Nuovo studio: le temperature calde di Giove sono causate dalle aurore (cioè dall’attività solare)

Questa scoperta ha importanti implicazioni per i modelli climatici della Terra

7 agosto 2021; articolo di Cap Allon

L’IPCC non ha tenuto conto di questa recente scoperta: è necessario un grande ripensamento dei loro modelli climatici…

A una distanza media di 778 milioni di chilometri (484 milioni di miglia) dal Sole, Giove dovrebbe essere freddo.

Basandosi esclusivamente sulla quantità di luce solare che raggiunge il pianeta, l’atmosfera superiore, in teoria, non dovrebbe essere più calda di un gelido -73 Celsius (-100F); tuttavia, Giove, in realtà, ha una media di 426°C (800°F).

Ciò ha portato gli scienziati a grattarsi la testa negli ultimi cinque decenni.

Ma l’enigma è stato appena risolto e, a quanto pare, l’IPCC ha sbagliato tutto.

Un team internazionale di astronomi che utilizza i dati del veicolo spaziale Juno della NASA, il W.M. L’Osservatorio Keck e il satellite giapponese Hisaki hanno individuato la fonte delle calde temperature di Giove, riportando le loro scoperte sulla rivista Nature.

“Abbiamo scoperto che l’intensa aurora di Giove, la più potente del sistema solare, è responsabile del riscaldamento dell’intera atmosfera superiore del pianeta a temperature sorprendentemente elevate”

James O’Donoghue

ha affermato James O’Donoghue del JAXA Institute of Space and Astronautical Science a Sagamihara, in Giappone.

Nella visualizzazione artistica, le linee del campo magnetico convergono sui poli di Giove, innescando le manifestazioni aurorali più intense del sistema solare, pompando energia nell’atmosfera che migra verso l’equatore del pianeta, riscaldando l’atmosfera su scala globale. Immagine: J. O’Donoghue (JAXA)/Hubble/NASA/ESA/A. Simone/J. Schmidt

Le aurore sono il risultato di disturbi nella magnetosfera di un pianeta causati dal vento solare.

Questi disturbi alterano le traiettorie delle particelle cariche nel plasma magnetosferico. Queste particelle, principalmente elettroni e protoni, precipitano nell’atmosfera superiore e la conseguente ionizzazione ed eccitazione dei costituenti atmosferici emettono luce di colore e complessità variabili.

La maggior parte dei pianeti del Sistema Solare, alcuni satelliti naturali, nane brune e persino comete ospitano anche le aurore.

E mentre gli astronomi avevano precedentemente considerato le aurore una possibile spiegazione per il riscaldamento atmosferico di Giove, i modelli precedenti indicavano che il calore proveniente dalle regioni polari non avrebbe raggiunto latitudini più basse a causa dei venti ad alta velocità alimentati dalla rapida rotazione del pianeta.

Tuttavia, le mappe della temperatura ad alta risoluzione basate sulle osservazioni di Keck di oltre 10.000 punti dati, insieme ai dati del campo magnetico di Juno e Hisaki, si sono combinate per dipingere un quadro avvincente: sembra esserci un potente “impulso di calore” atmosferico che spinge verso il basso l’equatore.

“Abbiamo provato più volte con altri strumenti, ma con il NIRSPEC (Near-Infrared Spectrograph) di Keck, siamo stati in grado di misurare per la prima volta la luce da Giove fino all’equatore abbastanza rapidamente da poter poi mappare la temperatura e la densità ionosferica”

Tom Stallard

ha affermato Tom Stallard, coautore dell’articolo presso l’Università di Leicester.

Invece di vedere temperature elevate confinate solo alle regioni polari, le mappe hanno mostrato che il calore nell’alta atmosfera era più diffuso, diminuendo gradualmente verso l’equatore.

“Abbiamo anche rivelato una strana regione di riscaldamento localizzata ben lontana dall’aurora – una lunga barra di riscaldamento diversa da qualsiasi cosa abbiamo visto prima. Anche se non possiamo essere sicuri di quale sia questa caratteristica, sono convinto che sia un’ondata di calore che scorre verso l’equatore dall’aurora”.

Tom stallard

IMPLICAZIONI SULLA TERRA

Questi risultati sono una specie di bomba e persino da soli minacciano di sfatare la logica climatica dell’IPCC.

L’IPCC afferma che il sole ha un impatto molto limitato sul clima terrestre e che l’aumento dei livelli di CO2 è la forza trainante: questa posizione è stata a lungo considerata spazzatura da tutti coloro che sono in grado di pensare in modo critico, ma ora noi realisti abbiamo un’altra arma nel nostro sempre -arsenale in espansione: le aurore.

L’IPCC ha da tempo affermato che “i cambiamenti nell’irraggiamento solare (TSI) non sono la causa principale dei cambiamenti di temperatura nella seconda metà del 20° secolo, a meno che tali cambiamenti non possano indurre grandi feedback sconosciuti nel sistema climatico”.

Bene, questi “grandi feedback sconosciuti” sono ora ampiamente conosciuti e sono numerosi, tuttavia l’IPCC li sta ignorando tutti volontariamente.

Gli effetti dei raggi cosmici sull’atmosfera (tramite la nucleazione delle nubi) è uno di questi grandi feedback ignorati, forse il più grande.

In periodi di elevata attività solare, ci sono meno raggi comici che bombardano l’atmosfera terrestre, il che significa meno nuvole; mentre al contrario, nei periodi di bassa attività solare, più raggi cosmici riescono a penetrare nei nostri livelli atmosferici, cioè più nuvole.

Fondamentalmente, l’aumento della copertura nuvolosa funge da parasole della Terra, il che equivale al raffreddamento.

Già nel 2007, l’IPCC ha affermato che:

“sono necessarie ulteriori ricerche per studiare gli effetti del comportamento solare sul clima prima che l’entità degli effetti solari sul clima possa essere stabilita con certezza”.

IPCC

Quella ricerca è stata condotta da molti scienziati per molti anni; ma i loro risultati non sono mai stati inseriti in un rapporto IPCC. Questo perché queste nuove scoperte avrebbero allontanato le cose dal tema “gli umani sono un cancro” che le nostre élite sembrano così decise a spingere. Vogliono lo spopolamento. Neanche loro cercano di nasconderlo. Inoltre, vogliono che lo vogliamo anche noi – e, tristemente, un numero crescente di indottrinati lo chiede, implora, senza alcuna idea di quanto sia pericoloso il concetto. “Prima tu”, è sempre la mia risposta.

L’IPCC non è un organismo scientifico, è politico.

Di conseguenza, e come nel caso della maggior parte delle altre politiche discutibili che navigano negli ingranaggi unti del congresso, il riscaldamento globale antropogenico esiste perché serve un potente gruppo di persone. La teoria è supportata dalla corruzione, dalla selezione e dall’offuscamento, ed è consentito continuare senza controllo a causa del silenzio codardo di coloro che dovrebbero sapere meglio, e in effetti lo sanno meglio, cioè i vertici dell’establishment scientifico di oggi.

Ma tornando alla scienza: l’aurora di Giove sta dando calore all’intera atmosfera planetaria.

4 ago 2021 • Giove viene mostrato per la prima volta in luce visibile per il contesto prima che venga sovrapposta un’impressione artistica del bagliore infrarosso dell’atmosfera superiore di Giove. La luminosità di questo strato superiore dell’atmosfera corrisponde alle temperature, dal caldo al freddo, nell’ordine: bianco, giallo, rosso vivo e infine rosso scuro. Le aurore sono le regioni più calde e l’animazione mostra come il calore possa essere trasportato dai venti lontano dall’aurora e causare un riscaldamento globale. Alla fine, vengono aggiunti i dati reali con una scala di temperatura, che indica le temperature globali osservate misurate nello studio.
Credito video: Credito: J. O’Donoghue (JAXA)/Hubble/NASA/ESA/A. Simone/J. Schmidt

Non sorprende che questo non sia incorporato nei modelli climatici della Terra, né venga nemmeno menzionato.

L’IPCC, come accennato in precedenza, afferma che poiché TSI non fluttua molto (rangebound tra 1360-1363 W/m2), il sole può avere un impatto minimo o nullo sulle temperature terrestri della Terra. Ma questa è una posizione dolorosamente troppo semplicistica. Sminuire il ruolo del sole sul clima è quasi ridicolo, ma sminuire la realtà cosmologica è una sorta di caratteristica dell’IPCC: anche gli impatti dei vulcani, delle nuvole (tramite i raggi cosmici) e del campo magnetico vengono evitati (di nuovo, perché farebbero saltare in aria l’AGW). teoria a parte).

Ma le suddette forzature ora hanno un nuovo alleato, e potrebbe benissimo essere Giove a mettere l’ultimo chiodo nella bara del riscaldamento globale, perché con ogni espulsione di massa coronale; ogni flusso di fori coronali; ogni brillamento solare, il calore viene pompato nel nostro pianeta, calore che manca completamente dai modelli.

Pochi sostengono che la Terra si sia riscaldata dal 1979 (l’inizio della registrazione satellitare) al 2010 circa.

Ma questo riscaldamento è arrivato in linea con la produzione solare storicamente alta:

Si noti il netto calo dell’attività solare durante SC24 (2008-2020), che, dopo un breve ritardo, sta ora avendo un impatto sulle temperature medie globali. Dal 2016 ad oggi, le temperature terrestri sono scese dalla proverbiale scogliera (vedi qui e qui per saperne di più).

E sebbene l’aumento della TSI dalla fine degli anni ’70 agli anni 2000 sia stato davvero trascurabile, come affermato dall’IPCC, con un sole attivo arriva un inconfutabile aumento delle espulsioni di massa coronale; flussi di fori coronali; brillamenti solari, con ogni riscaldamento del pianeta.

Sembra che il sole sia dietro il clima del nostro pianeta, dopotutto.

Consenso smentito.

Andiamo avanti insieme e prepariamoci a quelle minacce autentiche:

  • Un’escursione magnetica.
  • Un X-Flare.
  • Un grande minimo solare.

E un’acquisizione totalitaria (nessun collegamento qui, non mi è permesso scriverne – la prova in sé).

Riferimento

Riscaldamento globale dell’atmosfera superiore su Giove da parte delle aurore polari. O’Donoghue, J., Moore, L., Bhakyapaibul, T. et al. Natura (2021). DOI: https://doi.org/10.1038/s41586-021-03706-w

Sole Spotless

A sostegno crescente del Grand Solar Minimum (che dovrebbe iniziare sul serio durante il ciclo solare 26, intorno alla metà degli anni 2030), il disco solare rivolto verso la terra è ancora una volta “vuoto”, privo di macchie solari, a partire da sabato 7 agosto:

No sunspots (Aug 7, 2021).

Il ciclo solare 25 sta vacillando negli ultimi tempi. Questo è il sesto giorno immacolato del sole dalla fine di luglio ed è indicativo del minimo solare storicamente profondo (di SC24, il ciclo più debole degli ultimi 100+ anni) dal quale sta lavorando duramente per tirarsi fuori.

Nonostante alcuni valori anomali che richiedono un ciclo solare “record forte” 25, almeno finora, il consenso sta vincendo: SC25 rimane sulla buona strada per essere un altro ciclo storicamente debole (simile a SC24) e il sole immacolato di oggi -durante una rampa- verso il suo prossimo massimo solare non meno – aggiunge solo ulteriori supporti a questo.



Il Modern Maximum è finito, sotto ogni aspetto

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe , con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la sfilza di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.

Grande minimo solare + Inversione magnetica dei poli

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti documentati

Una opinione su "Nuovo studio: le temperature calde di Giove sono causate dalle aurore (cioè dall’attività solare)"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: