La crisi energetica globale peggiora

12 ottobre 2021; articolo di Cap Allon

Una carenza energetica globale è alle porte. I prezzi di questo prodotto di base stanno aumentando vertiginosamente, il che sta avendo un effetto a catena sulla produzione alimentare: l’inverno 2021-22 si sta preparando per essere il primo vero assaggio del Grand Solar Minimum a venire.

Le cose stanno andando esattamente come gli “scettici” hanno suggerito che sarebbe stato: quanti sostenitori del riscaldamento globale hanno avvertito di inverni freddi record che portano a carenze di carbone e gas e che questo scenario sarebbe aggravato dal fallimento dei parchi eolici e solari?

Ma questa è la realtà che stiamo vivendo: qualsiasi altro rapporto è falso e probabilmente pagato dalla propaganda del partito AGW.

1984.

Western Sydney registra il giorno di ottobre più freddo degli ultimi 26 anni

I sobborghi occidentali di Sydney hanno avuto il loro giorno di ottobre più freddo in più di due decenni lunedì, mantenendosi sotto i 14°C a Richmond e Penrith, riporta skynews.com.au.

Negli ultimi tempi una serie di fronti polari ha attraversato il continente australiano e ha prodotto piogge diffuse, temporali isolati e persino qualche rara neve primaverile a sud-est.

Il meteorologo di Sky News Australia, Robert Sharpe, afferma che la fascia di pioggia si sta liberando dalla costa orientale oggi, ma che le cose rimarranno fredde: “Più a sud, le precipitazioni totali di Sydney erano inferiori, ma le temperature erano gelide. I sobborghi occidentali di Sydney hanno avuto il loro giorno di ottobre più freddo in 26 anni lunedì… rimanendo sotto i 14 gradi tutto il giorno sia a Richmond che a Penrith.

“Nel frattempo, temporali pericolosi si diffonderanno nel NSW orientale e nel QLD sudorientale. I temporali di giovedì sembrano cattivi. C’è un’alta probabilità che si sviluppino più tempeste di supercelle, il tipo più pericoloso di tempesta”.

“C’è anche la possibilità che un paio di tornado possano formarsi all’interno di queste celle come è successo un paio di settimane fa vicino a Bathurst, Narrabri e Horsham”, ha concluso Sharpe.

Per quanto riguarda il freddo, le ultime corse GFS vedono i brividi antartici che persistono per molti nel fine settimana:

GFS 2m Temperature Anomalies (C) Oct 10 – Oct 16 [tropicaltidbits.com].

È prevista una nevicata primaverile per accompagnare il freddo:

GFS Total Snowfall (cm) Oct 12 – Oct 28 [tropicaltidbits.com].

E guardando un po’ più avanti, i modelli attuali suggeriscono un ritorno al freddo il 28 ottobre:

GFS 2m Temperature Anomalies (C) Oct 28 [tropicaltidbits.com].

Anche nella vicina Nuova Zelanda si fa sentire un insolito freddo primaverile.

Qui, come riportato da stuff.co.nz, un fronte freddo che risale il paese ha portato la neve a nord fino all’Isola del Nord centrale.

Anche le basse temperature e la neve pesante hanno spazzato le aree alpine dell’Isola del Sud durante la notte lunedì: a Central Otago, ad esempio, i residenti di Naseby si sono svegliati con accumuli fino a 10 cm (4 pollici).

C’era anche neve diffusa in tutto il bacino del Mackenzie e nelle colline sopra Queenstown e Wānaka con lo sci Remarkables che ha ricevuto uno scarico di neve “enorme” di 20 cm (8 pollici) durante la notte, ha detto un portavoce.

La neve fresca ha anche permesso al campo sciistico del Monte Hutt di Canterbury di estendere la sua stagione fino al Labor Weekend per la prima volta dal 2008 (dal minimo solare del ciclo 24), ha detto un portavoce.

Il campo da sci di Remarkables aveva 20 cm (8 pollici) di neve durante la tempesta primaverile di notte [NZSKI/ALEX STUART].

Freddo e neve non sono gli unici fenomeni che il Polo Sud porterà in Nuova Zelanda questa settimana.

No, il servizio New Zealand Aurora Nowcasing prevede che c’è un’alta probabilità che i meridionali vedranno l’aurora boreale stanotte (12 ottobre) non appena farà buio.

Come previsto, il 12 ottobre un CME ha colpito il campo magnetico terrestre.

L’impatto, avvenuto intorno alle 02:30 UT, ha scatenato una tempesta geomagnetica di classe G2:

Le aurore si sono diffuse rapidamente in tutta l’Europa settentrionale, in Islanda, in Canada e in diversi stati degli Stati Uniti di livello settentrionale, nonché in vaste aree dell’emisfero meridionale, conosciute qui come Aurora Australis.

“I migliori colori che abbiamo visto negli anni intorno a Saskatoon”, ha affermato il fotografo Frank Lang.

Il calo improvviso della temperatura porta alla prima nevicata in Cina

Un improvviso calo delle temperature ha portato a nevicate di inizio stagione in alcune parti della Cina, sorprendendo molti residenti.

Come riportato da CCTV Video News Agency su YouTube, domenica la contea di Yijun ha inaugurato la prima nevicata della stagione, mentre anche la contea di Binzhou e la contea di Longxian sono state colpite da “sorprendenti nevicate”.

La neve dentro e intorno alle montagne del Greater Khingan ha portato al caos del traffico e interruzioni di corrente, e in risposta le autorità locali hanno avviato “piani di emergenza” per eliminare la neve accumulata e ripristinare l’elettricità.

La crisi energetica globale peggiora

La Cina ha lottato per alimentare la sua economia tutto l’anno mentre la carenza di energia spazzava il mondo.

Il PCC ha persino allentato i suoi obiettivi di emissione di carbonio per consentire l’accensione delle centrali elettriche a carbone.

Tuttavia, a ostacolare questo sforzo arriva la notizia che le inondazioni hanno costretto alla chiusura delle miniere nella più grande regione produttrice di carbone della Cina: le inondazioni hanno chiuso 60 delle 682 miniere di carbone nella provincia dello Shanxi, una regione che quest’anno ha prodotto il 30% della fornitura cinese di carburante. , ostacolando ulteriormente gli sforzi di Pechino per aumentare le forniture energetiche prima dell’arrivo dell’inverno e aggiungendo a una crisi energetica in peggioramento che sta già ostacolando la crescita economica GLOBALE

Come riportato da business-standard.com, le interruzioni delle miniere stanno danneggiando gli sforzi della Cina per aumentare la produzione di carbone e garantire l’alimentazione elettrica per la stagione invernale.

Il Consiglio di Stato ha affermato che consentirà a tutta l’energia alimentata a carbone di essere scambiata sul mercato invece di essere soggetta a prezzi regolamentati e ha promosso l’aumento della capacità nelle miniere di carbone qualificate.

Il governo cinese ha anche chiesto ai minatori di non risparmiare sui costi per aumentare le forniture di carbone e ha dato loro il permesso di operare a pieno regime anche dopo aver raggiunto le loro quote annuali.

Anche con questi sforzi, la Cina potrebbe affrontare un divario di approvvigionamento di carbone da 30 milioni a 40 milioni di tonnellate nel quarto trimestre, hanno affermato gli analisti di Citic Securities in un rapporto dell’8 ottobre. Una carenza di combustibile potrebbe ridurre il consumo di energia industriale dal 10% al 15% a novembre e dicembre, il che si tradurrebbe potenzialmente in un rallentamento del 30% dell’attività nei settori più energivori come l’acciaio, la chimica e la produzione di cemento, secondo Gruppo UBS SA.

I futures sul carbone sullo Zhengzhou Commodity Exchange sono aumentati del 12% lunedì per chiudere a 1.408,2 yuan (218,76 dollari) a tonnellata, un nuovo record per il contratto più attivo.

Ancora una volta, e ancora non ampiamente discusse, queste carenze sono dovute a 1) un inverno freddo record 2020-21 in Europa e in Asia che ha esaurito le forniture, 2) fonti rinnovabili in mancanza e 3) scarsa lungimiranza da parte dei politici “verdi”.

Un altro inverno freddo potrebbe rivelarsi disastroso e, prevedibilmente, un altro inverno freddo è in arrivo: l’amministrazione meteorologica cinese prevede un modello meteorologico di La Nina prevalente tra ottobre e dicembre, che dovrebbe fornire “ondate di freddo più frequenti e più forti” – questo Il pattern avrà effetti anche sull’intero emisfero settentrionale e potrebbe portare a diffusi blackout durante i mesi più freddi dell’anno.

Oltre alla Cina, anche un’altra potenza economica, l’India, sta affrontando un’incombente crisi energetica: le scorte di carbone nelle centrali elettriche sono scese a livelli senza precedenti e gli stati avvertono di ulteriori blackout.

Gli stati in tutta l’India hanno emesso avvertimenti in preda al panico che le forniture di carbone alle centrali termiche, che convertono il calore dal carbone in elettricità, stanno per esaurirsi pericolosamente. Secondo i dati della Central Electricity Authority of India, e come riportato da The Guardian, quasi l’80% degli impianti a carbone del paese erano nella fase critica, o “supercritica”, il che significa che le loro scorte potrebbero esaurirsi in meno di cinque giorni .

E se l’impennata dei prezzi del gas e del carbone non fosse abbastanza, il petrolio ha superato gli 84 dollari al barile per la prima volta da anni questa settimana: il greggio Brent è salito fino a 84,60 dollari a Londra, un livello che non si vedeva da ottobre 2018; mentre il benchmark statunitense, West Texas Intermediate, è stato scambiato sopra gli 81 dollari al barile, il livello più alto dalla fine del 2014.

Come discusso da un po’ di tempo, questa sembra sempre più una demolizione controllata della società.

Esci dalle città.

Diventa autosufficiente.

“Il sistema” non ti coprirà le spalle quando l’SHTF*.

*Quando la merda colpisce il ventilatore

Pesanti raffiche in Montana, Utah e Colorado

Questa settimana le interruzioni di corrente stanno investendo Bozeman, nel Montana, a causa di forti nevicate:

Un forte sistema di tempeste ha inghiottito la maggior parte dello Utah, che avrà un impatto sullo stato fino a mercoledì mattina.

La neve pesante è stata già vista a Little Cottonwood Canyon quando il sole ha iniziato a tramontare lunedì.

Sono stati emessi avvisi di tempesta invernale per Wasatch Plateau/Book Cliffs, Western Uinta Mountains, Central Mountains, Southern Mountains, Eastern Juab/Millard Counties e Southwest Utah.

L’accumulo di neve potrebbe raggiungere fino a 20 pollici in montagna, secondo il Servizio meteorologico nazionale, con neve che continua a cadere martedì mattina sulle montagne centrali, con nevicate sparse nelle montagne settentrionali mercoledì.

La prima di due potenti tempeste sta colpendo il Colorado, dando il via alla stagione del manto nevoso e portando a Denver le sue prime raffiche invernali.

La prima tempesta sta portando con sé venti a 65 mph e più di un piede di neve in alcune località di montagna.

La seconda grave tempesta, che dovrebbe trasferirsi in Colorado giovedì, colpirà le montagne con un altro round di forti nevicate e vento, e porterà a Denver e al Front Range la prima neve misurabile e le temperature sotto lo zero della stagione.

I modelli meteorologici (mostrati di seguito) dipingono il quadro completo: rivelano che l’intera metà occidentale del CONUS sarà colpita da un freddo anomalo e da nevicate di inizio stagione potenzialmente da record:

GFS 2m Temperature Anomalies (C) Oct 13 [tropicaltidbits.com].
GFS Total Snowfall (inches) Oct 12 – Oct 28 [tropicaltidbits.com].

Questo è ottobre, giusto…?


Il Modern Maximum è finito, sotto ogni aspetto

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.

Grande minimo solare
+
Inversione magnetica dei poli

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


3 pensieri riguardo “La crisi energetica globale peggiora

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: