In rete ci sono solo notizie false

Tra le tante distopie che formano questa realtà ve né una davvero emblematica: «In rete ci sono solo notizie false». Per non stare a farla troppo lunga possiamo affermare senza il pericolo di essere smentiti, che in rete ci sono anche notizie false.
Filosofeggiando si può affermare che le notizie false sono come le zanzare, che non si capisce bene cosa ci stiano a fare nel creato ma ci sono e ce le dobbiamo tenere; se non altro per il loro intrinseco diritto alla vita.

Quando dicono che in rete ci sono solo notizie false generalmente la prosecuzione della chiosa continua con.. «vieni da me che te le dico io le notizie vere».

Ora… Io non so quale sia la vostra sensibilità a certe affermazioni ma per quanto mi riguarda quando sento quella frase (in rete ci sono solo notizie false) mi si rizzano i peli nella schiena.. un po’ come all’uomo ragno quando percepisce il pericolo. Ed in realtà il pericolo esiste, proprio perchè è con le notizie che formiamo la nostra opinione del mondo. E che opinione possiamo farci se.. “in rete ci sono solo notizie false”?

Non è però mia intenzione stilare delle classifiche tassonomiche sulle fake news ma del fenomeno in se e di chi ha interesse a che nel web circolino notizie false.

Delle comunemente chiamate «fake news» ce n’è veramente per tutte le tasche, per tutte le sensibilità ed in tutte le fogge, con gradazioni crescenti e discendenti di verità e menzogna. Basta modificare la posizione di una virgola per cambiare il senso a tutta una frase o periodo, distorcendo e/o mistificando, così che la nostra opinione ne risulta fuorviata. Le notizie false (distorte o mistificate) servono appunto a che noi non ci facciamo una opinione chiara ed univoca dei fatti che ci vengono «propagandati».

In questo caleidoscopico cloud del falso tenderei ad escludere i mitomani ed i plagi, anche se la loro presenza è chiaramente auspicata da chi ha interesse a che si moltiplichino le versioni delle fake news, perché più aumentano le versioni di una “notizia” più si entra nella condizione di dissociazione mentale, per cui a quel punto una versione vale quanto l’altra e ci si può costruire sopra a seconda della fantasia che si ha.

Che nel web ci siano soltanto notizie false è una chiara esagerazione, un iperbolismo usato per troncare una conversazione e screditare qualsiasi cosa. Ha due fonti: lo scettico incallito ed il debunker. Se per il primo si tratta di ignoranza ma che non vuole darla a vedere.. cerca un punto di sospensione, nel quale valgono tanto le sue opinioni quanto le tue. Nel secondo caso invece è una posizione attentamente studiata per mettere in difficoltà (screditandolo) chi sta divulgando la notizia. Essendoci in rete soltanto notizie false si elimina qualsiasi supporto a conferma del concetto che si vuole condividere.

Le fake news il più delle volte sono generate dai debunkers stessi, così da prepararsi il terreno a future vittorie da propagandare nel mondo intero.. “Vedete che avevamo sempre avuto ragione noi ed i complottisti sono dei cazzari? Non c’è il bisogno di specificare qualche specifico campo, come migranti, scie chimiche, vegan.. terrapiattisti. Con idee come questa si delegittimano in un sol colpo tutte le “teorie cospirazioniste” e tutti gli attivisti in generale.. Perché io, anche se non condivido l’idea che la terra è piatta, ne verrò egualmente screditato agli occhi delle persone comuni.. quelle che guardano soltanto la televisione per farci capire. I “complottisti” di questo filone fanno della diffidenza verso il sistema, la non credibilità delle istituzioni, che raccontano soltanto balle.. Invece temo si tratti soltanto di ignoranza.. Sospiro..

Pertanto la storia deve essere riscritta. Si, la storia dovrebbe essere riscritta da capo a piedi, perchè oramai sono tante le evidenze che “qualcuno” ha sempre nascosto fatti e conoscenze.. La storia la scrivono sempre i vincitori..

Perchè sapere è potere.

Maddai che stai dicendo con «qualcuno ha sempre nascosto le cose..» quali cose..? c’è la Spektre?

Com’è facile gettarla in caciara…

Sospiro..

Mantenere il caos.

Per comprendere il momento storico che stiamo vivendo bisogna dire che mai come in questi tempi la popolazione mondiale, seppure con enormi discrepanze, abbia aumentato l’asticella del benessere e dell’istruzione. Questo ha generato consapevolezza nelle persone che stanno realizzando che il modo per uscire fuori dalla povertà è quello di studiare.. e di far studiare i propri figli. Sempre più persone sono istruite e questo ha aiutato ad aumentare il tenore di vita; ma una maggiore istruzione ha anche aumentato la consapevolezza globale, il capire che i governi ci hanno sistematicamente tradito, dicendo e convincendoci a fare cose a discapito di cosa sia giusto o sbagliato, fuorviando le nostre opinioni e anteponendo gli interessi personali alle popolazioni e al territorio.

Ma peggio… La globalizzazione e la religione del liberismo hanno fatto si che si aprisse una corsa all’accaparramento di marchi commerciali ed eccellenze in quasi tutti i settori. Le Nazioni sono società per azioni ed il pareggio di bilancio è un abominio ideologico in quanto la Terra nel suo insieme non ha le riserve per mantenere una crescita economico/industriale illimitata. La contesa per arrivare ai piani bassi del vertice della piramide è feroce e quel che è peggio è che la contesa si è mutata in guerra. Una guerra silenziosa, non dichiarata ma altrettanto devastante di una guerra vera.. Dove le armi sono le borse di tutto il mondo piuttosto che cannoni e missili, fake news e stuoli di trolls e debunkers, una informazione legata alla censura delle lobbies. Che siano del farmaco o del petrolio, chimico, energia, Intelligenza Artificiale e quant’altro ci sia di quotato in borsa.

I militari.. Sono ai vertici o sotto traccia in praticamente tutto quanto concerne la ricerca e progresso, tecnologia per dominare il nemico. Sono l’anima nera dietro la ricerca per il controllo dei fenomeni meteorologici, volgarmente chiamati «scie chimiche» o «chemtrails» ma è comunemente conosciuta come «geoingegneria» che, se fosse usata per il benessere ed il progresso, la qualità della vita migliorerebbe di sicuro. Invece è utilizzata come arma non dichiarata per mettere sotto pressione governi ed interi continenti. L’arma meteorologica è in grado di scatenare tempeste e siccità mettendo a rischio le popolazioni con la fame e con le malattie, salvo poi utilizzare le stesse popolazioni per programmi di test sui vaccini.

Tutto è concatenato. Industrie e banche sostengono il tutto e le eventuali perdite le reintegrano con la tassazione selvaggia, riducendo servizi e libertà personali in nome della sicurezza piuttosto che ce lo chiede questo o quello.. Il commercio dovrebbe essere in armonia invece che in una eterna guerra, dove il posto in palio è il posto stesso di lavoro.

Anche la situazione politica è disperata, abbiamo governi calati dall’alto senza che nessuno li abbia votati e questo vale dal 2011 con il golpe bianco che ha costretto Berlusconi alle dimissioni. Perché Silvio Berlusconi pur avendo una moralità discutibile è stato fatto oggetto di una campagna mediatico-giudiziaria che ha del vergognoso che rimarrà a lungo negli annali. Il caso Palamara e del Consiglio Superiore della Magistratura è un caso emblematico, un bubbone che è esploso e che stanno tentando in ogni modo di silenziare ed insabbiare.. perché la cosa è davvero grave. Un onta che rimarrà per molto tempo appiccicata all’Italia.

Una nazione che permette un «distanziamento mentale» oltre a quello fisico del lockdown. Una nazione dissociata che non sa più riconoscere se stessa, figurarsi riconoscere una fake news..

Ancora una cosa..

Ci sono fake news e fake news. Ci sono “teorie complottiste” create ad arte per screditare l’intero movimento attivista. Per esempio la ricerca sul covid era iniziata sull’origine e sul perchè della pandemia ma il discorso è stato abilmente pilotato fuori da questo ambito della ricerca, costringendo gli attivisti a riproporsi come novelli scienziati candidati al Nobel in medicina. Ci siamo fatti trascinare nel loro campo dell’assurdo a discutere su scemenze e bombe logiche, oppure a disquisire di tal dottore o talaltro primario.. la malattia c’è, inutile negarlo.. ma se davvero dovesse “spegnersi” si tratterebbe di altra pandemia di questo o altro virus.. Perché è il metodo che interessa, non la malattia in se. Un qualcosa che faccia leva sulle paure delle persone per trarne consenso.

Chi?

Ma la Spektre, naturellement!

megachiroptera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: