Dallo studio 11 dell’UNESCO all’UNESCO 2050

Il progetto BEST e il piano quarantennale per reimmaginare l’educazione per la quarta rivoluzione industriale

Per oltre quarant’anni, coalizioni di accademici, governi, aziende e organi di governo mondiale hanno collaborato per costruire un sistema scolastico ed-tech globale destinato a incatenare i bambini alla Quarta Rivoluzione Industriale Transumanista.

UnlimitedHangout 1 giugno 2021; articolo di John Klyczek

Recentemente ho visitato l’ex consulente politico senior dell’Ufficio statunitense per la ricerca e il miglioramento dell’educazione, Charlotte Thomson Iserbyt, che mi ha dato accesso al suo archivio di file che ha raccolto dal Dipartimento dell’Istruzione degli Stati Uniti. Dopo aver scavato in una raccolta di file raccolti da Lawrence P. Grayson, che era il consulente per la matematica, la scienza e la tecnologia presso l’America’s National Institute of Education (NIE), ho scoperto che il progetto BEST (Basic Education Skills through Technology) del Dipartimento di Ed. , che Iserbyt fece trapelare nel 1981, era in realtà la versione interna degli Stati Uniti di un’iniziativa tecnologica internazionale guidata dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura (UNESCO). 

Mentre era di stanza al NIE, Grayson era anche il collegamento del Dipartimento di Ed degli Stati Uniti con i programmi di tecnologia educativa dell’UNESCO, tra cui “Study 11: New Technologies in Education” , che ha procurato a Iserbyt in un pacchetto di memorandum e riviste interconnessi. Etichettata come “File Grayson”, questa cartella ha compilato i seguenti documenti: 

  • UNESCO Study 11 white paper che emettono direttive ed-tech in una regione di 14 stati nazionali che raggruppano paesi comunisti, socialisti e capitalisti; 
  • memorandum del Dipartimento di Ed USA che stipulano la collaborazione americana con lo Studio 11 e altri programmi tecnologici dell’UNESCO; 
  • Riviste giuridiche che chiedono la ristrutturazione dei sistemi legali al fine di globalizzare la rivoluzione informatizzata della “tecnologia dell’informazione” (IT) necessaria per snellire i mercati internazionali dell’ed-tech; 
  • Riviste accademiche contenenti promozioni ed-tech degli appaltatori del Progetto BEST e dei rappresentanti dello Studio 11 dell’UNESCO pubblicate insieme a pubblicità commerciali e moduli d’ordine per il materiale didattico del Progetto BEST e altri prodotti di e-learning venduti dalle stesse aziende, tra cui Microsoft, Apple e IBM, che sono approvati nei whitepaper dello Studio 11 dell’UNESCO. 

Questa raccolta di documenti “Grayson File” mostra che lo Studio 11 dell’UNESCO è stato condotto attraverso partenariati internazionali pubblico-privato tra paesi comunisti, socialisti e capitalisti, coordinando gli sforzi tra le multinazionali delle telecomunicazioni e le società informatiche. Lavorando di concerto con le istituzioni accademiche e le agenzie governative nazionali, le affiliate dello Studio 11 hanno fatto pressioni per ristrutturare le leggi al fine di globalizzare i sistemi scolastici attraverso tecnologie proto-internet prodotte da aziende Big Tech, come Microsoft, IBM e Apple, che ora stanno guidando il Quarta Rivoluzione industriale in un nuovo sistema politico di tecnocrazia comunitaria guidato da un nuovo sistema economico di “capitalismo delle parti interessate” attraverso partnership pubblico-private “basate sulla comunità” gestite da Big Data.

Mentre questa Quarta Rivoluzione Industriale tecno-fascista viene accelerata sotto la pressione del panico da coronavirus, i blocchi globali COVID stanno sigillando gli accordi per lo Studio 11 dell’UNESCO e il Progetto BEST mentre le scuole di tutto il mondo sono costrette a fare affidamento sull’infrastruttura IT tecnocratica che è stata istituita da Study 11 e Project BEST attraverso le loro partnership pubblico-privato con Microsoft, Apple e IBM. Queste partnership stanno ora convertendo le scuole in mattoni e malta in aule virtuali che estraggono digitalmente i dati degli studenti tramite dispositivi hardware di computer, come Apple iPad e Macbook, che trasmettono videoconferenze tramite programmi software, tra cui Microsoft Teams, integrato da corsi di apprendimento adattivo e altre applicazioni di intelligenza artificiale come Watson Education di IBM

Ora che l’infrastruttura IT creata dallo Studio 11 e dal Progetto BEST è saldamente al suo posto, gli oligarchi globalisti del World Economic Forum (WEF) chiedono un Grande Reset per salvare il pianeta dal COVID-19 precipitandosi nel Quarto Rivoluzione industriale con l’aiuto dei membri del WEF, tra cui Microsoft, Apple e IBM, che stanno sfruttando i blocchi per “resettare” l’economia globale e Reimmaginare l’Istruzione attraverso l’ed-tech programmata per estrarre i dati dall’ apprendimento analitico degli studenti attraverso i sistemi di Crediti Sociali del capitalismo della sorveglianza. Nell’equazione finale, questi sistemi di “intelligenza geospaziale” saranno collegati a neurotecnologie transumaniste collegate all’Internet delle cose. Nel frattempo, un progetto UNESCO 2050 si sta basando sull’infrastruttura IT dello Studio 11 attraverso il nuovo studio UNESCO Futures of Education, che sostiene un’assimilazione comunitaria di AI ed-tech al fine di “Reframe Humanism” per accelerare l’evoluzione della società nel “mondo più che umano” al punto cruciale della Quarta Rivoluzione Industriale.

UNESCO “Studio 11: Nuove Tecnologie nell’Educazione” dal Corporativismo al Comunismo

La progressione dei programmi di tecnologia dell’istruzione dell’UNESCO dagli anni ’70 agli anni ’80 dimostra un graduale passaggio verso la sintesi della governance statale centralizzata del socialismo e del comunismo del blocco orientale con il corporativismo transnazionale del capitalismo occidentale attraverso la globalizzazione commerciale dell’ed-tech prodotto in serie da società multinazionali quel contratto con i governi nazionali. Mentre queste società globaliste hanno venduto i loro prodotti ed-tech oltre i confini nazionali, i loro partner governativi si sono mossi per centralizzare i loro sistemi di istruzione statale secondo le direttive di governance mondiale tecnocratica delle Nazioni Unite, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), la Banca Mondiale e il Forum Economico Mondiale.

Durante gli anni ’70, l’UNESCO ha condotto una serie di studi ed-tech che sono stati pubblicati in white paper come ED-77/WS/133: “Development of Educational Technology in Central and Eastern Europe: Division of Structures, Content, Methods and Techniques of Education”. In questo rapporto del 1977 sull’“istruzione a distanza” attraverso tecnologie “audiovisive”, come “radio e televisione scolastica”, l’UNESCO ha approvato i sistemi educativi autoritari dei paesi socialisti “centralizzati”, come l’ex URSS. 

Secondo l’UNESCO ED-77/WS/133, c’è: 

“una situazione estremamente favorevole per le misure statali centrali volte a modernizzare l’istruzione. Lo stato socialista possiede i mezzi necessari per l’educazione, per l’uso diffuso della metodologia basata su solide basi tecnologiche e dei media e dei mezzi della tecnologia educativa. . . . [I] paesi socialisti sono anche in una posizione favorevole a causa del fatto che la televisione, la televisione scolastica, la radio e la radio scolastica sono gestite centralmente”.

Alcuni anni dopo, tra giugno 1980 e ottobre 1982, l’UNESCO ha ampliato i risultati di questo whitepaper ED-77/WS/133 e altri studi ed-tech in una serie di conferenze, tra cui la terza conferenza dei ministri degli Stati membri dell’Unione europea Regione UNESCO e Ottava Conferenza Regionale delle Commissioni Nazionali della Regione Europea. A seguito di questi studi e conferenze, le commissioni nazionali dell’UNESCO degli studi congiunti della regione europea nel campo dell’istruzione hanno lanciato lo Studio 11: nuove tecnologie nell’istruzione: tecnologie dell’informazione e della comunicazione e loro impatto sull’istruzione, che ha orchestrato scambi di ricerca ed-tech tra i regimi comunisti e socialisti del blocco orientale in cambio con i paesi capitalisti occidentali dominati da società multinazionali, come Microsoft, Apple e IBM.

UNESCO Study 11

Questo studio “multinazionale” 11, che “[d] ha sviluppato un’indagine completa sulle applicazioni della tecnologia nell’istruzione”, ha coordinato gli sforzi tra “ricercatori educativi, pianificatori, decisori e altre parti interessate” dalle commissioni nazionali partecipanti della regione europea dell’UNESCO, che comprendeva un misto di nazioni comuniste, socialiste e capitaliste: Austria, Belgio, Canada, Danimarca, Finlandia, Francia, Ungheria, Israele, Italia, Spagna, Svezia, SSR ucraino, URSS, Regno Unito e Stati Uniti. Le “altre parti interessate” di queste Commissioni nazionali dell’UNESCO includevano “educatori, sociologi, psicologi, filosofi, tecnologi e altri suggeriti dai coordinatori nazionali”, come Lawrence Grayson, che era il coordinatore nazionale per gli Stati Uniti.

Questo studio congiunto dell’UNESCO sulle commissioni nazionali comuniste, socialiste e capitaliste è stato regionalizzato per indagare in modo cooperativo le “applicazioni attuali e pianificate delle nuove tecnologie all’istruzione”, comprese le applicazioni ed-tech di “computer, videotex/teletext, video interattivo (incluso videodisc) , satelliti di comunicazione, cavo multicanale/fibra ottica, teleconferenza (audio/video/computer), nonché nuovi sviluppi in video, audio e audiografi”. Più specificamente, questo Studio UNESCO 11 ha studiato gli impatti globali di tali tecnologie in evoluzione su “teoria dell’apprendimento, qualità dell’istruzione, accesso all’istruzione, ruolo dell’insegnante, organizzazione dell’istruzione, finanziamento dell’istruzione, questioni relative alla privacy e alla libertà, le interfacce tra scuola e vita lavorativa, scuola e casa, istruzione e stato,l’istruzione e la società in generale, e altri”

Regionalizzando un unico blocco di stati comunisti, socialisti e capitalisti sotto un comitato consultivo di scienziati cognitivi e tecnocrati, lo Studio 11 dell’UNESCO mirava non solo a “aggiornare” le scuole con computer ad alta tecnologia, ma a integrare dialetticamente i sistemi di istruzione comunisti e socialisti statecraft con i mercati capitalistici dell’ed-tech. Questa sintesi comunista-fascista altererebbe radicalmente la privacy degli studenti e la libertà educativa attraverso trasformazioni globali della governance e della finanza scolastica gestite dall’informatica informatizzata.

È importante notare qui che, mentre l’UNESCO ED-77/WS/133 ha approvato i sistemi educativi centralizzati dei regimi comunisti e socialisti autoritari, lo Studio 11 dell’UNESCO ha sostenuto la globalizzazione dell’ed-tech attraverso l’economia di mercato capitalista dominata da società multinazionali, come Microsoft, Apple e IBM. 

Per esempio:

In sintesi, lo Studio 11 dell’UNESCO ha commissionato a una coalizione di nazioni comuniste, socialiste e capitaliste di cooperare nei loro sforzi per proliferare l’ed-tech computerizzata, come il software “videotex/teletext” e “teleconferenza” che ora è un’industria in forte espansione in tutto il mondo. sotto il blocco mondiale COVID spinto dal Great Reset del WEF. Questo “reset” globale richiede un nuovo sistema economico mondiale di capitalismo delle parti interessate comunitario attraverso partenariati pubblico-privati ​​tecno-fascisti che impongono i blocchi del governo mentre impongono l’apprendimento a distanza virtuale attraverso tecnologie di e-learning commerciali prodotte dai membri del WEF, inclusi Microsoft, Apple e IBM. Il loro obiettivo è quello di estrarre digitalmente i dati psicometrici degli studenti ai fini della sorveglianza del credito sociale nella fiorente Quarta Rivoluzione Industriale. 

Come il progetto BEST, l’UNESCO e l’OCSE hanno spianato la strada alla quarta rivoluzione industriale

Negli Stati Uniti, le prospettive ed-tech dello Studio 11 dell’UNESCO sono state pilotate attraverso il Progetto BEST, che il Segretario dell’Istruzione TH Bell ha avviato per corporatizzare il sistema educativo americano attraverso partnership pubblico-private che implementano il condizionamento psicologico operante attraverso “macchine didattiche” computerizzate, progettato per programmare gli studenti per la formazione della forza lavoro. L’assistente segretario di Bell, Donald J. Senese, ha supervisionato il coordinamento tra i “Regional Education Laboratories” del progetto pilota ed-tech nazionale degli Stati Uniti, Project BEST, in linea con i piani internazionali ed-tech dello Studio 11 dell’UNESCO insieme al Center for Educational Research e Innovazione (CERI) dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico.

Un memorandum del Dipartimento di Ed del 18 marzo 1982 intitolato Studio internazionale della tecnologia educativa riporta che Senese ha selezionato Grayson come direttore degli Stati Uniti dello Studio 11 dell’UNESCO al fine di manipolare la posizione dell’America a capo del progetto multinazionale ed-tech delle Nazioni Unite. Inoltre, Senese, che era un membro del consiglio di amministrazione del CERI, ha scritto un articolo nell’edizione di gennaio 1985 del Technological Horizons in Education Journal: Computers in Education Worldwide, in cui si afferma che Arthur Melmed dell’OERI del Dipartimento degli Stati Uniti di Ed è stato nominato al “ufficio di pianificazione” del CERI. Senese ha anche assegnato al Dipartimento di Ed il Direttore del Regional Liaison, Robert Billings, a capo del compito di orchestrare la collaborazione tra i “coordinatori statali” incaricati di diffondere le iniziative ed-tech del Progetto BEST. In breve, il collegamento regionale per il progetto BEST, l’ufficio di pianificazione del CERI dell’OCSE e il coordinatore nazionale statunitense dello studio 11 dell’UNESCO sono stati tutti selezionati per riferire direttamente all’assistente segretario Senese, che ha quindi supervisionato il coordinamento del progetto BEST secondo le direttive sulla tecnologia educativa dell’UNESCO e dell’OCSE.

L’ articolo di The Journal di Senese intitolato International Conference Examines Technology in Education riassume “500 pagine di documentazione” dalla conferenza CERI dell’OCSE, che ha analizzato “l’uso della moderna tecnologia dell’informazione nell’istruzione”, comprese “le esigenze cognitive e le conseguenze della nuova tecnologia sui processi di apprendimento nell’istruzione formale”. Senese ha anche scritto che il quinto “gruppo di lavoro” della conferenza ha indagato “la produzione e lo scambio di software e materiale didattico per un ambiente educativo multimediale. La sua raccomandazione principale era che l’OCSE agisse per assistere lo sviluppo e l’istituzione di standard internazionali per lo scambio di sistemi di creazione di corsi analoghi agli standard esistenti per le macchine utensili o per alcuni linguaggi di programmazione per computer”. Allo stesso tempo, l’UNESCO stava testando le “migliori pratiche” nelle tecnologie educative attraverso lo Studio 11, che è stato supervisionato da Grayson, che riferì a Senese negli USA.

Donald J. Senese in Technological Horizons in Education Journal Vol. 12, No. 5

In qualità di intermediario americano per l’OCSE e l’UNESCO, l’assistente segretario Senese incaricherà il direttore del collegamento regionale, Robert Billings, di coordinare il progetto statunitense BEST con gli standard internazionali e le “best practices”, come quelle raccomandate dallo Studio 11 e dal CERI. Secondo un memorandum interno del Dipartimento degli Stati Uniti inviato da Senese a Billings, il Progetto BEST è stato portato avanti attraverso l’Iniziativa tecnologica del Segretario Bell lanciata alla National Technology Teleconference del 1982, che richiedeva la collaborazione sulla “tecnologia internazionale”

Nella nota del vicesegretario a Billings inviata il 7 aprile 1982, Senese affermava che “[l]a conferenza . . . fornirà una panoramica della tecnologia, si concentrerà sulle applicazioni della tecnologia nell’istruzione. . . e descrivere gli sforzi di cooperazione tra le scuole e il settore privato e evidenziare gli sforzi tecnologici internazionali nell’istruzione”. Questo stesso memorandum ha incaricato Regional Liaison Billings di compiere “[il] primo passo nella partecipazione dei direttori regionali di disseminazione [attraverso] attività di formazione presso l’Università del Maryland, 10-13 maggio 1982 condotte dal Progetto BEST. . . . La formazione sarà . . . fornire l’opportunità di incontrare i coordinatori statali per il Progetto BEST nella loro regione [ sic]. Mentre i coordinatori statali coordineranno le attività tecnologiche a livello statale per il progetto BEST, l’ufficio regionale deve svolgere un ruolo chiave nel facilitare la cooperazione tra gli stati”. Per mettere tutto insieme, questo memorandum di Senese ha nominato Billings per coordinare a livello regionale le iniziative di “tecnologia internazionale” negli Stati Uniti attraverso la pianificazione pubblico-privata inter-statale del Progetto BEST in conformità con l’invito all’azione trasmesso alla Conferenza nazionale sulla tecnologia del Segretario Bell.

Appena otto giorni dopo aver inviato questo memo a Regional Liaison Billings, l’assistente segretario Sense ha inviato al segretario Bell un Memorandum di corrispondenza esecutiva che documenta come la “Conferenza nazionale sulla tecnologia e l’istruzione” di Bell, che è stata finanziata attraverso il contratto del progetto BEST con l’Associazione per le comunicazioni educative and Technology (AECT), collaborava con l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

Memorandum di corrispondenza esecutiva
al Segretario della Pubblica Istruzione TH Bell

In sintesi, questi promemoria documentano che Senese, che ha ricevuto rapporti da Melmed al CERI e Grayson all’UNESCO, ha diretto Billings a coordinare la diffusione regionale americana del Progetto BEST in coordinamento con gli standard internazionali e le migliori pratiche in conformità con l’iniziativa tecnologica di Bell lanciata attraverso il National Technology Conferenza. In altre parole, Senese, di concerto con Melmed, Grayson e Billings, ha coordinato la standardizzazione internazionale dell’UNESCO e dell’OCSE dell’ed-tech attraverso la diffusione delle tecnologie del progetto BEST nei 10 laboratori educativi regionali degli Stati Uniti, incluso il Northwest Regional Educational Laboratory (NWREL), Midcontinental Regional Educational Laboratory di Shirley McCune (MCREL), e il Far West Regional Laboratory for Educational Research and Development (FWRL) di William G. Spady , che è servito come trampolino di lancio per la diffusione della tecnologia BEST ed-tech nelle scuole di tutti gli Stati Uniti.

In che modo l’UNESCO e il progetto BEST preparano il terreno per le corporazioni scolastiche virtuali globaliste

Non solo i 10 Laboratori Regionali del Dipartimento dell’Istruzione hanno orchestrato la cooperazione del Progetto BEST nei 50 stati, ma i Laboratori Regionali hanno anche facilitato il coordinamento internazionale con l’UNESCO ei suoi paesi membri. Queste reti interregionali hanno gettato le basi tecnologiche per le scuole charter virtuali globaliste, come K12 Inc. e Bridge International Academies, che hanno spianato la strada all’industria dell’“apprendimento a distanza” che ora sta sostituendo le scuole di mattoni e malta come blocchi COVID costringere il pianeta a imparare online attraverso il data mining ed-tech.

Anche prima del lancio del progetto BEST, il Northwest Regional Education Laboratory era il rappresentante degli Stati Uniti per lo studio School Textbooks for Lifelong Learning dell’UNESCO Institute for Education del 1978 , che riporta che la sostituzione dei libri di testo con tecnologie audiovisive, come “film, trasmissioni radiofoniche e televisive, laboratori linguistici, ecc.”, libererebbero gli studenti dalla “dittatura del libro di testo”. Questo documento mostra che, anche prima del Progetto BEST e dello Studio 11, UNESCO e NWREL stavano già lavorando insieme per coordinare un cambiamento globale verso l’ed-tech computerizzata passando dai tradizionali libri di testo stampati alle tecnologie di telecomunicazioni multimediali.

Successivamente, nel 1982, durante il lancio del progetto BEST, NWREL ha creato il database Resources in Computer Education (RICE), che è stato reso ricercabile attraverso la rete internazionale di informazioni sulle pratiche scolastiche (SPIN) gestita da BRS Inc. Secondo una notizia NWREL del 1982 pubblicazione intitolata Nuova fonte di informazioni sulle risorse per l’educazione informatica va online, il sistema di dati RICE-SPIN ha collaborato con l’International Council for Computers in Education. Inoltre, una pubblicità SPIN di Scott, Foresman and Company’s Electronic Publishing Division vanta che “SPIN fornisce accesso a oltre 1.000.000 di risorse educative e a una rete internazionale di educatori, tutte accessibili con un microcomputer e un telefono”. 

Per mettere tutto insieme, mentre il progetto BEST veniva lanciato, la partnership pubblico-privato di NWREL con Scott, Foresman and Company stava creando una rete internazionale di proto-internet che ha gettato le basi per un sistema di e-learning globale allineato con l’ed- obiettivi tecnologici dello Studio 11, che è stato commissionato dall’UNESCO poco dopo che l’UNESCO ha collaborato con NWREL per aprire la strada alla scuola computerizzata passando dai libri di testo stampati alle telecomunicazioni audiovisive. 

L’internet SPIN internazionale di NWREL, che si integrava con il progetto BEST, sarebbe effettivamente servito da modello per il programma “High Success Schools”, guidato da William G. Spady, direttore del Far West Regional Laboratory for Educational Research and Development. In un articolo del 1995 intitolato Welcome to High Success Schools, il direttore della FWRL Spady racconta un caso di studio del suo modello di apprendimento online internazionale “di grande successo”

“Gli studenti della Jefferson Senior High stanno tenendo una teleconferenza nel media center con una classe di studenti in Russia. Hanno lavorato tutto l’anno a un progetto per indagare sugli effetti dei rapidi cambiamenti sociali ed economici sulle loro comunità e sull’impatto della tecnologia su tali cambiamenti. Il loro rapporto collaborativo sarà presentato a scienziati ed esperti di tecnologia di tutto il mondo che hanno assistito i loro sforzi di ricerca attraverso Internet e hanno accettato di valutare la loro ricerca”.

William G. Spady

Si noti qui che il direttore della FWRL Spady mostra come il suo programma di apprendimento su Internet “di grande successo” evidenzia gli scambi online internazionali tra studenti americani capitalisti e studenti russi comunisti che collaborano con “esperti mondiali” in conformità con gli scambi ed-tech regionali dello Studio 11 dell’UNESCO tra comunisti, nazioni socialiste e capitaliste. 

Avviate da NWREL e dal direttore di FWRL Spady, queste reti di computer High Success e RICE-SPIN erano prototipi di startup di apprendimento online che hanno piantato i semi per altre piattaforme di apprendimento su Internet globali nate dallo Studio 11 e dal Progetto BEST. Queste crescenti piattaforme online di “apprendimento a distanza” includono società di scuole charter virtuali, come Bridge International Academies, che è stata finanziata dalla Banca Mondiale, e K12 Inc., che iscrive gli studenti attraverso la sua K12 International Academy in affiliazione con l’Associazione per l’avanzamento dell’istruzione internazionale, l’Associazione delle scuole internazionali in Africa, l’Associazione delle scuole dell’Europa centrale e orientale, il Consiglio regionale delle scuole d’oltremare dell’Asia orientale e il Consiglio europeo delle scuole internazionali. Va notato che K12 Inc., che è una delle più grandi scuole charter online negli Stati Uniti, è stata fondata dal Segretario alla Pubblica Istruzione William “Bill” Bennett , che ha supervisionato le disposizioni educative degli Accordi generali di scambio del presidente Ronald Reagan con il Unione Sovietica dopo che Bennett ha assunto il Project BEST come successore del segretario TH Bell. 

Circa quarant’anni dopo, l’industria delle scuole charter virtuali globalista risultante dai sottoprogetti BEST, come i progetti pilota di e-learning su Internet della rete RICE-SPIN di NWREL e le scuole di alto successo di Spady, ha fornito l’infrastruttura di apprendimento online per Reset e Reimmaginare l’educazione per la Quarta Rivoluzione Industriale. Espandendosi su questi mercati virtuali delle scuole charter, i tecno-oligarchi del Quarto reset industriale stanno eseguendo un’acquisizione ed-tech che sta sfruttando i blocchi del governo per costringere tutte le scuole a “apprendimento a distanza” informatizzato facilitato dalle società Big Tech, inclusi membri del WEF come Microsoft , Apple e IBM, al fine di estrarre i dati dall’analisi dell’apprendimento degli studenti attraverso algoritmi di sorveglianza AI.

Echo Chambers accademiche e propaganda rigurgitata dai pari

Mentre Project BEST stava costruendo l’infrastruttura Internet internazionale per piattaforme di apprendimento virtuale come K12 Inc. e BIA, società tecnologiche multinazionali, come Microsoft, Apple e IBM, si contendevano posizioni nel mercato globale per facilitare l’hardware e il software necessari per operare il materiale didattico online per i sistemi educativi nazionali che partecipano allo Studio 11 dell’UNESCO. Allo stesso tempo, l’establishment accademico globalista stava promuovendo l’integrazione scolastica dei materiali didattici di queste stesse società Big Tech pubblicizzando i loro prodotti di “apprendimento assistito da computer” nelle pagine di riviste accademiche insieme ad annunci per altri sviluppatori di ed-tech che collaborano con Project BEST, come Scott, Foresman and Company e Association for Educational Communications and Technology (AECT). Allo stesso tempo, queste stesse riviste accademiche hanno pubblicato articoli che pubblicizzavano la ricerca ed-tech dell’OCSE e dell’UNESCO Study 11, che sosteneva l’uso di prodotti ed-tech commerciali fabbricati dalle stesse identiche società Big Tech, tra cui Microsoft, Apple e IBM.

In breve, queste riviste documentano come il Progetto BEST fosse parte di uno sforzo orchestrato tra il mondo accademico, i governi nazionali, le multinazionali e gli organi di governo mondiale dell’UNESCO e dell’OCSE che agivano di concerto per far avanzare il progresso globale verso la Quarta Rivoluzione Industriale tecnocratica. Oggi, questa rivoluzione tecno-fascista sta cambiando marcia mentre i blocchi COVID vengono sfruttati dalle stesse società Big Tech, tra cui Microsoft, IBM e Apple, che sono state promosse dallo Studio 11 dell’UNESCO prima che diventassero agenti dell’economia mondiale. Il grande reset del forum.

Rivista Technological Horizons in Education: Computers in Education Worldwide
gennaio 1984

Ad esempio, nell’edizione di gennaio 1984 di Technological Horizons in Education Journal , ci sono annunci pubblicitari per Edu-Mod di IBM PC progettato da Bell & Howell Co.; Introduzione al corso di programmazione BASIC di Orion Training System per Apple II+ o Apple IIe; e TeloSchool di Telos Software per Apple II+ o Apple IIe. Allo stesso modo, nell’edizione di gennaio 1983 di THE Journal, ci sono pubblicità per il software di programmazione LOGO sui computer Apple; muMATH/muSIMP Advanced Math Package per personal computer IBM; e manuali di programmazione Microsoft BASIC. Allo stesso tempo, questo numero del 1983 contiene un annuncio per i corsi di lettura, scienze e matematica della divisione di editoria elettronica di Scott, Foresman and Company, che gestiva l’internet SPIN che facilitava il database RICE attraverso la NWREL statunitense dove sono state sperimentate le startup del progetto BEST . Inoltre, in questo stesso numero del 1983, THE Journal ha anche pubblicato un articolo intitolato “Computers in Swedish Schools: Experience, Research, and Problems” di Anita Köllerbaur, coordinatrice nazionale svedese per lo studio UNESCO 11 sotto il Coordinatore Internazionale Lawrence Grayson, nominato dal Project BEST Coordinator, Assistant Secretary of Education Senese.

Technological Horizons in Education Journal: Computers in Education Worldwide gennaio 1983

In sintesi, entrambi i numeri del 1983 e del 1984 di THE Journal sono pieni di pubblicità per prodotti ed-tech di società partner del WEF, tra cui Microsoft, IBM e Apple, che sono state anch’esse approvate dallo Studio 11 dell’UNESCO. Contemporaneamente, il numero del 1983 pubblicato un whitepaper sulla tecnologia di “apprendimento assistito da computer” di un rappresentante dello Studio 11 dell’UNESCO mentre pubblicizzava prodotti di corsi di aziende di tecnologia informatica, come Scott, Foresman and Company, collegati al Progetto BEST, che era la versione nazionale americana dello Studio 11 dell’UNESCO.

Allo stesso modo, nell’edizione del gennaio 1985 di THE Journal , c’è una pubblicità per un libro pubblicato dall’Associazione per le comunicazioni e la tecnologia educative, a cui sono stati assegnati due contratti del Dipartimento dell’Istruzione degli Stati Uniti per un totale di $ 1.189.715 per propagare l’ed-tech attraverso il Progetto BEST. Questo annuncio di THE Journal , che appare a pagina 90 del numero del 1985, suggerisce che un libro dell’AECT, intitolato Software Quality & Copyright: Issues in Computer-Assisted Instruction , fornirà la risposta alla domanda: “[come] come possono gli educatori selezionare i migliori programmi software?” 

A pagina 91, proprio di fronte all’annuncio AECT, c’è un articolo intitolato “Tele-insegnamento porta le lezioni agli studenti a casa”, seguito da un altro articolo, “Il proiettore porta i video interattivi nelle lezioni di computer”, a pagina 92. In nello stesso numero del 1985, THE Journal ha pubblicato un articolo intitolato “International Conference Examines Technology in Education” del coordinatore del progetto BEST Donald Senese, che ha scritto questo articolo come un rapporto di pubbliche relazioni sostenendo la spinta dell’OCSE per l’ed-tech standardizzata a livello internazionale.

Rivista Technological Horizons in Education: Computers in Education Worldwide , gennaio 1985

Per semplificare, questo numero del 1985 di THE Journal ha pubblicato un rapporto dell’OCSE che richiedeva standard ed-tech internazionali promossi dal coordinatore del progetto BEST Senese, pubblicizzando contemporaneamente le raccomandazioni del materiale didattico dell’AECT, che era il principale contraente del progetto BEST. Questo annuncio AECT è apparso accanto ad articoli per l’homeschooling virtuale tramite tecnologie di teleconferenza simili all’attuale linea di software di videoconferenza, come Microsoft Teams e Google Classroom, che possono essere trasmessi tramite computer Apple che possono essere aggiornati con l’ intelligenza artificiale di apprendimento adattivo di IBM Watson Education.

Complessivamente, il campione di THE Journals di Grayson illustra come le pubblicazioni accademiche promuovessero whitepaper ed-tech dallo Studio 11 dell’UNESCO e dall’OCSE mentre pubblicizzavano le tecnologie del progetto BEST, inclusi i prodotti di corsi sviluppati dagli attuali membri del WEF, come Microsoft, Apple e IBM, che sono ora guidando la corsa verso una quarta rivoluzione industriale tecnocratica orientata a tracciare e tracciare gli algoritmi di apprendimento degli studenti in profili psicologici che possono essere estratti dai dati per analisi predittiva in un sistema comunitario di credito sociale di “intelligenza geospaziale.

Mentre l’establishment accademico spingeva i prodotti commerciali ed-tech attraverso le sue promozioni sia dello Studio 11 dell’UNESCO che del Progetto BEST pubblicizzati su riviste accademiche, i lobbisti facevano petizioni agli ordini degli avvocati statali e federali per riformare i sistemi legali al fine di standardizzare i regolamenti per gli scambi internazionali di tecnologia che avrebbero semplificare l’integrazione IT per le operazioni aziendali e l’amministrazione governativa in tutto il mondo nell’imminente Quarta Rivoluzione Industriale.

Oltre ai THE Journals raccolti nel Grayson File dato a Iserbyt, c’è anche un numero di giugno 1984 dell’American Bar Association Journal , che contiene un articolo scritto da John Naisbitt, che ha lavorato come dirigente IBM prima di essere nominato Assistant Commissioner of Education nel Dipartimento della salute, dell’istruzione e del benessere degli Stati Uniti sotto il presidente John F. Kennedy. Autore del libro del 1982, Megatrends: Ten New Directions Transforming Our Lives, Naisbitt ha scritto un articolo dell’ABA Journal del 1984 intitolato Megatrends for Lawyers and Clients, che loda come “il cambiamento più grande e più significativo è stato la trasformazione dell’America negli ultimi 30 anni da una società industriale a una società basata sull’informazione”. Naisbitt aggiunge che “[h] e di pari passo con questo c’è il nostro passaggio da un’economia nazionale a un’economia globale”. Prevedendo la quarta rivoluzione industriale, Naisbitt proclama che “[w] ciò che è richiesto è niente di meno che tutti noi, compresi gli avvocati, riconcettualizzare i nostri ruoli in una nuova società”.

Giornale dell’American Bar Association , vol.
70, giugno 1984

L’articolo “Megatrends” di Naisbitt era un invito all’azione per gli avvocati per diventare “agenti del cambiamento” che spingono per riforme del sistema legale che avrebbero dato il via libera all’evoluzione dell’America da un’economia manifatturiera nazionalistica a un’economia IT globale per la Quarta Rivoluzione Industriale.

L’invito all’azione di Naisbitt è stato seguito da Shirley McCune, che era il direttore del Dipartimento degli Stati Uniti del Midcontinental Regional Education Laboratory (McREL), che ha pilotato i programmi ed-tech del Progetto BEST negli stati del Missouri, Kansas, Nebraska, Colorado, North Dakota, Dakota del Sud e Wyoming. Nel 1983, il Dipartimento dell’Istruzione degli Stati Uniti ha finanziato due progetti McREL diretti da McCune: “Framing a Future for Education” in Kansas e “Strategic Planning and Furthering Excellence in Millard Public Schools” in Nebraska, entrambi guidati dal programma direttive del Gruppo Naisbitt. 

Più tardi, a una conferenza della National Governors Association del 1989 a Wichita, Kansas, McCune dichiarò che… 

“[w]quello che ci interessa è la totale ristrutturazione della società. Ciò che sta accadendo oggi in America e ciò che sta accadendo in Kansas e nelle Grandi Pianure non è semplicemente una situazione casuale nei soliti venti di cambiamento. Si tratta di una trasformazione totale della società. . . . La nostra società totale è in una crisi di ristrutturazione e non puoi farne a meno. Non puoi andare nelle zone rurali, non puoi entrare nelle chiese, non puoi entrare nel governo o negli affari e nasconderti dal fatto che ciò che stiamo affrontando è la totale ristrutturazione della nostra società”.

Nello stesso anno, in un articolo del Washington  Bremerton Sun  intitolato “Schools of the Future”, McCune ha chiesto di rinnovare le scuole in futuristici “centri di apprendimento della comunità” che enfatizzerebbero “l’integrazione della tecnologia con il curriculum” al fine di condizionare psicologicamente gli studenti per “l’apprendimento permanente” dalla culla alla carriera.

Allo stesso modo, William Spady, che gestiva il progetto BEST attraverso FWRL, ha citato le tendenze future di Naisbitt durante il suo discorso del 1990 intitolato “Garantire il successo di tutti gli studenti oggi per il mondo che cambia di domani”, che ha presentato al Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti: 

“[quando] affrontando la questione dello sviluppo di Exit Outcome in uno dei nostri distretti liceali dell’Illinois durante la primavera, anch’io sono stato costretto a dare un’occhiata alle ‘realtà’ che sembrano circondarci e che hanno il potenziale per plasmare il carattere del futuro in cui vivremo noi e i nostri figli. A prima vista, dieci tendenze in qualche modo interrelate mi sembravano chiare, . . . alcuni dei quali assomigliano alle tendenze identificate da John Naisbitt e dai suoi colleghi di Future Trends”.

In altre parole, Spady prevedeva che il futuro della scuola avrebbe dovuto evolvere in accordo con le “tendenze future” della Quarta Rivoluzione Industriale come previsto da Naisbitt.

Mentre Spady e McCune hanno lanciato a livello regionale le tecnologie del progetto BEST presso FWRL e McREL, che ora è McREL International, in base alle disposizioni delle “tendenze future” di Naisbitt, il coordinatore del progetto BEST Senese ha incontrato i tecnocrati globalisti alla conferenza ed-tech dell’OCSE/CERI dove hanno ha esaminato come “ridurre le barriere legali e tecniche che inibiscono la trasportabilità dei prodotti software attraverso i confini nazionali”. Quindi, quattro anni dopo il discorso del Dipartimento della Difesa di Spady, l’amministrazione Bill Clinton ha modificato l’Elementary and Secondary Education Act con l’aggiunta del programma Federal Charter Schools del 1994, che ha aperto strade per scuole charter virtuali che implementano l’apprendimento online attraverso le tecnologie informatiche. 

Basandosi sui precedenti stabiliti dal Charter Schools Program federale, l’American Legislativo Exchange Council (ALEC) ha redatto il Virtual Public Schools Act, che è stato pubblicato nel 2005 come un disegno di legge “modello” che è stato diffuso negli Stati Uniti a vari legislatori statali e federali che lo ha copiato e incollato in progetti di legge reali che avrebbero creato leggi che autorizzassero l’espansione di scuole charter virtuali e “scuole comunitarie” che utilizzano tecnologie informatiche per insegnare “gli studenti via Internet in un ambiente virtuale o remoto”.

Quindici anni dopo, l’ex segretario alla Pubblica Istruzione degli Stati Uniti del presidente Donald Trump, Betsy DeVos, che ha finanziato le scuole charter K12 Inc. e i dispositivi indossabili con biofeedback Neurocore per gli studenti ADHD, ha emanato nuove regole federali per Apprendimento a distanza e innovazione (85 FR 18638), che ha deregolamentato l’aula “uso dell’intelligenza artificiale e altro apprendimento adattivo” ed-tech che è ancora finanziata da miliardi di dollari di denaro di stimolo dal Coronavirus Aid, Relief and Economic Security Act (CARES). Va notato che il “Comitato di negoziazione per l’accreditamento e l’innovazione” dell’85 FR 18638 includeva un rappresentante per le relazioni con il governo di IBM, promosso dallo Studio 11 dell’UNESCO e dalle promozioni del progetto BEST di THE Journal prima che IBM si unisse al Great Reset for the Fourth Industrial Revolution del World Economic Forum.

I “Futuri transumanisti dell’istruzione” dell’UNESCO 2050

Ora, nel bel mezzo del ripristino del blocco COVID, l’UNESCO sta convocando una Commissione internazionale per sovrintendere al Futuro dell’istruzione: imparare a diventare progetto, che è “un’iniziativa globale per reimmaginare come la conoscenza e l’apprendimento possono plasmare il futuro dell’umanità e del pianeta” attraverso “sviluppi digitali, biotecnologici e neuroscienze” che guideranno la quarta rivoluzione industriale. Questa iniziativa dell’UNESCO 2050 porta lo Studio 11 al livello successivo in quanto traccia un futuro “più che umano” o transumano in cui l’homo sapiens “si evolverà” con un’economia IT globale integrata con sistemi biotecnologici e neurotecnologici di Big Data gestiti da un “commons” internazionale di corporazioni “stakeholder”. Guardando a questo futuro 2050 immaginato dall’UNESCO, le aziende globali “stakeholder”, attraverso partenariati comunitari pubblico-privato,sono sulla traiettoria di coprire il pianeta con l’intelligenza artificiale postumana ed-tech al fine di “riformulare l’umanesimo” mediante algoritmi biopsicosociali degli studenti di data mining allo scopo di “liberare [ing] un’ingegneria degli esseri umani precedentemente inconcepibile”, secondo l’UNESCO.

Nel marzo 2021, la Commissione UNESCO sul futuro dell’istruzione ha pubblicato un Aggiornamento sui progressi, che prevede che “[i] progressi tecnologici, in particolare riguardo all’intelligenza artificiale e all’automazione, creeranno nuovi posti di lavoro e integreranno e aumenteranno le capacità dei lavoratori nei posti di lavoro esistenti. . . . Potrebbe essere necessario reinventare i percorsi tradizionali che collegano l’istruzione al lavoro”. In particolare, questa previsione UNESCO per “il mondo economico del 2050” prevede la “morte della scuola”, che “sarà sostituita da un’infinità di dispositivi e approcci – fortemente supportati dalla tecnologia digitale e dall’intelligenza artificiale – che puntano tutti a la direzione di una ‘iper-personalizzazione’ dell’apprendimento. In tali scenari, le scuole sono viste come istituzioni obsolete. Gli insegnanti diventano professionisti sacrificabili, che potrebbero essere facilmente sostituiti da altre forme di monitoraggio e supervisione”.

Certamente, l’UNESCO mette in guardia da un simile scenario futuro: “le premesse alla base di questa visione, alimentate dall’espansione senza precedenti del mercato globale dell’istruzione in cui l’industria dell’EdTech è all’avanguardia, ci hanno condotto su una strada pericolosa. Distrugge le istituzioni sociali senza fornire alternative provate. E si deve resistere in nome di un’educazione rigenerativa”. Tuttavia, nonostante questa considerazione rogersiana del “percorso pericoloso” tracciato da AI ed-tech, l’appello dell’UNESCO alla “resistenza” non spinge l’umanità a discostarsi completamente da questo percorso distruttivo verso una tecnocrazia postumana. Anziché,questo whitepaper dell’UNESCO 2050 si propone di raddoppiare le promesse “rigenerative” di AI ed-tech nella speranza che possa essere distribuito “equamente” attraverso “un nuovo ‘contratto sociale per l’istruzione'” gestito da un “comune” di “pubblico e partnership private” con “stakeholder” aziendali in una “comunità internazionale”.

Detto in modo diverso, Futures of Education dell’UNESCO dà il via a una continuazione globale lungo il percorso distopico verso un sistema di credito sociale di sorveglianza automatizzata ed-tech a condizione che gli algoritmi di intelligenza artificiale siano “equamente” distribuiti dal nuovo marchio di “capitalismo delle parti interessate” comunitario che è essere pubblicizzato dal Grande Reset del Forum Economico Mondiale per la Quarta Rivoluzione Industriale. In effetti, la Commissione Internazionale dell’UNESCO dichiara che “[l]a diversificazione degli attori [comprese le società di ed-tech] nel settore dell’istruzione dovrebbe essere accolta con favore purché aumenti le capacità delle autorità pubbliche e delle comunità di sfruttare il potere rigenerativo dell’istruzione per affrontare le dure sfide che l’umanità deve affrontare”. In altre parole, l’UNESCO concorda sul fatto che il percorso tecnocratico verso la scuola dell’intelligenza artificiale dovrebbe essere perseguito finché le corporazioni ed-tech saranno fuse fascisticamente con le “autorità pubbliche” e altre parti interessate della comunità allo scopo di “rigenerare” l’umanità.

Non lasciatevi ingannare dalla retorica dell’“equità” comunitaria dell’UNESCO. In conclusione, questo rapporto UNESCO 2050 sta cedendo alla fusione transumanista di esseri umani e computer attraverso un sistema fascista aziendale di intelligenza artificiale ed-tech. In una sezione intitolata “Reframing Humanism”, la Commissione dell’UNESCO sul futuro dell’istruzione afferma che “[dobbiamo] anche considerare cosa significa essere umani nell’era della rapida trasformazione tecnologica. L’istruzione è uno dei modi cruciali in cui rielaborare le nostre relazioni con un mondo più che umano”. Per farla breve, secondo l’UNESCO, il progresso tecnologico ha cambiato così radicalmente il significato dell’umanità che le nostre relazioni “in evoluzione” con le macchine digitali hanno trasformato la nostra specie in qualcosa di “più che umano” o transumano;e l’ed-tech è fondamentale nel controllare questa trans-evoluzione fondendo gli studenti con biotecnologie, neurotecnologie e altre tecnologie computerizzate progettate per “migliorare” le facoltà cognitive.

Questo non è un abbellimento. Nel 2014, l’ottava sessione del Consiglio intergovernativo per l’informazione per tutti dell’UNESCO ha pubblicato un white paper che si arrende esplicitamente all’inevitabilità della fusione transumanista dell’umanità con le tecnologie informatiche:

“Gli scienziati stanno discutendo della convergenza di nanotecnologie, biotecnologie e cognitive il cui sviluppo è a sua volta strettamente legato alle ICT [Tecnologie dell’informazione e della comunicazione] e che hanno un potenziale altrettanto potente di influenzare i processi socioculturali. Gli specialisti prevedono cambiamenti ancora più fondamentali entro la metà del ventunesimo secolo. L’intelligenza artificiale raggiungerà il livello dell’intelletto naturale e in alcuni casi lo supererà. Ibridi macchina-uomo, cyborg e robot-androidi umanoidi creati su base biologica, diventeranno sempre più diffusi. Sempre più diffuse sono anche le idee secondo cui gli interventi tecnologici nell’organismo umano, mutamenti fondamentali della natura dell’uomo, sono desiderabili e benefici in quanto consentono un’evoluzione biologica veramente controllata.Alcuni chiamano questa visione del mondo transumanesimo e alcuni fascismo tecnologico. In ogni caso, il nostro futuro è sempre più nelle mani di nuovi ingegneri, genetisti e programmatori”.

Si noti qui che questo Consiglio intergovernativo dell’UNESCO ha deciso, che lo chiamiamo “transumanesimo” o “fascismo tecnologico”, che il futuro dell’evoluzione umana è destinato a essere controllato dai tecnocrati neo-eugenetici in modi potenzialmente “desiderabili e benefici”.

Naturalmente, questo programma transumanista può essere fatto risalire alle radici eugenetiche del primo direttore generale dell’UNESCO, Julian Huxley, che era il presidente della British Eugenics Society prima di richiedere un programma eugenetico globale nel suo UNESCO del 1946 : il suo scopo e La sua filosofia. Più tardi, in un libro del 1957 intitolato New Bottles for New Wine, Huxley coniò il termine “transumanesimo” come la fase successiva dell’evoluzione eugenetica. Secondo Huxley, gli obiettivi eugenetici dell’ingegneria biologica dell’evoluzione umana dovrebbero essere perfezionati attraverso tecnologie transumaniste, che combinano i metodi eugenetici dell’ingegneria genetica con la neurotecnologia che unisce umani e macchine in un nuovo organismo. 

Vale la pena notare qui che l’eugenetica malthusiana è stata anche una pietra miliare dell’agenda di governance globale del World Economic Forum sin dal 1978, quando la terza riunione annuale del WEF ha presentato un discorso sul controllo della popolazione su “I limiti della crescita” di Aurelio Peccei , che ha co-fondato il Club di Roma con Alexander King, direttore generale per gli affari scientifici del Comitato per la politica scientifica dell’OCSE. Poco più di un decennio dopo, King ha scritto The First Global Revolution: A Report by the Council of the Club of Rome, che ha ribadito le politiche di controllo della popolazione malthusiano-eugenetiche di The Limits to Growth: A Report for the Club of Rome’s Project on the Predicazione dell’umanità. In questo libro del 1991, La prima rivoluzione globale, King ha dichiarato che, per salvare il pianeta dalla sovrappopolazione, le società devono radunarsi in opposizione a “un nemico comune contro il quale possiamo unirci”. Nella quintessenza dell’eugenetica malthusiana, King decise che “[l]e vero nemico allora è l’umanità stessa”.

Progetto “Reimagining” BEST e UNESCO Study 11 for a Transumanist Quarta Rivoluzione Industriale

A seguito della sua dichiarazione di missione transeugenetica, l’UNESCO ha condotto lo Studio 11 per promuovere la distribuzione globale di prodotti ed-tech da società tecnologiche multinazionali, come Microsoft, Apple e IBM, in collaborazione con gli Stati Uniti e altri governi nazionali allo scopo di costruire l’infrastruttura informatica dell’“era dell’informazione”. Tutto questo è stato fatto per aprire la strada a una Quarta Rivoluzione Industriale guidata da sistemi di intelligenza artificiale di intelligenza geospaziale attraverso una blockchain “internet-of-things” collegata a biotecnologie transumane legate all’internet-of-body.

Mentre gli elementi costitutivi dell’ed-tech della Quarta Rivoluzione Industriale venivano disposti dal Dipartimento dell’Istruzione degli Stati Uniti in collaborazione con l’UNESCO e l’OCSE, l’Assistente Segretario Senese ha riferito che “[l]’OCSE ha anche deciso di studiare strategie per contrastare la resistenza a l’introduzione e l’uso delle nuove tecnologie nelle scuole”. Ora, nel 2021, la resistenza all’acquisizione tecno-fascista ed-tech viene soppressa dalla propaganda di blocco COVID dei miliardari al World Economic Forum mentre pubblicizzano il loro Grande Reset con errori di pathos suscitati per spaventare e vergognare il lavoro- persone di classe a capitolare davanti al WEF, che sta collaborando con Microsoft, Apple e IBM, mentre avanza con le sue visioni tecnocratiche di una Quarta Rivoluzione Industriale. 

In tandem con il Great Reset, Google e la Bill and Melinda Gates Foundation, entrambi membri del WEF, stanno Reimagining Education creando reti di Big Data che collegano “l’analisi dell’apprendimento” dai database Learnsphere al database Cortex su un Gates- piattaforma InnovateEdu finanziata che collabora con BigQuery di Google, che stipula un contratto con il “middleware” di ChainLink per monetizzare o tokenizzare i dati del credito sociale, come gli algoritmi di apprendimento degli studenti, attraverso “contratti intelligenti” su blockchain, hashgraph e altri tecnologie “libri mastri distribuiti” (DLT). Costruendo questa infrastruttura di sorveglianza del credito sociale attraverso i sistemi scolastici Big Data collegati a un Internet delle cose DLT, Big Tech sta gettando le basi per l’internet dei corpi, che inserirà gli studenti nelle biotecnologie transumaniste allo scopo di reingegnerizzare transeugenicamente, o reimmaginare, la specie umana.

Activist Post: Alternative News and Independent Views, December 23, 2020

Va notato qui che Microsoft, Apple e IBM stanno tutte sviluppando passaporti digitali per vaccini COVID e passaporti immunitari archiviati su iPhone e altri dispositivi mobili tramite app DLT blockchain che possono essere espanse per tracciare e tracciare altri dati biopsicosociali, come biometrici e psicometrici. dati estratti da indossabili e impiantabili transumanisti. Allo stesso tempo, il World Economic Forum sta sponsorizzando il passaporto di immunità CommonPass, mentre le Nazioni Unite stanno approvando il COVI-PASS™ Digital Health Passport, anch’esso basato su una piattaforma blockchain che può essere espansa per interfacciarsi con biotecnologie e neurotecnologie transumaniste che aggregano lo spettro totale dei dati biopsicosociali di un individuo in un sistema di credito sociale DLT. 

A dire il vero, questo è sempre stato l’obiettivo finale dell’UNESCO. Già nel 1978, Lawrence P. Grayson, che era il coordinatore internazionale per lo studio 11 dell’UNESCO, scrisse un articolo sull’Educational Communication and Technology Journal, che prevedeva “il potenziale dei computer per leggere i modelli di pensiero nella mente umana” attraverso “un casco speciale” che utilizza un sistema “biocibernetico” in grado di “identificare e monitorare i segnali elettroencefalografici (EEG) nel cervello associati al linguaggio”. Oggi, grazie allo Studio 11, e con l’aiuto di aziende Tech Baron come IBM e Microsoft, che sono collegati alle imprese eugenetiche, l’UNESCO è ora sul punto di realizzare finalmente la sua missione di 75 anni di reingegnerizzare trans-eugeneticamente una nuova specie umana nell’immagine “reimmaginata” del tecnofascismo computerizzato. 

Nota finale:

Per leggere il “File Grayson” completo, incluso lo Studio 11 dell’UNESCO, insieme alla totalità del Progetto BEST e altri documenti correlati del Dipartimento dell’Istruzione degli Stati Uniti, iscriviti al mio database web-brain sul mio sito Web: schoolworldorder.info 

Immagine in evidenza: sede dell’UNESCO a Parigi

UnlimitedHangout


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


4 pensieri riguardo “Dallo studio 11 dell’UNESCO all’UNESCO 2050

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: