Neve di settembre da record: è diretta verso le Alpi

19 settembre 2020 Cap Allon

La massa totale di neve di questa stagione per l’emisfero settentrionale è iniziata presto e da record, proprio come l’anno scorso. E ora, le ultime piste GFS vedono ulteriori raffiche di neve storica in arrivo la prossima settimana.

Le stazioni sciistiche delle Alpi dovrebbero prepararsi a condizioni brutali “invernali” a partire da giovedì prossimo. La forte nevicata potrebbe vedere l’allarme valanghe salire a 5 – il livello più alto – e le località chiudono i battenti per problemi di sicurezza.

“Le piste da sci europee sono in declino a causa del riscaldamento globale”, è il li (n) e siamo costantemente nutriti. Ma come con tutti gli altri “belati dell’ignoranza” vomitati dal MSM intesi a tenerci conformi, semplicemente non è così, almeno non più (e non è mai stato qualcosa di cui preoccuparsi). Le tendenze cambiano. Flussi e flussi di ghiaccio. La terra si riscalda e la terra si raffredda. Il nostro clima terrestre è dopotutto ciclico, mai lineare e i cambiamenti sono guidati dall’emissione del Sole. Fare scommesse su un sistema a senso unico è una ricetta per l’imbarazzo e la ritrattazione:

Guardando alla prossima settimana, e tenendo conto dell’attività solare storicamente bassa che stiamo vivendo attualmente, gli ultimi modelli suggeriscono che un’ulteriore esplosione di neve storica di settembre seppellirà le Alpi a partire da giovedì 24 settembre:

GFS totale nevicata cm) 19 settembre – 4 ottobre

Questi totali sembrano davvero sbalorditivi, in particolare per il periodo dell’anno, e dovrebbero (ma non lo faranno) svegliare molti allarmisti climatici dalle loro passeggiate guidate dall’agenda e indotte dai MSM.

Questi debilitanti e rari totali di neve a settembre, se le previsioni si concluderanno, seppelliranno anche gran parte della Scozia, Scandinavia, Pirenei e Islanda, così come le quote più elevate di Germania e Slovacchia, tra gli altri, e seguiranno già gli accumuli estivi ha sofferto di recente:

Un freddo da record accompagnerà la neve della prossima settimana, poiché un violento nodo della corrente a getto devia la brutale aria artica alle medie latitudini. Le partenze della temperatura sembrano destinate a scendere fino a 20 ° C al di sotto della media stagionale, fornendo un congelamento fuori stagione alla maggior parte dell’Europa:

Anomalie di temperatura GFS 2m per il 26 settembre

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RINFRESCANDO, in linea con l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici nucleanti delle nuvole e un flusso di corrente a getto meridionale. Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare “in piena regola” alla fine del 2020 e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come ” più debole degli ultimi 200 anni “, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale qui.

Grand Solar Minimum + Pole Shift

Fonte: Electroverse

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: