Il Tempo “bloccato” sull’Europa e i Coralli che ne sanno più di noi

Articolo di Guido Guidi, 13 Giugno

È incredibile come la “persistenza” citata nell’articolo sia solo nei crani di scienziati globalisti e warmisti di ogni censo e cultura nell’arroccarsi tra le vette più alte della disinformazione ed arrampicarsi sugli specchi nel tentativo di dimostrare che esiste un riscaldamento globale catastrofico causato dalle attività umane. Da tempo ormai le evidenze sono tutte volte ad un periodo climatico in direzione del freddo.

Europa, giugno, praticamente al solstizio, estate latitante. Che succede? Niente di che, semplicemente, quest’anno, ancora non si sono viste configurazioni di blocco – leggi modalità della circolazione che facilitano la persistenza di regimi di alta o bassa pressione – che abbiano riversato i loro effetti positivi sull’Europa centrale.

A dire il vero in questi giorni un blocco c’è, ed è anche piuttosto robusto, però è sull’Europa settentrionale, Scandinavia, Baltico e Mare di Barents. Lì sì è arrivata l’estate, e sono arrivate anche temperature piuttosto alte per il periodo, per la gioia di commentatori sempre alla ricerca di qualcosa di eccezionale anche quando non lo è. Però, con l’alta pressione ben salda lassù, per il resto d’Europa sono dolori o, meglio, sono piogge, temporali e temperature sotto media.

Quindi, se il tempo lo fa sicuramente l’assetto della circolazione, il maltempo e il solleone duraturi lo fanno sempre le configurazioni di blocco, quelle fasi cioè in cui l’ampiezza delle onde planetarie è tale da mantenere la persistenza di un determinato regime atmosferico su di una determinata porzione di territorio. Da questa persistenza possono quindi derivare condizioni estreme. D’estate, un blocco con l’alta pressione sull’Europa centrale può portare onde di calore, viceversa d’inverno un blocco sulla parte nord del continente può causare ondate di freddo verso sud.

Negli ultimi tempi si è discusso molto circa la possibilità che il riscaldamento del pianeta – in corso da qualche secolo – possa avere effetti anche su persistenza, dimensioni e frequenza di occorrenza delle configurazioni di blocco. La ricerca non ha portato evidenze di trend particolari per il passato recente, mentre gli scenari climatici indicano in generale un possibile trend negativo per la frequenza di occorrenza, ma positivo per l’ampiezza. Come appena detto, di questo non c’è riscontro nelle osservazioni, anche perché definire esattamente cos’è un blocco in termini fisici non è affatto semplice. Ad ogni modo, alla domanda “Il climate change sta causando blocchi più frequenti?”, la risposta è attualmente no.

Tutto questo e molto altro, è ben spiegato in un interessante articolo che mi è capitato per le mani via twitter:

Ve ne consiglio la lettura, anche se, quando si arriva alla discussione sulle proiezioni è necessario trattenere il respiro (anzi, il sospiro), perché inevitabilmente la letteratura che si riporta è riferita allo scenario climatico RCP8.5, che ormai sappiamo essere buono solo per il secchio, a meno che non venga utilizzato per quello che è invece che per fare previsioni, ossia una sorta di stress test estremo che non ha nessuna probabilità di occorrenza, né alcuna coerenza con la realtà.

E questo, invece , è proprio quello che ha fatto un altro gruppo di ricercatori, dedicando però l’attenzione ad un altro spauracchio dell’AGW, l’aumento del livello dei mari e la presunta (non)resilienza degli atolli del Pacifico. Lo stress test ha dimostrato che le isole della barriera corallina, piuttosto che scomparire miseramente tra i flutti, si adattano. Quando il livello del mare cresce i coralli salgono e il deposito dei sedimenti contribuisce a mantenere quei piccoli lembi di terra emersa appunto tale.

Di questo, diversamente da quanto detto invece per le configurazioni di blocco, dove non c’è accordo tra le proiezioni e le osservazioni, c’è invece una conferma nella realtà dei fatti. Alcuni atolli del Pacifico, buona parte di quelli messi sotto osservazione, sono effettivamente cresciuti di dimensioni sotto l’assalto dell’aumento del livello del mare.

Leggere per credere:

Questa isola del Pacifico era destinata a scomparire, ma in realtà sta diventando sempre più grande

DAVID NIELD 15 febbraio 2018

La nazione insulare polinesiana di Tuvalu è stata a lungo contrassegnata come il candidato principale per essere inghiottita dall’oceano con l’innalzamento del livello del mare, ma una nuova ricerca mostra che la massa terrestre della nazione si sta effettivamente espandendo.

È basato su fotografie aeree e immagini satellitari prese dei nove atolli di Tuvalu e delle 101 isole coralline tra il 1971 e il 2014. I ricercatori hanno scoperto che otto degli atolli e quasi tre quarti delle isole sono cresciuti in quel periodo.
Nel complesso, l’aumento della superficie terrestre è stata del 2,9 per cento, anche se i livelli del mare registrati sono aumentati intorno alle coste del paese. Il team dell’Università di Auckland in Nuova Zelanda afferma che potremmo dover ripensare a quante nazioni insulari come Tuvalu probabilmente scompariranno.
“Tendiamo a pensare agli atolli del Pacifico come a morfologie statiche che saranno semplicemente inondate con l’innalzamento del livello del mare, ma ci sono prove crescenti che queste isole sono geologicamente dinamiche e in costante evoluzione”, come afferma uno dei ricercatori, Paul Kench.
“I risultati dello studio possono sembrare controintuitivi, dato che [il] livello del mare è aumentato nella regione nell’ultimo mezzo secolo, ma il modo dominante di cambiamento in quel periodo su Tuvalu è stato l’espansione, non l’erosione.”
Quindi, con il livello del mare attorno a Tuvalu che sale al doppio della media globale durante il periodo di studio – circa 4 millimetri o 0,16 pollici ogni anno – come si sta espandendo la massa terrestre allo stesso tempo?

I ricercatori affermano che i modelli ondulatori che spostano sedimenti, sabbia e ghiaia, oltre a materiale scaricato dalle tempeste, potrebbero compensare l’erosione costiera.
Il team suggerisce anche che mentre i cambiamenti climatici rappresentano ancora una minaccia all’esistenza delle nazioni degli atolli, i loro abitanti possono ancora pianificare un futuro a lungo termine, forse concentrando lo sviluppo della comunità sulle isole più grandi che sono meno minacciate.

Alcune delle isole Tuvalu. (Università di Auckland)

Tuttavia, non tutti sono completamente soddisfatti del nuovo studio. Il Primo Ministro di Tuvalu, Enele Sopoaga, ha dichiarato ai giornalisti in una conferenza stampa che la ricerca non tiene conto delle aree abitabili e degli effetti come l’intrusione di acqua salata.

“Come leader del Tuvalu, su cui la maggior parte del rapporto ha prestato la maggior parte della sua attenzione, lo trovo del tutto sfortunato e forse inopportuno in quanto l’elemento di notizie non è mai stato autorizzato a rispondere o verificare dalle autorità di Tuvalu”, ha detto il PM, come riporta il Fiji Times.

Il governo del Tuvaluan sta preparando una risposta al nuovo studio, quindi dovremo aspettare fino a quando non sembrerà vedere i problemi sollevati. Nel frattempo, la ricerca dell’Università di Auckland è stata sottoposta a revisione paritaria e accettata per la pubblicazione.

Ciò che il team dietro il nuovo studio sottolinea è che questa non è in alcun modo una scusa per non tentare di mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici: sappiamo che alcune isole del Pacifico sono già state rivendicate dall’innalzamento del livello del mare e si pensa che ne minaccia altre.
I ricercatori hanno anche scritto nel loro articolo pubblicato che la popolazione di Tuvalu dovrà ancora adattarsi per sopravvivere – non sarà sufficiente solo sedersi e sperare che la massa terrestre dell’isola continui ad espandersi.
Detto questo, lo studio suggerisce che gli abitanti di Tuvalu e di altre simili isole potrebbero avere più tempo di quanto si rendano conto, e potrebbero non dover necessariamente migrare su lunghe distanze e abbandonare le loro case per evitare le maree in aumento.
“Sulla base di questa ricerca progettiamo una traiettoria marcatamente diversa per le isole di Tuvalu nel prossimo secolo rispetto a quanto comunemente previsto”, afferma Kench.
La ricerca è stata pubblicata su Nature Communications.

Climate Monitor

Science Allert

Nature

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: