Groenlandia: Misurazione record di neve e ghiaccio

; articolo di Cap Allon

A seguito degli storici guadagni delle PMI di fine maggio, la Groenlandia ha registrato un’enorme CRESCITA in un periodo in cui normalmente perderebbe neve e ghiaccio.
Guardando di seguito i numeri ufficiali, per gentile concessione dell’Istituto meteorologico danese (DMI), si scopre che ieri, 24 giugno, sono stati registrati guadagni di 4 gigatonnellate in un solo giorno – sorprendente per il periodo dell’anno: mai prima nella storia registrata la Groenlandia molta neve e ghiaccio a questa tarda stagione.

[DMI]

Utilizzando l’output giornaliero di un modello di previsione meteorologica, combinato con un modello che calcola lo scioglimento di neve e ghiaccio, il DMI calcola il “bilancio di massa superficiale” (SMB) della calotta glaciale.

Fondamentale per la sopravvivenza di un  ghiacciaio  è il suo SMB, che è la differenza tra accumulo e ablazione (sublimazione e fusione). Il budget tiene conto dell’equilibrio tra la neve che viene aggiunta alla calotta glaciale rispetto alla neve che si scioglie e il ghiaccio del ghiacciaio che scorre nell’oceano.

Il budget è totalizzato nel corso di una stagione, dal 1 settembre al 31 agosto.

Le PMI della scorsa stagione hanno totalizzato  349 miliardi di tonnellate, il che era “normale”, secondo il DMI.

I cambiamenti in questo bilancio di massa controllano il comportamento a lungo termine di un ghiacciaio e sono i suoi indicatori climatici più sensibili.

Le calotte glaciali possono anche perdere ghiaccio rompendo (noto anche come “parling”) degli iceberg dal bordo, ma ciò non è incluso in questo tipo di budget. Gli eventi di parto di  solito si verificano quando una calotta glaciale si espande, non si restringe. Inoltre, un iceberg che si stacca da un ghiacciaio non viene “perso” nell’oceano, ma continua a esistere come un’isola.

Sulla scia dei sostanziali guadagni delle PMI negli ultimi anni, la calotta glaciale della Groenlandia sembra destinata a continuare questa tendenza nel 2021. E nonostante decenni di profezie disastrose, la calotta sta attualmente GUADAGNANDO quantità record di “massa” — ben  4 gigatonnellate solo ieri (24 giugno 2021).

Un accumulo così grande non è mai stato documentato in questo periodo dell’anno, almeno non da quando sono iniziate le registrazioni del DMI nel 1981. Una crescita di questa portata sarebbe considerata salutare da novembre a febbraio, per non parlare di fine giugno.

Secondo gli allarmisti climatici, ormai la calotta glaciale della Groenlandia dovrebbe essersi sciolta nell’oblio.

Eppure eccoci qui, a pubblicare GAINS da record:

[DMI]

Da settembre 2020, l’inizio ufficiale della stagione, i picchi delle PMI al di sopra della media giornaliera di 2/2,5 gigaton sono stati un evento regolare.

Anche i picchi sopra le 5 Gts sono stati all’ordine del giorno.

All’inizio di novembre, il grafico ha guadagnato ben 10 Gts in un solo giorno. 

E poi abbiamo lo storico accumulo fuori dagli schemi di fine maggio di 12+ Gts:

I guadagni di questa stagione continuano l’impressionante trend di crescita osservato dal 2016 (che coincide con il raffreddamento della temperatura terrestre della Terra):

2016-17

Per la stagione SMB 2016-17, la calotta glaciale della Groenlandia ha guadagnato  544 miliardi di tonnellate di ghiaccio  (rispetto alla media 1981-2010 di 368 miliardi di tonnellate).

Questo è il quinto più alto nei libri risalenti al 1981 (con il più alto dei 619 miliardi di tonnellate guadagnate nel 1995-96 —  minimo solare del ciclo 22 ).


2017-18:

Il DMI ha calcolato un totale di SMB di  517 miliardi di tonnellate  per la stagione 201-18.

Si tratta di quasi 150 miliardi di tonnellate al di sopra della media 1981-2010 e si colloca appena dietro la stagione 2016-17 come la sesta più alta mai registrata (al contrario, la PMI più bassa nel record è stata del 2011-2012 con appena 38 miliardi di tonnellate).


2018-19 + 2019-20:

DMI stima che la superficie della calotta glaciale abbia guadagnato  169 miliardi di tonnellate  durante il 2018-19.

E mentre questo è nella fascia bassa, rientra ancora nella media 1981-2010 e comodamente al di sopra dei miseri 38 miliardi di tonnellate del 2011-12.

La  PMI  2019-20 sembra aver invertito i guadagni inferiori del 2018-19, con  349 miliardi di tonnellate  aggiunte al bilancio.

Si tratta di livelli molto vicini alla media 1981-2010 di 368 miliardi di tonnellate.

Il DMI ha descritto l’anno come “normale” e i guadagni sembrano aver riportato le cose sulla buona strada per il trend di crescita post 2016.

Nota anche: il periodo 2003-2011 ha visto perdite di calotta glaciale in Groenlandia in media 234 miliardi di tonnellate ogni anno. Da allora, però, la marea è chiaramente cambiata, la tendenza sta cambiando verso una crescita: il  clima è ciclico, dopotutto, mai lineare.


MESSA DI NEVE NELL’EMISFERO NORD

Inoltre, il grafico della massa totale di neve per l’emisfero settentrionale (mostrato di seguito) rivela che l’accumulo di neve ha continuato a tracciare un tracciato ben al di sopra della media 1982-2012 in questa stagione.

Al suo apice (all’inizio di marzo) la neve dell’emisfero settentrionale era di oltre 500 gigatonnellate sopra la norma  (un’altra realtà “impossibile” del mondo reale secondo l’IPCC: “Le temperature invernali più miti ridurranno le forti tempeste di neve”).

[FMI]

Ecco come si formano i ghiacciai

Così inizia l’era glaciale

Anche le correnti oceaniche sono in stallo

Tutto questo indica tempi più freddi a venire

Non dire che non sei stato avvertito



Rifiuta il dogma politicizzato

La storia non vedrà le masse obbedienti sotto una buona luce

Fai crescere la tua spina dorsale

Evita il marchio

Denuncia i fake governativi

Non vivere in questa paura organizzata

Il Modern Maximum è finito, sotto ogni aspetto

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe , con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la sfilza di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.

Grand Solar Minimum + Pole Shift

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter sta eliminando i follower e fa scherzi su tentativi di intromissione nel tentativo di bloccare l’account; mentre Facebook ha creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo e mostra gli aggiornamenti del giorno prima.

Zucchino’s boys stanno facendo davvero un gran bel lavoro

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti documentati

Una opinione su "Groenlandia: Misurazione record di neve e ghiaccio"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: