IL CICLO SOLARE RETROGRADO E LE PICCOLE ERE GLACIALI

Di CAPP ALLON – 5 Dicembre 2020

Giove e Saturno stanno per fare qualcosa che non si vedeva dall’anno 1226.

I due pianeti più grandi del sistema solare hanno affascinato gli astronomi per centinaia di anni. Ma i 2 giganti gassosi alla fine di questo mese faranno qualcosa che non si vedeva dal Medioevo: sembreranno come un unico grande pianeta. Il raro evento accadrà dopo il tramonto del 21 dicembre 2020, l’inizio del solstizio d’inverno.

“Gli allineamenti tra questi due pianeti sono piuttosto rari, si verificano una volta ogni 20 anni circa, ma questa congiunzione è eccezionalmente rara a causa della loro vicinanza l’uno con l’altro”, ha affermato l’astronomo della Rice University Patrick Hartigan. “Dovremmo tornare indietro fino all’alba del 4 marzo 1226, per vedere un allineamento più ravvicinato tra questi pianeti visibili nel cielo notturno.”

Come menziona Robert Felix nel suo libro “Not by Fire but by Ice“:

Secondo gli studi di Rhodes W. Fairbridge e John E. Sanders della Columbia University, questi allineamenti causano il cosiddetto ciclo solare retrogrado. Questo ciclo comporta cambiamenti sia nella velocità di rotazione solare che nella produzione solare (la produzione solare diminuisce bruscamente). Il moto retrogrado stesso è prodotto dall’attrazione gravitazionale dei pianeti; principalmente Saturno e Giove. Quando Saturno e Giove si trovano entrambi nello stesso quadrante del sistema solare, esercitano un’attrazione maggiore sul sole. Il ciclo è innegabile. “La ciclicità solare deve ora essere considerata come un fatto di vita”, hanno riferito i due professori emeriti. (Sia Fairbridge che Sanders erano professori emeriti di geologia alla Columbia University. Ciascuno di loro ha pubblicato estesamente in geologia e astronomia)

Di seguito è riportato un estratto più lungo da Not by Fire but by Ice relativo al ciclo solare retrogrado:

In precedenza, ho menzionato la piccola era glaciale, iniziata nei primi anni del 1600. Quello che non ho menzionato è che le piccole ere glaciali si ripetono ciclicamente. Studi pionieristici di Rhodes W. Fairbridge e John E. Sanders della Columbia University mostrano che il nostro clima oscilla – da caldo a freddo, da freddo a caldo – in un ciclo affidabile e prevedibile, diventando molto più fresco e umido ogni 178,73 (± 0,27) anni.

Il ciclo è causato dal movimento retrogrado, o in senso orario, del sole attorno al centro di massa – il baricentro – del sistema solare. Chiamato ciclo solare retrogrado, questo ciclo comporta cambiamenti sia nella velocità di rotazione solare che nella produzione solare (la produzione solare diminuisce bruscamente). Il moto retrogrado stesso è prodotto dall’attrazione gravitazionale dei pianeti; principalmente Saturno e Giove. Quando Saturno e Giove si trovano entrambi nello stesso quadrante del sistema solare, esercitano un’attrazione maggiore sul sole. Il ciclo è innegabile. “La ciclicità solare deve ora essere considerata come un fatto della vita”, hanno detto i due professori emeriti. (Sia Fairbridge che Sanders erano professori emeriti di geologia alla Columbia University. Ciascuno di loro ha pubblicato ampiamente in geologia e astronomia.

Probabilmente la figura più importante nel campo solare retrogrado è stato il defunto Dr. Theodor Landscheidt, fondatore dell’Istituto Schroeter per la ricerca sui cicli di attività solare a Waldmuenchen, in Germania. Il Dr. Landscheit ha iniziato a pubblicare i suoi risultati nel 1976.

Sulla Terra, il ciclo solare retrogrado innesca fluttuazioni nell’intensità del campo geomagnetico provocando improvvisi ed estremi cambiamenti climatici. I cambiamenti sono così gravi che ad ogni altro battito del ciclo – circa ogni 360 anni – la Terra precipita in una piccola era glaciale.

Questo ciclo ha afflitto il nostro pianeta per centinaia di milioni di anni.

“Il ciclo di 360 anni della Piccola era glaciale si manifesta nella formazione Morrison nel Giurassico”, afferma il geologo ricercatore Jack Sauers. “È correlato alla caduta dell’Impero Romano. È correlato alla caduta dell’Impero Sumero. È correlato alla caduta dell’Impero Ottomano. È correlato alla caduta dell’Impero greco. E ora sta coincidendo con il crollo di diversi imperi moderni”.

Sfortunatamente, l’ultima battuta del ciclo della Piccola era glaciale si è verificata quasi esattamente 360 ​​anni fa. “Se questo schema è valido”, hanno detto Fairbridge e Sanders, “allora ci si può aspettare che inizi una simil piccola era glaciale. . . all’inizio del ventunesimo secolo.”

Ma aspetta. La situazione peggiora. Moltiplica il ciclo della Piccola Era Glaciale per quattro e otterrai un ciclo di 1440 anni di condizioni climatiche ancora più dure. Questo ciclo, scoperto nella calotta glaciale della Groenlandia, è stato segnalato da Paul Mayewski et al. nel 1997 (Journal of Geophysical Research, 30 novembre 1997)

Il ciclo di 1440 anni porta con sé cambiamenti climatici “drastici e rapidi” (secco in alcune zone, umido in altre) e l’espansione globale dei ghiacciai. Il ciclo sembra essere correlato alle oscillazioni interne del sistema oceanico-climatico, dice Mayewski (che io attribuisco al vulcanismo sottomarino, innescato dai cambiamenti nell’intensità geomagnetica, innescati dai cambiamenti nel sole).

Qualunque sia la causa, un ciclo simile di 1440 anni è stato trovato nei nuclei delle profondità marine del Nord Atlantico (Bond et al., Science, 14 novembre 1997). Il nostro clima è precipitato in condizioni gelide circa 4200 anni fa, ha detto Bond. Cali simili si sono verificati circa 2800 anni fa e 1400 anni fa, il che significa – avete indovinato – che è previsto il prossimo battito del ciclo di 1400 anni.

Come se non bastasse, moltiplica il ciclo di 1440 anni per otto e ottieni 11.520, che è sospettosamente vicino al ciclo dell’era glaciale di 11.500 anni.

Quindi eccoci qui. Il prossimo battito del ciclo solare retrogrado di 179 anni è previsto. Il prossimo ritmo del ciclo di 360 anni della Piccola era glaciale è dovuto. Il prossimo ritmo del ciclo dell’era glaciale di 1440 anni è previsto. Il prossimo ritmo del ciclo dell’era glaciale di 11.500 anni è previsto. Il prossimo ritmo del ciclo dell’era glaciale di 100.000 anni è previsto. . . e siamo preoccupati per il riscaldamento globale?

È ridicolo essere preoccupati per il riscaldamento globale.

Dobbiamo prepararci per un’era glaciale. Come hanno affermato Fairbridge e Sanders, “i dadi della natura sono davvero un po’ carichi”. Se riusciamo a dare ascolto alle lezioni della storia scritte così chiaramente nella documentazione geologica, forse possiamo ricaricare quei dadi a nostro favore.

–Di Robert Felix, “Not by Fire but by Ice

TEMPI FREDDI stanno per tornare, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nucleano le nuvole e un flusso di corrente a getto più meridionale.

Sia la NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, la NOAA afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare “in piena regola” dalla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti minimi solari a periodi prolungati di raffreddamento globale qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la sfilza di nuovi studi scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.

Preparati di conseguenza : impara i fatti, trasferisciti se necessario e fai crescere il tuo sapere.

Fonte: Electroverse

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: