Il Messico interrompe i progetti di energia rinnovabile

09/05/20; articolo di OilPrice.com

Sembra una notizia uscita dall’ennesimo romanzo distopico: il Messico sta interrompendo la connessione alla rete per nuovi progetti di energia solare ed eolica.

In un mondo che si affretta a produrre energia pulita, il Messico si è improvvisamente distinto come un pollice dolente. Ma, come al solito, c’è di più nella storia.

Il National Energy Control Center, o Cenace, ha  annunciato  che sospenderà le connessioni alla rete di nuovi parchi solari ed eolici fino a nuovo avviso all’inizio di questa settimana. La motivazione alla base della decisione è stata l’intermittenza della produzione di energia solare ed eolica, che, secondo l’operatore del mercato energetico statale, potrebbe compromettere la sicurezza energetica del Messico in tempi difficili.

“La generazione intermittente da impianti eolici e fotovoltaici incide sull’affidabilità del sistema elettrico nazionale, [incidendo] sulla sufficienza, sulla qualità e sulla continuità dell’alimentazione”, ha scritto Cenace   in un documento che stabilisce le regole del mercato elettrico del Paese durante l’emergenza Covid- 19 blocco.

Naturalmente, la mossa è stata immediatamente attaccata dalla comunità imprenditoriale come tentativo del governo di interferire con le imprese private.

“Senza una solida motivazione tecnica o una base giuridica pienamente giustificata… Cenace ha trascurato il suo mandato legale per salvaguardare l’efficienza del sistema elettrico nazionale e la concorrenza nel mercato elettrico, che ha un impatto negativo su migliaia di consumatori nel settore commerciale e industriale”, il gruppo di imprese Consejo Coordinator Empresarial, o CCE, ha detto in una nota. “Come prima, il settore privato adotterà le misure legali necessarie per preservare il campo livellato e il diritto dei messicani a un ambiente sano”, ha aggiunto l’ente.

Secondo CCE, la mossa, che interrompe esplicitamente i test di pre-connessione per i parchi solari ed eolici, è l’ultima spinta contro le rinnovabili da parte del governo. Conservatore nel suo approccio all’industria energetica e protezionista delle utility statali, il governo di Andres Manuel Lope Obrador sta, secondo i critici, cercando di soffocare le energie rinnovabili per sostenere la Comision Federal de Electricidad di proprietà statale, Emiliano Bellini di PV Magazine e Jorge Zarco  ha scritto.

Il presidente del Messico non ha nascosto il suo atteggiamento nei confronti delle energie rinnovabili, che potrebbe essere definito condiscendente. In un tweet di fine marzo , il presidente messicano definendo “fan” i sostenitori delle turbine eoliche, dicendo che non producono molta energia. Secondo quanto  riferito,  il governo smetterà di rilasciare permessi per nuovi progetti eolici che interferiscono con l’ambiente e causano “inquinamento visivo”. Altri  rapporti  dello stesso tweet affermano che Obrador ha anche minimizzato la quantità di energia elettrica prodotta dai parchi eolici e ha affermato che le società che li costruiscono erano imprese private che dovevano essere sovvenzionate. In breve, si potrebbe tranquillamente dire che AMLO non è un fan dei… fan.

C’è, tuttavia, il problema dell’accumulo di energia. Sebbene i critici possano avere ragione sul fatto che la decisione di interrompere i test di pre-connessione per i nuovi parchi solari ed eolici, è un dato di fatto che il Messico – e l’America Latina nel suo insieme – sono stati lenti nel costruire una ragionevole capacità di stoccaggio dell’energia, anche dopo che è stata identificato come cruciale per il successo a lungo termine dell’energia solare ed eolica.

L’intermittenza della produzione di energia è un vero problema. La sua soluzione è l’accumulo di energia. Il Messico ha  ottenuto il suo primo  impianto di stoccaggio delle batterie alla fine del 2018, in una fabbrica di automobili. Un anno dopo, il primo impianto di batteria installata che dispone anche di funzionalità di regolazione della frequenza  è venuto in linea  a Puebla. Lo stoccaggio tarda ad arrivare.



I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: