COLLASSO SISTEMICO

Il WEF avverte di un attacco informatico che porta al collasso sistemico del sistema finanziario globale

7 aprile 2021; Articolo di Whitney Webb

Un rapporto pubblicato l’anno scorso dalla WEF-Carnegie Cyber ​​Policy Initiative chiede la fusione delle banche di Wall Street, dei loro regolatori e delle agenzie di intelligence, se necessario, per affrontare un presunto attacco informatico imminente che farà crollare il sistema finanziario esistente.

Nel novembre 2020, il World Economic Forum (WEF) e Carnegie Endowment for International Peace hanno co-prodotto un rapporto che avvertiva che il sistema finanziario globale era sempre più vulnerabile agli attacchi informatici. I consulenti del gruppo che ha prodotto il rapporto includevano rappresentanti della Federal Reserve, della Bank of England, del Fondo monetario internazionale, giganti di Wall Street come JP Morgan Chase e colossi della Silicon Valley come Amazon.

L’inquietante rapporto è stato pubblicato pochi mesi dopo che il World Economic Forum aveva condotto una simulazione di quell’evento – un attacco informatico che mette in ginocchio il sistema finanziario globale – in collaborazione con la più grande banca russa, che dovrebbe rilanciare l’economia di quel paese “la trasformazione digitale” con il lancio della propria valuta digitale sostenuta dalla banca centrale.

Più recentemente, martedì scorso (2 marzo 2020), la più grande organizzazione di condivisione di informazioni del settore finanziario, i cui membri noti includono Bank of America, Wells Fargo e CitiGroup, ha nuovamente avvertito che hacker e criminali informatici degli stati nazionali erano pronti a collaborare per attaccare il sistema finanziario globale a breve termine. Il CEO di questa organizzazione, nota come Financial Services Information Sharing and Analysis Center (FS-ISAC), aveva precedentemente informato il rapporto WEF-Carnegie che aveva avvertito più o meno lo stesso.

Tali simulazioni coordinate e avvertimenti da parte di coloro che dominano l’attuale sistema finanziario in difficoltà sono ovviamente motivo di preoccupazione, soprattutto considerando che il World Economic Forum è ben noto per la sua simulazione Event 201 su una pandemia globale di coronavirus che ha avuto luogo pochi mesi prima della Crisi COVID-19.

Da allora, la crisi del COVID-19 è stata citata come la principale giustificazione per accelerare la “trasformazione digitale” del settore finanziario e di altri settori che il Forum e i suoi partner promuovono da anni. La loro ultima previsione di un evento apocalittico, un attacco informatico che ferma l’attuale sistema finanziario e ne provoca il collasso sistemico, offrirebbe il passo finale ma necessario per il risultato desiderato dal Forum di questo diffuso passaggio alla valuta digitale e una maggiore governance globale dell’economia internazionale.

Dato che gli esperti hanno avvertito dall’ultima crisi finanziaria globale che il collasso dell’intero sistema era inevitabile a causa della cattiva gestione della banca centrale e della corruzione dilagante di Wall Street, un attacco informatico fornirebbe anche lo scenario perfetto per smantellare l’attuale sistema fallimentare in quanto assolverebbe le banche centrali e le istituzioni finanziarie corrotte da ogni responsabilità. Fornirebbe anche una giustificazione per le politiche incredibilmente preoccupanti promosse dal rapporto WEF-Carnegie, come una maggiore fusione di agenzie di intelligence e banche al fine di “proteggere” meglio le infrastrutture finanziarie critiche.

Considerando il precedente delle simulazioni e dei rapporti passati del WEF con la crisi COVID-19, vale la pena esaminare le simulazioni, gli avvertimenti e le politiche promosse da queste potenti organizzazioni. Il resto di questo rapporto esaminerà il rapporto WEF-Carnegie di novembre 2020, mentre un rapporto di follow-up si concentrerà sul più recente rapporto FS-ISAC pubblicato la scorsa settimana. La simulazione WEF di un attacco informatico al sistema finanziario globale, Cyber ​​Polygon 2020, è stata trattata in dettaglio da Unlimited Hangout in un precedente rapporto.

L’iniziativa di politica informatica WEF-Carnegie

Il Carnegie Endowment for International Peace, è uno dei think tank di politica estera più influenti negli Stati Uniti, con legami stretti e persistenti con il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, ex presidenti, aziende americane e clan oligarchi americani come i Pritzkers of Hyatt Hotels. Gli attuali amministratori della dotazione includono dirigenti di Bank of America e CitiGroup, nonché altre influenti istituzioni finanziarie.

Nel 2019, lo stesso anno dell’Evento 201, Endowment ha lanciato la sua Cyber ​​Policy Initiative con l’obiettivo di produrre una “Strategia internazionale per la sicurezza informatica e il sistema finanziario globale 2021-2024. Quella strategia è stata rilasciata pochi mesi fa, nel novembre 2020 e, secondo la Endowment, è stata creata da “esperti di spicco di governi, banche centrali, industria e comunità tecnica” al fine di fornire una “strategia internazionale di sicurezza informatica a lungo termine” specificamente per il sistema finanziario.

L’iniziativa è una conseguenza degli sforzi passati del Carnegie Endowment per promuovere la fusione di autorità finanziarie, industria finanziaria, forze dell’ordine e agenzie di sicurezza nazionale, che è sia una delle principali raccomandazioni del rapporto di novembre 2020 sia una conclusione di un 2019 higth-level roundtable tra Endowment, FMI e governatori delle banche centrali. L’Ente aveva anche collaborato con l’FMI, SWIFT, Standard Chartered e FS-ISAC per creare una “cassetta degli strumenti per lo sviluppo delle capacità di resilienza informatica” per le istituzioni finanziarie nel 2019. Nello stesso anno, l’Ente ha anche iniziato a tracciare “l’evoluzione del panorama del cyberspazio delle minacce e incidenti che coinvolgono istituzioni finanziarie” in collaborazione con BAE Systems, il più grande produttore di armi del Regno Unito. Per la dotazione, questa collaborazione continua nel presente.

Nel gennaio 2020, i rappresentanti della Carnegie Endowment hanno presentato la loro Cyber ​​Policy Initiative alla riunione annuale del World Economic Forum, dopo la quale il Forum ha ufficialmente collaborato con la Endowment all’iniziativa.

I consulenti del progetto ora congiunto WEF-Carnegie includono rappresentanti di banche centrali come la Federal Reserve statunitense e la Banca Centrale Europea; alcune delle banche più famose di Wall Street come Bank of America e JP Morgan Chase; organizzazioni delle forze dell’ordine come INTERPOL ed il servizio segreto degli Stati Uniti; colossi aziendali come Amazon e Accenture; e istituzioni finanziarie globali come il Fondo monetario internazionale (FMI) e SWIFT. Altri consulenti di rilievo includono l’amministratore delegato e capo del Centro per la sicurezza informatica del WEF, Jeremy Jurgens, che è stato anche un attore chiave nella simulazione Cyber ​​Polygon, e Steve Silberstein, CEO del Financial Services Information Sharing and Analysis Center (FS-ISAC ).

“Non una questione di se ma di quando”

Il rapporto di novembre 2020 della Cyber ​​Policy Initiative è ufficialmente intitolato Strategia internazionale per proteggere meglio il sistema finanziario. Inizia osservando che il sistema finanziario globale, come molti altri sistemi, sta “attraversando una trasformazione digitale senza precedenti, accelerata dalla pandemia di coronavirus”.

Avverte poi che:

“Gli attori malintenzionati stanno approfittando di questa trasformazione digitale e rappresentano una minaccia crescente per il sistema finanziario globale, la stabilità finanziaria e la fiducia nell’integrità del sistema finanziario. Gli attori maligni utilizzano le capacità informatiche per rubare, interrompere o minacciare in altro modo le istituzioni finanziarie, gli investitori e il pubblico. Questi attori includono non solo criminali sempre più audaci, ma anche stati e aggressori sponsorizzati dallo stato”.

Seguito da questo avvertimento di “attori maligni”, il rapporto rileva che “voci chiave sempre più preoccupate stanno suonando l’allarme”. Rileva che Christine Lagarde della Banca centrale europea ed ex del FMI ha avvertito nel febbraio 2020 che “un attacco informatico potrebbe innescare una grave crisi finanziaria”. Un anno prima, alla riunione annuale del WEF, il capo della banca centrale giapponese aveva previsto che “la sicurezza informatica potrebbe diventare il rischio più grave per il sistema finanziario nel prossimo futuro”. Rileva inoltre che nel 2019, Jamie Dimon di JP Morgan Chase ha etichettato in modo simile gli attacchi informatici come forse “la più grande minaccia per il sistema finanziario degli Stati Uniti”.

Non molto tempo dopo l’avvertimento di Lagarde, nell’aprile 2020, il Financial Stability Board ha affermato che:

“gli incidenti informatici rappresentano una minaccia per la stabilità del sistema finanziario globale” e che “un grave incidente informatico, se non adeguatamente contenuto, potrebbe seriamente perturbare i sistemi finanziari, comprese le infrastrutture finanziarie critiche, portando a più ampie implicazioni sulla stabilità finanziaria”.

Gli autori del rapporto WEF-Carnegie aggiungono a queste preoccupazioni che “lo sfruttamento delle vulnerabilità informatiche potrebbe causare perdite agli investitori e al pubblico in generale” e portare a danni significativi alla fiducia del pubblico e alla fiducia nell’attuale sistema finanziario. Rileva inoltre, oltre a colpire in modo significativo il pubblico in generale, questa minaccia avrebbe un impatto sia sui paesi ad alto reddito che sui paesi a reddito medio-basso, il che significa che il suo impatto sulle masse sarà di portata globale.

Il rapporto quindi conclude minacciosamente che una cosa è chiara: non è una questione di se accadrà un incidente grave, ma di quando.

Garantire il controllo della narrazione

Un’altra sezione del rapporto descrive in dettaglio le raccomandazioni per controllare la narrativa nel caso in cui si verifichi un attacco informatico così paralizzante. Il rapporto raccomanda specificamente che:

“le autorità finanziarie e l’industria dovrebbero assicurarsi di essere adeguatamente preparate per operazioni di influenza e attacchi ibridi che combinano operazioni di influenza con attività di hacking dannoso” e che “applicano le lezioni apprese dalle operazioni di influenza mirate ai processi elettorali a potenziali attacchi alle istituzioni finanziarie.”

Prosegue raccomandando che “le principali società di servizi finanziari, banche centrali e altre autorità di vigilanza finanziaria”, i cui rappresentanti hanno consigliato il rapporto WEF-Carnegie, “identifichino un unico punto di contatto all’interno di ciascuna organizzazione per coinvolgere piattaforme di social media per la gestione delle crisi”.

Gli autori del rapporto sostengono che, “in caso di crisi”, come un devastante attacco informatico al sistema bancario globale, “le società di social media dovrebbero amplificare rapidamente le comunicazioni delle banche centrali” in modo che le banche centrali possano smascherare le informazioni false e “calmare i mercati”. Afferma inoltre che “le autorità finanziarie, le società di servizi finanziari e le società tecnologiche [presumibilmente comprese le società di social media] dovrebbero sviluppare un chiaro piano di comunicazione e risposta incentrato sulla capacità di reagire rapidamente”. In particolare, sia Facebook che Twitter sono elencati nell’appendice del rapporto come stakeholder del settore” che si sono “coinvolti” con l’iniziativa WEF-Carnegie.

Il rapporto afferma inoltre che è necessario un coordinamento premeditato per una tale crisi tra banche e società di social media in modo che entrambe le parti possano “determinare quale gravità della crisi richiederebbe una comunicazione amplificata. Il rapporto chiede inoltre alle società di social media di collaborare con le banche centrali per “sviluppare percorsi di escalation simili a quelli sviluppati sulla scia delle passate interferenze elettorali, come si è visto negli Stati Uniti e in Europa”.

Naturalmente, quei “percorsi di escalation” hanno comportato un’ampia censura sui social media. Il rapporto sembra riconoscerlo, quando aggiunge che “è necessario un rapido coordinamento con le piattaforme di social media per organizzare la rimozione dei contenuti”. Pertanto, il rapporto chiede alle banche centrali di colludere con le piattaforme di social media per pianificare gli sforzi di censura che verrebbero attuati se si verificasse una crisi sufficientemente grave nei mercati finanziari.

Per quanto riguarda le “operazioni di influenza”, il rapporto le divide in due categorie; quelli che si rivolgono alle singole imprese e quelli che si rivolgono ai mercati in generale. Per quanto riguarda la prima categoria, il rapporto afferma che “gli attori organizzati diffonderanno voci fraudolente per manipolare i prezzi delle azioni e generare profitti in base a quanto il prezzo delle azioni è stato spostato artificialmente”. Aggiunge poi che, in queste operazioni di influenza, “aziende e lobbisti utilizzano campagne di astroturfing, che creano una falsa apparenza di sostegno di base, per offuscare il valore di un marchio concorrente o tentare di influenzare le decisioni politiche abusando delle richieste di commenti pubblici online”.

Le somiglianze tra quest’ultima affermazione e il fenomeno delle scommesse di Wall Street del gennaio 2021 sono evidenti.

Per quanto riguarda la seconda categoria di “operazioni di influenza”, il rapporto definisce queste operazioni come “probabilmente eseguite da un attore politicamente motivato come un gruppo terroristico o persino uno stato-nazione”.

Aggiungendo che:

“questo tipo di operazione di influenza può mirare direttamente al sistema finanziario per manipolare i mercati, ad esempio diffondendo voci su decisioni di mercato da parte delle banche centrali” e diffondendo “false informazioni che non fanno riferimento direttamente ai mercati finanziari ma che fa reagire i mercati finanziari”.

Dato che il rapporto afferma che la prima categoria di operazioni di influenza pone un rischio sistemico limitato mentre la seconda “può comportare un rischio sistemico”, sembra più probabile che l’evento previsto dal rapporto WEF-Carnegie comporti rivendicazioni di quest’ultimo da parte di un “gruppo terroristico” o potenzialmente uno stato-nazione. In particolare, il rapporto menziona in diverse occasioni la Corea del Nord come probabile colpevole di uno stato nazionale. Si sofferma anche sulla probabilità che i media sintetici o i deep fake facciano parte di questo evento devastante del sistema nelle economie emergenti e/o nei paesi ad alto reddito che stanno attraversando una crisi finanziaria.

Un rapporto separato del giugno 2020 dell’iniziativa WEF-Carnegie è stato pubblicato specificamente sui deepfake e sul sistema finanziario, osservando che tali attacchi potrebbero verificarsi durante una crisi finanziaria più ampia per “amplificare” le narrazioni dannose o “simulare il contraccolpo dei consumatori di base contro un marchio mirato”. Aggiunge che “aziende, istituzioni finanziarie e regolatori governativi che affrontano crisi di pubbliche relazioni sono particolarmente vulnerabili ai deepfake e ai media sintetici.

Alla luce di queste affermazioni, vale la pena sottolineare che i cattivi attori all’interno del sistema attuale potrebbero sfruttare questi scenari e teorie per dipingere il contraccolpo di base contro una banca o una società come una sintetica “operazione di influenza” perpetrata da “criminali informatici” o da una nazione-stato. Considerando che il rapporto WEF-Carnegie fa riferimento a uno scenario analogo alla situazione di Wall Street Bets nel gennaio 2021, uno sforzo guidato dai banchieri per etichettare erroneamente un futuro contraccolpo di base come invece sintetico e colpa di un “gruppo terroristico” o stato-nazione non dovrebbe essere escluso.

“Riduzione della frammentazione”: fusione delle banche con i loro regolatori e agenzie di intelligence

Data l’inevitabilità di questo evento distruttivo previsto dagli autori del rapporto, è importante concentrarsi sulle soluzioni proposte nel rapporto WEF-Carnegie poiché diventeranno immediatamente rilevanti se questo evento, come previsto dal WEF e dal Carnegie Endowment, si verificasse.

Alcune delle soluzioni proposte sono attese da un documento politico collegato al WEF, come le richieste di maggiori partenariati pubblico-privato e un maggiore coordinamento tra le organizzazioni regionali e internazionali, nonché un maggiore coordinamento tra i governi nazionali.

Tuttavia, la principale “soluzione” al centro di questo rapporto, e anche al centro degli altri sforzi dell’iniziativa WEF-Carnegie, è un invito a fondere le banche aziendali, le autorità finanziarie che essenzialmente le sovrintendono, le aziende tecnologiche e la sicurezza nazionale stato.

Gli autori del rapporto sostengono innanzitutto che la principale vulnerabilità del sistema finanziario globale al momento è “l’attuale frammentazione tra le parti interessate e le iniziative” e che mitigare questa minaccia al sistema globale consiste nel ridurre quella “frammentazione”. Il rapporto sostiene che il modo per risolvere il problema richiede una massiccia riorganizzazione di tutti gli stakeholder attraverso un maggiore coordinamento globale. Il rapporto rileva che “il distacco tra la finanza, la sicurezza nazionale e le comunità diplomatiche è particolarmente pronunciato” e richiede un’interazione molto più stretta tra i tre.

Dichiara poi che:

“Ciò richiede ai paesi non solo di organizzarsi meglio a livello nazionale, ma anche di rafforzare la cooperazione internazionale per difendersi, indagare, perseguire e idealmente prevenire attacchi futuri. Ciò implica che il settore finanziario e le autorità finanziarie devono interagire regolarmente con le forze dell’ordine e altre agenzie di sicurezza nazionale in modi senza precedenti, sia a livello nazionale che internazionale”.

Alcuni esempi di queste “interazioni senza precedenti” tra banche e Stato di sicurezza nazionale sono inclusi nelle raccomandazioni del rapporto. Ad esempio, sostiene che “i governi dovrebbero utilizzare le capacità uniche delle loro comunità di sicurezza nazionale per aiutare a proteggere le FMI [infrastrutture del mercato finanziario] e i sistemi commerciali critici”. Chiede inoltre che “le agenzie di sicurezza nazionali [a] consultino i fornitori di servizi cloud critici [come Amazon Web Services, partner dell’iniziativa WEF-Carnegie] per determinare come la raccolta di informazioni potrebbe essere utilizzata per aiutare a identificare e monitorare potenziali attori di minacce significative e sviluppare un meccanismo per condividere informazioni sulle minacce imminenti” con le aziende tecnologiche.

Il rapporto afferma inoltre che “l’industria finanziaria dovrebbe dare il proprio peso agli sforzi per affrontare la criminalità informatica in modo più efficace, ad esempio aumentando la sua partecipazione agli sforzi delle forze dell’ordine”.

Su quest’ultimo punto, ci sono indicazioni che questo sia già iniziato. Ad esempio, Bank of America, la seconda banca più grande degli Stati Uniti e parte dell’iniziativa WEF-Carnegie e FS-ISAC, è stata segnalata come attivamente ma segretamente impegnata con le forze dell’ordine statunitensi nella caccia agli estremisti politici. dopo gli eventi del 6 gennaio a Capitol Hill. In tal modo, Bank of America ha condiviso informazioni private con il governo federale senza la conoscenza o il consenso dei suoi clienti, portando i critici ad accusare la banca di “agire efficacemente come un’agenzia di intelligence”.

Tuttavia, probabilmente la parte più preoccupante del rapporto è il suo invito a unire prima l’apparato di sicurezza nazionale e l’industria finanziaria, e poi utilizzarlo come modello per fare lo stesso con altri settori dell’economia. Afferma che “proteggere il sistema finanziario internazionale può essere un modello per altri settori”, aggiungendo che “concentrarsi sul settore finanziario fornisce un punto di partenza e potrebbe aprire la strada per proteggere meglio altri settori in futuro”.

Se tutti i settori dell’economia si fondessero anche con lo stato di sicurezza nazionale, si creerebbe inevitabilmente una realtà in cui non c’è parte della vita umana quotidiana che alla fine non sia controllata da queste due entità già molto potenti. Questa è una ricetta chiara per il tecnofascismo su scala globale. Come chiarisce questo rapporto WEF-Carnegie, la tabella di marcia su come inventare un simile incubo è già stata tracciata in coordinamento con le stesse istituzioni, banche e governi che attualmente controllano il sistema finanziario globale.

Non solo, ma – come sottolineato nell’articolo di Unlimited Hangout su Cyber ​​Polygon – il World Economic Forum e molti dei suoi partner hanno un interesse acquisito nel crollo sistemico dell’attuale sistema finanziario. Inoltre, molte banche centrali hanno recentemente sostenuto nuovi sistemi di valuta digitale che possono raggiungere un’adozione rapida e di massa solo se il sistema esistente crolla.

Dato che questi sistemi sono destinati ad essere integrati con gli ID biometrici e i cosiddetti passaporti vaccinali attraverso l’iniziativa WEF e Big Tech Vaccine Credential, vale la pena considerare i tempi del previsto lancio di tali sistemi per determinare quando questo previsto ed è probabile che si verifichi un evento presumibilmente inevitabile.

Con questo nuovo sistema finanziario così profondamente interconnesso a questi sforzi “credenziali”, questo attacco informatico al settore finanziario sarebbe probabilmente avvenuto in un momento in cui faciliterebbe al meglio l’adozione del nuovo sistema economico e la sua integrazione nei sistemi di credenziali attualmente essere promosso come una “via d’uscita” dalle restrizioni relative al COVID-19.

The Last American Vagabond


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


2 pensieri riguardo “COLLASSO SISTEMICO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: