NEA World Order

Dagli anni ’60 ad oggi, il più grande sindacato degli insegnanti degli Stati Uniti ha collaborato con le multinazionali dell’ed-tech e le braccia di governance globale dell’UNESCO. Questo allineamento in corso potrebbe rivelare ulteriori motivi dietro gli sforzi della NEA di esercitare pressioni sul governo degli Stati Uniti per costringere a fare affidamento sull’apprendimento virtuale remoto.

UnlimitedHangout 27 settembre 2021; articolo di John Klyczek

Da più di cinque anni scrivo rapporti che documentano i pericoli dell’invadente corporativizzazione dell’istruzione pubblica attraverso la privatizzazione dell’ed-tech. Ora, sotto la pressione del panico del COVID, le scuole pubbliche stanno passando ai Tech Barons globalisti dell’industria dell’e-learning, proprio mentre questi oligarchi tecnocratici dell’impero ed-tech accelerano la loro acquisizione aziendale dei sistemi educativi. Questa acquisizione si sta verificando in gran parte attraverso contratti di “apprendimento a distanza” pubblico-privato che stanno sostituendo gli insegnanti umani con l’intelligenza artificiale (AI) di estrazione di dati, sostituendo anche le scuole fisiche con aule virtuali online. 

Se pensavi che i sindacati degli insegnanti avrebbero combattuto per proteggere i loro educatori pubblici paganti da questa presa di potere tecno-fascista, ripensaci. Collettivamente, i due più grandi sindacati degli insegnanti negli Stati Uniti si sono svenduti a ed-tecnocrazia per oltre un secolo. Senza perdere tempo, l’American Federation of Teachers (AFT) e la National Education Association (NEA) stanno ora portando la loro capitolazione ed-tech al livello successivo mentre fanno effettivamente pressioni per le edu-corporations. Queste società stanno realizzando profitti record vendendo alle scuole tecnologie di apprendimento a distanza progettate per tracciare digitalmente la psicometria degli studenti e quindi commercializzarle tramite i mercati di intelligenza geospaziale che sono al centro dell’economia mineraria dei Big Data del nascente “Quarto settore della Rivoluzione industriale (4IR)”.

Nel mio ultimo articolo, ho documentato come l’AFT ha esercitato pressioni sui Centers for Disease Control (CDC) per estendere le restrizioni COVID che perpetuano la dipendenza dell’istruzione pubblica dalla privatizzazione da parte delle aziende Big Tech, ma forniscono discutibili, se del caso, benefici per la salute pubblica. Ho anche evidenziato i conflitti di interesse tra l’AFT e l’industria ed-tech globale attraverso le alleanze della Federazione americana degli insegnanti con la società IBM, le filantropie Rockefeller, la Commissione trilaterale e l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura (UNESCO). 

In questo articolo, descriverò in dettaglio come la NEA ha collaborato con gli sforzi di lobby dell’AFT mentre i due sindacati degli insegnanti hanno collaborato con il CDC con petizioni per prolungare i protocolli di mitigazione del COVID che perpetuano la dipendenza delle scuole dai prodotti commerciali ed-tech dalla tecnologia multinazionale aziende che hanno sfruttato i lockdown per corporativizzare il sistema educativo americano attraverso contratti di e-learning pubblico-privato. 

Questo articolo esaminerà anche conflitti di interesse simili tra la National Education Association e l’industria ed-tech internazionale attraverso le relazioni della NEA con IBM, UNESCO e Project BEST (Basic Education Skills through Technology), che era la versione nazionale americana dello “Studio dell’UNESCO 11: New Technologies in Education”, che ha creato l’infrastruttura globale di “tecnologia dell’informazione” (IT) per l’emergente Quarta Rivoluzione Industriale. 

Inoltre, questo articolo documenterà anche come la NEA ha promosso un sistema educativo mondiale attraverso l’iniziativa Education for All dell’UNESCO e la Global Education Coalition dell’UNESCO, che riunisce un team all-star di società Big Tech che hanno collaborato con il World Economic Forum (WEF) per inaugurare una Quarta Rivoluzione Industriale tecno-fascista.

Fidati delle Scienze Politiche

Quando Americans for Public Trust ha fatto trapelare le e-mail del CDC il 1° maggio 2021, i media mainstream hanno attirato molta attenzione sulle corrispondenze del Center for Disease Control con l’AFT. Ciò che non ha attirato molta attenzione, tuttavia, sono stati gli scambi di e-mail del CDC con la NEA. 

Ottenute attraverso le richieste del Freedom of Information Act (FOIA), queste e-mail rivelano come la NEA, insieme all’AFT, abbia chiesto al CDC di annullare le linee guida per la riapertura delle scuole. Pompando i freni al ritorno all’apprendimento di persona, le e-mail della NEA hanno spinto il CDC a rivedere le disposizioni sulla riapertura delle scuole emettendo “direttive chiare” per il “distanziamento fisico degli studenti”. Appena un mese dopo queste e-mail sono state inviatie, in un comunicato stampa il 19 marzo, 2021, NEA Presidente Becky Pringle ha sfidato pubblicamente la decisione del CDC per ridurre “allontanamento fisico” da “1.80 mt” a “90 centimetri”.

Insistendo su un “distanziamento” di sei piedi tra gli studenti, che limiterebbe la frequenza in aula faccia a faccia al di sotto della piena capacità, gli sforzi di lobby della NEA hanno sostanzialmente fatto pressione sul CDC per relegare le scuole in curricula “ibridi” che mescolano di persona apprendimento in aula con “apprendimento a distanza” online virtuale, l’ultimo dei quali è esternalizzato a società private di ed-tech. A proposito, poco dopo aver presentato una petizione al CDC per raddoppiare i requisiti di “distanziamento sociale” da tre piedi a sei piedi, la NEA ha collaborato con l’AFT per co-autore Learning Beyond COVID-19: A Vision for Thriving in Public Education, che richiede un aumento “accesso a dispositivi necessari per l’apprendimento online” insieme a un maggiore “accesso” al tutoraggio “virtuale”.

La NEA afferma che le priorità in materia di salute e sicurezza sono i fattori motivanti per raddoppiare le politiche di mitigazione del COVID che richiedono effettivamente una scuola online ibrida e remota. Ma da quando sono iniziati i blocchi COVID, la NEA ha ripetuto il mantra di “seguire la scienza”, incoraggiando studenti e insegnanti a fidarsi delle raccomandazioni sulla salute e sulla sicurezza degli “esperti” del CDC. Allora perché la NEA non ha seguito la scienza del CDC fidandosi del protocollo di “distanziamento sociale” di tre piedi del CDC? Cosa ha motivato la NEA a contraddire la sua fedeltà agli esperti di salute pubblica del CDC chiedendo loro di stringere le viti alle restrizioni COVID, costringendo le scuole a fare affidamento sull’industria ed-tech a scopo di lucro per fornire l’infrastruttura digitale necessaria per l’ibrido, o “misto”, apprendimento?

Queste contraddizioni della politica della NEA sono ancora più curiose se si considera che, secondo The Lancet, i giovani in età scolare sono a basso rischio di mortalità da COVID, ma sono ad alto rischio di danni cognitivi, sociali ed emotivi a causa della repressione della sicurezza COVID mentre aumentano le prove, mostra che la scolarizzazione di persona non comporta un aumento dei tassi di trasmissione comunitaria di SARS-CoV-2. Ancora più curioso, è risaputo che ci sono numerosi dati che mostrano che l’ istruzione in aula faccia a faccia ha molti più vantaggi per l’apprendimento degli studenti rispetto all’istruzione virtuale a distanza attraverso gli schermi dei computer.

Quindi la domanda rimane, con tutte queste ragioni per cui gli studenti tornano nelle aule di mattoni e malta, perché la NEA non ha “seguito la scienza” applicando le raccomandazioni di riapertura delle scuole del CDC? Cosa ha motivato i burocrati della NEA a ostacolare l’apprendimento a distanza tecnocratico aziendale chiedendo al CDC di reprimere i suoi protocolli di mitigazione del COVID per le scuole? 

Per rispondere a queste domande, vale la pena dare un’occhiata più da vicino alla lunga esperienza storica della NEA, che è parallela alla storia del capitalista amico dell’AFT, di vendere i suoi insegnanti paganti al complesso industriale ed-tech globale tagliando accordi collaterali con Le grandi aziende tecnologiche, come IBM, collaborano con Education International per far avanzare le direttive di governance globale dell’UNESCO e del World Economic Forum nel perseguimento della quarta rivoluzione industriale tecnocratica. 

Alla luce di questi rapporti passati con corporatisti comunitari e tecnocrati globalisti, sembra che la NEA possa avere ulteriori motivi per bloccare il pieno ritorno all’apprendimento di persona al fine di incastrare le scuole nel contratto con i compari dell’ed-tech del sindacato, come IBM, che stanno guidando le campagne “Reimagine Education” insieme all’UNESCO e a Education International al fine di stimolare il Grande Reset del Forum Economico Mondiale per la Quarta Rivoluzione Industriale. Premendo il CDC per eliminare i vincoli COVID che relegano i sistemi educativi a combinazioni ibride o miste di istruzione virtuale, la NEA ha essenzialmente fatto pressioni per collegare permanentemente le scuole ai cartelli multinazionali ed-tech che mirano a estrarre i dati dagli algoritmi cognitivo-comportamentali al fine di condizionare psicologicamente gli studenti al rispetto del comando e controllo nell’economia globale del Credito Sociale del “capitalismo della sorveglianza” della Quarta Rivoluzione Industriale.

La NEA spinge l’Ed-Tech comportamentista da quasi un secolo

Per quasi cento anni, la NEA è stata determinante nel guidare l’evoluzione dell’ed-tech dalle tecnologie “audiovisive” (AV), come le tecnologie radio e “cinema”; alle “tecnologie dell’informazione” (IT), quali “macchine didattiche” informatizzate programmate con “courseware”; alle tecnologie satellitari che collegano tra loro i computer della scuola attraverso le telecomunicazioni Internet; alle attuali linee di prodotti di tecnologie “aula virtuale”, come Google Classroom e Microsoft Teams, che gli insegnanti sono costretti a utilizzare durante il blocco COVID. In poche parole,la NEA ha costantemente svolto un ruolo storico chiave nel trasformare la trasmissione audiovisiva unidirezionale di film didattici in console di computer AV interattive collegate tra loro tramite Internet satellitare per estrarre dati sulla psicometria degli studenti per l’“analisi dell’apprendimento” predittiva.

La storia d’amore della NEA con l’ed-tech risale al 1923, quando il sindacato nazionale degli insegnanti istituì la sua Divisione di Istruzione Visiva (DVI) al fine di “liberare l’istruzione dai vincoli del ‘verbalismo’” attraverso la produzione di massa di proiettori di diapositive e tecnologie didattiche “cinematografiche” pubblicizzate da Thomas Edison. Alla fine della seconda guerra mondiale, nel 1945, il DVI della NEA si è evoluto nel Dipartimento dei servizi didattici audiovisivi (DAVIS), che è stato successivamente ribattezzato Dipartimento di istruzione audiovisiva (DAVI) nel 1947, con l’obiettivo di “costruire cittadini migliori della nazione e del mondo instillando atteggiamenti e apprezzamenti desiderabili attraverso [ sic ] l’uso di un apprendimento drammatico ed emotivamente derivato. . . attraverso [sic ] l’uso di materiali audiovisivi”. Detto diversamente, DAVI mirava a sfruttare le tecnologie di produzione cinematografica allo scopo di rimodellare gli “atteggiamenti e apprezzamenti” degli studenti in nuovi stati psicologici che sarebbero compatibili con la “cittadinanza” mondiale in un’economia globale.

Non molto tempo dopo le Macy’s Cybernetics Conferences del 1946-1953 , che riunirono i pionieri dell’intelligenza artificiale, tra cui John von Neumann e Norbert Weiner, la National Education Association iniziò a spostare la sua attenzione dalla trasmissione unidirezionale dell’audiovisivo ed-tech , come la radio e la TV, poiché la NEA ha iniziato a concentrarsi maggiormente su macchine didattiche automatizzate che trasmettono istruzioni programmate interattive attraverso algoritmi di stimolo-risposta. Nel 1960, la NEA ha lanciato un progetto intitolato Implicazioni educative dell’automazione, che è stato finanziato “con una sovvenzione illimitata di IBM”. Nello stesso anno, il DAVI della NEA ha pubblicato un “Libro dell’origine” sull’“automazione educativa” intitolato Macchine per l’insegnamento e apprendimento programmato, che è stato curato da Arthur A. Lumsdaine e Robert Glaser, che erano rispettivamente rockstar nei test psicometrici militari e nel condizionamento ed-psyche comportamentista: 

  • A. A. Lumsdaine era uno psicologo dell’esercito che è stato coautore del volume II di Studi in psicologia sociale nella seconda guerra mondiale, che è stato preparato per un comitato speciale del Consiglio di ricerca sulle scienze sociali della divisione dell’informazione e dell’istruzione dell’esercito degli Stati Uniti dove “sezione trasversale studi sull’intera organizzazione dell’esercito in tutte le parti del mondo” furono “provati per atteggiamenti di importanza locale e mondiale”, secondo un numero del 1949 di Social Service Review. Nella “Prefazione” alle Macchine per l’ insegnamento e all’apprendimento programmato di DAVI, Lumsdaine riferisce che il “Libro delle fonti” di DAVI è stato modellato dallo “sponsor” dell’Ufficio di ricerca navale, del comando di ricerca e sviluppo aereo dell’aeronautica americana e il Organizzazione per la ricerca sulle risorse umane dell’esercito degli Stati Uniti, specializzata in “gestione e analisi del capitale umano”. La Parte IV del “Libro delle Fonti” include 125 pagine di “Contributi da militari e altre fonti”.
  • Robert Glaser è stato un importante psicologo educativo che ha vinto premi per i suoi contributi all’ed-psych cognitivo, inclusa l’applicazione del metodo stimolo-risposta del condizionamento comportamentista attraverso le tecnologie didattiche. Questi premi includono il James McKeen Cattell Award dell’American Psychological Society, che prende il nome dal professore di psicologia della Columbia University, finanziato da Rockefeller, che ha combinato le teorie eugenetiche di Francis Galton con il metodo stimolo-risposta del condizionamento psicologico che ha imparato mentre conseguiva il dottorato di ricerca. dal padre fondatore della psicologia di laboratorio, Wilhelm Wundt. Glaser ha anche vinto l’E. L. Thorndike Award per illustri contributi psicologici all’educazione, che prende il nome dal protetto di Cattell finanziato da Rockefeller, i cui esperimenti di addestramento degli animali “scatola dei puzzle” sono serviti come precursori della metodologia di condizionamento operante di BF Skinner per l’istruzione programmata attraverso macchine didattiche scatola di Skinner. La “Parte III” di Macchine per l’insegnamento e l’apprendimento programmato di DAVI contiene un’antologia di 153 pagine di fonti che espongono “Le macchine per l’insegnamento ed i concetti di programmazione di Skinner”, inclusi tre articoli dello stesso Skinner.

Va notato che la “Parte II” del “Libro delle fonti” DAVI compila una raccolta di articoli di 57 pagine che esaminano la ricerca del predecessore dell’istruzione programmata di Skinner, Sydney L. Pressey, che è il padre fondatore delle macchine per l’insegnamento. Intitolata “Pressey’s Self-Instructional Test-Scoring”, questa selezione di fonti contiene quattro articoli dello stesso Pressey, tra cui “Un terzo e un quarto contributo alla prossima ‘rivoluzione industriale’ nell’istruzione”. Va anche notato che le Macchine per l’insegnamento e l’apprendimento programmato di DAVI sono stati modellati dal “supporto” della Fondazione Ford insieme ai contributi di Bell Telephone Laboratories Inc., che era parte integrante del conglomerato AT&T.

L’anno successivo alla pubblicazione di questo “libro sorgente” DAVI, DAVI ha prodotto un “supplemento AVCR” intitolato The Role of the Computer in Future Instructional Systems , che è stato sviluppato come risultato del “Technological Development Project” (TDP) di DAVI attraverso un contratto con l’Office of Education degli Stati Uniti sotto il Department of Health, Education and Welfare (HEW). Il TDP era “personale di DAVI”, ma era gestito da Donald P. Ely “sotto l’egida della National Education Association”. Successivamente, Ely trasformerà DAVI nell’Associazione per le comunicazioni e la tecnologia educative (AECT) dove lavorerà come collegamento con il Dipartimento degli Stati Uniti del progetto BEST di Ed, che ha collaborato con l’ UNESCO “Study 11” istituire partenariati pubblico-privato tra i distretti scolastici e le società informatiche al fine di costruire l’infrastruttura IT ed-tech per il sistema globale di istruzione programmata skinneriana della Quarta Rivoluzione Industriale.

Durante gli anni che hanno preceduto il debutto della coalizione del Progetto BEST con l’UNESCO Study 11, la NEA ha sostenuto il progresso delle tecnologie satellitari che avrebbero costruito l’infrastruttura di telecomunicazioni Internet necessaria per collegare tra loro macchine didattiche computerizzate che automatizzano il condizionamento psicologico operante attraverso algoritmi di corsi sostenuti da Skinner, Glaser, Lumsdaine, IBM, AT&T Bell e le forze armate statunitensi:

  • Nel 1979, la NEA ha stampato un catalogo di pubblicazioni e materiali audiovisivi che include materiali “Tecnologia educativa”, come un libro intitolato Computers in the Classroom e una cassetta intitolata Satellite Communication: Potentials for Education , che registra la “storia del coinvolgimento di NEA in comunicazioni satellitari, iniziata nel 1971”. Secondo il NEA Special Committee on Instructional Technology, questo coinvolgimento storico può essere ricondotto al “lavoro pionieristico” della National Education Association con la NASA “per esplorare le applicazioni educative della comunicazione satellitare”.

Per riassumere, la NEA ha lavorato con la NASA per creare Internet satellitare collaborando con aziende tecnologiche che investono in startup di computer online che avrebbero gettato le basi per il web mondiale al fine di facilitare la globalizzazione della quarta rivoluzione industriale di Skinner-box edu-condizionamento attraverso piattaforme virtuali di apprendimento a distanza, che sono attualmente imposte agli insegnanti con il pretesto di combattere il COVID-19. 

Attualmente, sebbene la National Education Association abbia pagato a parole per criticare i limiti dell’“apprendimento a distanza”, il sindacato degli insegnanti ha comunque sfruttato i blocchi COVID per contrattare per l’onnipresente integrazione scolastica delle reti di apprendimento online, reti che il NEA ha aiutato a mettere insieme per più di sessant’anni:

  • Il 12 ottobre, 2020, pochi mesi prima i messaggi di posta elettronica CDC, NEA ha pubblicato il suo Risoluzione Assicurare sicuro e giusto Scuole per tutti gli studenti, che decreta che, “la tecnologia istruzione è uno strumento per migliorare e istruzioni arricchiscono per gli studenti e l’accesso per lavorare con la tecnologia e il WiFi è una necessità per gli studenti per completare i compiti e accedere alle risorse necessarie, anche quando non si trovano ad affrontare ambienti di apprendimento virtuali a tempo pieno. 
  • Poi, il 5 marzo 2021 , meno di un mese dopo che i messaggi di posta elettronica CDC, NEA oggi ha pubblicato un articolo intitolato La tecnologia non è l’eroe, gli educatori lo sono, che trasmette una dichiarazione dal Gestore di NEA Maestro di qualità, Ann Coffman, che ha dichiarato come, 

“Nonostante gli ovvi deficit evidenziati in un anno di apprendimento a distanza – il declino dell’apprendimento, l’ampliamento del divario tra i compiti a casa, l’isolamento sociale, i limiti di molti strumenti digitali – in molti modi, non si tornerà indietro. . . . “Non credo sia realistico che gli educatori tornino esattamente a ciò che facevano prima della pandemia e probabilmente non dovrebbero. . . . Alcuni modelli di apprendimento ibrido possono essere efficaci.’”

  • Un mese dopo, il 15 aprile, 2021, un NEA Oggi articolo, che si intitola Come la pandemia cambierà il futuro della scuola, previsto come “molti distretti hanno ormai investito milioni di dollari in lontananza infrastrutture di apprendimento, e che i mezzi è probabile che la tecnologia svolga un ruolo più importante nell’istruzione, anche quando tutti tornano in classe”

In poche parole, la NEA sta raddoppiando i suoi investimenti IT a lungo termine nella Quarta Rivoluzione Industriale impegnandosi a perpetuare l’acquisizione del COVID ed-tech, anche dopo che i blocchi sono stati annullati e gli studenti tornano all’apprendimento in aula di persona dove l’e -l’apprendimento non è una necessità.

Naturalmente, più a lungo la NEA può prolungare le restrizioni di emergenza COVID facendo pressioni sul CDC, più a lungo le scuole saranno costrette a fare affidamento su aule virtuali online e materiale didattico comportamentista digitale trasmesso su schermi di computer collegati tra loro tramite Internet via satellite IT. In ogni caso, è fondamentale notare qui che, anche se le scuole riprendono una parvenza di apprendimento di persona, la NEA è dedicata a una “nuova normalità” in cui le classi fisiche sono “ibridate” attraverso “l’apprendimento misto” curricula che alternano l’apprendimento faccia a faccia in una scuola giustapposti all’apprendimento a distanza digitalizzato su computer collegati a Internet. Per dirla in altro modo, se COVID-19 e tutte le sue varianti fossero in qualche modo sradicate durante la notte, la NEA insisterebbe ancora sull’adozione permanente degli “aggiornamenti” 4IR ed-tech. Infatti, il La Dichiarazione politica sull’equità digitale di NEA afferma che

“l’ambiente di apprendimento ottimale non dovrebbe essere totalmente privo di tecnologia, né dovrebbe essere totalmente online e privo di interazione tra educatori e pari. L’Associazione ritiene che un ambiente che massimizzi l’apprendimento degli studenti utilizzerà un modello “misto” e/o “ibrido” situato da qualche parte lungo un continuum tra questi due estremi”.

Nell’equazione finale, in un modo o nell’altro, la National Education Association è complice nel capitalizzare gli arresti COVID al fine di garantire l’istituzionalizzazione di sistemi misti o ibridi di e-learning virtuale che produrranno ritorni sugli investimenti della NEA in satelliti- infrastruttura ed-tech basata, che il sindacato nazionale degli insegnanti ha costruito per la Quarta Rivoluzione Industriale.

NEA, AECT, Project BEST e UNESCO preparano il terreno per il 4IR

Mentre il Dipartimento dell’Istruzione degli Stati Uniti coordinava il Progetto BEST con lo Studio 11 dell’UNESCO per aprire la strada alla globalizzazione tecnocratica della Quarta Rivoluzione Industriale, la NEA stava effettivamente cooperando sostenendo i risultati dell’“istruzione assistita da computer” del Progetto BEST. In particolare, la NEA ha contattato l’assistente del Segretario all’Istruzione degli Stati Uniti, Donald Senese, per richiedere un invito alla Conferenza nazionale sulla tecnologia e l’istruzione del Segretario di Ed TH Bell , che è stata convocata per sostenere il lancio del progetto BEST. Allo stesso tempo, ci sono prove che la NEA era anche strettamente legata al progetto BEST attraverso l’Associazione per le comunicazioni e la tecnologia educative, che era il principale appaltatore ed-tech con il Progetto BEST, che è stato coordinato con lo Studio 11 dell’UNESCO per costruire l’infrastruttura IT di e-learning per la Quarta Rivoluzione Industriale.

Dopo aver ricevuto questo record del contratto NEA, che è stato archiviato sotto l’“Elenco degli appaltatori per l’anno fiscale 81 nella sequenza del nome dell’appaltatore” del Dipartimento della salute e dei servizi umani, Susan Phillips della Conservative Caucus Foundation (TCCF) ha presentato a HHS un altro FOIA richiesta “di copie della domanda di contratto [NEA], della relativa corrispondenza e delle revisioni”. Incapace di individuare il contratto NEA, HHS ha inoltrato la richiesta FOIA al Dipartimento della Pubblica Istruzione dove Marie Beale , secondo Phillips, ha riferito che non c’era “nessuna registrazione di una sovvenzione con la National Education Association”, ma che il contratto del progetto BEST elencato con la NEA era in realtà “un contratto con l’Associazione per le comunicazioni e la tecnologia educative il cui indirizzo era elencato come 112616th Street , Washington, DC” In un memorandum al presidente di TCCF, Phillips ha riferito che “nessuna spiegazione è stata offerta dalla signora Beale sul motivo per cui il contratto assegnato all’AECT è stato elencato sulle loro stampe come essere stato con la National Education Association”.

Quindi qual era esattamente il rapporto tra l’AECT e la NEA nel momento in cui l’AECT ha firmato il contratto iniziale di $ 855.282 per eseguire le disposizioni ed-tech del Progetto BEST? Secondo il contratto, che è datata 1 Ott 1981, l’US Department of Education ha identificato chiaramente che l’AECT operava fuori della sua nuova sede al 1126 16° Street, che è l’indirizzo indicato nel progetto BEST contratto. Quindi, se è stato un problema tecnico del computer a causare la registrazione errata da parte dell’HHS del quartier generale della NEA al 1201-16° Street come appaltatore con Project BEST, allora perché quel problema tecnico non è apparso anche sul contratto stesso? Se il Dipartimento di Ed ha registrato l’indirizzo 1126 dell’AECT sul contratto del Progetto BEST nell’ottobre del 1981, allora perché Nibeck avrebbe affermato che l’AECT stava ancora “affittando spazi per uffici e personale di supporto all’ufficio” fino alla fine di dicembre 1981? ?

A dire il vero, nel 1981, erano passati solo due anni da quando il Dipartimento dell’Istruzione, della Salute e del Welfare (HEW) era stato ristrutturato in due dipartimenti separati: il Dipartimento dell’Istruzione e il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani. Pertanto, è possibile che i contratti AECT siano stati archiviati erroneamente presso l’HHS sotto i vecchi file NEA che sono stati catalogati prima della ristrutturazione di HEW nel 1979. Tuttavia, ricorda che il sito Web dell’AECT afferma che ha lasciato gli uffici della NEA nel 1977. Quindi, perché HEW dovrebbe mantenere la NEA e il suo indirizzo 1201 nello stesso file dell’AECT per circa due anni dopo che non si trovava più presso la sede della NEA?

Non importa come lo si divida, ci sono incongruenze tra i resoconti del sito web dell’AECT, il memorandum Nibeck, il contratto BEST del Dipartimento dell’Istruzione e l’“Elenco degli appaltatori per l’anno fiscale 81” di HHS. Considerando tutti questi resoconti contrastanti, sembra che, anche dopo che l’AECT ha trasferito la sua sede proprio dietro l’angolo della NEA, le due associazioni educative hanno continuato una stretta collaborazione dal 1977 almeno fino alla firma del contratto del Progetto BEST nel 1981 e forse anche dopo. Infatti, come riporta la nota di Nibeck, nel 1982, “l’AECT [stava] ancora agendo [in] come consulenti della NEA e li serviva in comitati”, il che significherebbe che la NEA si stava consultando con l’AECT riguardo al contratti ed-tech con Project BEST. 

A dire il vero, nel 1980, la NEA ha prodotto una pellicola a colori per insegnanti e politiche pubbliche con suono: Guida del leader, che elenca Michael Jones di “NEA Audio-Visuals” sotto i crediti “Produzione del suono”, indicando che la NEA ha mantenuto un “Audio-Visuals” -Visual” almeno fino al 1980. Inoltre, va notato che Donald P. Ely, che era un membro della NEA, un presidente di DAVI e uno dei fondatori dell’AECT, era anche un collegamento dell’AECT con Project BEST dopo aver giocato un ruolo chiave nel far cadere “l’etichetta audiovisiva di DAVI e abbracciare esplicitamente l’etichetta di tecnologia educativa di AECT”.

Indipendentemente da qualsiasi collegamento tra la National Education Association e l’Association for Educational Communications and Technology, la NEA ha proseguito i propri sforzi per spingere la globalizzazione regionale dell’ed-tech attraverso il Progetto BEST dopo che l’AECT ha spostato la sua sede in fondo alla strada. Nel 1981, lo stesso anno in cui l’AECT ha firmato il contratto con il Progetto BEST, l’Assemblea Rappresentativa della NEA ha approvato nuove Risoluzioni, che “raccomandano che gli educatori professionali entrino in una collaborazione attiva con specialisti di ricerca e sviluppo, sia nei laboratori regionali che nell’industria, promuovere il potenziale contributo della tecnologia all’istruzione guidando lo sviluppo della tecnologia nelle direzioni più valide dal punto di vista educativo”. Nel mio recente articolo, From UNESCO Study 11 to UNESCO 2050, Documento come i laboratori regionali del Dipartimento di Ed hanno collaborato con l’industria ed-tech per lanciare il Progetto BEST in coordinamento con lo stratagemma dello Studio 11 dell’UNESCO per globalizzare l’IT educativo per la Quarta Rivoluzione Industriale.

Oltre ad approvare “Risoluzioni” che hanno facilitato la pianificazione ed-tech regionale del Progetto BEST, il NEA ha anche compiuto sforzi per guidare la direzione del Progetto BEST esercitando pressioni sull’Assistente Segretario Senese, che ha supervisionato la pianificazione regionale e internazionale di BEST in coordinamento con l’UNESCO Studio 11 sotto l’egida del segretario Bell. L’8 marzo 1982, lo specialista dello sviluppo professionale della NEA, Robert C. Snider, scrisse una lettera a Senese, chiedendogli di invitare il direttore dell’istruzione e dello sviluppo professionale della NEA, Sharon P. Robinson, a parlare alla Conferenza Nazionale del Dipartimento di Ed su Tecnologia e istruzione, che il segretario Bell ha istituito per avviare il progetto BEST Iniziativa tecnologica

In allegato a questo memorandum c’era il Rapporto: presentato alla 60a Assemblea dei rappresentanti dell’Associazione nazionale per l’istruzione del Comitato speciale della NEA sulla tecnologia didattica, che raccomandava “che la NEA istituisca meccanismi di consulenza con l’industria che assicureranno una migliore comunicazione tra gli insegnanti e fornitori, e allo stesso tempo sviluppare procedure per garantire una qualità elevata e uniforme dei nuovi tipi di hardware e software che stanno sostituendo i materiali didattici più tradizionali”. Questo Rapporto raccomandava anche “che la NEA continui il suo approccio illuminato e progressista alle relazioni emergenti tra la nuova tecnologia e il comportamento umano.

A dire il vero, questo Comitato NEA sulla tecnologia didattica, che consisteva in un gruppo di insegnanti guidati da Robinson, ha espresso le preoccupazioni degli insegnanti sui “problemi di libertà e controllo”, incluso “l’uso umano degli esseri umani”, che renderebbe gli insegnanti un “diventare ingranaggi subumani in un sistema di istruzione meccanicistico” che “trattano gli studenti come tanti cani pavloviani, da condizionare e programmare”. Inoltre, questo “Rapporto”, che metteva in evidenza le preoccupazioni sulla “privacy” degli insegnanti derivanti da “un sistema di informazioni e istruzioni condivise”, dichiarava anche che “i bambini delle scuole e i loro insegnanti non devono servire l’industria americana come cavie”. Tuttavia, questo “Rapporto” ha ancora intrattenuto la possibilità di un “modello di produzione in fabbrica” ​​di istruzione ed-tech che “assegna l’efficacia dei costi ai guadagni di apprendimento”

Anche se questo “Rapporto” del NEA Instructional Technology Committee ha riconosciuto le cautele degli insegnanti contro l’industria comportamentista dell’ed-tech, Robinson ha cantato una melodia diversa nel suo discorso al banchetto della conferenza annuale del 1981 dell’Associazione per lo sviluppo di computer basati su computer. Sistemi Didattici (ADCIS). In una trascrizione di questo discorso, che è stato allegato alla lettera della NEA che chiedeva a Senese di invitare Robinson alla teleconferenza del progetto BEST di Bell, Robinson ha espresso il suo dissenso da alcuni critici sul NEA Instructional Technology Committee mentre difendeva

“l’attuale resurrezione, dopo quasi 25 anni, dell’istruzione programmata e delle macchine per l’insegnamento, che oggi sono descritte, in termini molto meno minacciosi, come software, materiale didattico e hardware. Durante una recente riunione del NEA Technology Committee, un alto funzionario di un’importante azienda di software per computer ha liquidato il lavoro di BF Skinner (e l’intero movimento di condizionamento operante degli anni ’50 e ’60) come “nient’altro che apprendimento meccanico”. . . . Questo [è] un atteggiamento da ignorante nei confronti del passato, che sono sicuro non è tipico della leadership del tuo settore. . . . [Y] non hai ancora visto niente!’”

Nelle sue osservazioni di apertura a questo discorso, Robinson ha deciso che: “Spero che questa occasione segnerà l’inizio di una relazione più stretta tra le nostre due organizzazioni [la NEA e l’ADCIS]”.

In breve, nonostante il cenno della National Education Association alla resistenza degli insegnanti contro le corporazioni ed-tech comportamentiste, la NEA ha continuato a portare la bandiera per l’industria dell’istruzione programmata skinneriana mentre il sindacato nazionale ha collaborato con l’ADCIS mentre si sforzava di cooperare con il Dipartimento di Il progetto educativo BEST al fine di promuovere gli investimenti a lungo termine della NEA in macchine didattiche automatizzate e tecnologie satellitari che collegano tra loro computer di e-learning tramite Internet IT.  

Queste connessioni tra la NEA, l’AECT e il Progetto BEST sono importanti da evidenziare perché il Progetto BEST era la versione nazionale americana dell’UNESCO, che è stato incaricato di collaborare con società tecnologiche multinazionali, come Microsoft, Apple e IBM, al fine di propagare l’infrastruttura IT globale attraverso partnership ed-tech pubblico-private che avrebbero spianato la strada alla Quarta Rivoluzione Industriale. Considerando che la National Education Association, pur mantenendo stretti legami con l’AECT, ha continuato a ostacolare l’industria della tecnologia dell’istruzione esercitando pressioni sul progetto BEST, che è stato coordinato con lo studio 11 dell’UNESCO, ne consegue che la NEA avrebbe un interesse nello sfruttare le restrizioni COVID per mandato di società ed-tech orientato alla Quarta Rivoluzione Industriale. Facendo una petizione al CDC per reprimere i regolamenti COVID che richiedono alle scuole di facilitare i sistemi ibridi di apprendimento virtuale a distanza,la NEA sta effettivamente proteggendo le scuole in partenariati pubblico-privato con aziende Big Tech, compresi i partecipanti allo Studio 11 comeMicrosoft, Apple e IBM, che sono tutti membri del World Economic Forum, che sta guidando il Grande Reset per la Quarta Rivoluzione Industriale.

Mantenendo la rotta verso una Quarta Rivoluzione Industriale tecno-fascista, un paio di mesi dopo che la National Education Association ha scambiato e-mail con il CDC, le Demands for Safe and Just In-Person Learning della NEA hanno insistito su “hybrid delivery of education” attraverso la “programmazione divisa per le scuole per garantire classi più piccole e il distanziamento sociale” mischiando gli studenti avanti e indietro tra l’apprendimento in aula di persona nelle scuole e l’apprendimento online virtuale a casa. Inoltre, la NEA ha chiesto che le scuole “perdano il divario tecnologico fornendo il maggior numero possibile di dispositivi a tutti gli studenti” mentre “le forniture hanno ampliato l’accesso alla banda larga e alla tecnologia per colmare il ‘divario digitale'”.

Impegnata in queste richieste, la NEA si sta adoperando per mantenere la strada aperta alle società Big Tech, come Microsoft, Apple e IBM, per dare gli ultimi ritocchi alle basi dello Studio 11 dell’UNESCO per la fiorente Quarta Rivoluzione Industriale nel campo dell’istruzione.

Principi cardinali globali dell’UNESCO, dell’EI e della NEA: costruire una scuola mondiale

Oltre a collaborare con IBM, AT&T e NASA per costruire l’infrastruttura ed-tech per la Quarta Rivoluzione Industriale, la NEA ha anche guidato la diffusione multinazionale delle tecnologie educative 4IR attraverso alleanze con l’UNESCO e altre istituzioni di governance mondiale, come l’Education Unione internazionale (EI), insieme a oligarchi globalisti, come David Rockefeller e membri dell’Ordine del Teschio e delle Ossa.

Mentre gli obiettivi internazionali dello Studio 11 dell’UNESCO venivano dispiegati a livello regionale negli Stati Uniti attraverso il Progetto BEST, il presidente della NEA era Mary H. Futrell, che avrebbe poi fatto parte del consiglio di amministrazione di K12 Inc.: la società virtuale internazionale di scuole charter che è stata istituita dal Segretario alla Pubblica Istruzione degli Stati Uniti, William Bennett, dopo aver rilevato il Progetto BEST dal Segretario di Ed, Terrel H. Bell. Dopo essersi dimesso dalla presidenza della NEA, Futrell sarebbe diventato membro della Commissione nazionale degli Stati Uniti per UNESCO e sarebbe stata anche nominata presidente degli americani per l’UNESCO. 

Allo stesso modo, dopo il suo regno come Presidente della Confederazione Mondiale delle Organizzazioni delle Professioni Insegnanti (WCOTP), Futrell sarebbe diventata la Presidente fondatrice di Education International, che sciolse e assimilò la WCOTP e la Federazione Internazionale dei Liberi Sindacati degli Insegnanti per formare la il più grande sindacato internazionale di insegnanti del mondo in quanto riunisce “circa 240 sindacati e associazioni nazionali di educatori”, tra cui la NEA e l’AFT. Inoltre, Futrell è stata co-direttrice del Center for Curriculum, Standards and Technology ed è stata anche membro del Consiglio di Amministrazione dell’International Council on Education for Teaching; la Fondazione Carnegie per il progresso dell’insegnamento; e la Fondazione Kettering; quest’ultimo ha collaborato con la Rockefeller Foundation e l’US Office of Education per finanziare il John Goodlad Study, che ha prodotto una serie fondamentale di manuali sulla scuola comunitaria, tra cui Schooling for a Global Age.

I protocolli di scuola comunitaria di Goodlad, che includono le clausole per le innovazioni informatiche ed-tech, sono stati implementati da Theodore R. Sizer, che è stato membro del Comitato di pre-pianificazione dei Principi cardinali del 1976 del Comitato per il bicentenario della NEA. Sizer istituì la Coalition for Essential Schools dove Linda Darling-Hammond divenne membro del Comitato Esecutivo. Darling-Hammond, che è stato consigliere sia del presidente Obama che del presidente Biden, è presidente e amministratore delegato del Learning Policy Institute, che sta conducendo una campagna per Rafforzare la distanza e l’apprendimento misto con l’aiuto del finanziamento della Hewlett Foundation: il braccio esente da tasse della Hewlett Packard società di computer, che è un membro del World Economic Forum

Anche nel Comitato per la pianificazione dei principi cardinali della NEA c’era il Segretario all’Istruzione, TH Bell, che ha supervisionato il Progetto BEST. Questo Comitato per il Bicentenario è stato incaricato dalla NEA di commemorare il 200 ° anniversario della Dichiarazione di Indipendenza sviluppando ironicamente un “curriculum globale” di “abilità accademiche”, compreso “l’uso dei linguaggi informatici”, che ridisegnasse “i prossimi 100 anni di istruzione in una comunità globale interdipendente”. Per aiutare a stabilire questo sistema di istruzione internazionale per un ordine mondiale tecnocratico, il Cardinal Principles Panel della NEA ha nominato il globalista aziendale David Rockefeller: a Council on Foreign Relations membro del (CFR) che ha contribuito a co-fondare gli organi di governo mondiale della Commissione Trilaterale, il Gruppo Bilderberg e il Club di Roma. Vale la pena notare qui che l’ex direttore esecutivo della NEA, Corina Cortez, è ora il vicepresidente senior delle opportunità strategiche presso la Fondazione Rockefeller.

Un altro membro del Cardinal Principles Panel della NEA era Skull-and-Bonesman McGeorge Bundy, che era il preside della Graduate School of Education dell’Università di Harvard, dove finanziò la ricerca sulla “macchina didattica” di BF Skinner, che è stata pubblicata nel libro di Skinner, The Technology di Insegnamento. Al momento della nomina di Bundy al pannello NEA, era il presidente della Fondazione Ford dove ha lavorato con un altro Bonesman, Harold Howe II, che era il vicepresidente della Fondazione Ford ed ex commissario per l’istruzione sotto il presidente degli Stati Uniti Lyndon Baines Johnson. Vale la pena notare qui che lo zio di David RockefellerPercy Rockefeller, era anche membro dell’Order of Skull and Bones: la famigerata società segreta dell’Università di Yale che ha guidato l’evoluzione dell’ed-psych di laboratorio in ed-tech aziendale per più di un secolo. Vale anche la pena notare che Bonesman Archibald MacLeish sedeva nel consiglio di amministrazione dell’UNESCO dove scrisse il preambolo della Costituzione dell’UNESCO.

Basandosi sui Principi cardinali della NEA per una “comunità globale interdipendente” di scuole in un sistema educativo mondiale, la National Education Association ha assunto il ruolo della Conferenza mondiale dell’UNESCO sull’istruzione per tutti del 1990, convocata in collaborazione con la Banca mondiale. Attraverso una conferenza di follow-up del 1991 ospitata dalla United State Coalition for Education for All (USCEFA), la NEA ha collaborato con IBM, Apple, il Dipartimento dell’Istruzione degli Stati Uniti e USAID per sponsorizzare l’iniziativa Education for All dell’UNESCO partecipando all’USCEFA Conferenza, che ha pubblicato un “Rapporto” intitolato Learning for All: Bridging Domestic and International Education .

In sintesi, nonostante la National Education Association abbia aderito a parole alle preoccupazioni locali dei suoi insegnanti paganti negli Stati Uniti, le azioni della NEA dimostrano una lunga esperienza dell’impegno burocratico del sindacato nella costruzione del tecnocratico Ordine mondiale della scuola progettato da fondazioni corporative e società ed-tech a stretto contatto con istituzioni di governance mondiale, come l’UNESCO e il WEF. Dalla leadership del presidente della NEA Futrell presso l’UNESCO, K12 Inc., la Kettering Foundation e la Carnegie Foundation for the Advancement of Teaching; alle partnership dei Cardinal Principles della NEA con David Rockefeller alla Chase Bank, Bonesman McGeorge Bundy alla Ford Foundation e il segretario di Ed, TH Bell di Reagan, che ha diretto il progetto BEST; fino all’approvazione da parte della NEA di Education for All dell’UNESCO; sembra che i veri elettori della NEA non siano gli insegnanti paganti che il sindacato presumibilmente rappresenta. Piuttosto, sulla base della lunga storia di alleanze della National Education Association con organi di governo mondiale, società multinazionali ed-tech e fondazioni aziendali internazionali,è evidente che i veri costituenti della NEA sono gli oligarchi e i tecnocrati globalisti che hanno guidato l’umanità in un “Singularity” di un mondo guidato da una Quarta Rivoluzione Industriale, post-umana.

La NEA porta la Global Education Coalition dell’UNESCO su un computer vicino a te

Passando rapidamente all’attuale era COVID, la NEA sta approvando la Global Education Coalition dell’UNESCO. Sulla Biblioteca delle risorse online della National Education Association , la divisione Relazioni internazionali della NEA ha pubblicato un collegamento “Toolkit” alle “ricche informazioni sull’impatto della pandemia di COVID-19 sulle scuole” dell’UNESCO Global Education Coalition, comprese le risorse per “continuare a imparare durante il lockdown”. Pubblicando un portale per l’apprendimento a distanza della “Global Education Coalition Resource”, la NEA sta convogliando studenti e insegnanti nella rete internazionale dell’UNESCO di partenariati pubblico-privato tra aziende Big Tech, fondazioni aziendali esenti da tasse, istituzioni di governance mondiale e organizzazioni non governative globaliste (ONG).

Partner Search – Global Education Coalition (unesco.org)

In cima alla lista, i membri della Global Education Coalition dell’UNESCO includono le società Big Tech, come IBM, Google, Microsoft, Salesforce, Huawei, Verizon, Facebook, Zoom e Qualcomm, che sono anche membri del World Economic Forum. Allo stesso tempo, la Global Education Coalition dell’UNESCO comprende anche ONG globaliste e istituzioni di governance mondiale, come l’OCSE, la International Society for Technology in Education, il Consiglio internazionale per l’istruzione aperta e a distanza, Videogames without Borders, l’Organizzazione internazionale del lavoro e l’International Education Funders Group. Allo stesso tempo, l’UNESCO Global Education Coalition include anche le seguenti aziende ed-tech:

Khan Academy: una piattaforma di apprendimento online virtuale che fornisce corsi di apprendimento adattivo, che è la moderna versione digitale delle macchine didattiche analogiche di Skinner . Khan Academy, che promuove anche l’ ed-tech di “realtàvirtuale“, è finanziata da decine di milioni di dollari da società di telecomunicazioni, tra cui AT&T e Comcast, e società di Big Media, come la Walt Disney Company. Khan Academy è anche finanziato dal fondatore e CEO di Netflix, Reed Hastings, che è un sostenitore della sostituzione dei consigli scolastici pubblici eletti con la “governance che si autoalimenta” delle società di scuole charter pubblico-private. Inoltre, Khan Academy è finanziata da società di Big Data, come Oracle e Google. Allo stesso tempo, Khan Academy è finanziata da Jack Dorsey, fondatore e CEO di Twitter, e da Bilderberger Eric Schmidt, ex CEO di Google e attuale consulente tecnico di Alphabet, la società madre di Google. Altri finanziatori della Khan Academy includono Bank of America; la Carnegie Corporation di New York; la Fondazione Bill e Melinda Gates; la Fondazione Elon Musk; la Fondazione Comunitaria della Silicon Valley; la Walton Family Foundation; la Fondazione Robert Wood Johnson; e la Fondazione Famiglia Heinz.

Blackboard Inc.: un “sistema di gestione dell’apprendimento” (LMS) che aggrega l’analisi dell’apprendimento degli studenti da vari moduli e applicazioni dashboard, inclusa l’ app “Connect” di McGraw Hill per l’apprendimento adattivo. Blackboard collabora con Amazon Web Services, Google, Microsoft, LinkedIn, Sharp, Adobe, Dropbox, Pearson, Cengage Learning, Macmillan Learning, Hawkes Learning, ALEKS e Biometric Signature ID.

McGraw Hill: una società di editoria e tecnologia educativa che supporta innovazioni in “realtà virtuale” (VR), “realtà aumentata” (AR) e “realtà estesa” (XR) ed-tech, come Oculus di Facebook e “Cardboard” di Google. Inoltre, McGraw Hill facilita le app di apprendimento adattivo, tra cui Connect e ALEKS (Assessment and Learning in Knowledge Spaces). McGraw Hill collabora anche con Clever, un’altra società di software per l’apprendimento adattivo finanziata dal Bilderberger Peter Thiel.

  • Technovation: una non profit per l’ educazione tecnologica globale” che cerca di demistificare l’AI in classe al fine di integrare “AI, Machine Learning e Data Science” in “curriculum a livello K-12”. Il Consiglio di Amministrazione di Technovation include membri di Salesforce; Google; Reddit; l’Ufficio governativo britannico per l’intelligenza artificiale; il Gruppo della Banca Mondiale; e la società di videogiochi Roblox. Inoltre, l’AI Education Committee di Technovation ospita affiliate di IBM; Google; il Laboratorio di intelligenza artificiale dell’Università del Michigan; il Centro per l’intelligenza artificiale nella società; il Dipartimento di Robotica, Percezione e Apprendimento del Royal Institute of Technology; e il Broad Institute di Harvard e il Massachusetts Institute of Technology.
  • Virtual Educa: una iniziativa di cooperazione multilaterale che “si impegna a . . . sviluppo di . . . tecnologia educativa contemporanea”. Alla ricerca dell’innovazione ed-tech, Virtual Educa opera attraverso un’alleanza di istituzioni internazionali, agenzie multilaterali ed enti pubblici e privati, riunendo i settori pubblico, aziendale, accademico e della società civile”. Queste alleanze includono “collegamenti” e “partnership” con la Banca mondiale, la Banca interamericana di sviluppo, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), Microsoft, Intel, Hewlett Packard, Pearson, Desire2Learn, Blackboard, Qualcomm, Lego Education e Britannica Digital Learning.
  • EdTech Hub: una partnership di ricerca globale senza scopo di lucro che ospita un database di “EdTechTools” al fine di guidare “politici” e “governi” nelle loro “decisioni sulla tecnologia nell’istruzione”. La suite di EdTechTools di EdTech Hub “è stata progettata per aiutare i decisori a tutti i livelli nella comunità globale dell’istruzione e della formazione a trovare risorse che facilitano e supportano l’apprendimento a distanza”. Questa directory di EdTechTools elenca ClassDojo, Coursera, Edmodo, Facebook Get Digital, FutureLearn, Google Classroom, Khan Academy, LinkedIn Learning, Microsoft Learn, Moodle, Open P-TECH di IBM e Schoology, che è una sussidiaria di Power Schools, che piattaforme società di estrazione di dati educativi che tengono traccia dell’ID studente biometrico e dell’analisi “precrimine”. EdTech Hub collabora con la Banca Mondiale e la Fondazione Gates.

Il sito web della Global Education Coalition dell’UNESCO include anche un hub online per “soluzioni e raccomandazioni per l’apprendimento a distanza”, che si collegano a molte di queste piattaforme e prodotti ed-tech indicati. Inoltre, questa directory UNESCO per l’ed-tech a distanza fornisce collegamenti a Nearpod e KitKit School. Nearpod ed-tech, che è finanziato dal CEO di Salesforce Marc Benioff, che è un membro CFR e un fiduciario del WEF, fornisce lezioni personalizzate attraverso software di apprendimento adattivo e programmi di “realtà virtuale” che sfruttano “salite e tendenze in arrivo nel BYOD (porta il tuo dispositivo in classe)”, secondo il Blog Nearpod. La KitKit School, finanziata da Elon Musk in collaborazione con l’UNESCO, ingegnerizza una tecnologia di “apprendimento indipendente” che digitalizza le lezioni attraverso “un nucleo basato sul gioco e un’architettura di apprendimento flessibile”, che può adattarsi ai livelli di competenza degli studenti “indipendentemente dalle loro conoscenze, abilità, e ambiente”

Per mettere la ciliegina sulla torta, l’UNESCO Global Education Coalition collabora anche con Chainlink, che fornisce tecnologia “middleware” progettata per incanalare dati “off-chain”, come l’analisi dell’apprendimento degli studenti , su blockchain e altre “tecnologie di registro distribuito” (DLT) attraverso l’Internet of Things (IoT) e l’Internet of Bodies (IoB). In un articolo di dicembre 2020 per l’Activist Post, ho documentato come Chainlink sarà determinante nella costruzione dell’infrastruttura Internet-of-everything necessaria per un panopticon di sorveglianza del credito sociale che detti digitalmente l’accesso dei cittadini ai servizi pubblici e privati, tra cui istruzione, occupazione, assistenza sanitaria, alloggio, trasporti, giusto processo e persino cibo, basati su algoritmi biopsicosociali di una persona, come i dati psicometrici dei corsi di apprendimento adattivo. Più di recente, nel mio ultimo articolo di Unlimited Hangout, ho documentato come Chainlink stia collaborando con l’UNESCO per facilitare gli investimenti di impatto sociale per “progetti basati su IoT che sfruttano gli adattatori esterni Chainlink   per collegare contratti intelligenti a sensori del mondo reale e automatizzare documenti cartacei obsoleti”. Processi basati su processi digitalizzando i record di conformità, come i “certificati didattici”, in modo che possano essere “registrati elettronicamente e in passaporti universali”.

Per mettere tutto insieme, l’approvazione della NEA della Global Education Coalition dell’UNESCO illustra come la National Education Association sia d’accordo con la Quarta Rivoluzione Industriale Ed-Tech, che è guidata da un cartello di società Big Tech che sono a letto con il Nazioni Unite e il World Economic Forum e collusione per installare un sistema mondiale di credito sociale che estrae dati biometrici e psicometrici degli studenti. Questi dati, raccolti da bambini e giovani, sono destinati ad essere utilizzati nella gestione del capitale umano come parte integrante di una economia di capitalismo di sorveglianza pubblico-privato. A dire il vero, facendo pressioni sul CDC per ridurre la distanza fisica COVID da sei piedi a tre piedi, la NEA ha effettivamente premuto per politiche che costringessero il sistema educativo americano a continuare a privatizzare le scuole pubbliche con l’intelligenza artificiale adattiva che è stata progettata per i dati- estrae la psicometria degli studenti per l'”analisi predittiva” e programmata per gestire tecnocraticamente l’economia del credito sociale della Quarta Rivoluzione Industriale.

La NEA non può servire due padroni

In conclusione, la storia della NEA è stata plasmata, di volta in volta, da tecnocrati comportamentisti, come BF Skinner; società di telecomunicazioni, tra cui AT&T; agenzie governative, come la NASA; Grandi aziende tecnologiche, come IBM; e istituzioni di governo mondiale, tra cui l’UNESCO. Dalla seminale ricerca e sviluppo di macchine didattiche stimolo-risposta; al lancio dell’IT satellitare internazionale che collega i corsi di apprendimento adattivo attraverso le telecomunicazioni Internet; all’istituzione di curricula globali per un sistema educativo mondiale governato dall’UNESCO;fino alla proliferazione multinazionale dei mercati dell’ed-tech pubblico-privato razionalizzati dallo Studio 11 dell’UNESCO e dalla Coalizione per l’istruzione globale dell’UNESCO, la NEA ha marciato costantemente di pari passo con la missione delle Nazioni Unite e del Forum economico mondiale di inaugurare un tecno-fascista Quarta Rivoluzione Industriale.

Se fossi perplesso dal fatto che la NEA abbia esercitato pressioni sul CDC per gravare le sue linee guida sul ritorno a scuola con restrizioni COVID più severe, che perpetuano i curricula di apprendimento a distanza facilitati attraverso contratti pubblico-privato con le società Big Tech, potrebbe avere più senso ora. Sembra più che plausibile che la National Education Association abbia ulteriori motivi radicati nella sua lunga storia di collusione con i tecnocrati skinneriani, i corporatisti dell’IBM, i burocrati del governo degli Stati Uniti e i globalisti dell’UNESCO al fine di realizzare ciò che ora viene più spesso definito il Quarto Rivoluzione industriale.

Articoli Precedenti:

Nota finale:

Per leggere l’intero Progetto BEST e UNESCO Study 11 insieme ad altri documenti correlati del NEA, dell’AECT e del Dipartimento dell’Istruzione degli Stati Uniti, iscriviti al mio database web-brain sul mio sito web: schoolworldorder.info

Autore

John Klyczek

John Klyczek ha un master in inglese e ha insegnato retorica al college e argomentazione di ricerca per oltre otto anni. La sua borsa di studio letteraria si concentra sulla storia dell’eugenetica globale e sul romanzo distopico di Aldous Huxley, Brave New World. È autore di School World Order: The Technocratic Globalization of Corporatized Education (TrineDay Books); ed è un collaboratore di diverse pubblicazioni, tra cui New Politics, OpEdNews e Counter Markets. Klyczek è anche il direttore della scrittura e del montaggio presso la Black Freighter Productions (BFP) Books. È cintura nera di tae kwon do classico ed è istruttore certificato di kickboxing dalla International Muay Thai Boxing Association. Il suo sito web è schoolworldorder.info


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


2 pensieri riguardo “NEA World Order

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: