“Soluzioni” indossabili ed arresti online

20 maggio 2021; articolo di Jeremy Loffredo.

È in corso una nuova spinta per vendere dispositivi e sensori indossabili come soluzione alle crisi di antidolorifici oppioidi e prigione negli Stati Uniti. Tuttavia, questa “soluzione” è destinata a un costo importante per le libertà civili e la libertà umana in generale.

Negli ultimi anni, la riforma del carcere radicale richiede una soluzione alla crisi degli Stati Uniti è arrivata a permeare la politica nazionale negli Stati Uniti. Con oltre due milioni di persone dietro le sbarre e oltre 400.000 persone morte dall’uso improprio degli oppioidi negli ultimi due decenni, questi argomenti sono spesso in prima pagina dei principali giornali degli Stati Uniti e all’estero.

Tuttavia, allo stesso tempo, il marketing della tecnologia indossabile, o indossabili, come soluzione ad entrambi questi problemi a pulsante a scelta rapida è stato promosso da giocatori chiave sia nei settori pubblico che in privato. Soprattutto da Covid-19, questi dispositivi elettronici che possono essere indossati come accessori, incorporati in abiti o addirittura impiantati sotto la pelle, sono spesso annunciati da corporazioni, accademici e serbatoi di pensieri influenti come “convenienti”, soluzioni tecnologiche a questi problemi profondamente radicati .

Tuttavia, come sarà coperto da questo articolo, lo spostamento verso le indossabili può offrire più costi dei benefici, in particolare quando si tratta di questioni di libertà civili e privacy.


Il forum economico mondiale e gli indossabili

Klaus Schwab, fondatore del World Economic Forum, Fonte: Moritz Hager, WEF

Sulla carta, il World Economic Forum (WEF, noto anche come organizzazione internazionale per la cooperazione pubblica e privata) è una ONG e Think Tank “impegnati a migliorare lo stato del mondo”. In realtà, è una rete internazionale di alcune delle persone più ricche e potenti della terra. L’organizzazione è meglio conosciuta per la sua riunione annuale della (per lo più bianca, europea e nordamericana). Ogni anno hedge fund manager, banchieri, amministratori delegati, rappresentanti dei media e capi di stato si riuniscono a Davos a forma agenti globali, regionali e industriali.” Come Foreign Affairs ha ammesso una volta, “il WEF non ha un’autorità formale, ma è diventato un importante forum per le élite per discutere idee e priorità politiche”.

Nel 2017, WEF fondatore Klaus Schwab ha messo fuori un libro chiamato “La quarta rivoluzione industriale”. Il WEF utilizza il termine quarto rivoluzione industriale (4IR) per indicare l’attuale “rivoluzione tecnologica” che sta cambiando il modo in cui le persone “vivono, lavorano e si riferiscono tra loro” e con implicazioni “a differenza di qualsiasi cosa l’umanità ha sperimentato prima”. Il 4IR è caratterizzato da nuove tecnologie come l’intelligenza artificiale (AI), la robotica, la stampa 3D e la “internet delle cose” (IoT), che denota essenzialmente incorporando cose con sensori – compresi i corpi umani sotto forma di indossabili.

Come le “rivoluzioni” industriali che sono venute prima, il tema principale per la quarta rivoluzione industriale del WEF è che consentirà alle aziende di produrre più, più rapidamente e per molto meno denaro.

Nel libro, Schwab positions la tecnologia indossabile come chiave per aiutare le aziende a organizzarsi attorno al lavoro remoto fornendo i propri datori di lavoro “con uno scambio continuo di dati e approfondimenti sulle cose o sui compiti attivati”. In una vena simile, Schwab sottolinea la “ricchezza di informazioni che possono essere raccolte da dispositivi indossabili e tecnologie impiantabili”.

Ma a differenza delle “rivoluzioni” industriali del passato, il 4IR del WEF mira a sfocare la distinzione tra le sfere fisiche, digitali e biologiche. E il WEF è un avvocato vocale per i wearables nella loro propensione a spingere ciò che chiama “Miglioramento umano”.

Nel 2018, Schwab ha collaborato con il “Head of Society and Innovation” del WEF Nicholas Davis per scrivere un libro di follow-up intitolato Shaping the Future of the Fourth Industrial Revolution. Essendo stato con l’organizzazione per oltre un decennio, Davis è stata la scelta più ovvia di essere coautore di questo libro poiché ora “conduce il tema della quarta rivoluzione industriale” al WEF.

Schwab e Davis vedono i dispositivi indossabili solo come un trampolino di lancio per il 4IR, scrivendo che i dispositivi indossabili “diventeranno quasi certamente impiantabili” nel corpo e nel cervello. “Dispositivi indossabili esterni, come orologi intelligenti, auricolari intelligenti e occhiali per realtà aumentata, stanno lasciando il posto a microchip impiantabili attivi che rompono la barriera cutanea del nostro corpo, creando possibilità intriganti che vanno dai sistemi di trattamento integrati alle opportunità per il miglioramento umano”, affermano.

Gli autori notano il potenziale per “guidare un’industria del miglioramento umano” che, a sua volta, aumenterebbe la “produttività dei lavoratori”. Tuttavia, altri gruppi, compresi quelli che collaborano con il WEF, vedono altre potenziali applicazioni per il loro utilizzo ben oltre il posto di lavoro.

Indossabili, la crisi degli oppiacei e la guerra alla droga

Deloitte, la più grande società di contabilità al mondo e partner di lunga data del WEF, ha promosso i dispositivi indossabili come un modo per risolvere l’epidemia di oppiacei. Nel 2016, il Center for Government Insights di Deloitte ha pubblicato un rapporto che illustra come combattere la crisi degli oppiacei. Gli autori sostengono che “tecnologi” e “innovatori” dovrebbero essere parte della soluzione alla crisi degli oppioidi. Quindi, nel 2018, l’azienda ha pubblicato un articolo intitolato “Strategie per arginare l’epidemia di oppiacei”, spiegando come l’analisi dei dati potrebbe essere utilizzata per aiutare i gestori dei benefit delle farmacie a tracciare il loro corso.

Ryan O’Shea, Source: LinkedIn

Altri partner del WEF sono più direttamente coinvolti in questo sforzo. Ad esempio, WEF “Global Shaper” Ryan O’Shea è il co-fondatore di Behavior, un’azienda che afferma di creare “tecnologia per prevedere e prevenire le ricadute della dipendenza” utilizzando dispositivi indossabili. O’Shea, oltre ai suoi legami con il WEF, è anche il social media manager di Humanity Plus, ex World Transhumanist Association, che ha ricevuto 100.000 dollari da Jeffrey Epstein nel 2018 oltre a precedenti donazioni da enti di beneficenza collegati a Epstein. Epstein ha anche donato somme significativo al presidente di Humanity Plus, Ben Goertzel.

Secondo il sito web Behavior, la missione dell’azienda è come segue:

“Stiamo creando un software in grado di acquisire flussi di dati in tempo reale da dispositivi indossabili che rilevano la frequenza cardiaca, la variabilità della frequenza cardiaca, la temperatura della pelle, il movimento e la risposta galvanica della pelle (che è correlata ai livelli di stress). Questi dati vengono combinati con altre informazioni digitali sul comportamento, come la posizione GPS. Man mano che il comportamento e la fisiologia cambiano, il nostro software controlla se gli utenti si trovano o meno in uno stato di brama pre-ricaduta”.

L’azienda si propone come una soluzione per i governi che vogliono ridurre i costi. “Ridurre le ricadute della dipendenza non solo salva vite umane, ma consente anche di risparmiare notevoli quantità di denaro riducendo i nuovi arresti e le reincarcerazioni”, si legge sul sito Behavior. Secondo i registri del governo, Behavior ha ricevuto 533.000 dollari dal NIH sin dalla sua fondazione. Riceve anche il sostegno del National Institute on Drug Abuse e della National Science Foundation. Significativamente, l’azienda descrive la propria attenzione sull’abuso di oppiacei come il “caso d’uso iniziale” dell’azienda, il che implica che la tecnologia potrebbe presto essere applicata ad altre sostanze illecite. In una sezione del loro sito Web intitolata Opportunità di mercato, l’azienda menziona il numero di americani “dipendenti da droghe e alcol” e implica che potrebbe essere utilizzato per qualsiasi tipo di dipendenza da sostanze per cui le persone cercano un trattamento, comprese le sostanze attualmente legali acquistare e consumare.

Fonti di finanziamento e partnership di Behavior Fonte: https://www.behaivior.com

L’anno scorso, il NIH ha anche donato a un’altra società, Emitech, $ 328.000 per realizzare un “braccialetto per l’avambraccio per il monitoraggio e l’allarme rapido dell’assunzione di oppioidi in loco”. Sul loro sito Web, Emitech afferma che “i nostri principali utenti target saranno le unità delle forze dell’ordine”, ma aggiunge che potrebbero essere utilizzati in altre strutture come “centri di trattamento della droga” e “ovunque siano richiesti test antidroga”.

Non diversamente dalle società private che stanno finanziando, il governo federale sta anche spostando denaro verso dispositivi indossabili utilizzati per rilevare altre sostanze criminalizzate e legali in alcuni o tutti gli stati. Il NIH ha concesso denaro ad alcuni sensori indossabili per l’alcol e a un sensore indossabile per la cocaina. Inoltre, è stata messa a disposizione una sovvenzione per “la ricerca e lo sviluppo di marcatori digitali per il rilevamento dell’intossicazione acuta da marijuana”.

Il fatto che la rete del WEF veda i dispositivi indossabili come la chiave per arginare l’epidemia di oppiacei è particolarmente significativo dato che l’amministratore di Biden ha segnalato che si concentrerà molto su questa crisi una volta che la crisi del COVID-19 si sarà placata.

“La linea di fondo per l’amministrazione Biden è che la crisi [degli oppioidi] entrerà in piena consapevolezza una volta che il covid inizierà a passare in secondo piano, forse nella prima metà del 2021”, ha scritto il Washington Post a un professore nel dicembre 2020.

Dalle carceri private alle carceri indossabili

In un modo molto correlato, anche la classe dirigente sembra sposare la questione dell’incarcerazione di massa con la rivoluzione dei wearables.

“In un mondo digitale con cavigliere e dispositivi GPS, non c’è motivo di credere che la reclusione fisica sia l’unica opzione per coloro che sono stati condannati per reati non violenti”, ha scritto Darrell West per il Brookings Institute nel 2015. “Rispetto all’incarcerazione, i braccialetti alla caviglia e i dispositivi GPS sembrano molto più tollerabili. Mantengono i delinquenti nella società, sono meno punitivi delle carceri e sono molto meno costosi”.

West inquadra questa incarcerazione digitale come un’alternativa desiderabile in cui i governi possono tagliare i costi ma continuare a imprigionare la stessa quantità di persone come fanno ora. “Se non troviamo alternative alla detenzione fisica, i costi sociali ed economici delle carceri continueranno a salire alle stelle”, scrive.

Alternativa all’incarcerazione tramite il programma di riabilitazione del produttore di braccialetti alla caviglia Corrisoft, fonte: Corrisoft

Nel 2013, Deloitte, partner del WEF, ha pubblicato un articolo su quella che chiama “carcerazione virtuale”. Prevede un sistema di monitoraggio automatizzato in cui gli ufficiali di libertà vigilata possono tenere traccia delle posizioni delle persone e un sistema automatizzato invia loro “notifiche quando hanno appuntamenti imminenti, se entrano in zone ad alta criminalità o se i loro movimenti indicano che stanno diventando più propensi a commettere un crimine”.

L’articolo vede anche l’uso di questo sistema che si estende oltre l’industria carceraria:

“ … Le applicazioni esistenti possono già stimare il contenuto di alcol nel sangue con la stessa precisione di un etilometro e prevedere l’insorgenza della depressione. Nel prossimo futuro, il contatto con i gruppi di supporto tra pari, le notifiche push dai case manager e l’accesso ai datori di lavoro e ad altre reti potrebbero essere disponibili con il semplice tocco di un pulsante”.

Un articolo della Australian Broadcasting Corporation del 2017 ha introdotto qualcosa chiamato Technological Incarceration Project (TIP), un’impresa creata dal professore di diritto Dan Hunter. Il TIP propone una forma di “detenzione domiciliare” utilizzando “sensori elettronici che monitorano i trasgressori condannati su base 24 ore su 24”. Questo sistema, che l’Australian Broadcast Corporation chiama “Internet dell’incarcerazione”, ha lo scopo di sostituire i guardiani e le carceri fisiche, utilizzando invece l’intelligenza artificiale avanzata e l’apprendimento automatico per rilevare se un crimine sta per essere commesso e garantire che non lo faccia.

“I trasgressori sarebbero dotati di un braccialetto o una cavigliera elettronici in grado di erogare uno shock invalidante se un algoritmo rileva che sta per essere commesso un nuovo crimine o violazione”, spiega.

Nel 2018, Hunter ha scritto un articolo sul Journal of Criminal Law and Criminology proponendo questo sistema come una “grande rivoluzione per il settore carcerario”, sostenendo che “avrebbe provocato la chiusura di quasi tutte le carceri negli Stati Uniti” e “porre fine alla crisi carceraria”. Secondo la Swinburne University of Technology, di cui è preside, il lavoro di Hunter è stato sostenuto dagli Stati Uniti. Fondazione nazionale per la scienza del governo.

La chiave della sua rivoluzione è un braccialetto alla caviglia con tracciamento GPS e un dispositivo di energia condotto incorporato, per amministrare la scossa elettrica e inabilitare i prigionieri fino all’arrivo della polizia.

L’articolo delinea il piano per l’incarcerazione tecnologica in tre componenti:

“In primo luogo, ai trasgressori sarebbe richiesto di indossare cavigliere elettroniche che monitorino la loro posizione e assicurino che non si spostino al di fuori delle aree geografiche in cui sarebbero confinati. In secondo luogo, i detenuti sarebbero costretti a indossare sensori in modo che attività illegali o sospette possano essere monitorate a distanza dai computer. In terzo luogo, i dispositivi energetici condotti sarebbero usati a distanza per immobilizzare i prigionieri che tentano di fuggire dalle loro aree di reclusione o commettono altri crimini”.

Hunter e i suoi coautori sostengono che il monitoraggio remoto tramite sensori indossabili è un’alternativa superiore alle tradizionali telecamere di sorveglianza. “… La nostra proposta richiede ai detenuti di indossare una serie di sensori remoti, compresi quelli per suono, video e movimento, collegati a sistemi informatici centrali in grado di rilevare comportamenti non autorizzati”, scrivono.

Hunter e i suoi coautori insistono inoltre sul fatto che il terzo passaggio, l’“immobilizzazione a distanza dei delinquenti”, renderebbe effettivamente questa incarcerazione tecnologica più sicura di una prigione convenzionale, poiché non vi è alcuna possibilità di fuga dei prigionieri.

Il modello di incarcerazione di Hunter è dichiarato come un “sistema in grado di determinare se un detenuto sta avendo un episodio psicotico (dal riconoscimento vocale e dall’elaborazione audio degli stati emotivi di un detenuto), sta minacciando un altro (dall’elaborazione audio degli stati emotivi di tutte le persone). all’interno dell’ambiente del detenuto e l’elaborazione video del comportamento del detenuto), o sta cercando di lasciare una zona designata (dal rilevamento GPS)”.

Degno di nota è il fatto che diverse carceri negli Stati Uniti stanno già utilizzando la tecnologia di identificazione vocale biometrica e il monitoraggio della geolocalizzazione sui prigionieri e sui non detenuti che chiamano al telefono.

Inoltre, il piano di Hunter di utilizzare i dispositivi indossabili per allontanarsi dalle prigioni tradizionali, delineato per la prima volta diversi anni fa, sembra più vicino a realizzarsi rispetto a qualche anno fa. Ad esempio, nel 2019, il Dipartimento di Giustizia ha concesso una borsa di studio ai ricercatori della Purdue University, per aiutarli a sviluppare un sistema di monitoraggio basato su dispositivi indossabili per coloro che altrimenti sarebbero in carcere. Il sistema di monitoraggio elettronico è stato implementato nelle correzioni della contea di Tippecanoe in Indiana nell’ambito di un programma di “detenzione domiciliare”.

Inoltre, l’altra metà del piano di Hunter, che utilizza l’intelligenza artificiale per elaborare le comunicazioni dei prigionieri e prevenire il crimine, è già in corso negli Stati Uniti.

Amazon ora commercializza i suoi servizi di trascrizione AI sia alle carceri che alle forze dell’ordine. Il sistema di intelligenza artificiale dell’azienda utilizza la tecnologia di riconoscimento vocale e il software di apprendimento automatico per creare un database di parole. Come riportato da ABC News, “quindi informano i partner delle forze dell’ordine quando il sistema rileva un linguaggio o frasi sospetti”.

“Tra un anno, tutto quel gergo potrebbe essere obsoleto, quindi gli investigatori alimentano costantemente nuove informazioni sul gergo carcerario in database su misura per la loro giurisdizione o area regionale”, ha spiegato ABC.

“Abbiamo insegnato al sistema come parlare ai detenuti”, ha affermato James Sexton, dirigente di LEO Technologies, una società che utilizza i servizi di trascrizione di Amazon.

“Risolvere” le crisi sorvegliando tutto

Inoltre, a causa della crisi COVID-19, il governo federale ha adeguato sia la politica sul trattamento degli oppioidi che la politica carceraria per soddisfare maggiormente le nuove soluzioni basate sui dispositivi indossabili.

Sotto l’amministrazione Trump, il Federal Bureau of Prisons ha iniziato a dare la priorità ai confinamenti domiciliari per limitare la diffusione del COVID-19 nelle carceri. Mentre quei detenuti dovevano riferire in prigione quando l’“emergenza coronavirus” era finita, Biden ha recentemente esteso l’emergenza nazionale e l’HHS si aspetta che la crisi duri almeno fino a dicembre.

Inoltre, anche a causa della crisi COVID-19, il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti ha modificato i suoi regolamenti nel 2020 in modo che il trattamento per la dipendenza da oppiacei possa ora essere effettuato a distanza. “La pandemia ha reso possibile vedere un fornitore autorizzato da casa”, ha riferito il New York Times.

Inoltre, l’uso di questi dispositivi indossabili per il monitoraggio della salute è cresciuto di oltre il 35% durante la pandemia. “Tutte queste tecnologie di sorveglianza, come molte altre mitigazioni COVID-19, vengono implementate rapidamente durante la crisi”, ha spiegato il gruppo per i diritti digitali Electronic Frontier Foundation (EFF).

Diverse tecnologie indossabili sono state commercializzate specificamente come risposta alla crisi COVID-19, con un numero incentrato esclusivamente sul monitoraggio della posizione dei propri utenti per il distanziamento sociale o l’applicazione della quarantena. “RightCrowd” è un cordino che i dipendenti possono indossare per aiutare le aziende a imporre il distanziamento sociale e il tracciamento dei contatti in ufficio. “SafeZone” è un sensore indossabile che emette una luce quando le persone si trovano a meno di sei piedi l’una dall’altra ed è attualmente utilizzato dalla NFL. E, come riportato dall’Electronic Frontier Foundation (EFF), “i tribunali del Kentucky e della Virginia Occidentale hanno imposto l’uso di manette elettroniche alla caviglia per le persone che si sono rifiutate di sottoporsi alle procedure di quarantena dopo essere risultate positive al COVID-19”.

Il localizzatore biometrico Oura Ring. Fonte: https://ouraring.com/

Eppure molti dei nuovi dispositivi indossabili di oggi sono in grado di accedere a dati che vanno ben oltre la propria posizione. L’Oura Ring, un tracker del sonno indossato con le dita, monitora la temperatura per prevedere l’insorgenza della febbre nel COVID-19 ed è attualmente utilizzato dalla NBA. Halo di Amazon, un braccialetto, sarà presto in grado di rilevare i sintomi del COVID-19. Halo scansiona il corpo e la voce dell’utente, monitora la pressione sanguigna e ha lo scopo di “riferire il tuo stato emotivo durante il giorno”. E, nel marzo 2020, la FDA statunitense ha concesso l’autorizzazione all’uso di emergenza ai braccialetti realizzati da una società chiamata Tiger Tech. Le bande sono progettate per monitorare il flusso sanguigno e analizzare la frequenza cardiaca e l’ipercoagulazione, un sintomo di insorgenza di COVID-19.

Un’altra azienda, BioIntellisense, si definisce una “nuova era di dispositivi indossabili di grado medico che consentiranno a medici e infermieri di raccogliere dati da pazienti che si trovano al di fuori di un ospedale”. Il suo primo prodotto, il BioSticker, è il “primo dispositivo monouso approvato dalla FDA per un massimo di 30 giorni di monitoraggio continuo dei segni vitali”. È una toppa progettata per essere indossata sul petto per quella che l’azienda chiama un’esperienza di “acquisizione dati remota senza sforzo”. La società ha ricevuto $ 2,8 milioni dal Dipartimento della Difesa nel dicembre 2020 per rendere questi prodotti indossabili disponibili sia per i militari che per il pubblico.

Come ha affermato il New York Times lo scorso novembre, “la nuova tecnologia covid è indossabile e ti segue costantemente”.

“La necessità di affrontare la pandemia con qualsiasi mezzo disponibile ha rimosso alcuni degli impedimenti normativi e legislativi relativi all’adozione della telemedicina”, hanno scritto Klaus Schwab e l’economista francese Thierry Malleret nel loro libro “COVID-19: The Great Reset”, pubblicato su Luglio 2020. “In futuro, è certo che verranno fornite più cure mediche a distanza. A sua volta, accelererà la tendenza verso più indossabili”, continuano.

L’allineamento politico tra il WEF e l’attuale amministrazione Biden qui è chiaro. L’ex segretario di Stato John Kerry – inviato speciale presidenziale di Biden per il clima – ha dichiarato fermamente a dicembre che l’amministrazione Biden sosterrà il Great Reset e che il Great Reset “avrà una velocità e un’intensità maggiori di quanto molti possano immaginare.”

L’allineamento tra il WEF e il governo federale degli Stati Uniti in questo settore può essere visto anche presso la FDA. Nel settembre 2020, la FDA degli Stati Uniti ha lanciato il Digital Health Center of Excellence, con l’obiettivo di “innovare approcci normativi per fornire una supervisione efficiente e meno gravosa”.

Il direttore capo di questo nuovo progetto della FDA è Bakul Patel, che “ha guidato gli sforzi normativi e scientifici relativi ai dispositivi sanitari digitali presso la FDA dal 2010”, secondo la FDA.

Come molte figure del governo federale degli Stati Uniti, Patel ha stretti legami con le stesse industrie di cui è stato incaricato di regolamentare. Attualmente guida lo Scientific Leadership Board della Medicine Society (DMS), un’organizzazione che esemplifica l’obiettivo della classe dirigente di integrare la tecnologia indossabile nella vita quotidiana delle persone. Il gruppo ha recentemente moderato un panel del WEF sul “Wearable Data Trove” e sta sponsorizzando un’imminente conferenza chiamata “Wearable injectors and Connected Devices”.

Bakul Patel della FDA – Il software come dispositivo medico | Medicina esponenziale

Un modo in cui si può dedurre la propensione del nuovo Centro di eccellenza per la salute digitale della FDA verso i dispositivi indossabili è esaminando l’attività di alcuni dei DMS, e quindi di Patel, i finanziatori aziendali – Deloitte, Takeda, Biogen e Pfizer – tutti “partner strategici” di il WEF.

Takeda sta sperimentando un’app che funziona su dispositivi indossabili di consumo che raccoglie dati cognitivi e comportamentali per valutare le persone affette da depressione. Biogen ha recentemente iniziato a lavorare con Apple per “testare il valore” dei dispositivi indossabili di consumo per raccogliere e trasmettere dati biometrici sulle prestazioni cognitive e sull’attività cerebrale per prevedere i disturbi futuri.

Il CEO di Pfizer Albert Bourla ha scritto un articolo apparso sul sito del WEF, scrivendo che i dispositivi indossabili sono “pronti a diventare uno strumento prezioso per incentivare un comportamento sano” e citando gli esempi di lenti a contatto per gli occhi “intelligenti”, cerotti e “indossare le orecchie”.

Bourla ha anche scritto:

“La nostra attività di Oncologia ha recentemente lanciato un’app gratuita, LivingWith, che aiuta i malati di cancro a connettersi con i propri cari, gestire gli appuntamenti e registrare come si sentono. L’app si sincronizza anche con i dispositivi indossabili per il fitness, consentendo ai pazienti di condividere con i medici un ritratto più completo della propria salute. E per i pazienti con emofilia, la nostra attività per le malattie rare ha sviluppato HemMobile Striiv Wearable, un dispositivo per il monitoraggio dell’attività e della frequenza cardiaca e per la registrazione delle infusioni e degli episodi di sanguinamento. Tali informazioni dettagliate consentiranno davvero agli operatori sanitari di fornire cure personalizzate e consentiranno anche ai pazienti di assumere un ruolo più attivo nella gestione della propria salute”.

Nel 2019, il gigante farmaceutico Pfizer è arrivato al punto di definire la tecnologia indossabile una rivoluzione, tramite contenuti sponsorizzati su STAT News. La società ha anche collaborato con IBM e Amazon per sviluppare un sistema IoT (Internet of Things) di sensori indossabili in grado di misurare gli indicatori dei pazienti 24 ore su 24, 7 giorni su 7 “con la stessa accuratezza clinica che un medico raccoglie in ufficio”.

Pertanto, oltre a lanciare dispositivi indossabili attraverso programmi rivolti a detenuti e tossicodipendenti, la classe dirigente ha indicato il desiderio di “integrare” i dispositivi indossabili sposandoli con il “futuro dell’assistenza sanitaria”. In “COVID-19: The Great Reset”, Schwab e Malleret scrivono che alla fine, l’uso dell’intelligenza artificiale e della tecnologia indossabile farà crollare la distinzione tra sistemi sanitari pubblici e “sistemi di creazione di salute personalizzati”.

La servitù digitale come riforma carceraria

Dato che attori del settore come Pfizer e Biogen sono in prima linea nella spinta per i dispositivi indossabili e che questi giocatori sono stati tradizionalmente incentrati sul profitto nelle loro motivazioni, è praticamente garantito che la tendenza verso la tecnologia indossabile avrà un costo.

Forse il costo più ovvio sarà l’ulteriore degrado della privacy. Senza dubbio, l’adozione di queste tecnologie intensificherà la tendenza di governi e aziende a spiare cittadini e consumatori.

Per alcuni, l’attuale crisi della salute pubblica ha mitigato gran parte dello stigma negativo sull’“indossare la tecnologia”.
Come ha detto a ZDNET l’analista tecnologico Rajit Atwal in ottobre, “quello che potrebbe essere stato un mercato per questo pre-COVID, è probabile che ci sia un mercato potenzialmente più grande dopo il COVID o anche durante il COVID in termini di persone che desiderano essere più attive nel monitoraggio la loro salute”.

“Date accesso a ciò che sta accadendo all’interno del vostro corpo e del vostro cervello in cambio di un’assistenza sanitaria di gran lunga migliore? Le persone rinunceranno alla loro privacy in cambio dell’assistenza sanitaria”, ha affermato Yuval Noah Harari, professore di storia spesso presente al WEF, nel 2018. “E in molti luoghi non avranno scelta”. Tuttavia, due anni dopo, alla riunione annuale del WEF del 2020, Harari dichiarò che l’uso di massa dei dispositivi indossabili sarebbe stato un momento di “spartiacque” che avrebbe preannunciato l’inizio dell’era delle “dittature digitali”.

Fonte: Internet of Bodies Briefing Paper del WEF

Il potenziale uso improprio dei dispositivi indossabili da parte del settore pubblico e privato ha portato i critici a sostenere che l’attrattiva del monitoraggio della propria salute non dovrebbe sminuire il fatto che i dispositivi indossabili sono essenzialmente tracker indossabili. “Non dovrebbe sembrare normale essere rintracciati ovunque o dover dimostrare la propria posizione”, ha scritto l’EFF nel giugno 2020.

Dal New York Times:

“Gli esperti di diritti civili e privacy avvertono che la diffusione di tali dispositivi indossabili di monitoraggio continuo potrebbe portare a nuove forme di sorveglianza che sopravvivono alla pandemia, introducendo nel mondo reale lo stesso tipo di monitoraggio esteso che aziende come Facebook e Google hanno istituito online. Avvertono anche che alcuni sensori indossabili potrebbero consentire a datori di lavoro, college o forze dell’ordine di ricostruire le posizioni o i social network delle persone, raffreddando la loro capacità di incontrarsi e parlare liberamente. E dicono che questi rischi di data mining potrebbero colpire in modo sproporzionato determinati lavoratori o studenti, come immigrati privi di documenti o attivisti politici”.

“È agghiacciante che questi dispositivi invasivi e non provati possano diventare una condizione per mantenere il nostro lavoro, frequentare la scuola o prendere parte alla vita pubblica”, ha detto al New York Times Albert Fox Cahn, direttore esecutivo del Surveillance Technology Oversight Project.

Inoltre, i dispositivi indossabili che tracciano e contengono i propri dati sanitari comportano una minaccia particolare. “Le tecnologie indossabili rischiano di generare oneri di ansia e stigma per i loro utenti e di riprodurre le disuguaglianze di salute esistenti”, hanno scritto John Owens e Alan Cribb sulla rivista “Philosophy & Technology” nel 2017. “Tecnologie indossabili che sottopongono i loro utenti a epistemologie biomediche e consumistiche, norme e valori rischiano anche di minare processi di deliberazione autenticamente autonomi”.

Inoltre, i critici affermano che mentre l’“incarcerazione digitale” può sembrare un’alternativa desiderabile all’“incarcerazione di massa”, è semplicemente l’incarcerazione con un altro nome.

Come ha scritto l’autrice Michelle Alexander sul New York Times in risposta a modelli simili di “carcerazione elettronica” che stavano spuntando nel 2018:

“Anche se sei abbastanza fortunato da essere “liberato” da un carcere fisico grazie a un algoritmo informatico, un costoso dispositivo di monitoraggio probabilmente ti sarà incatenato alla caviglia: un dispositivo di localizzazione GPS fornito da una società privata che potrebbe addebitarti circa $ 300 al mese, un canone di leasing involontario. Le zone di movimento consentite possono rendere difficile o impossibile ottenere o mantenere un lavoro, frequentare la scuola, prendersi cura dei propri figli o visitare i familiari. Sei effettivamente condannato a una prigione digitale a cielo aperto, che potrebbe non estendersi oltre la tua casa, il tuo blocco o il tuo quartiere. Un passo falso (o un malfunzionamento del dispositivo di localizzazione GPS) porterà i poliziotti alla tua porta di casa, al tuo posto di lavoro o ovunque ti trovino e ti riporteranno in prigione”.

“Trovo difficile definire questo progresso”, spiega Alexander. “Per come la vedo io, le prigioni digitali sono per l’incarcerazione di massa ciò che Jim Crow era per la schiavitù… Se l’obiettivo è porre fine all’incarcerazione di massa e alla criminalizzazione di massa, le prigioni digitali non sono una risposta. Sono solo un altro modo di porre la domanda”.

Alcuni addirittura vedono l’incarcerazione digitale come un sistema peggiore del sistema fisico, in termini di privacy. “A prima vista, queste alternative possono sembrare una vittoria per tutti”, ha scritto Maya Schenwar in Truthout. Invece di svolgersi in un’istituzione infernale, la prigione avviene “nel comfort di casa tua” (l’ultimo annuncio americano per qualsiasi cosa). Tuttavia, questo cambiamento minaccia di trasformare la definizione stessa di “casa” in una in cui la privacy e forse anche il “comfort” vengono sottratti dall’equazione.

“In un mondo di monitor elettronici, polizia predittiva, condivisione di dati tra agenzie, telecamere nascoste e registri, la reclusione si estende non solo oltre le mura della prigione o del penitenziario, ma oltre ogni spazio contenuto”, continua Schenwar. “Nel nuovo mondo della carcerazione, la tua casa è la tua prigione. Il tuo blocco è la tua prigione. La tua scuola è la tua prigione. Il tuo quartiere… la tua città… il tuo stato… il tuo paese è la tua prigione”.

Il capitalismo degli stakeholder di sorveglianza

Ancora dalla presentazione di Wearable Data Troves al Global Technology Governance Summit del WEF.

A parte le preoccupazioni sulla privacy, un effetto collaterale meno ovvio della “rivoluzione” dei dispositivi indossabili è il suo potenziale per alimentare e spingere la visione più ampia del WEF per il futuro – qualcosa che chiama capitalismo delle parti interessate.

Il WEF è impegnato a promuovere il capitalismo degli stakeholder, un sistema in cui le società private sono i “fiduciari della società”. (Secondo Schwab, il vero motivo per cui ha creato il WEF in primo luogo è stato quello di aiutare i leader politici e aziendali a implementare [il capitalismo delle parti interessate])

Il modello di Schwab impone che le aziende dovrebbero iniziare ad espandere la loro definizione di “valore” lontano dai rendimenti per gli azionisti. In quanto tale, la pietra angolare del “capitalismo delle parti interessate” sono i dati. Affinché le aziende inizino a prendere decisioni che “avvantaggiano la società”, hanno bisogno di metriche complete su quali decisioni si dimostrerebbero “preziose”.

Naturalmente, avere persone che camminano indossando la tecnologia con i propri dati sulla posizione, la storia medica, i segni vitali in tempo reale, le conversazioni orali, lo stato emotivo attuale e quindi il loro “comportamento” è un sogno che diventa realtà per il modello.

E mentre le popolazioni più emarginate, cioè quelle che rischiano di essere rinchiuse per reati di droga negli Stati Uniti, saranno le prime a essere colpite da questa sorveglianza pervasiva, la rete del WEF la vede come la visione del futuro per tutti noi.

Immagine in primo piano: fotogramma dal video RAND Cos’è l’Internet dei corpi

Fonte: UnlimitedHangaut

Autore

Jeremy Loffredo è un giornalista e ricercatore con sede a Washington, DC. In precedenza è un produttore di segmenti per RT AMERICA ed è attualmente un reporter investigativo per Children’s Health Defense.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: