Elefanti in salotto (23)

Capitalismo succhiasangue: come le grandi aziende estraggono ricchezza da tutti gli altri

“Nessuno fa un miliardo di dollari. PRENDI un miliardo di dollari. Lo prendi dai tuoi lavoratori … lo saccheggi dall’ambiente … lo spogli usando brevetti/protezioni”
(Stephanie Kelton tweet[1])

Cercatori di affitto: chi ottiene il pranzo gratuito?

Molti scrittori hanno notato che il capitalismo concentra ricchezza e potere in un piccolo numero di mani. Fino al 1890 circa, gli economisti capirono che una parte fondamentale del sistema economico sono le cosiddette rendite.[2] Ciò significa reddito non guadagnato o profitti in eccesso. La recente teoria economica non parla molto di affitti: si presume che tutto il reddito sia guadagnato. Le persone e le aziende che ricevono ricchezza in eccesso dagli affitti sono solitamente descritte dai media come creatrici di ricchezza, ma questa è in parte propaganda. Molti di loro sono “cercatori di rendita” (noti anche come rentiers), persone che sanno come prendere soldi dal sistema perché capiscono come è truccato.

I due post precedenti hanno discusso tre dei modi più importanti in cui le grandi aziende possono estrarre ricchezza dalla società. Il primo è il Crony Capitalism, dove molte grandi aziende ricevono sussidi dai governi. Il secondo è il monopolio e l’oligopolio, dove le aziende sono così dominanti in ogni settore da poter limitare la concorrenza, applicare prezzi più alti e realizzare profitti in eccesso. Il terzo è Esternalità in cui le aziende non pagano il vero costo delle loro attività, come l’inquinamento, il riscaldamento globale e la distruzione dell’ambiente.

Questo post spiega altri metodi che le grandi aziende utilizzano per estrarre ricchezza dalla società e per mantenere il proprio dominio. Alcuni punti sono discussi più dettagliatamente in altri post, con più esempi e riferimenti, ma vale la pena riassumerli tutti in un unico punto per comunicare fino a che punto il sistema è truccato a favore delle aziende più grandi e potenti.

Economie di scala – Le dimensioni contano

Come regola generale, più produci qualcosa, più a buon mercato puoi realizzare ogni articolo.[3] Ciò significa che in molti settori è impossibile per le piccole imprese produrre cose a basso costo come le grandi aziende. Esistono numerose tecniche che le aziende utilizzano per stabilire e mantenere il dominio.

Spendi, spendi, spendi per diventare dominante

Le grandi aziende hanno tasche profonde per consentire loro di investire in nuovi settori e di sopravvivere alle perdite a breve termine mentre cercano di stabilire presto il dominio del mercato. Questo crea quello che è noto come vantaggio della prima mossa. Questo è il modello di business di Uber, la compagnia di taxi. Per cominciare, pagano bene i conducenti e fanno pagare tariffe basse ai clienti. Una volta che diventano dominanti, aumentano le tariffe e diminuiscono la retribuzione dei conducenti. Nonostante ciò, i clienti e gli autisti rimangono fedeli, perché i clienti sanno che possono prendere un taxi rapidamente e gli autisti sanno che avranno tariffe regolari. È difficile per le aziende concorrenti stabilire un punto d’appoggio perché inizialmente non hanno abbastanza conducenti per attirare i clienti o abbastanza clienti per attirare i conducenti. Quando Uber iniziò negli Stati Uniti, pagavano i conducenti $ 40 l’ora. Alcuni anni dopo pagavano $ 9 l’ora.[4]

Più in generale, le aziende più grandi tendono ad avere budget di marketing maggiori.[5] Spendono enormi somme in pubblicità e in forme più dirette di marketing, come le società farmaceutiche che “convincono” i medici a usare i loro farmaci.[6] Il ruolo della pubblicità e del marketing per raggiungere e mantenere il dominio e i profitti in eccesso sarà discusso nei post successivi.

Una grande impresa diventa molte grandi imprese

È facile per le grandi aziende investire nello stesso settore in altri paesi e talvolta in nuovi settori. Amazon ha iniziato a vendere libri, ma presto si è resa conto di essere ben posizionata per dominare la vendita online più in generale in gran parte del mondo. Come con altre società tecnologiche, Amazon è anche in grado di guadagnare raccogliendo e vendendo immense quantità di dati a inserzionisti, ricercatori di mercato e governi.

Molte delle più grandi aziende controllano parti diverse di una catena di approvvigionamento. Ad esempio, le compagnie petrolifere estraggono petrolio dal terreno, lo affinano nelle proprie raffinerie e lo vendono dalle proprie stazioni di servizio.[7] Sono quindi in grado di trarre profitto in ogni fase. Non devono condividere il profitto con nessun altro. (Questo è noto come integrazione verticale[8]).

Il sistema commerciale globale è truccato

Diverse organizzazioni internazionali come il Fondo monetario internazionale (FMI), la Banca mondiale e l’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) cercano di costringere i paesi ad adottare politiche economiche neoliberiste.[9] Questo crea enormi opportunità di profitto per le aziende globali.

Un’azienda che potrebbe realizzare profitti moderati solo se domina nel proprio paese, è in grado di realizzare profitti spettacolari se è in grado di utilizzare le proprie conoscenze e risorse esistenti per dominare in molti paesi. Il governo degli Stati Uniti è in grado di “persuadere” altri paesi a perseguire politiche che funzionino per le aziende statunitensi, utilizzando una combinazione di minacce e tangenti. Ciò ha contribuito in modo significativo a far sì che le aziende statunitensi siano in grado di estrarre ricchezza da molti paesi contemporaneamente. Lo stesso vale per un numero minore di grandi aziende di altri paesi, tra cui Gran Bretagna e Francia.

La maggior parte delle persone associa la corruzione ai paesi in via di sviluppo, ma le grandi aziende dei paesi avanzati sono responsabili del pagamento di molte delle tangenti maggiori per ottenere contratti all’estero. Abbiamo visto in un precedente post sull’industria delle armi che British Aerospace è stata in grado di pagare una tangente di 7 miliardi di sterline al governo dell’Arabia Saudita in modo che acquistasse armi militari.[10]

La motivazione del profitto incoraggia le aziende a sfruttare tutti gli altri

La maggior parte del mondo degli affari segue l’idea di “Greed is Good” (resa famosa dal film “Wall Street” degli anni ’80). In altre parole, il loro obiettivo principale è il proprio profitto. Tuttavia, prove recenti dimostrano che strutturare grandi imprese dominanti per perseguire egoisticamente i propri profitti non porta a buoni risultati per la società. L’economista, Mariana Mazzucato, dimostra nel suo libro “Il valore di tutto: fare e prendere nell’economia globale” che il capitalismo moderno incoraggia le imprese a prendere dall’economia.

In pratica, la motivazione del profitto incentiva le aziende a sfruttare le persone.[11] Ci sono quattro gruppi principali di persone che vengono sfruttate: i clienti vengono derubati; i fornitori ottengono contratti sleali; i dipendenti ricevono una paga bassa e sono sfruttati in molti modi diversi; ei governi forniscono enormi sussidi senza ricevere tutte le tasse dovute. Diverse industrie sfruttano gruppi diversi, quindi, ad esempio, le banche pagano bene il proprio personale, ma eliminano le frodi dai clienti.

Nel post precedente abbiamo esaminato la teoria dei mercati, in cui le aziende devono diventare “efficienti” per sopravvivere. Tuttavia, nel mondo reale, l'”efficienza” è diventata un codice che significa guadagnare il massimo profitto con quasi tutti i mezzi, legali o illegali. Nelle industrie di servizi in cui il costo principale è il personale, efficienza significa pagare meno il personale, impiegare meno personale, dare loro meno formazione, farli lavorare più ore e metterli su contratti in cui non hanno certezza su quanto guadagneranno ogni settimana. Negli ospedali privati, efficienza significa allontanare i pazienti dal loro letto d’ospedale prima che siano pronti, in modo che un altro cliente pagante possa usare quel letto. Nell’assicurazione, efficienza significa trovare modi per non pagare i sinistri reali.

Le aziende offrono merci a prezzi inferiori, ma possono farlo perché scaricano alcuni costi sul cliente. Un buon esempio sono i mobili flat-pack autoassemblati. Milioni di persone con scarse capacità di fai da te trascorrono ore a interpretare istruzioni complesse e assemblare cose che possono essere messe insieme da esperti in pochi minuti. Secondo qualsiasi definizione normale, questo è molto inefficiente. Se un cliente deve aspettare a lungo quando telefona a una linea di assistenza aziendale, questo è altrettanto inefficiente, ma redditizio per l’azienda.

Ci sono molti casi di studio che dimostrano che, oggigiorno, la motivazione del profitto porta allo sfruttamento e ad attività criminali e non etiche, molto più di quanto conduca a un reale miglioramento dell’efficienza. I post successivi esamineranno in dettaglio le cose negative che fanno i diversi gruppi di società.

Avvocati aziendali, banchieri e contabili aiutano le aziende a piegare, infrangere e stabilire le regole

Le grandi aziende impiegano un gran numero di avvocati che svolgono più ruoli. Scrivono leggi e regolamenti a beneficio delle loro aziende e creano conti bancari offshore per evitare di pagare le tasse. Si stima che attualmente ci siano 20-30 trilioni di dollari nei paradisi fiscali.[12] Insieme, avvocati e contabili creano reti complesse di società internazionali, in modo che possano manipolare leggi e prezzi e nascondere i profitti all’estero. Le principali società di contabilità, note come Big 4, si sono ripetutamente impegnate in contabilità corrotta, per aiutare le società a manipolare i propri bilanci per evitare le tasse e ad esagerare i profitti per fuorviare gli investitori.[13] Si ritiene che la maggior parte delle truffe di elusione fiscale siano illegali ma non vengono mai testate in tribunale. Il miliardario, Warren Buffett, ha notoriamente sottolineato che paga un’aliquota fiscale inferiore rispetto a qualsiasi membro del personale nel suo ufficio.[14]

Privatizzazione

Uno dei modi più semplici per arricchire le persone con legami politici è acquisire le industrie statali e ricavarne profitti. Questo è noto come privatizzazione. Ciò include i monopoli delle infrastrutture privatizzate come l’acqua, la rete fognaria, l’assistenza sanitaria, i trasporti, l’elettricità e l’approvvigionamento energetico e lo spettro di trasmissione e comunicazione. Il prezzo di vendita concordato è spesso ben al di sotto del valore reale. Molti economisti, incluso uno dei massimi esperti di affitti economici, Michael Hudson, ha spiegato che tutti questi dovrebbero essere servizi di pubblica utilità, posseduti e controllati dal governo e forniti a tutti al prezzo più basso possibile, in modo che non possano essere sfruttati per realizzare profitti in eccesso.[15] Esempi dettagliati dei problemi causati dalla privatizzazione sono discussi nei post successivi.

Sfruttare gratuitamente le risorse naturali fornite dalla natura, come petrolio e minerali. Il costo per l’estrazione e l’elaborazione di queste risorse varia notevolmente e spesso non è correlato al prezzo al quale possono essere vendute. Da molti anni le compagnie petrolifere e minerarie sono tra le più redditizie al mondo.[16]

Brevetti e copyright: essere in grado di addebitare prezzi estremamente alti e realizzare profitti in eccesso, perché nessun’altra azienda è autorizzata a competere contro di te. Ciò vale in particolare per farmaci e software.

Attività criminale – Molte delle attività sopra menzionate, come la fissazione dei prezzi o l’evasione fiscale, sono illegali. Le società finanziarie hanno commesso molteplici ed enormi frodi.[17] Le grandi aziende sono in grado di farla franca con i loro crimini e di operare efficacemente al di fuori della legge, perché i politici sono riluttanti a intraprendere azioni serie contro di loro.

Molto di questo manca nei libri di testo di economia

L’importanza degli amici nelle alte sfere, l’attività criminale, la corruzione, lo sfruttamento, il potere, le esternalità e la misura generale in cui il sistema è truccato a favore dei ricchi e dei potenti non riceve molta attenzione nei libri di testo di economia. Anche il sistema finanziario è truccato, ma non compare affatto nella maggior parte dei libri di testo di economia. I dibattiti su questo sistema sono diventati più importanti negli Stati Uniti negli ultimi anni, ma questo non ha ancora avuto alcun impatto sulla politica.[18] In Gran Bretagna c’è ancora poca consapevolezza di quanto sia truccato il sistema.

Il termine corretto per questo sistema è capitalismo rentier, ma questo non è utile per i non economisti. Abbiamo bisogno di un termine migliore per consentire a tutti di parlare di questo. L’attivista per i diritti civili, Malcolm X, ha detto una volta
“Mostrami un capitalista, io ti mostrerò un succhiasangue“.[19] L’espressione ‘Bloodsucker Capitalism‘ sembra descrivere accuratamente come operano le aziende britanniche e statunitensi, distruggendo il pianeta e le nostre società lungo la strada.

Punti chiave
  • Le grandi aziende sono in grado di estrarre rendite (profitti in eccesso e reddito non guadagnato) dall’economia in molti modi diversi. I principali sono: Sovvenzioni governative
  • Esternalità: non pagare per inquinamento, riscaldamento globale, distruzione ambientale, esaurimento delle risorse o altri costi
  • Monopolio e oligopolio
  • Sfruttare personale, clienti, fornitori
  • Estrazione delle risorse
  • Attività criminale, in particolare frode
  • Privatizzazioni – Dare imprese statali a società private e consentire loro di estrarre ricchezza da più società
  • Deregolamentazione – Riscrittura delle regole per soddisfare le grandi aziende. Ciò include la manipolazione fiscale.
  • Sistema commerciale globale truccato
  • Brevetti e copyright
  • Abbiamo bisogno di un nome per questo sistema – Bloodsucker Capitalism sembra appropriato
Ulteriori letture

Mariana Mazzucato, The Value of Everything: Making and Taking in the Global Economy

Risorse in linea

Joseph Stiglitz, “L’America ha un problema di monopolio – ed è enorme”, The Nation, 23 ottobre 2017, a
https://www.thenation.com/article/archive/america-has-a-monopoly-problem-and-its-huge/


References

[1] Stephanie Kelton, 22 Jan 2019, at
https://twitter.com/stephaniekelton/status/1087780034348306432?lang=en

[2] Michael Hudson, J is for Junk Economics
https://michael-hudson.com/2017/02/j-is-for-junk-economics-a-guide-to-reality-in-an-age-of-deception/

[3] Prateek Agarwal, ‘Economies of Scale’, 13 April 2020, at
https://www.intelligenteconomist.com/economies-of-scale/

[4] CBInsights, ‘How Uber Makes Money Now’, Dec 2020, at
https://www.cbinsights.com/research/report/how-uber-makes-money/

[5] Business Chief, ‘Top 20 companies with the biggest advertising budget’, 19 May 2016, at
https://www.businesschief.eu/digital-strategy/top-20-companies-biggest-advertising-budget

[6] Carl Heneghan, ‘The influence of medical marketing’, BMJ, 21 Jan 2019, at
https://blogs.bmj.com/bmjebmspotlight/2019/01/21/the-growing-influence-of-medical-marketing/

[7] Kiran Stacey and Ed Crooks, ‘Oil majors find virtue in integration’, FT, 12 June 2016, at
https://www.ft.com/content/8ff8ec62-2dcc-11e6-a18d-a96ab29e3c95

[8] Evan Tarver, ‘Horizontal vs Vertical Integration: What’s the difference?’, Investopedia, 18 Jan 2021, at
https://www.investopedia.com/ask/answers/051315/what-difference-between-horizontal-integration-and-vertical-integration.asp

[9] Richard Peet, Unholy Trinity: The IMF, World Bank and WTO, 2009
https://www.goodreads.com/book/show/483820.Unholy_Trinity

[10] Andrew Feinstein: The Shadow World of the Global Arms trade’, talk at Peter Wall Institute for Advanced Studies, 22 Nov 2017, at
https://www.youtube.com/watch?v=hCjZXCYD_8c

[11] Si Kahn and Elizabeth Minnich, The Fox in the Henhouse: How Privatization Threatens Democracy, 2005
https://sikahn.com/books/the-fox-in-the-henhouse/

[12] Nicholas Shaxson, ‘Tackling Tax Havens’, Finance and Development, Sep 2019, Vol.56, №3, at
https://www.imf.org/external/pubs/ft/fandd/2019/09/tackling-global-tax-havens-shaxon.htm#:~:text=Individuals%20have%20stashed%20%248.7%20trillion,of%20up%20to%20%2436%20trillion.

[13] Hanna Ziady, ‘The big 4 audit firms keep failing. Now they’re being forced to change’, 6 July 2020, at
https://edition.cnn.com/2020/07/06/business/uk-big-4-accountancy-firms-frc/index.html

[14] https://www-cdn.oxfam.org/s3fs-public/file_attachments/bp210-economy-one-percent-tax-havens-180116-en_0.pdf

[15] Michael Hudson, ‘The rentier resurgence and takeover: Finance capitalism vs Industrial capitalism’, 27 Jan 2021, at
https://michael-hudson.com/2021/01/the-rentier-resurgence-and-takeover-finance-capitalism-vs-industrial-capitalism/

[16] Matthew Taylor and Jillian Ambrose, ‘Revealed: Big oil’s profits since 1990 total nearly $2 tn’, The Guardian, 12 Feb 2020, at
https://www.theguardian.com/business/2020/feb/12/revealed-big-oil-profits-since-1990-total-nearly-2tn-bp-shell-chevron-exxon

[17] ‘Inside Job’, 2010, documentary by Charles Ferguson about the 2008 financial crisis, at
https://watchdocumentaries.com/inside-job/

[18] Emily Peck, ‘Should Billionaires Even Exist’, Huffington Post, 30 Jan 2019, at https://www.huffingtonpost.co.uk/entry/billionaires-tax-the-rich_n_5c51ea30e4b0ca92c6dcafc6?ri18n
Joseph Stiglitz, ‘America has a monopoly problem — and it’s huge’, The Nation, 23 Oct 2017, at
https://www.thenation.com/article/archive/america-has-a-monopoly-problem-and-its-huge/

[19] Malcolm X at the Audubon Ballroom, 20 Dec 1964, at
https://teachingamericanhistory.org/library/document/at-the-audubon/

FONTE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: