Movimenti magmatici registrati sotto il vulcano Fagradalsfjall, Islanda

34.000 terremoti in due settimane, probabile eruzione

Cap Allon

Una “crisi sismica” si è verificata nell’area vicino a Fagradalsfjall dalla fine di febbraio 2021. Questa attività è stata interpretata come intrusione di magma a basse profondità, che potrebbe portare a una nuova eruzione.

Fadradalsfjall è una montagna della tavola del Pleistocene nella penisola di Reykjanes, a nord-est di Grindavik, in Islanda.

Si sa molto poco della storia eruttiva del vulcano; ma secondo VolcanoDiscovery.com e Volcano.si.edu , negli ultimi 10.000 anni non si sono verificate eruzioni – in altre parole, nessuno sa di cosa sia capace questo vulcano quando soffia.

Kristín Jónsdóttir, dell’Islandic Met Office (IMO), ha affermato che il luogo più probabile per un’eruzione nella penisola di Reykjanes sarebbe appena a sud di Fagradalsfjall. Riferendosi specificamente alla recente crisi sismica e all’aumento degli impulsi di tremore, Jónsdóttir ha aggiunto: “Penso che questo sia un segno che la diga magmatica sta crescendo molto velocemente”.

L’IMO ha anche dichiarato ufficialmente che questi movimenti magmatici sono la probabile causa dello sciame di terremoti in corso nella penisola di Reykjanes, uno sciame che ora ha totalizzato 34.000 terremoti in due settimane (per riferimento, la media annuale dei terremoti in tutta la penisola è di soli 1.000; 3.000).

Mentre il magma migra verso l’alto, gli strati rocciosi sovrastanti vengono spostati, il che causa tremori e deformazione del terreno sulla superficie, spiega VolcanoDiscovery.com.

Epicentri delle scosse

Sono state condotte indagini geofisiche lungo l’area di disordini situata tra Fagradalsfjall e Keilir (vedi mappa sotto). I risultati hanno generato una visione dettagliata su come si comporta la camera magmatica in espansione sotto la penisola di Reykjanes.

Jónsdóttir ha detto a mbl.is che l’area più attiva si trova all’estremità sud della diga magmatica, dove la diga non solo sembra crescere verso sud-ovest, ma anche avvicinarsi alla superficie, fino a una profondità di solo circa 1 km.

La linea rossa tratteggiata indica la posizione della diga magmatica – Fagradalsfjall si trova lungo questa linea. Le forme ovali grigie mostrano le aree di attività sismica. [Mappa / Consiglio Scientifico del Dipartimento della Protezione Civile e Gestione delle Emergenze].

Tra i vulcani che si stanno risvegliando oggi, quelli situati in Islanda sono forse i più preoccupanti.

È questa regione altamente vulcanica che probabilmente ospiterà il prossimo “grande” (una ripetizione dell’eruzione del 536 d.C. che ha distrutto la Repubblica Romana…?) – quella che riporterà la Terra a un altro inverno vulcanico.

Le eruzioni vulcaniche sono una delle forze chiave che spingono la Terra verso il prossimo periodo di raffreddamento globale.

La cenere vulcanica (particolato) sparata sopra i 10 km – e quindi nella stratosfera – ombreggia la luce solare e riduce le temperature terrestri. I particolati più piccoli di un’eruzione possono rimanere nell’atmosfera superiore per anni, o anche decenni + alla volta.

Si ritiene che l’attuale aumento vulcanico mondiale sia legato alla bassa attività solare, ai fori coronali, a una magnetosfera calante e all’afflusso di raggi cosmici che penetrano nel magma ricco di silice.

Electroverse

A casa nostra c’è l’Etna che da giorni sta dando spettacolo

Quasi puntuale come un orologio, il dodicesimo parossismo. Etna, 12 marzo 2021

Colonna eruttiva prodotta dal dodicesimo parossismo dell’Etna vista da Palermo. Foto di Sergio Calabrese, DiSTeM, Università degli Studi di Palermo.

Nelle prime ore del 12 marzo 2021, l’Etna, preciso quasi come un orologio, ha fatto registrare l’inizio di una nuova attività stromboliana al Cratere di Sud-Est (CSE) di modesta intensità, mentre contestualmente proseguiva l’attività esplosiva intracraterica alla Voragine, Bocca Nuova e al Cratere di Nord Est. Quasi subito, l’ampiezza media del tremore vulcanico ha mostrato un deciso  incremento portandosi su valori alti, mentre  le sorgenti del tremore si sono spostate sotto al CSE ad una profondità di circa 2.5 km s.l.m.. Era chiaro che questo fosse il preludio per un nuovo episodio parossistico, il dodicesimo in poco meno di un mese
Continua a leggere

E nel mondo nel suo insieme non è che le cose vanno meglio, anzi..

Currently erupting:

Dukono (Halmahera): Volcanic Ash Advisory (updated 12 Nov 2020)
Ebeko (Paramushir Island): Volcanic Ash Advisory (updated 8 Feb 2021)
Erebus (Antarctica): active lava lake in summit crater (updated 8 Dec 2014)
Erta Ale (Danakil depression, Ethiopia): active lava lake in the summit crater (updated 19 Jun 2020)
Etna (Sicily, Italy): Volcanic Ash Advisory (updated 24 Feb 2021)
Fuego (Guatemala): Volcanic Ash Advisory (updated 16 Feb 2021)
Ibu (Halmahera, Indonesia): Volcanic Ash Advisory (updated 7 Jan 2021)
Kilauea (Hawai’i): new developed pond entered into main lava lake; effusive eruption of the volcano continues (updated 12 Mar 2021)
Klyuchevskoy (Kamchatka): spectacular video of actively growing cinder cone; effusive-explosive flank eruption continues (updated 9 Mar 2021)
Lewotolo (Lesser Sunda Islands): occasional moderate explosions; explosive eruption of the volcano continues (updated 11 Feb 2021)
Masaya (Nicaragua): minor ashfall (updated 24 Oct 2019)
Merapi (Central Java, Indonesia): Volcanic Ash Advisory (updated 27 Jan 2021)
Nevados de Chillán (Central Chile): Volcanic Ash Advisory (updated 30 Oct 2020)
Nyiragongo (DRCongo): new vent on crater floor (updated 7 Aug 2019)
Pacaya (Guatemala): Volcanic Ash Advisory (updated 11 Mar 2021)
Popocatépetl (Central Mexico): Volcanic Ash Advisory (updated 8 Mar 2021)
Reventador (Ecuador): Volcanic Ash Advisory (updated 22 Jan 2021)
Sabancaya (Peru): Volcanic Ash Advisory (updated 20 Nov 2020)
Sakurajima (Kyushu, Japan): Volcanic Ash Advisory (updated 19 Jan 2021)
Sangay (Ecuador): huge ash content up to 41,000 ft; explosive activity continues (updated 12 Mar 2021)
Santiaguito (Guatemala): Volcanic Ash Advisory (updated 16 Dec 2020)
Semeru (East Java, Indonesia): Volcanic Ash Advisory (updated 16 Jan 2021)
Shiveluch (Kamchatka): Volcanic Ash Advisory (updated 2 Feb 2021)
Sinabung (Sumatra, Indonesia): Volcanic Ash Advisory (updated 11 Mar 2021)
Soufrière St. Vincent (West Indies, St. Vincent): activity remains unchanged; growing lava dome continues in lateral direction (updated 12 Feb 2021)
Stromboli (Eolian Islands, Italy): mild strombolian activity from several vents (updated 3 Feb 2021)
Suwanose-jima (Ryukyu Islands): Volcanic Ash Advisory (updated 20 Jan 2021)
Yasur (Tanna Island, Vanuatu): Volcanic Ash Advisory (updated 27 Aug 2020)

Eruption warning / minor activity:

Bagana (Bougainville Island, Papua New Guinea): Volcanic Ash Advisory (updated 23 Dec 2020)
Barren Island (Indian Ocean): Volcanic Ash Advisory (updated 5 Nov 2020)
Bezymianny (Central Kamchatka Depression): new viscous lava flow (updated 22 Nov 2020)
Bromo (East Java, Indonesia): Volcanic Ash Advisory (updated 19 May 2020)
Fagradalsfjall (Reykjanes Peninsula, Iceland): continuing seismic activities related to magmatic intrusions (updated 10 Mar 2021)
Kadovar (Northeast of New Guinea): Volcanic Ash Advisory (updated 23 Dec 2020)
Karangetang (Siau Island, Sangihe Islands, Indonesia): Volcanic Ash Advisory (updated 15 Sep 2020)
Karymsky (Kamchatka): Volcanic Ash Advisory (updated 10 Dec 2020)
Kerinci (Sumatra): Volcanic Ash Advisory (updated 16 Apr 2020)
Langila (New Britain, Papua New Guinea): small eruption (updated 14 Jan 2021)
Manam (Papua New Guinea): Volcanic Ash Advisory (updated 23 Dec 2020)
Nevado del Ruiz (Colombia): Volcanic Ash Advisory (updated 26 Sep 2020)
Nyamuragira (DRCongo): the eruption continues (updated 12 Nov 2019)
Raung (East Java): Volcanic Ash Advisory (updated 5 Mar 2021)
Rincón de la Vieja (Costa Rica): small eruption yesterday; sporadic explosive eruptions continue (updated 10 Nov 2020)
San Cristobal (Nicaragua): series of moderate-to-strong explosions (updated 10 Mar 2021)
Sangeang Api (Indonesia): activity remains unchanged; emissions to 10,000 ft (updated 10 Jun 2020)
Sarychev Peak (Central Kuriles): new lava flow (updated 21 Jan 2021)
Semisopochnoi (United States, Aleutian Islands): ash emissions (updated 9 Feb 2021)
Taal (Luzon, Philippines): significant amounts of sulfur dioxide emissions measured by PHIVOLCS (updated 12 Mar 2021)
Telica (Nicaragua): Volcanic Ash Advisory (updated 1 Dec 2020)
Turrialba (Costa Rica): low-level eruptive activity continues (updated 6 Aug 2020)
Veniaminof (Alaska Peninsula, USA): Volcanic Ash Advisory (updated 10 Mar 2021)
Villarrica (Central Chile): degassing; activity remains stable (updated 2 Feb 2021)

enjoy

One thought on “Movimenti magmatici registrati sotto il vulcano Fagradalsfjall, Islanda

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: