Il Sole produrrà un “Super-Flare” durante l’estate del 2023?

28 aprile 2021, di Cap Allon

Mentre il Grand Solar Minimum causerà abbastanza problemi e lotte da mantenere occupata la razza umana per decenni, c’è una minaccia ancora più distruttiva che incombe: lo spostamento dei poli magnetici della Terra e il conseguente esaurimento del campo magnetico del nostro pianeta (il nostro scudo protettivo contro il tempo spaziale).

Uno dei massimi scienziati sull’argomento, David Mauriello dell’Oppenheimer Ranch Project, è arrivato al punto di chiamare l’intensificarsi dell’inversione magnetica la sua più grande preoccupazione:

“È mia ferma opinione è che l’inversione magnetica sia più grave del Grand Solar Minimum come non potrebbe mai essere”

Perché una nuova ricerca suggerisce che gli effetti combinati di

  • 1) una magnetosfera calante (un effetto collaterale delle inversioni/escursioni magnetiche, che può far scendere la forza del campo magnetico terrestre al di sotto del 10 percento del suo massimo)
  • 2) una potente scarica di plasma dal Sole potrebbe verificarsi in appena 2 anni.

Citando un nuovo studio, “Discovery of an Extremely Short Duration Flare from Proxima Centauri Using Millimeter through Far-ultraviolet Observations“, uno dei più grandi bagliori mai registrati nella nostra galassia – 100 volte più potenti di quelli emessi dal Sole – ha recentemente lasciato Proxima Centauri, il vicino più prossimo della nostra stella.

  • Astratto: Presentiamo la scoperta di un evento di flaring estremo da Proxima Centauri da parte dell’Australian Square Kilometre Array Pathfinder (ASKAP), Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA), Hubble Space Telescope (HST), Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) e il du Pont Telescope che si è verificato il 1 maggio 2019. Al millimetro e FUV, questo bagliore è il più luminoso mai rilevato, aumentando di un fattore> 1000 e> 14.000 come osservato rispettivamente da ALMA e HST. Il millimetro e l’emissione continua di FUV si tracciano strettamente durante il flare, suggerendo che l’emissione millimetrica potrebbe servire come proxy per l’emissione di FUV dai bagliori stellari e diventare un nuovo potente strumento per limitare l’ambiente di radiazione ad alta energia degli esopianeti. Sorprendentemente, l’emissione ottica associata all’evento raggiunge un picco a un livello molto più basso con un ritardo di tempo. Lo scoppio iniziale ha una durata estremamente breve, che dura per <10 s. Prese insieme al campione crescente di razzi nani M millimetrici, questo evento suggerisce che l’emissione millimetrica è in realtà comune durante i flare stellari e spesso ha origine da brevi eventi simili a esplosioni.
Illustrazione artistica del sistema planetario Proxima Centauri. Sulla destra è raffigurato il candidato esopianeta recentemente scoperto Proxima c, che orbita attorno alla nana rossa una volta ogni 5,2 anni terrestri. Il sistema include anche Proxima b più piccolo, a sinistra, un mondo scoperto nel 2016. (Image credit: Lorenzo Santinelli)

Proxima Centauri è una nana rossa – il tipo più piccolo, più debole e più comune di stelle della fascia principale nella galassia – situata a circa 4,25 anni luce dalla Terra – Mauriello considera questa distanza uno dei due fattori chiave nel calcolare l’impatto della minaccia scoperta di recente, l’altra è la datazione del mega flare.

Nello studio pubblicato di recente, i ricercatori hanno utilizzato nove telescopi terrestri e orbitali, tra cui il telescopio spaziale Hubble, l’Atacama Large Millimeter/submillimeter Array e il Transiting Exoplanet Survey Satellite della NASA, per monitorare da vicino Proxima Centauri per un totale di 40 ore in diversi mesi nel 2019. Il 1° maggio 2019, il team ha catturato il super flare, che ha brillato per soli 7 secondi ed era principalmente visibile nello spettro ultravioletto.

Anche a soli 7 secondi, l’esplosione sarebbe stata l’equivalente di un X-200+ in fuga dal Sole. È da notare che il flare con il punteggio più alto mai visto è stato un X-45 registrato nel 2003 (inutile dire che il flare non era rivolto verso la Terra).

Il famigerato «Carrington Event» è generalmente considerato intorno a un X-45.

I brillamenti solari sono enormi esplosioni nell’atmosfera del Sole. Sono in grado di rilasciare tanta energia quanto oltre un miliardo di megatoni di TNT. Il risultato dell’improvviso rilascio di energia magnetica, in pochi secondi i bagliori possono accelerare le particelle solari a velocità incredibilmente elevate e riscaldare il materiale solare a decine di milioni di gradi. E mentre queste periodiche esplosioni di energia rappresentavano poca o nessuna minaccia per le civiltà del passato, anche solo un moderato flaring (un basso X-flare) causerebbe il collasso istantaneo della nostra moderna società tecnologica.

Quindi, dati i due fattori chiave relativi al mega-flaring di Proxima Centauri – maggio 2019 e 4,25 anni luce – si suppone da Mauriello che, se i recenti progressi nella comprensione dell’onda di corrente galattica e la sua imitazione dell’onda di corrente solare reggono il vero, allora l'”onda” cosmica che ha colpito Proxima Centauri – provocandone il super-flare – potrebbe ora correre verso il nostro sistema solare, il che significa che potrebbe essere solo una questione di tempo prima che il nostro Sole divampi in modo simile – puoi pensalo come un’ondata di elettricità che scorre attraverso un cavo, in questo caso attraverso la corrente galattica di Birkeland che collega ogni oggetto astronomico. Facendo i conti – con i fattori certamente limitati che sono noti – che il tempo può essere facilmente calcolato: maggio 2019 (la data del flaring di Proxima) + 4,25 anni (la distanza in anni luce che l’onda della corrente galattica deve percorrere prima di raggiungere il nostro sistema solare) vede il nostro Sole esplodere durante l’estate del 2023 (vicino al massimo solare del ciclo 25, ora previsto nel 2024, secondo NOAA). A ulteriore supporto della supposizione di Mauriello, e suggerendo che l’onda è davvero diretta verso di noi è il fatto che la Stella di Barnard, a 5.978 anni luce di distanza, ha avuto recentemente super-flare, prima di Proxima Centauri e all’intervallo previsto.

Un tale evento rimanderebbe noi uomini moderni all’età della pietra.

Il bagliore non avrebbe nemmeno bisogno di essere rivolto verso la Terra, poiché una tale esplosione probabilmente causerebbe un “effetto alone”.

Questa sarebbe la fine della griglia del campo magnetico e il game over per la vita come la conosciamo attualmente.

Inoltre, il continuo declino della magnetosfera significherebbe che il Sole non avrebbe nemmeno bisogno di esplodere così tanto – anche un X-flare da basso a moderato sarebbe sufficiente per eliminare il 90% della popolazione globale attraverso il fallimento dei nostri “sistemi”, ovvero le infrastrutture per la fornitura di energia; e da questo si fermerebbe tutto a cascata.

Vale anche la pena considerare che questa onda galattica in entrata potrebbe essere il grilletto che capovolge il campo magnetico terrestre in una completa inversione.

Il tempo lo dirà, ovviamente, ma potenzialmente non ne abbiamo molto, conclude Mauriello

“Bisogna essere pronti (preparati) entro l’agosto del 2023”.

Coltiva la tua essenza.

  • David Mauriello attualmente lavora presso il Climate Science Center di Pagosa Springs, Colorado, popolarmente noto come Oppenheimer Ranch Project. Il loro progetto attuale si trova a sud di San Juan, nel Colorado meridionale. “Oppenheimer Ranch Project” è dedicato alla scoperta della verità relativa ai cicli paleoclimatologici guidati esternamente anziché localmente (artificiali), si legge nel profilo di Research Gate di Mauriello.
Correnti di Birkeland

Le correnti di Birkeland sono correnti elettriche che scorrono lungo le linee del campo magnetico della Terra connettendo la magnetosfera terrestre con la regione più elevata della ionosfera. Sono causate dall’interazione tra il vento solare e il campo geomagnetico, la quale è anche causa del fenomeno delle aurore polari.

Le correnti seguono una traiettoria a spirale e sono causate dal movimento del plasma perpendicolarmente al campo magnetico. La loro intensità varia con l’attività della magnetosfera, oscillando tra circa 100000 ampere in quiete fino a più di un milione di ampere in presenza di disturbi geomagnetici, questi ultimi dovuti principalmente ad una maggiore attività solare.

L’esistenza di queste correnti è stata ipotizzata per la prima volta dal fisico norvegese Kristian Birkeland nel 1908. Egli, effettuando diverse spedizioni scientifiche a nord del circolo polare artico per studiare l’aurora boreale, osservò che le lancette dei magnetometri cambiavano direzione quando era presente l’aurora (fenomeno che era già stato notato da Anders Celsius e Olof Hiorter più di un secolo prima); dedusse perciò che vi doveva essere un flusso di corrente elettrica nell’atmosfera sopra di lui. Birkeland teorizzò che tale corrente era causata dall’interazione tra particelle energetiche emesse dal Sole (ciò che oggi è noto come vento solare) e il campo magnetico terrestre, cosa che è anche causa dell’aurora. Questa teoria incontrò lo scetticismo degli scienziati dell’epoca e rimase ignorata per molti anni, finché negli anni 60 e 70 vennero effettuate delle misurazioni satellitari che confermarono l’ipotesi di Birkeland. Le correnti furono quindi chiamate così in suo onore. [wikipedia]

Evento di Carrington

Rappresentazione del brillamento del 1º settembre 1859 e della macchia solare interessata dal fenomeno, disegnata da Richard Carrington. Con A e B sono indicate le zone di comparsa delle macchie brillanti, con C e D i punti in cui esse scomparvero.

L’Evento di Carrington fu la più grande tempesta geomagnetica o solare mai osservata dagli astronomi. Registrata il primo settembre 1859, deve il suo nome all’astronomo inglese Richard Carrington che, grazie al suo studio delle macchie solari, fu precursore anche della Legge di Spörer.

L’evento produsse i suoi effetti su tutta la Terra dal 28 agosto al 2 settembre. La tempesta provocò notevoli disturbi all’allora recente tecnologia del telegrafo, causando l’interruzione delle linee telegrafiche per 14 ore, e produsse un’aurora boreale visibile anche a latitudini inusuali (ad esempio a Roma, in Giamaica, alle Hawaii e a Cuba). Ebbe un indice DST pari a -8050 nanotesla.

Storia

Giovedì 1º settembre 1859, alle ore 11:18, in una mattinata serena priva di nuvolosità, mentre era dedito all’osservazione del Sole attraverso un telescopio che ne proiettava l’immagine su uno schermo, il trentatreenne Richard Carrington focalizzò la sua attenzione su un paio di luci accecanti apparse all’improvviso dentro una formazione di macchie solari che stava studiando; avevano una strana forma a fagiolo ed eguagliavano, se non superavano addirittura, la stessa luminosità della nostra stella. Agitatissimo, comprendendo di essere testimone di un evento straordinario, corse a cercare qualcuno che avallasse la sua scoperta, ma inutilmente: quando ritornò, con sua grande sorpresa s’accorse che l’intensità di quelle luci si era alquanto affievolita fino a scomparire.

Il giorno successivo, poco prima dell’alba, i cieli nei pressi delle latitudini di Cuba, Bahamas, Giamaica, El Salvador ed Hawaii si colorarono di rosso sangue a causa di intense e variopinte aurore, la cui causa era da riportare a quelle luci che Carrington la mattina precedente aveva avuto la fortuna di poter osservare e che altro non erano se non brillamenti, esplosioni magnetiche che avvenivano sulla superficie solare. Il fenomeno fu osservato e studiato anche da Angelo Secchi dall’Osservatorio del Collegio Romano. Durante le osservazioni solari eseguite in luce bianca con il telescopio rifrattore di Robert-Aglaé Cauchoix dal 25 agosto al 6 settembre 1859, Secchi registrò le caratteristiche delle molte strutture apparse in quel periodo sul disco solare e studiò in dettaglio il gruppo di macchie solari che aveva originato il brillamento. [wikipedia]

Grand Solar Minimum + Pole Shift

One thought on “Il Sole produrrà un “Super-Flare” durante l’estate del 2023?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: