Fa caldo perché fa freddo.. o no!

Un altro falso rapporto sul clima incolpa il “raffreddamento” globale del “riscaldamento” globale

26 giugno 2021; articolo di Cap Allon

Nonostante il divieto dei gas che riducono l’ozono, come i refrigeranti CFC e HCFC, e i recenti rapporti secondo cui il buco nell’ozono sta diminuendo, un nuovo studio di un team internazionale di scienziati afferma che il riscaldamento globale sta portando a maggiori perdite di ozono.

Se ne era scritto un po’ di tempo fa, su un articolo di ClimateMonitor, e già allora era un’impresa stancante per un sacco di motivi.
E ci riprovano senza tregua secondo l’assioma che:

“Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità”.

Joseph Goebbels

La ricerca sostiene che le temperature invernali estremamente basse nell’atmosfera sopra l’Artico stanno diventando più frequenti e più estreme a causa dei modelli climatici associati al riscaldamento globale.

«Si sostiene che il freddo in aumento in tutto il globo terrestre è causato da dei computer che elaborano modelli climatici sbagliati in quanto i dati immessi sono… fantasiosi.»

In un perfetto esempio di ciò che George Orwell ha chiamato Doublethink, il partito AGW sta affermando che il “riscaldamento” globale può anche significare “raffreddamento” globale – cioè che le tue emissioni di CO2 (cioè la tua esistenza) sono responsabili di TUTTE le cose sul clima; anche il forte raffreddamento a cui abbiamo assistito dal 2016.

Il documento prosegue affermando che queste temperature estremamente basse causino reazioni con le rimanenti sostanze chimiche che riducono l’ozono e che conducono a maggiori perdite di ozono.

Il nuovo studio dell’UMD, del Centro Helmholtz dell’Istituto Alfred Wegener per la ricerca polare e marina e dell’Istituto meteorologico finlandese è stato pubblicato sulla rivista Nature Communications.

Ross Salawitch, professore presso il Dipartimento di Scienze Atmosferiche e Oceaniche dell’UMD, il Dipartimento di Chimica e Biochimica e il Centro interdisciplinare di scienze del sistema terrestre, ha dichiarato: “Siamo in una sorta di gara tra il lento e costante declino dei CFC, che impiegano dai 50 ai 100 anni per scomparire e il cambiamento climatico, che sta causando un rapido raffreddamento delle temperature estreme dei vortici polari.

“Le temperature sempre più rigide, continua Salawitch, “creano condizioni che favoriscono la riduzione dell’ozono da parte dei CFC. Quindi, anche se questi composti stanno lentamente scomparendo, l’esaurimento dell’ozono artico è in aumento con i cambiamenti climatici”.

Nuovi dati dallo studio hanno mostrato le temperature più fredde del vortice polare artico e le più alte perdite di ozono mai registrate nel 2020, battendo i record precedenti stabiliti nove anni fa nel 2011 (una sorta di correlazione minima solare è molto probabile qui, non che le ricerche osano toccare la possibilità che un fenomeno naturale possa essere alla base delle loro scoperte).

Secondo questi scienziati, il cloro è normalmente non reattivo all’interno del vortice polare artico, ma le nuvole forniscono le giuste condizioni affinché il cloro cambi forma e reagisca con il bromo e la luce solare per distruggere l’ozono.

La storia è simile anche sopra l’Antartico.

Il programma di osservazione della Terra dell’Unione Europea ha annunciato alla fine del 2020 che il buco dell’ozono sopra l’Antartide si era dilatato fino alla sua dimensione più grande e al livello più profondo in almeno 15 anni, per diventare tra i più importanti mai registrati.

Clare Nullis, dell’ottimo WMO, spiega che il buco dell’ozono inizia ad espandersi ogni agosto, all’inizio della primavera antartica, e raggiunge un picco intorno a ottobre.

“L’aria è stata inferiore a -78 gradi Celsius, e questa è la temperatura di cui hai bisogno per formare le nuvole stratosferiche – e questo è un processo piuttosto complesso”, ha detto Nullis in un briefing delle Nazioni Unite nell’ottobre 2020. “Il ghiaccio in queste nuvole innesca una reazione che poi può distruggere l’ozono. Quindi, è per questo che quest’anno stiamo assistendo al grande buco dell’ozono”.

Ma questi risultati contraddicono l’assurdo consenso sul fatto che il riscaldamento globale stia causando il raffreddamento globale, e ancora una volta vanno contro la cosiddetta “scienza” dietro l’accordo internazionale (il Protocollo di Montreal) ideato per eliminare gradualmente quelle sostanze che riducono lo strato di ozono (OSD). come i refrigeranti CFC e HCFC.

Gli OSD sono in declino dal loro picco nel 2000 (mostrato sotto), e i buchi che crescono sopra i poli oltre 2 decenni dopo mostrano che la correlazione tra OSD e ozono non c’è. Semplicemente non significa che gli OSD ridotti abbiano improvvisamente un impatto senza precedenti sullo strato di ozono. No, il meccanismo qui sembra essere naturale e probabilmente associato in qualche modo all’attività solare storicamente bassa che la Terra ha ricevuto nell’ultimo decennio.

Livelli passati e previsti di gas controllati nell’atmosfera antartica, indicati come livelli equivalenti di cloro stratosferico effettivo (CESE), una misura del loro contributo alla riduzione dell’ozono stratosferico.

Questi risultati confermano anche ciò che la NASA afferma da anni: che l’atmosfera superiore si sta raffreddando:

La formazione dell’ozono stratosferico è iniziata dalla radiazione ultravioletta (UV) proveniente dal sole.

Di conseguenza, un aumento dell’emissione di radiazioni solari aumenta la quantità di ozono nell’atmosfera terrestre.

L’emissione di radiazioni del Sole e il numero di macchie solari variano nel ben documentato ciclo solare di 11 anni. Le osservazioni su diversi cicli solari a partire dagli anni ’60 mostrano che i livelli globali di ozono totale variano dall’1 al 2% tra il massimo e il minimo di un ciclo tipico.

Tuttavia, i livelli totali di ozono “globali” non sono necessariamente ciò che ci interessa qui. Le prove suggeriscono che l’esaurimento dell’ozono durante i periodi di bassa attività solare è molto maggiore al di sopra dei poli che in altre parti del pianeta. Questo è un fenomeno che stiamo vedendo oggi, sia in Antartide che nell’Artico.

Questa potrebbe essere la vera causa dell’amplificazione polare.

Gli allarmisti climatici ovviamente amano affermare che la CO2 sta riscaldando in modo sproporzionato l’Artico, ma non hanno un meccanismo concordato su come ciò potrebbe accadere.

È fantasia.

D’altra parte, una correlazione positiva tra la diminuzione dell’attività solare e l’esaurimento dell’ozono sopra l’Artico si adatta molto bene, così come la correlazione negativa tra l’esaurimento dell’ozono e l’aumento della temperatura superficiale.

C’è un’altra chiave che costringe a tenere conto di tutto questo, ed è l’eruzione vulcanica.

Le eruzioni vulcaniche esplosive iniettano gas di zolfo direttamente nella stratosfera, causando la formazione di nuove particelle di solfato. Le particelle si formano inizialmente nella stratosfera sottovento del vulcano e poi si diffondono in tutto l’emisfero o globalmente mentre l’aria viene trasportata dai venti stratosferici.

Un metodo per rilevare la presenza di particelle vulcaniche nella stratosfera utilizza le osservazioni della trasmissione della radiazione solare attraverso l’atmosfera. Quando grandi quantità di nuove particelle si formano nella stratosfera su una vasta regione, la trasmissione solare viene ridotta in modo misurabile (così come le temperature terrestri).

Le eruzioni del M. Agung (1963), El Chichón (1982) e Mt. Pinatubo (1991) sono gli esempi considerevoli più recenti di iniezioni di zolfo che hanno ridotto temporaneamente la trasmissione solare. L’eruzione vulcanica di Calbuco in Cile (2015) è un’altra: questa iniezione stratosferica ha avuto un ruolo nell’aumentare le dimensioni del buco dell’ozono nel 2015:

Concentrazioni medie di ozono nell’emisfero australe dall’1 al 15 ottobre 2015, quando il buco dell’ozono antartico per quell’anno era vicino alla sua massima estensione. La linea rossa mostra il confine del buco dell’ozono.

Alla sua dimensione massima, il buco del 2015 è stato il quarto più grande mai osservato. Era tra i primi 15% in termini di quantità totale di ozono distrutto. Solo il 2006, 1998, 2001 e 1999 hanno registrato una maggiore distruzione dell’ozono, mentre altri anni recenti (2013, 2014 e 2016) si sono collocati vicino alla metà dell’intervallo osservato.

Il buco del 2020 sembra ancora più grande di quello del 2015, una chiara indicazione che fattori diversi dagli ODS sono la chiave per l’esaurimento dell’ozono sopra i poli, vale a dire, sorpresa-sorpresa, attività solare e vulcanica.

Sfortunatamente, l’ONU e la sua piccola propaggine fraudolenta, l’OMM, rimangono incatenati al Protocollo di Montreal.

Clare Nullis conclude che, nonostante questi buchi in espansione, gli esperti credono ancora che lo strato di ozono si stia lentamente riprendendo dopo l’adozione dell’accordo nel 1987, ed esorta le nazioni a rispettare le misure, citando le proiezioni climatiche che indicano che lo strato di ozono tornerà ai livelli del 1980 nel 2060.

Devono pensare che siamo degli idioti; ma temo, come collettivo, che lo siamo.

“Se vuoi un’immagine del futuro, immagina uno stivale che calpesta un volto umano, per sempre.”

(George Orwell, 1984)

Goditi il ​​weekend!

BONUS: “Polar Blast” da record in rotta per la Nuova Zelanda

Il freddo invernale della Nuova Zelanda è destinato ad arrivare davvero nei prossimi giorni, quando una “esplosione polare” invaderà la nazione della parte posteriore del flusso di corrente a getto meridionale debole e ondulato.

Il grande congelamento arriverà questo fine settimana con un ulteriore peggioramento delle condizioni da lunedì a mercoledì.

Si prevede che i minimi record e le nevicate colpiranno entrambe le isole.

“La neve è possibile fino al livello del mare in alcune parti di Southland, Fiordland e Otago, con abbondanti nevicate sulle catene montuose e sulle cime delle colline”, si legge in una recente dichiarazione di WeatherWatch.

“Il freddo del vento potrebbe essere il problema principale per molti agricoltori del sud, con il bestiame esposto a temperature diurne sotto lo zero nel vento intorno a Southland e Otago e potenzialmente nell’alta campagna di Canterbury”.

La neve non sarà limitata alla sola South Island, riporta nzherald.co.nz, con Waiouru, Desert Rd, Ohakune, Taihape e National Park anch’essi destinati a ricevere accumuli anomali di bontà del riscaldamento globale.

Le aree risparmiate dalla neve dovrebbero ancora prepararsi per basse temperature potenzialmente da record.

“Entrambe le isole sono colpite dal freddo, a partire da lunedì nel Southland e con un picco nel Northland entro mercoledì mattina”, continuano le previsioni di WeatherWatch, con il mercurio nell’isola centrale del Nord che dovrebbe scendere sotto i -6°C (21,2F) martedì notte – un impresa sorprendente, soprattutto considerando che l’inverno è appena iniziato.


Il freddo dell’inverno arriverà davvero nei prossimi giorni, mentre una “esplosione polare” si muoverà nel paese.

WeatherWatch afferma che un modello meteorologico caratterizzato da tempeste, vento forte e condizioni più fresche colpirà la Nuova Zelanda durante il fine settimana.

Entro lunedì, una “esplosione polare” inizierà a diffondersi nel paese fino a mercoledì.

“Per un certo periodo è possibile nevicare fino al livello del mare in alcune parti di Southland, Fiordland e Otago, con abbondanti nevicate sulle catene montuose e sulle colline”, ha affermato WeatherWatch.

“Il freddo del vento potrebbe essere il problema principale per molti agricoltori del sud, con il bestiame esposto a temperature diurne sotto lo zero nel vento intorno a Southland e Otago e potenzialmente nell’alta campagna di Canterbury”.

La neve non sarà limitata all’Isola del Sud.

Anche Waiouru, Desert Rd, Ohakune e il Parco Nazionale dovrebbero ricevere neve.

La città di Taihape, nel centro dell’Isola del Nord, è anche elencata come una località di nevicate “di confine”.

Si prevede che anche le aree che non saranno interessate dalla neve registreranno temperature fredde all’inizio della prossima settimana.

Qui di seguito lo studio pubblicato su Nature Communications:



Rifiuta il dogma politicizzato

La storia non vedrà le masse obbedienti sotto una buona luce

Fai crescere la tua spina dorsale

Evita il marchio

Denuncia i fake governativi

Non vivere in questa paura organizzata


Il Modern Maximum è finito, sotto ogni aspetto

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe , con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la sfilza di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.

Grand Solar Minimum + Pole Shift

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter sta eliminando i follower e fa scherzi su tentativi di intromissione nel tentativo di bloccare l’account; mentre Facebook ha creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo e mostra gli aggiornamenti del giorno prima.

Zucchino’s boys stanno facendo davvero un gran bel lavoro

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti documentati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: