NUOVO STUDIO CONFERMA IL RUOLO CLIMATICO DEL SOLE

Del Dr. David Whitehouse – 6 Aprile 2021

“La comunità scientifica non è chiara sul ruolo che la variabilità solare gioca nell’influenzare gli eventi meteorologici e climatici sulla Terra. Questo studio mostra che c’è motivo di credere che sia assolutamente così e perché la connessione potrebbe essere stata persa in passato”.

Il numero mensile di macchie solari levigato da SILSO. In basso: indice oceanico El Niño del NOAA. I riquadri rossi e blu contrassegnano i periodi di El Niño e La Niña nello schema ripetuto. Fonte: Climate Etc, settembre 2019

Se chiedi alla maggior parte degli scienziati climatici, ti diranno che la piccola variabilità del Sole non è importante quando si tratta di influenzare il clima. Potrebbero però dover cambiare idea se una nuova linea di ricerca dovesse confermarsi nel tempo. Sembra infatti che la variabilità solare possa guidare la variabilità climatica sulla Terra su scale temporali decennali (la variabilità climatica decennale che Michael Mann ha recentemente “dimostrato” non esiste). Questa è la conclusione di un nuovo studio che mostra una correlazione tra la fine dei cicli solari e il passaggio dalle condizioni di El Nino a La Nina nell’Oceano Pacifico. È un risultato che potrebbe migliorare in modo significativo la prevedibilità dei più grandi eventi di El Nino e La Nina, che hanno diversi effetti sul clima globale.

L’energia del Sole è il motore principale del nostro intero sistema terrestre e rende possibile la vita sulla Terra”, ha affermato Scott McIntosh, del National Center for Atmospheric Research, coautore dell’articolo. “Anche così, la comunità scientifica non è stata chiara sul ruolo che la variabilità solare gioca nell’influenzare gli eventi meteorologici e climatici sulla Terra. Questo studio mostra che c’è motivo di credere che sia assolutamente così e perché la connessione potrebbe essere stata persa in passato”.

Il ciclo solare di circa 11 anni – l’apparizione (e la scomparsa) delle macchie sul Sole – è noto da centinaia di anni. In questo nuovo studio, i ricercatori utilizzano un “orologio” di 22 anni per l’attività solare derivato dal ciclo di polarità magnetica del Sole, che considerano un’alternativa più regolare al ciclo solare di 11 anni. Questa ricerca è stata pubblicata lo scorso anno.

Coincidenza improbabile

Applicando questo agli studi sul clima, i ricercatori hanno scoperto che le cinque stime della fine di un ciclo solare che si è verificato tra il 1960 e il 2010-11 coincidevano tutte con un capovolgimento da El Nino (quando le temperature della superficie del mare sono più calde della media) a La Nina (quando le temperature della superficie del mare sono più fredde della media). La fine del più recente ciclo solare – che sta avvenendo ora – coincide anche con l’inizio di un evento di La Nina. Robert Leamon dell’Università del Maryland-Baltimore County ha dichiarato: “Cinque conclusioni consecutive di cicli solari che si allineano con un interruttore nell’oscillazione di El Nino non saranno molto probabilmente una coincidenza”.

In effetti, solo una probabilità su 5.000 o meno (a seconda del test statistico) che tutti e cinque gli eventi conclusivi inclusi nello studio coincidano casualmente con l’inversione delle temperature oceaniche. Ora che un sesto evento conclusivo – e il corrispondente inizio di un nuovo ciclo solare nel 2020 – ha coinciso anche con un evento de La Nina, quindi la possibilità che si verifichi è ancora molto meno remota.

Il documento non approfondisce quale connessione fisica tra il Sole e la Terra potrebbe essere responsabile della correlazione, ma gli autori notano che ci sono diverse possibilità che giustificano ulteriori studi, inclusa l’influenza del campo magnetico del Sole sul numero di raggi cosmici che arrivano dal sistema solare e infine bombardare la Terra. Tuttavia, deve ancora essere determinato un solido legame fisico tra le variazioni dei raggi cosmici e il clima.

Se ulteriori ricerche possono stabilire che esiste una connessione fisica e che i cambiamenti sul Sole stanno davvero causando variabilità negli oceani, allora potremmo essere in grado di migliorare la nostra capacità di prevedere gli eventi di El Nino e La Nina”, ha detto McIntosh.

Fonte: GWPF

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: