Flusso di raggi cosmici e raffreddamento globale: le implicazioni sono su di noi

30 aprile 2021, Articolo di Cap Allon

I Raggi Cosmici GALATTICI sono una miscela di fotoni ad alta energia e particelle subatomiche accelerate verso la Terra da esplosioni di supernova e altri eventi violenti nel cosmo, mentre i Raggi Cosmici SOLARI sono effettivamente gli stessi, solo la loro fonte è il Sole.

Spaceweather.com e gli studenti di Earth to Sky Calculus hanno lanciato palloni atmosferici quasi settimanalmente da marzo 2015, prima che la pandemia li prendesse di mira. I risultati pubblicati dal team rivelano che la radiazione atmosferica ha raggiunto livelli record proprio quando l’attività solare ha raggiunto un nuovo minimo nell’era spaziale: la correlazione è chiara a tutti, con ulteriori dati proxy che rivelano che è stato il caso da tempo immemorabile.

Durante i minimi solari, il punto più basso del ciclo solare di 11 anni, il campo magnetico del Sole si indebolisce e la pressione verso l’esterno del vento solare diminuisce. Ciò consente a più raggi cosmici (CR) di penetrare nel sistema solare interno, inclusa l’atmosfera del nostro pianeta:

Raggi cosmici in correlazione con le macchie solari.

I livelli di radiazione sono aumentati quasi senza sosta da quando è iniziato il programma di monitoraggio Earth to Sky Calculus, con gli ultimi voli a dicembre 2019 (figura 1) e all’inizio del 2020 (figura 2) che hanno registrato nuovi massimi storici:

(Fig.1)
(Fig.2) – I dati più recenti di Abisko, in Svezia, mostrano che l’aumento non è limitato alla stratosfera. Sta anche accadendo ad altitudini aeronautiche con un aumento di 3 anni del ~ 12% anche al di sotto dei 40.000 piedi.

Se questo è davvero un grande minimo solare in cui ci stiamo dirigendo, i raggi cosmici dovrebbero uscire dai grafici – ed è esattamente ciò che stiamo iniziando a vedere:

I ricercatori dell’Osservatorio geofisico di Sodankyla monitorano i raggi cosmici dal 1964.

Quando i CR colpiscono l’atmosfera terrestre, producono uno spruzzo di particelle secondarie che piovono sulla superficie terrestre (visualizzato nell’immagine sotto). Tra queste particelle vi sono i neutroni, e i rivelatori come quelli di Oulu, contano questi neutroni come proxy dei raggi cosmici.

Diagramma schematico di una doccia di raggi cosmici. Questo “spray secondario” è anche ciò che misurano i palloncini Earth to Sky Calculus.

Di seguito è riportato un altro sguardo alla correlazione tra CR e il Sole.

Il pannello superiore mostra il naturale aumento e diminuzione dei raggi cosmici con il ciclo solare di 11 anni: durante il massimo solare i raggi cosmici sono deboli; durante il minimo solare sono forti.

LE IMPLICAZIONI

I raggi cosmici sono cattivi – e peggioreranno – questa è la conclusione di uno studio del 2020 intitolato “Galactic Cosmic Radiation in Interplanetary Space Through a Modern Secular Minimum“.

Il tipo di radiazione prodotta dai raggi cosmici è la stessa utilizzata nelle macchine a raggi X mediche e negli scanner di sicurezza aeroportuali. Questa radiazione è aumentata di oltre il 20% nella stratosfera, secondo i dati di spaceweather.com.

I raggi cosmici penetrano negli aerei commerciali, fornendo dosaggi per tutto il corpo pari a una o più radiografie dentali anche su voli regolari tra gli stati. I raggi cosmici rappresentano un pericolo ancora maggiore per gli astronauti, come ci si aspetterebbe. Possono anche alterare l’elettrochimica dell’alta atmosfera terrestre, provocando fulmini.

“Durante il prossimo ciclo solare, potremmo vedere i tassi di dose dei raggi cosmici aumentare fino al 75%”, afferma l’autore principale . “Questo limiterà la quantità di tempo in cui gli astronauti possono lavorare in sicurezza nello spazio interplanetario”.

Fatemeh Rahmanifard dello Space Science Center dell’Università del New Hampshire

Nessuna quantità di schermatura di veicoli spaziali può fermare i raggi cosmici più energici, lasciando gli astronauti esposti ogni volta che lasciano il sistema Terra-Luna. Negli anni ’90, gli astronauti potevano viaggiare nello spazio fino a 1000 giorni prima di raggiungere i limiti di sicurezza della NASA sull’esposizione alle radiazioni. Non più. Secondo la nuova ricerca, i raggi cosmici limiteranno i viaggi a un minimo di 290 giorni per gli astronauti maschi di 45 anni e 204 giorni per le femmine (uomini e donne hanno limiti diversi a causa di pericoli diseguali per gli organi riproduttivi – le mie scuse a tutti quelli con un ‘eccessivo senso di unicità’ offeso da questo fatto di stereotipi di genere!).

Tuttavia, è stato scoperto che i raggi cosmici che colpiscono l’atmosfera terrestre sono molto più cruciali del limitare i jollies nello spazio – e le fantasie di colonizzazione di Marte – che seminano nuvole (Svensmark et al). La nuvolosità gioca il ruolo più importante nel cambiamento climatico a breve termine del nostro pianeta: “Le nuvole sono l’ombra solare della Terra”, scrive il dottor Roy Spencer, “e se la nuvolosità cambia per qualsiasi motivo, si ha il riscaldamento globale o il raffreddamento globale”. E mentre un ribaltamento delle correnti oceaniche, una riduzione della TSI, un aumento dell’albedo di ghiaccio / neve o un’eruzione vulcanica VEI 6+ sono tutti in grado di ridurre la temperatura terrestre della Terra, tutto ciò che è effettivamente richiesto è un aumento dei CR (controlla) portando ad un aumento della copertura nuvolosa (spunta).

Per concludere, il risultato del minimo solare storicamente debole del ciclo 24 – il Sole più profondo degli ultimi 100+ anni (NASA) – combinato con l’ulteriore declino previsto per i cicli 25 e 26 (e oltre) sarà un ineludibile raffreddamento del pianeta – e ne stiamo già assistendo all’inizio: secondo i satelliti, la temperatura media globale è appena scesa AL DI SOTTO della linea di base dei 30 anni.

Altri articoli del giorno:

Il Modern Maximum è finito, sotto ogni aspetto

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe , con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la sfilza di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.

Grand Solar Minimum + Pole Shift

Electroverse

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: