Cinque principali set di dati mostrano il raffreddamento globale mentre Carbon Brief viene scoperto a mentire al pubblico

17 maggio 2021; Articolo di Cap Allon

Sta diventando sempre più difficile per le agenzie governative nascondere/spiegare l’intensificarsi del raffreddamento globale. Artisti del calibro di NASA e NOAA hanno lanciato tutti i trucchi per confondere i dati, ignorare l’UHI e selezionare le ciliegie che hanno, ma i loro set di dati sulla temperatura globale mostrano ancora un RAFFREDDAMENTO netto.

I due grafici seguenti mostrano l’andamento della temperatura globale annuale lineare calcolata per gli ultimi 5, 10, 20, 30, 50, 70 o 100 anni, per gentile concessione di climate4you.com.

Il primo grafico mostra le tendenze della temperatura satellitare per i set di dati UAH e RSS più citati:

Diagramma che mostra l’ultimo trend lineare annuale della temperatura globale a 5, 10, 20 e 30 anni, calcolato come pendenza della linea di regressione lineare attraverso i punti dati, per due stime di temperatura basate su satellite (UAH MSU e RSS MSU).
Ultimo mese incluso nell’analisi: gennaio 2021.

Il secondo grafico mostra il record della temperatura superficiale per GISS, NCDC e HadCRUT4:

Diagramma che mostra l’ultimo trend lineare annuale della temperatura globale a 5, 10, 20, 30, 50, 70 e 100 anni, calcolato come pendenza della linea di regressione lineare attraverso i punti dati, per tre stime di temperatura basate sulla superficie (HadCRUT4 e GISS + NCDC).
Ultimo mese incluso nell’analisi: gennaio 2021.

Notare la forte tendenza al raffreddamento osservata da tutti e cinque i set di dati negli ultimi cinque anni.

Notare anche la differenza tra le temperature satellitari e di superficie, con i satelliti più affidabili che indicano un calo di temperatura maggiore.

Il grafico sottostante mostra l’andamento calcolato negli ultimi 5 anni:

Temperatura dell’aria superficiale media mensile negli ultimi 5 anni secondo le due stime di temperatura satellitari (UAH MSU e RSS MSU).
La sottile linea blu rappresenta i valori mensili.
La linea nera spessa è l’adattamento lineare, con intervalli di confidenza del 95% indicati dalle due linee nere sottili.
La linea verde spessa rappresenta un adattamento polinomiale di 5 gradi, con intervalli di confidenza del 95% indicati dalle due linee verdi sottili.
Alcune statistiche chiave sono fornite nella parte inferiore del diagramma (si noti che la tendenza lineare è la tendenza mensile).
Ultimo mese incluso nell’analisi: aprile 2021.

È chiaro che la temperatura media della Terra è caduta (relativamente) da un dirupo negli ultimi mesi.

E questa caduta si fa sentire anche a terra, con periodi prolungati di freddo anomalo segnalati in vaste sacche del pianeta.

L’Europa sta vivendo la sua primavera più fredda da oltre un secolo.

La Russia transcontinentale ha assistito al suo inverno e all’inizio della primavera più rigidi mai registrati.

Mentre il Nord America è stato recentemente scosso da un febbraio incredibilmente freddo, e anche le variazioni di temperatura per l’ultimo mese (Aprile) sono finite ben al di sotto della norma.

Il nostro pianeta sta entrando nella sua prossima grande fase di raffreddamento.

Il clima è ciclico, dopotutto, mai lineare; e questo cambiamento al più freddo è stato determinato dall’attività solare storicamente bassa osservata dall’inizio del ciclo 24.

Questo calo di temperatura (in corso) è stato interamente previsto da coloro che studiano il Sole.

Ma è stata una sorpresa completa per tutti coloro che seguono la dieta priva di fatti della propaganda AGW.

Queste pecore hanno detto per la prima volta che un tale calo di temperatura era impossibile a causa delle crescenti emissioni di CO2.

Ora, dicono che il calo non rappresenta il “clima” poiché sono solo 5 anni.

Quando questi non-nulla a pappagallo riconosceranno la tendenza al raffreddamento, sarà già su di noi.

Ci vorrà il grande fallimento dei raccolti perché il penny scenda. Ci vorranno gli scaffali dei negozi di alimentari vuoti e il razionamento del governo. E anche allora, crederanno ancora che sia stato un “riscaldamento globale catastrofico” che cosa ha fatto …

Carbon Brief scoperto a mentire al pubblico

“Carbon Brief colto a mentire al pubblico”, scrive David I Birch su Twitter. “Non fidarti di nessuno con un’agenda.”

Carbon Brief è un sito web con sede nel Regno Unito progettato per “migliorare la comprensione del cambiamento climatico, sia in termini di scienza che di risposta politica”.

Il sito è letteralmente un focolaio di retorica allarmista, con il suo argomento preferito “scioglimento catastrofico del ghiaccio marino artico”.

Secondo un recente articolo, “il ghiaccio marino artico ha raggiunto la sua estensione massima per l’anno, raggiungendo il picco di 14,77 milioni di chilometri quadrati (km2) il 21 marzo. Questo è il settimo picco invernale più piccolo, pari al 2007″.

Tuttavia, proprio come quelle scadenze prive di ghiaccio profetizzate che TUTTI ci hanno superato senza incidenti, l’analisi di Carbon Brief è costruita attorno a una narrazione, non ai fatti (e da quando è il “settimo più basso” in qualcosa di degno di nota?).

Quando si sono a conoscenza dei dati effettivi, è chiaro che l’estensione del ghiaccio marino artico non ha raggiunto il picco il 21 marzo a 14,77 km2, come si afferma, ma ha invece raggiunto il suo massimo nel 2021 l’11 marzo con una lettura di 14,95 km2 – a lettura che non lo vede nemmeno entrare nei primi dieci anni di estensione massima del ghiaccio marino da quando sono iniziati i record nel 1979.

Ma non è stato solo Carbon Brief ad essere stato giudicato colpevole di fuorviare il pubblico; dopotutto, lo sbocco è solo uno dei tanti canali per l’offuscamento e gli ordini del giorno delle agenzie governative.

No, quella cifra di “14,77 km2” proviene dal National Snow and Ice Data Center (NSIDC) presso l’Università del Colorado Boulder, che è supportato dalla NASA: due organizzazioni che non cercano nemmeno più di nascondere il loro BS.

Nel tentativo di aggiungere peso alle loro “affermazioni catastrofiche sullo scioglimento dell’Artico”, l’NSIDC fornisce questa immagine (mostrata sotto). Tuttavia, per chiunque sia in grado di criticare – quindi immagino non molti – l’immagine che dipinge difficilmente può essere interpretata come quella di un destino imminente.

Questa immagine della NASA Blue Marble mostra il ghiaccio marino artico il 21 marzo 2021, quando l’NSIDC (tra gli altri) afferma che il ghiaccio marino ha raggiunto la sua massima estensione per l’anno.
Credito immagine: NSIDC/NASA Earth Observatory.

Inoltre, se lo scioglimento del ghiaccio marino e l’innalzamento del livello del mare sono la tua preoccupazione, è molto meglio rivolgere la tua attenzione al Polo Sud, che ospita il 90% dell’acqua dolce della Terra.

I dati satellitari rivelano che l’estensione del ghiaccio marino attorno al polo sud è effettivamente CRESCIUTA negli ultimi 40 + anni.

Inoltre, un nuovo studio (Salame et al., 2021) riporta che il ghiaccio marino dell’emisfero meridionale si è insinuato così a nord dal 2000 che ora si estende bene nei fiordi cileni meridionali a 54 ° S, fino a 100 km più in là a nord rispetto alle precedenti stime del limite di estensione dell’NSIDC (55° S).

Il documento considera che le temperature sotto lo zero°C siano la ragione principale per cui il ghiaccio marino si è formato negli ultimi decenni in tutti e 13 i fiordi della Cordillera Darwin analizzati.

Persino i nostri amici NSIDC non possono nascondere la calotta glaciale antartica IN ESPANSIONE nel 2021:

[NSIDC]

Il Modern Maximum è finito, sotto ogni aspetto

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe , con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la sfilza di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.

Grand Solar Minimum + Pole Shift

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter sta eliminando i follower e fa scherzi su tentativi di intromissione nel tentativo di bloccare l’account; mentre Facebook ha creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo e mostra gli aggiornamenti del giorno prima.
Zucchino’s boys & I.A. stanno facendo davvero un gran lavoro.
Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Non ci sono complotti.
Ci sono persone e fatti documentati.

16 pensieri riguardo “Cinque principali set di dati mostrano il raffreddamento globale mentre Carbon Brief viene scoperto a mentire al pubblico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: