Rilevata un’insolita anomalia oceanica nella Corrente del Golfo

È stata rilevata un’insolita anomalia oceanica nella Corrente del Golfo, che non si vede da almeno 150 anni, importante per affrontare le prossime stagioni meteorologiche

Pubblicato il by Roberto
Di Andrej Flis  |  Meteo globale  |

Le aree degli oceani globali si riscaldano e si raffreddano costantemente. Ma di recente, si è sviluppata un’anomalia insolitamente forte nella Corrente del Golfo. Il tempo negli Stati Uniti e in Europa dipende molto da questa corrente oceanica, quindi è importante comprendere l’intera storia e il significato di questa forte anomalia.

Gli oceani hanno un ruolo cruciale nel tempo e nel clima del mondo, quindi ogni anomalia insolita viene presa sul serio. Come imparerai presto, la Corrente del Golfo fa parte di qualcosa di molto più grande e potente, quindi un’anomalia nella Corrente del Golfo può essere (e probabilmente è) un segno di qualcosa di molto più grande in lavorazione.

COS’È IL GULF STREAM?

Ma prima, ovviamente, dobbiamo ricapitolare rapidamente cos’è esattamente la Corrente del Golfo e dove possiamo trovarla?

La Corrente del Golfo è una forte corrente oceanica che porta l’acqua più calda dal Golfo del Messico nell’Oceano Atlantico. Si estende fino alla costa orientale degli Stati Uniti , dove inizia a girare verso l’Europa nord-occidentale.

L’immagine sotto mostra un profilo approssimativo della corrente del Golfo e il punto in cui scorre attraverso il Nord Atlantico. In realtà non scorre in linea retta, ma come vedrai è molto complesso e pieno di vortici.

Questa forte corrente di acqua calda influenza il clima della Florida, mantenendo le temperature più calde in inverno e più fresche in estate, rispetto agli altri stati del sud-est. Poiché la Corrente del Golfo si estende anche verso l’ Europa , aiuta a riscaldare i paesi dell’Europa occidentale, con un impatto importante sul clima regionale.

Il flusso stesso può essere visto meglio se guardiamo all’analisi della temperatura e alla velocità della corrente superficiale dell’oceano. L’immagine sotto mostra l’analisi della temperatura della superficie dell’oceano e possiamo vedere il flusso di acqua calda che sale lungo la costa orientale degli Stati Uniti, estendendosi fino al Nord Atlantico.

Abbiamo prodotto un’animazione video ad alta risoluzione, che mostra la Corrente del Golfo in tempo reale. In questo modo, puoi vedere direttamente come scorre verso il Nord Atlantico, o meglio come scorreva questo inverno finora.

La Corrente del Golfo è forse vista ancora meglio se guardiamo al movimento e alla velocità delle correnti superficiali oceaniche. L’immagine sotto mostra la velocità della corrente superficiale dell’oceano, dove la Corrente del Golfo si distingue davvero e può essere vista nella sua forma e forma più grezza.

Questa corrente oceanica non scorre in linea retta, come si vede in molti grafici. È molto complesso, con molte dinamiche e vorticoso attraverso il Nord Atlantico. Possiamo vedere che ha molti piccoli vortici d’acqua, caldi e freddi, a seconda della direzione in cui ruotano. Questo è molto simile al modo in cui funziona la corrente a getto atmosferica.

Zoomando al mondo intero, possiamo vedere che la Corrente del Golfo non è l’unica nel suo genere. Ci sono molte aree con una circolazione oceanica persistente, che trasportano grandi quantità di acqua ed energia in tutti i 5 continenti del mondo.

ANOMALIE INUSUALI NELLA CORRENTE DEL GOLFO

Ma a volte, dobbiamo dare uno sguardo diverso per valutare lo stato della Corrente del Golfo. Uno di questi approcci consiste nell’utilizzare le anomalie. Un’anomalia è qualcosa che devia da ciò che è standard, normale o previsto in un determinato momento o luogo.

Negli oceani, il più comunemente usato è ovviamente l’anomalia della temperatura. L’immagine sotto mostra l’analisi delle anomalie nel Nord Atlantico, dove la regione della Corrente del Golfo spicca davvero. Possiamo vedere che il flusso è più caldo del normale, con alcune parti settentrionali anche tra 6°C e 8°C al di sopra del normale.

Questa è un’anomalia significativa e temperature dell’acqua da 6 a 8 gradi sopra il normale possono fornire molta più energia disponibile per i sistemi meteorologici nella regione.

Le temperature effettive sono comprese tra 14 e 18 gradi centigradi, la più vicina alla costa nord-orientale degli Stati Uniti. Ciò può diventare una fonte significativa di massa d’aria più calda per andare contro una massa d’aria gelida artica da nord o nord-ovest. Questa è una ricetta comune per forti tempeste Nor’easter negli Stati Uniti nord-orientali, dove la Corrente del Golfo fornisce molta energia per la tempesta.

Negli ultimi due mesi sono già state osservate forti anomalie nella Corrente del Golfo. L’immagine sotto mostra le anomalie mensili della temperatura della superficie del mare a dicembre 2020. L’area della Corrente del Golfo spicca davvero e puoi anche vedere la fredda La Nina nell’Oceano Pacifico.

A gennaio 2021 l’anomalia si è ulteriormente accentuata, estendendosi su un’area più ampia e con uno scostamento ancora più marcato dalla media di lungo periodo.

Ma l’anomalia sta anche raggiungendo la profondità. Di seguito abbiamo due immagini, che mostrano l’anomalia della temperatura a 100m e 500m di profondità. E possiamo vedere che l’area più calda della Corrente del Golfo sta raggiungendo la profondità.

Ma come vedrai ora, c’è forse uno scopo più alto in questo, poiché la Corrente del Golfo è in realtà una parte più piccola di qualcosa di più grande.

CIRCOLAZIONE DELL’OCEANO NORD ATLANTICO

Il sistema più grande in cui scorre la Corrente del Golfo è chiamato Atlantic Meridional Overturning Circulation , o breve AMOC . L’AMOC è un grande sistema di correnti oceaniche, come un nastro trasportatore, guidato da differenze di temperatura e contenuto di sale, che influiscono sulla sua densità. La Corrente del Golfo è solo la parte superficiale dell’AMOC nel Nord Atlantico.

L’immagine sotto del Met Office del Regno Unito mostra l’intera circolazione oceanica globale. È anche conosciuto come il nastro trasportatore globale o la circolazione termoalina. L’AMOC è il sistema di corrente oceanica che copre l’Atlantico settentrionale e meridionale.

Quando l’acqua calda scorre verso nord, si raffredda e si verifica una certa evaporazione, il che aumenta la quantità di sale nell’acqua. La bassa temperatura e un alto contenuto di sale rendono l’acqua più densa e pesante, quindi quest’acqua densa affonderà in profondità nell’oceano.

L’immagine sotto mostra la salinità della superficie dell’oceano o la quantità di sale nell’acqua. Più alto è il numero, più salata è l’acqua. Sopra i 35, abbiamo ancora acque salate, quindi quando l’acqua si raffredda, affonda nell’estremo Nord Atlantico.

L’acqua fredda e densa scorre lentamente verso sud, diversi chilometri sotto la superficie dell’oceano. Alla fine, viene riportato in superficie e si riscalda in un processo chiamato “upwelling” e la circolazione è completa.

Il motivo per cui questo è importante è che l’AMOC è una parte così integrante del tempo e del clima nell’emisfero settentrionale. Trasporta molte acque più calde ed energia verso nord. L’immagine sotto si concentra sulla parte nordatlantica dell’AMOC.

C’è sempre il timore che l’AMOC possa chiudere ad un certo punto, rendendo il film ” Dopodomani ” una realtà. In quel famoso film, l’AMOC ha chiuso, dando inizio a una nuova era glaciale.

Sebbene la realtà sia in qualche modo diversa, esamineremo lo stato dell’AMOC, il che mostra che questa circolazione si sta effettivamente indebolendo.

L’immagine sotto mostra l’oceano Atlantico settentrionale diviso in due aree principali. Sulla costa degli Stati Uniti si trova la calda area della Corrente del Golfo, e l’area blu è dove la Corrente del Golfo rilascia il suo calore e affonda nelle profondità.

I grafici a sinistra mostrano l’andamento della temperatura nel tempo. L’area della Corrente del Golfo si sta riscaldando, mentre il Nord Atlantico si sta effettivamente raffreddando nel tempo. La differenza relativa tra queste due aree è considerata una stima della forza dell’AMOC.

Abbiamo prodotto un grafico che mostra la differenza relativa tra queste due aree. Possiamo vedere che almeno a partire dal 1900, c’è stata una tendenza al ribasso lenta ma costante. Soprattutto negli ultimi 40 anni, abbiamo visto una maggiore differenza negativa in queste due aree, indicando un probabile ulteriore indebolimento dell’AMOC.

La base dei dati per questo grafico proviene dal set di dati ERSSTv5 della NOAA. È una combinazione di osservazioni e ricostruzioni, prendendo tutti i dati disponibili e le tecniche moderne, per ricostruire le temperature della superficie del mare fino al 1854. I dati non sono accurati al 100% così lontano, ma si è dimostrato che funzionano molto bene per i periodi moderni, dando fiducia anche per le epoche storiche.

Ora, il grafico successivo è ancora più interessante, poiché mostra due immagini. A sinistra, abbiamo una simulazione del modello al computer, cosa accadrebbe se l’AMOC si indebolisse. E a destra, abbiamo l’analisi effettiva del secolo scorso, che mostra lo stesso identico scenario. Ciò sostiene fortemente l’idea che l’AMOC stia effettivamente perdendo forza.

Questa firma della temperatura della calda area della Corrente del Golfo e del freddo Nord Atlantico è uno degli indicatori più forti che l’ AMOC si sta indebolendo. Sono anche in corso osservazioni dirette con strumenti, che hanno obiettivamente confermato che la circolazione del Nord Atlantico è effettivamente in declino.

Possiamo anche vedere la firma sull’andamento della temperatura a lungo termine nel mondo. Sebbene la maggior parte delle aree si stia lentamente riscaldando, il Nord Atlantico rimane un’area che sfida ogni riscaldamento e in realtà si sta lentamente raffreddando. Rispetto all’area della Corrente del Golfo che si sta riscaldando, ciò è un’indicazione diretta dell’indebolimento della circolazione oceanica.

Il motivo per cui AMOC si sta indebolendo è più di uno. Il più menzionato o più probabile è l’induzione di acqua dolce nell’Atlantico settentrionale dallo scioglimento del ghiaccio marino in Groenlandia e nell’Artico.

L’acqua dolce riduce la salinità del Nord Atlantico, il che significa che l’acqua non è abbastanza densa (pesante) da affondare. Ciò rallenta l’affondamento delle acque superficiali, rallentando efficacemente la corrente oceanica, come un ingorgo.

Questa è una cosa che il film “Dopodomani” ha avuto ragione. Ma riguardo a quell’era glaciale …

Sono state fatte molte simulazioni di modelli, per cercare di calcolare cosa accadrebbe se l’AMOC si spegnesse completamente. Di seguito è riportato il risultato finale, che mostra la differenza di temperatura in un mondo con un AMOC attivo.

Puoi vedere che l’intero emisfero settentrionale è di diversi gradi più fresco. E non solo, dovevano verificarsi cambiamenti climatici, con modelli di pressione molto diversi e minori precipitazioni in Europa. Gli inverni sarebbero diventati più rigidi in Europa e negli Stati Uniti.

Naturalmente, questo non è qualcosa che accadrebbe / accadrà dall’oggi al domani, poiché questi cambiamenti possono richiedere decenni o secoli. Ma sappiamo che l’AMOC è in declino e, in base alla quantità di acqua dolce indotta dallo scioglimento dei ghiacci, potremmo vedere alcuni effetti climatici ancora nel corso della nostra vita.

Ma ciò che può accadere quasi dall’oggi al domani, sono forti tempeste e uragani. E la Corrente del Golfo e l’AMOC giocano un ruolo importante in questi eventi, specialmente per gli Stati Uniti, come imparerai presto.

IMPARARE DALLA STORIA

L’attuale forte anomalia nella Corrente del Golfo è piuttosto insolita. Abbiamo prodotto un altro grafico, che mostra l’anomalia della Corrente del Golfo di gennaio dal 1854. Puoi vedere che la Corrente del Golfo nel gennaio 2021 è stata la più calda degli ultimi 150 anni.

Dobbiamo tornare al 1870 e al 1867 per trovare un gennaio con anomalie simili nella Corrente del Golfo. I dati sono solo una ricostruzione delle osservazioni dirette poiché alla fine del 1800 non c’erano satelliti. Potete vedere nelle due immagini sottostanti, l’anomalia calda nella Corrente del Golfo nel gennaio 1867 e 1870.

Ma se guardiamo l’intero set di dati, con tutti i mesi, non solo gennaio, possiamo vedere che l’area della Corrente del Golfo si sta davvero riscaldando. Questo è qualcosa da aspettarsi quando l’AMOC si sta indebolendo, come abbiamo appreso in precedenza nell’articolo.

Il motivo per cui ciò si verifica è meglio spiegare di nuovo con l’ingorgo. Poiché l’acqua nell’estremo Nord Atlantico non sta più affondando così velocemente, poiché è più fresca, rallenta il sistema di trasporto oceanico . Poiché il flusso sta rallentando, l’acqua più calda della Corrente del Golfo non ha un posto dove andare e si ferma, come in un ingorgo.

Ciò significa che una quantità inferiore di acqua calda viene trasportata verso il Nord Atlantico, che ora si sta accumulando sulla costa orientale degli Stati Uniti . Questo può essere pericoloso, poiché diventa una fonte di energia molto potente per alimentare le tempeste di Nor’easter e i sistemi tropicali . Man mano che l’acqua più calda si accumula, aumenta anche l’altezza della superficie del mare, il che significa più rischio di forti mareggiate.

Un po ‘un esempio di questo processo è stato il famigerato uragano Sandy , nel 2012.

GULF STREAM E METEO DEGLI STATI UNITI

L’uragano Sandy è stato l’uragano più letale e distruttivo della stagione degli uragani atlantici 2012. La tempesta ha causato quasi 70 miliardi di dollari di danni e ucciso oltre 230 persone in otto paesi, dai Caraibi al Canada.

Di seguito un’immagine satellitare dell’uragano Sandy mentre era seduto sulla calda Corrente del Golfo, usandolo per accendersi.

Di seguito abbiamo un’anomalia della temperatura della superficie del mare prima dell’inizio dell’uragano Sandy. Possiamo vedere che gran parte dell’Atlantico tropicale era più caldo del normale, insieme alla zona della Corrente del Golfo. Più caldo è l’oceano, più energia è disponibile per un sistema tropicale.

L’anomalia della temperatura della superficie del mare nell’immagine qui sotto è dopo il passaggio dell’uragano Sandy. Possiamo vedere un enorme calo della temperatura dell’oceano dietro Sandy, dai Caraibi occidentali fino alla costa orientale degli Stati Uniti.

Sandy ha utilizzato il calore dell’oceano e della Corrente del Golfo, convertendolo in energia per potenziarsi. Le temperature dell’oceano sono rimaste da 4 a 6 gradi più fresche. Parte del raffreddamento è anche dovuto al mescolamento degli strati oceanici durante il passaggio di una tempesta. Acque più fredde e profonde salgono in superficie quando i mari diventano molto mossi sotto un sistema a bassa pressione, ribaltandosi e mescolandosi con le acque superficiali più calde.

OCEANO E PREVISIONI METEO

Cosa possiamo aspettarci in futuro? Le attuali previsioni oceaniche mostrano la continuazione delle acque molto calde della Corrente del Golfo, mentre il Nord Atlantico rimane da neutro a più freddo del normale.

Di seguito abbiamo le previsioni della temperatura superficiale del mare di inizio estate , combinate da diversi modelli, che mostrano tutti la stessa cosa. Questa è un’anomalia significativa, basata sull’ora e sulla posizione, e può essere motivo di preoccupazione, soprattutto per gli Stati Uniti orientali.

Guardando alla fine dell’estate e all’inizio dell’autunno, le temperature oceaniche non saranno diverse. La Corrente del Golfo è ancora più calda del normale, con temperature più elevate espanse anche attraverso l’Atlantico tropicale.

Guardando le previsioni di anomalia delle precipitazioni, abbiamo un’indicazione iniziale di più precipitazioni del normale dall’Africa occidentale. Si espande attraverso l’Atlantico verso i Caraibi e anche negli Stati Uniti orientali e nell’area della Corrente del Golfo.

Questo è un segnale molto inquietante, che punta direttamente verso una stagione degli uragani più attiva . Acque oceaniche più calde, combinate con maggiori precipitazioni, di solito indicano un’attività più tempesta tropicale.

Ciò sarebbe particolarmente negativo, considerando l’area più calda del normale della Corrente del Golfo , che potrebbe amplificare le tempeste che si avvicinano agli Stati Uniti sudorientali o alla costa orientale. Se non amplificato, potrebbe almeno impedire al sistema tropicale di indebolirsi molto, consentendo il loro approdo a una potenza maggiore di quella che normalmente produrrebbero.

Vi terremo aggiornati non appena saranno disponibili nuovi dati e verranno pubblicate previsioni più affidabili per la stagione degli uragani. Quindi assicurati di aggiungere la nostra pagina ai preferiti e di attivare il pulsante ” mostra altro ” su questo articolo, se ci stai leggendo dal feed di Google Discover.

Fonte: Severe-Weather AttivitàSolare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: