Il riscaldamento negli ultimi 20 anni provocato dai cambiamenti nella copertura nuvolosa

Pubblicato il da Enzo Ragusa

Di P. Gosselin – 9 Ottobre 2021

La scienza non si ferma mai. Nuove scoperte di ricercatori tedeschi sfidano l’affermazione dell’IPCC secondo cui i gas serra hanno causato il recente riscaldamento. Al contrario i dati indicano modifiche alla copertura nuvolosa ridotta. 

Di Fritz Vahrenholt e Hans-Rolf Dübal

(tradotto e sottotitoli a cura di P. Gosselin)

Hans-Rolf Dübal e Fritz Vahrenholt hanno studiato il bilancio delle radiazioni della Terra negli ultimi 20 anni in una pubblicazione peer-review apparsa su “Atmosphere”.

Il flusso radiativo netto, ovvero la differenza tra l’irraggiamento solare e la radiazione a onde lunghe e corte, determina la variazione del contenuto energetico del sistema climatico. Se è positivo, la Terra si riscalda; se è negativo significa che la Terra dovrà subire un raffreddamento. Il progetto CERES basato su satellite, gestito dalla NASA, fornisce tali dati sulle radiazioni, nonché dati sull’evoluzione della copertura nuvolosa in risoluzione temporale e spaziale da due decenni. Questi dati sono determinati sia in relazione ad un’altitudine di circa 20 km (TOA = “Top of Atmosphere”), e in relazione alla superficie terrestre.

Questa pubblicazione: Variazione del flusso di energia radiativa dal 2001 al 2020, Dübal H.-R.; Vahrenholt F., apparso questa settimana in Atmosphere 2021, 12, 1297, ha portato alla luce un risultato sorprendente per la scienza del clima: il riscaldamento della Terra negli ultimi 20 anni è dovuto principalmente ad una maggiore permeabilità delle nuvole per la radiazione solare a onde corte. Durante il periodo, la radiazione a onde corte è fortemente diminuita (vedi grafico) e questo accade in egual misura sia per l’emisfero nord che per il sud (NH e SH). Con l’irradiamento solare che rimane quasi costante, ciò significa che più radiazioni a onde corte hanno raggiunto la superficie terrestre, contribuendo al riscaldamento.

La radiazione di ritorno a onde lunghe (il cosiddetto effetto serra) ha contribuito solo in misura minore al riscaldamento. È stato persino compensato in larga misura dalla crescente permeabilità delle nuvole per le radiazioni a onde lunghe emanate dalla terra. Gli autori sono giunti a questa chiara conclusione dopo aver valutato i dati sulle radiazioni del CERES.

Afflusso netto di energia positiva a causa di nubi meno basse

I ricercatori della NASA guidati da Norman Loeb, insieme al ricercatore finlandese Antero Ollila, avevano già di recente sottolineato che la radiazione solare a onde corte è aumentata dal 2005 al 2019 a causa della diminuzione delle nubi basse. Dübal e Vahrenholt ora hanno esaminato il TOA e i flussi di radiazioni a livello del suolo per l’intero periodo e li hanno messi in relazione con i cambiamenti nella copertura nuvolosa. L’afflusso netto di energia è stato positivo per tutto il periodo, passando da 0,6 W/m² a 0,75 W/m² dal 2001 al 2020.

La media dei 20 anni è stata di 0,8 W/m². Il grafico successivo mostra i driver dietro questo cambiamento e questi sono chiaramente nell’area della radiazione a onde corte nelle aree nuvolose, che rappresentano circa i 2/3 della superficie terrestre (SW Cloudy Area, +1,27 W/m²). Ciò è in contrasto con l’ipotesi presentata dall’IPCC nel suo ultimo rapporto secondo cui il riscaldamento dovuto all’aumento della radiazione posteriore a onde lunghe è dovuto esclusivamente all’effetto serra antropogenico.

Differenze di flusso della radiazione modulate dai cambiamenti della copertura nuvolosa

L’IPCC attribuisce il 100% del riscaldamento a questo effetto e lo giustifica con calcoli modello. Tuttavia, l’analisi dei dati misurati da Dübal e Vahrenholt mostra che il riscaldamento dovuto alla diminuzione della radiazione a onde corte (1,4 W/m²) e all’aumento della radiazione a onde lunghe (1,1 W/m²) è dovuto principalmente all’effetto nube.

Entalpia del sistema climatico

Gli autori hanno anche considerato l’effetto di questo eccesso radiativo sul contenuto di calore del sistema climatico per un periodo più lungo dal 1750, dove per “entalpia” si intende la somma di calore, lavoro e calore latente, cioè calore di evaporazione dell’acqua, calore di fusione del ghiaccio, cambiamento energetico della biosfera (crescita delle piante), e così via. Poiché circa il 90% di questa entalpia rimane sotto forma di calore negli oceani, è possibile trarre conclusioni sull’evoluzione dell’entalpia anche osservando il contenuto di calore dell’oceano a lungo termine (OHC).

È stato trovato un buon accordo tra questi due set di dati indipendenti per il periodo 2001-2020. Inoltre, i dati OHC esistenti sono stati valutati per periodi precedenti e più lunghi per fornire un quadro generale. Ciò mostra che il riscaldamento dal 1750 non è stato continuo, ma si è verificato in scatti di riscaldamento, designati A, B e C, durante ciascuno dei quali un flusso radiativo netto elevato (da 0,7 a 0,8 W/m²) ha agito per 20-30 anni, intervallati da periodi più miti.

L’inizio di questi episodi di riscaldamento ha coinciso con il cambiamento di segno di un altro noto fattore climatico naturale, l’AMO (Atlantic Multidecadal Oscillation). La questione cruciale, se l’attuale fase di riscaldamento C si concluderà presto come nei casi A e B, o se continuerà, può essere decisa solo sulla base di osservazioni più lunghe e deve quindi rimanere aperta.

Nuvolosità in diminuzione dal 2000

Per studiare l’inizio della Fase C intorno all’anno 2000, sono stati utilizzati ulteriori set di dati, in particolare le misurazioni della nuvolosità di EUMETSAT, un progetto satellitare europeo. Qui si può notare che l’inizio della fase C è accompagnato da una diminuzione della nuvolosità, in coincidenza con il suddetto cambiamento di segno dell’AMO. Dalle misurazioni della radiazione si può dedurre che il 2% in meno di nuvolosità significa circa 0,5 W/m² in più di flusso nella radiazione netta.

Questo potrebbe spiegare la maggior parte degli 0,8 W/m² sopra menzionati.

Le nubi modificano più dell’effetto serra

Ciò è confermato anche dall’analisi del bilancio radiativo in prossimità della superficie. Qui si riscontra un aumento dell’effetto serra, che si correla bene con l’aumento dei gas serra vapore acqueo e CO2, ma solo per le zone “a cielo sereno”. Questa correlazione non si applica alle aree coperte da nubi, che costituiscono circa i 2/3 della terra. Interessante è il comunicato sull’effetto serra.

“Potremmo dimostrare l’aumento dell’effetto serra della somma di tutti i gas serra (vapore acqueo, CO2, ecc.) in condizioni di ‘cielo sereno’ con un aumento di 1,2 W/m² negli ultimi 20 anni”, afferma Hans-Rolf Dübal. “Tuttavia, su base ponderata per area, questo aumento è sovracompensato dalla crescente radiazione della radiazione a onde lunghe nell’area nuvolosa pari a -1,48 W/m².”

Il lasso di tempo di 20 anni è ancora troppo breve per decidere in modo definitivo se l’attuale fase di riscaldamento è uno sviluppo temporaneo o permanente. Nel primo caso, le proiezioni climatiche devono essere fondamentalmente riviste. Il meccanismo fisico che ha portato all’assottigliamento delle nuvole è discusso in modo diverso in letteratura.

“I cambiamenti delle nuvole possono essere innescati da una diminuzione degli aerosol, dal riscaldamento atmosferico dovuto a cause naturali (ad esempio, l’AMO o la PDO), dal riscaldamento antropico dovuto alla CO2, o da una combinazione di questi fattori individuali”, afferma Fritz Vahrenholt. “Tuttavia, una cosa si può già affermare: il riscaldamento degli ultimi 20 anni è stato causato più dal cambiamento delle nuvole che dal classico effetto serra.

Fonte: No Tricks Zone


Il Modern Maximum è finito, sotto ogni aspetto

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.

Grande minimo solare
+
Inversione magnetica dei poli

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: