Un briefing per la Società Civile su Geoingegneria, Cambiamenti Climatici e Cattiva Informazione

Negli ultimi dieci anni, un piccolo ma crescente gruppo di governi e scienziati, la maggioranza dei paesi più potenti e più inquinanti del clima del mondo, ha spinto per una considerazione politica della geoingegneria, la deliberata manipolazione tecnologica su larga scala del clima.

La geoingegneria è intrinsecamente ad alto rischio e i suoi effetti negativi saranno probabilmente distribuiti in modo ineguale. Per questo motivo, la geoingegneria è stata spesso presentata come un “Piano B” per affrontare la crisi climatica.

Ma dopo l’accordo di Parigi, che ha fissato l’ambizioso obiettivo di mantenere la temperatura ben al di sotto dei 2°C e possibilmente anche di 1,5°C, il discorso è cambiato. Ora, la geoingegneria è sempre più avanzata come mezzo “essenziale” per raggiungere questo obiettivo, attraverso un mix di tecnologie rischiose che porterebbero il carbonio fuori dall’atmosfera per creare le cosiddette “emissioni negative” o prendere il controllo del termostato globale direttamente abbassare la temperatura del clima.

Non dovrebbe sorprendere che la geoingegneria stia guadagnando terreno politico con l’aumento delle temperature (medie globali).

L’industria dei combustibili fossili desidera disperatamente proteggere i suoi 55 trilioni di dollari stimati di infrastrutture installate e i suoi 20-28 trilioni di dollari in beni prenotati che possono essere estratti solo se le società sono autorizzate a superare le emissioni di GHG.

L’ipotesi teorica è che le tecnologie di geoingegneria potrebbero eventualmente consentire loro di recuperare la CO2 dall’atmosfera e seppellirla nella terra o nell’oceano, o che l’iniezione di solfati nella stratosfera potrebbe abbassare la temperatura, “dandoci più tempo” per accettare finalmente di ridurre radicalmente la nostra emissione di combustibili fossili. In ogni caso, fornisce all’industria dei combustibili fossili i mezzi per evitare di far scoppiare la “bolla del carbonio” oltre la negazione del clima.

In altre parole, le proposte di geoingegneria stanno diventando il principale strumento dell’industria dei combustibili fossili per minare la volontà politica di ridurre le emissioni effettive ora. Le proposte di geoingegneria stanno anche diventando l’arma di ultima istanza per alcuni scienziati del clima disperati, incapaci di produrre percorsi che riallineano il nostro modello economico guidato dalla crescita con un futuro sicuro per il clima.

Ma cos’è esattamente la geoingegneria e quali tecnologie vengono proposte? E quali sono i rischi e le implicazioni associati alle rispettive tecnologie quando si tratta di integrità ecologica, giustizia ambientale e climatica e democrazia?

Questo documento del 2017 in lingua inglese, di etcgroup.org

La mia traduzione qui sotto, grazie per l’attenzione.

Fonte: etcgroup.org

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: