La Federazione americana degli insegnanti si vende a Rockefeller, Trilateralisti e Big Tech

Il secondo sindacato degli insegnanti del paese ha fortemente esercitato pressioni sul CDC per non riaprire le scuole. Sebbene abbiano inquadrato i loro sforzi incentrati su salute e sicurezza, c’è più di quanto sembri la spinta del sindacato per l’apprendimento a distanza indefinito.

18 agosto 2021; articolo di John Klyczek

Il 1° maggio 2021, Americans for Public Trust ha fatto trapelare la corrispondenza e-mail tra l’American Federation of Teachers (AFT) ed i Centers for Disease Control (CDC). Ottenute attraverso le richieste del Freedom of Information Act (FOIA), queste e-mail hanno rivelato come la burocrazia di questo sindacato degli insegnanti stesse facendo pressioni sul CDC per annullare le linee guida sulla riapertura delle scuole. 

Azionando i freni al ritorno all’apprendimento di persona, le e-mail dell’AFT hanno chiesto al CDC di aggiungere “linguaggio” raccomandando che le scuole continuino a fornire “telelavoro” e “opportunità di insegnamento virtuale” come alternative all’istruzione faccia a faccia. L’AFT ha anche chiesto al Centro per il controllo delle malattie di aggiungere una “metrica di chiusura” variante del coronavirus che rinnegasse il via libera del CDC per l’istruzione di persona “a qualsiasi livello di trasmissione della comunità [COVID]”. Dando la priorità al “telelavoro” e all’“insegnamento virtuale”, mentre cercava di ripristinare le misure di blocco del COVID in caso di nuove varianti del coronavirus, gli sforzi di lobby dell’AFT hanno sostanzialmente fatto pressione sul CDC per relegare le scuole a un “apprendimento a distanza” virtuale prolungato che è esternalizzato a società private ed-tech. 

“CDC Responsive Records”, Fonte: Americans for Public Trust

Per dirla senza mezzi termini, l’AFT ha tentato di influenzare il CDC per aumentare le restrizioni COVID che perpetuano la dipendenza dell’istruzione pubblica dalla privatizzazione delle società Big Tech. Queste aziende hanno ottenuto profitti record vendendo prodotti ed-tech alle scuole durante il blocco. A loro volta, subito dopo i loro scambi di e-mail con il CDC, l’AFT e la National Education Association hanno scritto insieme Learning Beyond COVID-19: A Vision for Thriving in Public Education, che richiede un maggiore accesso ai “dispositivi necessari per l’apprendimento online” insieme con un maggiore accesso al tutoraggio “virtuale”.

Perché l’American Federation of Teachers dovrebbe andare contro il “seguire la scienza” facendo pressioni sul CDC per contrastare il suo allentamento dei protocolli di salute e sicurezza della scuola? Perché l’AFT dovrebbe sfidare gli esperti del CDC opponendosi alla riapertura delle scuole a favore dell’estensione delle restrizioni COVID che aprono le porte all’industria ed-tech per far avanzare la sua privatizzazione dell’istruzione pubblica attraverso contratti di e-learning “remoti”? Perché farlo quando le principali riviste mediche, come The Lancet, hanno pubblicato dati che rilevano che “bambini e giovani rimangono a basso rischio di mortalità per COVID-19”? Qual è il punto quando ci sono prove crescenti che l’apprendimento scolastico di persona non si traduce in un aumento dei tassi di trasmissione della comunità di COVID-19? 

Queste domande sono ancora più sconcertanti se si considera l’aumento dei suicidi adolescenziali derivanti dalla depressione causata dall’isolamento sociale dai blocchi scolastici che sequestrano gli studenti dai loro compagni di classe. Allo stesso tempo, l’isolamento dei pari dal blocco scolastico sta danneggiando lo sviluppo cognitivo, sociale ed emotivo degli studenti che si trovano nelle fasi cruciali dell’apprendimento dei fondamenti di come comunicare leggendo le espressioni facciali, il linguaggio del corpo e altri segnali sociali che sono indispensabile per l’interazione umana di persona. Per non parlare dei numerosi dati che mostrano che l’insegnamento in aula faccia a faccia ha molti più vantaggi per l’apprendimento degli studenti rispetto a virtuale didattica a distanza attraverso lo schermo di un computer.

Quindi la domanda rimane, con tutte queste ragioni per cui gli studenti tornano nelle aule di mattoni e malta, perché l’AFT non ha “seguito la scienza” seguendo le raccomandazioni di riapertura delle scuole del CDC? Cosa ha motivato i burocrati dell’AFT a ostacolare l’apprendimento a distanza tecnocratico aziendale chiedendo al CDC di stringere le viti sui suoi protocolli di mitigazione del COVID per le scuole? 

A dire il vero, l’AFT afferma che le priorità in materia di salute e sicurezza sono i loro fattori motivanti per raddoppiare le politiche di mitigazione del COVID, che richiedono effettivamente la scuola online a distanza. Tuttavia, uno sguardo ravvicinato alla storia dell’AFT rivela che ha una lunga esperienza nel vendere i suoi insegnanti paganti al complesso industriale ed-tech globale tagliando accordi collaterali con aziende Big Tech, come IBM e Microsoft; filantropie aziendali, tra cui la Fondazione Rockefeller e la Fondazione Bill e Melinda Gates; e istituzioni di governance mondiale, come la Commissione Trilaterale e l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO).

Alla luce di questi rapporti passati con corporativisti, globalisti e tecnocrati, sembra che l’AFT possa avere ulteriori motivi per bloccare il pieno ritorno all’apprendimento di persona al fine di costringere le scuole a contrattare con i compari dell’ed-tech del sindacato, come IBM e Microsoft, che stanno guidando le campagne “Reimagine Education” insieme all’UNESCO per stimolare il Great Reset del World Economic Forum per la Quarta Rivoluzione Industriale. Facendo pressione sul CDC per eliminare i vincoli COVID che relegano i sistemi educativi a combinazioni “a distanza” e “ibride” o “miste” di istruzione virtuale-online, l’AFT ha essenzialmente fatto pressioni per legare le scuole ai cartelli multinazionali ed-tech che mirano a estrarre i dati psicometrici degli studenti per la “competenza” della forza lavoro nell’economia globale del credito sociale della quarta rivoluzione industriale capitalista della sorveglianza.

Il nuovo approccio al punteggio del credito accelera l’inclusione finanziaria”, Fonte:
World Economic Forum (weforum.org)

L’AFT-Rockefeller Alliance: globalizzazione trilaterale del comportamentista Ed-Tech

A cominciare dal finanziamento della psicologia dell’educazione di John D. Rockefeller ideato dal membro fondatore dell’AFT, John Dewey; seguiti dai legami dell’ex presidente dell’AFT Albert Shanker con la Commissione Trilaterale di David Rockefeller; fino alle recenti collaborazioni dell’AFT con i dipendenti della Rockefeller Foundation e i membri della famiglia Rockefeller, l’AFT è stata trasformata nella rete globale aziendale delle filantropie Rockefeller e dei think tank. Il filo conduttore tra queste connessioni AFT-Rockefeller è la formazione della forza lavoro attraverso metodi stimolo-risposta di condizionamento psicologico, compresa l’“istruzione programmata” comportamentista fornita da “macchine didattiche” computerizzate.

Prima di aiutare a fondare l’AFT nel 1917, John Dewey fu il primo studente a condurre studi di laboratorio sotto uno dei padri fondatori della psicologia americana: G. Stanley Hall, che fu il primo americano a studiare presso il laboratorio di psicologia seminale del mondo a Lipsia, Germania, sotto il capostipite della psicologia stimolo-risposta, Wilhelm Wundt. Dewey espanse la psicologia stimolo-risposta con la sua teoria del funzionalismo, che sviluppò come presidente del dipartimento di filosofia dell’Università di Chicago, fondata con ingenti somme di denaro Rockefeller a partire dal 1892, lo stesso anno in cui Dewey fu assunto all’Università di Chicago. Lì insegnò a John B. Watson, che sarebbe diventato il creatore del condizionamento psicologico comportamentista. 

Dewey sarebbe diventato un professore di filosofia di alto livello alla Columbia University, dove il suo ed-psych funzionalista divenne il fondamento pedagogico della Lincoln School, fondata con il finanziamento del Rockefeller General Education Board nel 1917, lo stesso anno in cui Dewey aiutato a fondare l’AFT. Al Teacher’s College della Columbia University, che ha fondato la Lincoln School, E. L. Thorndike ha applicato la psicologia comportamentale alla pedagogia educativa, comprese le applicazioni per i primi modelli di istruzione programmata attraverso libri meccanizzati che sono stati ipotizzati nel suo Education: A First Book

In breve, per almeno venticinque anni, il denaro dei Rockefeller ha alimentato la psicologia educativa del membro fondatore dell’AFT, John Dewey, il cui ed-psych funzionalista ha modellato la progressione del condizionamento stimolo-risposta nell’istruzione programmata attraverso macchine di insegnamento automatizzate, che si sono evolute in moderna ed-tech computerizzata, come il corso di apprendimento adattivo cognitivo-comportamentale approvato dall’AFT in quanto reimmagina la scuola per la Quarta Rivoluzione Industriale.

I tentacoli di Rockefeller hanno anche agganciato la Federazione americana degli insegnanti attraverso il presidente dell’AFT Albert Shanker, che è rimasto al timone del sindacato degli insegnanti per ventitré anni dal 1974 fino alla sua morte nel 1997. Durante il suo regno come presidente dell’AFT, Shanker ha partecipato a riunioni ospitate dalla Commissione Trilaterale di David Rockefeller, che il successore del Robber Baron ha istituito come una “tavola rotonda” globalista in cui oligarchi corporativi provenienti da Nord America, Europa e Asia si incontrano per orchestrare un’economia mondiale pianificata. In un “Indirizzo” del 1985 alla Sanoma State University, il presidente dell’AFT Shanker ha confessato di aver partecipato “a una riunione della sezione americana della Commissione Trilaterale e c’erano banchieri e politici lì e c’erano ex ambasciatori e segretari di stato. Erano presenti Henry Kissinger e altri”. In questo discorso intitolato “Critical Thinking and Education Reform”, Shanker ha anche discusso dell’incontro con “il capo di IBM” poiché prevedeva che il futuro della “competizione internazionale” sarebbe imperniato su “chi svilupperà il miglior chip [per computer]. Viviamo in un mondo in cui la tecnologia avanzata e l’informazione dei problemi. . . emergono dall’industria della conoscenza”. Lodando i vantaggi dell’ed-tech audiovisivo, il trilateralista Shanker ha aggiunto che “se dessimo agli insegnanti in un certo senso, nessuna scelta, parte di questo sarà fatto tecnologicamente”.

In breve, questo discorso significa come, sotto la guida di Shanker, l’AFT si sia allineata con la visione tecnocratica aziendale della Commissione trilaterale globalista di Rockefeller al fine di coltivare riforme scolastiche orientate allo sviluppo di competenze lavorative hi-tech per la “competizione” in un’economia “internazionale” costruito sull’“industria della conoscenza” computerizzata della prossima Quarta Rivoluzione Industriale. 

Tre anni dopo, in un 27 aprile 1988, WAMU-FM intervista radiofonicamente, il presidente dell’AFT Shanker che ha ribadito il suo impegno per le riforme scolastiche della forza lavoro hi-tech che preparino gli studenti a “competere nel mondo” nell’economia costruita dai compari trilaterali di Rockefeller, come IBM. Quando gli è stato chiesto come avrebbe migliorato i sistemi scolastici, Shanker ha risposto: “beh, è ​​molto simile a quello che fa un’azienda automobilistica quando vuole creare una nuova automobile”. Secondo Shanker, questo nuovo modello produttivo di istruzione sarebbe guidato da “squadre” di insegnanti che “usano la tecnologia”. In risposta a un’altra domanda su come si sarebbe assicurato che tutti gli studenti potessero imparare nelle sue scuole “aggiornate”, ha risposto, “bene, alcuni di loro potrebbero imparare guardando le videocassette e vedendo le cose in una forma più pittorica. Alcuni di loro potrebbero trarre profitto dai giochi di simulazione al computer”. Proponendo riforme scolastiche modellate in fabbrica che implementano “giochi di simulazione al computer” e altre tecnologie educative, il trilateralista Shanker ha sostenuto la formazione “gamificata” della forza lavoro attraverso l’ed-tech computerizzata che viene ora implementata attraverso l’intelligenza artificiale (AI) implementata da Cognitive Ability Assessments di IBM, che tengono traccia degli algoritmi cognitivo-comportamentali per testare la “competenza” del lavoro.

“Informazioni sulla Commissione Trilaterale”, Fonte: Commissione Trilaterale

L’allineamento di Shanker con i piani della Trilaterale per un sistema scolastico globale ed-tech è ulteriormente illustrato nel tomo futurista del 1970, Between Two Ages: America’s Role in the Technetronic Era, dal consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Jimmy Carter, Zbigniew Brzezinski, che ha co-fondato la Commissione Trilaterale con David Rockefeller. In Between Two Ages, Brzezinski prevedeva come la scuola nell’“era tecnotronica” della quarta rivoluzione industriale sarebbe stata trasformata in un sistema hi-tech di “istruzione domiciliare attraverso console televisive e altri dispositivi elettronici”. In breve, il trilateralista Brzezinski ha tracciato il sistema ed-tech proto-computerizzato che sarebbe poi stato adottato da Shanker in collaborazione con i suoi compagni corporativi alle riunioni della Trilaterale americana.

Zbigniew Brzezinski,
Between Two Ages: The America’s Role in the Technetronic Era
(New York: Viking Press, 1970)

Se si pensa che Shanker praticasse semplicemente una certa “diplomazia” partecipando agli incontri con la Commissione Trilaterale Rockefeller-Brzezinski, va notato che, dopo che la filiale dell’AFT dell’Arizona ha approvato una risoluzione del 1984 per vietare la pedagogia del condizionamento psicologico, compresi i metodi di istruzione programmata che può essere consegnata tramite ed-tech computerizzata, il Consiglio Esecutivo Nazionale dell’AFT ha presentato la risoluzione, che è stato redatto per “opporsi a programmi come ECRI, Project INSTRUCT e/o qualsiasi Mastery Learning, Classroom Management, Precision Teaching e Discipline, e presentare una petizione al Congresso degli Stati Uniti per la protezione contro l’uso di tali metodi su insegnanti e studenti senza il loro preventivo consenso”. Abbattendo questa risoluzione della Federazione degli Insegnanti dell’Arizona per impedire alle scuole di utilizzare il condizionamento psicopedagogico, compresa l’istruzione programmata al computer, il Consiglio Esecutivo Nazionale dell’AFT si è efficacemente schierato con gli interessi tecnocratici aziendali dei costituenti della Rockefeller-Trilateral di Shanker mentre metteva da parte la classe interessi degli insegnanti che l’AFT pretende di rappresentare.

Quasi quarant’anni dopo, le connessioni con i Rockefeller intrappolano ancora oggi l’AFT. Ad esempio, nel 2015, l’AFT, insieme alla National Education Association, ha stretto una partnership per “studenti di lingua inglese” con una società televisiva pubblica di Washington DC, WETA-TV, dove il presidente è Sharon Percy Rockefeller, che è sposata con David Nipote di Rockefeller: l’ex senatore statunitense Jay Rockefeller. Attualmente, l’assistente del presidente per le questioni educative dell’AFT, Marla Ucelli-Kashyap, è un ex direttore associato delle comunità di lavoro presso la Fondazione Rockefeller. In un articolo di notizie AFT del 2020 intitolato AFT International Connects on COVID-19, l’ex direttore di Rockefeller ha invitato “i fornitori di servizi Internet e le società tecnologiche . . . a fare di più” per favorire l’apprendimento online a distanza colmando il “divario digitale” per gli studenti che “non hanno accesso alla tecnologia necessaria per l’apprendimento a distanza”. Ucelli-Kashyap ha anche partecipato allo scambio di e-mail trapelato dall’AFT-CDC in cui l’American Federation of Teachers ha fatto pressioni sui Centers for Disease Control per ripristinare i protocolli di blocco delle scuole e gli alloggi per l’apprendimento a distanza che perpetuano l’acquisizione aziendale ed-tech dell’istruzione pubblica.

Nel frattempo, la Fondazione Rockefeller sta attualmente sfruttando le revisioni di emergenza COVID per lanciare la sua campagna di Grande Transizione , che rispecchia il Great Reset del World Economic Forum. Attraverso partenariati pubblico-privato tra “governi, agenzie multilaterali, filantropie, società civile e settore privato”, la Grande Transizione della Fondazione Rockefeller aspira ad accelerare la “rivoluzione digitale” che amplierà le “opportunità di apprendimento a distanza” virtuali “spingendo il confini del cambiamento di apprendimento a distanza” attraverso “la piattaforma comune per la pianificazione, il test di soluzioni e l’apprendimento peer-to-peer” collegata a “identità digitali . . . per l’istruzione”. In altre parole, la Rockefeller Great Transition richiede partnership pubblico-privato che espandano l’“apprendimento a distanza” online con “piattaforme” virtuali programmate per testare e monitorare l’“analisi dell’apprendimento” degli studenti al fine di assemblare profili psicologici che possono essere estratti dai dati per “personalizzare” educazione basata su metriche di credito sociale derivate dalle “identità digitali” degli studenti.

Un numero crescente di aule in Cina è dotato di telecamere di intelligenza artificiale e inseguitori di onde cerebrali. Sebbene molti genitori e insegnanti li vedano come strumenti per migliorare i voti, sono diventati il peggior incubo di alcuni bambini. – Crediti Wall Street Journal
“Che la grande transizione abbia inizio”, Fonte: The Rockefeller Foundation

Per mettere tutto insieme, per oltre cento anni, le agende di Rockefeller hanno modellato la capitolazione dell’AFT all’ed-psych e ed-tech guidata da società tecnologiche, come IBM, che estrae dati psicometrici degli studenti al fine di condizionare comportamentalmente lo studente organismo per la competenza della forza lavoro nell’economia globale dell’emergente Quarta Rivoluzione Industriale.

Formazione “dalla culla alla carriera” per una forza lavoro globale: Ed virtuale pubblico-privato per il 4IR

Il capitalismo delle parti interessate tecno-fascista della Quarta Rivoluzione Industriale ha origini nel settore della scuola privata pubblico-privata, che è stato sostenuto dal presidente dell’AFT Albert Shanker, che ha approvato le riforme della scuola pubblica attraverso partnership con società educative private sovvenzionate dai dollari delle tasse, in tal modo creando il precedente legale per le società private di ed-tech per rastrellare profitti dalle casse del governo incanalate attraverso contratti con le scuole pubbliche. Infatti, con il sostegno di AFT, i mercati delle scuole charter pubblico-private hanno dato vita alle prime edu-corporation virtuali, come K12 Inc., che forniscono servizi di apprendimento esclusivamente tramite lezioni online a distanza attraverso aule digitali che integrano l’apprendimento adattivo courseware, la versione moderna delle macchine didattiche Skinner-box, al fine di condizionare gli studenti alla competenza della forza lavoro in un’economia pianificata a livello globale.

Al discorso di Shanker del 1988 al National Press Club, il presidente dell’AFT divenne uno dei primi sostenitori del concetto di scuole charter progettate per la formazione della forza lavoro che avrebbero preparato gli studenti a lavori hi-tech in un’economia globalizzata. Fino ad oggi, nonostante l’impopolarità delle charter school tra gli educatori pubblici, in particolare gli insegnanti sindacalizzati, l’AFT porta avanti la visione della charter school di Shanker. Sotto l’attuale presidenza di Randi Weingarten, l’edizione invernale 2014 di American Educator , la rivista dell’AFT, ha pubblicato un articolo intitolato Restoring Shanker’s Vision for Charter Schools, che risolve che “la questione rilevante oggi non è più se le charter school sono buone o cattive come gruppo. Piuttosto chiediamo, le charter school possono essere portate in una direzione migliore”. Va notato che, prima di diventare presidente dell’AFT, Weingarten è stata presidente del sindacato United Federation of Teachers dove ha supervisionato la UFT Charter School di New York City, che è stata istituita per dissipare il sentimento che “il contratto sindacale è un impedimento al successo” delle charter school, secondo Weingarten.

Le radici dell’agenda della scuola charter dell’AFT possono essere ricondotte all’alleanza di Shanker con gli oligarchi corporativi presso la Commissione trilaterale globalista, che è stata co-fondata da Zbigniew Brzezinski, che era anche consigliere del presidente Barack Obama, il cui segretario all’Istruzione, Arne Duncan, ha sostenuto l’espansione delle charter school pubbliche-private, comprese le charter school virtuali, che svolgono formazione della forza lavoro dalla culla alla carriera. In Between Two Ages: America’s Role in the Technetronic Era di Brzezinski, che prevedeva la Quarta Rivoluzione Industriale, il boss della Trilaterale concettualizzava l’emergere di un sistema scolastico pubblico-privato in cui le imprese avrebbero gestito “scientificamente” i programmi di formazione della forza lavoro: 

“Le aziende stanno diventando più coinvolte nell’istruzione, per ragioni psicologiche oltre che professionali. Una maggiore molteplicità nella formazione educativa renderà la comunità nazionale più pluralistica e il crescente coinvolgimento delle imprese nell’istruzione può portare a un più rapido adattamento delle più recenti tecniche e conoscenze scientifiche al processo educativo. Le imprese americane e, in misura minore, il governo hanno già intrapreso ampi programmi di «riorganizzazione» e riqualificazione manageriale”.

Come prefigurato da Brzezinski, la quarta rivoluzione industrialestakeholder capitalist” nell’istruzione è stata guidata da una rete pubblico-privata di società di scuole charter virtuali, tra cui K12 Inc., che hanno stipulato contratti con società di ed-tech, come Dreambox, che gestire “scientificamente” i risultati dell’apprendimento distribuendo prodotti di corsi che condizionano psicologicamente il corpo studentesco con algoritmi di intelligenza artificiale. Questi algoritmi sono programmati per formare gli studenti alla competenza della forza lavoro in un’economia mondiale pianificata tecnocraticamente.

Apprendimento adattivo: che cos’è?, Fonte: Dreambox Learning

Integrale al modello di business pubblico-privato di Brzezinski di proto-charter school è un sistema aziendale di formazione della forza lavoro “dalla culla alla carriera”, che è approvato dall’AFT. In risposta all’autorizzazione del Segretario Duncan alle sovvenzioni del Dipartimento di Ed del 2010 degli Stati Uniti per “servizi dalla culla alla carriera per migliorare i risultati educativi” in “Promise Neighborhoods”, il presidente dell’AFT Weingarten ha elogiato come questi partenariati pubblico-privato tra forza lavoro e scuola siano stati “un enorme passo in avanti”. Il sostegno dell’American Federation of Teachers a questi curricula charter dalla culla alla carriera è anche radicato nel legame corporativo del presidente dell’AFT Shanker con i globalisti della Commissione Trilaterale, come Zbigniew Brzezinski. 

In Between Two Ages, Brzezinski postula come il suo modello di business proto-carta della scuola pubblica-privata si conformerebbe alla rivoluzione industriale “tecnotronica” ristrutturando l’istruzione in modo che: 

“Potrebbe essere perseguito più in generale all’interno di un quadro di studio-lavoro e dovrebbe essere integrato da una formazione aggiuntiva periodica durante la maggior parte della propria vita attiva. . . . dal coinvolgimento diretto in alcune attività professionali e da una formazione avanzata e sistematica all’interno di quell’area. . . La riqualificazione regolare e formalmente richiesta, così come l’ampliamento, potrebbe aver luogo a intervalli regolari durante la maggior parte della propria carriera professionale” (266-267).

Combinando “un quadro lavoro-studio” con una rete di imprese di edu-companies, il trilateralista Brzezinski ha posto uno schema prototipo per il sistema approvato dall’AFT di charter school dalla culla alla carriera, che ha generato virtuali charter edu-corporations che hanno posto il pubblico -mattoni privati- ​​per le multinazionali ed-tech per globalizzare il condizionamento digitale ed-psych per la competenza della forza lavoro nella stakeholder capitalist della Quarta Rivoluzione Industriale.

Klaus Schwab rilascia ‘Stakeholder Capitalism'”, Fonte:
World Economic Forum (weforum.org)

In linea con la promozione trilaterale dell’AFT dell’istruzione charter dalla culla alla carriera, l’Albert Shanker Institute ha collaborato con il New Economy Information Service attraverso una “Task Force” che ha prodotto “A Report of the Task Force on Workforce Development” intitolato Learning Partnership: rafforzare i posti di lavoro americani nell’economia globale“. In questo white paper, la Task Force, che includeva gruppi di interesse sia di “destra” che di “sinistra”, come l’AFL-CIO, la Heritage Foundation e il Progressive Policy Institute, ha riferito che la “concorrenza economica globale” richiede “Partenariati di apprendimento” che sviluppano “competenze” e “capacità” della forza lavoro nel settore della “tecnologia dell’informazione” perché “il cambiamento tecnologico sta anche spazzando via milioni di posti di lavoro relativamente di routine, creando al contempo nuove richieste di lavoratori ben istruiti e altamente qualificati”. La Task Force fa anche riferimento alle esigenze di “Sicurezza Nazionale” della formazione della forza lavoro in “sviluppo di codice software”, citando Bill Neugent, ingegnere capo per la sicurezza informatica presso MITRE, una società di ricerca e ingegneria senza scopo di lucro, [che] afferma: “È un problema che preoccupa i grandi fornitori, aziende come Microsoft, IBM e Sun.’”

In sintesi, sin dalla concezione della scuola charter, l’AFT ha sostenuto la missione trilaterale di pianificare tecnocraticamente l’economia mondiale attraverso partenariati pubblico-privato per la formazione della forza lavoro tra multinazionali tecnologiche e agenzie governative nazionali. Creando il precedente per la gestione pubblico-privata dei sistemi di istruzione della forza lavoro, la spinta trilaterale dell’AFT per le riforme delle scuole charter ha aperto le porte alle società internazionali di ed-tech per privatizzare i sistemi scolastici pubblici attraverso l’industria dell’apprendimento a distanza online. Questo stratagemma di privatizzazione tecnocratica è stato inizialmente innescato da società di scuole charter virtuali, come K12 Inc., che è stata istituita dal segretario all’Istruzione del presidente Ronald Reagan, William Bennett, che ha supervisionato il progetto BEST. Nel mio recente articolo, From UNESCO Study 11 to UNESCO 2050, ho documentato come il progetto BEST, in coordinamento con la Task Force di Reagan sulle iniziative del settore privato, ha collaborato con l’UNESCO Study 11 per istituire partenariati pubblico-privato di “scelta scolastica” che contraggono con le corporazioni ed-tech globaliste per implementare tecnologie informatiche di e-learning che condizioni psico-comportamentali gli studenti per la competenza della forza lavoro nell’economia del Credito Sociale pianificata a livello globale della Quarta Rivoluzione Industriale tecno-fascista.

“Pay for Success” Community Impact Investments: Data-Tracking “Social Credit” per il 4IR

Il ruolo fondamentale dell’AFT nello spingere la “scelta scolastica” aziendale non solo ha creato il precedente per le partnership ed-tech pubblico-privato attraverso l’industria della scuola charter virtuale. Ha anche aperto le porte a partenariati pubblico-privato di scuole di comunità che installano tecnologie educative per estrarre dati psicometrici cognitivi, comportamentali e socio-emotivi degli studenti al fine di tenere traccia degli studenti in servizi “avvolgenti” o pipe-line, come come “percorsi di inserimento lavorativo”, trattamenti sanitari e programmi di prevenzione della criminalità per studenti a rischio. La controparte delle corporate charter school, le community school pubblico-private sono strumentali all’istituzione di una finanza d’impatto pay for success per il Credito Sociale nella Quarta Rivoluzione Industriale.

“Pay for Success and the Human Value Chain”, Source: Alison McDowell, Wrench in the Gears

Tracciando i dati sugli algoritmi biopsicosociali degli studenti attraverso servizi di copertura pubblico-privati , le scuole della comunità forniscono canali di pagamento per il successo per investimenti a impatto sociale da società a scopo di lucro, fondazioni senza scopo di lucro e istituzioni di governance globale, come IBM, la Fondazione Rockefeller e l’UNESCO, che hanno tutti legami con l’AFT. Approvato dalla Commissione Trilaterale, “global impact investments” finanzia servizi di pipeline della comunità basati su analisi predittiva estrapolati dalle metriche di apprendimento cognitivo, comportamentale e socioemotivo degli studenti, che possono essere aggregati in punteggi di credito sociale che vengono ricalibrati in base ai risultati degli studenti risultanti da tali programmi pay-for-success. A loro volta, gli oligarchi aziendali possono sfruttare gli investimenti a impatto predatorio come mezzo per ingegnerizzare socialmente i pensieri, i sentimenti e le azioni degli studenti, rendendo il loro accesso a lavoro, assistenza sanitaria e altri programmi sociali subordinato ai loro punteggi sociali, che sono calcolati in base a come il gli studenti svolgono durante l’esecuzione delle disposizioni dei loro incarichi “comunitari” di retribuzione per il successo.

Sulla scia del COVID, l’AFT ha esercitato pressioni per l’espansione delle scuole comunitarie. Proprio il mese scorso, il 6 luglio 2021, il presidente dell’AFT Weingarten ha tenuto un discorso alla Conferenza TEACH dell’AFT dove ha lodato come “gli affiliati dell’AFT hanno lavorato con i distretti scolastici per espandere le scuole della comunità” mentre “usando il nostro [AFT] Innovation Fund quest’anno, come abbiamo fatto in passato, per aiutare a seminare di più”. Secondo Weingarten, le scuole comunitarie sono fondamentali per l’istruzione in una società post-COVID perché forniscono “supporto avvolgente” che aiuta con l’assistenza sanitaria, l’alloggio e l’accesso al cibo, mentre aiuta con l’accessibilità ed-tech: “Abbiamo visto quanto sia essenziale le scuole della comunità sono quando ha colpito il COVID-19. . . . hanno contribuito a ridurre le ricadute della pandemia affrontando le barriere all’apprendimento a distanza e . . . fornire servizi virtuali come il tutoraggio . . . e servizi di salute mentale. Hanno aiutato le famiglie ad accedere al cibo e all’assistenza abitativa”. Chiedendo “un’azione coraggiosa” per “accelerare i progressi verso il nostro obiettivo di creare 25.000 scuole comunitarie. Il presidente Weingarten ha tenuto un altro discorso dal titoloRitorna, recupera e reinventa: verso un rinascimento nelle scuole pubbliche americane, che invoca la campagna Reimagine Education della Fondazione Gates, che ha finanziato l’AFT Innovation Fund.

Nei suoi sforzi per diffondere le scuole comunitarie negli Stati Uniti, l’AFT ha collaborato con la Coalition for Community Schools (CCS), dove Shital C. Shah, assistente del direttore per le questioni relative all’istruzione dell’AFT, è stato membro del comitato direttivo del CCS. Nel 2015, il CCS sponsorizzato dall’AFT ha emesso sette “Community Schools Awards for Excellence” in onore di varie “partnership comunitarie, o partenariati pubblico-privato” che utilizzano ed-tech per tracciare e tracciare i “dati sugli studenti , sociali, emotivi e fisici” al fine di “condurre” gli studenti in “servizi avvolgenti”, inclusi “supporti per la salute mentale”, “crime . . . programmi di riduzione” e “percorsi” di inserimento lavorativo per “impatto collettivo dalla culla alla carriera”. Con l’approvazione dell’AFT, queste pipeline di impatto collettivo “basate sulla comunità” sono finanziate da “obbligazioni a impatto sociale” di società a scopo di lucro, come Goldman Sachs, e fondazioni aziendali, come Atlantic Philanthropies,che sono sovvenzionati da sovvenzioni “paga per il successo” finanziate dal governo.

Difendendo queste partnership pubblico-privato pay-per-successo con servizi avvolgenti di scuole di comunità gestiti da Big Data, l’AFT ha promosso il progresso dell’economia tecnocratica del credito sociale della quarta rivoluzione industriale , che combina il capitalismo di sorveglianza tecno-fascista con il capitalismo degli stakeholder comunitario. In effetti, i finanziamenti pay for success, gli investimenti ad impatto collettivo e le obbligazioni ad impatto sociale sono tutte parti dello stesso pacchetto fintech, che va di pari passo con le partnership pubblico-private “basate sulla comunità” che tracciano digitalmente i dati sui “risultati” socioeconomici con algoritmi costi-benefici programmati per calcolare i punteggi sociali o “punteggi di fiducia”

Tali investimenti di impatto pay-for-success per le scuole della comunità, sostenuti dal CDC, non sono solo approvati dalla Federazione americana degli insegnanti, ma l’AFT ha anche partecipato al proprio progetto di investimento a impatto sociale attraverso un’affiliazione con il Low Income Investment Fund, che collabora anche con Citi Foundation per orchestrare finanziamenti a impatto collettivo attraverso l’ iniziativa Partners in Progress. Allo stesso tempo, anche i compagni globalisti dell’AFT presso IBM, la Fondazione Rockefeller, la Commissione Trilaterale e l’UNESCO sono stati coinvolti nel finanziamento dell’impatto sociale-collettivo.

Impatto Leadership 21, Fonte: impactleadership21.com

IBM collabora con IMPACT Leadership 21, che “è una piattaforma di business globale” che “lavora con i principali responsabili delle decisioni di enti pubblici e privati ​​globali sfruttando la convergenza di tecnologia, innovazione, investimenti di impatto e partnership pubblico-privato per eseguire e influenzare lo sviluppo”. Il CEO e fondatore di IMPACT Leadership 21 è Janet C. Salazar, che è il “Chief and Permanent Representative presso le Nazioni Unite e Permanent Observer to the United Nations Economic and Social Council (ECOSOC) presso la Foundation for the Support of the United Nations ( FSUN)”. Sia l’ECOSOC delle Nazioni Unite che la FSUN sono anche partner dei “forum aziendali privati ​​solo su invito di IMPACT Leadership 21 per leader e investitori che cercano soluzioni per soddisfare le loro esigenze ambientali, sociali e di governance (ESG) attraverso i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite”

Va notato che, nel 2018, l’AFT DELIBERATO, che l’American Federation of Teachers, con Education International e UNESCO, svilupperà materiali didattici e contenuti curriculari per attuare l’obiettivo di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite SDG 4.7, che promuove l’obiettivo globale di cittadinanza.’” Per propagare le direttive di governance globale dell’UN SDG 4.7, “i leader dell’AFT saranno disponibili a partecipare di persona e attraverso piattaforme di comunicazione virtuale sponsorizzate dall’UNESCO”.

La Fondazione Rockefeller ha anche avviato un progetto “Impact Investment Management” (IIM) che ha riversato centinaia di milioni di dollari in investimenti “a impatto sociale per catalizzare investimenti commerciali su larga scala negli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) [ONU] ) attraverso il Fondo Zero Gap”. Stimando che $ 2,5 trilioni di “finanziamenti aggiuntivi annuali sono necessari per raggiungere gli SDG delle Nazioni Unite”, il Rockefeller IIM “mira a mobilitare $ 20 miliardi di capitale privato entro il 2030 per affrontare priorità urgenti come il cambiamento climatico, la povertà energetica, il cibo insicurezza, salute e opportunità economiche “guidando il capitale verso progetti con impatto e portata”

“Finanza innovativa”, Fonte: The Rockefeller Foundation

La Commissione Trilaterale fondata da Rockefeller ha anche promosso [g]lobal impact investing. Un membro della Commissione Trilaterale, Dina Habib Powell (ora Dina Powell McCormick), che era Assistente Segretario di Stato per gli affari educativi e culturali del presidente George W. Bush, ha parlato a un evento dell’American Enterprise Institute (AEI) del 2016 intitolato Global Impact Investing: Una conversazione con Dina Habib Powell. Durante “questo quarto grande evento per il Philanthropic Freedom Project dell’AEI”, il trilateralista Powell, che è stato anche consigliere senior per le iniziative economiche del presidente Donald Trump, ha pubblicizzato l’attività di investimento a impatto di Goldman Sachs dove è stata “responsabile globale di Impact Investing . . . al presidente della Goldman Sachs Foundation”. L’appello di Powell per “l’investimento a impatto globale” presso l’AEI è stato pubblicizzato sul sito web della Commissione Trilaterale, mentre altri membri della Trilaterale, come Michael Bloomberg, hanno anche guidato schemi di investimento a impatto

“Rivoluzione finanziaria innovativa”,
Affari esteri , Fonte: rockefellerfoundation.org

Vale la pena notare qui che Powell e Bloomberg sono entrambi membri del Council on Foreign Relations (CFR) globalista dove il giornale del CFR, Foreign Affairs, ha pubblicato una “Edizione speciale presentata con la Fondazione Rockefeller”. Intitolata “The Innovative Finance Revolution: Private Capital for the Public Good”, questa “Special Edition” di Foreign Affairs è pubblicata sul sito web Impact Investment Management della Rockefeller Foundation. Naturalmente, per quasi cento anni, l’elenco dei membri del CFR è stato accatastato con membri della famiglia Rockefeller, tra cui John “Jay” Rockefeller IV, Nicholas Rockefeller, Steven C. Rockefeller, Susan Cohn Rockefeller, Valerie Rockefeller, David Rockefeller Jr. , e David Rockefeller Sr., che ha co-fondato la Commissione Trilaterale.

Per mettere tutto insieme, l’AFT e i suoi complici globalisti aziendali presso la Fondazione Rockefeller, la Commissione Trilaterale, l’UNESCO e IBM stanno tutti orchestrando investimenti a impatto sociale-collettivo che vengono estratti dai dati per “risultati” socioeconomici che possono essere monitorati digitalmente e tracciato con algoritmi di Credito Sociale nella Quarta Rivoluzione Industriale.   

Per una finestra su questo panopticon emergente del credito sociale, prendi in considerazione il mio articolo “Un ‘mondo scolastico coraggioso’ di monitoraggio dei dati degli studenti per il ‘credito sociale’: da Bill Gates a BigQuery, da Blockchain a Hashgraph”. In questo articolo dell’Activist Post del 2020, ho documentato come l’iniziativa “Reimagine Education” della Gates Foundation abbia creato una rete di Big Database in grado di aggregare l’“analisi dell’apprendimento” degli studenti nel datahub BigQuery di Google al fine di incanalare il comportamento cognitivo-comportamentale e algoritmi di apprendimento socioemotivo attraverso il “middleware” di Chainlink. Questo “middleware” può quindi convogliare questi psicometrici “off-chain” su blockchain e altre piattaforme “distributed ledger technology” (DLT), come Hedera Hashgraph, dove IBM siede nel Consiglio direttivo. collegamento a catena ha anche collaborato con l’UNESCO per gestire gli investimenti a impatto sociale per “progetti basati su IoT [internet-of-things] che sfruttano gli adattatori esterni Chainlink per collegare contratti intelligenti a sensori del mondo reale e automatizzare processi obsoleti e basati su carta”.

Hedera Hashgraph, Source: hedera.com

Queste partnership di condivisione dei dati tra UNESCO, Chainlink, Google, Hedera Hashgraph e IBM stanno costruendo l’infrastruttura DLT-IoT necessaria per automatizzare un sistema di sorveglianza del credito sociale che può portare alla missione di Hedera di progettare tecnocraticamente “un futuro costruito sulla fiducia”. È importante notare qui che Hedera Hashgraph sta aprendo un negozio in Cina, dove gli algoritmi di credito sociale sono indicati come “punteggi di fiducia”. Nel frattempo, Chainlink sta stipulando un contratto per supportare la rete di servizi blockchain della Cina mentre il BSN si sta attrezzando per migliorare i poteri orwelliani di estrazione di dati del sistema di credito sociale cinese, che impone digitalmente l’accesso delle persone all’istruzione, al lavoro, all’assistenza sanitaria, all’alloggio, ai trasporti, al giusto processo e persino al cibo. Allo stesso tempo, il sistema di credito sociale cinese “Sesame” è semplificato dalla società Alibaba Group, dove il vicepresidente e capo degli affari del governo internazionale è Eric Pelletier, membro della Commissione trilaterale fondata da Rockefeller . 

Per combinare tutte queste metriche di blockchain, hashgraph, middleware e credito sociale “off-chain” in profili psicologici legati agli ID DLT, la Fondazione Rockefeller sta collaborando con Microsoft e le Nazioni Unite attraverso il progetto ID2020. ID2020 mira inoltre a costruire una rete mondiale di ID digitali globali che saranno “necessari per accedere ai servizi essenziali”, incluso “l’accesso all’assistenza sanitaria e all’istruzione” insieme ad “altri programmi di assistenza sociale”

In breve, i compagni tecnocratici aziendali dell’AFT presso la Fondazione Rockefeller, la Commissione Trilaterale, le Nazioni Unite e l’IBM stanno finanziando i sistemi di credito sociale dell’identità digitale attraverso investimenti a impatto sociale collettivo progettati per accelerare la Quarta Rivoluzione Industriale. 

È un grande club e gli insegnanti non ci sono dentro

Per riassumere, la storia dell’AFT è stata guidata, di volta in volta, da agenti delle filantropie Rockefeller, dalla Commissione Trilaterale, dall’UNESCO e dalle società Big Tech come IBM. Dalla pedagogia comportamentista per l’ed-tech; a partenariati pubblico-privato attraverso charter school virtuali; ai curricula dalla culla alla carriera per i percorsi di inserimento lavorativo; fino al finanziamento dell’impatto del successo per il credito sociale: l’AFT ha cantato costantemente la stessa melodia dei suoi gestori globalisti delle organizzazioni filantropiche Rockefeller, della Commissione Trilaterale, dell’UNESCO e dell’IBM. 

Se fossi perplesso dal fatto che l’AFT abbia esercitato pressioni sul CDC per gravare le sue linee guida per il ritorno a scuola con restrizioni COVID più severe, che perpetuano i curricula di apprendimento a distanza facilitati attraverso contratti pubblico-privato con le società Big Tech, potrebbe avere più senso ora. Sembra più che plausibile che la Federazione americana degli insegnanti abbia ulteriori motivi radicati nella lunga storia dell’AFT di collusione con i corporatisti Rockefeller, gli oligarchi della Trilaterale, i globalisti dell’UNESCO e i tecnocrati dell’IBM al fine di realizzare quella che oggi è conosciuta come la Quarta Rivoluzione Industriale .

Fonte immagine in primo piano: La sinapsi

Fonte: Unlimited Hangout

Articolo precedente e primo articolo di questa serie:


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


2 pensieri riguardo “La Federazione americana degli insegnanti si vende a Rockefeller, Trilateralisti e Big Tech

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: