Scienziato dell’amministrazione Obama afferma che l'”emergenza” climatica si basa su un “errore”

24 aprile 2021 | Di Dr. Steven E. Koonin

I media puntano costantemente a tragici incendi in luoghi come l’Australia (nella foto di copertina) e la California come prova del cambiamento climatico. Ma l’area globale bruciata dagli incendi è diminuita di oltre il 25% dal 2003. AFP tramite Getty Images

“La scienza”, ci viene detto, è stabilita. Quante volte l’hai sentito? 

Gli esseri umani hanno rotto il clima della terra. Le temperature stanno aumentando, il livello del mare sta aumentando, il ghiaccio sta scomparendo e ondate di calore, tempeste, siccità, inondazioni e incendi sono un flagello in continua crescita nel mondo. Le emissioni di gas serra stanno causando tutto questo. E a meno che non vengano prontamente eliminati da cambiamenti radicali alla società e ai suoi sistemi energetici, “The Science” dice che la Terra è condannata.

Sì, è vero che il globo si sta riscaldando e che gli esseri umani stanno esercitando un’influenza riscaldante su di esso. Ma oltre a questo – per parafrasare il classico film “The Princess Bride” – “Non credo che ‘The Science’ dica quello che pensi che dica.”

Ad esempio, sia la letteratura di ricerca che i rapporti governativi affermano chiaramente che le ondate di calore negli Stati Uniti ora non sono più comuni di quanto non fossero nel 1900 e che le temperature più calde negli Stati Uniti non sono aumentate negli ultimi cinquant’anni. Quando lo dico alla gente, la maggior parte è incredula. Hanno qualche sussulto. E alcuni diventano decisamente ostili.

Questi non sono quasi certamente gli unici fatti sul clima che non hai sentito. Eccone altri tre che potrebbero sorprenderti, tratti da recenti ricerche pubblicate o valutazioni sulla scienza del clima pubblicate dal governo degli Stati Uniti e dalle Nazioni Unite: 

  •  Gli esseri umani non hanno avuto alcun impatto rilevabile sugli uragani nel secolo scorso. 
  • La calotta glaciale della Groenlandia non si sta riducendo più rapidamente di quanto non fosse 80 anni fa. 
  • L’area globale bruciata dagli incendi è diminuita di oltre il 25% dal 2003 e il 2020 è stato uno degli anni più bassi mai registrati. 

Perché non hai sentito questi fatti prima? 

Il dottor Steven Koonin era il sottosegretario alla scienza presso il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti nell’amministrazione Obama.

La maggior parte della disconnessione proviene dal lungo gioco del telefono che inizia con la letteratura di ricerca e passa dai rapporti di valutazione ai riassunti dei rapporti di valutazione e alla copertura dei media. Ci sono abbondanti opportunità di sbagliare – sia accidentalmente che di proposito – poiché le informazioni passano attraverso filtri su filtri per essere confezionate per vari tipi di pubblico. Il pubblico riceve le informazioni sul clima quasi esclusivamente dai media; pochissime persone leggono effettivamente i riassunti delle valutazioni, per non parlare dei rapporti e dei documenti di ricerca stessi. È perfettamente comprensibile: i dati e le analisi sono quasi impenetrabili per i non esperti e la scrittura non è esattamente avvincente. Di conseguenza, la maggior parte delle persone non capisce l’intera storia.

Anche i responsabili politici devono fare affidamento su informazioni che sono state trasmesse a diversi strizzatori nel momento in cui arrivano a loro. Poiché la maggior parte dei funzionari governativi non sono essi stessi scienziati, spetta agli scienziati assicurarsi che coloro che prendono decisioni politiche chiave ottengano un quadro accurato, completo e trasparente di ciò che è noto (e sconosciuto) sul clima che cambia, senza distorsioni da “agenda” o “Narrativa”. Sfortunatamente, chiarire quella storia non è così facile come sembra

L’area globale bruciata dagli incendi è diminuita di oltre il 25% dal 2003 e il 2020 è stato uno degli anni più bassi mai registrati.
AFP tramite Getty Images

Avrei dovuto saperlo. Quello era il mio lavoro.

Sono uno scienziato – lavoro per comprendere il mondo attraverso misurazioni e osservazioni, e quindi per comunicare chiaramente sia l’entusiasmo che le implicazioni di quella comprensione. All’inizio della mia carriera, mi sono divertito molto a fare questo per fenomeni esoterici nel regno degli atomi e dei nuclei usando la modellazione computerizzata ad alte prestazioni (che è anche uno strumento importante per gran parte della scienza del clima). Ma a partire dal 2004, ho trascorso circa un decennio a dedicare quegli stessi metodi al tema del clima e delle sue implicazioni per le tecnologie energetiche. L’ho fatto prima come chief scientist per la compagnia petrolifera BP, dove mi sono concentrato sul progresso delle energie rinnovabili, e poi come sottosegretario alla scienza nel Dipartimento dell’Energia dell’amministrazione Obama, dove ho aiutato a guidare gli investimenti del governo nelle tecnologie energetiche e nella scienza del clima. Ho trovato grande soddisfazione in questi ruoli, contribuendo a definire e catalizzare azioni che avrebbero ridotto le emissioni di anidride carbonica, l’imperativo concordato che “salverebbe il pianeta”. 

La scienza attuale mostra che la calotta glaciale della Groenlandia non si sta riducendo più rapidamente di quanto non fosse 80 anni fa.
The Asahi Shimbun via Getty Images

Ma i dubbi sono iniziati alla fine del 2013 quando l’American Physical Society mi ha chiesto di guidare un aggiornamento della sua dichiarazione pubblica sul clima. Nell’ambito di questo sforzo, nel gennaio 2014 ho convocato un seminario con un obiettivo specifico: “stress test” sullo stato della scienza del clima.

Sono uscito dal seminario APS non solo sorpreso, ma anche scosso dalla consapevolezza che la scienza del clima era molto meno matura di quanto avessi supposto. Ecco cosa ho scoperto:

Gli esseri umani esercitano un’influenza crescente, ma fisicamente piccola, sul clima. I risultati di molti diversi modelli climatici sono in disaccordo o addirittura contraddittori tra loro e su molti tipi di osservazioni. In breve, la scienza non è sufficiente per fare previsioni utili su come cambierà il clima nei prossimi decenni, tanto meno quale effetto avranno su di esso le nostre azioni.

Nei sette anni trascorsi da quel seminario, ho assistito con sgomento mentre le discussioni pubbliche su clima ed energia si sono allontanate sempre più dalla scienza. Frasi come “emergenza climatica“, “crisi climatica” e “disastro climatico” sono ora regolarmente diffuse per supportare proposte politiche di ampio respiro per “combattere il cambiamento climatico” con interventi e sussidi governativi. Non sorprende che l’amministrazione Biden abbia reso il clima e l’energia una delle principali priorità infuse in tutto il governo, con la nomina di John Kerry come inviato per il clima e la proposta di spendere quasi 2 trilioni di dollari per combattere questa “minaccia esistenziale per l’umanità“.

Le decisioni da trilioni di dollari sulla riduzione delle influenze umane sul clima dovrebbero essere basate su un’accurata comprensione delle certezze e incertezze scientifiche. Il mio defunto collega del Caltech, vincitore del premio Nobel, Richard Feynman è stato uno dei più grandi fisici del XX secolo. All’inizio del Caltech nel 1974, ha tenuto un discorso ormai famoso intitolato “Cargo Cult Science” sul rigore che gli scienziati devono adottare per evitare di prendere in giro non solo se stessi. “Fornisci tutte le informazioni per aiutare gli altri a giudicare il valore del tuo contributo; non solo le informazioni che portano al giudizio in una particolare direzione o nell’altra”, ha implorato. 

Gran parte della rappresentazione pubblica della scienza del clima ignora il consiglio del grande fisico defunto. È uno sforzo per persuadere piuttosto che informare e le informazioni presentate nascondono il contesto essenziale o ciò che non “si adatta“.

Gli scienziati scrivono e riesaminano i rapporti con troppa disinvoltura, i giornalisti li ripetono acriticamente, i redattori permettono che ciò accada, gli attivisti e le loro organizzazioni alimentano il fuoco dell’allarme e gli esperti sostengono l’inganno rimanendo in silenzio.

Di conseguenza, la costante ripetizione di questi e molti altri errori climatici si trasforma in verità accettate note come “La Scienza”.

Questo articolo è un estratto adattato dal libro del dottor Koonin, “Sconvolto: cosa ci dice la scienza del clima, cosa non fa e perché è importante” (BenBella Books), in uscita il 4 maggio.

FONTE NYPOST

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: