Cattivo Giornalsismo Scientifico

I principali media falliscono nel riportare l’ondata di caldo del Nord-Ovest del Pacifico

Di Anthony Watts30 Giugno 2021

I vari titoli in E & E NotizieWOWT-TVScientific AmericanWorldNewsNetwork, e di altri media in questa settimana: “senza precedenti l’ondata di calore nel Pacifico nord-occidentale guidato dal cambiamento climatico” non possono contenere nulla di scientifico. Senza assolutamente alcuna analisi, nessun contesto storico e nient’altro che congetture, l’autrice Anne. C. Mulkern ha evitato la scienza per la difesa nel suo resoconto della breve ondata di caldo del Pacifico nord-occidentale (PNW) questa settimana.

Sì, l’ondata di caldo ha stabilito record di temperature elevate di tutti i tempi a Washington, Oregon e Canada. Ma considerate questo: nella migliore delle ipotesi, abbiamo circa 150 anni di record meteorologici affidabili per il PNW, quindi un evento anomalo del “cigno nero” come questo non è sorprendente. È già successo, sicuramente. Semplicemente non c’eravamo per osservarlo. Dopotutto, i nativi americani non tenevano registri meteorologici scritti.

I record di alta (e bassa) temperatura non sono una novità. Ma è importante guardare al passato, perché i dati ci mostrano che durante la prima metà del ventesimo secolo sono stati stabiliti più record di temperature elevate che negli ultimi 50 anni. Lo conferma anche l’Agenzia per la protezione dell’ambiente (Epa).

https://www.epa.gov/sites/production/files/styles/large/public/2021-04/heat-waves_download3_2021.png

Ma molti «attivisti climatici» hanno immediatamente indicato il “cambiamento climatico” come la causa, anche se questa settimana sarebbe diventata un evento meteorologico record con o senza un recente modesto riscaldamento. Si dice che il “cambiamento climatico”, noto anche come riscaldamento globale, abbia aggiunto circa 2 gradi Fahrenheit nel secolo scorso, ma la temperatura della scorsa settimana ha superato di gran lunga quella.

Le temperature erano così alte che il piccolo riscaldamento di 2°F del cambiamento climatico era sminuito. Nelle città, anche in questo caso l’”effetto isola di calore urbana” è stata una causa maggiore. Portland e Seattle hanno raggiunto i massimi storici di 116 e 108°F lunedì, mentre Lytton, in Canada, è salito al record nazionale di 118. I rapporti di EPA,

“… l’effetto isola di calore si traduce in temperature diurne nelle aree urbane di circa 1-7°F in più rispetto alle temperature nelle aree periferiche”.

Il precedente record di tutti i tempi per Portland era di 107°F. Il massimo di Seattle era di 103°F. Medford, Oregon, hanno eguagliato il record di tutti i tempi di lunedì di 115°F. Non ha raggiunto la temperatura di calda di sempre perché Medford si trovava a sud del centro della cupola ad alta pressione.

Ecco alcuni esempi delle alte temperature record riportate, nemmeno accurate, ad esempio:

Hmm, ci si chiede come un “errore nella visualizzazione dei dati” trasformi 108°F in 120°F. Per quanto ne so, i media non hanno segnalato questo errore.

Si dice spesso che “il tempo non è clima” ed è vero. È particolarmente vero in questo caso.

La circolazione ad alta pressione nell’atmosfera agisce come una cupola o un cappello, intrappolando il calore in superficie e favorendo la formazione di un’ondata di calore.
https://oceanservice.noaa.gov/facts/heat-dome.html

L’ondata di caldo è stata interamente un problema del modello meteorologico, non un problema climatico. Una grande cupola ad alta pressione (a volte chiamata cupola di calore) sopra il PNW non è inaudita, ma questa era particolarmente forte. In effetti, è stato il risultato di una perfetta tempesta di confluenza del modello meteorologico.

Uscita del modello meteorologico che illustra la cupola di calore insolitamente forte sul Pacifico nord-occidentale di domenica. (Fonte: PivotalWeather).

Simili confluenze di modelli meteorologici unici si verificano ogni anno per creare grandi bufere di neve, inondazioni torrenziali ed esplosioni di tornado.

L’alta pressione ruota in senso orario, provoca l’affondamento dell’aria e crea venti discendenti (venti di Foehn), che si riscaldano perché l’aria si comprime mentre scorre lungo il pendio delle Cascade Mountains da est a ovest verso Portland e Seattle. È come i venti di Santa Ana nel sud della California. È lo stesso effetto dell’uso di una pompa da bicicletta per riempire una gomma. La pompa si riscalda, non per attrito, ma perché il gas (aria) viene compresso. Al contrario, le bombolette aerosol diventano più fredde, perché il gas sotto pressione fuoriesce e la decompressione avviene all’interno della bomboletta. Questo è descritto dalla scienza, noto come processo adiabatico.

La cosa più interessante è che un altro record non è stato sbandierato dai media. Con l’alta pressione della cupola di calore che si spostava verso est, Seattle e Portland hanno registrato tassi di raffreddamento record. L’ufficio del National Weather Service di Portland ha riportato un altro nuovo record assoluto.

“Enorme raffreddamento nell’entroterra lunedì sera, con temperature che scendono da oltre 100 gradi agli anni ’60/’70. Portland ha stabilito un nuovo record, con un calo di 52 gradi, battendo il vecchio record di 48 gradi stabilito nel settembre 1988. Oggi più fresco, con massimi da 85 a 93 nell’entroterra e 60 sulla costa.”

Quell’evento record di raffreddamento di tutti i tempi non ha avuto molta enfasi di stampa perché va contro la narrativa del pensiero di gruppo secondo cui il “cambiamento climatico” causa solo cose negative. Inoltre, i media sono spesso fissati sui disastri più che sulle buone notizie.

Quando il calore record e il raffreddamento record si verificano entrambi entro un periodo di 24 ore, è indiscutibilmente il tempo, non il clima.

La National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) lo definisce bene:

“Il tempo riflette le condizioni atmosferiche a breve termine, mentre il clima è il tempo medio giornaliero per un lungo periodo di tempo in un determinato luogo. … Il tempo può cambiare di minuto in minuto, di ora in ora, di giorno in giorno e di stagione in stagione”.

Una tempesta oscura il cielo alla foce del fiume Russian, a nord di Bodega Bay, in California. Il tempo può cambiare di minuto in minuto, di ora in ora, di giorno in giorno e di stagione in stagione. Clima, è la media del tempo nel tempo e nello spazio.

Infine, in una svolta estremamente ironica, Scientific American, lo stesso sbocco che sosteneva che l’ondata di caldo fosse guidata dal “cambiamento climatico” conferma ciò che io e NOAA vi abbiamo appena detto, dicendo  Non fatevi ingannare: il tempo non è clima.

Non puoi averlo in entrambi i modi.

Fonte: WUWT
Traduzione: AttivitàSolare


Rifiuta il dogma politicizzato

La storia non vedrà le masse obbedienti sotto una buona luce

Fai crescere la tua spina dorsale

Evita il marchio

Denuncia i fake governativi

Non vivere in questa paura organizzata

Il Modern Maximum è finito, sotto ogni aspetto

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe , con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la montagna di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.

Grand Solar Minimum + Pole Shift

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter sta eliminando i follower e fa scherzi su tentativi di intromissione nel tentativo di bloccare l’account; mentre Facebook ha creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo e mostra gli aggiornamenti del giorno prima.

Zucchino’s boys stanno facendo davvero un gran bel lavoro

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti documentati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: