Ma Voi vi ostinate a non capire «Errare humanum est, perseverare autem diabolicum»

Non tutta la CO2 viene per nuocere
(Sottotitolo: a qualcuno piace brullo)

Pubblicato da Guido Guidi il 27 Febbraio 2021

Premessa per chi si avvicina per le prime volte a questi temi.

L’anidride carbonica è un gas indispensabile nella composizione della nostra atmosfera. Presente in tracce, se paragonata a Azoto 78%, Ossigeno 20% e Argon 1%, concorre all’effetto serra insieme al vapore acqueo, che fa la maggior parte del lavoro, e un certo numero di altri gas sempre in tracce.

L’effetto serra, che impedisce alla radiazione riemessa dalla superficie verso l’alto di sfuggire dall’atmosfera, fa sì che la temperatura media del pianeta sia circa 32°C più alta di quanto sarebbe in sua assenza.

Va da se, che all’aumento della concentrazione di questi gas, corrisponda un aumento della quantità di radiazione trattenuta e quindi anche un aumento della temperatura.

Su queste pagine ci sono decine di post che affrontano questo tema, per cui non è di questo che parleremo oggi. Facciamo invece una breve incursione in un’altra proprietà dell’anidride carbonica, quella qui sotto:

C6H12O6 +6O2 6CO2 + 6H2O + energia. Anche se i processi di respirazione e fotosintesi sono chimicamente il contrario l’uno dell’altro, i principi biochimici che governano i due processi sono quasi identici. La chiave comune è la generazione di elettroni ad alta energia. respirazione cellulare.

Reminiscenze degli studi secondari, evidentemente, ma qualcosa che tutti quelli che dicono di avere a cuore la salute del pianeta fanno fatica a ricordare.

L’anidride carbonica è il cibo delle piante.

Quindi, se è ovvio che all’aumento dell’effetto serra aumenti la temperatura (come, quando e quanto non è così semplice), è altrettanto ovvio che con l’aumento della concentrazione di CO2 e della temperatura aumenti la disponibilità di cibo per le piante.

CHE QUINDI PROSPERANO

Infatti, la quantità di biomassa presente sul pianeta continua ad aumentare, alimentando quello che si definisce global greening. Di gran lunga meno spaventoso del global warming, non è vero?

Quello qui sotto è l’andamento del Global Vegetation Index costruito con i dati della NASA.

Come commentato in questo post su WUWT (covo di miscredenti 🙂 ), il trend è stabilmente positivo. Negli ultimi 20 anni l’indice ha avuto un incremento del 10%. Del resto, complici anche tante altre ragioni, tra cui non ultimo l’abbandono delle aree rurali a beneficio di quelle densamente urbanizzate, che oggi ci sia più vegetazione è un fatto assodato. Come lo è che questa vegetazione concorre in misura maggiore ad assorbire (meglio dire utilizzare) una quantità maggiore di CO2 presente in atmosfera, compresa la parte che in proporzione è minimale di origine antropica.

Domanda, quanti di voi hanno visto lanci d’agenzia, post, raduni e/o summit sul global greening? Io sì, uno, questo, dall’Huffington Post: Effetto greening: la Terra è più verde “grazie” alle emissioni di CO2, ma gli scienziati lanciano l’allarme.

Enjoy.

ClimateMonitor


Quello che segue è l’articolo citato sopra, pubblicato su WUWT


Indice di vegetazione della NASA: il globo continua la rapida tendenza all’inverdimento, solo il Sahara si restringe di 700.000 km quadrati!

Guardando i dati dell’indice di vegetazione della NASA, la notizia è buona: il globo è diventato più verde del 10% finora in questo secolo

Questa è una buona notizia perché sappiamo che alla fine questo significa una maggiore area di produzione agricola e un’espansione delle foreste. Ironia della sorte, quello che molti “esperti” affermano essere un enorme problema (CO2) è in realtà una delle ragioni principali dietro l’inverdimento.

Zoe Phin  ha un post  su questo argomento nel suo sito che merita davvero attenzione.

L’indice globale di vegetazione aumenta del 10%
in 20 anni

Zoe ha scaricato tutti i dati disponibili della NASA sulla vegetazione con incrementi di 16 giorni dal 2000 al 2021. Ecco il suo risultato:

L’indice di vegetazione della NASA è passato da 0,0936 a 0,1029, con un aumento del 9,94%. Grafico di  Zoe Phin
“Il 10% di inverdimento globale in 20 anni! Siamo incredibilmente fortunati!
Vorrei solo che tutti si sentissero in quel modo. Ma sai che non tutti lo fanno. Nella misura in cui gli esseri umani migliorano l’inverdimento globale è esattamente ciò che i parassiti sociali vogliono tassare e regolamentare. Nessuna buona azione rimane impunita.”

Greening da 30 anni!

Questa non è una notizia inaspettata per i realisti deie cambiamenti climatici freddi. Nell’agosto 2019,  abbiamo riportato  uno studio tedesco che mostrava come il globo fosse diventato verde da 3 decenni. Sulla base di immagini satellitari, la tedesca  Wissenschaft ha  riferito:

La vegetazione sulla terra è in espansione da decenni, come mostrano i dati satellitari

Il Sahara si restringe e diventa più verde

Inoltre, non molto tempo fa, uno  studio di Venter et al  (2018) ha rilevato che il deserto del Sahara si era ridotto dell’8% nei tre decenni precedenti. Questo è profondo perché il Sahara copre una vasta area di circa 9,2 milioni di chilometri quadrati. L’otto percento significa più di 700.000 chilometri quadrati di superficie in più che è diventata verde, un’area grande quasi quanto la Germania e la Francia messe insieme.

Quindi, in termini di vegetazione, il pianeta probabilmente non è stato così bello da circa 1000 anni.

Il 70% guidato dalla CO2

E ci sono altre buone notizie se pensi che la CO2 sia un problema come gas serra (non lo è).

Lo scorso agosto, il collaboratore settimanale di NTZ, Kenneth Richard ha citato uno studio di Haverd et al, 2020 ) e ha scritto che:

“circa il 70% del trend di inverdimento vegetativo della Terra post-1980 è stato guidato dalla fertilizzazione con CO2 e che questo inverdimento compenserà 17 anni (equivalente) delle emissioni antropiche di CO2 della Terra entro il 2100.”

Ci sono molti altri studi a sostegno della buona notizia del pianeta che diventa verde, grazie in gran parte all’umanità. Non è così male come lo descrivono gli attivisti piagnucoloni ed i media. Neanche vicino.

wattsupwiththat

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: