(43) La violenza del colonialismo e lo sfruttamento dell’Africa

Di Roddriver, pubblicato il 30 agosto 2021

“Quando i missionari sono venuti in Africa, noi avevamo la terra, loro avevano la Bibbia. Abbiamo chiuso gli occhi per pregare. Quando li abbiamo aperti, avevamo la Bibbia e loro avevano la terra”.

Premio Nobel per la pace Desmond Tutu[1]

La solita rappresentazione dell’Africa è quella di un continente la cui gente è arretrata, incapace di andare oltre una serie di rivalità etniche e governata da dittatori guerrafondai. I media mainstream raramente chiedono “Che ruolo hanno giocato le nazioni ricche nel portare quei leader al potere e nel mantenerli lì?” L’analisi di quasi tutti i paesi africani mette in luce gli aspetti peggiori del sistema internazionale, che si tratti di fornire armi per aiutare i dittatori a salire al potere o delle condizioni economiche imposte dal FMI, che rendono difficile per i leader ben intenzionati ridurre la povertà. Fornisce ottimi esempi di come la combinazione di guerra e sfruttamento economico lavorino insieme per consentire alle nazioni ricche di raggiungere i loro obiettivi.[2] Allo stesso tempo ciò provoca conseguenze devastanti per le persone nei paesi africani, con violenza, stupri, povertà estrema e diffusione di malattie che si alimentano a vicenda.[3] In tutta l’Africa, i principali attori sono gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e la Francia, con la Cina che sta gradualmente aumentando la sua influenza.

Il Continente Più Ricco Della Terra

L’importanza delle risorse naturali dell’Africa è stata riconosciuta centinaia di anni fa. I paesi ricchi li hanno perseguiti da allora. Ci sono molti minerali preziosi per i quali le persone potenti sono pronte a combattere guerre. Le persone nelle zone di guerra si riferiscono spesso al termine, divinità della guerra, che significa oro, petrolio e diamanti. Le guerre si sono verificate ripetutamente in Angola, Congo, Ghana e Sierra Leone poiché c’è così tanto profitto da trarre dal controllo del commercio di diamanti.[4] Il cobalto e il niobio sono usati per fabbricare attrezzature che devono funzionare in condizioni estreme e sono quindi utilizzati nello spazio, armi, reattori nucleari, sottomarini, raffinerie chimiche, altiforni e petroliere. Il coltan è utilizzato nei telefoni cellulari, computer e videogiochi ed è quindi molto richiesto dalle aziende dei paesi avanzati. L’Africa centrale detiene l’80% delle riserve mondiali di coltan e il 60% del cobalto mondiale.[5] Si stima che le risorse di un singolo paese, la Repubblica Democratica del Congo (RDC), valgano 24 trilioni di dollari, ma poca di questa ricchezza è usata a beneficio dei poveri. Per le aziende, i dittatori e i signori della guerra d’oltremare, può essere redditizio sfruttare queste risorse sia in tempo di pace che in guerra. Un vero governo si aspetta di essere adeguatamente pagato. Nelle zone di guerra, i governi corrotti che assistono le grandi società possono farla franca, letteralmente, con l’omicidio. I paesi ricchi supportano regimi repressivi in ​​modo che le loro società possano continuare a estrarre queste risorse.

Sfruttamento coloniale

Nel corso della storia troviamo prove che i bianchi hanno considerato i neri come inferiori. Esempi di questi atteggiamenti si possono trovare nei discorsi di molti personaggi famosi. Il maresciallo di campo Montgomery una volta disse delle risorse dell’Africa “L’africano è un selvaggio completo, incapace di sviluppare queste risorse da solo”.[6] Questo atteggiamento è stato usato dai politici statunitensi, britannici ed europei per giustificare il trattamento spaventoso di molte persone in Africa, mentre rubando le loro risorse.

Fino a poco dopo la seconda guerra mondiale, l’Africa era divisa in colonie europee, per lo più britanniche e francesi. A molte persone in Gran Bretagna è stato fatto il lavaggio del cervello per credere che il colonialismo riguardasse principalmente i paesi ricchi che “portavano la civiltà ai nativi”. Le prove contraddicono fortemente questo. Si trattava principalmente di paesi ricchi che saccheggiavano risorse a proprio vantaggio. Grandi quantità di raccolti e materie prime sono state portate in Gran Bretagna dalle sue colonie a prezzi ben al di sotto del tasso corrente.[7] Ciò ha comportato enormi quantità di violenza contro le popolazioni locali, tra cui omicidi, torture e stupri.

Come sottoprodotto del sistema coloniale, alcuni paesi hanno acquisito un sistema ferroviario, ma questo era principalmente per trasportare risorse ai porti costieri e per spostare rapidamente i soldati nell’entroterra. Una parte della popolazione ha ricevuto un’istruzione e alcuni paesi hanno ottenuto un servizio civile, ma questa era solo una piccola minoranza che amministrava efficacemente il sistema per conto dei loro governanti britannici. Il governatore britannico in Sudan una volta disse: “Siamo stati in grado di limitare l’istruzione ai figli dei capi e del personale amministrativo nativo”.[8] I dati relativi alla Tanzania suggeriscono che quando la Tanzania ottenne l’indipendenza nel 1961, solo una persona su sei sapeva leggere.[9] Il paese aveva solo 2 ingegneri e 12 medici. Dopo tre decenni di sviluppo dopo l’indipendenza, quasi tutti sapevano leggere e il paese aveva formato migliaia di medici, ingegneri e insegnanti. La maggior parte degli altri paesi africani era stata similmente sottosviluppata dai loro colonizzatori europei.[10]

Neocolonialismo: il mito dell’indipendenza

Dopo la seconda guerra mondiale divenne chiaro che i paesi europei non erano più in grado di continuare a controllare le loro colonie. Gran Bretagna e Francia non rinunciarono facilmente ai loro imperi. C’era una violenza diffusa mentre le persone combattevano per la loro indipendenza. Winston Churchill è ricordato per essere stato un leader di guerra di successo, ma era anche un “imperialista testardo”. Alle colonie fu infine concessa l’indipendenza, ma spesso a condizioni accettabili per Gran Bretagna, Francia e altre potenze coloniali. Il termine indipendenza è un eccellente esempio di propaganda governativa. Un rapporto del 1947 affermava che noi (il governo britannico) dobbiamo “convertire l’impero formale in informale”. Il colonialismo non finì davvero. È semplicemente continuato in una forma diversa, che è stata chiamata neocolonialismo. Le nazioni ricche hanno cercato di garantire che i nuovi governi delle loro ex colonie avrebbero continuato a consentire alle società europee di controllare le risorse minerarie e di altro tipo. Un memorandum del Foreign Office affermava: “La Gran Bretagna deve garantire che tutti i principali obblighi a cui rinuncia vengano assunti dai suoi amici”.[11]

I sistemi politici in questi paesi sono cambiati, ma in alcuni casi i sistemi economici no. Dopo l’indipendenza, alcuni paesi hanno continuato con il loro ruolo coloniale di fornire un piccolo numero di raccolti o minerali, e questo continua ancora oggi. In Kenya c’erano, e ci sono tuttora, un gran numero di miniere e proprietà altamente redditizie. Negli anni ’50 i governanti britannici in Kenya massacrarono, torturarono e rinchiusero centinaia di migliaia di keniani che si opponevano al modo in cui venivano sfruttati. Il Kenya alla fine ottenne la sua indipendenza nel 1963, ma prima di allora, la terra fu ridistribuita in un modo che creò una piccola classe di proprietari terrieri e una grande classe di persone senza terra[12]. I proprietari terrieri divennero effettivamente la nuova classe dirigente. Non rappresentano le loro persone più povere e hanno seguito politiche che hanno beneficiato se stesse e le élite straniere.

Alcuni leader africani si resero conto che questi accordi erano troppo generosi per le potenze coloniali. Volevano usare le risorse del loro paese a beneficio della loro gente. Quando hanno cercato di rinegoziare i contratti per il petrolio, l’uranio o altri minerali, si sono trovati a essere rovesciati da nuovi leader sostenuti dai paesi ricchi. Questo sistema di paesi ricchi che cercano di continuare a sfruttare la regione utilizzando leader corrotti è la causa principale di molti dei problemi in Africa. Dei 107 leader africani sostituiti tra il 1960 e il 2003, due terzi sono stati assassinati, incarcerati o mandati in esilio. Fino al 1979, 59 leader africani furono rovesciati o assassinati. Solo tre si sono ritirati pacificamente e nessuno è stato destituito. Nessun sovrano africano ha mai perso un’elezione fino al 1982.[13] Le nazioni ricche sono state attive dietro le quinte durante molti di questi problemi.

L’Uganda è un buon esempio. L’Uganda ha ottenuto l’indipendenza nel 1961. Il leader locale, Milton Obote, ha avuto precedenti contrastanti, ma nei suoi primi anni ha cercato di creare politiche progettate per aiutare molti dei suoi cittadini, compresi alcuni dei più poveri. I rappresentanti del Ministero degli Esteri britannico hanno riconosciuto che queste politiche erano nel migliore interesse del popolo, ma non nell’interesse delle corporazioni britanniche. Il governo britannico si oppose a queste politiche, preoccupato che avrebbero creato un precedente che altri paesi avrebbero seguito. (Il Sudan ha nazionalizzato molte imprese di proprietà straniera poco dopo.) Idi Amin era un soldato dell’esercito ugandese e prese il potere con un violento colpo di stato. Nonostante sapesse che era un assassino di massa, la Gran Bretagna gli fornì armi, credendo che il suo governo sarebbe stato migliore per gli interessi britannici. Si stima che durante il suo governo morirono oltre 300.000 persone. La Gran Bretagna ha smesso di sostenerlo solo quando altri paesi si sono resi conto di quanto fosse estremo, e il suo legame con la Gran Bretagna è diventato imbarazzante[14].

Anche i francesi sfruttano ancora l’Africa

Questi problemi si verificano anche in quei paesi che erano colonie francesi. Per quasi 40 anni (fino al 2005), un brutale dittatore chiamato Eyadema Gnassingbe ha governato il piccolo paese dell’Africa occidentale del Togo,[15] ma è stato raramente menzionato dalla stampa occidentale. Potresti non conoscerlo perché, nel complesso, ha seguito politiche accettabili per le élite francesi, ed è stato quindi raramente criticato dai leader dei paesi ricchi. In un’altra ex colonia francese, la Costa d’Avorio, le società francesi possiedono quasi la metà della terra e controllano ancora l’acqua e l’elettricità, i porti, le ferrovie, il tabacco, la gomma, l’edilizia, i lavori pubblici, le telecomunicazioni, le banche e le assicurazioni.[16]

Gli Stati Uniti sono ora la potenza dominante in Africa

Con l’ascesa al potere degli Stati Uniti dopo la seconda guerra mondiale, è diventato gradualmente il principale attore in Africa. Nel 1960, la CIA e il governo belga aiutarono a rovesciare e poi assassinare Patrice Lumumba, il leader dello Zaire (ora chiamato RDC), per sostituirlo con il dittatore Mobutu[17]. Ha governato fino al 1997, rubando almeno $ 4 miliardi durante quel periodo. Era un tiranno omicida che torturava e giustiziava gli oppositori politici. Gli Stati Uniti gli hanno fornito grandi quantità di armi, che ha usato per reprimere il suo stesso popolo. Da allora gli Stati Uniti hanno sfruttato la regione aiutando altri regimi repressivi nei paesi vicini.

Il Ruanda e l’Uganda sono diventati il ​​centro di potere per il controllo statunitense dell’Africa centrale. Aiutano gli Stati Uniti a sfruttare i minerali nella regione.[18] Negli anni ’90, i media mainstream hanno parlato del “genocidio ruandese” in cui milioni di persone sono state uccise. Tuttavia, i media non sono riusciti a spiegare che la violenza è stata da entrambe le parti in momenti diversi, e che un gruppo è stato sostenuto dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna, e l’altro è stato sostenuto dalla Francia[19]. I leader sostenuti dagli Stati Uniti ora controllano la regione e il francese viene sostituito dall’inglese come lingua principale in alcune aree. La violenza è iniziata anni prima e continua ancora oggi. Lo stupro, l’omicidio, la tratta di bambini e la schiavitù sessuale sono all’ordine del giorno[20]. L’enorme numero di morti è dovuto principalmente alla carestia, alla malnutrizione e alle malattie.[21] L’America ha fornito armi a molti dei gruppi coinvolti nei combattimenti e le esportazioni di armi britanniche nella regione sono a livelli record.[22]

Controllo da parte del FMI

Alcuni paesi africani sono guidati da leader che vorrebbero sinceramente aiutare le persone più povere, ma sono fortemente vincolati da organizzazioni internazionali, come l’FMI e l’OMC. (Discutato in post precedenti.) In un’analisi delle politiche del FMI in Africa, la conclusione è stata che queste politiche avevano fallito in 31 su 34 paesi. Milioni di persone stanno ancora morendo di malnutrizione e malattie, dopo aver applicato le politiche del FMI per decenni. Alcuni di questi paesi, come la Nigeria, un tempo erano classificati come paesi a reddito medio, dopo aver compiuto notevoli progressi prima dell’intervento del FMI, ma ora sono elencati tra i paesi più poveri del mondo, con ben il 70% della popolazione che vive nella povertà.[23] Le aziende straniere possono realizzare enormi profitti perché c’è poco che impedisce loro di sfruttare la gente del posto, che praticamente non ha diritti. La privatizzazione dell’assistenza sanitaria e il controllo aziendale delle risorse di base in Africa è stato un disastro per molti, in particolare per i più poveri.

Un paese come lo Zambia fornisce un buon esempio di come l’attuale sistema economico garantisca virtualmente che alcuni paesi rimarranno in condizioni di povertà. Lo Zambia stava andando abbastanza bene dopo l’indipendenza. All’inizio degli anni ’70 era diventata una delle nazioni più ricche dell’Africa seguendo politiche sensate, come molte spese governative per l’assistenza sanitaria e l’istruzione. Ma quasi tutti i suoi proventi da esportazione provenivano dal rame. Il prezzo del rame è crollato perché c’era troppo prodotto in altri paesi, come il Cile. Allo stesso tempo, il prezzo del petrolio importato è aumentato vertiginosamente. I prezzi del petrolio e del rame sono stati manipolati da organizzazioni di altri paesi, al di fuori del controllo del governo dello Zambia. Aveva bisogno di prendere in prestito denaro dal FMI, ma il FMI ha imposto le condizioni delineate nei post precedenti. Da allora lo Zambia è stato estremamente povero.[24]

E la Cina?

I media mainstream riportano ripetutamente storie sulla Cina che sfrutta l’Africa. Tuttavia, gli accordi che la Cina ha con i paesi africani sono stati finora molto meno strumentali degli accordi che hanno avuto gli Stati Uniti e le ex potenze coloniali europee.[25]

Punti chiave

  • I paesi ricchi hanno saccheggiato le risorse dell’Africa per generazioni
  • Il colonialismo non è davvero finito. Ora è neocolonialismo
  • Molte nazioni africane sono governate da leader sostenuti da Stati Uniti, Gran Bretagna o Francia, o vincolati dalle politiche del FMI/Banca Mondiale/OMC

Risorse Internet

Ulteriori letture

Referenze

[1] http://en.wikipedia.org/wiki/Desmond_Tutu

A similar quote is also attributed to Jomo Kenyatta.

[2] Eric Ture Muhammad, ‘Africa: US Covert Action Exposed’, Corpwatch, April 25, 2001, at
https://www.corpwatch.org/article/africa-us-covert-action-exposed

Mark Curtis, Ambiguities of Power, p.212
https://www.goodreads.com/book/show/5051349-ambiguities-of-power

[3] Kathleen Kern, ‘The Human Cost Of Cheap Cell Phones’, in Steven Hiatt, A Game As Old As Empire, pp.93–112
https://archive.org/details/A_Game_As_Old_As_Empire_9781576757987

[4] ‘Central Africa: Diamonds Economy’, at
http://www.africafocus.org/docs02/cent0206.php

[5] http://en.wikipedia.org/wiki/Coltan

[6] Mark Weber, ‘General Montgomery’s ‘Racist Masterplan’, The Journal for Historical Review, March/April 1999, at
http://www.ihr.org/jhr/v18/v18n2p33_Weber.html

[7] Mark Curtis, Ambiguities of Power, p.16

[8] ‘Darfur: Origins of a Catastrophe’, Feb 19, 2006, at
www.washingtonpost.com/wp-dyn/content/article/2006/02/16/AR2006021601898.html

[9] The Heart of Africa: Interview with Julius Nyerere on Anti-Colonialism, New Internationalist Magazine, issue 309, Jan-Feb 1999, at
www.hartford-hwp.com/archives/30/049.html

[10] Walter Rodney, How Europe Underdeveloped Africa, 1972
http://www.abahlali.org/files/3295358-walter-rodney.pdf

[11] Cohen-Caine Report, cited in Mark Curtis, Ambiguities of Power, p.16

[12] Mark Curtis, Web of Deceit, p.331
https://www.goodreads.com/en/book/show/1128541.Web_Of_Deceit

[13] Global Issues, ‘Conflicts In Africa: Introduction’, at http://www.globalissues.org/Geopolitics/Africa/Intro.asp

[14] Mark Curtis, Unpeople, pp.245–261.
https://www.barnesandnoble.com/w/unpeople-mark-curtis/1111612639

Obote did regain power some years later and proved to be not much better than Uganda’s other leaders.

[15] Gnassingbe Eyadema, at
https://en.wikipedia.org/wiki/Gnassingb%C3%A9_Eyad%C3%A9ma

[16] Boubacar Boris Diop, ‘Ivory Coast: Colonial Adventure’, Le Monde Diplomatique, April 2005, at
https://mondediplo.com/2005/04/10diop

[17] William Blum, Killing Hope, pp.156–162
https://williamblum.org/books/killing-hope

The British intelligence agency, MI6, might also have been involved in the assassination of Lumumba, see

Gordon Corera, ‘MI6 and the death of Patrice Lumumba’, BBC News, 2 April 2013, at
https://www.bbc.co.uk/news/world-africa-22006446

[18] ‘Report of The Panel of Experts On The Illegal Exploitation of Natural Resources and Other Forms of Wealth of The Democratic Republic of The Congo’, at
www.un.org/News/dh/latest/drcongo.htm

[19] Michael Chossudovsky, The Globalization of Poverty, pp.103–122
https://www.goodreads.com/book/show/2418970.The_Globalization_of_Poverty

Wayne Madsen, Genocide and Covert Operations in Africa, p.478
http://www.hartford-hwp.com/archives/27e/791.html

[20] For detailed information on Central Africa see Keith Harmon Snow, at
http://allthingspass.com/journalism.php?catid=14

Annie Kelly, ‘Sexual slavery rife in Democratic Republic of the Congo, says MSF’, The Guardian, 23 July 2014, at
https://www.theguardian.com/global-development/2014/jul/23/sexual-slavery-democratic-republic-congo-msf

[21] Zofsha Merchant, ‘Democratic republic of the Congo’, World Without Genocide, May 2020, at
http://worldwithoutgenocide.org/genocides-and-conflicts/congo

[22] ‘The Good, The Bad and The Ugly: A decade of Labour’s arms exports’, Saferworld, May 2007, at
https://www.saferworld.org.uk/resources/publications/264-the-good-the-bad-and-the-ugly—a-decade-of-labours-arms-exports

Mark Curtis, Web of Deceit, p.190 for information about Britain supplying weapons to both sides in the Congo.

AOAV, ‘UK arms exports to the DRC, Action on Armed Violence, 23 Nov 2018, at https://aoav.org.uk/2018/uk-arms-export-to-the-democratic-republic-of-congo/

[23] Sam Bramlett, ‘Top 10 facts about poverty in Nigeria’, The Borgen Project, 25 Feb 2018,
https://borgenproject.org/10-facts-about-poverty-in-nigeria/

[24] Ngaire Woods, The Globalizers, pp.141–178
https://www.barnesandnoble.com/w/globalizers-ngaire-woods/1101424677

[25] David Haroz, ‘China in Africa: Symbiosis or Exploitation’, The Fletcher Forum of World Affairs, Vol.35, №2, Summer 2011, at
https://www.jstor.org/stable/45289533

FONTE

Visita la pagina Elefanti in Salotto per leggere tutti gli articoli.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: