Non c’è alcuna emergenza climatica!

Di Charles Rotter – 22 Maggio 2020

Ripubbicato da edmhdotme

Cosa succede se non vi è alcun rischio catastrofico dal riscaldamento globale causato dall’uomo?

Cosa accadrebbe se le emissioni di CO2 generate dall’uomo non fossero la “manopola del controllo climatico”?

Cosa succede se le emissioni di CO2 o artificiali in realtà sono  un non-problema?

E se ci fosse una vera catastrofe di raffreddamento globale in arrivo?

È la propaganda degli allarmisti catastrofici del riscaldamento globale/cambiamento climatico che ha confuso illogicamente l’anidride carbonica, il benefico gas traccia che sostiene la fotosintesi e quindi tutta la vita sulla Terra e che può causare un lieve riscaldamento, con inquinanti reali e pericolosi per creare il “Grande Spavento del riscaldamento globale/Spavento dei cambiamenti climatici/Emergenza climatica/eccetera”, con la loro  “narrazione di tutti” nei prossimi anni.

La progressione della temperatura dei nuclei di ghiaccio della Groenlandia, (durante l’Olocene interglaciale sopra), mostra che ogni punto più alto nel passato della nostra epoca benigna attuale:

  • Optimum
  • Minoan
  • Romano
  • Medievale
  • Moderno

è stato più freddo del suo punto più alto precedente.

Negli ultimi 3 millenni, dal 1000 a.C., il raffreddamento ha progredito a un ritmo considerevolmente superiore rispetto al precedente Olocene che comprendeva la temperatura più alta dell’Olocene Climate Optimum.

Poiché l’epoca dell’Olocene ha ormai circa 11000 anni, l’esperienza di recenti interglaciali precedenti mostra che, su una scala temporale geologica, potrebbe benissimo finire presto. È quindi molto più probabile che l’Olocene continui a raffreddarsi almeno al suo ritmo attuale, come ha fatto negli ultimi 3 millenni, a meno che non si concluda molto più improvvisamente come i precedenti interglaciali.

A causa dell’incapacità di apprezzare l’aritmetica elementare, la fisica e la biologia, il mondo occidentale è stato costretto a indulgere in un massiccio viaggio di colpa sulla sua civiltà industrializzata, con infinite previsioni di imminenti catastrofi surriscaldanti globali. Ma invece è probabile che il riscaldamento dell’Olocene moderno durante il 20° secolo e in particolare solo alla fine del 2° secolo sia:

  • benefico per la biosfera e il genere umano
  • entro limiti normali
  • purtroppo potrebbe non esserci nemmeno ora.

La probabilità è che l’attuale riscaldamento globale non sia principalmente prodotto dall’uomo e in ogni caso non potrebbe essere influenzato da alcuna azione correttiva, per quanto drastica, presa da una parte relativamente piccola della popolazione globale, le democrazie occidentali sviluppate.

Quindi quella prospettiva dovrebbe essere accolta con gioia immutata.

Se è così:

  • tutte le preoccupazioni per la CO2, in quanto un inquinante creato dall’uomo può essere completamente scontato.
  • non è necessario degradare inutilmente le economie capitaliste di successo del mondo occidentale.
  • se si stesse verificando un riscaldamento, ciò porterebbe a un clima più favorevole e salutare per la biosfera e l’umanità.
  • qualsiasi ulteriore CO2 ha già aumentato la fertilità di tutta la vita vegetale del pianeta.
  • se si verificasse affatto, un clima più caldo all’interno della variazione naturale, fornirebbe un futuro di maggiori opportunità e prosperità per la biosfera e per lo sviluppo umano, come è stato spesso dimostrato di essere BENEFICO in passato.
  • un clima più caldo ora sarebbe particolarmente vantaggioso per il mondo sottosviluppato.

Il ruolo della CO2 atmosferica

Oltre ad accettare ed enfatizzare il ruolo del vapore acqueo e delle nuvole nell’”effetto serra”, queste note usano il convenzionale pannello intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC), saggezza per calcolare l’effetto della temperatura della CO2. Qualsiasi politica climatica realistica dovrebbe basarsi sui seguenti punti sul riconoscimento del ruolo della CO2 atmosferica naturale e delle emissioni di CO2 generate dall’uomo:

  • L’effetto serra riscaldante è essenziale per tutta la vita sulla Terra, senza che sia pari a ~ + 33°C il pianeta Terra sarebbe davvero un posto molto freddo e inospitale.
  • La maggior parte dell’effetto serra, (~ 90% – 95%) deriva dall’acqua sotto forma di vapore e nuvole nell’atmosfera.

https://www.geocraft.com/WVFossils/greenhouse_data.html

  • Il ruolo principale dell’acqua come vapore o nuvole è pienamente riconosciuto dall’Intergovernmental Panel on Climate Change, IPCC.
  • Tuttavia, l’IPCC concentra le proprie opinioni allarmistiche solo sulle emissioni di CO2 prodotte dall’uomo. Ciò non sorprende, dopo tutto il ruolo negativo delle emissioni di CO2 prodotte dall’uomo e il loro presunto impatto sul clima è incorporato nella dichiarazione e nel mandato della missione IPCC.

https://www.ipcc.ch/site/assets/uploads/2018/02/WG1AR5_Chapter08_FINAL.pdf      (pagina 666 della valutazione IPCC.)

  • Invece l’anidride carbonica atmosferica è la sostanza stessa della vita e qualsiasi concentrazione più elevata sarebbe utile.
  • Il mondo ha bisogno della sua CO2 atmosferica per la sopravvivenza e la fecondazione di tutta la vita delle piante.
  • La CO2 atmosferica è essenziale per la FOTOSINTESI nelle piante, quindi sostiene tutta la vita sulla Terra
  • L’anidride carbonica atmosferica CO2 non è quindi in alcun modo inquinante.
  • A circa metà dell’attuale concentrazione atmosferica di CO2, la fotosintesi delle piante vacilla e il mondo morirebbe presto.
  • In confronto al suo passato geologico, il mondo è ancora in un periodo di carenza di CO2, poiché la maggior parte della CO2, una volta almeno 10 volte più abbondante nell’atmosfera quando le piante si sono evolute, è stata successivamente sequestrata dalla vita microscopica negli oceani come calcare, Carbonato di calcio.

Le concentrazioni di CO2 si sono avvicinate al livello fatalmente basso (~ 150 ppmv), durante l’ultima era glaciale, 110.000 a.C. – 10.000 a.C. Mentre gli oceani più freddi assorbono più CO2 e la vita oceanica la sequestra come calcare. Quel livello pericolosamente basso di CO2 atmosferica potrebbe benissimo essere superato in qualsiasi altra era glaciale.

Questo è il modo in cui il nostro mondo alla fine morirà di fame atmosferica di CO2 in un futuro periodo glaciale.

L’aumento della concentrazione di CO2, derivante principalmente da oceani leggermente più caldi che degassano la CO2, ha promosso la crescita delle piante in tutto il pianeta e ha ridotto il fabbisogno idrico delle piante. Secondo la NASA, circa il 15% in più di crescita verde in tutto il pianeta è già attribuibile all’aumento relativamente recente della concentrazione di CO2.

https://www.nasa.gov/feature/goddard/2016/carbon-dioxide-fertilization-greening-earth

La specie umana nel suo insieme contribuisce solo a una piccola quantità di CO2 al ciclo del carbonio, (~ 3% all’anno), e qualsiasi ulteriore CO2 atmosferica viene rapidamente assorbita dagli oceani e dalla biosfera (con un’emivita probabilmente di tipo breve ~ 5 anni).

La CO2 atmosferica, artificiale o prevalentemente naturale, non è un inquinante . Se una quantità extra di CO2 dovesse avere un lieve effetto di riscaldamento, andrebbe ancora meglio. 

Vedi Patrick Moore 2016 Frontier Center for Public Policy.

Tuttavia, è improbabile che l’aggiunta di CO2 dall’uso di combustibili fossili da parte dell’umanità sia sufficiente per evitare gli effetti avversi di raffreddamento della prossima fine dell’Olocene interglaciale.

La diminuzione dell’efficacia del riscaldamento di maggiori concentrazioni di CO2 nell’atmosfera.

Nonostante la propaganda isterica, non esiste una relazione lineare tra concentrazione di CO2 e temperatura globale. Nonostante la propaganda dell’IPCC delle Nazioni Unite, la concentrazione di CO2 atmosferica non è una manopola di controllo sulla temperatura globale.

L’efficacia della CO2 come riscaldamento del gas serra diminuisce rapidamente logaritmicamente all’aumentare della sua concentrazione. La conseguenza di questa riduzione logaritmica significa che ora tutti gli ulteriori aumenti di temperatura indotti dalla CO2 possono essere solo:

  • assolutamente marginale
  • che non vi è alcuna possibilità di ulteriore riscaldamento globale catastrofico dall’aumento della CO2 atmosferica, prodotta o meno dall’uomo.

In altre parole, non può esserci “un’enorme emergenza climatica” causata da ulteriori aumenti delle emissioni di CO2 prodotte dall’uomo.

Questo effetto logaritmico di riduzione è causato dalle lunghezze d’onda di energia sovrapposte tra i gas serra e il vapore acqueo nell’atmosfera. Di conseguenza all’attuale livello di concentrazione di CO2 nell’atmosfera a ~ 400 ppmv, l’effetto della CO2 come gas serra è quasi completamente saturo.

Un’analogia dell’effetto di riduzione della CO2 con concentrazioni crescenti può essere immaginata come se si stesse dipingendo su una finestra con strati successivi di vernice bianca. Il primo strato sarà ancora abbastanza traslucido, ma i livelli successivi ridurranno progressivamente la traslucenza fino a quando la finestra non sarà completamente oscurata e, successivamente, eventuali ulteriori strati di vernice non potranno fare alcuna differenza al fatto che la finestra è già completamente oscurata. 

Una concentrazione di CO2 atmosferica superiore a 200 ppmv, equivalente a circa il 77% dell’efficacia della CO2 nella serra, ed è essenziale per mantenere la vita delle piante e quindi tutta la vita sulla Terra. La vita delle piante si estinguerebbe completamente con livelli di CO2 a ~ 150 ppm.

La CO2 non sta causando il riscaldamento globale

Con l’attuale livello di CO2 di ~ 400 ppmv, ~ 87% dell’efficacia della CO2 come gas serra è già esaurita: solo il 13% dell’efficacia di riscaldamento della CO2 rimane addirittura fino a 1000 ppm.

Ora c’è così poco del potenziale della CO2 come un gas serra che rimane ora come ora non c’è alcuna possibilità di raggiungere il “tanto temuto” + 2,0° C: + 1,5° C o più previsto dagli allarmisti.

Rispetto alla CO2, il vapore acqueo e le nuvole svolgono un ruolo molto più significativo nell’effetto serra. Il metano e altri gas serra che riscaldano svolgono un contributo ancora meno importante e solo marginale all’effetto serra.

Di seguito è mostrata la gamma di opinioni scientifiche pubblicate sul significato dell’acqua atmosferica sull’effetto serra che varia dal 98% al 75%. L’ulteriore riscaldamento residuo di CO2 disponibile in questa gamma di affermazioni fino a una concentrazione di 1000 ppmv o circa 2,5 volte l’attuale concentrazione di CO2.

L’ulteriore riscaldamento residuo di CO2 disponibile in questa gamma di casi fino a una concentrazione di 1000 ppmv, circa 2,5 volte l’attuale concentrazione di CO2. Oltre 1000 ppm la capacità di aumento della temperatura della CO2 atmosferica può essere scontata. 

Quindi d’ora in poi aumentare la CO2 nell’atmosfera non può che portare ad un ulteriore riscaldamento molto limitato e certamente non ad alcun aumento catastrofico e pericoloso della temperatura. 

Questi calcoli mostrano quindi che la sensibilità climatica al raddoppio della concentrazione di CO2 varia da 0,17 ° C a 0,33 ° C.

La riduzione logaritmica funziona come segue: L’effetto decrescente di concentrazioni crescenti di CO2 atmosferica sulla temperatura

  • Il 77% dell’effetto serra di CO2 della CO2, 0-200 ppmv, è essenziale per sostenere la vita delle piante e quindi tutta la vita sulla terra.
  • La CO2 extra atmosferica concima le piante in modo rapido e molto efficace, migliorando la crescita e riducendo la domanda di acqua.
  • Anche se si presume che tutto l’aumento da 300ppmv – 400ppmv sia prodotto dall’uomo, avrebbe potuto dare solo il 4,2% dell’effetto serra netto (a parte acqua e nuvole), quindi un probabile aumento di temperatura tra 0,07°C – 0,14°C
  • Un possibile aumento immediato da 400 ppm – 500 ppm potrebbe solo dare un probabile aumento tra 0,05°C – 0,11°C
  • Un successivo aumento di CO2 da 500 ppm – 1000 ppm, se dovesse verificarsi, può solo dare un ulteriore aumento tra 0,17°C – 0,33°C
  • Ciò ignora l’affermazione IPCC che accetta che solo il 50% dell’attuale aumento di CO2 è prodotto dall’uomo, il che ridurrebbe della metà l’intervallo di aumento della temperatura prodotta dall’uomo di valori di CO2.
  • Ciò ignora anche l’ipotesi formulata nei modelli climatici dell’IPCC secondo cui vi è un massiccio feedback positivo e crescente da un ulteriore aumento delle emissioni di CO2: anche se fosse stato dimostrato un così grande feedback positivo, qualsiasi riscaldamento derivante dal persistere delle emissioni di CO2 rimarrebbe comunque marginale a causa della diminuzione logaritmica.

Gli allarmisti hanno affermato che livelli di + 2,0°C – + 1,5°C sono catastrofici e purtroppo hanno convinto la maggior parte dei politici del mondo occidentale. È stato ammesso, tramite le e-mail di Climategate, dagli scienziati allarmisti dell’Università dell’East Anglia che il precedente valore peggiore di + 2°C era semplicemente “campato in aria“.

Dal punto di vista economico qualsiasi aumento fino a un ulteriore + 2°C sarebbe utile. Le temperature globali si avvicinerebbero quindi al periodo molto abbondante della precedente epoca interglaciale Eemiana 110.000 anni fa, quando ippopotami prosperavano nel delta del Reno.

https://academic.oup.com/reep/article/12/1/4/4804315

È ora probabile che l’impatto di qualsiasi aumento delle concentrazioni di CO2 sulla temperatura globale non sia solo marginalmente insignificante, ma anche incommensurabile, anche alla sua massima efficacia valutata dall’IPCC.

E in effetti qualsiasi aumento della temperatura potrebbe essere benefico.

Il futuro delle emissioni di CO2 generate dall’uomo

Portare l’India e il mondo in via di sviluppo (circa 4,1 miliardi di persone, circa il 44% della popolazione mondiale), fino all’attuale livello di sviluppo della Cina, rappresentato dal suo attuale livello di emissioni/CO2 cinesi, nei prossimi decenni le loro emissioni di CO2 sono destinate ad aumentare di ulteriori 33 miliardi di tonnellate all’anno (in effetti raddoppiando le attuali emissioni di CO2 prodotte dall’uomo). Questo aumento progressivo e inevitabile delle emissioni di CO2 viene promosso e supportato dal programma cinese “Belt and Road” con almeno 700 nuove centrali elettriche a carbone in costruzione o in cantiere.

Quantificare la futilità: stimare le future emissioni globali di CO2

Emissioni globali di CO2 causate dall’uomo 1965-2018: dati BP

Di fronte a questa inevitabile escalation in tutto il mondo in via di sviluppo, la convinzione politica delle Nazioni occidentali di essere in grado di limitare la temperatura globale eliminando la loro proporzione relativamente piccola di emissioni di CO2 dal proprio uso di combustibili fossili, ora può avere solo marginalmente, effetti incommensurabili e autolesionistici.

https://www.lomborg.com/press-release-research-reveals-negligible-impact-of-paris-climate-promises

Pertanto, qualsiasi sforzo di de-carbonizzazione da parte delle Nazioni occidentali è fuorviante, irrilevante e inutile.

I combustibili fossili sono un dono della natura. Sono come una batteria di energia creata dalla luce solare diversi milioni di anni fa. Il loro uso ha permesso tutto lo sviluppo civile in tutto il mondo. Continueranno a sostenere la crescita della prosperità del mondo in via di sviluppo.

I combustibili fossili non si stanno esaurendo. Ad esempio, ci sono 300 anni di carbone al massimo tasso di estrazione precedente disponibile solo nel Regno Unito. Gli sviluppi del fracking possono verificarsi quasi ovunque nel mondo.

Tuttavia c’è una vera catastrofe climatica in arrivo

Quella catastrofe in arrivo è l’esatto opposto degli allarmisti climatici con i loro:

“Andremo tutti a friggere nella narrativa di dodici anni”.

Questa prospettiva presagisce un futuro spaventoso per il genere umano e la biosfera e potrebbe arrivare anche nel breve termine:

  • Secondo dati relativamente recenti di Ice Core, l’ultimo millennio 1000 – 2000 d.C. è stato il più freddo del nostro attuale interglaciale olocenico.
  • Dal ~ 1000 a.C., prima dell’epoca romana, il mondo si stava già raffreddando progressivamente a ~ 0,14°C/millennio, ~ 20 volte il tasso precedente.

Contesto olocenico per il riscaldamento globale antropogenico catastrofico

  • Ma, come si può vedere, nel rapido recupero dall’ultima era glaciale, 10.000 anni fa, quando la temperatura è aumentata ad un tasso di ~+2,5°C/millennio, ~ 20 volte l’attuale tasso di diminuzione della temperatura, il clima mondiale può cambiare improvvisamente e molto più radicalmente, come ha fatto alla fine dell’interglaciale Eemiano.
  • Il mondo potrebbe incontrare una scogliera simile alla caduta della temperatura alla fine della nostra attuale epoca dell’Olocene, questo secolo, il prossimo secolo o in questo millennio.
  • Il moderno breve impulso del benefico riscaldamento globale si è fermato con una diminuzione dell’attività solare, circa 20 anni fa e le recenti temperature globali sono ora stabili o in calo.
  • Il calore dell’epoca dell’Olocene è stato responsabile di tutti i progressi dell’umanità, dalla vita nelle grotte ai microprocessori. A 11.000 anni, la nostra attuale epoca interglaciale congeniale e calda dovrebbe arrivare verso la fine.
  • Perciò è ragionevole pensare che il nostro mondo probabilmente tornerà presto (in tempo geologico) in un altro periodo di vera glaciazione, risultando di nuovo in calotte di ghiaccio alte miglia su New York.

Tuttavia, esiste una possibilità di tregua a medio termine: la meccanica planetaria in questo interglaciale dell’Olocene è unicamente diversa dai precedenti interglaciali degli ultimi 400.000 anni. Sorprendentemente, poiché l’orbita terrestre ha attualmente un’eccentricità molto bassa, questo interglaciale olocenico potrebbe benissimo persistere molto più a lungo della norma precedente di circa 11.000 anni prima della discesa del mondo in un’era glaciale davvero catastrofica.

Secondo l’analisi di Clive Best, la nostra epoca dell’Olocene è unica in coincidenza con una bassa eccentricità orbitale. Di conseguenza la nostra epoca benefica e calda dell’Olocene potrebbe continuare per altri 12.000 anni, prima della grave discesa nella vera glaciazione

http://clivebest.com/blog/?p=7344

Per dare un po ‘di contesto sulle ere glaciali, questo video fornisce un’animazione delle ere glaciali dell’emisfero settentrionale negli ultimi 400.000 anni.

Questo era lo stato della costa dell’Europa occidentale che può essere visto in basso con livelli del mare molto più bassi solo 16.000 anni fa e questo dà un’idea di come apparirà una nuova era glaciale a tempo debito.

Tuttavia, nell’immediato, sembra probabile che una riduzione relativamente minore della produzione di energia solare possa ancora influenzare radicalmente il clima mondiale con periodi periodici e abbastanza devastanti di piccola era glaciale come quelli del 1300-1850. Quella piccola era glaciale che terminò solo 150 anni fa, in seguito al prolifico periodo caldo medievale, causò enormi sofferenze e la morte di milioni di persone.

https://electroverse.net/category/crop-loss/

La prospettiva di persino spostarsi in una direzione di raffreddamento è qualcosa di veramente preoccupante, sia per la biosfera che sicuramente per il benessere della popolazione del genere umano che si avvicina agli 8 miliardi.

Anche se la nostra benefica epoca dell’Olocene persiste oltre i 12.000 anni, un certo raffreddamento immediato ora sembra probabile nel breve termine (questo secolo), a causa dello stato dell’attuale ciclo solare.

In che modo il sole influenza le temperature sulla Terra

Schermata 29-10-2019 a 18.27.44.png
  • Il tempo peggiora e più violento nei periodi più freddi, semplicemente a causa del maggiore differenziale di energia che si presenta tra i poli e i tropici.
  • Il freddo riduce fatalmente la produttività agricola.
  • Tale raffreddamento a breve termine sta già diventando evidente e influisce sulla produttività agricola.
Schermata 2019-09-23 su 10.16.42.png

La vera crisi climatica non è il riscaldamento globale, si sta raffreddando e potrebbe già essere iniziata

La storica tormenta del Midwest ha gli agricoltori “aspettarsi perdite di raccolto massicce”

E così, cercare di limitare l’effetto di riscaldamento delle emissioni di CO2 prodotte dall’uomo nel mondo occidentale non farà nulla per migliorare una catastrofe climatica secondaria imminente né la successiva inevitabile discesa nella piena glaciazione. Qualsiasi “azione per il clima”, se efficace, potrebbe solo migliorare l’effetto di raffreddamento che è già stato evidente negli ultimi 3 millenni.

Conclusione

Non esiste un’emergenza climatica creata dall’uomo per il riscaldamento globale.

“Non c’è emergenza climatica”

Spendere qualsiasi sforzo per evitare il riscaldamento globale, per motivi esclusivamente emotivi e infantili, senza:

  • dibattito scientifico rigoroso
  • vera due diligence finanziaria e realistiche analisi costi-benefici
  • due diligence ingegneristiche complete per eventuali soluzioni tecniche proposte
  • per non parlare dei costi su scala mondiale del PIL, (misurati in trilioni),

Cercare di fermare l’1% del Regno Unito o il 10% dell’UE o il <30% dell’occidente capitalista di qualcosa che non sta accadendo da 3000 anni deve essere monumentalmente sconsiderato.

Emissioni globali di CO2 causate dall’uomo 1965-2018: dati BP

Dovrebbe essere chiaro che la vera ragione del pensiero “verde” è portare la catastrofe energetica ed economica nel mondo occidentale capitalista.

Il pensiero ecologico e le sue politiche indotte dovrebbero essere considerati come una continuazione della “guerra fredda”.

https://thecritic.co.uk/issues/december-2019/the-plot-against-fracking/

“A differenza della maggior parte delle teorie della cospirazione sulla intromissione russa nella politica occidentale, questa è là fuori in bella vista. Il capo della NATO, Anders Fogh Rasmussen, ha affermato che i russi, nell’ambito di una sofisticata operazione di disinformazione, “si sono impegnati attivamente con le cosiddette organizzazioni non governative – organizzazioni ambientaliste che lavorano contro il gas di scisto – per mantenere la dipendenza dell’Europa dal gas russo importato”.

Il Center for European Studies ha scoperto che il governo russo ha investito $ 95 milioni in campagne non governative contro il gas di scisto. … .. Il direttore della National Intelligence degli Stati Uniti ha dichiarato che “RT gestisce una programmazione anti-fracking … che riflette la preoccupazione del governo russo per l’impatto del fracking e della produzione di gas naturale degli Stati Uniti sul mercato globale dell’energia e le potenziali sfide per la redditività di Gazprom”.

La Russia, la Cina e l’India stanno effettivamente prendendo in giro il modo in cui i governi occidentali sono stati indotti dal loro “pensiero verde e dalla loro segnalazione di virtù” per promuovere le loro politiche di abietto autolesionismo a un grande costo nazionale e ad improbabili benefici percepibili, solo forse in un lontano futuro. Tali azioni sono supportate da “utili idioti” occidentali (termine di Lenin). Lenin li giudicava giustamente in totale disprezzo. 

I mondi in via di sviluppo e orientali non seguiranno certamente docilmente l’esempio squilibrato della “segnalazione della virtù” occidentale.

Il contesto nella primavera del 2020

Nonostante tutta la rumorosa propaganda climatica degli ultimi 30 anni, nella primavera del 2020 il mondo si trova di fronte a un’emergenza economica diversa ma molto reale dalle reazioni alla pandemia del virus COVID-19.  

Quell’emergenza, con il mondo che sta affrontando la crisi economica globale e la morte immediata di molti cittadini, dovrebbe mettere in futura prospettiva i futili, autolesionisti e costosi tentativi del governo di controllare il clima futuro. Questa vera e propria emergenza pandemica mostra chiaramente quanto siano veramente irrilevanti le preoccupazioni per probabilmente i “Cambiamenti climatici” probabilmente irrilevanti in un futuro lontano.

Traduzione: Attività Solare

Fonte: WUWT

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: