Crisi sismica intensificata al vulcano La Palma: potenziale mega-tsunami

15 settembre 2021; articolo di Cap Allon

La crisi sismica dei giorni scorsi a La Palma continua senza segni di cedimento.

Più di 250 terremoti considerevoli sono stati rilevati nelle ultime 24 ore e più di 3000 in totale sono stati registrati negli ultimi 4 giorni, riporta vulcanodiscovery.com.

Nelle ultime 24 ore, i terremoti si sono spostati verso ovest e sono diventati più superficiali, rivelano i dati provenienti dal National Geographic Institute (IGN). Questo è uno sviluppo preoccupante, e probabilmente indica una continua intrusione e migrazione di magma sotto la superficie, una contesa che è supportata anche dalla continua deformazione della superficie nella stessa area dei terremoti – in alcuni punti, il terreno è stato sollevato di 1,5 cm (quasi un pollice) già.

La probabilità di un’eruzione è quindi aumentata, continua il rapporto di vulcanodiscovery.com: gli sciami di terremoti sono spesso un’indicazione di un’eruzione imminente.

Inoltre, lo sciame di questa settimana si sta verificando nel sud dell’isola, la posizione peggiore possibile (per i motivi spiegati di seguito).

Luoghi di recenti terremoti sotto il vulcano La Cumbre Vieja [www.ign.es].

Inoltre, e secondo l’aggiornamento più recente, i terremoti stanno diventando più superficiali.

Questo è un altro segno di un’imminente esplosione.

Un terremoto di magnitudo 3,2 è scoppiato mercoledì mattina presto a una profondità di soli 4 km.

Questo può essere visto dal grande segnale verde sul grafico della traccia sismica:

Tracce sismiche di terremoti sotto il vulcano La Cumbre Vieja (La Palma, Isole Canarie) (immagine: IGN)

Molti conoscono già la minaccia che rappresenta La Palma.

E molti modelli hanno simulato le conseguenze catastrofiche di un’eruzione.

Secondo uno studio condotto da Steven Ward e Simon Day:

“Le prove geologiche suggeriscono che durante una futura eruzione, il vulcano Cumbre Vieja sull’isola di La Palma potrebbe subire un catastrofico cedimento del suo fianco occidentale, facendo cadere in mare 500 km3 di roccia. Utilizzando una stima geologicamente ragionevole del movimento di frana, modelliamo le onde dello tsunami prodotte da un tale collasso. Le onde generate dal run-out di un blocco di scorrimento di 500 km3 a 100 m/s potrebbero attraversare l’intero bacino atlantico e arrivare sulle coste delle Americhe con un’altezza di 10-25 m.”

Questo è un vulcano molto pericoloso, e non per il motivo per cui la maggior parte dei vulcani è preoccupante (cioè l’espulsione di particolato). La Cumbre Vieja sull’isola di La Palma minaccia di inviare uno tsunami di oltre 80 piedi che investe l’intera costa orientale. In effetti, la maggior parte delle città e delle città costiere atlantiche potrebbe essere spazzata via, comprese quelle in Canada, Groenlandia, Islanda, Regno Unito, Portogallo e tutta l’Africa occidentale.

Guarda la simulazione dello studio di Ward e Day per maggiori informazioni (realizzata nel 2012):

Probabilmente non sentirai parlare di questo evento tramite i media mainstream.

Dubito fortemente che ti informeranno anche se il vulcano ha effettivamente fatto esplodere la sua cima.

E questo perché l’obiettivo di MSM non è tenerti informato o avvisarti delle minacce del mondo reale; invece, il suo scopo è gestire il tuo comportamento e tenerti controllato. Inutile dire che controllare gli 8,5 milioni di abitanti di New York City, ad esempio, in caso di tsunami in arrivo alto 80 piedi si rivelerebbe problematico. In realtà è stato suggerito che informare le persone di un’ondata in arrivo potrebbe portare a più vite perse, poiché il caos che ne deriva probabilmente impedirebbe ai pochi informati di fuggire (a causa di strade inceppate, ecc.).

Questo è un evento in corso.

Quindi rimanete sintonizzati per gli aggiornamenti.

Aspettiamo anche di vedere quale impatto avrà il meteo spaziale in arrivo sullo sciame sismico.

Secondo il dott. Tony Phillips di spaceweather.com, sta crescendo la fiducia che un’espulsione di massa coronale (CME) potrebbe sfiorare il campo magnetico terrestre il 17 settembre, forse scatenando tempeste geomagnetiche di classe G1.

La CME (mostrata sotto) ha lasciato il sole il 13 settembre ed è stata spinta verso l’esterno da un filamento di magnetismo che esplode.

Tracciare questo CME è stato complicato, perché nelle immagini del coronografo si sovrapponeva ad altre due nubi temporalesche.

Tuttavia, sta crescendo la fiducia che potrebbe dare alla Terra almeno un “colpo di striscio”.

Articoli correlati:


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Una opinione su "Crisi sismica intensificata al vulcano La Palma: potenziale mega-tsunami"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: