La geoingegneria minaccia gli oceani

I progetti di geoingegneria ad alto rischio stanno procedendo in violazione delle moratorie delle Nazioni Unite.
(8 giugno 2020)

Questo comunicato stampa è stato totalmente oscurato dai canali di informazione ufficiali e, se una notizia non viene ripetuta su giornali e televisioni semplicemente non c’è, non esiste. La geoingegneria è un insieme di pratiche tecnologiche in grado di modificare il clima di una regione, di un continente, del mondo intero ma ancora, secondo i creatori di radiosi futuri, la popolazione non è pronta per esserne a conoscenza ed essere informata. Da troppi anni uno stuolo di disinformatori para-governativi, supportati da orde di convinti scettici battono il tasto che la geoingegneria sia una bufala nata nella testa di persone mentalmente disturbate. Nella realtà questa tecnologia ha continuato a crescere uscendo dal mero ambito militare, che esiste ancora e persegue i suoi obiettivi nell’ombra, per approdare nel mondo industriale e delle start-up e da qui ai politici ed ai governi che iniziano ad intravvederne un risvolto economico. Ma per il volgo per ora è e resta una bufala. Un qualcosa da oscurare e censurare.

In occasione della Giornata mondiale degli oceani, i membri di una coalizione globale formata da 195 organizzazioni in 45 paesi lanciano l’allarme sulla minaccia della geoingegneria per i delicati ecosistemi oceanici di tutto il mondo. La campagna Nessuno tocchi Madre Terra oggi ha invitato la società civile e i funzionari governativi di tutto il mondo a opporsi con forza agli esperimenti di geoingegneria marina.

Un recente annuncio del primo test all’aperto della tecnologia di geoingegneria solare in Australia è uno dei diversi tipi di geoingegneria che potrebbero causare danni permanenti agli ecosistemi se implementati su larga scala. Tuttavia, l’Australia non è l’unico esperimento così pericoloso e che crea precedenti.

“I geoingegneri stanno volando di fronte alle moratorie globali concordate all’ONU. Il potenziale per versioni su larga scala di questi progetti, spinto dalla motivazione dell’industria dei combustibili fossili a continuare a estrarre, vendere e bruciare, rappresenta un pericolo evidente e presente per i nostri oceani”. – Silvia Ribeiro, Gruppo ETC

La società civile parla: gli esperimenti pongono pericoli locali e globali

La geoingegneria è un insieme di tecnologie proposte basate sull’idea che invece di ridurre le emissioni per prevenire aumenti catastrofici della temperatura globale, possiamo invece imporre una serie di interventi su larga scala per manipolare i sistemi planetari. Questi includono una varietà di schemi non provati per bloccare la luce solare o rifletterla nello spazio o rimuovere l’anidride carbonica dall’atmosfera.

“La geoingegneria – un insieme di proposte tecniche per manipolare il clima globale che vengono presentate come alternativa alla drastica riduzione delle emissioni – non affronta le cause del cambiamento climatico. Intraprendere megaprogetti che cambierebbero le dinamiche e la chimica degli oceani è un’impresa ad alto rischio che comporta gravi incertezze sugli impatti sugli ecosistemi marini”. – Silvia Ribeiro, Gruppo ETC

Tuttavia, questi approcci tecnofix ad alto rischio stanno andando avanti nonostante l’opposizione globale e gli appelli internazionali ad adottare approcci estremamente precauzionali alla geoingegneria marina. La Convenzione delle Nazioni Unite sulla biodiversità (CBD) ha approvato una moratoria sulla fertilizzazione degli oceani nel 2008 e una moratoria su tutte le forme di geoingegneria (compresa la ricerca all’aria aperta) nel 2010 [1]. Il protocollo di Londra della Convenzione di Londra ha adottato il divieto di fertilizzazione oceanica nel 2013.

La sperimentazione all’aperto della tecnologia di geoingegneria solare in Australia stabilisce quindi un nuovo precedente particolarmente pericoloso, aprendo la strada all’uso di una tecnologia rischiosa che, se implementata su larga scala, potrebbe essere dannosa per altre regioni e persino per gli ecosistemi oceanici, i ricercatori affermano di voler proteggere.

“Il governo australiano ha costantemente assecondato gli interessi delle compagnie di combustibili fossili promuovendo false soluzioni ai cambiamenti climatici che promuovono il normale business. Questo esperimento di gestione delle radiazioni solari potenzialmente dannoso sulla Grande Barriera Corallina non fa eccezione. Per affrontare davvero il cambiamento climatico, abbiamo bisogno di serietà. tagli alle emissioni di CO2, senza distrarre i technofix.” – Louise Sales da Friends of the Earth Australia’s Emerging Tech Project.

Questo progetto in Australia sostiene di essere per la protezione della Grande Barriera Corallina, ma la geoingegneria non affronterà le cause principali della distruzione della barriera corallina (acidificazione degli oceani e inquinamento costiero). Il progetto è collegato a un team di geoingegneria che ha lavorato per implementare la stessa tecnica di schiarimento delle nuvole fuori dalla baia di Monterey in California.

Anche i tentativi di testare le tecniche di fertilizzazione degli oceani al largo delle coste del Cile e del Perù contravvengono alla Convenzione di Londra e alle moratorie del CBD. Pertanto Oceaneos, un’organizzazione collegata a precedenti esperimenti illegali in Canada, presenta le proprie attività come “semina oceanica”, sostenendo che si tratta di un metodo per aumentare gli stock ittici.

“Rifiutiamo il tentativo di usare il degrado dell’ecosistema o presunti miglioramenti alla pesca come scusa per giustificare il progresso della geoingegneria marina. Questi esperimenti violerebbero le moratorie internazionali e le prove scientifiche indicano che i rischi e gli impatti superano di gran lunga i presunti benefici “. – Samuel Leiva, Terram/Cile

La geoingegneria comporta molti rischi ambientali, geopolitici ed economici, che verrebbero distribuiti in modo disomogeneo nel mondo, favorendo quelle aziende e persone che hanno già beneficiato dei cambiamenti climatici. Piccoli esperimenti, sia sulla terra che nell’oceano o nell’aria, non forniscono dati sulla geoingegneria sul clima o sui sistemi ecologici. Invece, questi progetti funzionano come una testa di ponte per giustificare esperimenti e investimenti più ampi e aprire la strada alla loro adozione su larga scala.

Gli oceani e i mari sono fondamentali per le comunità e per tutta la vita sul pianeta. Oggi, la campagna HOME rinnova il suo invito a fermare tutti gli esperimenti di geoingegneria basata sul mare.

Rischiosi esperimenti di geoingegneria marina a colpo d’occhio:

Esperimento: schiarimento delle nuvole marine (spruzzando acqua di mare per illuminare le nuvole e riflettere la luce solare nello spazio)
Attori: Southern Cross University e altre istituzioni australiane
Ubicazione: Coastal waters near Townsville, Australia
Rischi per gli oceani: su larga scala, potrebbero cambiare i modelli di precipitazione a livello regionale o anche globale; ulteriore acidificazione degli oceani e inquinamento costiero delle barriere coralline dovuto all’uso continuato di combustibili fossili.

Esperimento: microbolle di vetro su formazioni di ghiaccio marino (destinate a deviare la luce solare dal ghiaccio)
Attore: progetto Ice911
Ubicazione: Utquiagvik (formerly Barrow), Alaska and Winnipeg, Canada
Rischi per gli oceani: potenziali cambiamenti nei modelli meteorologici, precipitazioni e correnti marine; effetto sconosciuto delle microbolle sintetiche che entrano nella catena alimentare, inibendo potenzialmente la crescita della flora interrompendo le catene alimentari marine; l’acidificazione degli oceani dovuta all’uso continuato di combustibili fossili.

Alla sperimentazione si oppongono i gruppi indigeni della zona, che hanno anche domande sui potenziali impatti dell’inalazione delle microbolle.

Esperimento: fertilizzazione oceanica (stimola la crescita del plancton per sequestrare ipoteticamente il carbonio)
Attore: Oceanos
Ubicazione: acque costiere del Cile e del Perù
Rischi per gli oceani: deossigenazione che crea “zone morte”; potenziale crescita di alghe tossiche; rimozione di sostanze nutritive dall’acqua interrompendo gli ecosistemi a valle.

Esperimento: risalita costiera (portando in superficie acque oceaniche profonde ricche di nutrienti per stimolare la crescita del plancton, rimuovendo ipoteticamente CO2)
Attore: GEOMAR Helmholtz Center for Ocean Research, Germania
Ubicazione: acque costiere al largo di Callao, Perù e corrente del Bengela sulla costa occidentale dell’Africa meridionale
Rischi per gli oceani: potenziale rilascio di CO2 immagazzinata nell’oceano profondo; può aumentare l’acidificazione degli oceani; interruzione della rete alimentare marina e della pesca.

Per ulteriori informazioni sulla geoengineering, visitare GeoengineeringMonitor.org

[1] Esperimenti per scaricare la limatura di ferro e altre sostanze in mare per testare la fertilizzazione dell’oceano (una forma di geoingegneria marina) iniziarono ad apparire nel 1998. Da allora sono stati pubblicati molti studi scientifici che spiegano i suoi impatti e la mancanza di efficacia nel sequestrare il carbonio). Dal 2007, le proteste e l’opposizione globale alla geoingegneria da parte della società civile e dei movimenti sociali sono aumentate in modo significativo. Di conseguenza, la Convenzione di Londra sulla prevenzione dell’inquinamento marino e la Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica (CBD) hanno approvato la moratoria sulla fertilizzazione degli oceani nel 2008.

Il Protocollo di Londra della Convenzione di Londra è andato oltre, adottando un divieto di fertilizzazione oceanica nel 2013. Nel 2010 è stata approvata alla CBD una moratoria su tutte le forme di geoingegneria (compresi gli esperimenti all’aperto a meno che non soddisfino una serie di criteri rigorosi). Nel 2012, il geoingegnere canaglia Russ George ha condotto un esperimento non autorizzato scaricando oltre 90 tonnellate di limatura di ferro nell’Oceano Pacifico nei territori di Haida Gwaii al largo della costa occidentale del Canada. Successivamente si è opposto al governo canadese, che non ha permesso l’attività, ed è stato condannato anche dal Consiglio della nazione Haida. Nel 2016 la Convenzione sulla biodiversità ha riaffermato la sua moratoria.

Nonostante ciò, il sostegno di potenti industrie di combustibili fossili e alcuni miliardari continuano a incoraggiare esperimenti all’aperto, in violazione delle moratorie globali.

Fonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: