Gli sviluppatori del vaccino Oxford-AstraZeneca legati al movimento eugenetico del Regno Unito

Gli sviluppatori del vaccino Oxford-AstraZeneca hanno legami precedentemente non rivelati con la ribattezzata British Eugenics Society e altre istituzioni legate all’eugenetica come il Wellcome Trust.

26 dicembre 2020; di Jeremy Loffredo e Whitney Webb

Prima parte:

Seconda parte:

Il 30 aprile 2020, AstraZeneca e l’Università di Oxford hanno annunciato un “accordo fondamentale” per lo sviluppo di un vaccino contro il COVID-19. L’accordo prevede che AstraZeneca sovrintende agli aspetti dello sviluppo, nonché della produzione e della distribuzione, mentre la parte di Oxford, tramite lo Jenner Institute e l’Oxford Vaccine Group, ha ricercato e sviluppato il vaccino. Meno di un mese dopo il raggiungimento di questo accordo, la partnership Oxford-AstraZeneca ha ottenuto un contratto dal governo degli Stati Uniti nell’ambito dell’operazione Warp Speed, lo sforzo pubblico-privato di vaccinazione COVID-19 dominato dall’esercito e dall’intelligence statunitensi.

Sebbene la partnership sia stata annunciata ad aprile, lo Jenner Institute di Oxford aveva già iniziato a sviluppare il vaccino COVID-19 mesi prima, a metà gennaio. Secondo un recente rapporto della BBC, è stato a gennaio che il Jenner Institute si è reso conto per la prima volta di quanto grave sarebbe diventata presto la pandemia, quando Andrew Pollard, che lavora per lo Jenner Institute e dirige l’Oxford Vaccine Group, “ha condiviso un taxi con un modellatore che ha lavorato per il gruppo consultivo scientifico per le emergenze del Regno Unito.” Durante la corsa in taxi, “lo scienziato gli disse che i dati suggerivano che ci sarebbe stata una pandemia non dissimile dall’influenza del 1918”. A causa di questo unico incontro, ci viene detto, lo Jenner Institute ha iniziato a investire milioni nello sviluppo iniziale di un vaccino per il COVID-19, molto prima che la portata della crisi fosse chiara.

Per gran parte del 2020, il vaccino Oxford-AstraZeneca è stato considerato uno dei primi precursori, anche se il suo vantaggio sarebbe stato in seguito rovinato da scandali relativi ai suoi studi clinici, tra cui la morte dei partecipanti, le improvvise pause degli studi, l’uso di un problematico “placebo” con la sua serie di effetti collaterali e il dosaggio errato “non intenzionale” di alcuni partecipanti che ha distorto il suo tasso di efficacia auto-riferito.

I problemi significativi emersi durante gli studi hanno suscitato poca preoccupazione da parte dei due principali sviluppatori del vaccino, nonostante l’attenzione critica anche da parte dei media mainstream rivolta alle sue complicazioni. Lo sviluppatore principale del vaccino Oxford-AstraZeneca, Adrian Hill, ha dichiarato alla NBC il 9 dicembre che il vaccino sperimentale dovrebbe essere approvato e distribuito al pubblico prima della conclusione delle prove di sicurezza, dicendo “aspettare la fine della sperimentazione sarebbe la metà del prossimo anno. È troppo tardi, questo vaccino è efficace, disponibile su larga scala e facilmente implementabile”.

Sarah Gilbert, l’altro ricercatore capo sul vaccino, sembrava credere che fosse probabile l’approvazione prematura della sicurezza, dicendo alla BBC il 13 dicembre che le possibilità di lanciare il vaccino entro la fine dell’anno sono “piuttosto alte”. Ora, il Regno Unito dovrebbe approvare il vaccino Oxford-AstraZeneca poco dopo Natale, e anche l’India dovrebbe approvare il vaccino la prossima settimana.

Mentre le controversie che circondano le sperimentazioni del vaccino alla fine hanno indebolito il suo precedente status di precursore, il vaccino Oxford-AstraZeneca rimane fortemente promosso come il vaccino preferito per il mondo in via di sviluppo, poiché è più economico e ha requisiti di conservazione molto meno complicati rispetto ai suoi principali concorrenti, Pfizer e Moderna.

All’inizio di questo mese, Richard Horton, caporedattore della rivista medica Lancet, ha dichiarato alla CNBC che “il vaccino Oxford-AstraZeneca è il vaccino in questo momento che sarà in grado di immunizzare il pianeta in modo più efficace, più rapido di qualsiasi altro vaccino che noi avere”, in gran parte perché è un “vaccino che può arrivare ai paesi a reddito medio-basso”. La CNBC ha anche citato Andrew Baum, capo globale dell’assistenza sanitaria per Citi Group, affermando che il vaccino Oxford-AstraZeneca “è davvero l’unico vaccino che sopprimerà o addirittura eliminerà SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19, nei molti milioni di individui nel mondo in via di sviluppo”.

Oltre alle affermazioni di vecchia data secondo cui il vaccino Oxford-AstraZeneca sarà il vaccino preferito per il mondo in via di sviluppo, questo candidato al vaccino è stato anche trattato da diversi punti vendita nei media mainstream e persino indipendenti, come “buono per le persone, negativo per i profitti” a causa della “esplicita intenzione della partnership di fornire [il vaccino] in tutto il mondo senza fini di lucro, il che significa che le nazioni più povere del pianeta non dovranno preoccuparsi di essere escluse da una cura a causa della mancanza di fondi”.

Tuttavia, le indagini sugli sviluppatori del vaccino e sulla realtà del loro “impegno senza scopo di lucro” rivela una storia molto diversa da quella che è stata raccontata per la maggior parte dell’anno da comunicati stampa aziendali, esperti e accademici legati al vaccino e al mainstream premere.

Ad esempio, i media mainstream hanno avuto poco, se non nulla, da dire sul ruolo della società privata degli sviluppatori di vaccini, Vaccitech, nella partnership Oxford-AstraZeneca, una società i cui principali investitori includono ex alti dirigenti della Deutsche Bank, il colosso della Silicon Valley Google , e il governo del Regno Unito. Tutti trarranno profitto dal vaccino insieme ai due sviluppatori del vaccino, Adrian Hill e Sarah Gilbert, che mantengono una quota stimata del 10% nella società. Un altro punto trascurato è il piano per modificare drasticamente l’attuale modello di vendita del vaccino dopo l’ondata iniziale della sua amministrazione, che vedrebbe aumentare i profitti, soprattutto se l’ormai ovvia spinta a rendere la vaccinazione COVID-19 un affare annuale per il prossimo futuro è reso realtà.

Probabilmente il più preoccupante di tutti è il collegamento diretto degli sviluppatori principali del vaccino con il Wellcome Trust e, nel caso di Adrian Hill, il Galton Institute, due gruppi con legami di lunga data con il movimento eugenetico del Regno Unito. Quest’ultima organizzazione, che prende il nome dal “padre dell’eugenetica” Francis Galton, è la ribattezzata UK Eugenics Society, un gruppo noto da oltre un secolo per la sua promozione della pseudoscienza razzista e gli sforzi per “migliorare il ceppo razziale” riducendo la popolazione di quelli ritenuti inferiore.

I legami di Adrian Hill con il Galton Institute dovrebbero sollevare ovvie preoccupazioni data la spinta a fare del vaccino Oxford-AstraZeneca che ha sviluppato con Gilbert il vaccino preferito per il mondo in via di sviluppo, in particolare i paesi dell’America Latina, del Sud e Sud-Est asiatico e dell’Africa, le stesse aree in cui i membri passati del Galton Institute hanno chiesto di ridurre la crescita della popolazione.

Nella puntata finale di questa serie sull’Operazione Warp Speed, lo sforzo e la razza di vaccinazione del governo degli Stati Uniti, i legami del vaccino Oxford-AstraZeneca con le istituzioni legate all’eugenetica, il ruolo segreto di Vaccitech e il mito della vendita del vaccino come “non profit” e altruisticamente motivati sono esplorati in dettaglio.

GlaxoSmithKline e l’Istituto Jenner

L’Edward Jenner Institute for Vaccine Research è stato inizialmente fondato nel 1995 a Compton nel Berkshire come partenariato pubblico-privato tra il governo del Regno Unito, tramite il Medical Research Council e il Dipartimento della Salute, e il gigante farmaceutico GlaxoSmithKline. A seguito di una “revisione da parte degli sponsor [dell’istituto]”, è stato rilanciato nel 2005 a Oxford sotto la guida di Adrian Hill, che, prima di tale nomina, ha ricoperto una posizione senior presso il Centro per la genetica umana del Wellcome Trust. Hill, lo sviluppatore principale del vaccino Oxford-AstraZeneca COVID-19, guida ancora un gruppo di ricerca presso Wellcome volto a “comprendere [ing] le basi genetiche della suscettibilità a diverse malattie infettive, in particolare. . . infezioni respiratorie gravi”, che conduce la maggior parte dei suoi studi in Africa. Anche il Medical Research Council del Regno Unito è diventato un collaboratore del Wellcome Trust, in particolare su iniziative relative ai vaccini. Il Wellcome Trust, discusso più avanti in questo articolo, è stato originariamente creato con il finanziamento di Henry Wellcome, che ha fondato la società che in seguito è diventata GlaxoSmithKline.

La partner di Hill al Jenner Institute e l’altro co-sviluppatore del vaccino Oxford COVID-19 è Sarah Gilbert. Gilbert proviene anche dal Wellcome Trust, dove era una “direttore del programma” ed è una studentessa di Hill. Insieme, Gilbert e Hill hanno lavorato per posizionare l’istituto al centro di tutti i futuri sforzi di vaccinazione intrapresi in risposta alle pandemie globali.

La professoressa Sarah Gilbert a Oxford, foto di John Cairns

Il trasferimento dello Jenner Institute a Oxford è stato ampiamente facilitato dal Medical Research Council, che ha donato 1,25 milioni di sterline tra il 2005 e il 2006, dopo che è stata presa la decisione di sostituire gli sponsor originali dell’istituto (GlaxoSmithKline, Medical Research Council, Department of Health) con l’Università di Oxford e l’Institute for Animal Health, ora chiamato Pirbright Institute. Il coinvolgimento di Pirbright ha significato che il rilanciato Jenner Institute è diventato unico nello sviluppo di vaccini sia per l’uomo che per il bestiame.

Il rilanciato Jenner Institute è arrivato a dominare lo sviluppo di vaccini finanziati con fondi pubblici nel Regno Unito, nonché la sperimentazione di vaccini prodotti dalle più grandi aziende farmaceutiche del mondo tramite studi clinici e negli ultimi anni ha supervisionato importanti studi di sicurezza per vaccini di grande interesse mediatico. Alcuni degli studi condotti dallo Jenner Institute in seguito hanno suscitato controversie, come quelli che hanno utilizzato bambini sudafricani nel 2009 in cui sono morti sette bambini.

Un’indagine condotta dal British Medical Journal ha rilevato che il Jenner Institute guidato da Hill, nell’istanza sudafricana, aveva consapevolmente ingannato i genitori sui risultati negativi e sui metodi discutibili utilizzati negli studi sugli animali, nonché sul fatto che il vaccino era noto per essere inefficace. Il vaccino in questione, un vaccino sperimentale contro la tubercolosi sviluppato congiuntamente da Emergent Biosolutions e dall’Istituto Jenner, è stato scartato dopo che il controverso studio sui neonati ha confermato ciò che era già noto, ovvero che il vaccino era inefficace. Il processo, in gran parte finanziato da Oxford e dal Wellcome Trust, è stato successivamente elogiato come storico dalla BBC. Hill, al momento in cui è stato condotto lo studio, aveva una partecipazione finanziaria personale nel vaccino.

Casi simili di pratiche ingannevoli negli studi di efficacia e gli effetti di un aumento dei dosaggi hanno portato gli esperti di vaccini a criticare il vaccino COVID-19 sviluppato da Hill e Gilbert. Hill e Gilbert detengono una considerevole partecipazione finanziaria nel vaccino Oxford-AstraZeneca COVID-19. Mentre secondo quanto riferito il vaccino ha un’efficacia di oltre il 90 percento, quelle cifre, spesso citate nei rapporti tradizionali, sono auto-riportate dagli sviluppatori e dai produttori del vaccino (vale a dire, il team di Oxford e AstraZeneca), il che è significativo dato che Hill e altri Jenner Scienziati dell’Istituto sono stati precedentemente sorpresi a manipolare i risultati degli studi a beneficio di un prodotto vaccinale in cui erano stati personalmente investiti.

L’importanza del Jenner Institute nello sviluppo e nella sperimentazione dei vaccini è in gran parte derivata dal ruolo di leadership aggiuntivo di Hill presso il Vaccines Network del Regno Unito, che sceglie quali vaccini sviluppare, come svilupparli e quali aziende dovrebbero ricevere “investimenti mirati” dal governo del Regno Unito . La Vaccines Network svolge anche un ruolo chiave nell’identificare “quali tecnologie vaccinali potrebbero svolgere un ruolo importante nelle future epidemie”. Due dei principali sostenitori della rete di vaccini del Regno Unito sono Wellcome Trust e GlaxoSmithKline.

Non sorprende che il Vaccines Network abbia indirizzato molti milioni di sterline verso il Jenner Institute gestito da Hill, con progetti completati tra cui una piattaforma di particelle simili a virus “plug and display” per la vaccinazione a risposta rapida. Finanziati anche dal Vaccines Network sono stati gli studi iniziali del Jenner Institute sui nuovi vaccini adenovirus degli scimpanzé per il coronavirus (in questo caso, MERS), lo stesso vettore virale utilizzato per il vaccino Oxford-AstraZeneca. Oltre alla rete di vaccini, l’Istituto Jenner coordina anche gli sforzi dell’equivalente della rete di vaccini dell’UE, MultiMalVax.

Professor Adrian Hill al Jenner Institute, foto di John Cairns

L’Istituto Jenner ha anche uno stretto rapporto con GlaxoSmithKline e la biotecnologia italiana Okairos, che è stata acquisita da GlaxoSmithKline nel 2014. Poco dopo essere stata acquisita, Okairos e il suo nuovo proprietario GlaxoSmithKline, sono diventati attori chiave nella campagna sperimentale del vaccino contro l’Ebola del 2014, un sforzo che rispecchia l’attuale corsa allo sviluppo del vaccino COVID-19 in molti modi chiave. Le affrettate prove di sicurezza per quel vaccino sono state supervisionate da Adrian Hill e dal Jenner Institute e finanziate dal governo del Regno Unito e dal Wellcome Trust. GlaxoSmithKline e Okairos sono le uniche aziende rappresentate nel comitato consultivo scientifico del Jenner Institute.

L’Istituto Jenner insieme a GlaxoSmithKline-Okairos e una piccola biotecnologia francese chiamata Imaxio hanno sviluppato un vaccino sperimentale contro la malaria dal 2015, con prove umane di quel vaccino annunciate il 12 dicembre 2020. Tali prove saranno condotte su 4.800 bambini in Africa nel corso del corso del 2021, in molti degli stessi paesi in cui il gruppo di ricerca di Hill presso il Wellcome Center for Human Genetics ha studiato la suscettibilità genetica a diverse malattie. “Molte più persone moriranno in Africa quest’anno di malaria di quante moriranno di Covid”, ha recentemente affermato Hill in merito alle prove che presto inizieranno.

Attualmente, lo Jenner Institute è finanziato dalla Jenner Vaccine Foundation, ma i documenti della fondazione rilevano in diverse occasioni un notevole afflusso di denaro dai Wellcome Trust Strategic Awards. Un “gruppo di revisione speciale” del Wellcome Trust ha effettivamente esercitato pressioni sul Jenner Institute per richiedere ulteriori “finanziamenti strategici di base” dal trust dopo aver visitato l’istituto e valutato il suo lavoro. Il Jenner Institute inquadra il suo finanziamento da Wellcome come la guida chiave dietro le sue decisioni di sviluppo, che sono prese “sulla base del modello di successo del supporto del Wellcome Trust Strategic Award”.

La fondazione dell’Istituto Jenner, tuttavia, non è l’unica fonte di reddito per i suoi ricercatori principali. Hill e Gilbert hanno lavorato per commercializzare molti dei vaccini dell’istituto attraverso la propria azienda privata, Vaccitech. Sebbene i media descrivano spesso il vaccino come uno sforzo congiunto tra AstraZeneca e l’Università di Oxford, Vaccitech è una delle parti interessate chiave in quella partnership, dato che il candidato al vaccino si basa sulla tecnologia sviluppata da Hill e Gilbert e di proprietà di Vaccitech. Uno sguardo più approfondito a Vaccitech offre un indizio sul motivo per cui il nome dell’azienda è stato assente da quasi tutti i resoconti dei media sul vaccino Oxford-AstraZeneca, poiché demolisce la tanto propagandata affermazione che il vaccino è “non profit” e offerto a basso costo per motivi di beneficenza.

Vaccitech: fare bene facendo “bene”?

Il motivo ufficiale per cui Sarah Gilbert e Adrian Hill hanno creato Vaccitech nel 2016 per The Times è perché “i ricercatori di Oxford [sono] incoraggiati a formare società per commercializzare il loro lavoro”. Vaccitech, come altre imprese di ricerca di Oxford “commercializzate”, è stata scorporata dallo Jenner Institute tramite il braccio di commercializzazione dell’università, Oxford Science Innovations, che è attualmente il più grande stakeholder di Vaccitech con il 46%. Si dice che Hill e Gilbert mantengano una quota del 10% nella società.

Il più grande investitore in Oxford Science Innovations, e per estensione uno dei maggiori azionisti di Vaccitech, è Braavos Capital, la società di venture capital fondata nel 2019 da Andrew Crawford-Brunt, da lungo tempo responsabile globale del trading azionario di Deutsche Bank nella sua sede di Londra ramo. Attraverso la sua partecipazione in Oxford Science Innovations, Braavos possiede circa il 9% di Vaccitech.

Prima del COVID-19, l’obiettivo principale di Vaccitech, in particolare lo scorso anno, era lo sviluppo di un vaccino universale per l’influenza. Gli sforzi di Vaccitech in questo senso sono stati elogiati da Google, che ha anche investito in Vaccitech. Allo stesso tempo, la Bill & Melinda Gates Foundation stava finanziando la ricerca per sviluppare un vaccino antinfluenzale universale, secondo quanto riferito perché il campo della vaccinologia antinfluenzale non era ancora in grado di “progettare un vaccino antinfluenzale che proteggesse ampiamente dai ceppi di influenza che infettano le persone ogni inverno e quelli in natura che potrebbero emergere per innescare una pandemia dirompente e mortale”, secondo un rapporto di STAT News dello scorso anno. Lo sforzo della Gates Foundation originariamente ha collaborato con il cofondatore di Google Larry Page e sua moglie Lucy.

Per finanziare completamente il Vaccitech di Hill e Gilbert, e in particolare la sua ricerca per sviluppare un vaccino antinfluenzale universale, Oxford Science Innovations ha chiesto 600 milioni di sterline da “investitori esterni”, tra cui il Wellcome Trust e il ramo di capitale di rischio di Google, Google Ventures. Ciò significa che Google è pronta a trarre profitto dal vaccino Oxford-AstraZeneca in un momento in cui la sua piattaforma video YouTube si è mossa per vietare i contenuti relativi al vaccino COVID-19 che fanno luce negativa sui vaccini COVID-19, incluso l’Oxford- Candidato AstraZeneca. Altri investitori in Vaccitech includono la filiale cinese di Sequoia Capital e la società farmaceutica cinese Fosun Pharma. Inoltre, il governo del Regno Unito ha investito circa 5 milioni di sterline nell’azienda e si prevede anche un ritorno sul vaccino Oxford-AstraZeneca.

La homepage di Vaccitech che mostra i co-fondatori dell’azienda Adrian Hill e Sarah Gilbert. Da vaccitech.co.uk

Le informazioni sul motivo di profitto dietro il vaccino Oxford-AstraZeneca sono state confuse a causa dell’ampia promozione mediatica dell’affermazione secondo cui Hill e Gilbert non riscuoteranno royalties sul vaccino e che AstraZeneca non trarrà profitto dal vaccino. Tuttavia, questo è vero solo fino a quando la pandemia non sarà “ufficialmente” dichiarata finita e il virus sarà etichettato come una condizione persistente o stagionale che richiederà la somministrazione di massa di vaccini COVID-19 a intervalli regolari e possibilmente annualmente. Sky News ha riferito che la determinazione della fine della pandemia “si baserà sulle opinioni di una serie di organismi indipendenti [non specificati]”. A quel punto, sia Vaccitech che Oxford otterranno royalties dalle vendite del vaccino di AstraZeneca.

Quelli legati al vaccino sono stati al centro della promozione dell’idea che il vaccino COVID-19 diventerà presto un affare annuale. Ad esempio, all’inizio di maggio, John Bell, professore di medicina di Oxford e “architetto” della partnership Oxford-AstraZeneca, ha dichiarato a NBC News: “Sospetto che potremmo aver bisogno di vaccinazioni relativamente regolari contro i coronavirus in futuro”, aggiungendo che il vaccino sarebbe probabilmente necessario ogni anno come il vaccino antinfluenzale. NBC News non ha notato che il vaccino Oxford-AstraZeneca in cui è coinvolta Bell potrebbe beneficiare in modo significativo finanziariamente se ciò dovesse accadere.

Più di recente, Bell ha dichiarato a The Week che, “se in futuro dovesse esserci un mercato per le vaccinazioni regolari contro il coronavirus, ‘ci sono dei soldi da fare'”. Tali sentimenti sono stati ripresi da Pascal Soriot, CEO di AstraZeneca. , che ha dichiarato a Bloomberg il mese scorso che la società avrebbe realizzato un “profitto ragionevole” una volta dichiarata la pandemia e il COVID-19 ritenuto una malattia stagionale che richiedeva vaccinazioni regolari. A questo proposito, l’amministratore delegato di Vaccitech, Bill Enright, ha dichiarato che gli investitori di Vaccitech riceverebbero “una grossa fetta dei diritti d’autore da un vaccino di successo e pagamenti traguardi” se e quando la pandemia fosse dichiarata finita e i vaccini COVID-19 diventassero un evento stagionale.

Vaccitech, in particolare, sembra abbastanza certa che questa possibilità sia destinata a diventare realtà. Per tutte le successive iterazioni del vaccino Oxford-AstraZeneca, Vaccitech riacquisterà una percentuale molto maggiore di diritti sul vaccino, diritti che sta attualmente dividendo con Oxford per la prima iterazione. Sky News ha notato che la tecnologia di cui Vaccitech possiede “potrebbe guidare la seconda generazione di vaccini COVID-19” e che “ha [già] ricevuto £ 2,3 milioni di finanziamenti pubblici per svilupparla”.

Funzionari del governo degli Stati Uniti come Anthony Fauci hanno anche segnalato che il vaccino COVID-19 richiederà vaccinazioni annuali. In particolare, il governo, attraverso il BARDA di Health and Human Service, ha investito oltre 1 miliardo di dollari nello sviluppo del vaccino Oxford-AstraZeneca. Oltre ai funzionari del governo, diversi rapporti dei media tradizionali pubblicati di recente hanno affermato che il consenso degli “esperti sembra incline a un’iniezione annuale come il vaccino antinfluenzale” per quanto riguarda il vaccino COVID-19. Ad esempio, Charles Chiu, professore di malattie infettive presso l’Università della California-San Francisco, ha recentemente dichiarato a Salon: “Questo potrebbe finire per essere un vaccino che non è una cosa una tantum o anche una cosa due volte. . . potrebbe finire per essere quello che chiamiamo un vaccino stagionale o un vaccino che deve essere somministrato ogni due anni”.

Tali suggerimenti su un vaccino annuale COVID-19 dal 2021 in poi sono recentemente diventati comuni dai principali produttori di vaccini COVID-19 stessi. Ad esempio, il 13 dicembre, il CEO di Pfizer Albert Bourla è stato citato dal Telegraph dicendo: “Quanto dura questa protezione [vaccinale] è qualcosa che non sappiamo. . . Penso che sia uno scenario probabile che avrai bisogno di vaccinazioni periodiche”. Pfizer ha anche recentemente rilasciato una dichiarazione in cui ha osservato che “non sappiamo come cambierà il virus, e non sappiamo nemmeno quanto sarà duraturo l’effetto protettivo di qualsiasi vaccinazione”, aggiungendo che il suo vaccino sarebbe adatto “per ripetute somministrazione come richiami” nel caso in cui il vaccino induca una risposta immunitaria solo per pochi mesi.

Quindi, lo scorso martedì, Moderna ha rilasciato informazioni che suggerivano che l’immunità dal suo vaccino COVID-19 sarebbe durata solo diversi mesi, con Forbes che scriveva che “la durata degli anticorpi neutralizzanti del vaccino Moderna sarà relativamente breve, potenzialmente meno di un anno”, un risultato che favorirebbe la spinta per una vaccinazione annuale contro il COVID-19. Anche lo sviluppatore del vaccino Pfizer COVID-19, Ugur Sahin di BioNTech, ha dichiarato martedì che “il virus rimarrà con noi per i prossimi 10 anni. . . . Dobbiamo abituarci al fatto che ci saranno più focolai”. In seguito ha aggiunto che “se il virus diventa più efficiente . . . potremmo aver bisogno di un maggiore assorbimento del vaccino affinché la vita torni alla normalità”, il che implica che questi focolai regolari che prevede che si verificheranno nei prossimi dieci anni sarebbero correlati a una maggiore somministrazione del vaccino.

Le citazioni degli stessi sviluppatori del vaccino Oxford-AstraZeneca indicano anche un futuro dominato dalla pandemia e il desiderio di prolungare la crisi in modo che il vaccino possa essere ampiamente distribuito. La Gilbert ha dichiarato allo UK Independent ad agosto che crede che il COVID-19 sia solo l’inizio e che le pandemie simili al COVID diventeranno più frequenti nel prossimo futuro. Il team del vaccino del Jenner Institute sembra così determinato a creare il vaccino COVID che, a giugno, Hill è stato citato dal Washington Post per aver affermato che voleva che la pandemia persistesse, dicendo: “Siamo nella bizzarra posizione di volere che il COVID resta, almeno per un po’. Ma i casi sono in calo”. Ha anche affermato che la sua squadra era in “una corsa contro la scomparsa del virus”.

Con gli sviluppatori di vaccini, gli “esperti medici”, i funzionari governativi e gli amministratori delegati dei principali produttori di vaccini tutti d’accordo sul fatto che un vaccino stagionale COVID-19 è un risultato sempre più probabile, vale la pena considerare un possibile secondo motivo per quanto riguarda il modello “non profit” iniziale utilizzato da Jenner Institute/Vaccitech e AstraZeneca per il loro vaccino congiunto COVID-19.

Dato che le linee guida sui vaccini in diversi paesi affermano che ogni dose del vaccino multidose COVID-19 deve essere prodotta dallo stesso produttore delle dosi precedenti, l’implicazione è che in caso di necessità di varianti periodiche del vaccino COVID-19, coloro che inizialmente ricevuto il vaccino Oxford-AstraZeneca sarebbe probabilmente richiesto di ricevere la stessa “marca” di vaccino stagionalmente. In altre parole, a coloro che inizialmente hanno ricevuto il vaccino Oxford-AstraZeneca sarebbe probabilmente richiesto non solo di ricevere una seconda dose della stessa “marca”, ma di continuare a ricevere la stessa “marca” di vaccino ogni anno. In particolare, non sono stati ancora condotti studi di interazione sulle interazioni tra i vaccini COVID-19 e altri farmaci, nonché altri vaccini.

Se così fosse, sarebbe certamente opportuno che il team Oxford-Vaccitech-AstraZeneca desiderasse che il loro vaccino fosse il più utilizzato nel primo anno al fine di garantire il mercato più ampio per i successivi vaccini annuali COVID-19. Questo potrebbe essere un possibile motivo alla base degli sforzi della partnership Oxford-AstraZeneca “per fornire al mondo intero l’Oxford jab” e per fornire il vaccino “ai gruppi più vulnerabili al COVID-19”. Questo vaccino è già stato acquistato, anche prima dell’approvazione normativa, dai governi di tutto il mondo, inclusi Europa, Nord America, Australia e la maggior parte dei paesi dell’America Latina.

The Wellcome Trust

Adrian Hill attualmente ricopre una posizione senior presso il Center for Human Genomics del Wellcome Trust. Il Wellcome Trust è un ente di beneficenza scientifico con sede a Londra, fondato nel 1936 con i fondi del magnate farmaceutico Henry Wellcome. Come accennato in precedenza, Wellcome ha fondato l’azienda farmaceutica che alla fine è diventata il gigante del settore GlaxoSmithKline. Oggi, il Wellcome Trust ha una dotazione di 25,9 miliardi di dollari e si impegna in attività filantropiche, incluso il finanziamento di studi clinici e ricerche.

Hill è strettamente legato a Wellcome da decenni. Nel 1994 ha partecipato alla fondazione del Wellcome Center for Human Genetics e l’anno successivo è stato insignito della Wellcome Trust Principal Research Fellowship. È diventato un professore Wellcome di genetica umana nel 1996.

Il sito web del Wellcome Center for Human Genetics vanta la mappatura genetica su larga scala che hanno condotto in Africa. Il centro pubblica anche articoli che esplorano le disposizioni genetiche in relazione alla fertilità maschile e al successo riproduttivo. L’incrocio tra razza e geni è importante nel lavoro del centro, poiché un intero gruppo di lavoro al centro, il Gruppo Myers, è dedicato alla mappatura degli “impatti genetici degli eventi migratori”. Il centro ha anche finanziato un documento che sosteneva che finché l’eugenetica non è coercitiva è un’iniziativa politica accettabile. Il documento si chiede: Il fatto che un’azione o una politica sia un caso di eugenetica è necessariamente una ragione per non farlo? Secondo la pagina di Hill sul sito Wellcome Trust, razza e genetica hanno a lungo svolto un ruolo centrale nel suo approccio scientifico e il suo gruppo attualmente si concentra sul ruolo che la genetica gioca nelle popolazioni africane per quanto riguarda la suscettibilità a specifiche malattie infettive.

Il Wellcome Genome Campus, che ospita il Wellcome Center for Human Genetics, si trova sul terreno di Hixton Hall, nel Cambridgeshire, in Inghilterra.

Ancora più preoccupante, l’anno scorso Science Mag ha riferito che Wellcome è stato accusato sia da un informatore che dall’Università di Città del Capo, in Sudafrica, di sfruttare illegalmente centinaia di africani “commercializzando un chip genetico senza adeguati accordi legali e senza il consenso di centinaia di Africani il cui DNA donato è stato utilizzato per sviluppare il chip”. Jantina de Vries, bioeticista dell’Università di Città del Capo in Sudafrica, ha dichiarato al giornale che era “chiaramente immorale”. Dopo la controversia, altre istituzioni e popoli africani come gli indigeni Nama della Namibia hanno chiesto a Wellcome di restituire il DNA raccolto.

Il Wellcome Centre cofinanzia regolarmente la ricerca e lo sviluppo di vaccini e metodi contraccettivi con la Gates Foundation, una fondazione che si impegna attivamente e dichiaratamente nel controllo della popolazione e della riproduzione in Africa e nell’Asia meridionale, dando, tra le altre cose, priorità alla distribuzione capillare di farmaci iniettabili a lungo contraccettivi reversibili ad azione (LARC). Il Wellcome Trust ha anche finanziato direttamente studi che hanno cercato di sviluppare metodi per “migliorare l’assorbimento” dei LARC in luoghi come il Ruanda rurale.

Come ha scritto il ricercatore Jacob Levich nella Palgrave Encyclopedia of Imperialism and Anti-Imperialism, i LARC offrono alle donne nel Sud del mondo “la minima scelta possibile a parte la sterilizzazione vera e propria”. Alcuni LARC possono rendere sterili le donne fino a cinque anni e, come sostiene Levich, “lasciano molto più controllo nelle mani dei fornitori, e meno nelle mani delle donne, rispetto a preservativi, contraccettivi orali o metodi tradizionali”.

Un esempio è Norplant, un impianto contraccettivo prodotto da Schering (ora Bayer) che può prevenire la gravidanza fino a cinque anni. È stata ritirata dal mercato statunitense nel 2002 dopo che più di cinquantamila donne hanno intentato azioni legali contro l’azienda ei medici che l’hanno prescritta. Settanta di queste azioni collettive erano correlate a effetti collaterali come depressione, nausea estrema, perdita di capelli, cisti ovariche, emicrania e sanguinamento eccessivo.

Leggermente modificato e rinominato Jadelle, il pericoloso farmaco è stato promosso in Africa dalla Fondazione Gates in collaborazione con USAID e EngenderHealth. Precedentemente chiamata Sterilization League for Human Betterment, la missione originale di EngenderHealth, ispirata all’eugenetica razziale, era quella di migliorare lo stock biologico della razza umana”. Jadelle non è approvato dalla FDA per l’uso negli Stati Uniti.

Un altro LARC pieno di scandali è il Depo-Provera di Pfizer, un contraccettivo iniettabile utilizzato in diversi paesi africani e asiatici. La Gates Foundation e USAID hanno collaborato per finanziare la distribuzione di questo farmaco e introdurlo nei sistemi sanitari di paesi tra cui Uganda, Burkina Faso, Nigeria, Niger, Senegal, Bangladesh e India.

Andrew Pollard, direttore dell’Oxford Vaccine Group, dove risiede l’Hill’s Jenner Institute, è invischiato con la Gates Foundation. Il suo datore di lavoro, l’Università di Oxford, ha ricevuto 11 milioni di dollari per la ricerca sullo sviluppo di vaccini dalla fondazione negli ultimi tre anni e 208 milioni di dollari in sovvenzioni nell’ultimo decennio. Nel 2016, la Gates Foundation ha donato 36 milioni di dollari a un team di ricercatori guidato da Pollard per lo sviluppo di vaccini. Inoltre, il laboratorio privato di Pollard è finanziato dalla Gates Foundation. Detto questo, non dovrebbe sorprendere che la Global Alliance for Vaccine Initiative (GAVI), una partnership pubblico-privata fondata e attualmente finanziata dalla Bill & Melinda Gates Foundation, abbia in programma di distribuire il vaccino Oxford-AstraZeneca COVID-19 a bassa -reddito, prevalentemente africano e asiatico, paesi una volta approvato.

Il Galton Institute: eugenetica per il ventunesimo secolo

Sia il Wellcome Trust che Adrian Hill condividono uno stretto rapporto con la società eugenetica più famigerata d’Europa, la British Eugenics Society. La Società Eugenetica è stata ribattezzata Galton Institute nel 1989, un nome che rende omaggio a Sir Francis Galton, il cosiddetto padre dell’eugenetica, un campo che ha spesso descritto come la scienza per migliorare il ceppo razziale.

Nel caso del Wellcome Trust, la biblioteca del Trust è il custode degli archivi storici della Eugenics Society. Quando il Wellcome Trust ha istituito per la prima volta il suo Contemporary Medical Archive Center, il primo archivio organizzativo che ha cercato di acquisire è stato significativamente quello dell’Eugenics Society-Galton Institute. Il sito web di Wellcome descrive lo scopo originale dell’Eugenics Society come aumentare la comprensione pubblica dell’ereditarietà e influenzare la genitorialità in Gran Bretagna, con l’obiettivo del miglioramento biologico della nazione e della mitigazione degli oneri ritenuti imposti alla società dai geneticamente ‘non idonei’. Afferma inoltre che gli interessi dei membri della società “andavano dalla biologia dell’ereditarietà, una materia che si è sviluppata rapidamente durante la prima metà del XX secolo, alla fornitura di metodi di controllo delle nascite, inseminazione artificiale, statistiche, educazione sessuale e assegni familiari”. Lesley Hall, archivista senior di Wellcome, ha fatto riferimento a Francis Galton, un eugenista razzista, come un “eminente erudito della fine del diciannovesimo secolo” nella sua discussione sull’archivio dell’Eugenics Society tenuto a Wellcome.

Un poster pubblicato dall’Eugenics Society-Galton Institute negli anni ’30, da the Wellcome Library

Diverse posizioni di vertice nell’ex British Eugenics Society, ora Galton Institute, includono persone che originariamente lavoravano presso il Wellcome Trust, incluso il presidente del Galton Institute, Turi King. Elena Bochukova, attuale membro del Consiglio di Galton e docente di Galton, ha precedentemente lavorato sotto la direzione di Adrian Hill presso il Wellcome Trust Center for Human Genetics. Il ricercatore di genetica senior del Galton Institute, Jess Buxton, era in precedenza un “ricercatore di genetica” presso il Wellcome Trust e poi ha continuato a svolgere ricerche indipendenti finanziate da Wellcome. La sua ricerca, particolarmente orientata alla razza, include la creazione della prima mappa di sequenza genetica di un nativo nigeriano. Inoltre, lo stesso Adrian Hill ha parlato all’Eugenics Society–Galton Institute in occasione della celebrazione del loro 100° anniversario nel 2008.

Il Galton Institute pubblica quello che ora chiamano Galton Review, precedentemente intitolato Eugenics Review, dove vari membri dell’autoproclamata società colta pubblicano articoli incentrati su problemi di popolazione, genetica, biologia evolutiva e fertilità.

Uno sguardo ai primi numeri della Eugenics Review fa luce sulle ambizioni originali di Galton. Nel numero del 1955 intitolato The Immigration of Colored People, un autore chiede: Cosa ne sarà del nostro carattere nazionale, della buona fattura, ecc. Nel corso di pochi decenni se questa immigrazione di negri e negroidi continua senza controllo? L’articolo si conclude con un appello ai lettori a scrivere ai loro rappresentanti parlamentari e esortarli a fare qualcosa con urgenza in vista del “miglioramento o deterioramento razziale” per controllare l’attuale afflusso di africani e altri negroidi.

Oggi, sembra che il Galton Institute continui a vedere l’immigrazione delle minoranze razziali nelle città europee come una minaccia incontrollata. David Coleman, professore di demografia a Oxford e membro dell’istituto, gestisce un’organizzazione anti-immigrazione e un gruppo di advocacy chiamato MigrationWatch, la cui missione è preservare la cultura europea del Regno Unito esercitando pressioni sul governo per arginare l’immigrazione legale e pubblicando dati che presumibilmente dimostra la minaccia biologica e culturale dell’aumento dell’immigrazione.

Un numero del 1961 dell’Eugenics Review intitolato “The Imending Crisis” afferma che la funzione della prossima conferenza dell’istituto è “onorare Margaret Sanger” e descrive la crisi demografica come “qualità che minaccia la quantità”.

Sanger, noto come il pioniere del movimento anticoncezionale americano, era un convinto sostenitore della promozione del “miglioramento razziale” e l’architetto chiave del Progetto Negro, che secondo lei “è stato istituito a beneficio delle persone di colore”. Ma come sostiene Harriet Washington, ricercatrice di etica medica presso la Harvard Medical School, nel suo libro Medical Apartheid, “The Negro Project ha cercato di trovare il modo migliore per ridurre la popolazione nera promuovendo principi eugenetici”. Sanger era un membro americano della British Eugenics Society.

Un altro dei primi membri del Galton Institute fu John Harvey Kellogg, eminente uomo d’affari ed eugenista. Kellogg ha fondato la Race Betterment Foundation e ha sostenuto che gli immigrati e i non bianchi avrebbero danneggiato il pool genetico americano. Ancora un altro esempio è Charles Davenport, uno scienziato noto per i suoi sforzi di ricerca collaborativa con gli eugenetisti nella Germania nazista e i suoi contributi alle brutali politiche razziali della Germania nazista, che era vicepresidente del Galton Institute nel 1931.

Un altro membro più recente del Galton Institute è stato David Weatherall, da cui prende il nome il Weatherall Institute of Molecular Medicine di Oxford. Weatherall era un membro del Galton Institute quando era ancora chiamato Eugenics Society, e ne rimase membro fino alla sua morte nel 2018. Weatherall, che fu nominato cavaliere dal monarca britannico nel 1987 per i suoi contributi alla scienza, si rivolse al Galton Institute su numerose occasioni e ha tenuto una conferenza senior sulla genetica presso l’istituto nel 2014, di cui non è disponibile la trascrizione o il video. Come professore di Oxford, Weatherall era il consigliere di dottorato di Adrian Hill e infine il suo capo quando Hill iniziò a lavorare presso l’Istituto Weatherall conducendo ricerche immunogeniche in Africa. Un elemento chiave del Weatherall Institute of Molecular Medicine sin dalla sua fondazione è Walter Bodmer, ex presidente del Galton Institute.

Mentre il Galton Institute ha tentato di prendere le distanze dal suo passato di promozione dell’eugenetica razziale con sforzi di pubbliche relazioni di superficie, non ha impedito ad alcuni membri dell’istituto di scrivere libri che promuovono e lodano la pseudoscienza. Ad esempio, il professore emerito di genetica molecolare al Galton Institute e uno dei suoi funzionari è David J. Galton, il cui lavoro include il libro del 2002 Eugenics: The Future of Human Life in the 21st Century. David Galton ha scritto che il progetto di mappatura del genoma umano, originariamente ideato dall’ex presidente di Galton Walter Bodmer, era “enormemente aumentato . . . la portata dell’eugenetica. . . a causa dello sviluppo di una tecnologia molto potente per la manipolazione del DNA”.

Questa nuova “definizione più ampia di eugenetica”, ha affermato Galton, “riguarderebbe i metodi di regolazione del numero di popolazione e il miglioramento della qualità del genoma mediante l’inseminazione artificiale selettiva da parte del donatore, la terapia genica o la manipolazione genica delle cellule germinali”. Espandendo questa nuova definizione, Galton è neutrale riguardo a “se alcuni metodi dovrebbero essere resi obbligatori dallo stato o lasciati interamente alla scelta personale dell’individuo”.

Chi ottiene i vaccini più sicuri?

Considerando il grado in cui i giocatori e le istituzioni dietro il vaccino Oxford-AstraZeneca (incluso lo sviluppatore principale) sono legati e collegati a istituzioni che sono state determinanti nell’ascesa e nella perpetuazione dell’eugenetica razziale, è preoccupante che questo particolare vaccino sia rappresentato da scienziati e media allo stesso modo come il vaccino COVID-19 per i poveri e il Sud del mondo.

Il vaccino Oxford-AstraZeneca viene venduto a una frazione del costo dei suoi concorrenti di vaccini COVID-19, tra i 3 ei 5 dollari per dose. Moderna e Pfizer costano rispettivamente da 25 a 37 dollari e 20 dollari a dose. Come riportato di recente dalla CNN, il vaccino Oxford-AstraZeneca sarà “molto più facile da trasportare e distribuire nei paesi in via di sviluppo rispetto ai suoi rivali”, molti dei quali richiedono catene di approvvigionamento del freddo complicate e costose. Quando la Thomson Reuters Foundation ha chiesto a diversi esperti quale vaccino contro il COVID-19 potrebbe “raggiungere prima i più poveri”, tutti hanno dichiarato una preferenza per il candidato Oxford-AstraZeneca.

C’è anche il fatto aggiunto che una serie di problemi di sicurezza sono venuti a circondare il vaccino. Di recente, il 21 novembre, un quarantenne partecipante alla sperimentazione clinica di AstraZeneca che vive in India ha inviato un avviso legale al Serum Institute of India sostenendo che il vaccino gli ha causato lo sviluppo di neuroencefalopatia acuta o danni cerebrali. Nell’avviso, il partecipante ha affermato che “deve essere risarcito, come minimo, per tutte le sofferenze che lui e la sua famiglia hanno subito e che probabilmente subiranno in futuro”.

In risposta, il Serum Institute ha affermato che le complicazioni mediche del partecipante non sono correlate alla sperimentazione del vaccino e ha affermato che avrebbe intrapreso “azioni legali” contro il partecipante con lesioni cerebrali per aver diffamato la reputazione dell’azienda, chiedendo danni superiori a $ 13 milioni. “Questa è la prima volta che sento di uno sponsor che minaccia un partecipante al processo”, ha detto Amar Jesani, editore dell’Indian Journal of Medical Ethics, dell’incidente. Il Serum Institute ha ricevuto almeno 18,6 milioni di dollari dalla Bill & Melinda Gates Foundation e ha un accordo con AstraZeneca per produrre un miliardo di dosi del vaccino.

Anche altri produttori scelti da Oxford-AstraZeneca per produrre il loro vaccino non sono estranei alle controversie. Ad esempio, il loro partner di produzione in Cina, Shenzhen Kangtai Biological Products, è stato al centro di polemiche per anni, soprattutto dopo che diciassette bambini sono morti a causa del vaccino contro l’epatite B nel 2013. Il New York Times ha citato Yanzhong Huang, un membro anziano del Global salute al Council on Foreign Relations, come dire: “Immaginate se uno scandalo simile viene riportato di nuovo in Cina. . . . Non solo minerà la fiducia dell’azienda produttrice del vaccino, ma danneggerà anche la reputazione della stessa AstraZeneca e del suo vaccino”.

In un altro esempio, il partner di produzione scelto per produrre il vaccino negli Stati Uniti è la società piena di scandali legata agli attacchi all’antrace del 2001, Emergent Biosolutions. Emergent Biosolutions, precedentemente nota come BioPort, ha una lunga esperienza di vendita e commercializzazione consapevolmente di prodotti che non sono mai stati testati per sicurezza ed efficacia, incluso il suo vaccino contro l’antrace BioThrax e il suo prodotto di biodifesa Trobigard. L’attuale capo del controllo qualità per l’impianto di produzione principale di Emergent Biosolutions negli Stati Uniti non ha esperienza nella produzione farmaceutica ed è invece un ex funzionario di alto livello dell’intelligence militare che ha operato in Iraq, Afghanistan e oltre.

I problemi sollevati dalla loro decisione di collaborare con produttori con storie oscure di problemi di sicurezza dei prodotti sono aggravati dalle reazioni avverse riportate negli studi Oxford-AstraZeneca e dai modi in cui sono stati condotti tali studi. A settembre, AstraZeneca è stata costretta a sospendere la sua sperimentazione sperimentale sul vaccino COVID-19 dopo che una donna nel Regno Unito ha sviluppato una “sospetta reazione grave” che il New York Times ha riportato essere coerente con la mielite trasversa. La MT è una malattia neurologica caratterizzata dall’infiammazione del midollo spinale, un elemento importante del sistema nervoso centrale. Spesso provoca debolezza degli arti, problemi di svuotamento della vescica e paralisi. I pazienti possono diventare gravemente disabili e attualmente non esiste una cura efficace.

La preoccupazione per un’associazione tra MT e vaccini è ben consolidata. Una revisione dei casi di studio pubblicati nel 2009 ha documentato trentasette casi di MT associati a vari vaccini, tra cui epatite B, morbillo-parotite-rosolia, difterite, pertosse, tetano, tra gli altri in neonati, bambini e adulti. I ricercatori in Israele hanno osservato: “Le associazioni di diversi vaccini con un singolo fenomeno autoimmune alludono all’idea che un denominatore comune di questi vaccini, come un adiuvante, potrebbe innescare questa sindrome”. Anche l’articolo del New York Times sulla pausa del processo di AstraZeneca rileva le “speculazioni” passate secondo cui i vaccini potrebbero essere in grado di innescare la MT.

A luglio, un partecipante allo studio Oxford-AstraZeneca ha sviluppato sintomi di MT e lo studio del vaccino è stato sospeso in quel momento. Un “gruppo indipendente” alla fine ha concluso che la malattia non era correlata al vaccino e la sperimentazione è continuata. Tuttavia, come ha detto Nikolai Petrovsky della Flinders University all’Australian Broadcasting Corporation, questi panel sono tipicamente composti da “biostatistici e anche da rappresentanti medici della società farmaceutica sponsor che gestisce lo studio”. Poi, a ottobre, un partecipante allo studio in Brasile è morto, anche se in quel caso AstraZeneca ha suggerito che la persona faceva parte del gruppo di controllo e quindi non aveva ricevuto il vaccino COVID-19.

Secondo Forbes, il vaccino AstraZeneca è stato inefficace nel fermare la diffusione del coronavirus nei loro esperimenti sugli animali. Tutte e sei le scimmie a cui è stato iniettato il vaccino COVID-19 di AstraZeneca sono state infettate dalla malattia dopo essere state inoculate. Tutte le scimmie sono state messe a morte, il che significa che non si sa se quelle scimmie avrebbero subito altri effetti negativi.

Un’altra preoccupazione è che gli amministratori della sperimentazione abbiano fornito al gruppo di controllo della sperimentazione (sia per le sperimentazioni sull’uomo che per gli animali) Nimenrix di Pfizer, un vaccino contro la meningite, al contrario di una soluzione salina, che è considerata il gold standard per i controlli perché i ricercatori possono essere sicuri che la soluzione salina non causerà alcuna reazione avversa. L’utilizzo del vaccino contro la meningite di Pfizer come placebo di controllo consente ad AstraZeneca di minimizzare eventuali reazioni avverse nel suo gruppo di vaccini COVID-19, dimostrando che anche il gruppo di controllo ha subito reazioni avverse. “Il vaccino contro la meningite nello studio AstraZeneca è quello che definirei un ‘fauxcebo’, un controllo falso il cui vero scopo è camuffare o nascondere le lesioni nel gruppo vaccinato”, ha affermato Mary Holland, consulente generale di Children’s Health Defense.

Eugenetica sotto un altro nome

Nonostante questi problemi di sicurezza e gli scandali degli studi clinici, quasi 160 paesi hanno acquistato il vaccino Oxford-AstraZeneca e ora i rapporti suggeriscono che l’India, il paese con la seconda popolazione più grande al mondo, probabilmente approverà questo vaccino entro la prossima settimana.

Come documentato qui, mentre il vaccino può essere annunciato come “vitale per i paesi a basso reddito”, il progetto Oxford-AstraZeneca non è una semplice ricerca filantropica. Non solo c’è un motivo di profitto significativo dietro il vaccino, ma la connessione del suo ricercatore capo con la British Eugenics Society aggiunge un altro livello di controllo giustificato.

Per coloro che incontrano storie di eugenetisti, è comune respingere attività come quella delle teorie del complotto. Tuttavia, è innegabile che molti importanti individui e istituzioni che rimangono attivi oggi abbiano chiari legami con il pensiero eugenista, che non era così tabù solo pochi decenni fa. Sfortunatamente, questo vale per gli individui e le istituzioni associati al vaccino COVID Oxford-AstraZeneca, che, come dimostrato in questo articolo, si immergono negli studi sulla scienza della razza e sul controllo della popolazione, principalmente in Africa, mentre lavorano a stretto contatto con istituzioni che hanno diretto e legami di vecchia data con il peggio del movimento eugenetico.

Come ha dimostrato questa serie, ci sono molte preoccupazioni riguardo ai punti in cui la razza e la campagna di vaccinazione COVID-19 negli Stati Uniti e all’estero si intersecano, sia pubblicamente che privatamente. La prima parte di questa serie ha sollevato interrogativi sul ruolo politico del Johns Hopkins Center for Health Security, che ha suggerito che il governo degli Stati Uniti rendesse disponibili i vaccini COVID-19 alle minoranze etniche e prima ai disabili mentali. La seconda parte ha spiegato come per stanziare i vaccini COVID-19 negli Stati Uniti, le agenzie sanitarie stanno utilizzando un programma creato da Palantir, una società che aiuta le agenzie statunitensi a prendere di mira le minoranze etniche attraverso la politica sull’immigrazione e la polizia razzista.

Inoltre, ci sono piani in atto per esercitare quella che potrebbe essere ragionevolmente descritta come coercizione economica per fare pressione sulle persone affinché si vaccinano “volontariamente”. Tale coercizione sarà ovviamente più efficace sulle comunità povere e lavoratrici, il che significa che anche le comunità di colore saranno colpite in modo sproporzionato.

Considerando questi fatti e il motivo per esaminare la sicurezza dell’opzione vaccinale “conveniente” di Oxford-AstraZeneca di cui sopra, qualsiasi danno causato dalla politica di assegnazione del vaccino negli Stati Uniti e oltre è probabile che colpisca in modo sproporzionato le comunità povere, in particolare le comunità di colore.

In quanto tale, il pubblico dovrebbe prendere con le pinze tutte le affermazioni sulla politica di lancio dei vaccini, anche quando vengono ammantate di un linguaggio di inclusione, giustizia razziale e conservazione della salute pubblica. Come disse il cofondatore dell’American Eugenics Society (in seguito ribattezzata Society for the Study of Social Biology) Frederick Osborn nel 1968, “è più probabile che gli obiettivi eugenetici vengano raggiunti con un nome diverso dall’eugenetica”.

Nota degli autori: siamo stati contattati da un collaboratore di David Galton e ci è stato detto che non ha alcun legame di sangue con Sir Francis Galton, da cui ora prende il nome il Galton Institute. Dal momento che non siamo riusciti a trovare una seconda fonte per confermare nessuna delle due affermazioni, abbiamo deciso che era meglio rimuovere dal pezzo il riferimento a una relazione familiare tra i due Galton. Tuttavia, le opere scritte e il ruolo di David Galton all’Istituto sono ancora molto rilevanti per il pezzo e quell’informazione non è stata alterata.


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: