L’ultimo rapporto sul clima dell’IPCC è antiscientifico e antiumano — Rifiutalo

12 agosto 2021; articolo di Cap Allon

L’IPCC sta ancora ignorando le influenze del sole, anche nel 2021. Il loro ultimo rapporto gli dà così poca importanza che potrebbe anche non esserci – e presto, non lo metterei al di là di questi burloni per negare completamente la sua esistenza.

Hanno una sezione chiamata “forzatura solare” nel rapporto, ma questo sembra più un’inclusione pacificante che una vera indagine scientifica. Sembra ricevere solo una menzione in modo che possa essere immediatamente respinto, ma un tale servizio a parole è spesso tutto ciò che serve per ingannare gli ignavi facendo credere che un argomento sia stato trattato, quando in realtà non è così.

Come con i loro rapporti precedenti, quando si tratta del sole, l’obiettivo dell’IPCC è “l’irraggiamento“.

Questa è una posizione intenzionalmente ristretta che esclude TUTTE le forzature secondarie, che sono abbondanti.

L’IPCC ignora di proposito il circuito elettrico globale; non menzionano il calare del campo magnetico terrestre; non toccano le aurore (cioè vento solare/flares/CMES) che si è scoperto per riscaldare il pianeta; e evitano l’afflusso di raggi cosmici durante i periodi di bassa attività solare, che si è scoperto nucleano le nubi (raffreddamento globale) E riscaldano i muoni nel sottosuolo (aumento vulcanico e sismico, con il primo che porta anche al raffreddamento).

L’IPCC tenta di sfatare l’idea che i raggi cosmici abbiano un qualche tipo di ruolo nel clima terrestre affermando: “C’è un’elevata fiducia che i GCR (Galactic Cosmic Rays) contribuiscano a un ERF trascurabile nel periodo dal 1750 al 2019”.

Ma è lì che finiscono.

Non offrono ulteriori approfondimenti e forniscono zero, sì.. zero citazioni.

Fondamentalmente, l’hanno appena inventato.

In realtà, negli ultimi anni una miriade di studi ha affermato il ruolo dei raggi cosmici. In effetti, la fiducia nel fatto che i GCR siano una componente climatica cruciale è ora così alta che gran parte della ricerca odierna si concentra sui dettagli dei meccanismi: questi risultati sottoposti a revisione paritaria sono tutti pubblicati insieme a quelli utilizzati dall’IPCC nei loro rapporti , ma vengono ignorati – prove della raccolta delle ciliegie.

Come ho accennato sopra al vulcanismo, devo sottolineare che l’ultimo rapporto include una sezione di “forzatura vulcanica”; ma ancora una volta, l’analisi dell’IPCC è ancora più a parole, non uno sforzo scientifico.

Ma andiamo ora, non dovremmo essere sorpresi: l’IPCC è un organismo politico, non scientifico, e questo fatto è stato messo in mostra più che mai questa settimana: le confutazioni delle forzature naturali sono state concluse prima che la penna fosse mai messa nero su bianco. Dopotutto, l’unico scopo dell’IPCC è dimostrare il riscaldamento antropogenico, ecco perché il corpo è stato impostato in primo luogo, e se mai ha concluso che gli umani non erano colpevoli dei cambiamenti osservati nel clima, allora, beh, il organizzazione non esisterebbe più.

I vulcani, i raggi cosmici, il campo magnetico e il sole sono TUTTI forzanti completamente respinti dall’IPCC.

L’ultimo rapporto non affronta nemmeno le previsioni fallite del passato, vale a dire quei modelli di temperatura, nessuno dei quali ha funzionato come previsto (la terra si è effettivamente raffreddata di circa 0,7°C dal 2016).

Tutto ciò che l’IPCC ha da dire su questo fronte è: “ora abbiamo più certezza nelle nostre proiezioni”.

Esatto, non riuscendo ad affrontare il loro pregiudizio/incertezza dimostrato dal modello climatico viene sostituito con affermazioni di maggiore certezza: “abbiamo sbagliato, ma abbiamo imparato dai nostri errori, e quindi puoi fidarti di noi ora”, è il mio tentativo di traduzione.

Inoltre, non capisco come la moderna scienza del clima dovrebbe prevedere con precisione il futuro quando di solito non riesce a prevedere il passato – e il famigerato grafico della “mazza da hockey” di Michael Mann è solo un esempio di questo:

Inoltre, nel rapporto c’è anche una chiara distorsione da ipersensibilità all’anidride carbonica.

Anche l’effetto Urban Heat Island viene ignorato, un fattore che potrebbe spiegare perché il “riscaldamento globale” sembra verificarsi solo di notte:


C’è anche un’altra “interessante teoria”, in realtà supportata in ogni modo da anni di ricerca e dai molti rapporti e ricerche scientifiche pubblicate:

Le emissioni del trasporto aereo contribuiscono alla forzatura radiativa (RF) del clima. Di importanza sono le emissioni di anidride carbonica (CO2), ossidi di azoto (NOx), aerosol e loro precursori (fuliggine e solfato) e un aumento della nuvolosità sotto forma di scie lineari persistenti e nuvolosità dei cirri indotti. Il recente Quarto rapporto di valutazione (AR4) dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) ha quantificato il contributo RF dell’aviazione per il 2005 sulla base di 2000 dati operativi. L’aviazione è cresciuta notevolmente negli ultimi anni, nonostante gli eventi che hanno cambiato il mondo all’inizio degli anni 2000; il tasso di crescita medio annuo del traffico passeggeri è stato del 5,3% anno 1 tra il 2000 e il 2007, con un aumento del traffico passeggeri del 38%.

https://megachirottera.blogspot.com/2020/04/aviazione-e-cambiamenti-climatici.html
https://megachirottera.blogspot.com/2020/04/storia-della-geoingegneria-william.html

E molti altri documenti liberamente visionabili qui:

https://megachirottera.blogspot.com/search/label/Geoingegneria


C’è anche l’omissione della “Ticking Climate Bomb” dell’Artico che dovrebbe chiudere l’AMOC (Gulf Stream) e, a sua volta, far precipitare gran parte dell’emisfero settentrionale in condizioni di era glaciale.

Questa rivelazione, a quanto pare, avrebbe confuso il messaggio di temperature/riscaldamento lineare in costante aumento, e quindi anche questo è stato tralasciato:

I sistemi elettrici globali sono altre forzature che incidono sull’atmosfera del nostro pianeta che secondo l’IPCC non esistono.

Un altro è la cuspide polare (una regione in cui il plasma magnetoguaina ha accesso diretto alla ionosfera). La cuspide fluisce con energia ogni 8 minuti; ma ancora una volta, nemmeno un accenno di questo è incluso nei moderni modelli climatici, anche se la NASA è registrata come chiamandolo “il nostro portale magnetico per il sole”.

E infine, un’altra realtà non menzionata ma ben compresa è che le tempeste tropicali sono anche legate all’attività solare: negli ultimi anni, ci sono stati studi sempre crescenti per supportare questo.

Conclusione

La mia conclusione dal rapporto è che gli “scienziati” IPCC sono “negazionisti del sole”.

Non so quale sia lo scopo di quella massa luminosa di energia nel cielo, ma sono sospettosamente sprezzanti della sua influenza: il sole, a quanto pare, è una scomoda chiave inglese che minaccia di bloccare gli ingranaggi della loro fragile narrativa politicizzata .

Questo è il motivo per cui la maggior parte delle forzanti solari non è presente nel rapporto, poiché queste omissioni significano che qualsiasi cambiamento osservato nel clima può essere attribuito all’attività umana. In altre parole, negare il sole lascia grandi lacune nella nostra comprensione del sistema climatico, ma queste lacune sono intenzionali e necessarie in quanto significano che “le emissioni umane di anidride carbonica” possono essere utilizzate per colmarle – solo ignorando potenti forzanti naturali si può aumentare in CO2 ha alcun senso.

Questo ultimo rapporto dell’IPCC non è un vero tentativo di trasmettere la verità, tutt’altro.

È invece un documento politico, destinato ad essere arrotolato e utilizzato per intimidire i decisori politici nell’attuazione delle misure “corrette”, misure che presto includeranno “razionamento cibo/carburante” e “blocco climatico” in nome del “salvataggio del pianeta” ma che in realtà estenderanno il controllo totalitario sulla popolazione, controllo che ritengono essenziale prima del vero SHTF:



Il Modern Maximum è finito, sotto ogni aspetto

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la sfilza di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.

Grande minimo solare + Inversione magnetica dei poli

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti documentati

5 pensieri riguardo “L’ultimo rapporto sul clima dell’IPCC è antiscientifico e antiumano — Rifiutalo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: