Stato del sistema di allerta ENSO: vigilare La Niña

9 luglio 2021; articolo di Cap Allon

Si prevede che il modello climatico di La Niña tornerà questo autunno e durerà fino all’inverno 2021-22, secondo un “allerta” ufficiale emesso giovedì 8 luglio dal Climate Prediction Center (CPC), che suggerisce un ulteriore raffreddamento globale nel nuovo anno.

La Niña – un ciclo naturale caratterizzato da temperature della superficie del mare (SST) più fresche della media nell’Oceano Pacifico centrale – è uno dei principali fattori del clima globale – di solito è associato a temperature globali più fredde, siccità nel sud Stati Uniti e aumento delle precipitazioni in Australia.

Il CPC, parte dei nostri amici di manomissione dei dati presso la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), ha pubblicato giovedì le sue previsioni in cui ha dichiarato ufficialmente un “allerta ENSO” con un forte potenziale per le condizioni di La Niña che emergono tra settembre-novembre quest’anno.

Il grafico sottostante mostra gli SST per la regione 3.4 del Pacifico equatoriale.

Si noti che la maggior parte dei modelli sta correndo in profondità nel territorio di La Niña, con queste condizioni che dovrebbero persistere per tutto il resto del 2021 e nel 2022:

È inoltre degno di nota che CSFv2 (linea arancione sopra) di solito tende a favorire eventi più caldi, quindi vale la pena prestare particolare attenzione quando questo particolare modello prevede qualcosa di freddo.

La Niña (tradotto dallo spagnolo come “bambina”) è il modello opposto di El Niño (“ragazzino”), che presenta acqua di mare più calda della media nell’Oceano Pacifico tropicale. Nota: il “super” El Niños ha portato ai picchi di riscaldamento dell’UAH del 1998, 2016 e all’inizio del 2020 – visualizzato di seguito – non il riscaldamento globale antropogenico:

[Dr Roy Spencer]

Questo ciclo climatico naturale è ufficialmente conosciuto come El Niño – Southern Oscillation, o ENSO in breve.

Si prevede che le condizioni neutre dell’ENSO, a volte indicate come “La Nada”, che si verificano quando le temperature dell’acqua del mare sono nella media, persisteranno per tutta l’estate del 2021, fino a quando La Niña non subentrerà alla fine dell’anno.

Siamo appena passati a La Niña lo scorso inverno.

Questo, insieme all’attività solare storicamente bassa che abbiamo riscontrato, ha provocato un forte raffreddamento globale.

E sebbene le condizioni siano tornate alla neutralità dell’ENSO, o La Nada, negli ultimi mesi, le temperature terrestri della Terra hanno continuato a raffreddarsi: a giugno 2021 (il dato più recente) le temperature medie globali sono scese di nuovo al di sotto della media di 30 anni:

Partecipare a un evento La Niña quando le temperature globali sono già intorno ai valori di riferimento è significativo.

Se il modello climatico ha l’effetto previsto, dovremmo prepararci affinché le temperature globali continuino la loro tendenza generale al ribasso – iniziata nel 2016 (vedi link sotto) – a livelli ben al di sotto della norma.

Si potrebbe pensare che le letture UAH siano di circa 0,4°C al di sotto della media trentennale entro la primavera del 2022.

I sostenitori di AGW avranno difficoltà a spiegare come uscirne.

Secondo il centro di previsione, un tipico inverno di La Niña negli Stati Uniti porta freddo intenso e neve a nord-ovest, e condizioni insolitamente secche e fredde nella maggior parte della fascia meridionale.

L’Australia diventa più fresca e umida, nel complesso.

Mentre l’Europa di solito vede inverni più freddi e nevicate estreme.

Resta sintonizzato per gli aggiornamenti.



Il Modern Maximum è finito, sotto ogni aspetto

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la sfilza di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.

Grand Solar Minimum + Pole Shift

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter sta eliminando i follower e fa scherzi su tentativi di intromissione nel tentativo di bloccare l’account; mentre Facebook ha creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo e mostra gli aggiornamenti del giorno prima.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti documentati

5 pensieri riguardo “Stato del sistema di allerta ENSO: vigilare La Niña

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: