Aggiornamenti su Attività Solare Meteo e Clima

3 agosto 2021; articolo di Cap Allon

I media mainstream di propaganda semplicemente non riferiscono sul “freddo”, il che significa che un pubblico compiacente e indottrinato non è al corrente del “fresco estivo” record che attualmente sta spazzando la Siberia, l’Europa e ora gli Stati Uniti; né sono a conoscenza delle gelate che hanno bruciato i raccolti nel Sud America e in Sudafrica; o delle rane che muoiono di freddo in Australia…

Naturalmente come ci sono zone calde, ci sono anche zone fredde in giro per il pianeta e si è parlato di circolazione zonale alterata a causa della bassa attività solare.

Questa è la realtà del clima della Terra: è un clima in raffreddamento mentre il sole scivola nel suo prossimo ciclo di Grand Solar Minimum (GSM) di 400 anni, ma a pochissimi è stato permesso di lavorare sul problema, e ancora meno hanno sentito gli avvertimenti di gente come la Dr.ssa Zharkova e il Dr. Soon:

In combinazione con un sole che si oscura, abbiamo anche la magnetosfera in costante declino del nostro pianeta con cui fare i conti.

La forza del campo magnetico terrestre è crollata negli ultimi anni mentre i nostri poli continuano a vagare e questo, in linea con un GSM, sta risultando in una sorta di doppio smacco.

Oltre a ciò, sebbene indissolubilmente legato ai suddetti fenomeni, abbiamo l’aumento dei massimi solari del ciclo 25 – una realtà che porta con sé una probabilità del 50% che il sole scagli un potente CME/brillamento solare verso di noi l’anno 2024 – il “colpo mortale” che potrebbe abbattere la rete elettrica della nostra civiltà moderna.

Ma faremmo meglio a stare alla larga da questi argomenti.

Non vorremmo far saltare in aria le menti ristrette e inculcate delle masse ora, lo faremmo.

Faremmo meglio a restare al freddo…

Record di freddo negli Stati Uniti orientali

Nelle ultime 24 ore, una serie di nuovi record di basse temperature sono crollati negli Stati Uniti orientali.

Dal Texas fino al South Dakota e dal Massachusetts fino all’Alabama, decine di record giornalieri di bassa temperatura sono caduti mentre un’insolita massa di freddo polare è scesa in modo anomalo all’estremo sud trasportata da un flusso di corrente a getto “meridionale” debole e ondulato.

Di seguito sono riportati i nuovi record non ufficiali, come visualizzati in un grafico creato da coolwx.com:

Un raro fronte freddo di agosto ha attraversato la regione di Acadiana in Louisiana lunedì 3 agosto, è come ha detto klfy.com; tuttavia, è solo una delle poche testate giornalistiche che riportano gli insoliti brividi estivi del Nord America.

L’MSM è stato fin troppo felice di “mungere il caldo” nel nord-ovest del Pacifico il mese scorso, ma ora è stranamente calmo mentre le temperature negli Stati Uniti e in Canada passano da “rossi” e “arancioni” a “blu” e” viola’:

GFS 2m Temperature Anomalies (C) Aug 2 [tropicaltidbits.com].

La “raccolta delle ciliegie” dovrebbe essere più chiara che mai.

E parlando del Canada, i loro dati sulla temperatura di luglio – e nonostante la raffica di retorica EOTW sputata da giornalai del calibro di WP, CNN e Guardian, – in realtà è arrivata a soli 0,23°C sopra la norma, con le regioni centrali e orientali che in realtà soffrono un mese più freddo della media.

Mappa delle anomalie della temperatura del Canada per luglio. Nonostante quella breve esplosione di caldo da record, molti locali hanno sofferto di un mese più freddo della media, in particolare a Cambridge Bay, che ha chiuso con 2 gradi sotto la norma.

Guardando al futuro, le condizioni gelide dureranno ancora per un po’, indugiando nel fine settimana per molti.

Ieri, 3 agosto nel CONUS:

GFS 2m Temperature Anomalies (C) Aug 3 [tropicaltidbits.com].

Tali deviazioni dalla norma vedranno cadere ancora più record di basse temperature.


Le nazioni europee hanno subito un luglio più freddo della media

Le agenzie meteorologiche europee stanno rilasciando i dati climatologici del loro paese per il mese di luglio e, come abbiamo visto sopra, nonostante il caloroso commercio di MSM e la “raccolta delle ciliegie”, molte nazioni hanno appena sofferto un mese più freddo della media.

La Svizzera ha registrato un’anomalia della temperatura a livello nazionale di -0.3°C al di sotto della vecchia linea di base 1981-2010 a luglio.

Mentre le precipitazioni hanno superato la norma 1981-2010 del 180%. Frequenti sono state anche dannose grandinate (fenomeno ancora legato alla bassa attività solare, calante magnetosfera + e afflusso di Raggi Cosmici).

Anche la Francia ha visto un luglio più freddo del normale.

Con una temperatura media di 20,7 °C, luglio è risultata inferiore di 0,1 °C rispetto a quella utilizzata in precedenza per il periodo di riferimento 1981-2010.

Questo è stato il luglio più fresco della Francia dal 2014.

Anche in questo caso, il mese fresco è stato il risultato di frequenti giornate nuvolose e piovose -condizioni prevalenti IN TUTTA l’Europa centro-occidentale- che ancora una volta sono state determinate dalla bassa emissione solare e, più specificamente, dai raggi cosmici nucleanti.

La maggior parte delle nazioni europee deve ancora finalizzare le proprie medie di luglio (quindi restate sintonizzati per gli aggiornamenti).

L’ultimo giorno di luglio è stato eccezionalmente fresco in tutta la Francia.

Il 31 luglio ha portato massimi estremamente bassi per il periodo dell’anno; infatti, in alcuni casi, sono stati superati i massimi minimi di temperatura di luglio mai registrati, che si verificano l’ultimo giorno del mese, e quindi in piena estate, lo rendono ancora più notevole:

Inoltre, il freddo dell’Europa occidentale/centrale si è intensificato durante i primi giorni di agosto.

E guardando avanti, quei minimi gelidi sembrano destinati a diffondersi verso est con il progredire del mese:

GFS 2m Temperature Anomalies (C) Aug 1 – Aug 5 [tropicaltidbits.com].

Non cadere nelle bugie dell’MSM e nei trucchi e nelle manipolazioni statistiche delle agenzie governative.

La Terra si sta raffreddando in linea con un calo dell’attività solare.

Trucchi e manipolazioni statistiche, un esempio:

Febbraio 2021 è stato un mese di freddo storico in gran parte del pianeta.

Persino il NOAA, con i suoi metodi astuti, che nascondono i dati e ignorano l’UHI, rivelano che febbraio è stato un mese eccezionalmente freddo, anche se non avresti questa impressione se tutto ciò a cui avessi accesso fosse la loro assurda mappa dei “percentili” (mostrata di seguito ) – Sai, quello che fa regolarmente il giro dell’MSM:

Tuttavia, aggirando l’offuscamento della NOAA e analizzando i dati dell’agenzia, si scopre che il Nord America ha effettivamente sofferto il febbraio più freddo dal 1994 (l’inizio del minimo solare del ciclo 22), con gli Stati Uniti contigui. vedendo il suo febbraio più freddo dal 1989 e il suo 19esimo più freddo nei libri risalenti al 1895.

L’Oceania ha visto il suo febbraio più freddo dal 2012 – infatti, l’intero emisfero australe ha visto il suo mese di febbraio più freddo dal 2012.

Tutta l’Asia centrale e settentrionale si è congelata.

Anche gran parte dell’Africa, dell’Asia meridionale e del Sud America ha vissuto un mese più freddo della media.

Le “partenze dalla mappa media” poco promosse da NOAA (mostrate di seguito) offrono una rappresentazione molto migliore di febbraio 2021:

E di seguito ho incluso un confronto diretto delle mappe (in una presentazione) per aiutare a dimostrare l’evidente offuscamento del NOAA.

Nota: le due mappe utilizzano esattamente gli stessi dati ma danno impressioni del mese molto diverse (notare anche il “bianco” sulla mappa dei percentili dove c’è chiaramente “blu” sulla mappa di partenza):

Le masse non hanno più scuse: le bugie e le tattiche offuscanti sono visibili a TUTTI.

Inoltre, anche i dataset ufficiali ora mostrano un raffreddamento globale inconfutabile:


La neve estiva colpisce le Alpi europee, + i campi da sci australiani e neozelandesi vedono “Enormi accumuli”

L’inverno nell’emisfero australe è spesso un presagio per il prossimo inverno nell’emisfero settentrionale; e se i recenti sviluppi in “sottosopra” sono qualcosa da seguire, allora noi del nord è meglio letteralmente “fare il fieno mentre il sole splende” poiché questo inverno SH, finora, è stato un doozy (in particolare in Sud America e Sud Africa).

In effetti, la neve si sta già accumulando sulle quote più elevate d’Europa…

Neve estiva colpisce le Alpi

Negli ultimi giorni sono state segnalate cospicue nevicate estive sui ghiacciai delle Alpi europee, ad altitudini intorno ai 3.000 metri (9.800 piedi).

Il ghiacciaio dello Stubai, situato vicino a Innsbruck in Austria, è l’ultima località a segnalare una spolverata di neve di inizio agosto:

Ghiacciaio dello Stubai, inizio agosto 2021.

Questo segue il comprensorio sciistico di Hintertux del ghiacciaio tirolese, che ha visto forti raffiche la scorsa settimana:

Hintertux, fine luglio 2021.

Le nevicate estive a queste quote non sono senza precedenti.

Tuttavia, durante questi tempi di presunto “riscaldamento globale catastrofico”, tali accumuli considerevoli di mezza estate sono degni di nota: semplicemente non dovrebbero accadere secondo le previsioni climatologiche degli anni passati.

In effetti, la neve pesante sembra destinata a vedere l’apertura anticipata di alcuni campi da sci, tra cui Sutbai.

Hintertux è uno dei cinque ghiacciai europei che sono stati effettivamente in grado di rimanere aperti in agosto, grazie a un manto nevoso sano – gli altri sono Les 2 Alps in Francia, Zermatt e Saas Fee in Svizzera e Passo Stelvio in Italia.

Lo sci europeo è stato ostacolato dalla pandemia nel 2020 – e guardando al futuro, non mancherà ancora il pow-pow a tenere sciatori e snowboarder fuori dalle piste: secondo le ultime previsioni, ulteriori raffiche – fino a 33 cm (1,1 piedi) – sono attesi solo nelle prossime 48 ore, aggiungendo a quelle che sono già basi molto salutari.


I campi da sci della Nuova Zelanda vedono “Enormi accumuli”

Martedì le piste della Nuova Zelanda hanno ricevuto “enormi accumuli” di neve quando un fronte antartico ha strappato l’Isola del Sud, riporta stuff.co.nz.

Secondo il sito web di SnowNZ, i campi da sci di Canterbury hanno ricevuto i maggiori accumuli nelle ultime 24 ore, fino a martedì sera.

Le gamme Arrowsmith, Ragged e Palmer hanno aperto la strada con un mostruoso 62 cm (2 + ft) di neve fresca.

Il comprensorio sciistico Roundhill di Tekapo ha ricevuto 50 cm (1,64 piedi).

La regione di Mount Cook Heliski ha visto 40 cm (1,31 piedi).

L’area sciistica di Temple Basin vicino ad Arthur’s Pass ha registrato 20 cm (7,9 pollici).

Mentre Ōhau ha ottenuto 15 cm (5,9 pollici).

Kevin Boekholt, direttore di Alpine Guides, che gestisce Methven Heliski, ha affermato che nonostante la recente perdita del mercato australiano a causa della debacle del COVID, il numero di visitatori del kiwi ha “iniziato a salire”.

Boekholt ha attribuito alle recenti grandi nevicate un fattore che ha contribuito: “Ora che sta arrivando la neve, stiamo effettivamente scoprendo che tutte le nostre prenotazioni si stanno effettivamente riempiendo e ci aspettiamo una stagione davvero buona.

“Queste tempeste ci avvantaggiano davvero, quindi siamo stati in grado di offrire il miglior prodotto possibile in qualsiasi altro anno”.

Martedì il comprensorio sciistico Roundhill di Tekapo ha ricevuto 50 cm (1,64 piedi) di neve fresca.

Come riportato da stuff.co.nz a maggio, i campi da sci della Nuova Zelanda hanno visto “sensazionali nevicate di inizio stagione” quest’anno, ma le discariche sono arrivate con avvisi di valanghe attraverso le Alpi meridionali.

Guardando al futuro, sono previste temperature più gelide per il resto della settimana, anche sulle quote più basse della Nuova Zelanda.

Le aree di Queenstown, Wānaka e Alexandra dovrebbero scendere sotto lo zero durante la notte.

Mentre Christchurch vedrà minimi intorno al segno di congelamento, con il gelo previsto.

Entro il fine settimana, tuttavia, una massa più intensa di freddo polare sembra destinata a spazzare entrambe le isole, con le peggiori condizioni previste per domenica e lunedì.


L’Australia vede forti nevicate

Alla fine del mese scorso, le Alpi australiane hanno registrato la migliore nevicata degli ultimi 21 anni.

Un mostro di 183,6 cm (6 + ft) è stato registrato a Spencer’s Creek, la sua altezza di neve naturale più alta dal 2000.

Come ha twittato il meteorologo @Ben_Domensino (sotto): “Solo 10 degli ultimi 68 anni hanno avuto così tanta neve…”

Ecco le anomalie della temperatura in Australia di ieri, 4 agosto:

GFS 2m Temperature Anomalies (C) for Aug 4 [tropicaltidbits.com].

Ed ecco i totali previsti delle nevicate del continente nelle prossime 2 settimane circa:

GFS Total Snowfall (cm) Aug 4 – 20 [tropicaltidbits.com].

Inoltre, tieni d’occhio gli sviluppi nel corso del mese.

Il GFS, sebbene entro un lasso di tempo inaffidabile, sta assistendo a qualcosa di simile a un’esplosione polare mostruosa che inizia intorno al 18 agosto:

GFS 2m Temperature Anomalies (C) for Aug 20 [tropicaltidbits.com].

Il sole potrebbe essere stato tranquillo nell’ultima settimana o giù di lì, ma ciò non ha impedito al campo magnetico del nostro pianeta di consentire a un CME minore di rompere le sue difese e spingere gli indici nel territorio delle tempeste geomagnetiche.

Un’espulsione di massa coronale minore (CME) è scoppiata sul sole pochi giorni fa e, come previsto, ha colpito la Terra il 3 agosto; tuttavia, ciò che non è stato previsto dagli osservatori del NOAA e della NASA è stato l’evento che ha scatenato una tempesta geomagnetica.

L’evento è stato a malapena un blip per quanto riguarda la telemetria:

Il sole potrebbe essere stato tranquillo nell’ultima settimana o giù di lì, ma ciò non ha impedito al campo magnetico del nostro pianeta di consentire a un CME minore di rompere le sue difese e spingere gli indici nel territorio delle tempeste geomagnetiche.

Un’espulsione di massa coronale minore (CME) è scoppiata sul sole pochi giorni fa e, come previsto, ha colpito la Terra il 3 agosto; tuttavia, ciò che non è stato previsto dagli osservatori del NOAA e della NASA è stato l’evento che ha scatenato una tempesta geomagnetica.

L’evento è stato a malapena un blip per quanto riguarda la telemetria:

[NOAA]

Il Bz (linea rossa in alto) è scoppiato un po’.

Così come l’Angolo Phi e la Densità (rispettivamente linee blu e gialle).

Tuttavia, la velocità del plasma (linea viola) è diminuita durante l’intero evento.

La diminuzione della velocità del vento è solitamente indicativa della quiete solare.

“Non ho mai visto una tempesta geomagnetica quando la velocità del plasma è di 300 km / sec”, afferma David (Diamond) Mauriello dell’ORP (vedi filmato sotto), ma ciò che abbiamo visto è stata una tempesta della durata di circa. 3 ore, con instabilità geomagnetica della durata di ulteriori 9 ore:

Abbiamo anche visto un enorme cambiamento sul magnetometro, di ca. 100 NanoTesla:

[NOAA]

Negli anni passati, siamo stati abituati a CME molto più forti che hanno impatti molto più piccoli sul campo, con molti che non producono nemmeno una tempesta.

Il fatto che questo “evento nulla” abbia portato a perturbazioni celesti così violente porta a supporre che il campo magnetico terrestre si sia ulteriormente indebolito, ben oltre l’ultimo datapoint ufficiale del 2017.

Questi stanno cambiando tempi nel nostro ambiente spaziale.

“Questo è una pessima notizia”, ​​continua Mauriello.

Subito dopo il “colpo”, i problemi elettrici hanno iniziato a colpire i feed di notizie.

I guasti elettrici e gli incendi aumentano di dieci volte durante gli impatti meteorologici spaziali, e questo è ciò che abbiamo visto di nuovo il 3 agosto.

Ma questo è stato un “evento del nulla”: il campo magnetico del nostro pianeta avrebbe dovuto affrontare molto meglio un impatto così piccolo.

E mentre l’evento KP5 di martedì non è spaventoso di per sé, il fatto che la magnetosfera sempre calante della Terra (a causa dei suoi poli magnetici in movimento e dell’inizio del prossimo GSM) non sia stata in grado di gestire un evento solare così debole è la causa numero uno per la preoccupazione per la nostra moderna civiltà guidata dalla tecnologia: il campo magnetico terrestre è più debole di quanto tutti ci siamo resi conto.

Nell’anno 2000, sapevamo che il campo aveva perso il 10% della sua forza dal 1800.

Un altro 5% è stato perso entro il 2010.

Ulteriori accelerazioni si sono verificate negli ultimi anni, 2015 e 2017, ma noi profani non eravamo a conoscenza di ulteriori dati sulle perdite, con supposizioni sul perché ciò potrebbe mandarti rapidamente in una tana del coniglio della cospirazione.

Dato l’ultimo punto di dati solido che abbiamo -quello del 2010- il nostro campo magnetico avrebbe dovuto gestire molto meglio l’impatto di questa settimana.

“Lo scudo magnetico ora è così debole che può essere disturbato in modo così estremo da un evento così minore”, aggiunge Mauriello.

“Sulla base di ciò che è appena successo, su questo pianeta accadranno cose molto brutte.

“Qualsiasi grande bagliore che si dirige verso di noi è uno scenario di riduzione della griglia”, conclude Mauriello.

Come ho avvertito ormai da anni, l’aumento del Sole nel Ciclo Solare 25, che si verifica in linea con la riduzione drastica del campo magnetico terrestre, è la più grande minaccia che noi umani abbiamo affrontato in centinaia – potenzialmente migliaia – di anni, in particolare considerando quanto completamente e completamente tecnologicamente dipendenti lo sono la stragrande maggioranza degli 8 miliardi di abitanti di questo pianeta.

Quando quell’X-flare rivolto verso la terra colpisce, che è una questione di “quando” e non “se”, non ci sarà più Internet, non più “how-to” su YouTube, non più consegne just in time, non più cibo, niente più legge e ordine; solo caos – e saremo da soli per sopravvivere.

Questo scenario ha più del 50 percento di possibilità che si verifichi il massimo solare di SC25 (attualmente previsto per l’anno 2024), con guasti alla rete localizzati quasi garantiti per allora.

Preparati ora.

Fuggi dalle città.

E coltiva il tuo mangiare.



Il Modern Maximum è finito, sotto ogni aspetto

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe , con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la sfilza di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.

Grande minimo solare + Inversione magnetica dei poli

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter sta eliminando i follower e fa scherzi su tentativi di intromissione nel tentativo di bloccare l’account; mentre Facebook ha creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo e mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti documentati

4 pensieri riguardo “Aggiornamenti su Attività Solare Meteo e Clima

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: