologia per la riconversione.

LanzaTech, ArcelorMittal, Primetals ed E4tech sono partner di progetto di lunga data e ne abbiamo scritto l’ultima volta qui e qui. Alla fine, il progetto creerà più prodotti nella famiglia Carbalyst di prodotti chimici di carbonio riciclati di ArcelorMittal e potrebbe includere il carburante per jet. Ancora di più sulla collaborazione di ArcelorMittal con LanzaTech e Primetals è qui.

La produzione di acciaio al carbonio circolare consente di utilizzare il carbonio “di scarto” per la produzione di acciaio a basse emissioni. La pratica utilizza fonti di carbonio che verrebbero altrimenti inviate in discarica, bruciate o emesse nell’aria. Esempi includono gas di altoforno, biomassa di scarto e legno di scarto che non ha altro uso. Queste fonti di carbonio possono essere trasformate in altri prodotti o utilizzate come alternativa al coke.

Una volta completato, l’impianto dovrebbe produrre fino a 80 milioni di litri di etanolo di carbonio riciclato all’anno. La nuova installazione creerà fino a 500 posti di lavoro nei prossimi due anni e da 20 a 30 nuovi cantieri diretti permanenti. il lockdown COVID-19 è stata revocato, la costruzione è di nuovo in corso e il progetto dovrebbe essere completato entro 18 mesi.

Il retroscena del finanziamento

Il prestito BEI copre due progetti, l’elemento Steelanol e Torero, un impianto dimostrativo su larga scala da 50 milioni di euro per convertire il legno di scarto in bio carbone, sostituendo parzialmente il carbone attualmente iniettato nell’altoforno. Nella fase iniziale, l’impianto di Torero sarà in grado di convertire fino a 60.000 tonnellate di rifiuti di legno in circa 40.000 tonnellate di carbone biologico ogni anno. Questo volume sarà raddoppiato in una seconda fase del progetto, dopo l’avvio del primo reattore Torero. Torr-Coal, Renewi, Joanneum Research Center, Università di Graz e Chalmers Technical University sono partner e quella parte dovrebbe essere operativa entro la fine del 2022.

Complessivamente, i due progetti ammontano a 215 milioni di euro e nella prima fase ridurranno fino a 350.000 tonnellate di emissioni di CO2 all’anno. Ciò equivale a 250.000 veicoli passeggeri guidati per un anno.

Gli investimenti della BEI sostenuti da InnovFin Energy Demonstration Projects e finanziati nell’ambito di Orizzonte 2020 e del programma di finanziamento NER 300 della Commissione europea.

Il progetto Steelanol, una volta completato.

Il retroscena di InnovFin e BEI

InnovFin Energy Demonstration Projects è uno strumento di finanziamento di venture capital progettato per supportare la dimostrazione di progetti innovativi di energia pulita. Dato l’elevato rischio, questi prestiti BEI sono garantiti dalla Commissione europea in caso di inadempienza. InnovFin EDP è finanziato dai fondi Horizon 2020 e NER 300.

La Banca europea per gli investimenti rende disponibili prestiti a lungo termine a sostegno degli obiettivi politici dell’UE.

La costruzione del progetto Steelanol è ben avviata e dovrebbe concludersi nel 2021.

Una nota su Steelanol

Adoriamo semplicemente il nome Steelanol – un portmanteau di “acciaio” ed “etanolo”. Di solito, le persone duplicano le fonti rinnovabili con nomi chimici complessi, del tipo emossimossimetialidocius. In un mondo di Pink e Beyoncé, le energie rinnovabili sono Englebert Humperdincks.

Le persone vere dicono “aceto”, non “acido acetico”, “benzina” non “riformato cataliticamente”, noi diciamo “solare” non “processo di generazione di corrente eliofotonica (HCGP)”, e diciamo “idro” non “trasporto cinetico dell’idrossido di ossigeno” tecnologia di stripper elettronico (OHKTEST).”

Steelanol è diretto e fa riferimento come punto di partenza qualcosa che sappiamo di cui abbiamo bisogno – in questo caso, l’acciaio – e posizionando il combustibile come utente di residui fastidiosi che la produzione di acciaio crea.

Quale prossimo? Milkane, per il metano catturato dai digestori anaerobici nei caseifici. Friesel, per diesel rinnovabile a base di olio di patate fritte usato. Barnosene, carburante per jet ricavato dai residui della segheria per l’edilizia. Lawnogen, combustibile a idrogeno prodotto dallo scolo urbano di scissione dell’acqua.

La storia del Carbonio Circolare

Ci sono anelli di carbonio e c’è carbonio circolare, che suonano allo stesso modo ma sono diversi. Consentitemi di chiarire, dal materiale ricevuto a Digestville dai sostenitori di ciascuno.

Il tuo carbonio può essere in un anello ma non circolare, oppure può non essere un anello ma comunque circolare, e puoi usare il carbonio circolare e trasformarlo in un anello. L’argomento per l’uso del carbonio circolare non è circolare, ma è un ciclo e puoi usare il carbonio circolare per guidare una ruota invece di usare il carbonio non circolare. Se lubrificerai i tuoi anelli con anelli di carbonio, migliorerai il tuo ciclo e se lubrificerai con carbonio circolare, migliorerai il tuo ciclo di vita.

Quindi, l’abbiamo chiarito.

The Circular Carbon Story

Nel vecchio stile del petrolio, le aziende estraggono il carbonio vergine dalla terra e lo trasformano in rifiuti quando viene rilasciato come skyfill.

Nel nuovo mondo della biotecnologia industriale, le aziende estraggono il carbonio di scarto poco prima che venga rilasciato come skyfill e lo trasformano in carbonio vergine utilizzato in carburanti e prodotti chimici. Lo spreco di un uomo diventa il budino di un altro uomo, per così dire.

La buona notizia è questa: quando prendiamo il carbonio di scarto per produrre carbonio vergine, spostiamo quella quantità equivalente di petrolio, per sempre. Il petrolio che avremmo estratto per quel combustibile o quella sostanza chimica, rimane nel terreno.

E se usiamo l’etanolo per produrre una sostanza chimica, diciamo l’etilene, abbiamo creato un blocco fisico per Glad Wrap, ovvero estrazione della gomma, plastica, refrigeranti. Anche per le persone religiosamente inclini, ci sono applicazioni, perché puoi cambiare l’acqua in vino aggiungendo Glad Wrap – chimicamente parlando non stiamo scherzando, anche se non è qualcosa che puoi realizzare lavorando su un lavandino a casa, motivo per cui puoi mettere un film di plastica su un bicchiere d’acqua e un ragazzino di 14 anni può ancora bere il contenuto. [Io personalmente non lo farei.. ndr]

Lo chiamiamo carbonio circolare perché il carbonio viene catturato e inviato per un altro viaggio intorno al tavolo da flipper, segnando punti doppi per così dire, al contrario del carbonio in un petrolio, che scende sempre nello scarico del flipper. Quindi, pensa al processo Steelanol come a un set altamente automatizzato di pinne da non perdere, e a quello che stai accumulando come un Carbon Score impressionante a causa della tua raccolta di Skill Shots. Sei diventato un maestro del Pinball Carbon, un gioco bonus è tuo – enjoy.

Reazione delle parti interessate

I partner del progetto sono lieti e contenti, come ci si potrebbe aspettare.

Il vicepresidente della BEI Ambroise Fayolle ha dichiarato: “Anche negli attuali tempi difficili, l’Europa mantiene i suoi ambiziosi obiettivi climatici e la BEI, la banca climatica dell’UE, si impegna a continuare a essere un partner chiave. In particolare nell’industria siderurgica, significa trovare nuovi modi per alimentare macchine e processi essenziali per ridurre le emissioni di carbonio. Grazie a una forte collaborazione con la Commissione europea, la BEI è molto lieta di sostenere i progetti Steelanol e Torero nei loro sforzi per lavorare su processi più rispettosi del clima e competitivi.”

Mariya Gabriel, commissario europeo per l’innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e la gioventù, ha dichiarato: “Questo prestito sostenuto dall’UE ci consentirà di dimostrare che gli impianti siderurgici europei possono essere competitivi riducendo le emissioni di carbonio e aiutandoci a raggiungere i nostri obiettivi climatici. Dobbiamo essere i primi e migliorare la nostra competitività: le nostre industrie siderurgiche supportano oltre 300,00 posti di lavoro in tutta l’UE.

Inoltre, se investiamo nella ricerca, nell’istruzione e nell’innovazione europee, possiamo dimostrare la leadership globale in grado di garantire e rafforzare questi settori e le persone e le comunità che sostengono per le generazioni future.”

Geert Van Poelvoorde, CEO di ArcelorMittal Europe – Flat Products, ha dichiarato: “Finora abbiamo impegnato oltre 250 milioni di euro nello sviluppo e nel collaudo di tecnologie che contribuiranno a rendere la produzione di acciaio neutrale rispetto al carbonio, sfruttando le nostre strutture di ricerca e sviluppo in tutto il mondo. Questi due progetti sono le nostre prime implementazioni su larga scala di nuove soluzioni innovative, come parte del nostro impegno per ridurre le emissioni di carbonio e trasformare la produzione di acciaio. Con il sostegno della BEI e della Commissione europea, possiamo potenziare le tecnologie e passare dall’acciaio alla neutralità del carbonio, e quindi svolgere un ruolo significativo nell’aiutare l’Europa a raggiungere le sue ambizioni ecologiche.”

Clara De La Torre, vicedirettore generale della DG Clima, ha aggiunto: “la trasformazione industriale ed energetica è vitale per la nostra economia e fa parte di come il sindacato intende portare avanti l’accordo verde. È un’ottima opportunità, molto importante per abbattere i gas serra della produzione di acciaio, e la tecnologia è molto dirompente.”

Jennifer Holmgren, CEO di LanzaTech, ha dichiarato: “La Commissione europea e la BEI continuano a svolgere un ruolo chiave nel consentire una nuova economia del carbonio per l’Europa sostenendo progetti innovativi. I prodotti chimici e i combustibili liquidi, specialmente nel settore dell’aviazione, hanno ancora bisogno di una fonte di carbonio, mentre la produzione di energia può e deve essere completamente decarbonizzata. Il riciclo del carbonio ci offre la possibilità di scegliere da dove proviene il carbonio nei nostri prodotti: fossili freschi o emissioni di carbonio riutilizzate. La nostra rivoluzionaria partnership con ArcelorMittal evidenzia la loro continua leadership nel contribuire a creare un’economia a basse emissioni di carbonio in Europa.”

Carl de Maré, vicepresidente responsabile della strategia tecnologica presso il gruppo ArcelorMittal, ha osservato che è stato “un lungo viaggio per far capire questo aspetto con il finanziamento, e siamo davvero felici, muovendoci ora per quanto riguarda l’implementazione. Questo sta attingendo ai flussi di rifiuti, sia per Torero che per Steelanol, a Torero ci concentriamo su ciò che è costituito da rifiuti di legno di classe B e C, legno problematico, da demolizione, spesso dipinto o rivestito, che in genere deve essere incenerito.”

Maggiori informazioni sulla storia.

Biofueldigest

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: