La Palma: Le case ingoiate dalla lava.

Aggiornamento del vulcano Fagradalsfjall in Islanda

20 settembre 2021; articolo di Cap Allon

Il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez è arrivato a La Palma domenica 19 settembre, dove il vulcano La Cumbre Vieja è scoppiato dopo 8 giorni di “crisi sismica” – due fessure eruttive si sono aperte a Montaña Rajada intorno alle 15:00 ora locale e hanno iniziato a espellere spettacolari fontane di lava da almeno 7 prese d’aria individuali.

Posso solo supporre che il primo ministro Sanchez sia lì per mostrare [falsa] solidarietà con la gente del posto.

È anche possibile che credesse che l’eruzione sarebbe cessata al suo arrivo e che la lava si sarebbe immediatamente ritirata nelle fessure attraverso la pressione politica – i politici sono così.

Finora, tuttavia, gli sforzi di Sanchez e del suo governo sono falliti: la lava ora “inghiottisce case”:

Le riprese aeree rivelano l’entità della devastazione appena iniziata:

Il Primo Ministro Sanchez ha affermato che le autorità stanno ora monitorando da vicino gli incendi che potrebbero iniziare dalla di lava incandescente che senza dubbio saranno segnalati dal Guardian nei prossimi giorni come prova di “Terrificante Terra Frima Broiling” (alias AGW).

L’ultima eruzione del vulcano risale al 1971, prima ancora, nel 1949. Si trova nel sud dell’isola di La Palma, che ospita circa 80.000 persone.

E mentre la sicurezza di quegli 80.000 locali è la prima preoccupazione, il vulcano Cumbre Vieja minaccia una catastrofe molto più grande. Se si verificasse un “evento laterale” più grande, un’eruzione più grande, decine di milioni di vite potrebbero essere a rischio.

Questo è secondo uno studio condotto da Steven Ward e Simon Day:

“Le prove geologiche suggeriscono che durante una futura eruzione, il vulcano Cumbre Vieja sull’isola di La Palma potrebbe subire un catastrofico cedimento del suo fianco occidentale, facendo cadere in mare 500 km3 di roccia. Utilizzando una stima geologicamente ragionevole del movimento di frana, modelliamo le onde dello tsunami prodotte da un tale collasso. Le onde generate dal run-out di un blocco di scorrimento di 500 km3 a 100 m/s potrebbero attraversare l’intero bacino atlantico e arrivare sulle coste delle Americhe con un’altezza di 10-25 m.”

Questo è un vulcano molto pericoloso.

La Cumbre Vieja sull’isola di La Palma minaccia di inviare uno tsunami di oltre 25 metri su tutta la costa orientale delle Americhe. Anche la maggior parte delle città costiere atlantiche potrebbero essere colpite, comprese quelle in Canada, Groenlandia, Islanda, Regno Unito, Portogallo e tutta l’Africa occidentale.

Per ulteriori informazioni, fai clic sull’articolo qui sotto:

Ultimi sviluppi

Jonas Perez, una guida turistica locale, ha affermato di poter ancora sentire i tremori dell’eruzione.

“Ma ora la cosa più sorprendente che non ho mai sperimentato è che il rumore proveniente dal vulcano, sembra… venti aerei da combattimento che decollano ed è estremamente rumoroso, è incredibile”, ha aggiunto.

Quei tremori che Perez può ancora sentire potrebbero essere ulteriori intrusioni di magma, il che significa che un’eruzione più grande potrebbe essere sulle carte.

Nelle ultime ore, i terremoti hanno registrato una tendenza verso una maggiore magnitudo: ne sono stati registrati cinque a 3+M, secondo vulcanodiscovery.com.

Non vale niente anche che questi terremoti più recenti sono iniziati a una profondità molto più bassa e da allora si sono fatti strada verso l’alto. Ciò indica un’alimentazione magmatica dalla profondità, che a sua volta suggerirebbe che è possibile un’eruzione di lunga durata:

Questo è un evento in corso, e nessuno può tirare ad indovinare come andrà a finire.

Ma per quelle persone che vivono lungo la costa atlantica il mio consiglio è di abbandonare l’esagerato/fabbricato allarmismo COVID/AGW per le prossime settimane e prestare invece molta attenzione alla reale e vera minaccia che si sta svolgendo alla Palma.

La minaccia di un mega-tsunami è molto piccola, ricordalo, ma la sua probabilità è molto più alta dell’attuale consenso scientifico riguardo alle scoregge delle mucche e al mondo che brucia…

Canali Youtube Live:

https://www.volcanodiscovery.com/la-palma/news.html

Resta sintonizzato per gli aggiornamenti.


Eruzione in corso in Islanda più lunga da mezzo secolo

Mentre La Palma minaccia di spazzare via la costa orientale, ciò di cui la catena di isole non è in grado è sparare volumi sostanziali di particolato nell’atmosfera e raffreddare significativamente il pianeta: questa minaccia è rappresentata dai vulcani in Islanda (tra le altre regioni).

Domenica è stato il sesto mese di anniversario dell’eruzione vulcanica vicino a Reykjavik, che l’ha resa la più lunga a cui l’Islanda ha assistito in più di 50 anni: la prima lava ha iniziato a fuoriuscire da una fessura vicino al monte Fagradalsfjall la sera del 19 marzo.

“Sei mesi sono un’eruzione ragionevolmente lunga”, ha detto il vulcanologo Thorvaldur Thordarson all’AFP.

E non mostra alcun segno di rallentamento.

“Sembra che ci sia ancora abbastanza magma da qualunque serbatoio stia attingendo l’eruzione. Quindi potrebbe andare avanti per molto tempo”, ha detto Geirsson, geofisico presso l’Istituto di Scienze della Terra.

Secondo l’Ente per il turismo islandese, l’eruzione è diventata una grande attrazione turistica, attirando finora 300.000 visitatori.

Tuttavia, come accennato in precedenza, non è la lava la principale preoccupazione qui, né la durata dell’eruzione.

La preoccupazione per l’attività vulcanica islandese è quella di un importante VEI 6+ che scoppia: un tale evento espellerebbe grandi quantità di cenere nell’atmosfera e raffredderebbe significativamente il pianeta, quasi da un giorno all’altro.

Dei vulcani risvegliati di oggi, quelli situati in Islanda sono forse i più preoccupanti.

È questa regione altamente vulcanica che probabilmente ospiterà il prossimo “grande” (una ripetizione dell’eruzione del 536 d.C. che eliminò la Repubblica Romana…?) – quella che riporterà la Terra a un altro inverno vulcanico.

Le eruzioni vulcaniche sono una delle forze chiave che guidano la Terra nel suo prossimo periodo di raffreddamento globale.

La cenere vulcanica (particolato) sparata oltre i 10 km – e quindi nella stratosfera – protegge dalla luce solare e riduce le temperature terrestri. I particolati più piccoli di un’eruzione possono rimanere nell’atmosfera superiore per anni.

Si pensa che l’aumento vulcanico mondiale di oggi sia legato alla bassa attività solare, ai buchi coronali, a una magnetosfera calante e all’afflusso di raggi cosmici che penetrano nel magma ricco di silice.

Canali Youtube Live:

Penisola di Reykjanes – terremoti nelle ultime 48 ore:

https://en.vedur.is/earthquakes-and-volcanism/earthquakes/reykjanespeninsula/

Grafici tremori:

http://hraun.vedur.is/ja/oroi/allarsort.html


Il Modern Maximum è finito, sotto ogni aspetto

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la sfilza di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.

Grande minimo solare + Inversione magnetica dei poli

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Una opinione su "La Palma: Le case ingoiate dalla lava."

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: