LA VERA MANOPOLA DI CONTROLLO DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO

Pubblicato il traduzione di Enzo Ragusa

L’equilibrio energetico della Terra è determinato dall’equilibrio tra la radiazione solare in entrata rispetto al raffreddamento radiativo che emette radiazione infrarossa nello spazio. Il vapore acqueo principalmente e la CO2 possono rallentare il raffreddamento radiativo attraverso l’effetto serra. Sono molto grato all’effetto serra.

Senza di esso, la temperatura media della terra si aggirerebbe intorno a -18°C (0°F) invece dei nostri 15°C (59°F) attualmente più vivibili. Ma oltre a qualsiasi effetto radiativo, la temperatura media globale della Terra è determinata da una varietà di dinamiche climatiche, come l’equilibrio tra l’accumulo di calore oceanico e la ventilazione del calore. Ciò è ben dimostrato poiché gli scienziati del clima hanno attribuito al rallentamento del riscaldamento globale del 21° secolo l’aumento dell’accumulo di calore dell’oceano associato a un periodo di maggiori eventi de La Niña. Il riscaldamento nell’Oceano Pacifico nordorientale, noto come blob, non è stato causato dal calore aggiunto, ma da venti ridotti che hanno portato meno calore del normale. Anche le dinamiche delle nubi sono importanti. Le nuvole possono riscaldare le notti e rinfrescare le giornate. Sebbene una maggiore copertura nuvolosa possa rallentare la perdita della radiazione infrarossa diretta verso lo spazio, le nuvole bloccano anche la luce solare causando un maggiore raffreddamento. Studi modellistici hanno mostrato che le tendenze della copertura nuvolosa sono più strettamente correlate alla variabilità decennale e a dinamiche come l’oscillazione decadale del Pacifico, che a qualsiasi riscaldamento indotto dai gas serra.

I cambiamenti nelle condizioni della superficie terrestre sono un’altra dinamica critica. Ad esempio, data la stessa identica quantità di calore in entrata, i terreni asciutti aumenteranno le temperature superficiali due volte più velocemente dei terreni umidi. Poiché le popolazioni umane in espansione hanno drenato le zone umide e hanno deviato sempre più l’acqua piovana nelle fognature, i suoli più secchi hanno causato temperature anormalmente più elevate durante le normali siccità e le ondate di calore. Sfortunatamente una miope focalizzazione sulla CO2 ha portato a minimizzare l’importanza vitale di come le dinamiche climatiche influenzano la temperatura media globale. Ma le dinamiche climatiche non solo offrono la migliore spiegazione per gli estremi meteorologici regionali, le dinamiche climatiche da sole possono spiegare 150 anni di riscaldamento medio della Terra. Considera che le regioni polari sono oggi molto più calde di quanto prevedrebbe la fisica del riscaldamento e raffreddamento radiativo. Le regioni polari dovrebbero essere molto, molto più fredde di quanto non lo sono oggi, perché irradiano più calore nello spazio di quello assorbito dal sole e dall’effetto serra messi insieme. Il trasporto dinamico del calore dai tropici attraverso l’oceano e le correnti d’aria fornisce il “calore” artico aggiuntivo che si osserva oggi. Mentre le temperature invernali (gennaio) al polo nord variano da -43°C (-45°F) a -26°C (-15°F), le temperature invernali del polo sud variano tra -62°C (-80°F) e -55°C (-67°F). Il Polo Sud è molto più freddo perché è relativamente protetto dalle dinamiche di riscaldamento del trasporto di calore oceanico e dalla sua maggiore elevazione. Gli scienziati hanno notato gli effetti di riscaldamento delle correnti oceaniche calde che viaggiano verso l’Artico da oltre 100 anni. I venti estraggono calore dalla calda Corrente del Golfo e dalla Corrente del Nord Atlantico diretta ai poli e trasportano quel calore attraverso l’Atlantico per aumentare le temperature dell’Europa nordoccidentale di 5-10°C- (9-18°F).

Quindi è la forza di quei venti che è moderata dall’oscillazione del Nord Atlantico, e il volume di calore trasportato dalle correnti oceaniche che sono le dinamiche che determinano le variazioni della temperatura media europea. Con misurazioni moderne e complete, i ricercatori ora stimano che gli afflussi di acqua calda atlantica “trasportano abbastanza calore, se rilasciati, per sciogliere il ghiaccio marino artico molte volte”. Tuttavia, quando l’acqua calda dell’Atlantico raggiunge l’Oceano Artico, la maggior parte affonda sotto i 92 metri (300 piedi) di profondità a causa della sua maggiore densità causata dalla sua maggiore salinità. La dinamica di uno strato sovrastante di acqua dolce e lo spessore del ghiaccio marino isolante determinano quanto di quel calore atlantico intruso si irradia nello spazio. Tra il 1950 e il 1990, le temperature dell’aria hanno mostrato una tendenza al raffreddamento sull’Oceano Artico occidentale, dove il ghiaccio marino isolante è rimasto intatto e ha inibito la ventilazione del calore immagazzinato. La mancanza di riscaldamento non suggeriva alcun effetto serra.

I recenti aumenti causati dal vento nel volume dell’acqua atlantica (così come l’intrusione dell’acqua del Pacifico) ha sciolto più ghiaccio marino artico. Senza ghiaccio, più calore si genera e aumenta la temperatura dell’aria artica. L’aumento della ventilazione del calore dovuto alla riduzione del ghiaccio marino può anche essere guidato esclusivamente dai cambiamenti nella direzione del vento prevalente che spinge più copertura di ghiaccio fuori dall’Artico per sciogliersi nell’Atlantico più caldo. La buona notizia è che meno ghiaccio avvantaggia le catene alimentari dell’Artico. La perdita di ghiaccio marino ha aumentato la fotosintesi e ha triplicato la produttività della rete alimentare dell’Oceano Artico.

Tali complesse interazioni delle dinamiche climatiche possono provocare temperature artiche anormalmente elevate senza un contributo dell’effetto serra. Eppure quella “amplificazione artica” sposta la temperatura media globale verso l’alto e quindi viene erroneamente attribuita all’aumento della CO2. Sfortunatamente, come Mark Twain ha avvertito molto tempo fa, “Tutti i college hanno due grandi funzioni: conferire e nascondere preziose conoscenze”. Di conseguenza, nonostante la copiosa scienza pubblicata dai “dinamici del clima”, molti scienziati proteggono le loro teorie preferite e promuovono una “crisi climatica” prodotta dalla CO2 mentre minimizzano l’importanza concorrente delle dinamiche climatiche naturali.

Ho colleghi universitari che insegnano “politica del riscaldamento globale” senza aver esaminato la scienza sottostante. Si fidano ciecamente della narrativa della crisi. Allo stesso modo, la maggior parte dei giornalisti e dei politici non ha il necessario background scientifico e semplicemente perpetua la narrazione perché entrambi traggono profitto dalla promozione delle crisi. Di conseguenza, la scienza del clima sta soffrendo e la manopola di controllo dinamico del cambiamento climatico viene nascosta al pubblico.

NASA: Temperature trend 2000–2009, showing strong arctic amplification

Meteo Invernale

Le ondate di freddo del 2021 che hanno causato così tanta miseria negli Stati Uniti centrali e in Europa esemplificano il potere delle dinamiche climatiche. Sebbene Dallas, in Texas, abbia normalmente 16°C (60°F) a metà febbraio, le temperature sono scese di oltre 28°C (50°F) a un minimo di -15°C (4°F) con la temperatura più alta del giorno che raggiunge solo i -10°C (14°F). Ciò ha cancellato il minimo record del 1909 di -9.5°C (15°F) e la temperatura massima record del giorno di -1°C (31°F). Ma un tale freddo non era senza precedenti. In tre degli ultimi 40 anni il Texas ha visto le temperature scendere di 28°C (50°F) al di sotto del normale. Va notato che nell’Artico non c’è stato un riscaldamento compensatorio di 28°C (50°F). Per coincidenza, il Regno Unito ha registrato -23 °C (-9°F, la sua notte di febbraio più fredda dal 1955, mentre gran parte della Germania ha visto le temperature scendere al di sotto di -20°C (-4°F). L’effetto serra non può né causare né prevenire un freddo così diffuso e devastante.

Le ondate di freddo da record contraddicono la teoria del riscaldamento a causa della CO2. Come ha pubblicato uno scienziato del clima:

“La recente prevalenza percepita di ondate di freddo, esacerbata dall’accresciuta attenzione dei media per ogni evento, è in contrasto con l’ipotesi di primo ordine piuttosto ovvia: un clima in riscaldamento dovrebbe portare a temperature estreme che diventano più calde e temperature estreme essere meno fredde”.

Di conseguenza, negli anni ’90, gli scienziati del clima che hanno promosso il riscaldamento globale hanno sostenuto che le temperature in rapido riscaldamento durante l’inverno erano la prova di un effetto serra maggiore. Ma le loro teorie non sono riuscite a spiegare gli episodi di clima più freddo.

Un’altra ipotesi si sta rivelando più solida. Invece di sostenere che il riscaldamento del clima causa meno ondate di freddo, le dinamiche climatiche invertono causa ed effetto; un minor numero di ondate di freddo aumenterà le temperature regionali medie. Gli scienziati del clima hanno pubblicato: “Come in molte zone, il Canada non si sta riscaldando, sta solo diventando meno freddo”. Infatti, mentre molte temperature massime sono diminuite dagli anni ’30, l’aumento delle temperature medie del suolo è dovuto esclusivamente a temperature minime più elevate. Opportunamente, le regioni con temperature medie in aumento hanno sperimentato meno ondate di freddo. Al contrario, a causa della dinamica delle onde planetarie quasi stazionarie, le ondate di freddo rimangono comuni in altre regioni. In gran parte degli Stati Uniti sudorientali, le temperature non hanno mostrato alcuna tendenza al riscaldamento negli ultimi 70 anni, nonostante gli effetti del riscaldamento urbano. Tali regioni sono classificate come buchi di riscaldamento perché non mostrano la tendenza al riscaldamento prevista dall’aumento della CO2.

Ondate di calore e ondate di freddo, inondazioni e siccità, sono spesso una funzione delle “onde guida” planetarie che guidano i movimenti delle masse d’aria fredda e calda, umida e secca. Se non ci fossero continenti, il “flusso ideale” del getto polare sarebbe in una linea relativamente retta da ovest a est. I forti venti occidentali della corrente a getto polare limiterebbero più facilmente le masse d’aria fredda alle regioni polari. Ma a causa dei sistemi di alta e bassa pressione generati dalle temperature contrastanti tra terra e mare, nonché delle barriere montuose che alterano il flusso, il “flusso zonale ideale” viene interrotto. In combinazione con la rotazione terrestre (effetto Coriolis), tali perturbazioni conferiscono un’ondulazione ai venti di superficie e alla corrente a getto. Lo screenshot qui sotto (da https://earth.nullschool.net/) mostra l’ondulazione della corrente a getto (a 500 mb) del 25 marzo 2021. Il netto cambiamento di colore rivela il confine dell’aria fredda che può essere pensato come limite equatoriale del vortice polare.

L’aria fredda dell’Artico si muove verso l’equatore attraverso le depressioni delle onde mentre le creste delle onde consentono all’aria calda di penetrare verso i poli. A causa di una depressione estrema a febbraio, l’aria fredda dell’Artico è arrivata attraverso le Grandi Pianure nel sud del Texas. A causa di una “onda guida” planetaria alquanto stazionaria, un tale canale d’onda si trova più spesso tra le Montagne Rocciose e gli Appalachi. Questo modello consente anche all’aria artica fredda discendente di scontrarsi con l’aria calda del Golfo del Messico per creare la Tornado Alley. La stessa dinamica di depressione che ha portato le ondate di freddo Texas/Oklahoma, porta la più alta frequenza mondiale di tornado nella stessa regione. Il focus di quel trogolo cambierà con le stagioni e nel corso dei decenni. Di conseguenza l’attività dei tornado sta diminuendo in tutte le parti meridionali e nord-occidentali delle Grandi Pianure e nel Midwest settentrionale, ma aumenta in tutta la parte sud-orientale e meridionale del Midwest. La diminuzione dell’attività dei tornado contraddice le previsioni sul riscaldamento dell’effetto serra, ma è meglio spiegata dalla dinamica del moto ondoso planetario naturale.

Al contrario, quando una corrente a getto meno ondulata confina l’aria fredda nella regione polare, l’aria meridionale più calda si sposta ulteriormente verso il polo. A causa di tale dinamica, la Siberia ha sopportato un’ondata di caldo da gennaio a maggio del 2020. A Verkhoyansk, in Russia, la temperatura massima tipica di gennaio raggiunge i -43°C (-44°F), aumentando rapidamente di 50°C (90°F) fino a un massimo medio di 28°C (50°F) a maggio con l’arrivo dell’estate il sole aumenta. L’ondata di caldo ha fatto sì che le temperature mensili superassero le temperature normali di -12°C (10,8°F). Tuttavia, un’ondata di caldo siberiano che aumenta i massimi di maggio a soli 16°C (61°F) non dovrebbe essere pubblicizzato come la “terra in fiamme”, e sospetto che qualsiasi riscaldamento a gennaio sarebbe molto apprezzato. Tuttavia, con la scienza della dinamica climatica oscurata, qualsiasi evento meteorologico estremo viene deviato come “strano meteo” causato dalla CO2, anche se le dinamiche climatiche naturali forniscono solide spiegazioni scientifiche.

Sia l’ondata di freddo del Texas che l’ondata di caldo siberiano sono il risultato di cambiamenti nella forza del vortice polare. Il vortice e l’ondulazione della corrente a getto sono in gran parte moderati dalle oscillazioni nel sistema quasi permanente di bassa pressione delle Aleutine, che regola anche i cambiamenti nel ghiaccio marino artico occidentale. Il Basso Aleutino si rafforza in inverno e si indebolisce in estate e la sua forza invernale è ulteriormente moderata dalle dinamiche El Niño/La Niña e dall’oscillazione decadale del Pacifico strettamente correlata. I media preferiscono evitare di spiegare la complessità di quelle dinamiche climatiche di base, perché le spiegazioni semplicistiche che vengono sminuite sono più facili da vendere.

Quindi il cambiamento climatico naturale rimane ambiguo per la maggior parte delle persone e questo è un problema.

Negli anni ’90, scienziati e gruppi ambientalisti che hanno promosso una “crisi” guidata dalla CO2 hanno pubblicizzato decenni di temperature in rapido riscaldamento in Alaska come la regione con il riscaldamento più rapido sulla Terra. Inaspettatamente, l’Alaska si è improvvisamente capovolta per diventare la regione di raffreddamento più veloce. Gli scienziati del clima hanno osservato: “Durante il primo decennio del 21° secolo che la maggior parte dell’Alaska ha subito un cambiamento verso il raffreddamento”. Tale spostamento era incoerente con la teoria dell’aumento della CO2, ma ancora una volta facilmente attribuibile alle dinamiche associate a “un cambiamento nel segno dell’Oscillazione Decennale del Pacifico (PDO, vedi grafico sotto).

Quando la PDO è positiva, il Basso Aleutino si rafforza e la sua circolazione in senso antiorario spinge più aria calda in Alaska e spinge più acqua calda attraverso lo Stretto di Bering aumentando lo scioglimento del ghiaccio marino. Quando la PDO diventa negativa, indebolisce il Basso Aleutino, riducendo il flusso di aria calda in Alaska, quindi l’Alaska si raffredda. Un Aleutian Low più debole riduce anche la sua interruzione della corrente a getto che consente al vortice di rafforzarsi. La potenza dei cicli di ~ 30 anni della PDO è stata riconosciuta per la prima volta nel 1997 quando gli scienziati hanno notato che coincideva con il cambiamento delle correnti oceaniche e il cambiamento della produttività del salmone tra il Golfo dell’Alaska e l’Oregon. La crescente comprensione delle fluttuazioni naturali della PDO ha portato gli scienziati del clima a sostenere che “i cambiamenti naturali generati internamente nella circolazione atmosferica sono stati la causa principale del riscaldamento delle coste del Pacifico nordorientale dal 1900 al 2012″.

Pacific Decadal Oscillation index (PDO) 1900-2020 data: http://www.atmos.washington.edu/ 

Meteo Estivo

Quando arriva l’estate nell’emisfero settentrionale, il contrasto tra la terra più fredda e gli oceani più caldi si riduce, causando l’indebolimento del minimo delle Aleutine. Il crescente caldo estivo fa sì che le terre più calde ora contrastino con gli oceani più freddi, il che fa sì che i sistemi di alta pressione nell’emisfero settentrionale si rafforzino nel Pacifico subtropicale e nell’Atlantico (Pacifico o Hawaiian High e Bermuda o Azore High). Questi sistemi ad alta pressione impediscono ai venti umidi dell’oceano di portare le piogge estive sulla costa occidentale della California e nelle regioni mediterranee. Questa dinamica provoca diversi mesi di siccità estiva ogni anno, rendendo la California una delle regioni più soggette a incendi a livello globale. Gli anni de La Nina estendono la siccità estiva in inverno. Contemporaneamente, a causa della circolazione in senso orario dell’alto Pacifico, i venti che trasportano umidità vengono spinti verso nord causando estati umide dall’Oregon all’Alaska.

In combinazione con i sistemi estivi di alta pressione e le regioni di bassa pressione formate dall’aumento della convezione nei tropici, il “flusso zonale ideale” dei venti occidentali viene interrotto, causando vari modelli di onde a getto attraverso le medie latitudini. Quando uno schema di 5 o 7 onde circonda il globo, le onde risuonano in modo tale da causare il blocco delle tempeste e il movimento più lento del normale. Sono le tempeste più lente che generano gli eventi meteorologici estremi più duraturi come inondazioni, siccità e ondate di calore. Come si vede nell’illustrazione sopra (da Kornhuber 2020) quando si forma un modello di 5 onde, le ondate di calore sono 20 volte più probabili in regioni specifiche (in rosso) del Nord America, dell’Europa orientale e dell’Asia orientale. Poiché uno schema di 5 onde circumglobali tende a precedere le ondate di calore di 15-20 giorni, i meteorologi hanno notevolmente aumentato la loro capacità di prevedere le ondate di calore includendo lo stato delle onde planetarie nelle loro analisi. Una risonanza simile aumenta gli eventi meteorologici estremi quando si formano modelli di 7 onde. Fortunatamente, non ci sono prove che suggeriscano che la Terra stia vivendo una tendenza crescente a bloccare e conseguenti condizioni meteorologiche estreme. Tuttavia, ignari del fatto che le guide d’onda circumglobali possono causare condizioni meteorologiche estreme simili in tutto il mondo, alcuni scienziati del clima sono stati indotti a pensare che tali estremi (cioè ondate di calore diffuse) potrebbero essere causati solo da una coltre globale di riscaldamento causato dalla CO2.

Tuttavia, alcuni eventi rimangono imprevedibili. Quando la depressione di onda a getto raggiunge il suo punto più basso, si pizzica per formare un “basso limite” che rende il conseguente tempo estremo altamente imprevedibile. I meteorologi hanno soprannominato il limite minimo, il “guaio del meteorologo” perché i minimi limite possono diventare stazionari o fluire contro la direzione generale del vento prevalente. Un tale limite minimo si è formato sul deserto del Sahara nell’estate del 2019. L’aria del deserto naturalmente riscaldata si è poi spostata verso nord-ovest, portando prima un’ondata di caldo nell’Europa occidentale e poi in Groenlandia, dove ha causato uno scioglimento estremo aumentando le temperature di 10°C (18°F) sopra normale per 3 giorni consecutivi. Ma ancora una volta lo scioglimento della Groenlandia è stato falsamente attribuito all’amplificazione del riscaldamento globale causato dalla CO2, mentre le dinamiche climatiche naturali sono state oscurate.

I cicli di El Nino guidano il riscaldamento globale e modulano la formazione delle onde planetarie

Il contenuto di calore dell’oceano oscilla naturalmente, scaricando abbastanza calore durante un El Nino per creare una perdita netta di calore dell’oceano, quindi ricaricandosi e guadagnando abbastanza calore durante La Nina per un guadagno netto di calore dell’oceano.

Tuttavia, il calore acquisito durante La Nina non è completamente bilanciato dal calore scaricato durante un evento di El Nino. Gli eventi de La Nina di solito durano il doppio degli eventi di El Nino. Alcuni El Nino non scaricano completamente il calore immagazzinato dall’oceano. Il calore che non viene rilasciato nell’atmosfera rimane sequestrato sotto la superficie per anni e decenni, contribuendo ai cicli a lungo termine dell’oscillazione decadale del Pacifico. Secondo gli oceanografi di Harvard e del MIT, alcune parti dell’oceano profondo si stanno ancora raffreddando, rilasciando il calore acquisito secoli fa. Quindi i cicli sbilanciati di El Nino/La Nina influenzeranno il riscaldamento o il raffreddamento a lungo termine degli oceani.

Consideriamo prima gli impatti durante La Nina. Gli scienziati del clima concordano tutti sul fatto che “in condizioni normali, e ancora di più con La Nina”, gli alisei da est a ovest accumulano acque calde nel Pacifico tropicale occidentale. Rimuovendo l’acqua calda riscaldata dal sole dal Pacifico orientale, gli alisei fanno sì che le acque sotterranee più fredde si alzino e sostituiscano le acque superficiali trasportate a ovest. Quindi durante una La Nina si crea una grande differenza di temperatura che amplifica ulteriormente gli alisei (la Circolazione Walker). Contro-intuitivamente, la diffusa risalita di acqua più fredda fa diminuire la temperatura globale media mentre l’oceano sta guadagnando calore a profondità maggiori.

Durante La Nina, l’accumulo di acque calde nel Pacifico occidentale aumenta il più grande specchio d’acqua calda sulla terra, noto anche come Indo-Pacific Warm Pool. La convezione aumenta sopra la piscina calda e rafforza i monsoni estivi asiatici e australiani. Le regioni di convezione crescente si muovono anche attraverso l’Oceano Indiano e Pacifico alternando zone più calde e più fredde degli oceani ogni 30-60 giorni (oscillazione Madden-Julian). La pressione della crescente piscina calda del Pacifico spinge l’acqua riscaldata attraverso i canali tra le isole indonesiane e aumenta le temperature nell’Oceano Indiano. L’acqua riscaldata dell’Oceano Indiano può fuoriuscire intorno alla punta meridionale dell’Africa e aggiungere calore all’Atlantico. Contemporaneamente, il flusso di acqua calda verso nord aumenta lungo la costa orientale dell’Asia attraverso la corrente di Kuroshio, oltre a spingere l’acqua calda verso sud lungo la costa occidentale dell’Australia attraverso la corrente di Leeuwin. Una La Nina particolarmente forte ha amplificato la calda corrente di Leeuwin causando un’ondata di caldo marino lungo la costa occidentale dell’Australia nel 2011, con un grave sbiancamento dei coralli e devastazione per la pesca marina.

 Madden Julian Oscillation

Dopo che La Nina finì, il flusso verso sud dell’acqua calda del Pacifico si placò consentendo alle acque meridionali più fredde di fluire verso l’equatore. Di conseguenza la regione ha iniziato a sperimentare ondate di freddo e un forte rimbalzo della vita marina dai coralli ai pesci. Tali temperature oceaniche oscillanti e la produttività della vita marina esemplificano come il cambiamento climatico naturalmente dinamico possa influenzare la biologia. Contraddice anche le previsioni guidate dalla CO2 di calore in costante aumento e di estinzioni in aumento.

Durante un evento di El Nino, tutti i fenomeni associati a La Nina si indeboliscono o si invertono. Gli alisei si indeboliscono e le acque calde si innalzano verso est lungo l’equatore, facendo abbassare il livello del mare a ovest e aumentare a est di ben 25 cm. Lo scarico di calore riscalda la superficie dell’oceano causando un aumento delle temperature globali. L’acqua calda che scorre verso est riduce la differenza di temperatura da ovest a est, riducendo gli alisei che riducono il sollevamento. Durante un El Nino i centri di risalita dell’aria calda si spostano verso est. A volte le calde acque di El Nino raggiungono solo il centro del Pacifico. Altre volte le acque calde raggiungono la costa delle Americhe e poi si spostano verso il polo lungo le loro coste. Nel 1998 questo ha causato forti piogge e inondazioni in California. Nel 1800, l’acqua calda che raggiungeva la costa portava inondazioni in Ecuador e trascinava i coccodrilli fluviali in Perù, mentre le forti piogge trasformavano i deserti peruviani in praterie. Queste regioni di convezione in costante cambiamento alterano naturalmente le onde atmosferiche che circondano la terra. Gli eventi meteorologici estremi dipenderanno dalle interazioni delle onde.

Durante la Piccola Era Glaciale, secondo Michael Mann e altri, la differenza di temperatura tra l’Oceano Pacifico occidentale e orientale era in una condizione simile a quella di El Nino. Ciò non significa che il Pacifico scaricasse costantemente calore. Significa che le condizioni simili a La Nina o le negative Pacific Decadal Oscillation associate alla ricarica del calore dell’oceano erano in gran parte assenti. Ciò è coerente con le osservazioni dei minimi di macchie solari durante la Piccola Era Glaciale e gli effetti solari sugli alisei. Sebbene alcuni sostengano correttamente che i cambiamenti osservati nella produzione di energia durante i cicli delle macchie solari sono troppo bassi per spiegare direttamente il riscaldamento e il raffreddamento della Terra, i piccoli cambiamenti solari sono amplificati dalla dinamica dell’oceano. Qualsiasi diminuzione dell’irraggiamento solare raffredda l’equatore molto più delle latitudini più elevate. Questo riduce la differenza di temperatura nord-sud che guida gli alisei. Gli alisei ridotti non possono trasportare tanta acqua di superficie calda verso ovest nella piscina calda riducendo i monsoni e causando mega siccità nel sud-est asiatico. Gli alisei più lenti hanno ridotto la risalita nel Pacifico tropicale orientale. Come evidenziato nei sedimenti lungo la costa peruviana, la ridotta risalita del mare ridusse nettamente la produttività marina durante la Piccola Era Glaciale. Con l’aumento dell’irradiazione solare nel corso del XX secolo, anche i cicli El Nino/La Nina sono aumentati. La risalita e la produttività marina aumentarono man mano che la terra si riscaldava gradualmente e la terra usciva dalle catastrofi causate dal clima della Piccola Era Glaciale.

Allo stesso modo, gli studi sugli anelli degli alberi mostrano che la variabilità della DOP era debole anche durante la piccola era glaciale, ma forte durante il periodo caldo medievale dal 993 al 1300 d.C. Durante il periodo caldo medievale, l’irraggiamento solare era più alto e esistevano forti condizioni simili a La Nina. Con una piscina calda del Pacifico più grande, le mega-siccità del sud-est asiatico erano assenti, ma le mega-siccità hanno devastato gli Stati Uniti occidentali e il Canada. Poiché l’attività delle macchie solari ora diminuisce dal suo picco negli anni ’50 e ’90, ci viene fornito un esperimento naturale per valutare come l’Oceano Pacifico risponderà a una minore attività delle macchie solari. I monsoni e l’Oscillazione Decennale del Pacifico si indeboliranno come hanno fatto durante la Piccola Era Glaciale?

Sfortunatamente per ora, è attualmente impossibile distinguere in modo definitivo le cause del riscaldamento del XX secolo tra il riscaldamento dell’effetto serra e il riscaldamento dalle dinamiche climatiche. Un semplice esperimento fatto a casa usando solo una pistola termometro a infrarossi può dimostrare perché. Riscaldare una grande pentola d’acqua, diciamo a 150° F. Quindi spegnere il fuoco. Misura la temperatura dell’acqua superficiale della pentola e misura a caso 9 punti sul pavimento della cucina. La temperatura media sarebbe di circa 78° F. Che determina lo “stato energetico della cucina”. Quindi preleva metà dell’acqua dalla pentola e gettala sul pavimento. Quindi ripetere le misurazioni. La temperatura media sarà notevolmente più alta, anche se non è stato aggiunto calore allo stato della cucina. La media più calda era semplicemente dovuta alla ridistribuzione del calore e al modo in cui è stata calcolata la temperatura superficiale media. Notare anche che la temperatura della pentola non sarà cambiata. Si potrebbe obiettare che l’acqua sul pavimento della cucina si raffredderà rapidamente e la temperatura media tornerà allo stato originale. Ma nella vita reale, l’acqua dell’oceano riscaldata dal sole diventa più salata e più densa a causa dell’evaporazione. L’acqua calda poi affonda sotto la superficie dove è isolata per anni.

Poiché abbiamo eseguito l’esperimento, sappiamo che la diffusione del calore dalla pentola sul pavimento ha causato l’aumento della temperatura media. Tuttavia in natura avremmo bisogno di conoscere con precisione il volume e il grado di calore che è stato ridistribuito nelle 3 dimensioni. La nostra tecnologia e i nostri metodi attuali non possono misurarlo con precisione. Gli scienziati hanno recentemente tentato di misurare lo scarico del calore oceanico durante un El Nino e hanno riportato quantità ma con un’incertezza del 25%.

Gli scienziati che presumono che il recente riscaldamento globale sia dovuto all’aumento delle concentrazioni di CO2 hanno semplicemente sostenuto che “non esiste una spiegazione alternativa praticabile”. Quindi presumono che ogni cambiamento, riscaldamento o raffreddamento, siccità o inondazione, sia peggiorato dall’aumento delle concentrazioni di CO2. Ma i fisici dell’atmosfera hanno dimostrato che i forzanti delle concentrazioni di CO2 nella bassa atmosfera sono ora saturati e l’aumento della “competizione” tra le molecole della serra attenua notevolmente qualsiasi ulteriore effetto serra impartito dall’aumento delle concentrazioni di CO2. Ad altitudini più elevate la CO2 non è satura, ma poiché la stratosfera si riscalda con l’aumentare dell’altitudine, qualsiasi aumento della CO2 stratosferica aumenterà l’esportazione di infrarossi nello spazio e raffredderà la terra. Per attribuire qualsiasi riscaldamento globale all’aumento di CO2, l’effetto di riscaldamento della ridistribuzione del calore nel mondo deve essere misurato e calcolato con precisione. Occorre accertare con precisione come il calcolo della media globale sia influenzato dalla ridistribuzione del calore. Fino ad allora, le dinamiche climatiche sembrano essere la migliore manopola di controllo del clima e offrono la migliore spiegazione sia per un clima di riscaldamento che per episodi di condizioni meteorologiche estreme. E le oscillazioni naturali suggeriscono che una crisi climatica causata dall’uomo è altamente improbabile!

Landscapesandcycles


Rifiuta il dogma politicizzato

La storia non vedrà le masse obbedienti sotto una buona luce

Fai crescere la tua spina dorsale

Evita il marchio

Denuncia i fake governativi

Non vivere in questa paura organizzata


Il Modern Maximum è finito, sotto ogni aspetto

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe , con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la sfilza di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.

Grand Solar Minimum + Pole Shift

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter sta eliminando i follower e fa scherzi su tentativi di intromissione nel tentativo di bloccare l’account; mentre Facebook ha creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo e mostra gli aggiornamenti del giorno prima.

Zucchino’s boys stanno facendo davvero un gran bel lavoro

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti documentati

Una opinione su "LA VERA MANOPOLA DI CONTROLLO DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: