Ricerca scientifica pubblicata su piccole celle 4G, 5G, radiazione wireless e salute

La scienza pubblicata peer review indica già che le attuali tecnologie wireless di 2G, 3G e 4G – in uso oggi con i nostri telefoni cellulari, computer e tecnologia indossabile – creano esposizioni a radiofrequenze che rappresentano (pongono) un grave rischio per la salute di esseri umani, animali e l’ambiente. Gli scienziati stanno avvertendo che prima di distribuire il 5G, devono essere urgentemente condotte ricerche sugli effetti sulla salute umana prima di garantire che il pubblico e l’ambiente siano protetti.

Le “piccole celle” sono antenne a microonde (sostanzialmente torri cellulari più corte) che vengono rapidamente installate in aree pubbliche su pali della luce e lampioni di fronte a case, parchi e scuole. Proprio come le torri cellulari, queste antenne wireless generano ed emettono radiazioni a radiofrequenza a microonde (RF) per trasmettere segnali di rete 2G, 3G e 4G. Le aziende presto pianificano di aggiungere una nuova tecnologia chiamata 5G che utilizzerà l’attuale tecnologia 4G oltre a frequenze ancora più elevate. Le frequenze più alte includono emissioni di onde millimetriche che non erano state precedentemente rilasciate in aree pubbliche.

«Il 5G è una delle tecnologie più critiche negli ultimi tempi. Una causa del suo bisogno di supportare una maggiore velocità di trasmissione dei dati, il 5G trasferire onde millimetriche (in generale tra 24 GHz e 86 GHz, in Italia nella banda a 26 GHz). Le onde millimetriche occupano la banda di frequenze estremamente elevate (da 30 GHz a 300 GHz) dello spettro delle radiofrequenze. Questa banda di frequenza ha lunghezze comprese tra 10 mm e 1 mm, e sono perciò chiamate “onde millimetriche”.
Le aziende tecnologiche stanno testando e investendo in strutture di rete wireless 5G con il supporto di onde millimetriche. Le piccole celle potrebbero presto scegliere le onde millimetriche per la loro futura implementazione. Le onde millimetriche possono sostituire le tradizionali linee di trasmissione in fibra ottica che collegano le stazioni radio base mobili. Tuttavia, in questo quadro idilliaco tracciato dai tecno-ottimisti vi sono in realtà poche luci e (soprattutto) molte ombre assai serie.
Ricerche indipendenti, del resto, già esistenti che prevedono un lungo termine alle radiazioni a microonde possono causare il cancro nel corpo umano: gli studi decennali dell’Istituto Ramazzini e del National Toxicology Program sono molto eloquenti in tal senso, e corroborati da studi epidemiologici che legano al di là di ogni ragionevole dubbio uso intenso dei telefoni cellulari al cancro. Ma le telecomunicazioni sono un enorme business per le telecomunicazioni, che in certi Paesi pagano molto per lo spettro delle frequenze. https://www.inquinamento-italia.com/onde-millimetriche-usi-svantaggi-incognite-e-pericoli-rischi-radar-sistemi-phased-array-antenne-fase/»

Ricerche indipendenti già esistenti che prevedono un lungo termine alle radiazioni a microonde possono causare il cancro nel corpo umano.

Le aziende affermano che queste antenne 4G e 5G aumenteranno i livelli di radiazione wireless nell’area così tanto che stanno lavorando per allentare i limiti di radiazione di diversi governi al fine di implementarli. Più di 240 scienziati hanno pubblicato un appello alle Nazioni Unite per ridurre l’esposizione pubblica e hanno chiesto una moratoria sul 5G citando effetti biologici negativi “accertati” delle radiazioni RF.

Il 5G utilizzerà non solo le frequenze attualmente in uso, ma anche frequenze d’onda millimetriche e sub-millimetriche più elevate. Le celle di piccole dimensioni installate nelle città sono in genere la tecnologia 4G con un’ampia varietà di frequenze. Pertanto, quando consideriamo gli impatti sulla salute del 5G e delle piccole cellule stiamo esaminando la ricerca sulle attuali tecnologie e frequenze in uso oltre alla ricerca sulle onde sub-millimetriche e millimetriche. Lo standard 5G è nuovo, non ci sono studi che hanno esaminato l’esposizione umana a lungo termine al 5G. Tuttavia, l’attuale corpus di ricerche che trovano effetti dall’attuale tecnologia wireless fornisce dati sufficienti agli scienziati per chiedere una moratoria.

Recensioni pubblicate su 5G

“5G Wireless Expansion: Public Health and Environmental Implications”, pubblicato su Environmental Research, è una recensione di ricerca che documenta la gamma di effetti avversi segnalati delle onde RF e millimetriche: gli effetti vanno dal cancro alle variazioni della crescita batterica al danno del DNA. Lo studio conclude che “è giustificata una moratoria sulla diffusione del 5G” e “l’aggiunta di questa radiazione 5G ad alta frequenza aggiunta a un mix già complesso di frequenze più basse, contribuirà a un esito negativo per la salute pubblica … sia dalla salute fisica che mentale prospettive” (Russell, 2018).

“Effetti avversi sulla salute della tecnologia di rete mobile 5G in condizioni di vita reale” pubblicato in Toxicology Letters identifica l’ampio spettro di effetti negativi sulla salute delle radiazioni non visibili non ionizzanti e conclude che la tecnologia di rete mobile 5 G influenzerà non solo la pelle e occhi, ma avrà anche effetti sistemici avversi. Dichiarano che il 5G aumenterà le densità della torre cellulare di un ordine di grandezza. I ricercatori concludono che in totale, per la parte dello spettro ad alta frequenza (radiofrequenza-RF), le recensioni attualmente pubblicate mostrano che le radiazioni RF al di sotto delle linee guida FCC possono provocare: cancerogenicità (tumori cerebrali/glioma, tumore al seno, neuromi acustici, leucemia , tumori della ghiandola parotide), genotossicità (danno al DNA, inibizione della riparazione del DNA, struttura della cromatina), mutagenicità, teratogenicità, malattie neurodegenerative (morbo di Alzheimer, sclerosi laterale amiotrofica), problemi neurocomportamentali, autismo, problemi riproduttivi, esiti della gravidanza, specie reattive eccessive di ossigeno/stress ossidativo, infiammazione, apoptosi, interruzione della barriera emato-encefalica, produzione di ghiandola pineale/melatonina, disturbi del sonno, mal di testa, irritabilità, affaticamento, difficoltà di concentrazione, depressione, vertigini, acufene, bruciore e arrossamento della pelle, disturbi digestivi, tremore, irregolarità cardiache, impatti avversi sui sistemi neurale, circolatorio, immunitario, endocrino e scheletrico “e” da th è prospettiva, la RF è una causa altamente pervasiva di malattia ”(Kostoff et al., 2020).

“Verso sistemi di comunicazione 5G: ci sono implicazioni per la salute?” pubblicato sull’International Journal of Hygiene and Environmental Health è una recensione di ricerca che dettaglia i risultati della ricerca secondo cui le onde millimetriche possono alterare l’espressione genica, promuovere la proliferazione cellulare e la sintesi di proteine legate allo stress ossidativo, ai processi infiammatori e metabolici”. I ricercatori concludono che “i risultati disponibili sembrano sufficienti per dimostrare l’esistenza di effetti biomedici, per invocare il principio di precauzione” (Di Ciaula, 2018).

Derivazione sistematica dei limiti di sicurezza per l’esposizione alla radiofrequenza 5G che varia nel tempo sulla base di modelli analitici e dose termica, pubblicata su Health Physics, documenta come un significativo riscaldamento dei tessuti può essere generato dalle rapide esplosioni di energia della tecnologia 5G. “I risultati mostrano anche che il rapporto picco-medio di 1.000 tollerato dalle linee guida del Consiglio internazionale sulla protezione dalle radiazioni non ionizzanti può portare a danni permanenti ai tessuti dopo esposizioni anche brevi, evidenziando l’importanza di rivisitare le linee guida di esposizione esistenti” (Neufeld e Kuster, 2018).

Una revisione degli studi da 6 a 100 GHz (Simkó e Mattsson 2019) finanziata dalla Deutsche Telekom della Germania ha rilevato che “gli studi disponibili non forniscono informazioni adeguate e sufficienti per una valutazione significativa della sicurezza o per la domanda sugli effetti non termici.” La recensione affermava che “qui è necessaria una ricerca per quanto riguarda gli sviluppi del calore locale su piccole superfici, ad es. Pelle o occhi, e su qualsiasi impatto ambientale”. Questo studio ha citato una ricerca che ha scoperto che “la presenza di ghiandole sudoripare [120, 121] e anche dei capillari nel derma può causare livelli SAR localmente elevati [122]. Quest’ultimo studio ha dimostrato che i livelli di SAR nelle navi potrebbero essere fino a 30 volte più alti rispetto alla cute circostante, a seconda del diametro delle navi.”

Simkó e Mattsson 2019 hanno analizzato la qualità degli studi selezionati in base a criteri specifici. Gli studi sono stati classificati in base alla presenza di sham/controllo, dosimetria, controllo positivo, controllo della temperatura e se lo studio è stato accecato. Dei 45 studi in vivo, il 78% (35) ha dimostrato risposte biologiche dopo l’esposizione a MMW. Tuttavia, quando analizzati per criteri di qualità, “sono state identificate solo tre pubblicazioni che soddisfano tutti e cinque i criteri [26, 51, 53].” (Nota EHT: queste tre pubblicazioni hanno riscontrato un effetto). Allo stesso modo, 31 dei 53 studi in vitro hanno riscontrato un effetto. Tuttavia, solo 13 studi hanno soddisfatto 3 dei 5 criteri e gli autori concludono che “il numero di esami e i criteri di qualità sono insufficienti per un’analisi statistica. Va sottolineato che questa analisi della qualità copre tutte le pubblicazioni che trattano le risposte/gli effetti dell’esposizione a MMW da 6 a 100 GHz, indipendentemente dagli endpoint testati. Per eseguire un’analisi di correlazione, sarebbe necessario un numero maggiore di studi comparabili (ad es. Endpoint identici in un gruppo di frequenza).”

Lo studio Effetti fisiologici delle onde millimetriche sulla pelle e sulle cellule della pelle: una panoramica degli studi pubblicati fino ad oggi pubblicato in Recensioni sulla salute ambientale di Dariusz Leszczynski ha esaminato 99 studi e ha concluso che le “prove scientifiche relative ai possibili effetti del millimetro le onde umane non sono sufficienti per elaborare limiti di esposizione basati sulla scienza e sviluppare politiche di salute umana basate sulla scienza. Non sono state condotte ricerche sufficienti e, pertanto, dovrebbero essere prese in considerazione misure precauzionali per il dispiegamento del 5G, prima che venga eseguito il numero sufficiente di studi di ricerca di qualità e scientificamente accertato il rischio per la salute o la sua mancanza.” “In conclusione, vi è un urgente bisogno di ricerca sugli effetti biologici e sulla salute delle onde mm perché, utilizzando le prove attualmente disponibili sugli effetti sulla pelle, le affermazioni secondo cui” sappiamo che la pelle e la salute umana non saranno influenzate”, nonché afferma che “sappiamo che la pelle e la salute umana saranno colpite” sono presupposti prematuri che mancano di basi scientifiche sufficienti.”

5G e pelle umana

La pelle umana come ricevitore Sub-THz – Il 5G rappresenta un pericolo o no?, Pubblicato su Environmental Research, e The Modeling of the Absorbance of Sub-THz Radiation by Human Skin, pubblicato su IEEE Transactions on Terahertz Science and Technology, sono due articoli di fisici che presentano ricerche che hanno scoperto che frequenze più alte del 5G sono assorbite intensamente nei dotti del sudore umano (nella pelle), a livelli di assorbimento molto più alti rispetto ad altre parti dei tessuti della nostra pelle (Betzalel et al., 2017, Betzalel et al., 2018). In un articolo pubblicato su Environmental Research, i ricercatori concludono: “Stiamo alzando una bandiera di avvertimento contro l’uso illimitato delle tecnologie sub-THz per la comunicazione, prima che vengano esplorate le possibili conseguenze per la salute pubblica” (Betzalel, et al., 2018).

Esposizione degli insetti ai campi elettromagnetici a radiofrequenza da 2 a 120 GHz, pubblicato in Scientific Reports, è il primo studio che indaga su come gli insetti (incluso l’ape occidentale) assorbono le frequenze più alte (da 2 GHz a 120 GHz) da utilizzare nel Implementazione 4G/5G. Le simulazioni scientifiche hanno mostrato un aumento della potenza assorbita tra il 3% e il 370% quando gli insetti sono stati esposti alle frequenze. I ricercatori hanno concluso: “Questo potrebbe portare a cambiamenti nel comportamento degli insetti, nella fisiologia e nella morfologia nel tempo …” (Thielens et al., 2018)

Secondo Belyaev 2019, “gli effetti sulla salute delle esposizioni croniche alla MMW possono essere più significativi rispetto a qualsiasi altra gamma di frequenze”. L’abstract afferma che, “Sono state riportate varie risposte a microonde non termiche (MW) dalla comunicazione mobile, inclusi effetti avversi sulla salute correlati a elettripersensibilità, rischi di cancro, effetti neurologici e impatti riproduttivi, mentre alcuni studi non hanno riportato tali effetti. Questa presentazione offre una panoramica della complessa dipendenza degli effetti MW da varie variabili fisiche e biologiche, che spiegano, almeno in parte, un’apparente incoerenza nei dati pubblicati. Tra le altre variabili, sono state segnalate dipendenze su frequenza portante, polarizzazione, modulazione, intermittenza, campi vaganti elettromagnetici, genotipo, tratti fisiologici e densità cellulare durante l’esposizione. Al giorno d’oggi, gli effetti biologici e sulla salute della comunicazione 5G, che utilizzerà microonde di frequenze estremamente elevate (onde millimetriche MMW, lunghezza d’onda 1-10 mm), sono di grande interesse pubblico. Da studi disponibili risulta che MMW, in condizioni specifiche di esposizione a intensità molto basse al di sotto delle linee guida ICNIRP, può influire sui sistemi biologici e sulla salute umana. Entrambi gli effetti positivi e negativi sono stati osservati in dipendenza dei parametri di esposizione. In particolare, MMW ha inibito la riparazione del danno al DNA indotto dalla radiazione ionizzante a frequenze e polarizzazioni specifiche. In che misura la tecnologia 5G e l’Internet of Things influenzeranno il biota e la salute umana non è sicuramente nota. Tuttavia, sulla base del possibile ruolo fondamentale della MMW nella regolazione dell’omeostasi e dell’assenza quasi completa di MMW nell’atmosfera a causa di un assorbimento efficace, il che suggerisce la mancanza di adattamento a questo tipo di radiazione, gli effetti sulla salute delle esposizioni croniche alla MMW possono essere più significativi di per qualsiasi altra gamma di frequenza.”

I bioeffetti delle onde millimetriche già documentati anni fa

Effetto biologico delle onde millimetriche, una recensione russa sulle onde millimetriche declassificate dalla CIA nel 2012, ha riportato numerosi risultati di ricerca e ha concluso che “Studi morfologici, funzionali e biochimici condotti su esseri umani e animali hanno rivelato che l’onda millimetrica ha causato cambiamenti nel corpo manifestato con alterazioni strutturali della pelle e degli organi interni, cambiamenti qualitativi e quantitativi della composizione del sangue e del midollo osseo e cambiamenti dell’attività riflessa condizionata, respirazione dei tessuti, attività degli enzimi che partecipano al processo di respirazione dei tessuti e metabolismo nucleico” (Zalyubovskaya, 1977).

Riscaldamento cutaneo e lesioni provocate dall’esposizione prolungata alle onde millimetriche: teoria basata su un modello cutaneo accoppiato a un modello corporeo intero e rilascio biochimico locale da cellule a temperature neurofisiologiche, pubblicato in IEEE Transactions On Plasma Science conclude che una conseguenza del riscaldamento MMW è che l’alterazione della permeabilità della membrana cellulare. Gli strati cutanei vicini sono influenzati dal meccanismo biofisico del rilascio biochimico attraverso le membrane cellulari. “Le molecole rilasciate vengono trasportate in altre regioni della pelle per diffusione e nel flusso sanguigno per perfusione, dove secondo la nostra ipotesi, le molecole interagiscono con le cellule sensibili. Ciò aumenta la possibilità di ulteriori lesioni indirette nelle regioni della pelle più profonde vicine che subiscono un riscaldamento insignificante. Il rilascio biochimico può anche portare a lesioni in siti distanti all’interno del corpo a causa della clearance della perfusione che trasferisce le molecole nella circolazione sistemica per raggiungere altre cellule sensibili.” (Stewart et al., 2006)

Siegel et al, 2010 pubblicato su Electronics Records hanno esaminato una serie di esperimenti “che mostrano cambiamenti nel potenziale della membrana cellulare e nella velocità di innesco del potenziale d’azione dei neuroni corticali in esposizioni brevi (1 min) alla radiazione a 60 GHz di onde continue a potenza mW/cm2 livelli, oltre 1000 volte al di sotto dell’esposizione massima consentita dal governo degli Stati Uniti.” “A livelli di potenza di circa 300 nW/cm2 e oltre, abbiamo osservato una forte inibizione della frequenza di innesco del potenziale d’azione in alcuni neuroni e un aumento dell’attivazione in altri, forse indicando l’eterogeneità funzionale nella popolazione neuronale studiata. … Si ritiene che questi risultati siano le prime misurazioni correlative positive dei cambiamenti in tempo reale dell’attività neuronale con esposizioni ad onde millimetriche a bassissima potenza. Gli esperimenti indicano cambiamenti nell’apertura del canale della membrana ….”

Sì, l’aggiunta di più antenne cellulari aumenterà l’esposizione nelle comunità.

Uno studio del 2018 pubblicato su Annals of Telecommunications ha rilevato una maggiore esposizione RF-EMF da reti LTE a piccole celle in due città urbane in Francia e nei Paesi Bassi. I ricercatori hanno misurato RF-EMF da LTE (Long-Term Evolution) MC (macro celle che significano torri a celle di grandi dimensioni) e reti SC (stazioni di base a celle piccole di bassa potenza) e hanno scoperto che le reti di cellule piccole aumentavano le emissioni radio dalle stazioni di base (chiamato downlink) di un fattore 7–46 diminuendo le emissioni radio dall’esposizione dell’attrezzatura dell’utente (chiamato) di un fattore 5–17. Quindi, mentre i dispositivi stessi potrebbero emettere meno radiazioni, le antenne cellulari aumenteranno i livelli delle antenne cellulari (Mazloum et al., 2019). Questo studio mostra che l’aumento delle esposizioni sarebbe involontario. Possiamo spegnere i nostri telefoni, ma non possiamo spegnere le antenne del vicinato.

Uno studio australiano pubblicato sul Journal of Exposure Science & Environmental Epidemiology ha anche scoperto che i bambini nelle scuole materne con installazioni di antenne vicine avevano esposizioni RF quasi tre volte e mezzo più alte rispetto ai bambini con installazioni più lontane di oltre 300 metri (Bhatt et al., 2016).

Uno studio multinazionale del 2018 pubblicato su Environment International ha misurato la RF in diversi paesi. Ha scoperto che la radiazione della torre del telefono cellulare è il contributo dominante all’esposizione a RF nella maggior parte delle aree esterne; l’esposizione nelle aree urbane era più elevata e tale esposizione è aumentata drasticamente. Ad esempio, le misurazioni effettuate dai ricercatori a Los Angeles, negli Stati Uniti, sono state 70 volte superiori alla stima EPA degli Stati Uniti 40 anni fa (Sagar et al., 2018).

Come esempio della rapidità con cui la RF sta aumentando dalle antenne wireless, uno studio pubblicato nel 2014 da Environmental Research ha esaminato la RF in tre città europee e ha scoperto in un solo anno (tra aprile 2011 e marzo 2012) che i livelli totali di esposizione a RF-EMF in tutte le aree esterne in combinazione sono aumentate del 57,1% a Basilea, del 20,1% a Gand e del 38,2% a Bruxelles. “L’aumento dell’esposizione è stato osservato in modo più coerente nelle aree esterne a causa delle emissioni delle stazioni base dei telefoni cellulari” (Urbinello et al., 2014).

Un altro studio, pubblicato su Environment International, ha esaminato 529 bambini in Danimarca, Paesi Bassi, Slovenia, Svizzera e Spagna che indossavano metri intorno alla vita o portavano uno zaino durante il giorno e venivano collocati vicino al letto di notte. I ricercatori hanno scoperto che “i maggiori contribuenti all’esposizione totale personale RF-EMF ambientale sono stati il downlink (ovvero dalle stazioni base delle torri cellulari) e trasmesso” (Birks et al., 2018).

Le radiazioni delle torri cellulari sono un contributo significativo alla nostra esposizione quotidiana alle RF. Uno studio recentemente pubblicato sull’International Journal of Environmental Research and Public Health ha fornito agli adulti australiani un dispositivo di misurazione RF in una piccola borsa per anca per circa 24 ore consecutive. Lo studio ha scoperto che “downlink e broadcast sono i principali contribuenti all’esposizione personale totale RF-EMF”. Il downlink (RF dalla stazione base del telefono cellulare) ha contribuito al 40,4% dell’esposizione totale RF-EMF (Zeleke et al., 2018).

Un altro studio pubblicato sulla rivista Science of The Total Environment, ha fornito a 50 genitori coreani e ai loro figli un dispositivo di misurazione per 48 ore, scoprendo che “il contributo dell’esposizione della stazione base all’esposizione totale RF-EMF è stato il più alto sia nei genitori che nei bambini” (Choi et al., 2018).

Gli esperti avvertono che le tecniche di misurazione non misurano adeguatamente le esposizioni al 5G

Un rapporto del 2019 per la commissione per l’industria, la ricerca e l’energia del Parlamento europeo, pubblicato per il dipartimento Politiche per le politiche economiche, scientifiche e di qualità della vita, intitolato 5G Deployment: State of Play in Europe, USA and Asia, ha spiegato che “la radio 5G i campi di emissione sono abbastanza diversi da quelli delle generazioni precedenti a causa delle loro complesse trasmissioni beamformed in entrambe le direzioni – dalla stazione base al portatile e per il ritorno. Sebbene i campi siano altamente focalizzati dai raggi, variano rapidamente con il tempo e il movimento e quindi sono imprevedibili, poiché i livelli e gli schemi del segnale interagiscono come un sistema a circuito chiuso. Questo deve ancora essere mappato in modo affidabile per situazioni reali, al di fuori del laboratorio.” “Mentre la Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ICNIRP) pubblica linee guida per limitare l’esposizione ai campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici (EMF) e gli Stati membri dell’UE sono soggetti alla Raccomandazione del Consiglio 1999/519/CE che segue le linee guida ICNIRP, il problema è che attualmente non è possibile simulare o misurare accuratamente le emissioni di 5G nel mondo reale” (Blackman & Forge, 2019).

Un briefing del Parlamento europeo del 2020 sugli Effetti della comunicazione wireless 5G sulla salute umana ribadisce i problemi con le misurazioni e commenta anche come i limiti di radiazione sono superati affermando in questo sommario, “Le attuali disposizioni dell’UE sull’esposizione ai segnali wireless, la Raccomandazione del Consiglio sulla limitazione dell’esposizione del pubblico ai campi elettromagnetici (da 0 Hz a 300 GHz), ora ha 20 anni e quindi non tiene conto delle caratteristiche tecniche specifiche del 5G” (Karaboytcheva, 2020).

Esposizione umana ai campi RF nel downlink 5G della Conferenza sulle comunicazioni internazionali IEEE ha scoperto “che i campi RF downlink 5G generano una densità di potenza (PD) e un tasso di assorbimento specifico (SAR) significativamente più elevati rispetto a un sistema cellulare attuale. Questo documento mostra anche che la SAR dovrebbe essere presa in considerazione anche per determinare l’esposizione umana alla RF nel downlink mmW” (Nasim & Kim, 2017).

Lo studio Human EMF Exposure in Wearable Networks for Internet of Battlefield Things pubblicato su MILCOM 2019-2019 IEEE Military Communications Conference (MILCOM) è il primo lavoro che confronta esplicitamente l’esposizione EMF umana a diverse frequenze operative per comunicazioni indossabili sul corpo. Lo studio indaga gli effetti dell’esposizione del campo elettromagnetico umano (EMF) da dispositivi indossabili sul corpo e confronta i risultati per illustrare come l’evoluzione della tecnologia a frequenze più elevate può influire sulla salute. Conclude che i risultati suggeriscono che il tasso di assorbimento specifico medio (SAR) a 60 GHz può superare le linee guida normative entro una certa distanza di separazione tra un dispositivo indossabile e la superficie della pelle umana (Nasim & Kim, 2019).

Rivedere le pubblicazioni su radiazioni elettromagnetiche e RF

Una revisione della letteratura del 2019 Meccanismi ossidativi dell’attività biologica delle radiazioni a radiofrequenza a bassa intensità pubblicata su Biologia e medicina elettromagnetica ha scoperto che 93 dei 100 studi peer-reviewed che trattano di effetti ossidativi di RFR a bassa intensità, hanno confermato che la RFR induce effetti ossidativi in sistemi biologici (Yakymenko et al., 2016).

Inquinamento elettromagnetico planetario: è tempo di valutarne l’impatto, pubblicato su The Lancet Planetary Health, documenta il significativo aumento dei livelli ambientali di radiazioni elettromagnetiche wireless a radiofrequenza (RF) negli ultimi due decenni. Lo studio cita una valutazione che ha rilevato che il 68,2% di 2.266 studi sull’uomo, sugli animali e sulle piante ha dimostrato significativi effetti biologici o sulla salute associati all’esposizione a campi elettromagnetici. L’89% degli studi sperimentali che hanno studiato gli endpoint dello stress ossidativo hanno mostrato effetti significativi e “la radiazione elettromagnetica a radiofrequenza provoca danni al DNA apparentemente attraverso lo stress ossidativo”. Il documento evidenzia anche la ricerca che ha associato l’esposizione a RF con lo sviluppo neurologico alterato e disturbi comportamentali, cambiamenti strutturali e funzionali nel cervello e la sensibilità degli impollinatori. “Questi risultati meritano un’attenzione urgente. Questo peso di prove scientifiche confuta l’affermazione che lo sviluppo di tecnologie wireless non pone rischi per la salute ai livelli di esposizione alle radiofrequenze non termici attualmente consentiti” (Bandara & Carpenter, 2018).

La recensione Effetti termici e non termici sulla salute delle radiazioni non ionizzanti a bassa intensità: una prospettiva internazionale pubblicata su Inquinamento ambientale da ricercatori dell’Istituto europeo di ricerca sull’ambiente del cancro a Bruxelles, in Belgio e presso l’Istituto per la salute e l’ambiente, Università di Albany, New York, Stati Uniti esamina le attuali scoperte della ricerca e afferma che “i meccanismi responsabili includono l’induzione di specie reattive dell’ossigeno, l’alterazione dell’espressione genica e il danno al DNA attraverso processi sia epigenetici che genetici”. Il documento afferma che “l’esposizione a campi elettromagnetici a bassa frequenza e radiofrequenza a basse intensità rappresenta un grave rischio per la salute che non è stato adeguatamente affrontato da organizzazioni nazionali e internazionali come l’Organizzazione mondiale della sanità” (Belpomme et al., 2018).

La letteratura review Effetto delle radiazioni a radiofrequenza sulla salute riproduttiva pubblicata dalla Divisione di biologia riproduttiva e salute materna, salute dei bambini, Consiglio indiano di ricerca medica documenta una ricerca che ha trovato un legame tra radiazioni a radiofrequenza e stress ossidativo e cambiamenti nel sistema riproduttivo tra cui conta degli spermatozoi, motilità, morfologia normale e vitalità. La revisione conclude che i “dati disponibili indicano che l’esposizione a campi elettromagnetici può causare effetti negativi sulla salute. È stato anche riferito che possono verificarsi effetti biologici a livelli molto bassi di esposizione” (Singh et al., 2018).

Environmental Review ha pubblicato uno studio di revisione del 2010 su 56 studi che hanno riportato effetti biologici riscontrati a intensità molto basse, inclusi impatti sulla riproduzione, permeabilità della barriera emato-encefalica, comportamento, cambiamenti cellulari e metabolici e aumenti del rischio di cancro (Lai & Levitt , 2010).

Cancro

Aggiornamento sull’epidemiologia del cancro, a seguito della valutazione IARC del 2011 sui campi elettromagnetici a radiofrequenza, pubblicato su Environmental Research, è una rassegna completa della ricerca sugli effetti RF nella ricerca umana e animale. La revisione conclude che le prove scientifiche sono ora adeguate per concludere che le radiazioni a radiofrequenza sono cancerogene per l’uomo (Miller, 2018). Diversi studi precedentemente pubblicati hanno anche concluso che la RF causa vari tipi di cancro, ad esempio Carlberg & Hardell, 2017 ha pubblicato su BioMed Research International; Atzman et al., 2016 pubblicato sull’International Journal Cancer Clinical Research; e Peleg et al., 2018 pubblicato su Environmental Research.

Il National Toxicology Program (NTP) degli Stati Uniti è un programma federale di interazione che ha condotto uno studio da 30 milioni di dollari progettato per testare le basi dei limiti di sicurezza federali. danno cardiaco e danno al DNA (NIEHS, 2018). I tumori del cuore e del cervello trovati nei ratti NTP sono dello stesso tipo di tumore che i ricercatori hanno scoperto essere in aumento negli umani che hanno usato i telefoni cellulari per oltre 10 anni come pubblicato su BioMed Research (Carlberg & Hardell, 2017). Pertanto, i ricercatori affermano sull’International Journal of Oncology che le prove sugli animali dello studio NTP confermano le prove umane che associano l’esposizione alle radiazioni in radiofrequenza a eventi/sviluppi del cancro (Carlberg & Hardell, 2019).

Il rapporto del 2018 sui risultati finali del tumore al cervello e al cuore dallo studio dell’Istituto Ramazzini (RI) sulla stazione base RF, pubblicato su Environmental Research, è stato un altro studio su ratto su larga scala che ha anche riscontrato aumenti nello stesso tumore del cuore che il National Toxicology Program statunitense (NTP) studio trovato, ma i ratti Ramazzini sono stati esposti a livelli molto più bassi di RF rispetto ai ratti NTP. In effetti, tutte le esposizioni alle radiazioni del RI erano inferiori ai limiti FCC, poiché lo studio è stato specificamente progettato per testare la sicurezza dei limiti RF per le torri cellulari/stazioni base (Falconi et al., 2018). Pertanto, lo studio Ramazzini conferma i risultati NTP come pubblicato sul sito web del National Institutes of Health.

“La promozione del tumore mediante esposizione a campi elettromagnetici a radiofrequenza al di sotto dei limiti di esposizione per l’uomo”, pubblicata in Biochemical and Biophysical Research Communications, è uno studio di replica che ha utilizzato esposizioni RF molto, molto basse (inferiori allo studio Ramazzini e NTP) e ha combinato la RF con un noto cancerogeno. I ricercatori hanno scoperto un linfoma elevato e un numero significativamente più elevato di tumori nei polmoni e nei fegati negli animali esposti sia alla RF che all’agente cancerogeno, portando i ricercatori a dichiarare che sono state confermate ricerche precedenti pubblicate sull’International Journal of Radiation Biology (Tillman et al., 2010) e che “i nostri risultati mostrano che i campi elettromagnetici migliorano ovviamente la crescita dei tumori” (Lerchl et al., 2015).

Ambiente

Una revisione degli effetti ecologici dei campi elettromagnetici a radiofrequenza (RF-EMF) pubblicata su Environment International ha esaminato 113 studi che hanno scoperto che RF-EMF ha avuto un effetto significativo su uccelli, insetti, altri vertebrati, altri organismi e piante nel 70% degli studi (Cucurachi et al., 2013). Lo sviluppo e la riproduzione di uccelli e insetti sono stati i più colpiti. Come esempio dei numerosi studi sugli impatti della fauna selvatica, uno studio pubblicato nel Bulletin of Environmental Contamination and Toxicology, incentrato sulle emissioni RF delle antenne, ha riscontrato un aumento delle anomalie degli spermatozoi nei topi esposti alla RF dalle antenne GSM (Otitoloju et al., 2009).

Studi pubblicati, in Toxicology International e Apidologie, sulle api hanno trovato effetti comportamentali (Kumar et al., 2011; Favre 2011), mentre altri studi dell’International Journal of Environmental Sciences e della Conferenza IIAS-InterSymp attestano di aver interrotto la navigazione (Goldsworthy, 2009; Sainudeen, 2011; Kimmel et al., 2007). La riduzione della velocità di deposizione delle uova e la ridotta forza della colonia sono documentate su Science Direct e sull’Acta Systemica-IIAS International Journal (Sharma & Kumar, 2010; Harst et al., 2006).

La ricerca ha anche riscontrato livelli elevati di danni agli alberi causati dalle radiazioni dell’antenna cellulare. Ad esempio, uno studio di monitoraggio sul campo, Le radiazioni con radiofrequenza danneggiano gli alberi intorno alle stazioni base dei telefoni cellulari, pubblicato su Science of The Total Environment – per 9 anni, coinvolgendo oltre 100 alberi – hanno rilevato che gli alberi hanno subito più danni sul lato dell’albero di fronte al antenna (Waldmann-Selsam et al., 2016).

L’ampliamento di 4G, 5G e Internet of Things (IoT) aumenterà l’utilizzo complessivo di tutti i tipi di frequenze wireless.

Una recensione pubblicata, nella ricerca ambientale, sugli effetti delle radiazioni Wi-Fi intitolata Il Wi-Fi è una minaccia importante per la salute umana ha scoperto che “ripetuti studi Wi-Fi mostrano che il Wi-Fi provoca stress ossidativo, spermatozoi/danni ai testicoli , effetti neuropsichiatrici inclusi cambiamenti EEG, apoptosi, danno al DNA cellulare, alterazioni endocrine e sovraccarico di calcio (Pall, 2018).

L’impatto della radiazione a radiofrequenza sul danno al DNA e antiossidanti nei linfociti del sangue periferico di esseri umani residenti nelle vicinanze della stazione base del telefono cellulare è uno studio di ricerca che ha confrontato le persone che vivono nelle vicinanze (nel raggio di 80 metri) e lontano (a più di 300 metri) da antenne cellulari hanno scoperto che le persone che vivevano più vicino avevano diversi cambiamenti significativi nella loro previsione del sangue sullo sviluppo del cancro (Zothansanga et al., 2017). Uno studio precedente del 2016, sul danno genetico nelle popolazioni umane esposte alle radiazioni da torri mobili pubblicato su Archives of Environmental Contamination and Toxicology, ha valutato 116 persone esposte alle radiazioni da torri mobili e 106 soggetti di controllo, ha riscontrato danni al DNA nei linfociti del sangue periferico (Gulati et al., 2016).

Mortalità per neoplasia e stazioni base per telefoni cellulari, pubblicato su Science of The Total Environment, è uno studio di 10 anni condotto da Belo Horizonte, Dipartimento della Salute del Brasile e diverse università in Brasile, che ha riscontrato un elevato rischio relativo di mortalità per cancro a distanze residenziali di 500 metri o meno dalle installazioni di celle (Dode et al., 2011). Poco dopo la pubblicazione di questo studio, il pubblico ministero ha fatto causa a diverse compagnie di telefonia cellulare e ha richiesto la rimozione di quasi metà delle antenne della città. Molte antenne sono state smantellate.

Lo studio del 2018, Impostazioni della torre della stazione base del telefono cellulare adiacenti agli edifici scolastici: impatto sulla salute cognitiva degli studenti, pubblicato sull’American Journal of Men’s Health, ha studiato gli studenti maschi nelle scuole vicino alle torri cellulari. I ricercatori hanno concluso che l’esposizione a livelli RF più elevati è associata a impatti negativi su capacità motorie, memoria e attenzione (Meo et al., 2019). Esempi di altri effetti collegati alle torri cellulari negli studi di ricerca includono problemi neuropsichiatrici, pubblicati in NeuroToxicology; diabete elevato, pubblicato sull’International Journal of Environmental Research and Public Health; mal di testa, pubblicato in Medicina del lavoro e ambientale; problemi di sonno e danni genetici pubblicati sulla rivista francese Pathologie Biologie.

Uno studio pubblicato nel 2018 dalla Conferenza internazionale sull’energia elettrica, l’ambiente e il controllo intelligente (PEEIC) dell’IEEE intitolato Effetto della radiazione della torre mobile sulla diversità microbica nel suolo e resistenza agli antibiotici ha prelevato campioni di suolo da quattro diverse stazioni base situate nella città di Dausa, L’India e controlla i campioni dal suolo lontano dalle stazioni e quindi ha isolato e valutato i microrganismi nel suolo. I ricercatori hanno scoperto una maggiore resistenza agli antibiotici nei microbi presenti nel suolo vicino alle stazioni base rispetto al controllo. Lo studio conclude, “i nostri risultati suggeriscono che la radiazione mobile della torre può alterare in modo significativo i sistemi vitali nei microbi e trasformarli in multiresistente (MDR) che è la più importante minaccia attuale per la salute pubblica” (Sharma et al., 2018).

Ricerca su 3G e 4G

La tecnologia 3G e 4G è ancora molto utilizzata in tutto il mondo. Inoltre, i dispositivi 5G avranno anche emissioni 4G e il 5G utilizzerà le frequenze attualmente utilizzate in 2G, 3G e 4G.

Pubblicato in Fisiologia generale e biofisica, uno studio del 2019 dal titolo “Il danno cromosomico nelle cellule umane indotto dalle radiazioni della telefonia mobile UMTS ha esaminato il sangue umano da donatori sani. Lo studio ha scoperto che le emissioni di radiazioni 3G) EMF/microonde dai telefoni cellulari, entro gli attuali limiti di esposizione, hanno effetti genotossici significativi sulle cellule umane e consiglia che “l’esposizione umana a questa EMF/radiazione dovrebbe essere mantenuta ai livelli più bassi possibile” (Panagopoulos, 2019). Una serie di studi di riferimento ha scoperto che gli effetti delle microonde sui linfociti umani possono dipendere dalla frequenza portante (Markova et al., 2005), secondo cui le microonde 3G del sistema UMTS (Universal Mobile Telecommunications System) possono influenzare la cromatina e inibire la formazione di rotture del DNA a doppio filamento (Belyaev et al., 2009) e che le cellule staminali sono più sensibili all’esposizione alle microonde (Markova et al., 2010), pubblicate rispettivamente in Environmental Health Perspectives, Bio Electro Magnetics e Environmental Health Perspectives. I bambini hanno più cellule staminali attive.

La quarta generazione (4G) di tecnologia cellulare denominata Long Term Evolution (LTE) è stata lanciata senza test di sicurezza pre-mercato per l’esposizione a lungo termine. La ricerca pubblicata ha trovato cambiamenti comportamentali nei topi (Broom et al., 2019), danni ai testicoli e potenziale riproduttivo nei topi (Yu et al., 2019), riduzione della potenza alfa EEG (Vecsei et al., 2018), modulazione a EEG di stato di riposo su bande alfa e beta (Yang et al., 2017), e; alterazione delle fluttuazioni spontanee a bassa frequenza indotte dall’esposizione acuta di LTE RF-EMF (Lv et al., 2014); pubblicato rispettivamente in Bioelettro-Magnetica, Scienza dell’ambiente totale, Rapporti scientifici, EEG clinico e Neuroscienza e Neurofisiologia clinica.

Pubblicato in Bio Electro Magnetics, uno studio di progettazione in doppio cieco, crossover, randomizzato e controbilanciato del 2018 sulla modulazione della connettività funzionale del cervello mediante esposizione alle radiazioni del telefono cellulare. LTE 4G ha scoperto che l’esposizione acuta LTE-EMF modulava la connettività in alcune regioni del cervello. Gli autori concludono che “I nostri risultati potrebbero indicare che approcci basati su inferenze a livello di rete possono fornire approfondimenti sugli effetti acuti dell’esposizione LTE-EMF con intensità inferiori agli attuali limiti di sicurezza sulla connettività funzionale umana. In futuro, dobbiamo studiare l’evoluzione dell’effetto nel tempo” (Wei et al., 2018).

L’edilizia

Pubblicato in Building and Environment l’articolo, Scienza dell’edilizia e radiazioni a radiofrequenza: ciò che rende gli edifici intelligenti e sani con un lungo elenco di autori, tra cui l’ex presidente del Canada, Frank Clegg, e Anthony Miller, MD, direttore dell’Unità di epidemiologia del National Cancer Institute of Canada, rivedere gli studi di ricerca che hanno trovato effetti avversi sulla salute al di sotto dei limiti normativi. Gli autori raccomandano di ridurre le radiazioni a radiofrequenza negli edifici installando connessioni Internet cablate anziché cablate e cablate anziché cordless (Clegg et al., 2019).

Il Collaborative for High Performance Schools (CHPS) ha sviluppato “Best Practices for LOW EMF Classrooms” che descrivono in dettaglio come le scuole possono sostituire le reti wireless con reti cablate. Vedi i criteri CHPS a basso EMF

Torri cellulari e salute

Regolamento sulle infrastrutture dei telefoni cellulari in Europa: sfide scientifiche e protezione dei diritti umani, una pubblicazione del 2014 in Scienza ambientale e politica degli esperti dei diritti umani sostengono che il posizionamento delle torri cellulari è una questione di diritti umani per i bambini perché “la protezione dei bambini è una soglia elevata norma della legge sui diritti umani e il linguaggio vincolante della Convenzione sui diritti dell’infanzia obbliga gli Stati parti a fornire uno standard più elevato di protezione per i bambini rispetto agli adulti “e” qualsiasi forma diffusa o sistematica di inquinamento ambientale che costituisca una minaccia a lungo termine ai diritti di un bambino alla vita, allo sviluppo o alla salute può costituire una violazione internazionale dei diritti umani “. L’articolo conclude che “la scarsità della legislazione che regola l’installazione di stazioni base (torri cellulari) in prossimità delle strutture e delle scuole dei bambini costituisce chiaramente una preoccupazione per i diritti umani …” (Roda & Perry, 2014).

Determinazione della zona di sicurezza per la torre cellulare wireless – Un caso di studio dalla Tanzania pubblicato sull’International Journal of Research in Engineering and Technology ha valutato i livelli di radiazione e ha concluso che “le rispettive autorità dovrebbero garantire che le persone risiedano lontano dalla torre di 120m o più a seconda della sulla potenza trasmessa per evitare gravi effetti sulla salute” (Nyakyi et al., 2013).

L’esposizione a lungo termine alle radiazioni a microonde provoca la crescita del cancro: evidenze da radar e sistemi di comunicazione mobile, pubblicata in Experimental Oncology, esamina i risultati della ricerca su RF-EMF e afferma che “sta diventando sempre più evidente che [la] valutazione degli effetti biologici di le radiazioni non ionizzanti basate sull’approccio fisico (termico) utilizzato nelle raccomandazioni degli attuali organismi di regolamentazione, comprese le linee guida della Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ICNIRP), richiedono una rivalutazione urgente. ” Il documento ha concluso che “l’esposizione quotidiana della popolazione sia professionale che generica alle radiazioni MW dovrebbe essere regolata in base a principi precauzionali che implicano la massima limitazione dell’esposizione eccessiva” (Yakymenko et al., 2011).

Pubblicato in Biologia e medicina elettromagnetica, uno studio caso-controllo trasversale sul danno genetico in individui che vivono vicino a torri cellulari ha scoperto che i parametri di danno genetico del DNA erano significativamente elevati. “Il danno genetico evidente nei partecipanti a questo studio deve essere affrontato contro il futuro rischio di malattia, che oltre ai disturbi neurodegenerativi, può portare al cancro” (Gandhi et al., 2015).

Effetti neurocomportamentali tra gli abitanti attorno alle stazioni base dei telefoni cellulari pubblicato su NeuroToxicology, conclude che “Gli abitanti che vivono nelle vicinanze delle stazioni base dei telefoni cellulari sono a rischio di sviluppare problemi neuropsichiatrici e alcuni cambiamenti nell’esecuzione delle funzioni neurocomportamentali mediante facilitazione o inibizione” e chiamato per la revisione delle linee guida standard per l’esposizione pubblica alla RER da antenne per stazioni base per telefoni cellulari” (Abdel-Rassoul et al., 2006).

Evidenze epidemiologiche per un rischio per la salute derivante da stazioni base di telefonia mobile pubblicato sull’International Journal of Occupational Environmental Health ha esaminato dieci studi epidemiologici che hanno valutato gli effetti sulla salute delle stazioni base di telefonia mobile e hanno scoperto che 8 dei 10 studi hanno riportato un aumento della prevalenza di neurocomportamenti avversi sintomi o tumori nelle popolazioni che vivono a distanze inferiori a 500 metri dalle stazioni base. La revisione conclude che “le attuali linee guida potrebbero essere inadeguate nella protezione della salute delle popolazioni umane” (Khurana et al., 2010).

In che modo l’esposizione a lungo termine alle stazioni base e ai telefoni cellulari influisce sui profili degli ormoni umani? pubblicato in Clinical Biochemistry ha seguito i volontari per sei anni e ha scoperto che le radiazioni ad alta frequenza radio avevano effetti sull’asse ipofisario-surrenale rappresentato nella riduzione di ACTH, cortisolo, ormoni tiroidei, prolattina nelle giovani donne e livelli di testosterone (Eskander et al., 2012).

Pubblicato sulla rivista francese Pathologie Biologie, uno studio su 530 persone che vivono vicino agli alberi dei telefoni cellulari ha riportato più sintomi di mal di testa, disturbi del sonno, disagio, irritabilità, depressione, perdita di memoria e problemi di concentrazione più si sono avvicinati alle antenne cellulari (Santini et al., 2002).

Uno studio, La sindrome a microonde: uno studio preliminare in Spagna pubblicato su Biologia elettromagnetica e medicina ha trovato associazioni statisticamente significative tra intensità di campo e sintomi di affaticamento, irritabilità, mal di testa, nausea, perdita di appetito, disturbi del sonno, tendenza depressiva, sensazione di disagio, difficoltà di concentrazione, perdita di memoria, disturbi visivi, vertigini e problemi cardiovascolari (Navarro et al., 2003). Sintomi soggettivi, problemi del sonno e prestazioni cognitive in soggetti che vivono vicino a stazioni base di telefonia mobile pubblicati in Medicina del lavoro e ambientale hanno trovato una correlazione significativa tra densità di potenza misurata e mal di testa, affaticamento e difficoltà di concentrazione in 365 soggetti (Hutter et al. , 2006).

Pubblicato in NeuroToxicology, Abdel-Rassoul et al., 2007 hanno scoperto che residenti sotto e di fronte a un albero di telefonia mobile di lunga data hanno riportato episodi significativamente più elevati di mal di testa, cambiamenti di memoria, vertigini, tremori, sintomi depressivi e disturbi del sonno rispetto a un gruppo di controllo.

Aumento dell’incidenza del cancro vicino a una stazione di trasmissione del telefono cellulare pubblicato sull’International Journal of Cancer Prevention ha riscontrato un aumento quadruplo dell’incidenza del cancro tra i residenti che vivono entro un raggio di 300 metri da un palo del telefono cellulare dopo tre e sette anni di esposizione (Wolf & Wolf, 2004).

L’influenza dell’essere fisicamente vicino a un albero di trasmissione del telefono cellulare sull’incidenza del cancro, pubblicato su Umwelt Medizin Gesellschaft, ha riscontrato un triplice aumento dell’incidenza di tumori maligni dopo cinque anni di esposizione in persone che vivono entro un raggio di 400 metri di un palo per telefono cellulare (Eger et al., 2004).

Panagopoulos, D., Johansson, O., & Carlo, G. (2015). Polarizzazione: una differenza chiave tra campi elettromagnetici artificiali e naturali, in relazione all’attività biologica. Rapporti scientifici, 5 (1). https://doi.org/10.1038/srep14914

Panagopoulos, D., Johansson, O., & Carlo, G. (2015). Esposizioni di telefoni cellulari reali contro simulate negli studi sperimentali. Biomed Research International, 2015, 1-8. https://doi.org/10.1155/2015/607053

Hardell, L. e Carlberg, M. (2019). Commenti sui rapporti tecnici del programma nazionale di tossicologia degli Stati Uniti sullo studio di tossicologia e carcinogenesi in ratti esposti a radiazioni di radiofrequenza di tutto il corpo a 900 MHz e in topi esposti a radiazioni di radiofrequen. International Journal Of Oncology, 54 (1), 111-127. https://doi.org/10.3892/ijo.2018.4606

Carlberg, M., & Hardell, L. (2017). Valutazione dell’uso del telefono cellulare e del telefono cordless e del rischio di glioma utilizzando i punti di vista di Bradford Hill del 1965 su associazione o causalità. Biomed Research International, 2017, 1-17. https://doi.org/10.1155/2017/9218486

Belyaev, I., Dean, A., Eger, H., Hubmann, G., Jandrisovits, R., & Kern, M. et al. (2016). Orientamento EMEA EUROPAEM 2016 per la prevenzione, la diagnosi e il trattamento di problemi e malattie di salute legati ai campi elettromagnetici. Recensioni su Environmental Health, 31 (3). https://doi.org/10.1515/reveh-2016-0011

Belpomme, D., Hardell, L., Belyaev, I., Burgio, E., & Carpenter, D. (2018). Effetti sulla salute termica e non termica delle radiazioni non ionizzanti a bassa intensità: una prospettiva internazionale. Inquinamento ambientale, 242 (parte A), 643-658. https://doi.org/10.1016/j.envpol.2018.07.019

La ricerca sulle persone vicino alle torri cellulari collega l’esposizione agli effetti avversi

Pubblicato sulla rivista di biologia elettromagnetica e medicina, L’impatto delle radiazioni in radiofrequenza sul danno al DNA e antiossidanti nei linfociti del sangue periferico di esseri umani che risiedono in prossimità della stazione base del telefono cellulare è uno studio di ricerca che ha confrontato le persone che vivono nelle vicinanze (nel raggio di 80 metri) e lontano (più di 300 metri di distanza) dalle antenne cellulari e ha scoperto che le persone che vivevano più vicine avevano diversi cambiamenti significativi nella loro previsione del sangue sullo sviluppo del cancro. I ricercatori hanno controllato vari dati demografici, incluso l’uso di microonde e wireless nelle case (Zothansiama et al., 2017).

Mortalità per neoplasia e stazioni base per telefoni cellulari è uno studio di 10 anni del dipartimento sanitario di Belo Horizonte Brasile e di diverse università in Brasile che ha riscontrato un elevato rischio relativo di mortalità per cancro a distanze residenziali di 500 metri o meno da installazioni cellulari (Dode 2011). Poco dopo la pubblicazione di questo studio, il pubblico ministero ha fatto causa a diverse compagnie di telefonia cellulare e ha richiesto la rimozione di quasi metà delle antenne della città. Molte antenne sono state smantellate.

Uno studio del 2019 sugli studenti nelle scuole vicino alle torri cellulari ha scoperto che la loro maggiore esposizione a RF era associata a impatti su capacità motorie, memoria e attenzione (Meo 2019). Esempi di altri effetti collegati alle torri cellulari negli studi di ricerca includono problemi neuropsichiatrici, diabete elevato, mal di testa, problemi del sonno e danni genetici. Tale ricerca continua ad accumularsi dopo lo studio della revisione del punto di riferimento del 2010 su 56 studi che hanno riportato effetti biologici riscontrati a intensità molto basse, inclusi impatti sulla riproduzione, permeabilità della barriera emato-encefalica, comportamento, alterazioni cellulari e metaboliche e aumenti del rischio di cancro (Lai e Levitt, 2010).

Uno studio pubblicato intitolato Effetto della radiazione mobile delle torri sulla diversità microbica nel suolo e resistenza agli antibiotici ha prelevato campioni di terreno da quattro diverse stazioni base situate nella città di Dausa, ha controllato campioni dal suolo lontano dalle stazioni e quindi ha isolato e valutato i microrganismi nel suolo. I ricercatori hanno scoperto una maggiore resistenza agli antibiotici nei microbi presenti nel suolo vicino alle stazioni base rispetto al controllo e una differenza statistica significativa nel modello di resistenza agli antibiotici è stata trovata con acido nalidixico e cefixima quando usato come agenti antimicrobici. Lo studio conclude, “i nostri risultati suggeriscono che la radiazione mobile della torre può alterare in modo significativo i sistemi vitali nei microbi e trasformarli in multiresistente (MDR) che è la più importante minaccia attuale per la salute pubblica”.

Le antenne cellulari creano aumenti misurabili delle radiazioni nell’area

Un articolo del 2018 pubblicato su The Lancet Planetary Health indica esposizioni RF in aumento senza precedenti (Bandara e Carpenter 2018). Un’altra scoperta chiave di Zothansiama 2017 è stata che le case più vicine alle antenne avevano livelli di radiazioni misurabili più alti, aggiungendo alla documentazione che le antenne aumentano i livelli di RF. Uno studio australiano ha anche scoperto che i bambini nelle scuole materne con installazioni di antenne vicine avevano esposizioni RF quasi tre volte e mezzo più alte rispetto ai bambini con installazioni più lontane (oltre 300 metri (Bhatt 2016).

La ricerca rileva che la radiazione della stazione base della torre cellulare è il principale collaboratore delle esposizioni globali alle radiazioni ambientali

Uno studio multinazionale del 2018 che ha misurato la RF in diversi paesi ha scoperto che la radiazione della torre del telefono cellulare è il contributo dominante all’esposizione a RF nella maggior parte delle aree esterne, l’esposizione nelle aree urbane era più elevata e che l’esposizione è aumentata drasticamente. Ad esempio, le misurazioni effettuate dai ricercatori a Los Angeles, negli Stati Uniti, sono state 70 volte superiori alla stima EPA degli Stati Uniti 40 anni fa (Sagar 2018).

Come esempio della rapidità con cui la RF sta aumentando dalle antenne wireless, uno studio pubblicato nel 2014 ha esaminato la RF in tre città europee e ha scoperto in un solo anno (tra aprile 2011 e marzo 2012) che i livelli totali di esposizione RF-EMF in tutte le aree esterne in combinazione sono aumentati del 57,1% a Basilea del 20,1% a Gand e del 38,2% a Bruxelles (Urbinello 2014). “L’aumento dell’esposizione è stato osservato in modo più coerente nelle aree esterne a causa delle emissioni delle stazioni base dei telefoni cellulari.”

Un altro studio, Birks 2018, ha esaminato 529 bambini in Danimarca, Paesi Bassi, Slovenia, Svizzera e Spagna che indossavano metri intorno alla vita o portavano uno zaino durante il giorno e venivano collocati vicino al letto di notte. I ricercatori hanno scoperto che “i maggiori contribuenti all’esposizione totale personale RF-EMF ambientale sono stati il downlink (ovvero dalle stazioni base delle torri cellulari) e la trasmissione”.

Uno studio sugli adulti australiani in cui i partecipanti hanno portato un dispositivo di misurazione in una piccola borsa per anca per circa 24 ore consecutive ha anche scoperto che “downlink e trasmissione sono i principali contribuenti all’esposizione personale totale RF-EMF”. Il downlink (RF dalla stazione base del cellulare) ha contribuito al 40,4% dell’esposizione totale RF-EMF (Zeleke 2018).

Un altro studio pubblicato (Choi 2018) che ha fornito a 50 coppie di adulti coreani uno speciale dispositivo di misurazione delle radiazioni per 48 ore ha valutato i tipi di radiazioni a cui i partecipanti sono stati esposti e ha scoperto che “il contributo dell’esposizione della stazione base all’esposizione totale RF-EMF è stato il più alto sia nei genitori che nei bambini. ” Questi due studi sono un esempio importante della ricerca che mostra che la radiazione proveniente dalle stazioni base è il contributo dominante all’esposizione cumulativa di una persona. Pertanto non possiamo concentrarci solo sull’uso di un cellulare da parte delle persone come il modo in cui le persone sono esposte a questa radiazione. Le persone sono esposte alle radiazioni wireless anche quando non utilizzano un dispositivo mobile a causa di torri cellulari, antenne e hotspot e non hanno alcun controllo su questo.

References

Russell, C. (2018). 5 G wireless telecommunications expansion: Public health and environmental implications. Environmental Research, 165, 484-495. https://doi.org/10.1016/j.envres.2018.01.016

Kostoff, R., Heroux, P., Aschner, M., & Tsatsakis, A. (2020). Adverse health effects of 5G mobile networking technology under real-life conditions. Toxicology Letters, 323, 35-40. https://doi.org/10.1016/j.toxlet.2020.01.020

Di Ciaula, A. (2018). Towards 5G communication systems: Are there health implications?. International Journal Of Hygiene And Environmental Health, 221(3), 367-375. https://doi.org/10.1016/j.ijheh.2018.01.011

Neufeld, E., & Kuster, N. (2018). Systematic Derivation of Safety Limits for Time-Varying 5G Radiofrequency Exposure Based on Analytical Models and Thermal Dose. Health Physics, 115(6), 705-711. https://doi.org/10.1097/hp.0000000000000930

Betzalel, N., Ben Ishai, P., & Feldman, Y. (2018). The human skin as a sub-THz receiver – Does 5G pose a danger to it or not?. Environmental Research, 163, 208-216. https://doi.org/10.1016/j.envres.2018.01.032

Betzalel, N., Feldman, Y., & Ishai, P. (2017). The Modeling of the Absorbance of Sub-THz Radiation by Human Skin. IEEE Transactions On Terahertz Science And Technology, 7(5), 521-528. https://doi.org/10.1109/tthz.2017.2736345

Thielens, A., Bell, D., Mortimore, D., Greco, M., Martens, L., & Joseph, W. (2018). Exposure of Insects to Radio-Frequency Electromagnetic Fields from 2 to 120 GHz. Scientific Reports, 8(1). https://doi.org/10.1038/s41598-018-22271-3

Belyaev, I. (2019). Main regularities and health risks from exposure to non-thermal microwaves of mobile communication. t14th IEEE International Conference meeting on Advanced Technologies, Systems and Services in Telecommunications – TELSIKS 2019 (http://www.telsiks.org.rs), Niš, Serbia.

Simkó M, Mattsson MO. 5G Wireless Communication and Health Effects-A Pragmatic Review Based on Available Studies Regarding 6 to 100 Ghz. Int J Environ Res Public Health. 2019;16(18):3406. Published 2019 Sep 13. https://doi.org/10.3390/ijerph16183406

Cell Antennas Increase Exposures in Communities

Mazloum, T., Aerts, S., Joseph, W., & Wiart, J. (2018). RF-EMF exposure induced by mobile phones operating in LTE small cells in two different urban cities. Annals Of Telecommunications, 74(1-2), 35-42. https://doi.org/10.1007/s12243-018-0680-1

Bhatt, C., Redmayne, M., Billah, B., Abramson, M., & Benke, G. (2016). Radiofrequency-electromagnetic field exposures in kindergarten children. Journal Of Exposure Science & Environmental Epidemiology, 27(5), 497-504. https://doi.org/10.1038/jes.2016.55

Sagar, S., Adem, S., Struchen, B., Loughran, S., Brunjes, M., & Arangua, L. et al. (2018). Comparison of radiofrequency electromagnetic field exposure levels in different everyday microenvironments in an international context. Environment International, 114, 297-306. https://doi.org/10.1016/j.envint.2018.02.036

Urbinello, D., Joseph, W., Verloock, L., Martens, L., & Röösli, M. (2014). Temporal trends of radio-frequency electromagnetic field (RF-EMF) exposure in everyday environments across European cities. Environmental Research, 134, 134-142. https://doi.org/10.1016/j.envres.2014.07.003

Birks, L., Struchen, B., Eeftens, M., van Wel, L., Huss, A., & Gajšek, P. et al. (2018). Spatial and temporal variability of personal environmental exposure to radio frequency electromagnetic fields in children in Europe. Environment International, 117, 204-214. https://doi.org/10.1016/j.envint.2018.04.026

Choi, J., Hwang, J., Lim, H., Joo, H., Yang, H., & Lee, Y. et al. (2018). Assessment of radiofrequency electromagnetic field exposure from personal measurements considering the body shadowing effect in Korean children and parents. Science Of The Total Environment, 627, 1544-1551. https://doi.org/10.1016/j.scitotenv.2018.01.318

Zeleke, B., Brzozek, C., Bhatt, C., Abramson, M., Croft, R., & Freudenstein, F. et al. (2018). Personal Exposure to Radio Frequency Electromagnetic Fields among Australian Adults. International Journal Of Environmental Research And Public Health, 15(10), 2234. https://doi.org/10.3390/ijerph15102234

Experts Warn that Measurement Techniques Do Not Adequately Measure 5G Exposures

Blackman, C., & Forge, S. (2019). 5G Deployment: State of Play in Europe, USA and Asia [PDF]. Study for the Committee on Industry, Research and Energy, Policy Department for Economic, Scientific and Quality of Life Policies. Luxembourg: European Parliament. Retrieved from https://www.europarl.europa.eu/RegData/etudes/IDAN/2019/631060/IPOL_IDA(2019)631060_EN.pdf

Karaboytcheva, M. (2020). Effects of 5G wireless communication on human health [PDF]. European Parliamentary Research Service. Luxembourg: European Parliament. Retrieved from https://www.europarl.europa.eu/RegData/etudes/BRIE/2020/646172/EPRS_BRI(2020)646172_EN.pdf?fbclid=IwAR3cD0TDOqGHpOmCWPnANN-Y6RBaa0eoQ4ZN0nuUwpVaLL8MIDtt6aKtiYM

Nasim, I., & Kim, S. (2017). Human Exposure to RF Fields in 5G Downlink. Retrieved from https://arxiv.org/abs/1711.03683

Nasim, I., & Kim, S. (2019). Human EMF Exposure in Wearable Networks for Internet of Battlefield Things. MILCOM 2019 – 2019 IEEE Military Communications Conference (MILCOM). https://doi.org/10.1109/milcom47813.2019.9020889

Review Publications on Electromagnetic Radiation and RF

Yakymenko, I., Tsybulin, O., Sidorik, E., Henshel, D., Kyrylenko, O., & Kyrylenko, S. (2015). Oxidative mechanisms of biological activity of low-intensity radiofrequency radiation. Electromagnetic Biology And Medicine, 35(2), 186-202. https://doi.org/10.3109/15368378.2015.1043557

Bandara, P., & Carpenter, D. (2018). Planetary electromagnetic pollution: it is time to assess its impact. The Lancet Planetary Health, 2(12), e512-e514. https://doi.org/10.1016/s2542-5196(18)30221-3

Belpomme, D., Hardell, L., Belyaev, I., Burgio, E., & Carpenter, D. (2018). Thermal and non-thermal health effects of low intensity non-ionizing radiation: An international perspective. Environmental Pollution, 242, 643-658. https://doi.org/10.1016/j.envpol.2018.07.019

Singh, R., Nath, R., Mathur, A. K., & Sharma, R. S. (2018). Effect of radiofrequency radiation on reproductive health. The Indian Journal of Medical Research, 148, 92–99. https://doi.org/10.4103/ijmr.IJMR_1056_18

Levitt, B., & Lai, H. (2010). Biological effects from exposure to electromagnetic radiation emitted by cell tower base stations and other antenna arrays. Environmental Reviews, 18, 369-395. https://doi.org/10.1139/a10-018

Cancer

Miller, A., Morgan, L., Udasin, I., & Davis, D. (2018). Cancer epidemiology update, following the 2011 IARC evaluation of radiofrequency electromagnetic fields (Monograph 102). Environmental Research, 167, 673-683. https://doi.org/10.1016/j.envres.2018.06.043

Carlberg, M., & Hardell, L. (2017). Evaluation of Mobile Phone and Cordless Phone Use and Glioma Risk Using the Bradford Hill Viewpoints from 1965 on Association or Causation. Biomed Research International, 2017, 1-17. https://doi.org/10.1155/2017/9218486

Atzmon, I., Linn, S., Richter, E., & Portnov, B. (2016). Microwave/Radiofrequency (MW/RF) Radiation Exposure and Cancer Risk: Meta-Analysis of Accumulated Empirical Evidence. International Journal Of Cancer And Clinical Research, 3(1). https://doi.org/10.23937/2378-3419/3/1/1040

Peleg, M., Nativ, O., & Richter, E. (2018). Radio frequency radiation-related cancer: assessing causation in the occupational/military setting. Environmental Research, 163, 123-133. https://doi.org/10.1016/j.envres.2018.01.003

Cell Phone Radio Frequency Radiation. Ntp.niehs.nih.gov. (2018). Retrieved 8 May 2020, from https://ntp.niehs.nih.gov/whatwestudy/topics/cellphones/index.html?utm_source=direct&utm_medium=prod&utm_campaign=ntpgolinks&utm_term=cellphone.

Hardell, L., & Carlberg, M. (2018). Comments on the US National Toxicology Program technical reports on toxicology and carcinogenesis study in rats exposed to whole-body radiofrequency radiation at 900 MHz and in mice exposed to whole-body radiofrequency radiation at 1,900 MHz. International Journal Of Oncology. https://doi.org/10.3892/ijo.2018.4606

Falcioni, L., Bua, L., Tibaldi, E., Lauriola, M., De Angelis, L., & Gnudi, F. et al. (2018). Report of final results regarding brain and heart tumors in Sprague-Dawley rats exposed from prenatal life until natural death to mobile phone radiofrequency field representative of a 1.8 GHz GSM base station environmental emission. Environmental Research, 165, 496-503. https://doi.org/10.1016/j.envres.2018.01.037

Lerchl, A., Klose, M., Grote, K., Wilhelm, A., Spathmann, O., & Fiedler, T. et al. (2015). Tumor promotion by exposure to radiofrequency electromagnetic fields below exposure limits for humans. Biochemical And Biophysical Research Communications, 459(4), 585-590. https://doi.org/10.1016/j.bbrc.2015.02.151

Tillmann, T., Ernst, H., Streckert, J., Zhou, Y., Taugner, F., Hansen, V., & Dasenbrock, C. (2010). Indication of cocarcinogenic potential of chronic UMTS-modulated radiofrequency exposure in an ethylnitrosourea mouse model. International Journal Of Radiation Biology, 86(7), 529-541. https://doi.org/10.3109/09553001003734501

Environment

Cucurachi, S., Tamis, W., Vijver, M., Peijnenburg, W., Bolte, J., & de Snoo, G. (2013).A review of the ecological effects of radiofrequency electromagnetic fields (RF-EMF). Environment International, 51, 116-140. https://doi.org/10.1016/j.envint.2012.10.009

Otitoloju, A., Obe, I., Adewale, O., Otubanjo, O., & Osunkalu, V. (2009). Preliminary Study on the Induction of Sperm Head Abnormalities in Mice, Mus musculus, Exposed to Radiofrequency Radiations from Global System for Mobile Communication Base Stations. Bulletin Of Environmental Contamination And Toxicology, 84(1), 51-54. https://doi.org/10.1007/s00128-009-9894-2

Kumar, N., Sangwan, S., & Badotra, P. (2011). Exposure to cell phone radiations produces biochemical changes in worker honey bees. Toxicology International, 18(1), 70. https://doi.org/10.4103/0971-6580.75869

Favre, D. (2011). Mobile phone-induced honeybee worker piping. Apidologie, 42(3), 270-279. https://doi.org/10.1007/s13592-011-0016-x

Goldsworthy, A. (2009). The Birds, the Bees and Electromagnetic Pollution [PDF]. Retrieved 12 May 2020, from https://ecfsapi.fcc.gov/file/7520958012.pdf.

Sainudeen, S. (2011). Electromagnetic radiation (EMR) clashes with honey bees. International Journal of Environmental Sciences, 1(5), 897-900. https://doi.org/10.5897/jen11.014

Sharma, V., & Kumar, N. (2010). Changes in honey bee behaviour and biology under the influence of cell phone radiations. Current Science, 98(10), 1376-1378. Retrieved 12 May 2020, from https://www.researchgate.net/publication/225187745_Changes_in_honey_bee_behaviour_and_biology_under_the_influence_of_cell_phone_radiations.

Kimmel, S., Kuhn, J., Harst, W., & Stever, H. (2007). Electromagnetic Radiation: Influences on Honeybees (Apis mellifera). IIAS-InterSymp Conference, Retrieved 12 May 2020, from https://www.researchgate.net/publication/292405747_Electromagnetic_radiation_Influences_on_honeybees_Apis_mellifera_IIAS-InterSymp_Conference

Harst, W., Kuhn, J., & Stever, H. (2006). Can Electromagnetic Exposure Cause a Change in Behaviour? Studying Possible Non-Thermal Influences on Honey Bees – An Approach within the Framework of Educational Informatics. IIAS-InterSymp Conference, 1(6), 1-6. Retrieved 12 May 2020, from http://bemri.org/publications/wildlife-and-plants/100-can-emf-exposure-cause-a-change-in-behaviour-studying-possible-non-thermal-influences-on-bees.html

Kimmel, Stefan & Kuhn, Jochen & Harst, Wolfgang & Stever, Hermann. (2007). Electromagnetic radiation: Influences on honeybees (Apis mellifera). IIAS-InterSymp Conference. Baden-Baden. 1-6.

Waldmann-Selsam, C., Balmori-de la Puente, A., Breunig, H., & Balmori, A. (2016). Radiofrequency radiation injures trees around mobile phone base stations. Science Of The Total Environment, 572, 554-569. https://doi.org/10.1016/j.scitotenv.2016.08.045

Pall, M. (2018). Wi-Fi is an important threat to human health. Environmental Research, 164, 405-416. https://doi.org/10.1016/j.envres.2018.01.035

Zothansiama, Zosangzuali, M., Lalramdinpuii, M., Jagetia, G., & Siama, Z. (2017). Impact of radiofrequency radiation on DNA damage and antioxidants in peripheral blood lymphocytes of humans residing in the vicinity of mobile phone base stations. Electromagnetic Biology And Medicine, 36(3), 295-305. https://doi.org/10.1080/15368378.2017.1350584

Gulati, S., Yadav, A., Kumar, N., Kanupriya, Aggarwal, N., Kumar, R., & Gupta, R. (2015). Effect of GSTM1 and GSTT1 Polymorphisms on Genetic Damage in Humans Populations Exposed to Radiation From Mobile Towers. Archives Of Environmental Contamination And Toxicology, 70(3), 615-625. https://doi.org/10.1007/s00244-015-0195-y

Dode, A., Leão, M., Tejo, F., Gomes, A., Dode, D., & Dode, M. et al. (2011). Mortality by neoplasia and cellular telephone base stations in the Belo Horizonte municipality, Minas Gerais state, Brazil. Science Of The Total Environment, 409(19), 3649-3665. https://doi.org/10.1016/j.scitotenv.2011.05.051

Meo, S., Almahmoud, M., Alsultan, Q., Alotaibi, N., Alnajashi, I., & Hajjar, W. (2018). Mobile Phone Base Station Tower Settings Adjacent to School Buildings: Impact on Students’ Cognitive Health. American Journal Of Men’s Health, 13(1), 155798831881691. https://doi.org/10.1177/1557988318816914

Abdel-Rassoul, G., El-Fateh, O., Salem, M., Michael, A., Farahat, F., El-Batanouny, M., & Salem, E. (2007). Neurobehavioral effects among inhabitants around mobile phone base stations. Neurotoxicology, 28(2), 434-440. https://doi.org/10.1016/j.neuro.2006.07.012

Meo, S., Alsubaie, Y., Almubarak, Z., Almutawa, H., AlQasem, Y., & Hasanato, R. (2015). Association of Exposure to Radio-Frequency Electromagnetic Field Radiation (RF-EMFR) Generated by Mobile Phone Base Stations with Glycated Hemoglobin (HbA1c) and Risk of Type 2 Diabetes Mellitus. International Journal Of Environmental Research And Public Health, 12(11), 14519-14528. https://doi.org/10.3390/ijerph121114519

Hutter, H., Moshammer, H., Wallner, P., & Kundi, M. (2006). Subjective symptoms, sleeping problems, and cognitive performance in subjects living near mobile phone base stations. Occupational And Environmental Medicine, 63(5), 307-313. https://doi.org/10.1136/oem.2005.020784

Santini, R., Santini, P., Danze, J., Le Ruz, P., & Seigne, M. (2002). [Investigation on the health of people living near mobile telephone relay stations: I/Incidence according to distance and sex]. Pathologie Biologie, 50(6), 369-373. https://doi.org/10.1016/s0369-8114(02)00311-5

Gandhi, G., Kaur, G., & Nisar, U. (2015). A cross-sectional case control study on genetic damage in individuals residing in the vicinity of a mobile phone base station. Electromagnetic Biology And Medicine, 34(4), 344-354. https://doi.org/10.3109/15368378.2014.933349

Sharma, A., Lamba, O., Sharma, L., & Sharma, A. (2018). Effect of Mobile Tower Radiation on Microbial Diversity in Soil and Antibiotic Resistance. 2018 International Conference On Power Energy, Environment And Intelligent Control (PEEIC). https://doi.org/10.1109/peeic.2018.8665432

Research on 3G and 4G

Panagopoulos, D. (2019). Chromosome damage in human cells induced by UMTS mobile telephony radiation. General Physiology And Biophysics, 38(05), 445-454. https://doi.org/10.4149/gpb_2019032

Markovà, E., Hillert, L., Malmgren, L., Persson, B., & Belyaev, I. (2005). Microwaves from GSM Mobile Telephones Affect 53BP1 and γ-H2AX Foci in Human Lymphocytes from Hypersensitive and Healthy Persons. Environmental Health Perspectives, 113(9), 1172-1177. https://doi.org/10.1289/ehp.7561

Belyaev, I., Markovà, E., Hillert, L., Malmgren, L., & Persson, B. (2009). Microwaves from UMTS/GSM mobile phones induce long-lasting inhibition of 53BP1/γ-H2AX DNA repair foci in human lymphocytes. Bioelectromagnetics, 30(2), 129-141. https://doi.org/10.1002/bem.20445

Markovà, E., Malmgren, L., & Belyaev, I. (2010). Microwaves from Mobile Phones Inhibit 53BP1 Focus Formation in Human Stem Cells More Strongly Than in Differentiated Cells: Possible Mechanistic Link to Cancer Risk. Environmental Health Perspectives, 118(3), 394-399. https://doi.org/10.1289/ehp.0900781

Broom, K., Findlay, R., Addison, D., Goiceanu, C., & Sienkiewicz, Z. (2019). Early‐Life Exposure to Pulsed LTE Radiofrequency Fields Causes Persistent Changes in Activity and Behavior in C57BL/6 J Mice. Bioelectromagnetics, 40(7), 498-511. https://doi.org/10.1002/bem.22217

Yu, G., Tang, Z., Chen, H., Chen, Z., Wang, L., & Cao, H. et al. (2020). Long-term exposure to 4G smartphone radiofrequency electromagnetic radiation diminished male reproductive potential by directly disrupting Spock3–MMP2-BTB axis in the testes of adult rats. Science Of The Total Environment, 698, 133860. https://doi.org/10.1016/j.scitotenv.2019.133860

Vecsei, Z., Knakker, B., Juhász, P., Thuróczy, G., Trunk, A., & Hernádi, I. (2018). Short-term radiofrequency exposure from new generation mobile phones reduces EEG alpha power with no effects on cognitive performance. Scientific Reports, 8(1). https://doi.org/10.1038/s41598-018-36353-9

Yang, L., Chen, Q., Lv, B., & Wu, T. (2016). Long-Term Evolution Electromagnetic Fields Exposure Modulates the Resting State EEG on Alpha and Beta Bands. Clinical EEG And Neuroscience, 48(3), 168-175. https://doi.org/10.1177/1550059416644887

Lv, B., Chen, Z., Wu, T., Shao, Q., Yan, D., & Ma, L. et al. (2014). The alteration of spontaneous low frequency oscillations caused by acute electromagnetic fields exposure. Clinical Neurophysiology, 125(2), 277-286. https://doi.org/10.1016/j.clinph.2013.07.018

Wei, Y., Yang, J., Chen, Z., Wu, T., & Lv, B. (2018). Modulation of resting-state brain functional connectivity by exposure to acute fourth-generation long-term evolution electromagnetic field: An fMRI study. Bioelectromagnetics, 40(1), 42-51. https://doi.org/10.1002/bem.22165

Clegg, F., Sears, M., Friesen, M., Scarato, T., Metzinger, R., & Russell, C. et al. (2020). Building science and radiofrequency radiation: What makes smart and healthy buildings. Building And Environment, 176, 106324. https://doi.org/10.1016/j.buildenv.2019.106324

Compilation of Research Studies on Cell Tower Radiation and Health

Shahbazi-Gahrouei, D. (2017). Base transceiver station antennae exposure and human health. International Journal Of Preventive Medicine, 8(1), 77. https://doi.org/10.4103/ijpvm.ijpvm_180_17

Pearce, J. (2020). Limiting liability with positioning to minimize negative health effects of cellular phone towers. Environmental Research, 181, 108845. https://doi.org/10.1016/j.envres.2019.108845

Roda, C., & Perry, S. (2014). Mobile phone infrastructure regulation in Europe: Scientific challenges and human rights protection. Environmental Science & Policy, 37, 204-214. https://doi.org/10.1016/j.envsci.2013.09.009

Nyakyi, C., Mrutu, S., Sam, A., & Anatory, J. (2013). Safety zone determination for wireless cellular tower- a case study from Tanzania. International Journal Of Research In Engineering And Technology, 02(09), 194-201. https://doi.org/10.15623/ijret.2013.0209029

Yakymenko, I., Sidorik, E., Kyrylenko, S., & Chekhun, V. (2011). Long-term exposure to microwave radiation provokes cancer growth: evidences from radars and mobile communication systems. Experimental Oncology, 33, 62-70. Retrieved 12 May 2020, from https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21716201.

Khurana, V., Hardell, L., Everaert, J., Bortkiewicz, A., Carlberg, M., & Ahonen, M. (2010). Epidemiological Evidence for a Health Risk from Mobile Phone Base Stations. International Journal Of Occupational And Environmental Health, 16(3), 263-267. https://doi.org/10.1179/oeh.2010.16.3.263

Eskander, E., Estefan, S., & Abd-Rabou, A. (2012). How does long term exposure to base stations and mobile phones affect human hormone profiles?. Clinical Biochemistry, 45(1-2), 157-161. https://doi.org/10.1016/j.clinbiochem.2011.11.006

Navarro, E., Segura, J., Portolés, M., & Gómez‐Perretta de Mateo, C. (2003). The Microwave Syndrome: A Preliminary Study in Spain. Electromagnetic Biology And Medicine, 22(2-3), 161-169. https://doi.org/10.1081/jbc-120024625

Wolf, R., & Wolf, D. (2004). Increased incidence of cancer near a cell-phone transmitter station. International Journal Of Cancer Prevention, 1(2). Retrieved 13 May 2020, from https://citeseerx.ist.psu.edu/viewdoc/download?doi=10.1.1.652.9315&rep=rep1&type=pdf.

Eger, H., Hagen, K., Lucas, B., Vogel, P., & Voit, H. (2004). Increased incidence of cancer near a cell-phone transmitter station. Umwelt Medizin Gesellschaft, 17. Retrieved 12 May 2020, from http://avaate.org/IMG/pdf/20041118_naila.pdf.

The Bioeffects of Millimeter Waves Documented Years Ago

Declassified and Approved for release 2012/05/10: CIA-RDP88B01125R000300120005-6. (1977). Biological effect of millimeter radiowaves (pp. 116-119). Kiev: Vrachebnoye Delo.

Pakhomov, A., Akyel, Y., Pakhomova, O., Stuck, B., & Murphy, M. (1998). Current state and implications of research on biological effects of millimeter waves: A review of the literature. Bioelectromagnetics, 19(7), 393-413. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/9771583/

EMFscientist.org – International EMF Scientist Appeal. Emfscientist.org. (2020). Retrieved 12 May 2020, from https://www.emfscientist.org/index.php/emf-scientist-appeal.

Wang, Q., Zhao, X., Li, S., Wang, M., Sun, S., & Hong, W. (2017). Attenuation by a Human Body and Trees as well as Material Penetration Loss in 26 and 39 GHz Millimeter Wave Bands. International Journal Of Antennas And Propagation, 2017, 1-8. https://doi.org/10.1155/2017/2961090

Stewart, D., Gowrishankar, T., & Weaver, J. (2006). Skin Heating and Injury by Prolonged Millimeter-Wave Exposure: Theory Based on a Skin Model Coupled to a Whole Body Model and Local Biochemical Release From Cells at Supraphysiologic Temperatures. IEEE Transactions On Plasma Science, 34(4), 1480-1493. https://doi.org/10.1109/tps.2006.878996

Papaioannou, A., & Samaras, T. (2011). Numerical Model of Heat Transfer in the Rabbit Eye Exposed to 60-GHz Millimeter Wave Radiation. IEEE Transactions On Biomedical Engineering, 58(9), 2582-2588. https://doi.org/10.1109/tbme.2011.2159502

Reviews

BioInitiative Report: A Rationale for Biologically-based Public Exposure Standards for Electromagnetic Fields (ELF and RF). The BioInitiative Report. (2020). Retrieved 12 May 2020, from https://bioinitiative.org/.

Moskowitz,, J. (2018). Annotated Bibliography of Scientific Papers Finding Evidence of Harm from Cell Phone Radiation Exposure [PDF]. Retrieved 12 May 2020, from https://drive.google.com/file/d/1zeM5L7-x4Xnu9B6SxpHPQ0J_dHIHMQCy/view.

PowerWatch. (2018). PowerWatch: 1,670 Peer-Reviewed Scientific Papers on Electromagnetic Fields and Biology or Health [PDF]. Retrieved 12 May 2020, from https://drive.google.com/file/d/19CbWmdGTnnW1iZ9pxlxq1ssAdYl3Eur3/view.

Panagopoulos, D., Johansson, O., & Carlo, G. (2015). Polarization: A Key Difference between Man-made and Natural Electromagnetic Fields, in regard to Biological Activity. Scientific Reports, 5(1). https://doi.org/10.1038/srep14914

Panagopoulos, D., Johansson, O., & Carlo, G. (2015). Real versus Simulated Mobile Phone Exposures in Experimental Studies. Biomed Research International, 2015, 1-8. https://doi.org/10.1155/2015/607053

Belyaev, I., Dean, A., Eger, H., Hubmann, G., Jandrisovits, R., & Kern, M. et al. (2016). EUROPAEM EMF Guideline 2016 for the prevention, diagnosis and treatment of EMF-related health problems and illnesses. Reviews On Environmental Health, 31(3). https://doi.org/10.1515/reveh-2016-0011

Le Pogam, P., Le Page, Y., Habauzit, D., Doué, M., Zhadobov, M., & Sauleau, R. et al. (2019). Untargeted metabolomics unveil alterations of biomembranes permeability in human HaCaT keratinocytes upon 60 GHz millimeter-wave exposure. Scientific Reports, 9(1). https://doi.org/10.1038/s41598-019-45662-6

Soubere Mahamoud, Y., Aite, M., Martin, C., Zhadobov, M., Sauleau, R., Le Dréan, Y., & Habauzit, D. (2016). Additive Effects of Millimeter Waves and 2-Deoxyglucose Co-Exposure on the Human Keratinocyte Transcriptome. PLOS ONE, 11(8), e0160810. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0160810

Mandl, P., Pezzei, P., & Leitgeb, E. (2018). Selected Health and Law Issues Regarding Mobile Communications with Respect to 5G. 2018 International Conference On Broadband Communications For Next Generation Networks And Multimedia Applications (CoBCom), 1-5. https://doi.org/10.1109/cobcom.2018.8443980

Tripathi, S., Ben Ishai, P., & Kawase, K. (2018). Frequency of the resonance of the human sweat duct in a normal mode of operation. Biomedical Optics Express, 9(3), 1301. https://doi.org/10.1364/boe.9.001301

Wu, T., Rappaport, T., & Collins, C. (2015). The human body and millimeter-wave wireless communication systems: Interactions and implications. 2015 IEEE International Conference On Communications (ICC), 2423-2429. https://doi.org/10.1109/icc.2015.7248688

Wu, T., Rappaport, T., & Collins, C. (2015). Safe for Generations to Come: Considerations of Safety for Millimeter Waves in Wireless Communications. IEEE Microwave Magazine, 16(2), 65-84. https://doi.org/10.1109/mmm.2014.2377587

Ramundo-Orlando, A. (2010). Effects of Millimeter Waves Radiation on Cell Membrane – A Brief Review. Journal Of Infrared, Millimeter, And Terahertz Waves, 31(12), 1400-1411. https://doi.org/10.1007/s10762-010-9731-z

Scientific Citations from the published study “Potential Risks to Human Health Originating from Future Sub-MM Communication Systems” by Paul Ben-Ishai, PhD and Yuri Feldman, PhD

Feldman, Y., & Ben-Ishai, P. (2017). Potential Risks to Human Health Originating from Future Sub-MM Communication Systems. Jerusalem. Retrieved from https://ehtrust.org/wp-content/uploads/Yuri-Feldman-and-Paul-Ben-Ishai-Abstract.pdf

Feldman, Y., Puzenko, A., Ben Ishai, P., Caduff, A., & Agranat, A. (2008). Human Skin as Arrays of Helical Antennas in the Millimeter and Submillimeter Wave Range. Physical Review Letters, 100(12), 128102. https://doi.org/10.1103/physrevlett.100.128102

Hayut, I., Ben Ishai, P., Agranat, A., & Feldman, Y. (2014). Circular polarization induced by the three-dimensional chiral structure of human sweat ducts. Physical Review E, 89(4), 042715. https://doi.org/10.1103/physreve.89.042715

Hayut, I., Puzenko, A., Ben Ishai, P., Polsman, A., Agranat, A., & Feldman, Y. (2013). The Helical Structure of Sweat Ducts: Their Influence on the Electromagnetic Reflection Spectrum of the Skin. IEEE Transactions On Terahertz Science And Technology, 3(2), 207-215. https://doi.org/10.1109/tthz.2012.2227476

RESEARCH ON MILLIMETER WAVES

Gandhi, O., & Riazi, A. (1986). Absorption of Millimeter Waves by Human Beings and its Biological Implications. IEEE Transactions On Microwave Theory And Techniques, 34(2), 228-235. https://doi.org/10.1109/tmtt.1986.1133316

Sypniewska, R., Millenbaugh, N., Kiel, J., Blystone, R., Ringham, H., Mason, P., & Witzmann, F. (2010). Protein changes in macrophages induced by plasma from rats exposed to 35 GHz millimeter waves. Bioelectromagnetics, 31(8), 656-663. https://doi.org/10.1002/bem.20598

Ramundo-Orlando, A., Longo, G., Cappelli, M., Girasole, M., Tarricone, L., Beneduci, A., & Massa, R. (2009). The response of giant phospholipid vesicles to millimeter waves radiation. Biochimica Et Biophysica Acta (BBA) – Biomembranes, 1788(7), 1497-1507. https://doi.org/10.1016/j.bbamem.2009.04.006

Chen, Q., Lu, D., Jiang, H., & Xu, Z. (2008). [Effects of millimeter wave on gene expression in human keratinocytes]. Zhejiang Da Xue Xue Bao Yi Xue Ban, 37(1), 8-23. Retrieved 13 May 2020, from https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18275115.

Feldman, Y., Puzenko, A., Ben Ishai, P., Caduff, A., & Agranat, A. (2008). Human Skin as Arrays of Helical Antennas in the Millimeter and Submillimeter Wave Range. Physical Review Letters, 100(12). https://doi.org/10.1103/physrevlett.100.128102

Gapeev, A., Rubanik, A., Pashovkin, T., & Chemeris, N. (2007). [Thermoelastic excitation of acoustic waves in biological models under the effect of the high peak-power pulsed electromagnetic radiation of extremely high frequency]. Biofizika, 52(6), 92-1087. Retrieved 13 May 2020, from https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18225661.

Millenbaugh, N., Kiel, J., Ryan, K., Blystone, R., Kalns, J., & Brott, B. et al. (2006). Comparison of blood pressure and thermal responses in rats exposed to millimeter wave energy or environmental heat. Shock, 25(6), 625-632. https://doi.org/10.1097/01.shk.0000209550.11087.fd

Usichenko, T., Edinger, H., Gizhko, V., Lehmann, C., Wendt, M., & Feyerherd, F. (2006). Low-Intensity Electromagnetic Millimeter Waves for Pain Therapy. Evidence-Based Complementary And Alternative Medicine, 3(2), 201-207. https://doi.org/10.1093/ecam/nel012

Gugkova, O., Gudkov, S., Gapeev, A., Bruskov, V., Rubannik, A., & Chemeris, N. (2005). [The study of the mechanisms of formation of reactive oxygen species in aqueous solutions on exposure to high peak-power pulsed electromagnetic radiation of extremely high frequencies]. Biofizika, 50(5). Retrieved 13 May 2020, from https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16248149.

Isakhanian, V., & Trchunian, A. (2005). [Indirect and repeated electromagnetic irradiation of extremely high freguency of bacteria Escherichia coli]. Biofizika, 50(4). Retrieved 13 May 2020, from https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16212062.

Makar, V., Logani, M., Bhanushali, A., Kataoka, M., & Ziskin, M. (2004). Effect of millimeter waves on natural killer cell activation. Bioelectromagnetics, 26(1), 10-19. https://doi.org/10.1002/bem.20046

Lushnikov, K., Shumilina, Y., Yakushina, V., Gapeev, A., Sadovnikov, V., & Chemeris, N. (2004). Effects of Low-Intensity Ultrahigh Frequency Electromagnetic Radiation on Inflammatory Processes. Bulletin Of Experimental Biology And Medicine, 137(4), 364-366. https://doi.org/10.1023/b:bebm.0000035131.54215.ca

Sinotova, O., Novoselova, E., Glushkova, O., & Fesenko, E. (2004). [A comparison of the effects of millimeter and centimeter waves on tumor necrosis factor production in mouse cells]. Biofizika, 49(3). Retrieved 13 May 2020, from https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15327216.

Gapeev, A., Lushnikov, K., Shumilina, I., Sirota, N., Sadovnikov, V., & Chemeris N, N. (2003). [Effects of low-intensity extremely high frequency electromagnetic radiation on chromatin structure of lymphoid cells in vivo and in vitro]. Radiatsionnaya Biologiya Radioekologiya, 43(1), 87-92. Retrieved 13 May 2020, from https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12677665.

Lushnikov, K., Gapeedv, A., Shumilina, I., Shibaev, N., Sadovnikov, V., & Chmeris, N. (2003). [Decrease in the intensity of the cellular immune response and nonspecific inflammation upon exposure to extremely high frequency electromagnetic radiation]. Biofizika, 48(5). Retrieved 14 May 2020, from https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/14582420.

Lushnikov, K., Gapeev, A., & Chemeris, N. (2002). [Effects of extremely high-frequency electromagnetic radiation on the immune system and systemic regulation of homeostasis]. Radiatsionnaya Biologiya Radioekologiya, 42(5). Retrieved 13 May 2020, from https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12449822.

Novoselova, E., Ogaĭ, V., Sinotova, O., Glushkova, O., Sorokina, O., & Fesenko, E. (2002). [Effect of millimeter waves on the immune system in mice with experimental tumors]. Biofizika, 47(5). Retrieved 13 May 2020, from https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12397969.

Ushakov, V., Alipov, E., Shcheglov, V., & Belyaev, I. (2000). Nonthermal effects of extremely high-frequency microwaves on chromatin conformation in cells in vivo-dependence on physical, physiological, and genetic factors. IEEE Transactions On Microwave Theory And Techniques, 48(11), 2172-2179. https://doi.org/10.1109/22.884211

Szabo, I., Rojavin, M., Rogers, T., & Ziskin, M. (2001). Reactions of keratinocytes to in vitro millimeter wave exposure. Bioelectromagnetics, 22(5), 358-364. https://doi.org/10.1002/bem.62

D’Andrea, J., & Chalfin, S. (2000). Effects of Microwave and Millimeter Wave Radiation on the Eye. Radio Frequency Radiation Dosimetry And Its Relationship To The Biological Effects Of Electromagnetic Fields, 395-402. https://doi.org/10.1007/978-94-011-4191-8_43

Mason, P., Walters, T., Nelson, M., & Nelson, D. (2000). Skin heating effects of millimeter-wave irradiation-thermal modeling results. IEEE Transactions On Microwave Theory And Techniques, 48(11), 2111-2120. https://doi.org/10.1109/22.884202

Walters, T., Blick, D., Johnson, L., Adair, E., & Foster, K. (2000). Heating and pain sensation produced in human skin by millimeter waves. Health Physics, 78(3), 259-267. https://doi.org/10.1097/00004032-200003000-00003

Haas, A., Le Page, Y., Zhadobov, M., Sauleau, R., Dréan, Y., & Saligaut, C. (2017). Effect of acute millimeter wave exposure on dopamine metabolism of NGF-treated PC12 cells. Journal Of Radiation Research, 58(4), 439-445. https://doi.org/10.1093/jrr/rrx004

Haas, A., Le Page, Y., Zhadobov, M., Sauleau, R., & Le Dréan, Y. (2016). Effects of 60-GHz millimeter waves on neurite outgrowth in PC12 cells using high-content screening. Neuroscience Letters, 618, 58-65. https://doi.org/10.1016/j.neulet.2016.02.038

Le Dréan, Y., Mahamoud, Y., Le Page, Y., Habauzit, D., Le Quément, C., Zhadobov, M., & Sauleau, R. (2013). State of knowledge on biological effects at 40–60 GHz. Comptes Rendus Physique, 14(5), 402-411. https://doi.org/10.1016/j.crhy.2013.02.005

Sivachenko, I., Medvedev, D., Molodtsova, I., Panteleev, S., Sokolov, A., & Lyubashina, O. (2016). Effects of Millimeter-Wave Electromagnetic Radiation on the Experimental Model of Migraine. Bulletin Of Experimental Biology And Medicine, 160(4), 425-428. https://doi.org/10.1007/s10517-016-3187-7

Soghomonyan, D., Trchounian, K., & Trchounian, A. (2016). Millimeter waves or extremely high frequency electromagnetic fields in the environment: what are their effects on bacteria?. Applied Microbiology And Biotechnology, 100(11), 4761-4771. https://doi.org/10.1007/s00253-016-7538-0

References on Millimeter waves in Military Non Lethal Weapon Program

Non-Lethal Weapons Program > About > Frequently Asked Questions > Active Denial System FAQs. Jnlwp.defense.gov. Retrieved 13 May 2020, from https://jnlwp.defense.gov/About/Frequently-Asked-Questions/Active-Denial-System-FAQs/ .

The Human Effects Advisory Panel. (2008). A Narrative Summary and Independent Assessment of the Active Denial System. Penn State Applied Research Laboratory. Retrieved from https://jnlwp.defense.gov/Portals/50/Documents/Future_Non-Lethal_Weapons/HEAP.pdf

LeVine, S. (2009). The Active Denial System A Revolutionary, Non-lethal Weapon for Today’s Battlefield. Washington, DC: National Defense University Center for Technology and National Security Policy.

Law, D. (2012). Active Denial Technology (ADT). Presentation.

Fonte:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: