La “stagione di massa della neve” dell’emisfero settentrionale apre 250 gigaton SOPRA la media 1982-2012

5 ottobre 2021; articolo di Cap Allon

Queste prime osservazioni per il grafico “Total Snow Mass For The Northern Hemisphere” della FMI sono state appena tracciate e, come accaduto negli anni precedenti, la stagione si è aperta ben al di sopra della media di 30 anni.

Il punto dati di apertura per la stagione 2021-22 è di circa 250 Gigaton al di sopra della media 1982-2012, dimostrando ancora una volta che le profezie dell’IPCC sulla diminuzione del manto nevoso si sono formate su fondamenta difettose:

Il punto rosso “non cerchiato” indica l’apertura della stagione, a 250 Gts sopra la media [FMI].

Il secondo punto dati (dal 3 ottobre) ha visto una notevole diminuzione, ma solo a un livello che è ancora al di sopra della banda SD superiore.

Storicamente, in questo periodo dell’anno possono esserci delle inversioni di marcia e dovremo aspettare un certo numero di settimane prima che le cose si stabilizzino e si possa determinare una tendenza. Detto questo, tuttavia, è certamente sicuro ipotizzare che questa stagione sarà un’altra esplosiva in termini di copertura nevosa, simile all’anno scorso (mostrato sotto): possiamo supporre questo a causa di:

  1. L’attività solare storicamente bassa che abbiamo sperimentato di recente il suo impatto sulle temperature medie globali, e
  2. Il trend di crescita pluriennale che si sviluppa su TUTTI i grafici del manto nevoso, come gli FMI che uso qui (ma ci sono anche ECCC, tra gli altri, che dipingono lo stesso quadro).
Picco della stagione 2020-21 [FMI].

È stato a lungo previsto che questo imminente inverno dell’emisfero settentrionale sarà straordinario, e mentre l’MSM si affanna a trovare qualsiasi spiegazione per supportare la loro ipotesi di “riscaldamento globale catastrofico” fallita (cioè riscaldamento = raffreddamento), ciò che è molto più probabile, basato su i dati reali, sono che il pianeta Terra è sulla cuspide della sua prossima grande epoca di raffreddamento: un Grande Minimo Solare.

Le prime osservazioni del grafico FMI Total Snow Mass di questa stagione lo supportano.

Così come il calo della temperatura globale iniziato nel 2016:

Così come il fatto che il Polo Sud abbia recentemente sperimentato il suo periodo di 6 mesi più freddo nella storia registrata, rompendo il precedente benchmark detenuto dal 1976, un anno che atterra durante il minimo solare profondo del ciclo solare storicamente debole 20:

E poi abbiamo l’inversione di tendenza delle PMI in Groenlandia, iniziata anche nel 2016.

L’isola più grande del mondo ha sperimentato una serie di stagioni salutari di bilancio di massa superficiale negli ultimi anni durante le quali neve e ghiaccio si sono accumulati a livelli ampiamente superiori alla media 1981-2010 utilizzata dall’Istituto meteorologico danese (DMI):

Non innamorarti delle agende politiche di controllo del giorno.

La storia non ti ricorderà con affetto.

E su questa nota, e con il rischio di infastidire ulteriormente coloro che mi implorano di attenermi alle questioni relative al “clima”, la debacle del COVID sta seguendo una narrativa molto simile. Si prega di guardare l’ultima esposizione di Project Veritas (rilasciata oggi) per ascoltare cosa pensano effettivamente gli scienziati Pfizer del proprio vaccino:


Il Modern Maximum è finito, sotto ogni aspetto

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la sfilza di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.

Grande minimo solare

+

Inversione magnetica dei poli

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Una opinione su "La “stagione di massa della neve” dell’emisfero settentrionale apre 250 gigaton SOPRA la media 1982-2012"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: