I ricercatori prevedono cicli solari deboli fino al 2050…

“Sgradevoli conseguenze meteorologiche e climatiche”!

Da P. Gosselin; pubblicato il 20 giugno 2021

Analizzando la natura ciclica dell’attività solare, i principali scienziati suggeriscono che un minimo solare è destinato a persistere fino al 2050.

È importante stimare le caratteristiche del prossimo ciclo solare perché servono a migliorare la preparazione nell’esplorazione dello spazio ed a ridurre al minimo i rischi nelle attività tecnologiche e sociologiche.

La capacità di comprendere i parametri magnetici solari storici in modo più accurato, oltre il ciclo di 11 anni altamente dominante, è una chiave per stimare la variabilità solare, affermano i ricercatori. Inoltre, numerosi scienziati ritengono che esista un chiaro legame tra l’attività solare e i modelli climatici in termini di precipitazioni e temperatura in tutto il mondo.


Un nuovo studio prevede una debole attività solare fino al 2050

Un nuovo studio apparso sul Journal Advancing in Space Research di Herrera et al prevede che il prossimo ciclo solare 25 (SC 25) sarà debole con un numero di macchie solari di picco annuale (SSN) di 95 e un probabile intervallo di 80-115 tra il 2023 e il 2025.

Gli autori hanno applicato algoritmi e analisi di Machine Learning (ML) alla serie temporale annuale delle macchie solari del World Data Center (1700-2019; versione 2.0), che ha permesso di approfondire la dinamo magnetica del Sole che guida i massimi e i minimi dell’attività solare.

Fig. 1. Risultati dell’analisi spettrale wavelet tempo-frequenza.
(a) Record annuali delle serie temporali delle macchie solari dal 1700 al 2019.
(b) Il periodo wavelet medio globale (pannello di sinistra) .
(c) La densità spettrale di potenza wavelet di Morlet (MWPSD) in unità arbitrarie che adottano le scale di colore rosso-verde-blu.
(d) Variazioni periodiche del ciclo solare di 11 anni (es. il ciclo di Schwabe).
(e) Variazioni periodiche del ciclo solare di 22 anni (ciclo di Hale).
(f) Le variazioni periodiche del ciclo solare di 60 anni (il ciclo Yoshimura-Gleissberg).
(g) Variazioni periodiche del ciclo solare di 120 anni.
I numeri romani ”I”, ”II” e ”III” nei pannelli (a) e (d) indicano il ciclo del Lupo discusso nel testo principale.
Immagine: progressi nella ricerca spaziale.

“Abbiamo scoperto che la variabilità nel ~11-year  Sunspot Cycle è strettamente connesso con le variazioni di attività magnetica oscillatoria di 120 anni”, hanno riassunto gli autori. “Inoltre, il nostro modello ML prevede una nuova fase di minimi solari estesi che è iniziata prima del ciclo delle macchie solari 24 (ca. 2008-2019) e durerà fino al ciclo delle macchie solari 27 (ca. 2050).”

“Conseguenze meteorologiche e climatiche sgradite”

Ciò significa che c’è un’alta probabilità che scopriremo se i cambiamenti climatici della Terra sono davvero in gran parte legati all’attività solare, come affermano numerosi scienziati in tutto il mondo.

Il dottor Willie Soon, un coautore del documento, ha commentato via e-mail che sebbene il loro articolo non si proponesse di affrontare la questione della connessione sole-clima, due conseguenze sarebbero imminenti se l’attività solare dovesse rimanere debole come previsto:

Innanzitutto la buona notizia è che possiamo essere a minor rischio che eventuali grandi tempeste solari interrompano le comunicazioni elettromagnetiche e persino la generazione e la trasmissione di elettricità.

Tuttavia, un Sole persistentemente più debole e più fioco porterà probabilmente anche a conseguenze meteorologiche e climatiche sgradite a cui l’umanità deve essere completamente preparata».

Il legame tra attività solare e clima terrestre confermato da centinaia di documenti paper

Guardando la storia dell’attività solare e il cambiamento climatico della Terra, le probabilità sono persino migliori che questi scienziati si dimostrino corretti. Questo è stato dimostrato da centinaia di documenti. Vedi anche qui.

Source – Fonte


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter sta eliminando i follower e fa scherzi su tentativi di intromissione nel tentativo di bloccare l’account; mentre Facebook ha creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo e mostra gli aggiornamenti del giorno prima.

Zucchino’s boys & I.A. stanno facendo davvero un gran lavoro.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti documentati

3 pensieri riguardo “I ricercatori prevedono cicli solari deboli fino al 2050…

  1. una buona notizia, almeno non ci dovremo preoccupare ancora per molti anni, riguardo agli effetti sul clima, potrebbero essere positivi e andare a contrastare l’aumento di temperatura generato dai gas serra…

    "Mi piace"

    1. non è una buona notizia e dovremmo preoccuparci invece…
      l’aumento o diminuzione della temperatura terrestre è causato dal sole che influenza i gas serra, i più importanti sono metano e vapore acqueo con l’anidride carbonica che si comporta inversamente all’aumento o diminuzione della temperatura.
      questo sta a dire che l’anidride carbonica aumenta all’aumentare della temperatura e non, come sparlano in televisione, che la temperatura aumenta a causa dell’aumento dell’anidride carbonica.
      ci dovremmo preoccupare perchè il sole è in un profondo minimo, molto simile al minimo di Maunder all’inizio dell’era tecnologica.
      ci dovremmo preoccupare perchè il campo magnetico terrestre è al suo minimo storico e si attende l’inversione dei poli magnetici.
      ci dovremmo preoccupare perchè con il sole in un minimo ed il campo magnetico terrestre al minimo favorisce l’ingresso dei raggi cosmici, che nucleano le nuvole quindi un aumento della nuvolosità; ma favorisce anche l’ebollizione della silice nel mantello terrestre e questo genera una forte attività vulcanica come è in questo periodo.
      dovremmo preoccuparci di molte cose e la natura climatica è soltanto una preoccupazione.. poi ci sono i governi e le tante politiche che regolano l’umanità… ma questo è un’altro discorso.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: