(41) Brevetti: controllare la conoscenza per estrarre ricchezza

Di Roddriver, pubblicato il 17 agosto 2021

Un brevetto è un modo per proteggere le invenzioni ed è talvolta chiamato proprietà intellettuale. Significa che un inventore è l’unica persona autorizzata a realizzare, utilizzare o vendere la sua invenzione. Se altri vogliono usare quell’invenzione, devono effettuare pagamenti all’inventore chiamati royalties. Ad esempio, Microsoft guadagna $ 5 – $ 15 su ogni smartphone Android a causa dei brevetti sulle strutture di file utilizzate all’interno di quei telefoni.[1]

I brevetti dovrebbero avere due scopi principali:

  1. Incoraggiare la diffusione delle informazioni. Affinché il brevetto venga concesso, l’inventore deve fornire informazioni sufficienti in modo che tutti possano vedere come funziona l’invenzione.
  2. Fornire una ricompensa agli inventori, incoraggiando così le persone a innovare.

In teoria, tutti ne traggono vantaggio, ma ci sono molti aspetti negativi dei brevetti. In pratica, le aziende sfruttano il sistema per ottenere grandi profitti controllando l’informazione e la tecnologia. Nei post precedenti abbiamo discusso alcuni dei modi in cui l’economia è truccata per rendere più ricchi i ricchi. Uno di questi erano i profitti del monopolio, in cui un’azienda è dominante nel suo settore e può quindi applicare prezzi più elevati. I brevetti sono l’ultimo esempio di monopolio, perché nessun altro può competere.

Trasferimento di ricchezza dai paesi poveri ai ricchi

C’è stata molta pressione da parte delle nazioni avanzate per rafforzare le leggi sui brevetti in tutti i paesi poveri per allinearle ai sistemi statunitensi ed europei. I paesi ricchi controllano la maggior parte dei brevetti mondiali, quindi ricevono quasi tutte le royalty.[2] Sono particolarmente dominanti nel software, nei prodotti farmaceutici, nei prodotti chimici e nelle biotecnologie. I paesi più poveri non possono permettersi di pagare, quindi una forte legge sui brevetti nega loro l’accesso alle nuove tecnologie, rallentando così lo sviluppo e rafforzando la povertà.[3]

Quando i paesi aderiscono all’Organizzazione mondiale del commercio (OMC), devono accettare le regole sui brevetti dell’OMC.[4] Queste regole sono scritte da avvocati dell’industria dell’intrattenimento, del software e farmaceutica. Se i paesi non hanno leggi sui brevetti forti, gli Stati Uniti li penalizzeranno. Sia il Brasile che la Thailandia sono stati costretti a rafforzare le loro leggi sui brevetti perché gli Stati Uniti hanno minacciato di imporre sanzioni commerciali.[5] Si stima che i paesi in via di sviluppo paghino 45 miliardi di dollari all’anno ai paesi ricchi a causa delle leggi sulla proprietà intellettuale.[6]

Fino a pochi anni fa era possibile brevettare quasi tutto negli Stati Uniti, come le procedure mediche e persino i codici genetici della vita stessa.[7] Dopo alcuni casi legali, le regole sono state modificate in modo che ora sia più difficile brevettare le cose negli Stati Uniti. Tuttavia, è ancora possibile brevettare i semi. Le aziende cercano di brevettare qualcosa negli Stati Uniti, quindi usano l’OMC per affermare che il brevetto è valido ovunque. Hanno cercato di brevettare semi e medicinali che sono stati usati dalle popolazioni indigene per generazioni. Questo è noto come biopirateria. La spezia, la curcuma, è stata usata come medicina in India per molti anni, ma esisteva un brevetto statunitense per essa. Questo brevetto è stato infine dichiarato non valido.[8] Sebbene la sentenza fosse importante, il brevetto non avrebbe dovuto essere concesso in primo luogo.

Fino a poco tempo, molti paesi avevano leggi che non consentivano la brevettazione di alimenti, piante, semi e forme di vita.[9] Questo non è più il caso. Quattro grandi società controllano la maggior parte dei semi del mondo e tre quarti del cibo mondiale proviene da sole 12 piante. Le aziende stanno abusando del sistema dei brevetti per cercare di controllare l’approvvigionamento alimentare mondiale (animali e raccolti). Ad esempio, non consentono agli agricoltori di conservare i semi da un anno all’altro, costringendo gli agricoltori a pagare le royalty ogni anno. Questo è chiaramente un trasferimento di ricchezza dai poveri ai ricchi. Inoltre, molti gruppi della campagna hanno sottolineato che questo è pericoloso, perché c’è molta meno variazione nelle colture che vengono coltivate e la mancanza di biodiversità ci rende vulnerabili al fallimento delle colture su larga scala.[10]

Non si insisterà mai abbastanza sull’importanza di modificare l’attuale legge sui brevetti per aiutare i paesi poveri. Come ha notato un commentatore

«Il fondamento dello sviluppo economico è una conoscenza più produttiva».[11]

Negli ultimi cento anni, la tecnologia di copiatura è stata un mezzo di sviluppo molto importante. Storicamente, le nazioni avanzate hanno ignorato la legge sui brevetti ogni volta che era loro opportuno per aiutarsi a svilupparsi replicando le invenzioni di altri paesi. Più recentemente è stato importante per aiutare la Cina a svilupparsi. Al momento, la disuguaglianza globale è in aumento. Se permettiamo che questo sistema di brevettazione continui nella sua forma attuale, il mondo in via di sviluppo troverà sempre più difficile recuperare il ritardo.[12] Il diritto d’autore (che è legato ai brevetti) su software e libri di testo è già dannoso per i paesi in via di sviluppo. Questo tipo di disuguaglianza non è una parte intrinseca della società umana. Lo creiamo e lo manteniamo utilizzando regole artificiali progettate a beneficio di persone e aziende potenti nei paesi ricchi.

I lettori più attenti avranno capito che i brevetti non sono coerenti con le idee sui mercati e la concorrenza tra le aziende. I brevetti riguardano il potere e il controllo: realizzare profitti in eccesso perché un’azienda non ha concorrenza.[13] Le aziende vogliono i brevetti quando gli conviene e affermano di volere il libero scambio quando gli conviene. Entrambi costringono i paesi poveri a fare le cose in modo da avvantaggiare i paesi ricchi e le loro società.

Soffocare l’innovazione

Uno dei modi principali in cui la nostra comprensione della scienza avanza è che lo stesso esperimento venga eseguito molte volte per assicurarsi che i risultati siano corretti. Alle università viene detto che non possono svolgere determinate ricerche senza pagare royalties. Questo è costoso, quindi la ricerca è soffocata.[14]

Questo è stato notato dai ricercatori biomedici. La brevettazione dei geni crea problemi ai medici che effettuano esami medici. I medici in Inghilterra avevano sviluppato un test per vedere se qualcuno ha il gene della fibrosi cistica. Una società in Canada ha affermato di possedere il gene e di aspettarsi di essere pagata ogni volta che il test è stato eseguito.[15] Questo modo di pensare rende più difficile per i paesi fornire assistenza sanitaria a basso costo per tutti.

L’unico modo per contestare un brevetto è passare attraverso complessi procedimenti legali, quindi i “troll dei brevetti” acquistano brevetti per estorcere denaro.[16] Nel 2011 la spesa totale per le spese legali relative ai brevetti è stata di 29 miliardi di dollari. Il sistema legale è così costoso che è più facile pagare che contestare, portando a molte cause frivole. La gente comune e le piccole imprese non possono permettersi i costi, quindi è diventata un parco giochi per ricchi.[17] Questi costi sono in ultima analisi pagati dai consumatori.

Nessuno sa quante invenzioni potrebbero esserci che non sono mai state inventate a causa del sistema dei brevetti. Anche gli addetti ai lavori tradizionali hanno iniziato a parlare di quanto sia diventato corrotto il sistema. Nel 2011, il chief legal officer di Google, David Drummond, ha affermato che:

“i brevetti…sono usati come un’arma per fermare l’innovazione”.

David Drummond

I paesi ricchi hanno discusso per secoli dell’importanza del controllo della tecnologia. I brevetti sui primi motori a vapore impedivano agli inventori di realizzare i propri progetti, alcuni dei quali erano superiori. Già nel 1785 la Gran Bretagna introdusse leggi per impedire l’esportazione di macchinari avanzati. In uno studio sulle aziende produttrici di coloranti e prodotti chimici nel 19° secolo, l’assenza di brevetti in Germania è stata identificata come una delle ragioni principali per cui la Germania ha avuto più successo del Regno Unito.[18] Alla fine del 19° secolo, Svizzera e Paesi Bassi hanno effettivamente eliminato la protezione dei brevetti e dei diritti d’autore a causa dei loro svantaggi.[19]

Dovremmo eliminare tutti i brevetti?

L’argomento avanzato a sostegno dei brevetti è che le ricompense sono necessarie per motivare l’innovazione. Tuttavia, l’evidenza suggerisce che la maggior parte delle innovazioni avverrebbe senza brevetti. Raramente c’è una discussione nei media mainstream che pone la domanda “starebbe meglio con brevetti meno o più deboli, o senza brevetti del tutto?” È scontato che dobbiamo avere il sistema attuale. (Le discussioni nelle riviste di tecnologia sono migliori.) Tuttavia, la ricerca nel 2004 ha mostrato che la società nel suo insieme potrebbe stare meglio senza brevetti,[20] poiché gli svantaggi del sistema potrebbero essere maggiori dei vantaggi. Staremmo sicuramente meglio senza la maggior parte dei brevetti.

Nei post precedenti abbiamo discusso del ruolo della società nella creazione di ricchezza. Tutti noi ereditiamo un’immensa quantità di conoscenza dal passato. Il ruolo di qualsiasi individuo o azienda nello sviluppo di nuove idee è piccolo.[21] Dovremmo quindi diminuire i premi che vanno agli inventori. Attualmente i brevetti durano 20 anni. Questo è un tempo estremamente lungo per concedere un monopolio, che costringe tutti gli altri a pagare per utilizzare la nuova tecnologia. Brevetti più lunghi significano che la società paga di più per le nuove invenzioni mentre le grandi società realizzano maggiori profitti. Qualunque siano i pro ei contro dei brevetti in generale, i brevetti lunghi sono una cattiva idea. Anche il fondatore di Amazon, Jeff Bezos, ha suggerito che i brevetti sul software non dovrebbero durare più di 3-5 anni.[22]

Se abbiamo un sistema di brevetti, allora deve essere buono che offra alla società vantaggi che superano gli svantaggi. Tutto ciò che dà più potere alle grandi aziende dovrebbe essere visto come intrinsecamente negativo. Sono stati proposti sistemi alternativi per premiare gli inventori senza dare così tanto potere o ricchezza alle corporazioni. Ciò consentirebbe a tutti di replicare gratuitamente le invenzioni.

Punti chiave

  • La legge sui brevetti è principalmente destinata a beneficiare le società dei paesi ricchi
  • I brevetti attuali sono troppo lunghi e questo è costoso per le società di tutto il mondo
  • Possiamo sostituire i brevetti con sistemi migliori

Ulteriori letture

Drahos & Braithwaite, Feudalesimo dell’informazione: chi possiede l’economia della conoscenza, 2002
https://www.taylorfrancis.com/books/mono/10.4324/9781315092683/information-feudalism-peter-drahos-john-braithwaite

Risorse in linea

Knowledge Economy International, a
http://www.keionline.org/about

Referenze

[1] Chris Hoffman, ‘How Microsoft makes $5 to $15 from every Android device sold’, How-to Geek, 5 March 2014, at
https://www.howtogeek.com/183766/why-microsoft-makes-5-to-15-from-every-android-device-sold/

[2] Peter Drahos & John Braithwaite, Information Feudalism: Who owns the knowledge economy, 2002
https://www.taylorfrancis.com/books/mono/10.4324/9781315092683/information-feudalism-peter-drahos-john-braithwaite

[3] ‘Intellectual Property Rights Commission Final Report’, cited in ‘Patent Laws Are Keeping Poor Countries In Poverty’, Sept 14, 2002, at
www.bmj.com

[4] WTO patent rules are known as TRIPS. This stands for Trade Related Aspects of Intellectual Property Rights

[5] Mark Curtis, Trade for Life, p.77
https://www.cambridge.org/core/journals/world-trade-review/article/abs/trade-for-life-making-trade-work-for-poor-people-by-mark-curtis-christian-aid-2001-231pp/FDD4355F18319F01C09577D19FFB6F44

[6] Ha-Joon Chang, Bad Samaritans, p.141
https://www.goodreads.com/book/show/1032019.Bad_Samaritans

[7] Joel Bakan, The Corporation (dvd)
https://thecorporation.com/team/joel-bakan

[8] ‘War Against Biopiracy’, at
www.tribuneindia.com/2005/20050401/science.htm

[9] Lori Wallach and Patrick Woodall, Whose Trade Organization, p.202
https://www.citizen.org/article/whose-trade-organization-a-comprehensive-guide-to-the-wto/

[10] Francesca Ratcliffe, ‘Seed patenting and the Threat to Food Security: The losers of the global seed market consolidation’, The Governance Post, 14 Dec 2020, at
https://www.thegovernancepost.org/2020/12/seed-patenting-threat-to-food-security/

‘What is the problem’, No patents on seeds!, at
https://www.no-patents-on-seeds.org/en/background/problem

[11] Ha-Joon Chang, Bad Samaritans
https://www.goodreads.com/book/show/1032019.Bad_Samaritans

[12] Michael S. Carolan, Development and Change, March 2009, at https://www.researchgate.net/publication/227879654_The_Problems_with_Patents_A_Less_than_Optimistic_Reading_of_the_Future

[13] Drahos and Braithwaite, Information Feudalism
https://www.taylorfrancis.com/books/mono/10.4324/9781315092683/information-feudalism-peter-drahos-john-braithwaite

[14] E.Richard Gold et al, ‘Are patents impeding medical care and innovation?’, PLoS Med, Jan 2010, at
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2795161/

[15] George Monbiot, Captive State, pp.255–261
https://www.monbiot.com/books/captive-state/

[16] Steven Levy, ‘The patent problem’, Wired 13 Nov 2012, at
https://www.wired.com/2012/11/ff-steven-levy-the-patent-problem/

[17] Daniel Thomas, ‘Why the patent system needs a revamp’, Raconteur, 18 Dec 2018, at
https://www.raconteur.net/legal/intellectual-property/patents-system/

[18] Johann Murmann, Knowledge and Competitive Advantage: The coevolution of firms, technology and National institutions, 2004
http://professor-murmann.net/publications/JIBS_Review.pdf

[19] Dean Baker, ‘The reform of intellectual property’, post-autistic economics review, №32, 5 July 2005, at
http://www.paecon.net/PAEReview/issue32/Baker32.htm

[20] Derek Lowe, ‘The problem with patents’, Science, 13 Aug 2015, at https://blogs.sciencemag.org/pipeline/archives/2015/08/13/the-problem-with-patents

[21] Linda McQuaig, The Trouble With Billionaires
https://www.goodreads.com/book/show/9335840-the-trouble-with-billionaires

[22] Nilay Patel, ‘The ‘broken patent system’: how we got here and how to fix it’, 10 July 2012, at
https://www.theverge.com/2011/08/11/broken-patent-system


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: