Da Australe a Boreale, è freddo

18 ottobre 2021; articolo di Cap Allon

Pechino soffre la temperatura di ottobre più bassa da mezzo secolo a causa del congelamento della città 20 giorni prima del normale.

Una violenta ondata di freddo ha fatto precipitare le temperature in tutta la Cina a livelli senza precedenti per il mese di ottobre, aumentando la domanda di riscaldamento in un settore energetico già teso.

Secondo l’autorità meteorologica municipale, alle 6:44 di domenica mattina nella capitale della Cina, Pechino, è stata registrata una minima di -0,2°C (31,6°F), la temperatura più bassa di ottobre registrata da un osservatorio cittadino dal 1969, riferisce l’agenzia di stampa xinhua.

Inoltre, la prima gelata della stagione di Pechino è arrivata con 20 giorni di anticipo rispetto alla media (dell’8 novembre). Di conseguenza, i meteorologi locali hanno espresso la preoccupazione che il freddo precoce della Cina centrale e orientale potrebbe essere un presagio di un inverno brutale a venire. Un tale evento aumenterebbe la pressione sulle riserve esaurite di carbone e gas e aggraverebbe la crisi energetica globale.

L’ondata di freddo di domenica ha colpito rapidamente e duramente, facendo scendere le temperature di circa 10°C in poche ore, in particolare nelle province di Hebei, Shandong, Henan, Anhui e Jiangsu, dove i residenti hanno scherzosamente paragonato il rapido raffreddamento alla “modalità di congelamento rapido” di un frigorifero.

I sistemi di riscaldamento municipali sono stati avviati prima del previsto nelle città del nord-est della Cina. Mohe, situata sulla punta nord-orientale del territorio cinese, ha iniziato la sua stagione di riscaldamento di otto mesi il 17 settembre, due giorni prima dell’anno scorso, che a sua volta era considerato un inverno brutalmente freddo per la regione.

Le rare nevicate di ottobre hanno accompagnato i minimi di ottobre: sabato, durante la festa del National Day, sono stati segnalati fiocchi sulle cime delle montagne in tutto il nord. La neve si è depositata anche sul Monte Baiyun, vicino a Luoyang, durante il fine settimana, un luogo che di solito non accoglie la sua prima neve fino alla fine di novembre o all’inizio di dicembre.

Guardando al futuro, l’ondata di freddo dovrebbe attenuarsi, ma solo leggermente: il mercurio dovrebbe mantenere circa 4-6 °C più freddo della media per molti, secondo l’Osservatorio meteorologico nazionale, con temperature lungo la media e la bassa portata del Si prevede che il fiume Yangtze manterrà 7-8°C più freddo.

Ciò è supportato dalle ultime corse GFS (mostrate di seguito), che vedono ulteriori insolite nevicate di inizio stagione che colpiscono gran parte dell’Asia:

GFS Total Snowfall (cm) Oct 18 – Nov 3 [tropicaltidbits.com].

Un esperto con sede a Pechino ha dichiarato al Global Times che l’ondata di freddo del continente è stata causata dal “vento da ovest”, un vento che porta aria fredda e secca dalla Siberia alla Cina. Questo modello si verifica ogni stagione, ma è arrivato molto prima di quest’anno in mezzo a “anomalie di circolazione atmosferica” – in altre parole, le correnti a getto sono andate “fuori di testa” e hanno portato l’aria artica in modo anomalo all’estremo sud per il periodo dell’anno (un fenomeno associato alla bassa attività solare, come la produzione storicamente bassa che stiamo vivendo ora):

Come ci si aspetterebbe, il congelamento di inizio stagione in Cina ha aumentato la domanda di riscaldamento ed elettricità, una sfida enorme per il paese, e in effetti per il mondo, che stava già cercando di rifornire le riserve di carbone e gas prima che scenda l’inverno:

Bufere di neve primaverili battono l’Argentina

Forti nevicate hanno investito Ushuaia e altre aree della Terra del Fuoco durante il fine settimana, con la previsione che la massa d’aria dell’Antartide si estenderà a nord fino al Brasile entro martedì.

Forti bufere di neve hanno colpito vaste aree dell’Argentina meridionale da sabato 16 ottobre – anche i fiocchi si sono dimostrati persistenti, cadendo ancora al momento della stesura (lunedì 18 ottobre).

Come riportato da metsul.com, la rara neve di metà ottobre ha “imbiancato la provincia argentina della Terra del Fuoco”.

Secondo i dati dell’aeroporto di Ushuaia, sabato e domenica sono cadute forti nevicate, con il mercurio che si è mantenuto intorno al punto di congelamento – il meteorologo Nacho Lopez Amorim, del National Weather Service, ha descritto la nevicata per la seconda metà di ottobre come “impressionante”.

Guardando al futuro, questa settimana la massa d’aria gelata avanzerà verso nord lungo la costa orientale dell’Argentina, dove si prevede che entrerà nel sud del Brasile martedì e mercoledì. nel fine settimana.

Come si è visto intorno all’Artico nell’emisfero settentrionale (in particolare in Asia, Europa e Stati Uniti occidentali), i potenti getti dell’Antartide, responsabili del mantenimento dell’aria polare del continente, si sono indeboliti – questo, a sua volta, ha permesso un deflusso di gelo aria per inghiottire non solo il Sud America, ma anche il Sud Africa, l’Australia e la Nuova Zelanda.

“Questo spiega l’alta frequenza dei fronti freddi (nelle ultime settimane)”, conclude l’articolo di metsul.com.

Dall’inizio dell’anno:

FONTE


Il Modern Maximum è finito, sotto ogni aspetto

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.

Grande minimo solare
+
Inversione magnetica dei poli

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: