TROMBOSI: UN PERICOLO SCONOSCIUTO DELLA VACCINAZIONE COVID-19

Analisi

In questa lettera ai medici, Doctors for Covid Ethics spiega perché i recenti risultati sulle interazioni vaccino-immunità suggeriscono che è probabile che si verifichino “danni e perdite vascolari” a seguito della vaccinazione COVID-19. I risultati si aggiungono al lavoro pubblicato l’anno scorso che mostra che la proteina spike nel flusso sanguigno dirige un fattore immunitario noto come complemento per attaccare il rivestimento interno dei vasi, causando danni e perdite dei vasi.

Ci si può aspettare che la gravità di questo effetto si intensifichi con ogni iniezione, rendendo i colpi di richiamo “esclusivamente pericolosi”.

La lettera spiega perché ci si può aspettare che i colpi di richiamo causino “lesioni vascolari che si verificano in più siti, in più punti del corpo” sempre più gravi con “effetti potenzialmente devastanti”. Dato che nessuno studio clinico ha esaminato i richiami e il loro impatto su questo prevedibile percorso immunitario-vaccinale, ci poniamo la domanda:

“Stiamo per assistere alla nascita di un mondo completamente nuovo di malattie autoimmuni?”

Link al documento pdf

Scarica il pdf qui sotto

UN PERICOLO SCONOSCIUTO DELLA VACCINAZIONE COVID-19

dottors4covidethics.org

Caro collega:
Sei mesi fa, abbiamo esposto le ragioni dei nostri timori che i vaccini basati sui geni fossero potenzialmente pericolosi [1]. Queste preoccupazioni si basavano principalmente sull’aspettativa che il vaccino, attraverso il trasporto linfatico, sarebbe presto entrato in circolo, dove sarebbe stato assorbito dalle cellule endoteliali. Queste cellule inizierebbero quindi a produrre la proteina spike, che le indurrebbe ad essere attaccate e distrutte dai linfociti T citotossici. Le lesioni risultanti darebbero luogo all’attivazione delle piastrine e alla formazione di coaguli di sangue.
Da allora, le anomalie della coagulazione sono diventate al centro della scena come propagatrici di eventi avversi a seguito delle vaccinazioni. È stato confermato il rapido ingresso del vaccino nel flusso sanguigno, così come la rapida comparsa della proteina spike espressa nel flusso sanguigno. L’attivazione della coagulazione è molto comune anche in quelli senza sintomi caratteristici o duraturi, ma il numero di eventi avversi gravi causati da questo meccanismo – infarto, ictus, trombosi venosa del seno cerebrale e altri – è molto alto.
Con questa lettera, la tua attenzione è rivolta a una seconda via autoimmune che verrà attivata contemporaneamente all’attivazione dei linfociti T citotossici. Prevediamo che questo percorso causerà danni e perdite dei vasi sanguigni, con conseguenze di vasta portata e profonde, in particolare in caso di vaccinazione ripetuta. Questo secondo percorso autoimmune renderà i colpi di richiamo particolarmente pericolosi.

1. Il meccanismo proposto
La prima iniezione indurrà l’espressione della proteina spike e la formazione di anticorpi specifici contro di essa.
La rivaccinazione porterà a un secondo ciclo di produzione di proteine ​​spike, anche nelle cellule endoteliali. Gli anticorpi, ora già presenti, si legheranno a questi picchi e dirigeranno l’attacco del sistema del complemento a queste cellule. Anche i granulociti neutrofili saranno attivati ​​da anticorpi legati alle cellule endoteliali.
Ne deriveranno danni vascolari e perdite.

1.1. Prove che i picchi di SARS-CoV-2 provocano un attacco complementare ai vasi
Indagini pubblicate l’anno scorso da Jeffrey Laurence e colleghi [2] hanno stabilito che le proteine ​​spike dirigono l’attacco del complemento al rivestimento interno dei vasi. Gli autori hanno dimostrato che le proteine ​​spike rilasciate dai polmoni dei pazienti COVID-19 hanno viaggiato attraverso la circolazione per attaccarsi in siti distanti al rivestimento interno dei vasi, ovvero le cellule endoteliali. I leucociti e il sistema del complemento si sono attivati ​​proprio in quei siti, il che ha provocato danni e perdite dei vasi.
Perché ciò sia avvenuto è diventato evidente solo di recente, attraverso diverse scoperte di cui abbiamo discusso in una precedente lettera ai medici [3]. In particolare, il sistema immunitario di tutti gli individui è già pronto a rispondere ai coronavirus, incluso SARS-CoV-2, molto probabilmente attraverso l’immunità incrociata con ceppi di coronavirus respiratori umani diffusi. Questa memoria immunologica fa sì che la produzione di anticorpi inizi presto durante l’infezione da SARS-CoV-2 [4-7]. Pertanto, gli anticorpi saranno già lì per legare le proteine ​​​​spike quando queste si incaglieranno nei rivestimenti dei vasi. Ciò innesca inevitabilmente l’attivazione della cascata del complemento.

1.2. L’effetto dei richiami vaccinali
Le iniezioni ripetute di “vaccini” basati sui geni sono destinate a intensificare e riprodurre questo evento di base ovunque appaia la proteina spike appena espressa sul rivestimento del vaso. È stato dimostrato che l’attacco del complemento indotto dalla proteina Spike sui vasi evoca una pletora di lesioni cutanee nei pazienti COVID-19 [8]. Questi mostrano una sorprendente somiglianza con alcuni di quelli che ora vengono riportati negli individui vaccinati [9]. La lesione vascolare mediata dal complemento che si verifica in più siti in tutto il corpo avrà effetti potenzialmente devastanti non solo sulla salute dell’individuo vaccinato, ma anche sulla gravidanza e sulla fertilità.
Il complemento probabilmente potenzierà anche le anomalie della coagulazione attraverso un altro percorso. Le molecole proteiche Spike, note per essere rilasciate nel flusso sanguigno poco dopo la vaccinazione [5] si legheranno alle piastrine, contrassegnandole come bersagli per il legame anticorpale. È prevedibile che un successivo attacco da parte del complemento causi la distruzione delle piastrine, che potrebbe culminare nella porpora trombocitopenica immunitaria. Anche questo è stato osservato clinicamente dopo la vaccinazione [10-13].
Per quanto riguarda gli effetti a lungo termine della rivaccinazione, cosa accadrà quando i “vaccini” usciranno dai vasi sanguigni danneggiati e raggiungeranno gli organi del corpo? L’assorbimento genico e la produzione di picco segneranno quindi ogni tipo di cellula per la distruzione da parte dei linfociti killer? Stiamo per assistere alla nascita di un mondo completamente nuovo di malattie autoimmuni?

1.3. Conclusione
È fuori discussione che le vaccinazioni ripetute comportano rischi seri e senza precedenti come descritto sopra.
Mentre i funzionari governativi, le autorità e i produttori di vaccini possono rimanere all’oscuro delle implicazioni mediche di tali risultati, qualsiasi medico in possesso di questa conoscenza non può somministrare ripetute vaccinazioni COVID-19 in buona coscienza, né in buona fede.
In nessun caso è accettabile che un medico infligga consapevolmente un danno a un paziente
.

TUTTI I MEDICI SONO INVITATI A RICONSIDERARE LE QUESTIONI ETICHE CHE CIRCONDANO LA VACCINAZIONE COVID-19.

References

  1. Bhakdi, S. et al. (2021) Urgent Open Letter from Doctors and Scientists to the European Medicines Agency regarding COVID-19 Vaccine Safety Concerns.
  2. Magro, C.M. et al. (2020) Docked severe acute respiratory syndrome coronavirus 2 proteins within the cutaneous and subcutaneous microvasculature and their role in the pathogenesis of severe coronavirus disease 2019. Hum. Pathol. 106:106-116
  3. Bhakdi, S. et al. (2021) Letter to Physicians: Four New Scientific Discoveries Regarding COVID-19 Immunity and Vaccines—Implications for Safety and Efficacy.
  4. Nielsen, S.S. et al. (2021) SARS-CoV-2 elicits robust adaptive immune responses regardless of disease severity. EBioMedicine 68:103410
  5. Ogata, A.F. et al. (2021) Circulating SARS-CoV-2 Vaccine Antigen Detected in the Plasma of mRNA-1273 Vaccine Recipients. Clin. Infect. Dis. (preprint)
  6. Wisnewski, A.V. et al. (2021) Human IgG and IgA responses to COVID-19 mRNA vaccines. PLoS One 16:e0249499
  7. Amanat, F. et al. (2021) SARS-CoV-2 mRNA vaccination induces functionally diverse antibodies to NTD, RBD and S2. Cell (preprint)
  8. Magro, C. et al. (2020) Complement associated microvascular injury and thrombosis in the pathogenesis of severe COVID-19 infection: A report of five cases. Transl Res 220:1-13
  9. Mulraney, F. (2021) Man, 74, gets rare' severe rash all over body and says hisskin peeled off’ after Johnson & Johnson vaccine.
  10. Greinacher, A. et al. (2021) Thrombotic Thrombocytopenia after ChAdOx1 nCov-19 Vaccination. N. Engl. J. Med. (preprint)
  11. Lee, E. et al. (2021) Thrombocytopenia following Pfizer and Moderna SARS-CoV-2 vaccination. Am. J. Hematol. (preprint)
  12. Malayala, S.V. et al. (2021) Purpuric Rash and Thrombocytopenia After the mRNA-1273 (Moderna) COVID-19 Vaccine. Cureus 13:e14099
  13. Tarawneh, O. and Tarawneh, H. (2021) Immune thrombocytopenia in a 22-year-old post Covid-19 vaccine. Am. J. Hematol. (preprint)

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti documentati

Una opinione su "TROMBOSI: UN PERICOLO SCONOSCIUTO DELLA VACCINAZIONE COVID-19"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: