(42) I delitti dell’industria farmaceutica

Di Roddriver, pubblicato il 25 agosto 2021

“La storia della medicina è disseminata di meravigliosi primi risultati che nel corso del tempo si sono rivelati non così meravigliosi – o addirittura negativi … ci sono un’intera serie di esempi recenti in cui i dati preliminari hanno portato molta eccitazione e causato cambiamenti nella pratica clinica e poi alla fine ci siamo resi conto che avevano fatto più male che bene. Perché non impariamo mai queste lezioni?”

Richard Horton, editore di The Lancet[1]

L’industria farmaceutica produce farmaci per scopi medici. L’industria si batte duramente per brevetti più forti in tutto il mondo. Anche gli economisti tradizionali sono molto critici nei confronti dei brevetti in medicina. In alcuni casi, i farmaci brevettati vendono migliaia di volte di più di quanto costerebbero se non ci fossero brevetti. L’industria illustra alcuni dei punti discussi nei post precedenti sul potere aziendale e sui crimini aziendali.

Ricercare i problemi sbagliati

La maggior parte della ricerca sui farmaci si è concentrata sui problemi del mondo ricco. L’agenzia umanitaria, Medici senza frontiere (MSF) ha affermato che solo 21 dei 1.556 farmaci immessi sul mercato globale dal 1975 al 2004 miravano a combattere le malattie “trascurate”, ovvero malattie che si trovano principalmente nei paesi poveri. Le aziende farmaceutiche dedicano molto più tempo alla ricerca di farmaci per lo stile di vita, come il Viagra, piuttosto che la tubercolosi, perché è lì che stanno i profitti. Eppure potremmo trattare molti dei principali problemi di salute nei paesi poveri a un costo relativamente basso.[2] Nel 2006 l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha iniziato ad affrontare questo problema, ma i finanziamenti attuali sono ancora inadeguati.[3]

Costi sociali, profitti privati

Le prime fasi della ricerca e dello sviluppo dei farmaci sono spesso finanziate pubblicamente, con università e governi di tutto il mondo che pagano gran parte dei costi.[4] Le aziende spesso vengono coinvolte solo dopo che i primi test hanno mostrato risultati promettenti. Come ha sottolineato un commentatore:

“L’intero ecosistema in cui è ospitata l’innovazione – brevetti, diritto d’autore, finanza, università, ricerca, trasferimento di conoscenze, regole di proprietà, regolamentazione per garantire standard comuni – è co-creato tra il pubblico e il privato”.[5]

Tuttavia, le aziende che ricevono i brevetti mantengono i profitti. Una volta che hanno un brevetto per un farmaco, le aziende possono addebitare qualsiasi cosa massimizzi i loro profitti. In altre parole, qualunque cosa le persone più ricche possano permettersi di pagare. In un caso estremo, un farmaco chiamato Cerezyme è costato oltre $ 200.000 per il trattamento di un anno, anche se quasi tutto lo sviluppo era stato finanziato pubblicamente.[6] I sistemi sanitari dei paesi ricchi finiscono per razionare i farmaci a causa del loro costo.

In queste circostanze, non ha senso consentire alle società private di trattenere tutti i profitti dai farmaci brevettati. È ancora un altro modo in cui l’intera economia è truccata per trasferire immense ricchezze nelle mani di dirigenti e azionisti delle grandi aziende.

Privare i Paesi poveri di medicinali

Laddove un medicinale potrebbe giovare a milioni di persone nei paesi poveri, deve essere reso disponibile al minor costo possibile. Tuttavia, le grandi aziende farmaceutiche che hanno i brevetti per questi farmaci vogliono controllarne la disponibilità e applicare i prezzi più alti.

L’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) fa rispettare i brevetti attraverso un accordo chiamato TRIPS (Aspetti relativi al commercio della proprietà intellettuale)[7]. Tuttavia, il TRIPS consente ai paesi poveri di produrre copie a basso costo di medicinali importanti, e in paesi come l’India sono state emanate alcune importanti sentenze legali che lo consentono.[8] Nonostante ciò, le aziende farmaceutiche stanno ancora bloccando l’accesso ai farmaci in tutto il mondo.[9] La maggior parte dei paesi poveri è costretta a sottostare a prezzi elevati a causa delle minacce provenienti da Stati Uniti, Gran Bretagna e altre nazioni avanzate.

Il leader sudafricano, Nelson Mandela, ha cercato di ottenere farmaci per l’HIV a basso costo per curare l’AIDS. Le aziende occidentali volevano far pagare $ 15.000 all’anno, mentre un’azienda indiana potrebbe produrre gli stessi farmaci per $ 300 all’anno. Mandela è stato minacciato di sanzioni dopo che le compagnie farmaceutiche hanno esercitato pressioni sul governo degli Stati Uniti.[10] Milioni di persone sono morte in Africa perché non potevano permettersi medicine troppo care.

[È successo anche nella democratica e ricca Europa, quando l’allora governatore della BCE Mario Draghi non concesse un prestito alla Grecia in grave crisi economica. n.d.r.]

“Il vero problema per le multinazionali (aziende farmaceutiche) non sono i mercati dei paesi poveri, che sono finanziariamente piccoli, ma gli esempi dei paesi poveri. In che modo migliaia di persone nei paesi ricchi, in particolare negli Stati Uniti, saranno persuase ad accettare la morte per cancro e altre malattie perché non possono pagare le decine di migliaia di dollari all’anno che costerà una nuova generazione di cure, se le aziende in India potessero produrre e vendere le stesse medicine per una piccola frazione del prezzo?”[11]

Molte medicine sono spazzatura troppo costosa

Un’ampia percentuale di nuovi farmaci non è più efficace dei farmaci esistenti.[12] Il National Institute of Health (NIH) degli Stati Uniti ha condotto un ampio studio pubblicato nel 2002 per vedere se i farmaci esistenti per l’ipertensione funzionavano. Alcuni dei farmaci erano tra i più venduti al mondo, ma lo studio ha scoperto che i diuretici vecchio stile funzionavano altrettanto o meglio di qualsiasi altra cosa. I diuretici costano 37 dollari all’anno. Gli altri farmaci testati costano $ 230 – $ 715 dollari all’anno, ma i medici prescrivevano per lo più i farmaci più costosi.[13]

Ingenti somme di denaro sono state spese per farmaci per il diabete, come l’Avandia, che si sono rivelati inefficaci.[14] Quando sono stati introdotti per la prima volta, sono stati inizialmente promossi come salvavita. Il farmaco antinfluenzale, Tamiflu, aveva un valore minimo, ma nel 2009 sono state acquistate enormi scorte contro l’influenza H1N1 a causa di dati di ricerca fuorvianti e di pressioni aziendali.[15] Il produttore, Roche, ha nascosto i dati per fuorviare tutti. Questo dovrebbe essere considerato un reato grave, ma in realtà non è illegale.

Più spesi per il marketing che per la ricerca

Se un farmaco è davvero efficace, non richiede marketing. Studi scientifici adeguati dimostrano i benefici e medici e reti sanitarie di tutto il mondo lo useranno. Tuttavia, poiché la maggior parte dei farmaci non è molto efficace, le aziende devono spendere enormi somme per “convincere” i medici a prescriverli. Ciò include regali, vacanze e altri incentivi (un eufemismo per tangenti). Molti medici sono felici di andare d’accordo con questo. In alcuni paesi c’è anche una grande quantità di pubblicità più generica. In totale, si spende di più per il marketing che per la ricerca. Questo marketing è in ultima analisi pagato dalle persone che acquistano i farmaci, il che li rende molto più costosi.

Molti nuovi farmaci sono farmaci imitativi. In altre parole, variazioni di farmaci esistenti. Buoni esempi sono Cialis e Levitra, che sono varianti del Viagra. Si spendono ingenti somme per la commercializzazione di questi farmaci, ma se non esistessero nessuno se ne accorgerebbe.

La frode e l’inganno sono molto diffusi

L’industria farmaceutica è una delle industrie più corrotte al mondo. Tutte le grandi aziende farmaceutiche sono state condannate per vendita di farmaci dannosi, a volte mortali.[16] L’industria è stata multata per oltre 50 miliardi di dollari negli ultimi vent’anni.[17] Nel 2012, la società farmaceutica Glaxo Smith Kline (GSK) è stata multata di 3 miliardi di sterline negli Stati Uniti per la vendita impropria di farmaci; per frode, corruzione e addebito eccessivo; per aver pagato lauti incentivi ai medici; per coprire le prove di ricerca negative; e per aver fatto false affermazioni sui medicinali. GSK è stata multata anche in India, Sud Africa e Regno Unito.[18] Sebbene queste cifre sembrino elevate, non sono sufficienti a dissuadere le aziende dal continuare a commettere questi crimini. Le vendite di un singolo farmaco possono valere molte volte queste cifre, quindi per le aziende la criminalità paga.[19] Nessun individuo è perseguito per reati penali. Nel 1997 alcune aziende farmaceutiche sono state multate per aver gestito un cartello globale per la fissazione dei prezzi.[20] Un autore è arrivato al punto di dire che la definizione ufficiale di criminalità organizzata descrive da vicino le attività delle compagnie farmaceutiche.[21]

L’industria ha una lunga storia di esagerare i benefici dei loro farmaci, sottovalutare i lati negativi e nascondere i risultati negativi. Uno studio recente ha mostrato che nel mondo reale i medicinali tendono ad essere 4 volte più dannosi di quanto affermano i produttori.[22] Gli effetti avversi ricoverano ogni anno un quarto di milione di persone nel Regno Unito e 2 milioni negli Stati Uniti. Ci sono stati 55.000 decessi per il farmaco antidolorifico Vioxx, ma i dati sono stati trattenuti dal produttore, Merck.[23] Un gran numero di infarti, ictus e decessi sono stati causati dal farmaco per il diabete, Avandia.[24] Un commentatore esperto ha affermato che:

“Fino a quando sanzioni più significative e la prospettiva del carcere per i capi delle aziende responsabili di tale attività non diventeranno all’ordine del giorno, le aziende continueranno a frodare il governo e a mettere in pericolo la vita dei pazienti”.[25]

Numerosi studi hanno scoperto che quando le aziende pagano il conto, è più probabile che la ricerca produca risultati a sostegno di nuovi farmaci. In altre parole, ora ci sono prove schiaccianti che le aziende farmaceutiche manipolano la ricerca.[26] Le aziende testano i propri farmaci, quindi i test sono progettati in modo intelligente per enfatizzare i benefici e minimizzare i danni. Gli studi negativi non sono sempre stati pubblicati. Possono farla franca a causa di una regolamentazione inadeguata.

Acquisizione normativa

L’industria farmaceutica spende più di qualsiasi altra industria per esercitare pressioni sul governo degli Stati Uniti, spendendo 280 milioni di dollari nel 2018.[27] Lo scopo di questo è garantire che ci sia pochissima regolamentazione del settore. Il regolatore statunitense si chiama Food and Drug Administration (FDA). È sottofinanziato, ha mostrato scarso interesse per la sicurezza e non ha analisi di sicurezza in corso a lungo termine.[28] Ha anche gravi conflitti di interesse, con molti dipendenti legati al settore. L’ex capo della FDA andò a lavorare per l’azienda farmaceutica Pfizer.[29] Molti ex membri del Congresso degli Stati Uniti hanno accettato di lavorare come lobbisti per l’industria farmaceutica.

Sorprendentemente, la situazione normativa in Gran Bretagna è persino peggiore. Il regolatore del Regno Unito (MHRA) non ha perseguito con successo una singola impresa e le multe ammontano a soli £ 73.300. Il regolatore si è vantato nel 2012 di aver dato 467 avvertimenti e 151 ammonimenti,[30] ma questi non hanno avuto alcun effetto. Le leggi ei regolamenti non vengono applicati e vi sono conflitti di interesse nell’intero sistema di approvazione dei farmaci.[31]

Non adatto allo scopo

La maggior parte delle persone in Gran Bretagna e in altri paesi che hanno qualcosa di simile a un servizio sanitario nazionale, non sono consapevoli di quanto sia spaventosa l’industria farmaceutica, perché non devono pagare da soli i farmaci. I media raramente discutono dei costi aggiuntivi sostenuti dal servizio sanitario a causa dello sfruttamento aziendale. L’obiettivo del sistema della droga è il profitto aziendale, non il bisogno medico. L’industria farmaceutica è un esempio lampante di un’industria che “non è adatta allo scopo”. Fallisce la maggior parte delle persone sia nei paesi ricchi che in quelli poveri. Un importante esperto, Ben Goldacre, ha affermato che “la medicina è rotta”.

Un sistema gestito a livello nazionale potrebbe fornire gli stessi farmaci a una frazione del prezzo. Non ci sarebbero farmaci imitativi, marketing costoso, lobbying, battaglie legali sui brevetti e nessuna privazione dei farmaci ai paesi poveri. Un vero sistema internazionale potrebbe concentrarsi sui farmaci necessari nei paesi poveri e renderli disponibili il più ampiamente possibile, al prezzo più basso possibile. Se vogliamo affrontare la povertà globale dovremo dedicare risorse significative a quelle malattie dove ci sarà poco profitto.

La propaganda sui prodotti farmaceutici non ha avuto del tutto successo, a causa delle discussioni dei media sulla necessità di farmaci a basso costo nei paesi poveri. Tuttavia, la propaganda sui brevetti per i farmaci nei paesi ricchi ha avuto molto successo. I media mainstream raramente sfidano il sistema dei brevetti, o discutono l’entità delle frodi da parte dell’industria, o spiegano che i farmaci potrebbero essere ricercati e prodotti molto più a buon mercato con altri mezzi. La possibilità di un’industria farmaceutica gestita dal governo è qualcosa di cui non si discute mai.

Punti chiave

  • L’industria farmaceutica non è adatta allo scopo
  • Si concentra sui problemi sbagliati
  • Commette frodi diffuse: la maggior parte dei farmaci è spazzatura troppo costosa
  • Nega le medicine ai paesi poveri

Siti utili

https://www.alltrials.net/
https://www.worstpills.org/

Ulteriori letture

  • Ben Goldacre, Bad Pharma: How drug companies mislead doctors and harm patients, 2012
  • Marcia Angell, The truth about the drug companies, 2004
  • Peter Mugyenyi, Genocide by Denial: How profiteering from HIV/AIDS killed millions, 2008
  • Dylan Mohan Grey, ‘Fire in the Blood’, movie about attempts to get cheap copies of medicines

Referenze

[1] Richard Horton (Editor), The Lancet, Nov 2005, cited in Pat Thomas, ‘Herceptin: Clinical Trial By Media’, The Ecologist, July/August 2006, at
http://www.howlatthemoon.org.uk/herceptin-clinical-trial-by-media/

[2] The UN estimate for achieving their Millennium Development Goals, which included basic healthcare, was $75 billion per year until 2015, at https://sustainabledevelopment.un.org/content/documents/Agenda21.pdf

[3] Catherine Brahic, ‘WHO boost for research on neglected diseases’, SciDevNet, 5 June 2006, at
https://www.scidev.net/sub-saharan-africa/news/who-boost-for-research-on-neglected-diseases-ssa/

[4] Mariana Mazzucato, ‘State of innovation: Busting the private sector myth’, New Scientist, 21 Aug 2013, at
https://www.newscientist.com/article/mg21929310-200-state-of-innovation-busting-the-private-sector-myth/

[5] Will Hutton, ‘The American election is really a battle for the future of capitalism’, The Guardian, 22 July 2012, at
https://www.theguardian.com/commentisfree/2012/jul/22/will-hutton-obamas-good-capitalism

[6] Marcia Angell, The Truth About The Drug Companies, p.67
https://www.penguinrandomhouse.com/books/3901/the-truth-about-the-drug-companies-by-marcia-angell-md/

[7] MSF, Indian court ruling in Novartis case protects India as the ‘pharmacy of the developing world’, 5 Aug 2007, at
https://msfaccess.org/indian-court-ruling-novartis-case-protects-india-pharmacy-developing-world

Belinda Linden, ‘Basic Blue Skies Research In The UK: Are We Losing Out?’ Journal of Biomedical Discovert and Collaboration, 29 Feb 2008, at
www.j-biomed-discovery.com/content/3/1/3

[8] Patralekha Chatterjee, ‘Five years after the Indian Supreme Court’s Novartis Verdict’, Intellectual Property Watch, 20 May 2018, at
https://www.ip-watch.org/2018/05/20/five-years-indian-supreme-courts-novartis-verdict/

[9] ‘The Second Line AIDS Crisis: Condemned To Repeat?’, Doctors without Borders, 13 April, 2007, at
https://www.doctorswithoutborders.org/what-we-do/news-stories/news/second-line-aids-crisis-condemned-repeat

William F. Haddad, ‘Compulsory Licensing of Life-Saving Medicines: “A story and a history”,”A problem and a solution”, July 2013, at
http://www.peah.it/2013/07/compulsory-licensing-of-life-saving-medicines-a-story-and-a-history-a-problem-and-a-solution/

[10] Ed Vulliamy, ‘How drug giants let millions die of aids’, The Guardian, 19 Dec 1999, at
https://www.theguardian.com/uk/1999/dec/19/theobserver.uknews6

[11] John S. James, ‘India Changes Patent Law To Meet WTO Treaty, Making New Medicines Less Available To Most People, Other Countries’, Dec 2004, at
www.aidsnews.org/2004/12/india-patent.html

[12] Jonathan J. Darrow and Aaron S. Kesselheim, ‘Nearly one-third of new drugs are no better than older drugs, and some are worse’, Health Affairs, 6 Oct 2017, at
https://www.healthaffairs.org/do/10.1377/hblog20171021.268271/full/

[13] Marcia Angell, The Truth About The Drug Companies, p.96
https://www.penguinrandomhouse.com/books/3901/the-truth-about-the-drug-companies-by-marcia-angell-md/

[14] Larry Husten, ‘No, Pharmascolds are not worse than the pervasive conflicts of interest they criticize’, Forbes, 21 May 2015, at
https://www.forbes.com/sites/larryhusten/2015/05/21/no-pharmascolds-are-not-worse-than-the-pervasive-conflicts-of-interest-they-criticize/

[15] Yogendra Kumar Gupta, Meenakshi Meenu and Prafull Mohan, ‘The Tamiflu Fiasco and Lessons learnt’, Indian Journal of Pharmacology, Jan-Feb 2015, at
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4375804/

Ben Goldacre, ‘What the Tamiflu saga tells us about drug trials and big pharma’, The Guardian, 10 April 2014, at
https://www.theguardian.com/business/2014/apr/10/tamiflu-saga-drug-trials-big-pharma

[16] List of largest pharmaceutical settlements
https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_largest_pharmaceutical_settlements

[17] https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_largest_pharmaceutical_settlements

[18] Craig Murray, ‘Why Barnard Castle’, 24 May 2020, at
https://www.craigmurray.org.uk/archives/2020/05/why-barnard-castle/

[19] Peter R. Breggin, ‘$3 billion in fines for illegal marketing of Paxil, Wellbutrin and other drugs’, 7 April 2012, at
https://breggin.com/3-billion-in-fines-for-illegal-marketing-of-paxil-wellbutrin-and-other-drugs/
Paxil $11.6 billion sales
Avandia $10.4 billion sales

[20] Brian Martin, ‘Fraud and the Pharmaceutical Industry’, 2004, University of Wollongong, at
https://documents.uow.edu.au/~bmartin/dissent/documents/health/pharmfraud.html

[21] Peter C. Gotzsche, Deadly medicines and organized crime: How big pharma has corrupted healthcare, 2013
https://www.goodreads.com/book/show/18428805-deadly-medicines-and-organised-crime

James Dickinson, “Deadly Medicines and Organized crime Review’, Canadian Family Physician, April 2014, 60(4), pp.367–368
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4046551/

[22] Sebastian Rushworth, ‘Do drug trials underestimate side effects’, 19 July 2021, at
https://sebastianrushworth.com/2021/07/19/do-drug-trials-underestimate-side-effects/

[23] Sarah Molchan, ‘Criticism of NEJM’s defense of industry-physician relations’, Health News Review, 14 May 2015, at
https://www.healthnewsreview.org/2015/05/criticism-of-nejms-defense-of-industry-physician-relations/

[24] Carolyn Thomas, ‘Avandia: A very short history of a very bad drug’, The ethical nag, 21 Jan 2013, at
https://ethicalnag.org/2013/01/21/avandia-a-very-short-history-of-a-very-bad-drug/

[25] Sidney Wolfe, director of Public Citizen, cited in Terry Macalister, ‘Pharma overtakes arms industry to top the league of misbehaviour’, The Observer, 8 July 2012, at
https://www.theguardian.com/business/2012/jul/08/pharma-misbehaviour-gsk-fine

[26] Marcia Angell, The Truth About The Drug Companies, p.112

[27] Karl Evers-Hillstrom, ‘Lobbying spending reaches $3.4 billion in 2018, highest in 8 years’, Opensecrets, 25 Jan 2019, at
https://www.opensecrets.org/news/2019/01/lobbying-spending-reaches-3-4-billion-in-18/

[28] Donald W. Light et al, ‘Institutional Corruption of Pharmaceuticals and the Myth of Safe and Effective Drugs’, The Journal of Law, Medicine and Ethics, 1 Oct 2013, at
https://journals.sagepub.com/doi/10.1111/jlme.12068

[29] Karen Hobert Flynn, ‘For big pharma, the revolving door keeps spinning’, The Hill, 11 July 2019, at
https://thehill.com/blogs/congress-blog/politics/452654-for-big-pharma-the-revolving-door-keeps-spinning

[30] Terry Macalister, ‘Pharma overtakes arms industry to top the league of misbehaviour’, The Observer, 8 July 2012, at
https://www.theguardian.com/business/2012/jul/08/pharma-misbehaviour-gsk-fine

[31] David Rowland, ‘Some conflicts of interest in medicine cannot be managed and should be prohibited’, BMJ Opinion, 21 July 2020, at
https://blogs.bmj.com/bmj/2020/07/21/david-rowland-some-financial-conflicts-of-interest-in-medicine-cannot-be-managed-and-should-be-prohibited/



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: