Doppia catastrofe: geoingegneria stratosferica intermittente indotta dal collasso della società

Questo paper è uno scenario e deve essere letto come tale. È un documento redatto con fini politici per indurre Stati e governi a non interrompere i programmi di modifica del tempo. I programmi di geoingegneria attuati dagli stati possiamo senza giri di parole definirli illegali in quanto non sono stati discussi in nessuna aula di parlamento, e se lo sono stati erano e sono inseriti all’interno di altri pacchetti di leggi che poco hanno a che fare con la difesa dell’ambiente, delle persone e delle comunità umane, nonché dell’agricoltura e della natura in generale. È stato dimostrato scientificamente che la CO2 non è un gas serra ed è svincolata dal dogma imperante «anidride carbonica-temperature globali». È stato altresì dimostrato che non esiste nessun «global warming» se non una normale ciclicità del clima dovuta essenzialmente alle variazioni solari undecadali: i cicli solari. La diffusione di questo tipo di documenti esiste attraverso un vasto programma di propaganda atto a mantenere in essere la geoingegneria clandestina e i lauti guadagni che essa comporta, a partire dalle sovvenzioni che atenei e Tink-Tank d’assalto si spartiscono con grande soddisfazione. Questo documento inizia con il falso assioma che l’aumento delle temperature causerebbe un aumento significativo di fenomeni atmosferici e climatici fuori scala, con gravi danni ad infrastrutture, industrie e qualità della vita in rapida discesa se non addirittura il collasso generalizzato della società. Nella vita e nella storia climatica reale esiste invece la certezza che la società umana si espande e si evolve durante i periodi caldi piuttosto che in quelli freddi. Clima umido e/o freddo causa invece un declino della stessa con perdita di raccolti agricoli e crisi di approvvigionamento alimentare, malattie, guerre per il controllo di aree adatte alla coltivazione e migrazioni di popolazioni da ambienti freddi verso ambienti più caldi. Questo documento è agli antipodi con le più banali conoscenze sul clima, un atto di terrorismo scientifico che i governi usano per blandire ed ingannare la popolazione a favore di enormi interessi economici. (I grassetti sono miei)

Megachiroptera

Doppia catastrofe: geoingegneria stratosferica intermittente indotta dal collasso della società

Seth D. Baum1,2,3,4,*, Timothy M. Maher, Jr.1,5, and Jacob Haqq-Misra1,4

  1. Global Catastrophic Risk Institute, http://gcrinstitute.org
  2. Department of Geography, Pennsylvania State University
  3. Center for Research on Environmental Decisions, Columbia University
  4. Blue Marble Space Institute of Science, http://bmsis.org
  5. Center for Environmental Policy, Bard College

Ambiente, sistemi e decisioni 33 (1): 168-180. Questa versione: 23 marzo 2013

Astratto
L’incapacità percepita di ridurre le emissioni di gas a effetto serra ha suscitato interesse nell’evitare i danni del cambiamento climatico attraverso la geoingegneria, cioè la manipolazione intenzionale dei processi del sistema terrestre. Forse la tecnica di geoingegneria più promettente è l’iniezione di aerosol stratosferico (SAI), che riflette la radiazione solare in arrivo, riducendo così le temperature superficiali. Questo documento analizza uno scenario in cui la SAI porta da sola un grande danno. Lo scenario si basa sul problema dell’intermittenza SAI, in cui viene interrotta l’iniezione di aerosol, riportando rapidamente le temperature verso dove sarebbero state senza SAI. Il rapido aumento della temperatura potrebbe essere piuttosto dannoso, il che a sua volta crea un forte incentivo per evitare l’intermittenza. Nello scenario, un crollo catastrofico della società elimina la capacità della società di continuare l’ISC, nonostante l’incentivo. Il crollo potrebbe essere causato da una pandemia, una guerra nucleare o un’altra catastrofe globale. La conseguente intermittenza colpisce una popolazione che è già vulnerabile dal crollo iniziale, provocando una doppia catastrofe. Mentre i risultati della doppia catastrofe sono difficili da prevedere, gli scenari plausibili nel caso peggiore includono l’estinzione umana. Si è scoperto che la decisione di attuare l’ISC dipende dal fatto che la catastrofe globale sia più probabile dalla doppia catastrofe o dal solo cambiamento climatico. Lo scenario della doppia catastrofe della SAI rafforza anche gli argomenti per la riduzione delle emissioni di gas serra e contro la SAI, nonché per la costruzione di comunità che potrebbero essere autosufficienti durante le catastrofi globali.
Infine, il documento dimostra il valore dell’analisi del rischio catastrofico globale integrativa basata su sistemi.

Parole chiave: geoingegneria, collasso sociale, rischio catastrofico globale, analisi degli scenari, cambiamenti climatici

1. Introduzione

La percezione che l’umanità non riesca a ridurre adeguatamente le emissioni di gas a effetto serra ha attirato l’attenzione sulla possibilità di contrastare gli effetti delle emissioni attraverso la geoingegneria, che definiamo la manipolazione intenzionale dei processi del sistema terrestre su scala globale (Crutzen 2006; Wigley 2006). Forse la proposta di geoingegneria più promettente è l’iniezione di aerosol stratosferico (SAI).

Le particelle di aerosol iniettate nella stratosfera riflettono la luce solare lontano dalla Terra, raffreddando così la superficie. Si stima che la SAI sia più semplice e meno costosa di molti ordini di grandezza per unità di riduzione della temperatura rispetto alla riduzione delle emissioni (Barrett 2008; Robock et al. 2009; Schelling 1996). Ma SAI solleva anche diverse preoccupazioni importanti (Robock 2008; Tuana et al. 2012).

Questo documento analizza uno scenario che coinvolge una delle preoccupazioni più importanti in materia di ISC: l’intermittenza. Se l’iniezione di aerosol è intermittente, cioè se le particelle non vengono continuamente iniettate nella stratosfera, le temperature aumentano rapidamente quando le particelle esistenti circolano verso i poli e cadono dall’atmosfera. Il rapido aumento della temperatura potrebbe essere altamente dannoso per i sistemi umani ed ecologici. Il nostro scenario prevede un catastrofico collasso della società durante la SAI che causa intermittenza. Il rapido aumento della temperatura è quindi una seconda catastrofe che sconvolge una popolazione già vulnerabile. Gli effetti di questa doppia catastrofe potrebbero essere piuttosto gravi, forse anche provocando l’estinzione umana. Mentre la possibilità che questo scenario non è sufficiente per concludere che la SAI non dovrebbe essere perseguita, rafforza l’argomento contro la SAI mostrando come la SAI possa contribuire a una catastrofe globale.

Lo scenario di doppia catastrofe del SAI potrebbe svolgere un ruolo importante nell’economia del rischio di cambiamento climatico. La recente letteratura sull’economia dei cambiamenti climatici suggerisce che l’analisi del rischio è guidata dalla possibilità di una catastrofe globale da un forte aumento della temperatura (Weitzman 2009). Ma SAI (e altri metodi di geoingegneria) potrebbero mantenere stabili le temperature. Altre ricerche hanno scoperto che l’ISC non può superare un test costi-benefici a causa del rischio di intermittenza (Goes et al. 2011). Ma questa ricerca non considera cosa causerebbe l’intermittenza. Finché esiste la capacità di proseguire con l’ISC, l’intermittenza può essere improbabile a causa del forte incentivo per evitarlo.1 Un collasso sociale potrebbe causare intermittenza nonostante l’incentivo e rendere i danni ancora più gravi a causa della presenza di due catastrofi insieme. I casi peggiori per la doppia catastrofe del SAI potrebbero persino includere l’estinzione umana. Pertanto, le specifiche dello scenario della doppia catastrofe della SAI potrebbero svolgere un ruolo importante – forse anche un ruolo dominante – nell’analisi del rischio derivante dalle emissioni di gas a effetto serra e dalla SAI.

Il documento è organizzato come segue. La sezione 2 fornisce informazioni generali sul rischio catastrofico globale e l’analisi degli scenari. La sezione 3 sviluppa in dettaglio lo scenario della doppia catastrofe della SAI, compreso il cambiamento climatico iniziale che si verifica prima dell’implementazione della SAI (Sez. 3.1), l’attuazione della SAI (Sez. 3.2), il collasso sociale che provoca intermittenza (Sez. 3.3), e l’intermittenza SAI e la doppia catastrofe (Sez. 3.4). La sezione 4 discute le implicazioni dello scenario per il processo decisionale SAI. La sezione 5 si conclude.

2. Contesto

La nostra discussione sullo scenario della doppia catastrofe del SAI è motivata da considerazioni tratte dal rischio catastrofico globale e dall’analisi dello scenario. In breve, la nostra attenzione alla doppia catastrofe SAI è motivata dalla questione del rischio catastrofico globale e il nostro uso dell’analisi degli scenari per studiare la doppia catastrofe SAI è motivato da aspetti della metodologia di analisi degli scenari. Alcuni retroscena su entrambi questi argomenti saranno utili prima di entrare nei dettagli sullo scenario.

2.1. Rischio catastrofico globale

I rischi catastrofici globali sono rischi di eventi che potrebbero danneggiare o addirittura distruggere l’umanità su scala globale. In quanto tali, sono rischi della massima entità, indipendentemente dalla probabilità. Il rischio catastrofico globale ha ricevuto un notevole interesse di ricerca negli ultimi anni.2 Il rischio catastrofico globale è simile al concetto di rischio esistenziale, che si riferisce più strettamente ai rischi dell’esistenza dell’umanità (cioè dell’estinzione umana) o di eventi correlati (Bostrom 2002; 2012) . Un altro concetto correlato è quello della sopravvivenza globale, che si riferisce agli sforzi per prevenire o sopportare catastrofi globali (Seidel 2003).

Un motivo fondamentale per concentrarsi sul rischio catastrofico globale è dovuto al suo significato per la massimizzazione del valore atteso. I fondamenti morali dell’analisi del rischio, dell’analisi costi-benefici e dei paradigmi correlati sono tutti radicati in una forma di massimizzazione del valore atteso, in cui le azioni migliori sono quelle che danno luogo al valore atteso più elevato, data l’incertezza sulle conseguenze delle azioni possibili. Una catastrofe globale comporterebbe un grande declino del valore, con i maggiori declini derivanti da catastrofi che si traducono nella distruzione permanente della civiltà tecnologica avanzata.

Gli eventi di estinzione umana sono inclusi qui (Matheny 2007; Ng 1991). Sono inclusi anche i crolli della civiltà in cui alcuni umani sono ancora vivi ma incapaci di ricostruire la civiltà. Tale popolazione sarebbe probabilmente più piccola e più vulnerabile all’estinzione a seguito di catastrofi successive. Se non altro, la popolazione si estinguerebbe quando i cambiamenti nel Sole renderanno la Terra inabitabile in circa cinque miliardi di anni, [quindi ci dobbiamo preoccupare oggi non di un rischio a breve termine ma tra 5 miliardi di anni… n.d.r] mentre una civiltà con tecnologia avanzata potrebbe colonizzare lo spazio e sopravvivere per molti ordini di grandezza più a lungo (Baum 2010; Tonn 2002). Lo scenario in Sez. 3 e analisi delle decisioni in Sez. 4 sono fortemente orientati verso la possibilità della doppia catastrofe del SAI che provoca la distruzione permanente della civiltà tecnologica avanzata.

Molte discussioni sul rischio catastrofico globale trattano i rischi specifici isolatamente. Queste discussioni sono limitate perché trascurano i vari modi in cui possibili eventi catastrofici e misure di riduzione del rischio possono interagire tra loro. Una catastrofe globale potrebbe causarne un’altra, come i cambiamenti climatici che causano la perdita di biodiversità (Fischlin et al. 2007). Gli effetti netti di più catastrofi globali potrebbero essere più gravi se si verificano simultaneamente che se si verificano in momenti separati, come la “singolare catena di eventi” descritta in Tonn e MacGregor (2009b), in cui numerosi eventi minori si combinano per causare l’uomo estinzione. Oppure gli effetti netti potrebbero essere meno gravi, come l’inverno nucleare che arriva durante un periodo di intenso riscaldamento globale, determinando così una temperatura globale media più moderata. Le misure adottate per ridurre alcuni rischi potrebbero esacerbare altri, con conseguenti compromessi rischio-rischio (Graham e Weiner 1995), come l’elettricità nucleare che riduce le emissioni di gas serra ma aumenta la proliferazione delle armi nucleari. Altre misure potrebbero ridurre contemporaneamente più rischi, come accumulare cibo, creare rifugi isolati per l’uomo (Hanson 2008) o semi agricoli (Charles 2006; Hopkin 2008) o colonizzare lo spazio (Burrows 2006; Mautner 1996; Shapiro 2009). Per questi motivi, dovrebbe essere impiegato un approccio sistemico all’analisi del rischio catastrofico globale (Haimes 2008).

Lo scenario di doppia catastrofe della SAI comporta due catastrofi globali separate che si intrecciano tramite la SAI. Gli impatti e i rischi dei cambiamenti climatici spingono l’umanità a svolgere la SAI. Un crollo catastrofico della società provoca quindi una seconda catastrofe sotto forma di intermittenza SAI. Il risultato è una doppia catastrofe simile alla singolare catena di eventi di Tonn e MacGregor (2009b).

Allo stesso modo, le opzioni per ridurre il rischio di questa doppia catastrofe dipendono da entrambe le due catastrofi e dalle loro interazioni. Per questi motivi, la doppia catastrofe non può essere analizzata se i rischi specifici devono essere considerati isolatamente: è necessario un approccio sistemico. La Figura 1 mostra uno schema di sistema della doppia catastrofe SAI.

2.2. Analisi dello scenario

L’analisi degli scenari è un metodo efficace per studiare i sistemi di rischio catastrofico globale. Uno scenario prevede una particolare sequenza di eventi che potrebbero potenzialmente svolgersi nel futuro. È un’affermazione su ciò che potrebbe plausibilmente accadere, e non su ciò che è probabile che accada o cosa dovrebbe accadere (anche se uno scenario può anche essere probabile o desiderabile). Poiché il focus è sulla sequenza di eventi, non vi è alcuna limitazione del focus su tipi specifici di eventi. Uno scenario può facilmente includere più catastrofi e qualsiasi interazione tra di loro, come nello scenario della doppia catastrofe SAI.

L’analisi degli scenari può essere utile per addestrare le nostre menti a comprendere e rispondere agli eventi mentre si svolgono. “Addestrando le nostre menti” intendiamo che le nostre menti acquisiscono familiarità ed esperienza nel pensare, identificare e analizzare scenari specifici e variazioni degli scenari. Allo stesso modo, il processo di formazione prevede lo studio e la riflessione sugli scenari e sui modelli in essi contenuti. [In poche parole ci dobbiamo addestrare a considerare certo uno scenario catastrofico ipotetico n.d.r.]

I modelli di una sequenza effettiva di eventi possono avere alcune somiglianze con gli scenari analizzati anche se le specifiche differiscono dai dettagli dello scenario.

Fig. 1 Schema del sistema che mostra la doppia catastrofe SAI

L’analisi degli scenari può anche informare le decisioni prese tramite l’analisi dei rischi, l’analisi costi-benefici e paradigmi simili. Qui, l’analisi dello scenario verrebbe inserita nell’analisi del rischio o nell’analisi costi-benefici. L’analisi degli scenari può essere particolarmente utile quando i risultati di un’analisi del rischio o dell’analisi costi-benefici sono dominati da un numero limitato di scenari. In questo caso, l’analisi del rischio o l’analisi costi-benefici trarrebbero beneficio da un’analisi dettagliata di questi scenari [ipotetici… n.d.r.]. Un livello elevato di dettagli per questi scenari porterà a un’analisi dei rischi globale più accurata o all’analisi costi-benefici anche se vi sono meno dettagli sugli altri possibili scenari.

Un’analisi del rischio o un’analisi costi-benefici delle decisioni che comportano rischi catastrofici globali sarà generalmente dominata da scenari che coinvolgono la catastrofe globale. Pertanto, la comprensione degli scenari di catastrofe globali può essere particolarmente utile per un’analisi del rischio o un’analisi costi-benefici.

Quindi, per capirci meglio… Questo “studio” invita i decisori politici a prendere misure reali su un’analisi costi-benefici del tutto ipotetica, quindi non corrispondente alla realtà. n.d.r.

In effetti, la discussione dettagliata di questo documento sulla doppia catastrofe della SAI è in gran parte motivata dalle esigenze di analisi del rapporto rischio/beneficio dei cambiamenti climatici. La recente analisi costi-benefici dei cambiamenti climatici di Weitzman (2009) ha rilevato che le decisioni sulla riduzione delle emissioni sono guidate dalla (improbabile) possibilità che le emissioni possano portare alla catastrofe globale. Questo studio e studi correlati sull’economia del catastrofico cambiamento climatico3 si concentrano sulla possibilità di un’alta sensibilità climatica, cioè che una determinata quantità di emissioni di gas serra causerà un forte aumento della temperatura. Mentre un grande aumento della temperatura potrebbe essere catastrofico (vedi in particolare Sherwood e Huber 2010), tali scenari possono essere evitati tramite la geoingegneria. Pertanto, un’accurata analisi costi-benefici del cambiamento climatico deve prendere in considerazione gli scenari di geoingegneria.

Va notato che la doppia catastrofe della SAI può essere concettualizzata come una famiglia di scenari e non uno scenario specifico. La doppia catastrofe potrebbe verificarsi in vari modi. Le emissioni di gas a effetto serra potrebbero seguire diverse traiettorie, con conseguente aumento della temperatura.

L’implementazione della SAI potrebbe essere effettuata da diversi accordi istituzionali e con vari gradi di sofisticazione tecnica. Il collasso della società potrebbe essere causato da molti fattori diversi, con molti effetti diversi sull’umanità. L’intermittenza potrebbe verificarsi in molti momenti diversi e per una serie di ragioni diverse. Le variazioni in ciascuno di questi fattori si traducono in scenari diversi e risultati potenzialmente diversi per l’umanità. In particolare, alcuni scenari possono essere più catastrofici per l’umanità di altri. Nel seguito, esploriamo una parte dei plausibili scenari di doppia catastrofe del SAI; i lettori dovrebbero essere informati che anche altri scenari possono essere plausibili.

3. Lo scenario della doppia catastrofe

Procediamo ora passo per passo attraverso lo scenario della doppia catastrofe (o famiglia di scenari): cambiamenti climatici iniziali, implementazione SAI, catastrofe iniziale e intermittenza SAI. L’intento è quello di mostrare come potrebbero svilupparsi le principali varianti dello scenario, tra cui alcune indicazioni su quanto siano probabili e quanto dannose sarebbero. Vi è una notevole incertezza in tutto lo scenario. Gli impatti della doppia catastrofe sono particolarmente incerti a causa della natura complessa e senza precedenti della situazione e perché non ha ricevuto l’attenzione della ricerca precedente, ma è comunque possibile fare alcune dichiarazioni iniziali.

3.1. Cambiamenti climatici iniziali

La gravità dello scenario di doppia catastrofe del SAI dipende dall’aumento della temperatura che deriva dall’aggiunta di gas serra nell’atmosfera. L’aumento della temperatura a sua volta dipende dalla quantità di gas serra emessa (traiettorie delle emissioni) e dalla sensibilità del sistema climatico a tali emissioni (sensibilità climatica). Sia le traiettorie delle emissioni che la sensibilità climatica sono incerte. Le traiettorie delle emissioni dipendono dalle dimensioni e dall’intensità di carbonio dell’economia industriale globale, che è influenzata da fattori quali la politica globale di riduzione delle emissioni (o la loro mancanza) e le innovazioni tecnologiche. La sensibilità climatica dipende dai meccanismi di feedback all’interno del sistema climatico, per i quali permangono incertezze (Knutti e Hegerl 2008). Lo scenario di doppia catastrofe SAI è compatibile con qualsiasi traiettoria di emissioni e sensibilità climatica associata all’aumento delle temperature globali medie. L’aumento delle temperature globali medie è molto probabile [ma non certo e smentito dai fatti n.d.r.]; forse l’unico modo per evitare l’aumento delle temperature globali medie sarebbe attraverso un importante progresso tecnologico

Si prevede che il cambiamento climatico causerà una serie di perturbazioni dei sistemi ecologici e umani (Parry et al. 2007). Mentre una di queste perturbazioni potrebbe svolgere un ruolo in uno scenario di doppia catastrofe della SAI, due aspetti del cambiamento climatico sono di particolare interesse. Il primo sono eventi meteorologici estremi, che spesso generano una forte volontà pubblica e politica di azione sui cambiamenti climatici. Ad esempio, l’uragano Katrina ha suscitato una maggiore attenzione ai cambiamenti climatici negli Stati Uniti (Kluger 2005); l’ondata di caldo russo del 2010 e gli incendi hanno spinto i russi ad aumentare il sostegno alle politiche sui cambiamenti climatici (Weir 2010). Poiché i cambiamenti climatici rendono gli eventi meteorologici estremi più frequenti e più gravi, le richieste di geoingegneria potrebbero intensificarsi. Il secondo è la possibilità che il sistema climatico attraversi determinate soglie o punti di non ritorno (Lenton et al. 2008), come il permafrost melt (Shakhova et al. 2010), il crollo della calotta glaciale (Bamber et al. 2001, 2009) e l’arresto della circolazione termoalina Atlantica [la Corrente del Golfo] (Bryden et al. 2005; Kuhlbrodt et al. 2007). Il superamento di queste soglie potrebbe comportare danni ingenti e irreversibili. Per questo motivo, se gli scienziati sono in grado di rilevare imminenti varchi di soglia, si potrebbe aumentare l’interesse per la geoingegneria al fine di evitare di varcare le soglie. Come discusso di seguito, la possibilità di varcare la soglia imminente rende la ISC particolarmente interessante in relazione alla riduzione delle emissioni e ad altre opzioni di geoingegneria.

3.2. Implementazione SAI

L’aumento delle temperature globali medie e il conseguente aumento dei danni causati dai cambiamenti climatici probabilmente susciteranno un crescente interesse per alcune forme di geoingegneria. Sono stati proposti molti diversi schemi di geoingegneria (Keith 2000), sebbene ciascuno abbia alcuni limiti. Per esempio:

  • Rimuovere la CO2 dall’atmosfera attraverso meccanismi di ingegneria chimica (“cattura diretta dell’aria”; Boucher et al. 2011; Keith 2009; Vaughan e Lenton 2011) è ad alta intensità energetica e quindi sarebbe una valida opzione di geoingegneria se le fonti di energia a basse emissioni di carbonio diventano più ampiamente disponibile (Socolow et al. 2011).
  • Aumentare il sequestro del carbonio oceanico usando la fecondazione del ferro per stimolare la crescita del fitoplancton (“fertilizzazione dell’oceano”; Buesseler et al. 2008; Fuhrman e Capone 1991; Gnanadesikan et al. 2003; Martin 1990; Strong et al. 2009) avrebbero disturbato gli ecosistemi oceanici e potrebbero non provocare neppure riduzioni nette della CO2 atmosferica.
  • Collocare ombre, specchi o altri corpi riflettenti in orbita tra la Terra e il Sole (“riflettori spaziali”; Angelo 2006; inizio 1989) condivide alcuni dei vantaggi di SAI e non è soggetto a intermittenza, ma sarebbe molto costoso e potrebbe anche non essere fattibile con la tecnologia disponibile.

Poiché non condivide queste limitazioni, SAI è emerso come lo schema di geoingegneria più promettente. La SAI comporta l’iniezione di particelle di aerosol nella stratosfera. Le particelle riflettono la radiazione solare in arrivo, raffreddando rapidamente la superficie terrestre in un processo simile a quello dei riflettori spaziali (Boucher et al. 2011; Crutzen 2006; Kravitz et al. 2011; Matthews e Caldeira 2007; Vaughan e Lenton 2011; Wigley 2006). In media, i raccolti globali trarrebbero grandi benefici dall’aumentata disponibilità di CO2 senza lo stress aggiuntivo degli aumenti di temperatura (Pongratz et al. 2012), anche se le precipitazioni globali (Bala et al. 2008) e le radiazioni solari disponibili per la fotosintesi sarebbero entrambe diminuite . I benefici climatici di SAI sono simili a quelli dei riflettori spaziali, ma a costi monetari e fattibilità tecnologici molto più vantaggiosi. Si stima che la piena implementazione globale abbia un costo minimo di diversi miliardi di dollari all’anno (Robock et al. 2009), rispetto a un costo totale di diversi trilioni di dollari per i riflettori spaziali (Angel 2006). La SAI potrebbe anche essere sviluppata e implementata in un periodo di tempo abbastanza breve, all’incirca 10 anni (Vaughan e Lenton 2011). Il breve tempo di dispiegamento combinato con la rapida risposta della temperatura a SAI potrebbe consentire a SAI di essere utilizzato per impedire al sistema climatico di attraversare soglie specifiche (Lenton et al. 2008), evitando così una “pericolosa emergenza climatica” (Blackstock et al. 2009; Matthews e Caldeira 2007). Ad esempio, se gli scienziati osservano che un grande collasso della calotta glaciale potrebbe essere imminente, la SAI potrebbe potenzialmente essere utilizzata per raffreddare le temperature abbastanza da prevenire il collasso. La possibilità per SAI di raggiungere rapidamente temperature fresche è un altro vantaggio di SAI rispetto ad altre opzioni di geoingegneria. A causa di questi vantaggi, SAI è forse l’opzione di geoingegneria più promettente.

Tuttavia, SAI presenta diversi inconvenienti (Robock 2008). Alte concentrazioni a lungo termine di aerosol stratosferico contribuirebbero ad un aumento dell’esaurimento dell’ozono (Tilmes et al. 2008), portando a tassi più elevati di tumori della pelle (Norval et al. 2011) e stress ecologico (Haqq-Misra 2012). L’aumento delle concentrazioni di aerosol stratosferico contribuirebbe anche a cieli più luminosi e “più bianchi” visti da terra, a causa di una proporzione maggiore di maggiore dispersione in avanti da lunghezze d’onda più lunghe rispetto a brevi (Kravitz et al. 2012). I climi regionali e i cicli idrologici potrebbero spostarsi drasticamente (Ricke et al. 2010), riallineare le relazioni geopolitiche al fine di garantire sufficienti risorse idriche, il che influenzerebbe anche il commercio e la distribuzione globale di alimenti. La temperatura artificialmente bassa indurrebbe i pozzi globali di carbonio ad aumentare la quantità di carbonio che potrebbero immagazzinare, mascherando gran parte dell’effetto delle emissioni di CO2 sulle concentrazioni atmosferiche di CO2, che a sua volta farebbe aumentare l’acidificazione degli oceani più di quanto avrebbe senza il implementazione di SAI (Matthews e Caldeira 2007).

L’acidificazione degli oceani sta causando gravi perturbazioni agli ecosistemi oceanici, comprese le estinzioni di specie (Veron 2008).

Uno dei maggiori svantaggi di SAI è il problema dell’intermittenza. L’aerosol nella stratosfera ha una vita breve: viaggia verso i poli e poi cade in superficie entro circa cinque anni dall’ingresso nella stratosfera. Per questo motivo, affinché SAI mantenga le temperature superficiali approssimativamente costanti, le particelle di aerosol dovrebbero essere continuamente reintegrate. Altrimenti, se la SAI è intermittente, le particelle lasceranno la stratosfera, causando un aumento delle temperature. L’aumento della temperatura sarebbe molto rapido, con simulazioni al computer che rilevano aumenti dell’ordine di 2°C per decennio, 10 volte il tasso attuale di riscaldamento, tornando infine alle temperature che esisterebbero senza SAI (Fig. 2; Kravitz et al. 2011; Matthews e Caldeira 2007; Robock 2008; Robock et al. 2008). [Come abbiamo già avuto modo di verificare sappiamo che queste simulazioni al computer sono del tutto approssimate e legate al dogma della CO2]

Concentrazioni atmosferiche più elevate causerebbero aumenti di temperatura più rapidi, quindi la gravità dell’intermittenza SAI aumenterebbe nel tempo, supponendo che le emissioni di CO2 continuino. Il rapido aumento della temperatura potrebbe essere molto difficile da adeguare sia per i sistemi ecologici che per quelli umani, con conseguente possibile catastrofe globale. Gli aumenti della temperatura globale non hanno probabilmente superato i 2–4°C per decennio negli ultimi cicli glaciali (membri della comunità EPICA 2006; Matthews & Caldeira, 2007). Periodi precedenti di rapidi cambiamenti climatici sembrano aver contribuito al collasso delle società Maya (Dunning et al. 2012), Khmer (Buckley et al. 2010) e Old Kingdom Egypt (Butzer 2012). Mentre la società moderna è abbastanza diversa da queste società, può essere ancora più vulnerabile alle interruzioni a causa del suo alto grado di interconnessione globale (Hanson 2008). Per questi motivi, l’intermittenza è citata come una delle ragioni principali per evitare l’ISC (Goes et al. 2011).

Va sottolineato che l’incertezza sull’ISC rimane elevata. L’attuazione dell’ISC sarebbe un’alterazione senza precedenti del sistema terrestre e quindi potrebbe comportare molte conseguenze indesiderate, nel bene e nel male. La maggior parte delle informazioni empiriche riguardanti l’effetto di raffreddamento dell’aerosol atmosferico sul clima globale proviene da osservazioni di eruzioni vulcaniche. Ma le eruzioni vulcaniche rilasciano un singolo impulso di aerosol nella stratosfera che raffredda temporaneamente il clima globale e poi si dissipa in pochi mesi o pochi anni (Crutzen 2006; Keith 2000; Robock et al. 2008).

Al contrario, la SAI sarebbe un progetto in corso, che potrebbe durare decenni, secoli o anche più a lungo. (?!?)

Le osservazioni sulle eruzioni vulcaniche offrono meno informazioni sugli impatti delle concentrazioni di aerosol atmosferiche elevate a lungo termine. Numerosi esercizi di modellizzazione del clima hanno simulato l’ISC, riscontrando un probabile declino delle precipitazioni globali, un aumento dell’esaurimento dell’ozono e un aumento dei pozzi di assorbimento globali del carbonio (se le emissioni di CO2 continuano senza sosta), quest’ultimo a sua volta porta a un aumento dell’acidificazione degli oceani (Kravitz et al 2011; Matthews e Caldeira 2007; Robock et al. 2009). Questi esercizi di modellizzazione rivelano molto, ma rimane ancora molta incertezza. Allo stesso modo, le espressioni di supporto per la SAI sono in genere caute, spesso con la SAI considerata come un’ultima risorsa da intrattenere solo se le riduzioni delle emissioni sono inadeguate (ad esempio, Victor et al. 2009).

Se viene implementata la ISC, la forma istituzionale dell’attuazione può essere importante. Un possibile scenario di implementazione della SAI è la SAI implementata da un ente globale come le Nazioni Unite con ampio supporto internazionale (Horton 2011). Tale regime di ISC potrebbe essere particolarmente durevole nel tempo, poiché avrebbe un’opposizione limitata, accesso a finanziamenti ampi e accesso alle migliori competenze tecnologiche. Questa durabilità comporterebbe un aumento delle quantità di iniezioni di aerosol a condizione che aumentino anche le emissioni di gas serra. La durabilità potrebbe anche significare che ci vorrebbe un collasso sociale relativamente grande per indurre intermittenza. In effetti, senza un tale collasso, l’intermittenza potrebbe essere improbabile a causa del forte incentivo per evitarlo. Forse l’unico altro modo in cui potrebbe verificarsi l’intermittenza è se si verifica un cambiamento di potere, ma ciò può essere relativamente improbabile per un regime basato su un ampio consenso internazionale.

Fig. 2 Traiettorie di temperatura senza geoingegneria (curva superiore), con geoingegneria SAI (curva inferiore) e con guasto intermittente SAI (curva tratteggiata), adattato da Matthews e Caldeira (2007). Le traiettorie utilizzano lo scenario delle emissioni A2, considerato una normale traiettoria delle emissioni (Nakicenovic et al. 2000).

Un altro possibile scenario di implementazione della SAI è la SAI implementata da un attore canaglia nonostante la vasta opposizione internazionale. Il costo minimo e la relativa facilità di implementazione dell’ISC potrebbero consentire a un singolo paese o entità di avviare tale programma (Barrett 2008; Schelling 1996). Ad esempio, Millard-Ball (2011) descrive uno scenario in cui Tuvalu implementa unilateralmente SAI in uno sforzo disperato per salvare il suo territorio dall’innalzamento del livello del mare, forse finanziato da un “Greenfinger” (Victor 2008: 324), un individuo ricco agire per proteggere il pianeta.5 Un regime unilaterale di ISC può essere altamente non durevole e quindi soggetto a intermittenza. Forse altri paesi sarebbero intervenuti per costringere l’attore canaglia a chiudere le sue operazioni. Forse la Greenfinger avrebbe ritirato il suo finanziamento o esaurito i fondi.

Forse l’attore canaglia subirebbe un cambiamento nel potere, un cambiamento nel cuore o un cambiamento nella capacità tecnologica. Ognuno di questi fattori potrebbe causare intermittenza con molto meno in termini di collasso sociale. La minore durata significa anche meno opportunità per SAI con maggiori quantità di aerosol. Per questo motivo, i regimi SAI canaglia possono provocare scenari di catastrofe doppia meno gravi.

L’implementazione della SAI stessa potrebbe potenzialmente portare al collasso della società. Ad esempio, forse l’ISC sarebbe stata attuata da una coalizione di paesi che subivano i maggiori impatti del cambiamento climatico, come i paesi dell’Asia meridionale, del Sud-est asiatico e dell’Africa sub-sahariana. Altri stati potrebbero obiettare all’implementazione dell’ISC: forse la Russia considererebbe le temperature più calde come vantaggiose per la sua agricoltura, il suo trasporto marittimo artico e le trivellazioni petrolifere e la sua qualità generale della vita. Questa disputa potrebbe aumentare le tensioni geopolitiche e contribuire a un grave conflitto internazionale. Un conflitto sufficientemente grave potrebbe indurre un collasso sociale e, a sua volta, una doppia catastrofe.

Al momento, è difficile prevedere quale effetto avrebbe l’implementazione della SAI sulle emissioni di gas serra. Un presupposto comune è che l’ISC causerebbe un aumento delle emissioni di gas a effetto serra: risolvere il problema dei cambiamenti climatici tramite la geoingegneria rende meno importanti le riduzioni delle emissioni (Schneider 1996). Tuttavia, Polborn e Tintelnot (2009) e Millard-Ball (2011) sostengono che la SAI (o altra geoingegneria) potrebbe invece causare ridotte emissioni di gas serra. La logica qui è che la preoccupazione per gli effetti collaterali della geoingegneria allarmerebbe il mondo in azioni sulle emissioni. Nel caso dell’ISC, forse la paura dell’intermittenza potrebbe motivare la riduzione delle emissioni. Se le emissioni sono sufficientemente ridotte, è necessario meno ISC per raggiungere temperature desiderabili, attenuando così gli effetti dell’intermittenza. Pertanto, i casi più importanti di doppia catastrofe sono quelli in cui le emissioni continuano ad un ritmo elevato. Per il resto della discussione, assumeremo che le emissioni rimangano elevate dopo il SAI.

3.3. Crollo della società

Ora abbiamo un mondo con temperature stabilizzate da SAI e aumento delle emissioni di gas serra. La paura dei danni causati dall’intermittenza costituisce un forte incentivo a continuare l’ISC, nonostante le riserve che alcuni potrebbero avere al riguardo. La situazione generale è quindi generalmente stabile in assenza di perturbazioni esterne. Il collasso sociale fornisce proprio una tale perturbazione.

Butzer ed Endfield (2012) definiscono il collasso sociale come una trasformazione negativa a lungo termine delle condizioni sociali, culturali, demografiche e ambientali. Ai nostri fini è sufficiente una definizione più semplice. Definiamo il collasso della società come un declino su larga scala delle capacità di una società, cioè di un gruppo di persone interconnesse. Nel definire il collasso della società in termini di capacità, non intendiamo diminuire l’importanza di altri attributi come la cultura o la demografia. Invece, intendiamo solo focalizzare la nostra discussione sull’aspetto specifico della società che è più rilevante per lo scenario della doppia catastrofe del SAI. I crolli specifici della società che sono di ultimo interesse in questo documento sono i crolli che eliminano la capacità della società di continuare la ISC.

Le possibilità del collasso sociale dipenderanno dalla forma di attuazione dell’ISC. Se la SAI è implementata da una coalizione ristretta o da un singolo attore (forse canaglia), un crollo più piccolo localizzato nella regione della coalizione/attore potrebbe indurre intermittenza. Il crollo potrebbe essere causato, tra l’altro, da un focolaio di malattia locale, un collasso economico, un conflitto (internazionale o domestico) o un disastro naturale. Un attributo importante di un tale collasso localizzato è che non danneggerebbe altrettanto le società di altre regioni. A dire il vero, in una società globalmente interconnessa come quella che esiste oggi, un collasso in una regione avrà almeno alcune conseguenze per altre regioni. Ma altre regioni non soffrirebbero tanto. I gruppi nelle altre regioni potrebbero persino tentare di avviare l’ISC in modo da ridurre i danni dell’intermittenza; se questi altri gruppi alla fine si oppongono alla SAI, potrebbero iniziare la SAI e poi gradualmente eliminarne l’uso, evitando così i rapidi aumenti di temperatura associati a una brusca cessazione della SAI. Pertanto, gli scenari di collasso localizzato provocherebbero una doppia catastrofe meno grave e quindi sarebbero meno interessanti nel contesto della massimizzazione del valore atteso e della riduzione del rischio catastrofico globale.

Se la SAI è implementata da un’ampia coalizione internazionale, molti dei cui membri hanno la capacità di implementare la SAI da soli, potrebbe essere necessario che l’entità del collasso sia molto grande per indurre l’intermittenza, una catastrofe globale significativa. Per fare un confronto, né l’evento combinato della prima guerra mondiale e l’influenza del 1918 né la seconda guerra mondiale sarebbero stati abbastanza grandi. Entrambi questi eventi hanno lasciato importanti paesi industrializzati (come gli Stati Uniti) con una significativa capacità tecnologica. Per indurre l’intermittenza, un collasso sociale dovrebbe essere molto più grande. Sfortunatamente, i crolli sociali di questo ordine non sono fuori discussione (Bostrom e Ćirković 2008). Una pandemia oggi potrebbe essere più grave di quella del 1918, poiché i progressi nei viaggi internazionali farebbero sì che la malattia si diffondesse più rapidamente e fosse più difficile da contenere. Inoltre, i progressi nella biotecnologia rendono sempre più facile la progettazione e la produzione di nuovi agenti patogeni. Un’altra minaccia è la guerra nucleare, che persiste nonostante la fine della guerra fredda. Rimangono circa 19.000 armi nucleari, principalmente negli Stati Uniti e in Russia (FAS 2012). Una possibilità è per gli attori canaglia di incitare una guerra nucleare USA-Russia nel condurre uno dei paesi a credere che fosse sotto attacco nucleare dall’altro, per esempio facendo esplodere una bomba nucleare rubata o improvvisata (Ayson 2010; Intriligator e Brito 1990; Mosher et al.2003).

Una catastrofe abbastanza grande da far cadere una vasta coalizione internazionale ISC probabilmente ucciderebbe gran parte della popolazione umana. Alcuni possono sopravvivere in bunker o rifugi appositamente progettati (Hanson 2008). Bunker simili furono creati durante la guerra fredda per garantire la sopravvivenza delle élite sociali in caso di insorgenza della guerra nucleare (McCamley 2007). Ma a questi sopravvissuti potrebbero mancare le abilità pratiche necessarie per la sopravvivenza post-collasso. Un gruppo di sopravvissuti in una posizione migliore sarebbe costituito da comunità rurali distanti dal fattore di stress iniziale della catastrofe (pandemia, guerra nucleare, ecc.). Le comunità rurali sarebbero già esperte in agricoltura e altri mezzi di autosufficienza. I “predatori” o i “sopravvissuti” di oggi (ad esempio Rawles 2009) possono avere ulteriori vantaggi come le scorte di cibo per aiutare a sopportare la catastrofe iniziale. Con i bisogni umani di base sicuri, la civiltà avrebbe la possibilità di ricrescere, anche se nel frattempo sarebbe vulnerabile a ulteriori fattori di stress.

3.4. Intermittenza SAI

Il collasso della società avrebbe due conseguenze fondamentali: i danni causati dal collasso stesso e i danni derivanti dalla conseguente intermittenza della SAI. Il risultato è una doppia catastrofe: due catastrofi distinte (ma correlate tra loro) che si verificano contemporaneamente o adiacenti, fornendo due importanti fattori di stress sulla civiltà umana. L’esatta gravità della doppia catastrofe è difficile da caratterizzare a causa della sua natura complessa e senza precedenti e per la mancanza di ricerca dedicata. Tuttavia, è possibile effettuare alcune caratterizzazioni iniziali. Numerosi fattori sono fondamentali: la forma di attuazione dell’ISC, la forma del collasso sociale e la capacità dei sopravvissuti al collasso di adattarsi alle temperature in rapida evoluzione causate dall’intermittenza.

Se la SAI fosse attuata da una piccola coalizione regionale o da un attore solitario, e se il collasso della società fosse locale in quella regione, gli effetti dell’intermittenza sarebbero meno gravi. La società in altre regioni rimarrebbe in gran parte intatta e quindi avrebbe più capacità di adattarsi ai rapidi aumenti di temperatura. Le società potenzialmente potrebbero anche rallentare gli aumenti di temperatura implementando alcune ISC proprie. Finché le società di altre regioni restano intatte, l’intermittenza non comporterebbe la distruzione permanente della civiltà tecnologica avanzata e quindi non causerebbe una catastrofe globale di altissimo valore.

In alternativa, se il collasso della società è globale (il che sarebbe probabilmente necessario se la ISC fosse attuata da una coalizione globale), gli effetti dell’intermittenza potrebbero essere gravi. A causa della natura complessa e senza precedenti di questi scenari, è difficile porre limiti ai risultati.

Sebbene vi sia una modesta comprensione delle conseguenze climatiche dell’intermittenza della SAI (se non nulle n.d.r.), vi è molta meno comprensione di quanto bene la società normale potrebbe far fronte a tali conseguenze e praticamente zero comprensione di quanto bene una società post-collasso potrebbe far fronte. Ciò che segue è un rozzo tentativo di delineare alcune delle possibilità; questo dovrebbe essere visto come una discussione esplorativa, non una conclusione definitiva.

Come punto di partenza, considera una pandemia che uccide gran parte della popolazione umana e pone fine al commercio interregionale. I sopravvissuti sarebbero probabilmente concentrati in regioni agricole isolate, con la loro sopravvivenza a seconda della loro capacità di produrre il proprio cibo. Con l’esaurimento delle scorte locali di fertilizzanti e carburanti, i raccolti annuali diminuiranno man mano che i sopravvissuti sono costretti a passare al lavoro manuale.

Ma gli umani sono sopravvissuti per gran parte della loro storia senza un’agricoltura fortemente meccanizzata, e molti agricoltori contemporanei hanno successo con le proprie mani, quindi presumibilmente queste comunità di sopravvissuti potrebbero fare lo stesso, cioè senza ulteriori stress.

Ora si aggiungono a questa situazione, le temperature aumentano a tassi di circa alcuni gradi Celsius per decennio (Matthews e Caldeira 2007), con alcune regioni che registrano aumenti più rapidi di altre (Ricke et al. 2010; Robock et al. 2008). La sicurezza alimentare ora diventa molto più difficile. Si noti che alcuni giorni di caldo intenso quando le colture seminano o fruttificano possono decimare i raccolti (Tubiello et al. 2007). L’aumento delle temperature aumenterebbe la frequenza, la durata e l’entità di queste ondate di calore, danneggiando i sopravvissuti. Ma ondate di calore (o altri eventi meteorologici estremi) non si verificano ogni anno per una determinata regione. Pertanto, le regioni potrebbero conservare il cibo durante anni abbondanti per aiutare a sopravvivere a anni più magri.

Inoltre, se esiste un commercio interregionale, in un dato anno, le regioni con un’agricoltura abbondante potrebbero aiutare le regioni con un’agricoltura più magra. La linea di fondo è che l’agricoltura potrebbe potenzialmente riuscire abbastanza per sopravvivere, anche se diventerebbe sempre più difficile con l’aumentare della temperatura globale media.

Il tasso di aumento della temperatura potrebbe rappresentare un problema più grave. Gli agricoltori potrebbero semplicemente non sapere quali colture piantare, poiché le condizioni climatiche possono essere molto diverse da un anno all’altro.

Prevedere condizioni potrebbe essere fattibile con la scienza climatica avanzata dell’attuale società pre-catastrofe. Ma tale capacità scientifica verrebbe probabilmente spazzata via dalla catastrofe iniziale. Inoltre, anche se gli agricoltori fossero a conoscenza delle colture da piantare, potrebbero non disporre delle colture giuste disponibili, poiché ogni pochi anni una coltura diversa potrebbe diventare adatta alla regione. In casi estremi, aumenti di temperatura sufficientemente rapidi non possono rendere possibile il raccolto esistente per ogni stagione di crescita. Con la sicurezza alimentare in questione, anche la sopravvivenza a lungo termine deve esserlo.

A causa della natura incerta di questo scenario, è difficile porre limiti alla sua gravità.

Forse i sopravvissuti si sarebbero adattati con successo alle condizioni climatiche in rapido cambiamento e avrebbero continuato a ricostruire la civiltà. In effetti, la civiltà risultante potrebbe essere ancora più forte, con le lezioni apprese e le innovazioni generate dall’esperienza della doppia catastrofe. O, forse, l’adattamento non avrebbe avuto successo, date le condizioni molto difficili. In effetti, da questa prima indagine, non possiamo escludere la possibilità che la doppia catastrofe si tradurrebbe in una distruzione permanente della civiltà tecnologica avanzata o persino nell’estinzione umana. Il meccanismo più evidente è un fallimento mondiale delle forniture alimentari, ma potrebbero esistere anche altri meccanismi.

Come una svolta allo scenario della doppia catastrofe del SAI, considera che alcune forme di collasso sociale hanno i loro effetti climatici, tra cui la guerra nucleare, l’eruzione di super-vulcano e un grande impatto con asteroidi. Gli ultimi due sono relativamente improbabili, quindi ci concentreremo sulla guerra nucleare. Uno scambio di armi nucleari brucerebbe le città, inviando grandi quantità di cenere nell’atmosfera, causando l’inverno nucleare (Robock 2011). Se la guerra nucleare si verifica nello stesso momento in cui cessa la SAI, allora la cenere delle città bruciate potrebbe parzialmente contrastare l’effetto della cessazione della SAI. L’effetto sarebbe solo parziale: l’incendio delle città provocherebbe un rapido aumento del particolato atmosferico, mentre la cessazione della SAI provocherebbe un declino più graduale dell’aerosol stratosferico. L’effetto netto potrebbe essere quello di provocare un rapido declino della temperatura dalla cenere della guerra nucleare, seguito da un rapido aumento della temperatura quando sia la cenere che i particolati SAI lasciano l’atmosfera. La modellistica climatica dettagliata oltre lo scopo di questo documento potrebbe chiarire le conseguenze climatiche specifiche di una doppia catastrofe di guerra nucleare/intermittenza SAI. La linea di fondo è che questo doppio scenario di catastrofe porterebbe una serie diversa di sfide climatiche, che potrebbero essere difficili da sopravvivere come altri scenari, o persino più difficili.

4. Implicazioni per il processo decisionale SAI

Lo scenario della doppia catastrofe SAI (o, più in generale, la famiglia di scenari) è un modo in cui i cambiamenti climatici e la geoingegneria SAI potrebbero contribuire a una catastrofe globale di altissima grandezza: un evento che causa la fine permanente della civiltà tecnologica avanzata o persino l’estinzione umana. Pertanto, lo scenario ha importanti implicazioni per il processo decisionale sui cambiamenti climatici in generale e sulla geoingegneria. Nel contesto della massimizzazione del valore atteso, il processo decisionale può essere semplificato per ridurre al minimo il rischio di catastrofi globali di massima entità. Pertanto, le domande chiave qui sono quali decisioni in merito ai cambiamenti climatici e alla geoingegneria minimizzerebbero il rischio di catastrofi globali di massima portata.

Aiuterà a sviluppare criteri per la valutazione del valore atteso (EV) di SAI, che è la variazione del valore del mondo (W) con SAI rispetto a senza SAI. Senza considerare altre catastrofi, il valore può essere espresso come segue:


EV (SAI) = EV (W | SAI) – EV (W | N) = [EV (S) + EV (I)] – EV (N) (1)


Qui, N non è una ISC (ovvero la decisione di non attuare l’ISC), S è un’ISC di successo (ovvero ISC senza intermittenza) e I è ISC intermittente. EV (S) ed EV (I) sono ponderati in base alle probabilità (P) di successo SAI e intermittenza SAI, rispettivamente:

Qui, J e K rappresentano il numero totale di possibili conseguenze di S e I, rispettivamente; j e k sono variabili indice per ogni possibile conseguenza; e M rappresenta l’entità del valore per ogni possibile conseguenza. Questa notazione può aiutarci ad analizzare le decisioni SAI. Se EV (SAI)> 0, allora SAI aumenta il valore atteso e (assumendo un quadro di massimizzazione del valore atteso) la società dovrebbe decidere di implementare l’ISC. Supponiamo che EV (W | N) <EV (W | S) con la premessa che un ISC di successo abbasserebbe le temperature globali medie, portando così benefici netti previsti per l’umanità.

Questa ipotesi implica che altri inconvenienti della SAI non renderebbero la SAI inferiore. Se EV (W | S) <EV (W | N), non ci sarebbe motivo di implementare SAI. Supporremo inoltre che EV (W | I) <EV (W | N) con la premessa che si prevede che i rapidi aumenti di temperatura dell’intermittenza siano più dannosi degli aumenti graduali senza SAI (come mostrato nella Figura 1). Se EV (W | N) <EV (W | I), non ci sarebbe motivo di preoccuparsi dell’intermittenza.

L’assunto EV (W | I) <EV (W | N) significa che P (I) è un parametro cruciale. Se P (I) è sufficientemente elevato, allora la possibilità di intermittenza sarebbe sufficiente a sconsigliare la SAI. Ma l’incentivo per evitare l’intermittenza suggerisce che P (I) è basso, a meno che non ci sia una catastrofe iniziale per indurre l’intermittenza.6 Il factoring nella possibilità di una catastrofe non climatica che induce una doppia catastrofe SAI ci dà:

EV(SAI) = [ EV(S) + EV(A) + EV(D) ] – [ EV(R) + EV(C) ] (3)

Qui, A è solo intermittenza (cioè senza doppia catastrofe), D è doppia catastrofe, R è un cambiamento climatico “regolare” (cioè senza ISC o catastrofe), e C è “singola” catastrofe (cioè la stessa catastrofe che provocherebbe una ISC doppia catastrofe, tranne senza il SAI). S è uguale all’equazione 1. L’intermittenza SAI (I) può avvenire senza (A) o con (D) intermittenza, quindi EV (I) = EV (A) + EV (D). Allo stesso modo, il cambiamento climatico senza SAI (N) può avvenire senza (R) o con (C) una catastrofe separata, e quindi EV (N) = EV (R) + EV (C). Supponiamo che EV (W | D) <EV (W | A) con la premessa che l’intermittenza sarebbe peggiore con una catastrofe iniziale che senza.

Assumeremo anche che EV (W | D) <EV (W | C) con la premessa che le temperature di intermittenza che si riscaldano rapidamente renderebbero la doppia catastrofe peggiore di una singola catastrofe. Quest’ultima ipotesi può essere messa in discussione. La società pre-catastrofe potrebbe essere più forte in un mondo SAI che in un mondo con cambiamenti climatici graduali, e quella forza potrebbe aiutarla a sopportare la catastrofe. Inoltre, alcuni degli effetti più duri del cambiamento climatico, come il collasso della calotta glaciale, si verificano solo dopo un lungo periodo di temperature più elevate; L’intermittenza della SAI potrebbe innescare rapidamente questi effetti, specialmente se i sopravvissuti sono in grado di riprendere la SAI. Detto questo, EV (W | D) <EV (W | C) sembra ancora un presupposto ragionevole, date le sfide di far fronte ai rapidi aumenti di temperatura dell’intermittenza.

I calcoli del valore atteso sono dominati dalla possibilità di una catastrofe globale che causa la distruzione permanente (PD) della civiltà tecnologica avanzata, come discusso in Sect. 2.1. Così,

EV(SAI) ≈ [ 1 – P(PD|SAI) ] EV(X) – [ 1 – P(PD|N) ] EV(X) (4)

Qui, X è il valore del PD che non si verifica, cioè della civiltà avanzata che rimane intatta. EV (X) si basa criticamente su domande difficili su cose come il valore morale delle generazioni future, la fattibilità tecnologica della colonizzazione spaziale e il destino a lungo termine dell’universo. EV (X) potrebbe anche essere infinito, nel qual caso il processo decisionale potrebbe richiedere attenzione alla matematica dell’infinito (Baum 2010). Metteremo da parte il problema del valore infinito e suggeriremo di minimizzare P (PD) come criterio di decisione, che corrisponde approssimativamente al criterio “maxipok” (massimizzare la probabilità di un risultato “OK”) di Bostrom (2012). Utilizzando questo criterio, definiamo il valore decisionale (DV) di SAI come:

DV(SAI) = P(PD|N) – P(PD|SAI) (5)

Pertanto, la SAI deve essere implementata se DV (SAI)> 0, ovvero se la SAI determina una riduzione netta di P (PD).
Combinando le equazioni 3 e 5 si ottiene:

DV(SAI) = [ P(R)P(PD|R) + P(C)P(PD|C) ]
– [ P(S)P(PD|S) + P(A)P(PD|A) + P(D)P(PD|D) ] (6)

Nel complesso, ci aspetteremmo che P (PD | S) <P (PD | R) <{P (PD | A), P (PD | C)} <P (PD | D). P (PD | S) potrebbe essere vicino allo zero, soprattutto se altri inconvenienti SAI sono insignificanti. I cambiamenti climatici regolari (R) comportano gravi danni (come in Sherwood e Huber 2010), ma questi sarebbero più facili da sopportare rispetto a quelli di intermittenza (A) o di una catastrofe aggiuntiva (C). Il confronto tra P (PD | A) e P (PD | C) richiederebbe la conoscenza dei dettagli della catastrofe in C. Infine, P (PD | D) è il più alto perché coinvolge sia l’intermittenza che la catastrofe aggiuntiva.

Si noti che P (C) = P (D), poiché entrambi comportano la stessa catastrofe, solo con versus senza SAI. Sia D * le catastrofi che causerebbero la distruzione permanente con una doppia catastrofe ma non con una singola catastrofe. Supponiamo che C * ≈ 0, con C * siano le catastrofi che causerebbero la distruzione permanente con una singola catastrofe ma non con una doppia catastrofe. Inoltre, P (A) sembra essere basso a causa dell’incentivo per evitare l’intermittenza. Impostando P (PD | S) ≈ 0 e P (A) ≈ 0, l’equazione 6 può essere approssimata come:

DV(SAI) ≈ P(R)P(PD|R) – P(D*)P(PD|D) (7)

Un’intuizione importante dell’equazione 7 è che il processo decisionale della SAI dipende in modo critico dalla probabilità di determinate catastrofi non climatiche o P (D *).7 Se tali catastrofi sono sufficientemente rare, la SAI è vantaggiosa proteggendo dalla possibilità di distruzione permanente dal solo cambiamento climatico.

Ma se le catastrofi sono sufficientemente frequenti, la SAI sarebbe controproducente, con un conseguente aumento netto della probabilità di distruzione permanente. In sostanza, la decisione di attuare l’ISC si riduce alla domanda “Cosa è più preoccupante: catastrofe dei cambiamenti climatici o doppia catastrofe?”

È abbastanza plausibile che P (PD | R) sia basso, vale a dire che è improbabile che i danni causati dai cambiamenti climatici possano causare la distruzione permanente. Questo per dire che la civiltà umana probabilmente sopporterebbe i cambiamenti climatici, nonostante i danni che ne derivano. In questo caso, viene invertita la consueta logica dell’ISC che protegge dai danni dei cambiamenti climatici. Invece, ora possiamo dire che non implementare la SAI protegge dai danni della doppia catastrofe. La posta in gioco in questa nuova logica è molto più elevata: all’umanità viene chiesto di subire un grande danno al fine di proteggere la sua stessa esistenza. Ciò potrebbe rendere una decisione difficile, soprattutto se P (D *) << P (R). In tal caso, la SAI avrebbe una grande probabilità di migliorare significativamente le condizioni per l’umanità e una piccola probabilità di causare la distruzione permanente. Una piccola possibilità di catastrofe è sufficiente per saltare l’ISC e condannare l’umanità ai danni del cambiamento climatico? Seguendo rigorosamente la logica della massimizzazione del valore atteso, la risposta è sì.

Tuttavia, a fronte di danni sempre più duri ai cambiamenti climatici, potrebbe esserci un forte desiderio di attuare comunque l’ISC e cogliere la possibilità di una distruzione permanente.

Le decisioni odierne non riguardano l’implementazione della SAI in sé ma la ricerca e lo sviluppo della SAI, che sono spesso espressi come stipula di un’assicurazione per possibili futuri danni ai cambiamenti climatici (Keith 2000; Crutzen 2006; Gardiner 2010; Moreno-Cruz e Keith 2012). Ma la possibilità di una doppia catastrofe significa che l’ISC potrebbe essere persino più rischiosa del solo cambiamento climatico. Allo stesso modo, il possibile futuro desiderio di attuare l’ISC nonostante i rischi potrebbe significare che la ricerca e lo sviluppo di oggi creano una tentazione dannosa. In questo caso, la decisione corretta sarebbe quella di astenersi dalla ricerca e dallo sviluppo del SAI in modo da negare ai futuri decisori la tentazione dannosa, proprio come Ulisse e le Sirene (Elster 1979).8

5. Conclusione

Questo documento ha fornito un’analisi dettagliata dello scenario della doppia catastrofe del SAI, in cui un crollo catastrofico della società induce l’intermittenza del SAI. La gravità di questo scenario dipende congiuntamente dalla gravità del collasso e dalla gravità dell’intermittenza. In questo scenario esiste una grande incertezza, in particolare per quanto riguarda l’efficacia con cui i sopravvissuti al collasso potrebbero far fronte alle temperature in rapido aumento dell’intermittenza. Tuttavia, è plausibile che la doppia catastrofe possa essere così grave da causare la distruzione permanente della civiltà tecnologica avanzata o persino l’estinzione umana. Per questo motivo in particolare, evitare la doppia catastrofe è un obiettivo importante per il processo decisionale in merito alle emissioni di gas a effetto serra, alla geoingegneria e alla riduzione del rischio catastrofico globale in generale.

Una conclusione sicura dello scenario della doppia catastrofe del SAI è che la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra contribuirebbe a ridurre il rischio catastrofico globale. In assenza di ISC o altra geoingegneria, le riduzioni delle emissioni aiutano a evitare impatti catastrofici sul cambiamento climatico (come in Sherwood e Huber 2010). Se viene implementata la SAI, la riduzione delle emissioni riduce la gravità di ogni possibile intermittenza.

E in entrambi i casi, le riduzioni delle emissioni aiutano l’acidificazione degli oceani, che si nasconde come un’altra possibile causa della catastrofe globale. D’altro canto, è possibile che le riduzioni delle emissioni aumentino il rischio catastrofico globale. Forse la riduzione delle emissioni causerebbe un declino economico, rendendo la società più vulnerabile agli altri shock. Sono necessarie ricerche future per chiarire queste possibilità. Per ora, sembra che la riduzione delle emissioni provocherebbe una riduzione netta del rischio catastrofico globale.

Lo scenario di doppia catastrofe della SAI ha anche implicazioni su come implementare la SAI. Alcuni preparati possono aiutare a evitare l’intermittenza, anche in caso di collasso della società. La capacità di attuare l’ISC potrebbe essere ampiamente distribuita tra regioni geografiche, strutture politiche e altri gruppi. In caso di interruzioni di uno di questi gruppi, gli altri gruppi potrebbero continuare la ISC, prevenendo così intermittenze catastrofiche. Un’altra opzione è implementare l’ISC con una quantità minore di aerosol. Questo approccio otterrebbe alcuni dei benefici delle temperature più basse riducendo al contempo la gravità dell’intermittenza.

Ci sono almeno due fattori importanti nelle decisioni SAI che non sono stati esplorati in dettaglio in questo documento. In primo luogo, come si confronterebbero le emissioni di gas serra con o senza ISC? Se la SAI determinasse importanti riduzioni delle emissioni, ad esempio per paura dell’intermittenza, la SAI potrebbe causare una riduzione netta del rischio catastrofico globale. In secondo luogo, è più o meno probabile che si verifichi un collasso sociale con l’ISC? Se la SAI riduce la probabilità di collasso della società, ad esempio, rendendo la società più resistente alle pandemie, alle guerre e ad altri fattori di stress, la SAI potrebbe di nuovo causare una riduzione netta del rischio catastrofico globale. Le decisioni SAI trarrebbero beneficio da ricerche future su questi argomenti.

Infine, lo scenario della doppia catastrofe del SAI rafforza l’argomento per aumentare la capacità di ripresa della società al collasso. La creazione e il sostegno di comunità locali autosufficienti sarebbero più in grado di sopravvivere al collasso sociale e, a sua volta, alla doppia catastrofe del SAI. Tali comunità possono avere più successo se situate in aree geograficamente isolate e dotate del capitale ecologico, tecnologico e umano necessario per l’agricoltura, la costruzione di macchine e altri elementi fondamentali della civiltà. Alla luce del doppio scenario di catastrofe, tali comunità trarrebbero ulteriore vantaggio dalla capacità di resistere a grandi e rapidi aumenti di temperatura senza assistenza esterna.

Bunker e rifugi con scorte di cibo e altre necessità potrebbero aiutare, ma questi possono avere un valore limitato a meno che le persone in essi non abbiano le capacità per sostenere se stesse e ricostruire la società dopo che le scorte diminuiscono. È da notare che le comunità locali autosufficienti sarebbero utili anche in una serie di altri scenari di catastrofe globali, compresi gli scenari di collasso della società che non inducono l’intermittenza della SAI.

Una conclusione più generale che può essere raggiunta da questo documento è sull’importanza di considerare contemporaneamente più rischi catastrofici globali. Le catastrofi globali possono avere importanti effetti di interazione, come ad esempio un crollo catastrofico della società che causa l’intermittenza della SAI. Ancora più importante, le azioni che possiamo intraprendere ora possono avere un impatto su molteplici rischi catastrofici globali, come gli sforzi per costruire comunità che potrebbero essere autosufficienti durante una varietà di scenari di catastrofe. È necessario un approccio integrativo e basato su sistemi all’analisi del rischio catastrofico globale per comprendere queste varie interazioni e il modo migliore per ridurre il rischio complessivo di catastrofe globale.

Ringraziamenti

Un prezioso feedback sulle idee in questo documento è stato ricevuto da un pubblico (?) presso l’Research Institute for Humanity and Nature, Kyoto. Vanessa Schweizer ha ricevuto assistenza utile sulle traiettorie delle emissioni di gas a effetto serra e Anthony Barrett sugli scenari di guerra nucleare. Ringraziamo inoltre tre revisori anonimi per il feedback utile su una bozza precedente. Eventuali carenze rimaste in questo documento sono interamente a carico degli autori.

Note

  1. Intermittency without societal collapse is plausible, for example if a group opposed to SAI on moral grounds gains control of the SAI.
  2. Some major recent publications on global catastrophic risk and related concepts include Bostrom and Ćirković (2008);
    Martin (2007); Matheny (2007); Posner (2004); Rees (2003); Rockström et al. (2009); Smil (2008); Sunstein (2007); and Tonn and MacGregor (2009a). An extensive global catastrophic risks bibliography can be found at
    http://sethbaum.com/research/gcr/bibliography.pdf.
  3. See Ackerman et al. (2010), Costello et al. (2010), Dietz (2011), Nordhaus (2011), and Pindyck (2011).
  4. For example, molecular nanotechnology has been hypothesized to be able to make it profitable to mine CO 2 from the atmosphere (Toth-Fejel 2009).
  5. Millard-Ball (2011) notes that opposition to SAI implemented by a country like Tuvalu may be diminished by international sympathy towards Tuvalu’s dire predicament.
  6. As noted above, intermittency without initial catastrophe is possible despite the incentives, such as if a group opposed to SAI on moral grounds gains control of the SAI. Superficially, such scenarios appear substantially less likely than initial catastrophe scenarios, though dedicated research on these scenarios could clarify this.
  7. An example of the type of probability estimate we have in mind here is Hellman’s (2008) estimate of 1% for the annual probability of U.S.–Russia nuclear war.
  8. Ulysses (of Homer’s epic) ordered his crew to bind him to his ship so he could then hear the Siren’s song without killing himself. The story is of a present decision to constrain one’s future options out of expectation that the future selfwould make the wrong choice.

References

Ackerman F, Stanton EA, Bueno R (2010) Fat tails, exponents, extreme uncertainty: simulating catastrophe in DICE. Ecol Econ 69:1657–1665
Angel R (2006) Feasibility of cooling the Earth with a cloud of small spacecraft near the inner lagrange point (L1). Proc Natl Acad Sci USA 103:17184–17189
Ayson R (2010) After a terrorist nuclear attack: envisaging catalytic effects. Stud Confl Terrorism 33:571–593
Bala G, Duffy PB, Taylor KE (2008) Impact of geoengineering schemes on the global hydrological cycle. Proc Natl Acad Sci USA 105:7664–7669
Bamber JL, Layberry RL, Gogineni SP (2001) A new ice thickness and bed data set for the Greenland ice sheet 1. Measurement, data reduction, and errors. J Geophys Res 106:33773–33780
Bamber JL, Riva REM, Vermeersen BLA, LeBrocq AM (2009) Reassessment of the potential sea-level rise from a collapse of the West Antarctic Ice Sheet. Science 324:901–3
Barrett S (2008) The incredible economics of geoengineering. Environ Resour Econ 39:45–54
Baum SD (2010) Is humanity doomed? Insights from astrobiology. Sustain 2:591–603
Blackstock JJ, Battisti DS, Caldeira K, Eardley DM, Katz JI, Keith DW, Patrinos AA, et al (2009)
Climate engineering responses to climate emergencies. Arxiv preprint arXiv:0907.5140
Bostrom N (2002) Existential risks: analyzing human extinction scenarios and related hazards. J Evol Tech 9
Bostrom N (2012) Existential risk reduction as global priority. Global Policy (in press) http://www.existentialrisk.com/concept.pdf
Bostrom N, Ćirković M (2008) Global catastrophic risks. Oxford University Press, Oxford
Boucher O, Gruber N, Blackstock J (2011) Summary of the synthesis session. In: Edenhofer O, Pichs-Madruga R, Sokona Y (eds) IPCC expert meeting report on geoengineering. IPCC Working
Group III Technical Support Unit, Potsdam Institute for Climate Impact Research, Potsdam, Germany, pp 1–8
Bryden HL, Longworth HR, Cunningham SA (2005) Slowing of the Atlantic meridional overturning circulation at 25 degrees N. Nature 438:655–657
Buckley BM, Anchukaitis KJ, Penny D, Fletcher R, Cook ER, Sano M, Nam LC, et al. (2010) Climate
as a contributing factor in the demise of Angkor, Cambodia. Proc Natl Acad Sci USA107:6748–6752
Buesseler KO, Doney SC, Karl DM, Boyd PW, Caldeira K, Chai F, Coale KH, et al. (2008) Ocean iron fertilization: moving forward in a sea of uncertainty. Sci 319:162 Burrows WE (2006) The survival imperative: using space to protect Earth. Forge Books, New York
Butzer KW (2012) Collapse, environment, and society. Proc Natl Acad Sci USA 109:3632–3639
Butzer KW, Endfield GH (2012) Critical perspectives on historical collapse. Proc Natl Acad Sci USA109:3628–3631
Charles D (2006) A ‘forever’ seed bank takes root in the Arctic. Sci 312:1730–1731
Costello CJ, Neubert MG, Polasky SA, Solow AR, (2010). Bounded uncertainty and climate change economics. Proc Natl Acad Sci USA107:8108–8110
Crutzen P (2006) Albedo enhancement by stratospheric sulfur injections: a contribution to resolve a policy dilemma? Clim Chang 77:211–220
Dietz S (2011) High impact, low probability? An empirical analysis of risk in the economics of climate change. Clim Chang 108:519–541
Dunning NP, Beach TP, Luzzadder-Beach S (2012) Kax and Kol: collapse and resilience in lowland Maya civilization. Proc Natl Acad Sci 109:3652–3657
Early JT (1989) Space-based solar shield to offset greenhouse effect. J British Interplanet Soc 42:567–569
Elster J (1979) Ulysses and the sirens. Cambridge University Press, Cambridge, UK
EPICA Community Members (2006) One-to-one coupling of glacial climate variability in Greenland and Antarctica. Nature 444:195–198
FAS (Federation of American Scientists) (2012) Status of world nuclear forces.
http://www.fas.org/programs/ssp/nukes/nuclearweapons/nukestatus.html
Fischlin A, Midgley GF, Price JT, Leemans R, Gopal B, Turley C, Rounsevell MDA, Dube OP, Tarazona J, Velichko AA (2007) Ecosystems, their properties, goods, and services. In: Parry
ML, Canziani OF, Palutikof JP, Van der Linden PJ, Hanson CE (eds) Climate change 2007: impacts, adaptation and vulnerability. Contribution of working group II to the fourth assessment report of the Intergovernmental Panel on Climate Change. Cambridge University Press, Cambridge, UK, pp 211–272
Fuhrman JA, Capone DG (1991) Possible biogeochemical consequences of ocean fertilization. Limnol Oceanogr 36:1951–1959
Gardiner S (2010) Is ‘arming the future’ with geoengineering really the lesser evil? Some doubts about the ethics of intentionally manipulating the climate system. In: Gardiner S, Jamieson D, Caney
S, Shues H (eds) Climate ethics: essential readings. Oxford University Press, Oxford, pp 284–314.
Gnanadesikan A, Sarmiento JL, Slater RD (2003) Effects of patchy ocean fertilization on atmospheric carbon dioxide and biological production. Glob Biogeochem Cycles 17:1050. doi:10.1029/2002GB001940
Goes M, Tuana N, Keller K (2011) The economics (or lack thereof) of aerosol geoengineering. Clim Chang 109:719–744
Graham JD, Wiener JB (1995) Risk vs. risk: Tradeoffs in protecting health and the environment. Harvard University Press, Cambrdge, MA
Haimes YY (2008) Systems-based risk analysis. In: Bostrom N, Cirkovic MM (eds) Global catastrophic risks. Oxford University Press, Oxford, pp 146–163
Hanson R (2008) Catastrophe, social collapse, and human extinction. In: Bostrom N, Cirkovic MM (eds) Global catastrophic risks. Oxford University Press, Oxford, pp 363–378
Haqq-Misra J (2012) An ecological compass for planetary engineering. Astrobiology, 12:985-997
Hellman M. (2008) Risk analysis of nuclear deterrence. The Bent of Tau Beta Pi, Spring Issue: 14–22.
Hopkin M (2008) Biodiversity: frozen futures. Nature 452:404:405

Tilmes S, Müller R, Salawitch R (2008) The sensitivity of polar ozone depletion to proposed geoengineering schemes. Science 320:1201–1204
Tonn BE (2002) Distant futures and the environment. Futures 34:117–132
Tonn B, MacGregor D (2009a) Are we doomed? Futures 41:673–675
Tonn B, MacGregor D (2009b) A singular chain of events. Futures 41:706–714
Toth-Fejel T (2009) A few lesser implications of nanofactories: global warming is the least of our problems. Nanotech Percep 5:37–59
Tuana N, Sriver R, Svoboda T, Olson T, Irvine PJ, Haqq-Misra J, Keller K (2012), Towards integrated ethical and scientific analysis of geoengineering: a research agenda, Ethics, Policy and Environ 15:136–157.
Tubiello FN, Soussana JF, Howden SM (2007) Crop and pasture response to climate change. Proc Natl Acad Sci USA 104:19686–19690
Vaughan N, Lenton T (2011) A review of climate geoengineering proposals. Clim Chang 109:745–790
Veron JE (2008) Mass extinctions and ocean acidification: biological constraints on geological dilemmas. Coral Reefs 27:459–472
Victor DG (2008) On the regulation of geoengineering. Oxf Rev Econ Policy 24:322–336
Victor DG, Morgan MG, Apt J, Steinbruner J, Ricke K (2009) Geoengineering option: a last resort against global warming. Foreign Affairs 88:64–76
Weir F (2010) Russian fires prompt Kremlin to abruptly embrace climate change. Christ Sci Monit. August 9. http://www.csmonitor.com/World/Europe/2010/0809/Russian-fires-prompt-Kremlin-to-abruptly-embrace-climate-change
Weitzman ML (2009) On modeling and interpreting the economics of catastrophic climate change. Rev Econ Stat 91:1–19
Wigley TML (2006) A combined mitigation/geoengineering approach to climate stabilization. Sci 314:452–454

Fonte: https://www.researchgate.net/publication/257560354_Double_catastrophe_Intermittent_stratospheric_geoengineering_induced_by_societal_collapse

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: