Decenni di profezie fallite sul “punto di svolta”

; Articolo di Cap Allon

La paura  ci impedisce di pensare.
Il panico emotivo che accompagna la  paura in  realtà spegne la corteccia prefrontale, o la parte del pensiero razionale, del nostro cervello.
Un popolo che smette di pensare a se stesso è un popolo facilmente guidabile, facilmente manipolabile e facilmente  controllabile.
I nostri leader – quelli invisibili, che risiedono molto al di sopra dei burattini nelle cariche elettive – governano per paura.
“Fai esattamente come diciamo, o il mondo potrebbe finire.”

L’attivista svedese per il clima Greta Thunberg parla a una manifestazione presso l’Alberta Legislature Building a Edmonton, venerdì 18 ottobre 2019 (Dave Chidley/The Canadian Press via AP)

https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/europa/2021/05/22/greta-thunberg-cambiamo-modo-di-produrre-e-consumare-cibo_85e5182f-9e25-42b9-9e0a-b5ec1592e74c.html?fbclid=IwAR1YgbPNkFPHr_1ZlJzHRF1MI62LGwX7VuTIxRMHZp-xruoTxbzSx_tM6ls

Greta Thunberg, cambiamo modo di produrre e consumare cibo

Distruggendo habitat facilitiamo passaggi virus animale-uomo

Proprio l’altro ieri è uscito questo articolo sul sito dell’ANSA che ho così commentato:

CI STANNO GOVERNANDO CON LA PAURA E COL RICATTO
La portavoce del nuovo ordine mondiale Greta Thumberg ci esorta a cambiare abitudini alimentari ed al modo di produrre il cibo, addossando (come sempre) la responsabilità ad una entità generica di nome “uomo”. Bene, sarà anche vero ma… Non è l’uomo ad inquinare ma le multinazionali, che una volta seguivano i dettami dei governi, ora le dettano.. e ad intere popolazioni. Poi fa un passaggio tecnicamente complicato per una ragazza che ha perso anni di scuola sulle epidemie e sui virus che passano da animale ad uomo e ci minaccia con una nuova pandemia che può sempre scoppiare in qualsiasi momento. Ed è sempre la paura a farla da padrona… Stai attento perchè potrebbe… e bla bla bla..


Noel Brown, 1989

Noel Brown, direttore dell’ufficio di New York del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP), disse nel 1989 che i governi avevano solo una finestra di 10 anni di opportunità per risolvere l’effetto serra prima che vada oltre il controllo umano.

Ha detto che intere nazioni potrebbero essere spazzate via dalla faccia della Terra dall’innalzamento del livello del mare se la tendenza al riscaldamento globale non fosse invertita entro il 2000.

Sempre secondo Brown, che citava eminenti scienziati dell’epoca, le inondazioni costiere e il fallimento dei raccolti avrebbero creato un esodo di “eco-rifugiati”, minacciando il caos politico.

L’anidride carbonica in eccesso si sta riversando nell’atmosfera a causa dell’uso di combustibili fossili da parte dell’umanità e dell’incendio delle foreste pluviali, ha detto Brown. L’atmosfera trattiene più calore di quanto irradia, proprio come una serra. La stima scientifica più conservativa secondo cui la temperatura della Terra aumenterà da 1 a 7 gradi nei prossimi 30 anni, ha affermato.

[Dr Roy Spencer]

Brown ha concluso dicendo che anche gli scienziati più conservatori “ci dicono già che non c’è niente che possiamo fare ora per fermare un cambiamento” di circa 3 gradi, e ha concluso con un’orazione scritta su come tutte le nazioni devono ridurre l’uso di combustibili fossili e ridurre le loro emissioni di anidride carbonica, sai quello …

James Hansen, 2006

Spesso descritto come il padre del riscaldamento globale, James Hansen della NASA ha fatto molte rivendicazioni climatiche catastrofiche nel corso dei decenni.

“L’effetto serra è qui”, ha affermato con sicurezza il 23 giugno 1988 durante la sua testimonianza al Congresso sul riscaldamento globale provocato dall’uomo.

Durante quella testimonianza, Hansen ha detto al Comitato del Senato per l’energia e le risorse naturali che c’è solo una “probabilità dell’1%” che abbia torto nel dare la colpa all’aumento delle temperature in tutto il mondo all’accumulo di gas prodotti dall’uomo nell’atmosfera.

E quando è stato chiesto in un’intervista a New York City nel 1989, “Se quello che dici sull’effetto serra è vero, ci sarà qualcosa di diverso laggiù tra 20 anni?” Hansen ha risposto: “La West Side Highway sarà sott’acqua. E ci sarà del nastro adesivo attraverso le finestre dall’altra parte della strada a causa del vento forte. E gli stessi uccelli non ci saranno. Gli alberi nella fascia mediana cambieranno.”

Nel 2006, invece di ammettere che forse ha sovraffollato un po ‘la catastrofe, Hansen ha effettivamente raddoppiato.

Come spesso fanno gli allarmisti, Hansen ha semplicemente spostato la data del giorno del giudizio indietro di alcuni anni nella speranza che nessuno se ne accorgesse. Nel settembre 2006 ha detto che il mondo aveva ora una finestra di 10 anni di opportunità per intraprendere un’azione decisiva sul riscaldamento globale e scongiurare una catastrofe.

Hansen ha implorato i governi, implorando di adottare uno scenario alternativo per tenere sotto controllo la crescita delle emissioni di anidride carbonica e limitare l’aumento delle temperature globali a 1°Celsius (1,8°F).

“Penso che abbiamo una finestra di opportunità molto breve per affrontare il cambiamento climatico … non più di un decennio, al massimo”, ha detto alla Conferenza sulla ricerca sui cambiamenti climatici nella capitale dello stato della California.
Se il mondo continua con uno scenario “business as usual”, Hansen ha detto che le temperature aumenteranno da 2 a 3°C (da 3,6 a 7,2°F) e “produrremo un pianeta diverso”.

Su quel pianeta più caldo, le calotte glaciali si scioglierebbero rapidamente, causando un innalzamento del livello del mare che metterebbe la maggior parte di Manhattan sott’acqua. Hansen ha usato i vecchi trucchi dello scioglimento del ghiaccio marino artico e una riduzione del numero di orsi polari per cercare di aumentare la pressione sui governi mondiali:

“Non è troppo tardi per salvare l’Artico, ma è necessario che iniziamo a rallentare le emissioni di anidride carbonica in questo decennio.”

Due anni dopo, nel 2008, Hansen era ancora lì, affermando che l’Artico sarebbe stato libero dai ghiacci entro il 2018.

Entro soli “5-10 anni, l’Artico sarà libero dal ghiaccio marino in estate”, ha annunciato.

Basti dire che Hansen stava dicendo altre sciocchezze e 10 anni dopo aver fatto la sua affermazione senza ghiaccio, il volume del ghiaccio marino artico era aumentato del 7% e si scioglieva al ritmo più lento mai registrato:

[DMI]
[DMI]

E anche oggi, mentre ci avviciniamo all’estate del 2021, il volume del ghiaccio marino artico oggi sta andando bene.

I livelli sono in realtà superiori a quelli degli ultimi anni e l’ultimo dato (23 maggio) mostra che lo spessore si mantiene a 5 metri su vaste aree:

[DMI]

Hansen è considerato il padre del riscaldamento globale.

E in qualche modo, nonostante i suoi decenni di previsioni fallite, l’uomo ha ancora credibilità, ha ancora influenza e dice nel campo del riscaldamento globale antropgenico, ed è ancora il bambino manifesto (o almeno lo era fino a quando non è arrivata Greta Chunderberg) per stracci come Il guardiano.

Il modo in cui qualcuno si è dimostrato così sbagliato per così tanto tempo può ancora raccogliere le lodi e gli elogi che fa James Hansen è la testimonianza dell’agenda in gioco.

Lo strumento politico che è AGW continuerà a funzionare, per tutto il tempo necessario, e la linea sempre crescente di poveri e mal informati continuerà a seguire quel Pifferaio magico nella grotta di Hamelin, dove il loro rispetto di sé e la capacità di pensare in modo critico lo faranno non essere mai più visto.

Hansen non è stato gettato sotto l’autobus perché è ancora in punta di piedi, continua a pronunciare il racconto sceneggiato.

Cosa hanno su di lui questi ragazzi?

O è semplicemente troppo orgoglioso per ammettere di aver sbagliato?

Tuttavia, c’è ancora tempo per salvare la faccia, Hansen – ma a 80 anni, probabilmente hai solo 5-10 anni di opportunità per intraprendere un’azione decisiva.

Rifiuta i fabbricanti di paura.

Vivi libero.


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter sta eliminando i follower e fa scherzi su tentativi di intromissione nel tentativo di bloccare l’account; mentre Facebook ha creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo e mostra gli aggiornamenti del giorno prima.
Zucchino’s boys & I.A. stanno facendo davvero un gran lavoro.
Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Non ci sono complotti.
Ci sono persone e fatti documentati.

2 pensieri riguardo “Decenni di profezie fallite sul “punto di svolta”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: