Elefanti in salotto (3)

I crimini di guerra di Bush e Blair – Afghanistan e Iraq

“L’invasione dell’Iraq è stata un atto di banditismo, un atto di palese terrorismo di stato, che ha dimostrato un disprezzo assoluto per il concetto di diritto internazionale … Abbiamo portato tortura, bombe a grappolo, uranio impoverito, innumerevoli atti di omicidio casuale, miseria, degrado e morte al popolo iracheno e lo chiamano «portare libertà e democrazia in Medio Oriente».”

(Harold Pinter, Premio Nobel per il discorso letterario, 2005)

In seguito agli attacchi terroristici alle Torri Gemelle del World Trade Center a New York, l’11 settembre 2001 (noto come 9/11) gli Stati Uniti hanno dichiarato una guerra globale al terrorismo. Da allora ha distrutto Afghanistan, Iraq e Libia. Ha sostenuto la distruzione dello Yemen e il tentativo di distruzione della Siria. (Libia, Siria e Yemen saranno discussi in un post successivo).

Afghanistan

Per molti anni, l’Afghanistan è stato visto come un’area chiave in quella che è conosciuta come “La grande scacchiera” – è importante per il controllo delle immense risorse energetiche (petrolio e gas) in Asia centrale. Fino al 1989, il governo degli Stati Uniti non era stato in grado di assumere il controllo della regione a causa della vicinanza con l’Unione Sovietica. Il crollo dell’Unione Sovietica nel 1989 ha cambiato le cose. Immensi giacimenti di petrolio e gas nella regione sono ora accessibili alle società occidentali. Non solo l’Afghanistan ha i propri depositi di gas naturale, ma è la scelta più ovvia per numerosi percorsi di gasdotti. (1)

Gli Stati Uniti ei loro alleati hanno invaso l’Afghanistan nell’ottobre 2001. Le spiegazioni fornite per l’invasione includevano il trattare con la rete terroristica di al-Qaeda, guidata da Osama Bin Laden, e sostituire il governo talebano estremamente repressivo con uno migliore per ragioni umanitarie. Come per le giustificazioni per altre guerre, queste ragioni sono state ripetute dai media con poche domande. Tuttavia, la maggior parte dei terroristi dell’11 settembre proveniva dall’Arabia Saudita. È stato ampiamente riconosciuto che la maggior parte della rete di al-Qaeda si sarebbe dispersa prima degli attacchi e il tentativo di rimozione dei talebani ha lasciato signori della guerra altrettanto violenti al potere in molte parti del paese. Gli Stati Uniti avevano negoziato con i talebani sulla costruzione di oleodotti fino al luglio 2001, ma i talebani non erano sufficientemente cooperativi. Gli Stati Uniti avevano quindi deciso di farlo

“Seppellite voi [i talebani] sotto un tappeto di bombe” (2)

poco prima degli attacchi dell’11 settembre. Gli Stati Uniti sono andati avanti e hanno sganciato molte bombe, ma questo non ha diminuito il terrorismo nella regione. Com’era prevedibile, il primo rappresentante degli Stati Uniti in Afghanistan era collegato all’industria petrolifera ed era stato coinvolto in precedenti negoziati per la costruzione di oleodotti. (3)

La guerra in Afghanistan non riceve la stessa copertura mediatica della guerra in Iraq, ma migliaia di cittadini afgani vengono ancora uccisi ogni anno. (4) Wikileaks ha rilasciato file che mostrano che l’esercito americano è consapevole di aver ucciso centinaia di migliaia di persone. persone in Afghanistan. (5) Il paese è nel caos da quasi 20 anni.

Iraq

Gran Bretagna e Stati Uniti hanno contribuito a rovesciare la leadership dell’Iraq nel 1963. Saddam Hussein è diventato presidente di quel governo iracheno nel 1979. Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna gli hanno fornito armi per molti anni, nonostante sapessero che era un dittatore assassino. Lo hanno incoraggiato a combattere una guerra per tutti gli anni ’80 contro l’Iran (6), creando devastazione nella regione. Nel 1991 Saddam ha invaso il vicino Kuwait. In risposta, le forze statunitensi hanno invaso l’Iraq. Questo era noto come Guerra del Golfo 1. Il presidente H.W.Bush ha affermato che il problema in Kuwait non era la democrazia, ma

“Impedire a un dittatore … di prendere il controllo di più di un quarto delle riserve mondiali di petrolio”. (7)

C’erano opportunità di negoziare una risoluzione pacifica con l’Iraq nel 1991, ma la leadership degli Stati Uniti non voleva che ciò accadesse, quindi ha deliberatamente soppresso le informazioni su possibili soluzioni non violente, e anche i media non sono riusciti a discutere queste alternative (8). Per tutti gli anni ’90 la Gran Bretagna e gli Stati Uniti hanno continuato a fare la guerra all’Iraq, bombardandolo circa una volta ogni tre giorni. (9) Nel 2003, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno effettuato un’invasione su vasta scala, nota come Guerra del Golfo 2. Immediatamente dopo l’invasione , Le forze statunitensi hanno assicurato i giacimenti petroliferi e il ministero del petrolio, ma non molto altro. (10)

L’invasione dell’Iraq del 2003 è stata un eccellente esempio del modo in cui i governi statunitense e britannico cercano di spaventarci per farci sostenere la guerra esagerando con le minacce. Per prima cosa ci è stato detto che avremmo dovuto avere paura perché l’Iraq stava producendo armi di distruzione di massa (WMD), ma le uniche armi di distruzione di massa che l’Iraq avrebbe potuto avere erano vecchi proiettili chimici degradati. (11) Poi ci hanno detto bugie sui legami di Saddam con il terrorismo . La spiegazione dei “legami con i terroristi” è stata sempre dubbia poiché il governo di Saddam Hussein era laico (non religioso) ed era quindi un improbabile alleato dei terroristi religiosi. Alla fine ci è stato detto che dovevamo invadere per motivi umanitari – essenzialmente “Saddam è un uomo cattivo” – ma la Gran Bretagna e gli Stati Uniti lo avevano attivamente aiutato quando aveva commesso atrocità in precedenza. I governi statunitense e britannico hanno mentito ripetutamente per giustificare l’invasione. (12) C’erano falsificazioni che presumibilmente mostravano che l’Iraq stava cercando di acquistare materiale nucleare dall’Africa (13) e un dossier “ losco ” (14) che cercava di convincere i giornalisti che Saddam era una seria minaccia. Nessuno di questi aveva molte prove per sostenerli, ma, come con gli interventi precedenti, sono stati ripetuti dai media senza un adeguato controllo. Il governo ha deciso il suo piano, quindi ha cercato di raccogliere e scegliere informazioni selettive per adattarsi a quel piano. L’Iraq era un po ‘insolito in quanto molte persone non credevano a nessuna di queste storie spaventose. Milioni di persone hanno protestato contro la guerra in molti paesi (15), comprese enormi proteste in Gran Bretagna e negli Stati Uniti, ma l’invasione è andata avanti comunque.

La portata delle bugie è stata ammessa da ex addetti ai lavori del governo. Il capo della CIA, George Tenet, ha ora ammesso di aver informato George Bush che Saddam non aveva armi di distruzione di massa e altre fonti hanno ammesso che le informazioni dell’intelligence erano “fissate attorno al piano”. (16) In altre parole , l’invasione stava andando avanti e i politici avevano bisogno di una scusa. C’è una registrazione non ufficiale di note del Segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Donald Rumsfeld, dal pomeriggio dell’11 settembre 2001 (solo poche ore dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre) che dice:

“Migliori informazioni velocemente. Giudica se abbastanza buono ha colpito S.H. [Saddam Hussein] allo stesso tempo. Non solo U.B.L. [Usama Bin Laden]. Spazzare tutto. Cose correlate e non. “(17)

Rumsfeld voleva vedere se gli attacchi terroristici potevano essere usati per giustificare l’invasione dell’Iraq. Ha ripetutamente chiesto prove per collegare l’Iraq agli attacchi terroristici, ma la CIA non è stata in grado di trovarne alcuna.

L’ex primo ministro britannico Tony Blair ha sostenuto queste politiche e ha partecipato attivamente alle bugie. L’ha scritto lui

“Il [Vicepresidente] Cheney voleva un ‘cambio di regime’ forzato in tutti i paesi del Medio Oriente che considerava ostili agli interessi degli Stati Uniti”. (18)

Questa strategia è stata confermata dall’ex generale degli Stati Uniti, Wesley Clark, che ha ammesso che nel 2001 gli era stato detto che il presidente degli Stati Uniti Bush e il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Rumsfeld volevano “eliminare” sette paesi in cinque anni. Questi erano Iraq, Somalia, Siria, Libia, Libano, Sudan e Iran. (19) Il segretario per l’energia del presidente Bush, Paul O’Neill, ha rivelato che il presidente Bush è entrato in carica con l’intenzione di rovesciare Saddam. anni dopo, la decisione di invadere l’Iraq fu presa meno di due settimane dopo l’11 settembre. Un commentatore statunitense lo ha sottolineato

“Questa è una guerra di élite. Potrei darvi i nomi di 25 persone [a Washington] che, se le aveste esiliate su un’isola deserta un anno e mezzo fa, la guerra in Iraq non sarebbe scoppiata “. (21)

Per tutti gli scopi pratici, l’Iraq è stato ora distrutto. Non esiste più come un unico paese e si è disintegrato in basi di potere regionali, con una pulizia etnica diffusa in ogni regione. (22) Si stima che circa due milioni di persone siano morte in Iraq dall’invasione (23) e milioni di altre lo hanno fatto. stato spostato. Questo è stato descritto come genocidio. (24) Molte persone sono fuggite dal paese e altre sono senzatetto all’interno del paese. Oltre la metà degli iracheni ha avuto un caro amico o un parente ucciso o ferito e un’intera generazione di persone cresciute dal 1991 ad oggi è rimasta traumatizzata. L’invasione e la distruzione dell’Iraq è quasi certamente il peggior crimine del 21° secolo.

Punti chiave
  • L’invasione dell’Afghanistan non riguardava il terrorismo o l’umanitarismo.
  • L’invasione dell’Iraq non riguardava armi di distruzione di massa, umanitarismo o collegamenti con il terrorismo.
  • Entrambe le guerre facevano parte di una più ampia politica dell’imperialismo statunitense e del controllo delle risorse energetiche
Ulteriori letture

Web of Deceit: il vero ruolo della Gran Bretagna nel mondo

Abdul-Haq al-Ani e Tarik al-Ani, Genocide in Iraq Volume II: The Obliteration of a Modern State

Siti web utili

www.wikileaks.org

References

1) Mark Curtis, Web of Deceit, pp47–74

2) Michael Meacher, ‘This war on terrorism is bogus’, 6 Sep 2003, at https://www.theguardian.com/politics/2003/sep/06/september11.iraq

3) Patrick Martin, ‘Oil Company Advisor named US representative to Afghanistan’, WSWS, 3 Jan 2002, at

https://www.wsws.org/en/articles/2002/01/oil-j03.html

4) BBC News, ‘Afghanistan’s Ghani says 45,000 security personnel killed since 2014’, 25 Jan 2019, at
https://www.bbc.co.uk/news/world-asia-47005558

5) Wikileaks, ‘Afghan War Diary, 2004–2010’, 25 July 2010, at
https://wikileaks.org/wiki/Afghan_War_Diary,_2004-2010

6) https://en.wikipedia.org/wiki/United_States_support_for_Iraq_during_the_Iran%E2%80%93Iraq_War

7) Thomas Friedman, ‘Haiti’s Coup: Test Case for Bush’s New World Order’, Oct 4 1991, N.Y.Times, at
https://www.nytimes.com/1991/10/04/world/haiti-s-coup-test-case-for-bush-s-new-world-order.html?ref=oembed

8) David Edwards, ‘Where Egos Dare’, 12 Jun 2002, at
https://www.indymedia.org.uk/en/2002/06/33629.html

9) Jeffrey St. Clair, ‘Iraq as Prison State’, Oct 15, 2002, in Alexander Cockburn and Jeffery St. Clair, Imperial Crusades: Iraq, Afghanistan and Yugoslavia,
https://www.goodreads.com/book/show/664208.Imperial_Crusades

10) Derek Gregory, Colonial Present: Afghanistan, Palestine, Iraq, p.220
https://www.goodreads.com/book/show/293534.The_Colonial_Present

11) Jon Schwarz, ‘Twelve Years Later, US Media Still Can’t Get Iraqi WMD Story Right’, 10 April 2015, at
https://theintercept.com/2015/04/10/twelve-years-later-u-s-media-still-cant-get-iraqi-wmd-story-right/

12) Jon Schwarz, ‘Lie After Lie: What Colin Powell Knew About Iraq 15 Years Ago and What He Told The U.N.’, 6 Jan 2018, at
https://theintercept.com/2018/02/06/lie-after-lie-what-colin-powell-knew-about-iraq-fifteen-years-ago-and-what-he-told-the-un/

13) https://en.wikipedia.org/wiki/Niger_uranium_forgeries

14) https://en.wikipedia.org/wiki/Iraq_Dossier

15) https://en.wikipedia.org/wiki/15_February_2003_anti-war_protests

16) Sidney Blumenthal, ‘Turning Truth Into Lies’, Guardian, 7 Sep 2007, at
https://www.theguardian.com/commentisfree/2007/sep/07/turningtruthintolies

17) Paul Krugman, ‘Osama, Saddam and The Ports’, 24th Feb, 2006, at
http://economistsview.typepad.com/economistsview/2006/02/paul_krugman_os.html

Thad Anderson, blogger who found the memo from a FOIA request, posted at
https://www.flickr.com/photos/66726692@N00/100545349/

Note that the spelling is usually Osama, but Usama is used in the memo.

18) Tony Blair, A Journey: My Political Life, discussed in Robert Parry, ‘Blair reveals Cheney’s war agenda’, 6 Sep 2010, at
http://www.consortiumnews.com/2010/090610.html

19) Wesley K. Clark, A Time To Lead: For Duty, Honor and Country, 2007
https://www.goodreads.com/book/show/554906.A_Time_to_Lead

Joe Conason, ‘”Seven countries in five years”’, 12 Oct 2007, (mentions memo from 2001) at
http://www.salon.com/2007/10/12/wesley_clark/

20) BBC News, ‘Bush ‘plotted Iraq War from start’’, 12 Jan 2004, at http://news.bbc.co.uk/2/hi/americas/3387941.stm

21) Thomas Friedman, cited in James S. Henry, The Blood bankers, p.304
https://www.goodreads.com/book/show/1244834.The_Blood_Bankers

22) Gareth Stansfield, ‘Accepting Realities In Iraq’, May 2007, at https://reliefweb.int/report/iraq/accepting-realities-iraq

23) Medea Benjamin and Nicolas J.S.Davies, ‘The Iraq Death Toll 15 Years After the U.S. Invasion’, 15 March 2018, at
https://www.commondreams.org/views/2018/03/15/iraq-death-toll-15-years-after-us-invasion

24) Abdul-Haq al-Ani and Tarik al-Ani, Genocide in Iraq Volume II: The Obliteration of a Modern State, 2015
https://sites.google.com/site/bookreviewsbydrgideonpolya/al-ani-abdul-haq-tariq-genocide-in-iraq-volume-2

FONTE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: