La “bestia” antartica

Una massa d’aria antartica inghiotte l’Australia, un altro fronte freddo da record esplode in Sudafrica |+|Il campo magnetico terrestre avrà alcuni giorni accidentati

24 agosto 2021 Cap Allon

Questa settimana le cose hanno preso una piega fredda in tutto l’emisfero australe: sia l’Australia che l’Africa meridionale si stanno preparando per minimi da record e forti nevicate ad alta quota.

La “bestia”, una massa d’aria polare inghiotte l’Australia

Pioggia, neve e venti di burrasca hanno interrotto un’ondata di temperature insolitamente calde nel sud-est dell’Australia.

“A Sydney, oggi stiamo assistendo a un picco di 14°C, che è molto diverso dai 27 o 28 registrati durante il fine settimana”, ha detto martedì all’AAP il meteorologo del Bureau of Meteorology (BOM) Hugh McDowell.

L’intenso fronte freddo di questa settimana ha in effetti offerto una netta transizione dalle calde giornate invernali godute negli ultimi tempi nella capitale del Nuovo Galles del Sud (NSW), ed è un’ulteriore prova dell’oscillazione tra gli estremi osservati durante periodi prolungati di bassa attività solare, come il Sembra che stiamo scendendo verso il Grande Minimo Solare.

Guarda anche:

Martedì pomeriggio è in atto un’allerta per maltempo a causa di una “bestia in rapido sviluppo”, una bassa pressione formata al largo della costa orientale, che ora sta offrendo forti venti, neve e, in luoghi come Sydney, un mese di pioggia in appena 24 ore.

Le temperature massime stanno precipitando sulla scia del fronte, “in alcune parti scendono fino a 12°C, ha affermato la meteorologa di BOM Miriam Bradbury, la cui agenzia ha consigliato ai residenti di spostare i veicoli lontano dagli alberi, proteggere gli oggetti sciolti e tenere a ad almeno 8 metri di distanza dalle linee elettriche in caso di caduta.

Martedì pomeriggio, l’improvviso fronte freddo aveva portato 40 mm (1,6 pollici) di pioggia sulla costa orientale e centrale del NSW, forti nevicate sulle Blue Mountains e temperature a una cifra su tutti, riporta ecns.cn – e c’è molto di più dove che proveniva da…

Il meteorologo del BOM Melody Sturm ha dichiarato al Sydney Morning Herald che i residenti dovrebbero prepararsi per un clima più freddo e inclemente, con 90 mm (3,5 pollici) di pioggia possibile in alcune aree tra cui le coste di Hunter, Sydney e Illawarra.

“In questo momento è più sicuro al chiuso che all’aperto… e non solo per il virus”, ha detto (usando il “piede di porco” del COVID).

L’ultima corsa di GFS (mostrata di seguito) sembra confermare i sentimenti di Sturm riguardo al freddo persistente: rivela che l’intensa massa di freddo polare che attualmente sta investendo la maggior parte del continente australiano persisterà almeno per i prossimi giorni.

GFS 2m Temperature Anomalies (C) Aug 24 – Aug 26 [tropicaltidbits.com].

Il freddo continentale continuerà a fornire notevoli volumi di neve anche a sud-est.

Gli stati del New South Wales e Victoria sembrano destinati a essere i più colpiti.

La neve dovrebbe anche spolverare le quote più elevate della Tasmania nei prossimi giorni.

GFS Total Snowfall (cm) Aug 24 – Aug 28 [tropicaltidbits.com].

Un altro fronte freddo da record per far esplodere il Sudafrica

Il Sudafrica non è stato estraneo alla violenta massa d’aria antartica questa stagione invernale: c’è già stato un record e questa settimana la nazione si sta preparando per l’ennesimo ciclo di intensi shock polari.

Quest’anno un’Antartide più fredda del normale (mostrata sotto) sta rilasciando una serie di fronti violenti sulle masse continentali dell’emisfero australe – un altro sintomo dell’attività solare storicamente bassa che abbiamo riscontrato negli ultimi anni (un sole assonnato indebolisce le correnti a getto – vedere l’articolo “The Changing Jet Stream“).

[climatereanalyzer.org]

Nota anche: secondo il Climate Change Institute dell’Università del Maine, i responsabili del grafico del Climate Reanalyzer sopra, durante questo periodo di presunto “riscaldamento globale catastrofico”, la temperatura media della Terra è, a partire da martedì 24 agosto 2021, in esecuzione a un “terrificante” 0.0°C rispetto alla base 1979-2000.

Quei blocchi climatici non possono arrivare abbastanza presto! (sarcasmo)

Il South African Weather Service (SAWS) ha avvertito i residenti di temperature estremamente fredde e anche di abbondanti nevicate sulle quote più elevate del paese.

Martedì mattina sono stati emessi allerte meteorologiche valide per giovedì, venerdì e sabato (sebbene l’esplosione polare ora sembri destinata a estendersi fino a lunedì, secondo l’ultima corsa GFS mostrata di seguito).

“Da giovedì a sabato si prevedono quantità significative di precipitazioni, condizioni molto fredde con nevicate sulle aree di alta quota, venti dannosi e altezze d’onda significative in luoghi sopra il Western e Northern Cape”, si legge nell’allerta SAWS.

Il portavoce del governo locale del Western Cape, James Brent-Styan, ha dichiarato: “Esortiamo le persone a prendere precauzioni prima del maltempo”.

Guardando il GFS, gli avvertimenti sono effettivamente giustificati.

Ciò che l’ultima corsa vede per sabato 28 agosto è davvero sorprendente: gran parte dell’Africa australe può aspettarsi temperature che scendono di 20°C (o più) al di sotto delle norme invernali – questo include non solo il Sudafrica, ma anche le nazioni del Botswana e della Namibia verso il nord.

Tali minimi minacciano di decimare le colture già devastate nell’area, e rischiano anche di causare interruzioni significative all’economia in generale e persino un pericolo per la vita:

GFS 2m Temperature Anomalies (C) Sat, Aug 28 [tropicaltidbits.com].

Ecco domenica 29 agosto:

GFS 2m Temperature Anomalies (C) Sun, Aug 29 [tropicaltidbits.com].

Il campo magnetico terrestre avrà alcuni giorni accidentati

Un flusso di vento solare e, forse, due espulsioni di massa coronale (CME) si stanno avvicinando alla Terra.

Secondo il dott. Tony Philips di spaceweather.com, un colpo diretto del flusso il 25 agosto seguito da quasi incidenti (o colpi di striscio) dei CME il 26 agosto potrebbe innescare da 2 a 3 giorni di disordini geomagnetici.

Questo non è un “grande evento”, non con uno sforzo d’immaginazione; tuttavia, sono possibili interruzioni agli operatori radio e persino a parti della rete elettrica dato 1) gli eventi stanno colpendo in uno-due colpi e, cosa più cruciale 2) il campo magnetico in continua diminuzione del nostro pianeta (fai clic sull’articolo qui sotto per ulteriori informazioni su quello).

Occhi al cielo e, ancora una volta, restate sintonizzati per gli aggiornamenti…

In altre notizie…

Quasi la metà del raccolto delle due mele locali preferite del Regno Unito è stata spazzata via dalla primavera estremamente fredda del 2021.

Cox’s e Bramley hanno sofferto a causa del gelo prolungato e da record ad aprile e all’inizio di maggio.

Rimanendo con le mele, il Canadian Horticultural Council ha fornito una stima preliminare di 18.866.589 bushel per la stagione 2021 – questo è in calo di quasi il 9% rispetto al 2020 e, come nel caso del Regno Unito, è stato attribuito al maltempo.

Non sono solo i frutteti del Regno Unito a soffrire quest’anno.

Come riportato da thegrocer.co.uk, forti piogge e grandine, insieme a temperature insolitamente basse, hanno colpito i raccolti e la resa anche delle colture di cereali e patate. In effetti, una storia simile viene riportata in gran parte dell’Europa.

Secondo , questo porta cattive notizie in particolare per i produttori di mangimi: “Dopo le interruzioni della catena di approvvigionamento e l’indisponibilità delle materie prime, ora le sfide legate al clima in Europa molto probabilmente influenzeranno la quantità e la qualità del raccolto di quest’anno. Si prevede che il freddo, le ondate di calore, i tornado e le grandinate influenzeranno negativamente la qualità e la quantità del raccolto”.

Le piogge torrenziali in Francia e Germania, ad esempio, “hanno oscurato le prospettive degli agricoltori centrali e occidentali … mentre la quantità può essere lì, la qualità del grano e del mais è in discussione”.

I problemi dell’Europa stanno aggravando la miseria testimoniata in tutto il mondo quest’anno: dal Sud America alla Cina, dal Sud Africa agli Stati Uniti, i raccolti vengono completamente decimati dal clima inclemente, solitamente legato al freddo, e i nostri negozi globali stanno finendo pericolosamente.

E infine, pubblicato su politico.eu, le riserve di gas naturale dell’Unione Europea sono attualmente ben al di sotto dei livelli normali – e se non si riempiono entro ottobre, il blocco potrebbe dover affrontare una compressione dei prezzi e persino carenze se ci fosse una ripetizione dell’ultima grave stagione artica invernale.

“Entrando nell’inverno in corso con meno scorte, l’Europa sta camminando sul filo del rasoio – e non ci vorrebbe un’enorme raffica di vento per metterci fuori gioco”, ha detto Jack Sharples, ricercatore presso l’Oxford Institute for Energy Studies.

“Tutto ciò che servirebbe è che alcuni progetti [di gas naturale liquefatto] attualmente offline non tornino, o qualche manutenzione non pianificata su un gasdotto che porta il gas in Europa, o solo un altro inverno freddo”, ha aggiunto Sharples.

Le riserve dell’UE erano piene un anno fa: questo è ciò che ha permesso al blocco di resistere comodamente a un inverno insolitamente lungo che ha fatto salire alle stelle i prezzi globali del gas a gennaio, continua l’articolo politico.eu. L’Europa “è riuscita a superare lo scorso inverno relativamente indenne, poiché all’inizio avevamo scorte di stoccaggio così elevate”, ha affermato James Huckstepp, analista del gas presso S&P Global Platts.

Attualmente, gli impianti di stoccaggio dell’UE sono pieni solo del 60% della capacità, o poco meno di 70 bcm di gas, che deve arrivare ad almeno 80 bcm entro il 1 ottobre per garantire un adeguato cuscinetto contro le fluttuazioni del mercato durante l’inverno, ha affermato Sharples.

Tuttavia, con le importazioni di GNL in aumento in Sud America e Cina, tra le altre regioni, e con problemi tecnici dal lato dell’offerta e manutenzione non pianificata come Australia e Norvegia, gli impianti di stoccaggio dell’UE che raggiungono gli 80 miliardi di metri cubi sembrano una grande richiesta.

L’Europa che va ‘off-line’ il suo inverno sembra un’eventualità impensabile; tuttavia, l’impossibilità per gli europei di riscaldare le proprie case durante i mesi più freddi dell’anno è una possibilità realistica – più segni dei tempi all’alba del Grande Reset…



Il Modern Maximum è finito, sotto ogni aspetto

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la sfilza di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.

Grande minimo solare + Inversione magnetica dei poli

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: