Meditazioni sull’odio

Pubblicato da Andrew Joyce • May 18, 2020

“La natura sembra fatta di antipatie: senza qualcosa da odiare, dovremmo perdere la primavera stessa del pensiero e dell’azione. … L’odio da solo è immortale.”
William Hazlitt, 1826

Nessun sentimento umano è stato più diffamato, calunniato, abusato e sottratto alla cultura contemporanea dell’odio umile e dignitoso. Guerre sono state dichiarate contro di esso. La legislazione cerca ovunque di strangolarlo. È stato presentato come la fonte di tutti i mali e come il grande nemico del nostro tempo. Questa emozione primordiale è il figliastro dai capelli rossi del nostro spettro psicologico contemporaneo e l’esilio del nostro linguaggio politico, sempre presente ma coperto da imbarazzo, vergogna o sotterfugio. Intere categorie di delitti e discorsi sono stati segregati sotto la rubrica dell’odio e messi da parte per punizioni particolarmente dure. I “fatti di odio” sono realtà provabili presumibilmente contaminate dall’odio, e rappresentano quindi aspetti dell’esistenza materiale ritenuti così terribili da essere negati nonostante la loro evidente verità.

Sembra che l’odio non riesca proprio a prendersi una pausa. Pochi sono disposti a parlare a suo nome, anche tra quelli classificati principalmente come “nemici”. Questi ultimi sono propensi a protestare per non udire che non odiano nessuno ma semplicemente amano il loro stesso genere. Tutto questo rifiuto e disconoscimento si verifica nonostante il fatto che l’odio sia cruciale per l’esistenza umana, se non di più, come l’amore. È onnipresente. Senza odio, non hai storia e letteratura, passione e capacità d’azione. La trama dell’Iliade ruota essenzialmente attorno all’attesa che Achille raggiunga uno stato di odio ottimale che poi si trasforma in estasi marziale e vittoria finale. Immagina che Amleto possieda semplicemente una mediocre antipatia per suo zio Claudio. Senza la detestazione di Achab della balena non c’è Moby Dick. Anche se fosse vero che l’amore fa girare il mondo, sembrerebbe che l’odio ingrassa l’asse. È tempo di un’esplorazione da parte di un odiato giustificato.

La genealogia della morale postmoderna

L’origine della guerra contemporanea all’odio è degna di considerazione. La religione, contro Nietzsche, non offre una spiegazione completa. Prendi la Bibbia, per esempio, che per la maggior parte non offre alcuna ingiunzione contro l’inimicizia, avversione intensa o vendetta, tranne nei casi di silenzioso risentimento nelle relazioni fraterne, coetniche o comuni (Lev. 19:17, 1 Giovanni 3: 15). Si dice che il dio ebraico sia un odio della menzogna (Sal 119: 163) e il salmista professa di odiare i suoi nemici (Sal.139: 22) con un “odio perfetto”. Ecclesiaste (Ecc. 3: 8) menziona, senza giudizio o ulteriore commento, che esiste “un tempo per amare e un tempo per odiare; un tempo di guerra e un tempo di pace.” L’intera storia del popolo ebraico può essere letta come un odio piuttosto spudorato verso il resto dell’umanità. L’unica eccezione nella Bibbia si trova all’interno della sezione “Ama il tuo nemico” del discorso della montagna (Matteo 5:44) che, dato che molto probabilmente è stata scritta mentre erano in corso le persecuzioni sotto Nerone, è stata probabilmente inserita in entrambi per promuovere la resistenza non violenta e rappresentare un’ulteriore negazione del fatto che i cristiani rappresentavano un pericolo per l’autorità romana (insieme a “rendere sotto Cesare” ecc., anche in Matteo). Si trova a disagio con gran parte del resto delle scritture ebraiche e cristiane, il che rende la critica di Nietzsche sull’insieme di queste religioni come esemplari moralità schiave uniche, basate quasi interamente su amplificazioni dei concetti di amare il nemico e “porgere l’altra guancia,” sembra piuttosto tendenzioso.[1]

L’opposizione all’odio e l’essere gentili con i nemici possono essere facilmente trovati tra gli antichi stoici e i buddisti. Per Nietzsche, sebbene si concentrasse in modo schiacciante sull’ebraismo e sul cristianesimo, queste erano tutte posizioni di negazione della vita, debolezza e disonestà. Certamente queste risposte erano più deboli del semplice odiare il tuo nemico. Per gli stoici, l’obiettivo era la felicità individuale, e il risentimento e l’intensa avversione erano visti semplicemente come pesanti barriere a quell’obiettivo: meglio sbarazzarsi del nemico, sì, ma anche liberarsi dei sentimenti negativi in loro. Per i buddisti, il ramo morbido ed elastico che si piega con la caduta di forti nevicate ha maggiori probabilità di sopravvivere all’inverno rispetto al ramo fragile che resiste e poi si spezza con l’aumentare del peso. Dare la via, se necessario, ai nemici, era quindi visto come una forma di forza tattica e un mezzo per sopravvivere e la felicità.

Queste posizioni sono in definitiva deboli ed evasive a mio avviso, perché rifiutano i principi del superamento degli ostacoli e della competizione diretta con gli avversari. L’odio è solo un peso psicologico quando non può essere adempiuto, coinvolgendo così non solo l’odio dell’altro per la sua provocazione, ma l’odio di sé per l’incapacità di ottenere una soluzione. Il fardello mentale dell’odio si trova principalmente in quest’ultimo, e molti ne fuggono in forme perverse e in ultima istanza di perdono. Quando “perdonano i loro nemici”, stanno piuttosto perdonando se stessi per non aver superato i loro nemici.[2] Gli approcci stoico e buddista sono quindi deboli non solo a causa del loro rifiuto superficiale dell’odio, ma perché i loro rifiuti sono essi stessi prove della debolezza intrinseca nel rifiuto. Se la storia ci dice solo una cosa, tuttavia, è che nessun uomo, e nessuna religione, è immune al sorgere dell’odio e pochi la sfuggono del tutto. Le differenze nell’espressione esteriore, nel cristianesimo, nel buddismo, nello stoicismo o nell’ebraismo da allora in poi sono semplici punti di tattica.

A differenza di Nietzsche, non penso che risposte specifiche per la nostra situazione attuale possano essere trovate così chiaramente nella religione, o anche in un lontano passato. L’odio e la fuga dall’odio tra i deboli e i codardi, sono stati con noi dall’inizio dei tempi, anche se sta peggiorando nell’era attuale. L’ipocrisia contemporanea e la diffusa disonestà in relazione all’odio è principalmente il risultato della decadenza della modernità, ed è in gran parte correlata al duplice attivismo ebraico per conto dell’anestetico emotivo oggi ampiamente noto come “tolleranza”. Qual è la genealogia della morale postmoderna? In “The Genius of the Crowd”, Charles Bukowski scrisse che “i migliori nell’odio sono quelli che predicano l’amore”, che non potrebbe essere applicato in modo più appropriato a coloro che insistono sul fatto che ogni paese sulla terra dovrebbe imparare ad amare i suoi ebrei. Viviamo in un’epoca in cui il problema non è che “l’odio è in marcia” ma che marcia sotto innumerevoli maschere, che appare qui come “amore” e lì come “tolleranza”. La “guerra all’odio” a cui assistiamo oggi non è affatto una guerra all’odio, ma una guerra ipocrita alla capacità dei bianchi di sentire ed esprimere l’odio. Dovrebbe essere palesemente ovvio che ogni altra razza sulla terra è libera di contenere tutti i risentimenti, l’amarezza, l’aggressività e la freddezza calcolata che desidera, ma queste qualità sono considerate troppo pericolose, troppo volatili nei Bianchi. Meglio che i bianchi fossero resi eunuchi emotivi; timidi bovini che si mettono a pascolare nei pascoli di fast food e di intrattenimento da capogiro. I rami del “cristianesimo” tra tolleranza e stoicismo, buddismo e interreligioso stanno godendo di un boom diffuso in tutto l’Occidente, alimentato da una cultura che vuole che i bianchi siano “il ramo che si piega”. E state certi che è solo in Occidente che si sta svolgendo la “guerra all’odio”. Non esiste una campagna universale per la fratellanza universale e l’amicizia al di fuori dell’onnipresente propaganda multiculturale occidentale. La campagna contro l’odio, comprese le sue manifestazioni legali, è inseparabile dal multiculturalismo, dall’immigrazione di massa, dal capitalismo globale e dal declino demografico dei bianchi.

Guerra all’odio, Guerra ai bianchi

È diventato un assioma della cultura occidentale che “essere fortemente contrari” a qualsiasi cosa sia moralmente non fondato o quasi fascista. Dappertutto, e in tutte le sezioni dello spettro politico, i gruppi lottano per evitare di essere visti come “contro” qualcosa, per non essere accusati di odiare ciò a cui si oppongono. Meglio essere “pro-vita” che “anti-aborto”, e meglio essere “pro-scelta” che “anti-feto”! Meglio essere “per frontiere forti” piuttosto che “contro l’immigrazione”. Meglio dire che “sostieni i palestinesi” piuttosto che ti dichiararti senza mezzi termini un “antisionista”. Meglio dire che sostieni la privacy delle donne piuttosto che farti sapere che disprezzi l’idea che i criminali che si piegano per genere entrano nei bagni insieme alle tue mogli e figlie. Meglio dire che sei una “libertà religiosa pro” che affermare il tuo odio per l’idea che due uomini possano sposarsi. Ogni tendine è teso a mostrare i propri sentimenti nella terminologia positiva, in modo che tu possa essere visto come una persona “positiva” con intenzioni “positive”. Persino nel nostro stesso movimento ho notato frammenti di retorica semi-sincera in cui siamo sempre più numerosi nelle nostre asserzioni di identità e interessi con affermazioni che sosteniamo l’identità e gli interessi di tutti i popoli (io no), persino il sionismo degli ebrei (Io non)! Il marciume, amici miei, è universale. Ovunque in Occidente, essere “anti” qualsiasi cosa è considerato altamente sospetto, a meno che tu non sia “antifascista” o “antirazzista”, nel qual caso sei semplicemente contro l’idea che i bianchi abbiano l’audacia di essere contro qualcosa.

La guerra all’odio è fondata su una premessa ridicola: tutto nella cultura moderna è perfettamente gradevole e non ci sono motivi logici o morali per opporsi fortemente a qualcosa o chiunque in mezzo a noi. Cos’è l’odio? Una sensazione di intensa antipatia. I costumi politici e sociali contemporanei vorrebbero farti credere che qualsiasi uomo bianco o donna che si guardasse attorno e fosse suscitato in uno stato di intensa antipatia deve essere una sorta di mostro. Condividere semplicemente i tuoi sentimenti di intensa antipatia, ora chiamato “incitamento all’odio”, è stato considerato un comportamento criminale in decine di paesi occidentali. Condotta criminale! Questo nonostante il fatto che nella nostra storia non ci sia mai stato un punto più meritevole del più profondo odio, del disprezzo più aspro e dell’odio più vizioso. Questo tumulto ribollente di invasioni etniche, incrocio di razze, perversione, ignoranza, degenerazione, degrado e umiliazione è degno di ogni ultima goccia di disprezzo e di orrore che può essere effettivamente versato su di esso. Io odio tutto, e se ti rimangono dei veri istinti naturali e se non sei stato condizionato in uno stato perpetuo di «ennui» consumista, lo odierai anche tu.

Sono particolarmente lieto di considerare la denominazione “Hope not Hate”, allegata a un gruppo “antifascista” del Regno Unito dedicato a essere contro l’idea che i bianchi siano contro qualsiasi cosa. A dire il vero, ogni tanto pepano le loro attività con gesti simbolici sull’estremismo islamico, ma in realtà dovrebbero essere chiamati “Spero non odio[bianco]”. Trovo particolarmente interessante il fatto che non si definiscano “Love not Hate”, che sarebbe sicuramente il modo logico di presentare un’alternativa all’odio.

Eppure ha senso che non abbiano scelto “amore” per due motivi. In primo luogo, chiunque si opponga all’odio deve intrinsecamente ostacolare l’amore. Questi opposti esistono sullo stesso spettro emotivo e se ti allontani da uno entri in un tipo di visione emozionale del tunnel in cui perdi di vista l’altro. Se qualcuno ti dice seriamente che non odia nessuno, puoi essere sicuro che stai parlando con un bugiardo o un membro senza passione dei «castrati emotivi». In secondo luogo, coloro che stanno dietro questo gruppo si sono probabilmente confrontati con la realtà secondo cui ciò che hanno designato “odio” – nativismo e nazionalismo – non può essere razionalmente contrastato con “amore”. Cosa avrebbero dovuto amare attivisti e sostenitori? Orde di migranti anonimi del terzo mondo? Chiaramente una domanda troppo grande, si sono invece basati su “speranza”. Che cos’è la speranza? Spero in cosa? La speranza è ottimismo nel suo estremo più irrazionale. La speranza è quando sei inseguito sul bordo di una scogliera da un branco di cani rabbiosi, quando guardi le onde schiumose e “speri” che quando salti, ti mancheranno le rocce e sopravvivrai. La speranza è ciò che senti quando tutte le opzioni e tutti i motivi razionali per l’ottimismo sono esauriti. Davvero non può esserci un nome migliore per un’organizzazione dedicata alle inondazioni dei paesi bianchi con migrazioni di massa. Mi congratulo con i leader del gruppo per la loro decisione.

È un’ironia speciale, ovviamente, che i sacerdoti della guerra all’odio siano gli ebrei che, da più di un secolo, si sono posti come guerrieri angelici contro il bigottismo e l’odio. Questo da un popolo noto fin dai tempi di Cesare come odiatori del mondo in possesso del più straordinario istinto di misantropia. E qui, forse è la loro più grande forza – che hanno imparato a predicare l’odio contro mantenendo l’odio, proteggendo e perfezionando i propri odi. Perché l’ebreo possiede un’antipatia più intensa dell’omogenea nazione bianca? Unghie che corrono lungo una lavagna: questa è la tradizionale nazione bianca per gli ebrei.

La campagna ebraica contro l’odio è un nuovo tentativo di rivoluzione dei valori. Quegli imbecilli europei che mordicchiano quest’esca, convinti di far parte di una crociata morale per la fratellanza universale, si stanno lanciando in una campagna a sostegno dell’odio ebraico. Non è ovvio che gli europei che adottano i nuovi valori non sono “contro l’odio” ma semplicemente sublimano il loro istinto e accettano di odiarsi? Quali sono le leggi sulla parola, le ondate di migranti e l’imposizione di nuovi valori da parte di estranei se non una violazione odiosa della sovranità e l’irrogazione di una crudeltà sistematica? Immagina l’audacia di introdurre queste misure all’insegna del “combattere l’odio”! Tutte queste cose, nella misura in cui limitano e puniscono i sentimenti naturali dell’Europa, portano evidente piacere e soddisfazione agli ebrei. È una grande gioia per gli ebrei che i bianchi dovrebbero firmare a migliaia per eliminare i propri ranghi da ogni capacità di opposizione. Predicando “un mondo senza odio”, gli ebrei promuovono un mondo di bianchi docili e in calo. E sono notevolmente avanzati in questa causa.

Che cos’è l’odio? Una sensazione di intensa antipatia, ma anche qualcos’altro. Venire alla consapevolezza che a qualcuno non piace intensamente qualcosa è il preludio all’azione contro di esso. Devo essere chiaro sul mio significato qui. La saturazione della propaganda contemporanea vorrebbe farti credere che l’odio “provoca” violenza e terrorismo. Questa è una sciocchezza. Consulta il lavoro di qualsiasi esperto di terrorismo serio e non troverai “odio” in nessun posto elencato come una spiegazione seria per qualsiasi atto di terrorismo in qualsiasi momento della storia. L’odio è principalmente una comprensione e quindi uno stato d’animo. Si può trovare il terrorismo motivato in piccola parte dall’odio, ma anche dall’amore, dalla paura, dalla confusione, dalla disperazione, dalla considerazione tattica, dall’entusiasmo religioso, dall’angoscia personale, dalla psicopatia, dalla pressione dei pari, dalle malattie mentali, dalla tossicodipendenza, dall’avidità e persino da una combinazione di tutte queste cose. Quando dico che l’odio è principalmente una comprensione, intendo che modella le traiettorie di comportamento e condiziona le risposte. L’odio non si crea spontaneamente. Non si presenta in un dato uomo semplicemente perché quell’uomo è “cattivo”. L’odio nasce in risposta a stimoli, una sorta di provocazione. L’odio ha sempre una causa e un oggetto. E la persona in pace nel proprio odio è qualcuno disposto a credere di poter in definitiva superare e sconfiggere ciò che odia.

L’odio più lungo

Gli ebrei hanno descritto l’antisemitismo come “l’odio più lungo”. Non sono d’accordo. È chiaro a ogni spettatore istruito che il Semitismo stesso, nella misura in cui il Semitismo è definito come l’espressione comportamentale dell’odio ebraico dell’umanità, rappresenta l’odio più antico della storia registrata. Il punto interessante qui è che tutti gli esami ebraici su ciò che percepiscono come “l’odio più lungo” sono evidenti nel loro eludere il problema di causa e oggetto. L’odio per gli ebrei è, per gli ebrei, del tutto spontaneo e auto-creato. L’odio, un’emozione umana, è spesso messo in quarantena da una ragionevole considerazione umana e rappresentato nella comprensione ebraica come qualcosa di non del tutto umano: un virus, una mutazione teologica o un malfunzionamento psicologico. Gli europei negli scritti ebraici sono odiatori per eccellenza nella misura in cui ciò implica che gli europei si abbandonino a qualcosa di completamente irrazionale e inspiegabile. Non volendo esaminare il proprio ruolo di causa e oggetto, o guardare i propri odi alla fredda luce del giorno, gli ebrei promuovono l’idea che odiano se stessi, o almeno l’odio tra gli europei, è sempre privo di causa e oggetto. L’odio dell’uomo bianco è sempre spontaneo, sempre irrazionale, sempre auto-creato, sempre inspiegabile. Alla fine, come abbiamo visto, l’odio in Europa è “criminale”.

Se il semitismo è, come ho sostenuto, il vero “odio più lungo”, allora qual è la sua causa e il suo oggetto? Le cause qui sono sia interne che esterne agli ebrei. Il giudaismo, le cui origini precise rimarranno per sempre sconosciute e inconoscibili, comanda una rigorosa separazione dagli altri umani e la formazione di una casta etnica sopra tutte le altre. Afferma una suprema superiorità cosmica e consente di infliggere un’etica minore a presunti inferiori. L’odio ebraico è sorto da tempo immemorabile nel semplice fatto che altri umani (raggruppati collettivamente semplicemente come goyim) si rifiutano di accettare questo stato di cose e che non riescono a indulgere nella fantasia di dominio dell’ebraismo. Dall’inizio dell’ebraismo fino ai giorni nostri, gli ebrei hanno incontrato popolazioni che rifiutano di vedere gli ebrei come loro superiori. Queste popolazioni non ebree hanno costantemente rifiutato di essere sottoposte a un trattamento minore e hanno odiato gli ebrei per aver tentato di imporglielo. Gli ebrei hanno risposto a questo odio reazionario con un loro ulteriore odio: un odio disonesto che si nasconde persino da se stesso e postura come un cupo ricordo delle ingiustizie passate. Il ciclo continua all’infinito, con l’odio ebraico così alimentato internamente e perpetuamente attraverso lo slancio del passato.

La storia della lachrymose degli ebrei è in realtà la storia di frustrati tentativi di dominio e, sebbene presenti come una storia di guai, è in realtà una lista di successi per vendetta. Adam e Gedaliah Afterman hanno scritto del periodo medievale come un’epoca in cui gli ebrei coltivavano una potente teologia/ideologia di vendetta per i torti percepiti/perpetrati dalle popolazioni ospitanti. Una fiaba medievale di Ashkenazi, ad esempio, ritrae Dio come “elencando sulla sua veste” i nomi di tutte le vittime ebree dei gentili nel corso del tempo, in modo che in futuro la divinità avrebbe avuto un registro di quelli da vendicare.[3] Non è chiaro che questa storia è una semplice esternazione di istinti più profondi? La cultura e la storiografia ebraica non sono il vero “indumento” su cui gli ebrei chiamano le loro “vittime”, aprendo così la strada a una vendetta futura eseguita non da una divinità ma dal vero oggetto del culto ebraico: gli ebrei stessi? Ogni atto di odio ebraico è quindi in definitiva disonesto, essendo basato su false concezioni di vendetta (dal momento che gli ebrei antagonisti non sono mai stati veramente lesi) e quindi incapaci di realizzarsi. L’odio ebraico non agisce su cause e oggetti immediati, ma su cause e oggetti di tutte le nazioni e di tutti i periodi di tempo, compresi il passato e il futuro distanti. L’inflizione contemporanea della migrazione di massa e del degrado culturale negli Stati Uniti ed in Europa fa quindi parte di uno schema di vendetta che affonda le sue radici nell’antica Roma, nella Toledo medievale, nella Romania degli anni ’20, ecc. In questa forma caleidoscopica di abnegazione, gli ebrei cercano di cambiare radicalmente la tua nazione non perché ti “odiano”, e certamente non perché ti amano, ma perché conoscono fin troppo bene i pericoli del passato. Nel mezzo di tale ragionamento, il loro evidente odio è oscurato anche a molti del loro stesso numero.

Al contrario, l’odio degli europei per gli ebrei, essendo onesto con se stesso, è sempre stato in grado di realizzarsi. L’odio europeo per gli ebrei è stato predicato molto meno sul passato che sulla causa e l’oggetto immediati, e la resistenza europea ai tentativi di dominio ebraico è stata per lo più soddisfatta delle riduzioni di alcuni monopoli. Non abbiamo un equivalente della storia della lacrimazione e siamo famosi per la nostra mancanza di qualsiasi tipo di “indumento” su cui abbiamo elencato le vittime delle macchinazioni ebraiche. Gli europei non hanno mai sublimato il loro odio per gli estranei o mascherato questi odi a se stessi. L’odio europeo non si nasconde da solo, né assume l’aspetto del semplice risentimento. Si è sempre preoccupato dell’azione e dei risultati. Le espulsioni, la risposta più radicale alle cause e agli oggetti ebrei provocatori, nella maggior parte dei casi furono di breve durata, illustrando la mancanza di rancori gravi tra gli europei e la volontà di rinnovare i contesti per le relazioni. Questo presunto “odio più lungo” tra gli europei ha quindi la notevole qualità di grandi lacune, ripristini, inversioni e numerose possibilità di relazioni decenti. Come popolo, abbiamo sempre vissuto nel presente e, ma per il fatto che questo è stato sfruttato, questa dimenticanza, come ha osservato Nietzsche, è stata una fonte di solida salute, azione, gioia e orgoglio. L’unico errore degli storici europei era quello di ritenere che l’ardesia fosse stata ripulita anche dalla parte ebraica, mentre in realtà la veste giudaica della vendetta stava diventando sempre più lunga.

Conclusione

L’attuale rivoluzione dei valori è progettata per rendere i bianchi il “ramo che si piega”. Nel rinunciare all’odio, gli europei di tutto il mondo si sono dimessi dalla non resistenza e da uno stato psicologico in cui diventa impossibile una riuscita opposizione alle forze negative della vita contemporanea. L’odio onesto tra i forti è salutare, buono e necessario. È particolarmente necessario in un ambiente in cui avversari di ogni tipo sono impegnati in duplicazioni di massa, mascherando i loro interessi egoistici come “amore”, i loro rancori come “tolleranza” e il loro odio come “gentilezza”. Circondati da cose detestabili che persistono nella disonestà, dobbiamo abbracciare un “odio perfetto”, ed essere in pace con esso, con la certezza che, mentre i deboli cadono lungo la strada, lo porteremo al suo completamento.

Appunti

[1] Tendo a concordare con la valutazione di Roger Scruton sulla fissazione di Nietzsche qui che era sia “ossessivo, se non noioso”. Vedi Scruton, A Short History of Modern Philosophy (1995).

[2] Questo tipo di pensiero si è espanso rapidamente nella modernità perché la giustizia è diventata un affare sempre più annacquato e impersonale in cui l’accesso individuale a un’adeguata punizione è frustrato.

[3] A. Afterman e G. Afterman, “Meir Kahane e Contemporary Jewish Theology of Revenge”, Suoni: un diario interdisciplinare, vol. 98, n. 2, (2015), 192-217, (197).

FONTE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: